Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 349

Medici di famiglia, ecco come funzionerà la diagnostica in studio

Posted by fidest press agency su venerdì, 16 settembre 2022

A fine luglio 2022 il ministro Roberto Speranza ha firmato il decreto attuativo delle misure della Manovra 2020. Con una sorpresa: se nel 2019 la legge poneva in capo alle sole Asl acquisto e fornitura degli strumenti, stavolta si ammette che il singolo medico possa mettere a disposizione la propria apparecchiatura. Nel 2021 in piena emergenza Covid 19 nella normativa si è inserito il decreto-legge 23 che destina il 20% della somma all’acquisto a tappeto di pulsossimetri per i medici di famiglia. Il nuovo decreto realizza innanzi tutto il riparto dei fondi alle regioni. Alla Lombardia andranno 40 milioni, al Lazio 23, come alla Campania, al Veneto 19 come alla Sicilia, all’Emilia Romagna 17, alla Puglia 15 e di seguito a scendere. La norma fissa poi una scala di priorità nell’assegnare le apparecchiature: per prime, alle Case di comunità “hub” (quelle grandi, una-due a distretto previste nel Decreto ministeriale 77 in ottemperanza al Piano Nazionale di Ripresa e resilienza); quindi alle CdC “spoke”; quindi, ancora agli studi di medici di famiglia e pediatri identificati quali “spoke”, ed infine alle altre medicine di gruppo. Si dà priorità alle zone montane, alle aree spopolate, interne e rurali, alle piccole isole e alle periferie urbane. Gli strumenti diagnostici vanno collegati alla piattaforma nazionale di telemedicina e al fascicolo sanitario elettronico. Il medico li utilizzerà nell’ambito del suo rapporto con il Servizio sanitario nazionale. Un tavolo tecnico congiunto tra Ministero della Salute e Regioni entro ottobre definirà le specifiche dei referti, le modalità di rilevazione delle attività erogate, quelle di alimentazione del fascicolo e indicatori minimi di processo e di risultato. Ogni regione presenterà un piano dove dettaglia obiettivi di salute perseguiti, dispositivi richiesti con descrizione delle tecnologie e dei costi connessi, modi di acquisizione, tempi di messa in funzione, piano di manutenzione. Inoltre, spiegherà quale formazione porgere ai medici di famiglia, e specificherà gli indicatori di processo e risultato per misurare le attività svolte. Sulla base del piano di fabbisogni presentato, inoltre, stipulerà il nuovo accordo regionale con i medici di medicina generale. Medici e pediatri che mettessero a disposizione propri dispositivi dovranno certificare il proprio contributo con modalità ancora da verificare.Occorre un processo di formazione imponente per medici e sanitari». Ulteriore scommessa, dopo capillarità dell’offerta, acquisizione di personale e formazione, è sugli apparecchi «Accanto a holter ed altri strumenti già disponibili da tempo nelle farmacie (e che non si vede per quale motivo il medico di famiglia non sia incentivato ad usare già ora), c’è il capitolo della telemedicina ancora da disegnare ma ineludibile. Inoltre, una parte di dispositivi -ad esempio pulsossimetri e bilance, utilizzabili a casa del paziente nell’ambito dell’assistenza domiciliare- va resa disponibile ora in una sede ora in un’altra. In alcune Asl saranno le centrali ospedaliero-territoriali del distretto a curare la distribuzione, in altre potrebbero farsi avanti forme organizzative della medicina generale, come le cooperative di servizio. Serve un assetto legislativo in grado di regolare l’organizzazione privilegiando i canali più funzionali». In ogni caso, per Corti, «non si può pensare che finisca tutto installando strumenti e medico nelle sedi». (Abstract) By Mauro Miserendino Fonte Doctor33

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: