Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 349

Archive for 19 settembre 2022

Primo semestre del 2022: Record degli investimenti immobiliari

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 settembre 2022

Sul territorio italiano si è registrato un volume totale di investimenti pari a 6 miliardi di euro, il miglior primo semestre di sempre, mettendo a segno un forte aumento rispetto allo stesso periodo del 2021 (+92%). Nel dettaglio, nell’H1 2022 il settore degli uffici rimane l’asset class maggiormente preferita dagli investitori e che ha contribuito maggiormente al risultato generale con il 37% del totale (circa 2,2 miliardi di euro). La logistica conferma la sua crescita occupando il 24% del totale investito con un volume complessivo pari a 1,4 miliardi di euro. Segue il settore residenziale, sempre più sotto il radar degli investitori, che segna valori di crescita registrando 764 milioni di euro, il 13% del totale investito. Segnali postivi anche per il comparto degli alberghi con 714 milioni di euro (12% del totale). Il settore retail con 390 milioni di euro investiti registra dei valori in crescita rispetto allo stesso periodo del 2021 (+135%), grazie a investimenti in retail park e supermercati. Per scaricare il report completo:https://www.gabettigroup.com/report/investment-overview-h1-2022/

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Per la pima volta un gruppo leader nella pelle estende il proprio business nel mondo tessile

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 settembre 2022

Con sede a Giussano (MB), nel cuore del distretto tessile della Brianza, TOM rappresenta una delle principali realtà del settore. Fondata nel 1937 da Oreste Mariani partendo da un’attività di produzione di tessuti per abbigliamento, la società si è prima spostata verso la produzione di tessuti per ombrelli, a cui si sono poi aggiunti i prodotti per l’outdoor e per la nautica, per poi specializzarsi dai primi anni 2000 nella realizzazione di tessuti tecnici per il mondo della pelletteria di alta gamma, sia naturali sia sintetici, che ad oggi costituisce il core business di TOM. La società conta su una struttura moderna di telai Jacquard di ultima generazione, un reparto tintoria, un reparto stamperia, nonché un dipartimento di finissaggio per lo sviluppo di spalmature moda, impiegando 67 dipendenti. Qualità costante grazie all’attenzione molto accurata fin dalla prime fasi di produzione, velocità di servizio derivante da una struttura produttiva verticale, attenzione ai clienti, ricerca e innovazione sia di prodotto sia di processo hanno fatto di TOM un’azienda con produzioni rispettose dell’ambiente; certificata sia GRS (Global Recycled Standard) che GOTS (Global Organic Textile Standard), nonché membro di Better Cotton Initiative dal 2018. TOM è una realtà che ha intrapreso già da tempo il percorso verso l’eliminazione delle sostanze tossiche e nocive applicando un complesso protocollo di gestione chimica ispirato al programma ZDHC, oltre che a definire i propri processi produttivi in ottica di water conservation.Rino Mastrotto Group è un gruppo leader nella produzione di pelle e tessuti di altissima qualità per i settori del lusso, dell’arredamento e dell’automotive. RMG opera stabilimenti produttivi in Italia, Svezia, Brasile e Nord America, impiegando oltre 1.000 dipendenti. Rino Mastrotto Group è globalmente riconosciuta come azienda all’avanguardia per qualità, tecnologia e livello di servizio, capace di offrire anche servizi ad alto valore aggiunto come il taglio, la stampa e le decorazioni. Il gruppo rappresenta un perfetto esempio di economia circolare in quanto riutilizza e ricicla un sottoprodotto dell’industria alimentare che altrimenti andrebbe smaltito causando costi diretti ed indiretti per l’ambiente. La pelle è un materiale naturale, durevole e biodegradabile, ambasciatrice di qualità e del Made in Italy nel mondo. NB Renaissance è una società di investimento focalizzata su società ad alto potenziale di crescita con sede principalmente in Italia. NB Renaissance gestisce attualmente un patrimonio di oltre 2,3 miliardi di euro ed è investita in 13 società con un fatturato complessivo di circa 6 miliardi di euro.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“PIMCO: l’inflazione elevata di agosto potrebbe spostare più in alto la traiettoria dei tassi di interesse della Fed”

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 settembre 2022

A cura di Tiffany Wilding e Allison Boxer, Economist di PIMCO. Gli Stati Uniti hanno registrato un altro rovente rapporto sull’indice dei prezzi al consumo. Un’inflazione più viscosa e più ampia nel mese di agosto suggerisce che la Federal Reserve ha ancora del lavoro da fare per contenere l’aumento dei prezzi e le probabilità di un hard landing per l’economia statunitense continuano ad aumentare. La Federal Reserve potrebbe essere spinta a puntare su un tasso dei Fed Funds terminale più alto nel tentativo di domare le aspettative di inflazione degli Stati Uniti dopo il forte aumento dei prezzi di agosto. L’inasprimento delle condizioni finanziarie statunitensi e l’innalzamento del tasso sui Fed Funds fanno pensare inoltre che il percorso verso un atterraggio morbido continui a restringersi e che una recessione statunitense potrebbe essere più probabile che non nei prossimi 12 mesi. Il rapporto CPI di agosto suggerisce che l’inflazione statunitense impiegherà più tempo a diminuire. I funzionari della Fed sono già nel periodo di “blackout” in vista della riunione del 20-21 settembre e noi (e i mercati) riteniamo ancora probabile un rialzo di 75 punti base. A nostro avviso, piuttosto che sollecitare una mossa più drastica alla prossima riunione (come un rialzo più consistente), gli ultimi dati sul CPI depongono invece fortemente a favore di uno spostamento verso l’alto dei “dot”, ossia le previsioni a breve e lungo termine dei funzionari della Fed sul tasso sui Fed Funds. Le nuove proiezioni saranno rese note in occasione della riunione di settembre e ci aspettiamo di vedere un tasso terminale medio più alto, pari al 4,5%, il che suggerisce che la Fed avrebbe ancora della strada da fare nel processo di rialzo dei tassi prima di passare al mantenimento del tasso sui Fed Funds, poiché il ritmo più graduale della disinflazione richiede una politica più aggressiva nel tentativo di evitare un ulteriore aumento delle aspettative di inflazione. (abstract by http://www.verinieassociati.com/)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Commento di analisi sugli impatti dell’inflazione sui mercati dei capitali

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 settembre 2022

A cura di Gabriella Berglund, Italian Branch Manager di Comgest. Le aziende growth più consolidate, con un forte vantaggio competitivo, un’elevata redditività, un elevato free cash flow e bilanci solidi, sono in gran parte indipendenti dal deterioramento del contesto finanziario. Continuano a crescere, investire, fare acquisizioni e conquistare quote di mercato indipendentemente dalle turbolenze del mercato e dalle deboli prospettive macro. La nostra strategia europea per le large cap ha registrato un aumento del fatturato del 14% a livello organico nel primo semestre del 2022, mentre le acquisizioni hanno contribuito alla crescita per il 6-7%. Il maggiore contributo delle acquisizioni significa che i multipli di acquisizione sono più interessanti oggi rispetto a uno o due anni fa.Alla fine, le aziende forti si rafforzano e le aziende più deboli (e molto spesso di più recente costituzione) soffrono. Noi investiamo in aziende solide e affermate, con un background di crescita costante e che non corrono rischi tecnologici elevati.In sostanza, deteniamo molte aziende del tipo “Winner takes it all” – “chi vince prende tutto”: queste società sono la spina dorsale dei nostri portafogli. Esse tendono a estromettere i concorrenti più piccoli (a volte a rilevarli) quando i tempi si fanno più difficili, il contesto finanziario si impoverisce e l’avversione al rischio degli investitori aumenta. E questo è esattamente ciò che sta accadendo attualmente. I tempi si fanno più duri, la crescita rallenta, i costi di finanziamento aumentano, gli investitori tendono a essere più cauti. In questo contesto, investire in maratoneti con più esperienza e affermati, che hanno dato prova di sé nel corso di decenni, sembra una scelta più ovvia che puntare su aziende giovani o semplicemente sulla prossima grande promessa. (abstract)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le principali aziende di media intelligence

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 settembre 2022

Milano. La maggiore impresa di media monitoring in Italia e tra le principali aziende di media intelligence anche a livello europeo, ha acquisito il 50% delle quote della società PostPickr, prima realtà italiana nello sviluppo di software per il social media management. PostPickr ha contestualmente varato un piano di crescita ambizioso, volto ad estendere le capacità del primo tool di social media publishing italiano. Alla guida della società rimarranno i soci fondatori Maurizio Lotito (Responsabile Marketing e Product Design) e Maria Miracapillo (Amministratore Delegato), mentre Pietro Biglia e Leonardo Frugiuele entreranno a far parte del CDA in rappresentanza de L’Eco della Stampa. Le sinergie tra le due società si faranno sentire presto e si preannunciano iniziative congiunte sul fronte dell’offerta per i content creator e per i professionisti della comunicazione sui social network. «PostPickr intende consolidare la sua presenza nel mercato italiano diventando il principale punto di riferimento per professionisti, agenzie, organizzazioni e brand attivi sui social media, ed avviando parallelamente una fase di progressiva espansione all’estero” commenta Maurizio Lotito, che aggiunge: “La partnership industriale con una realtà complementare e strutturata come L’Eco della Stampa rappresenta una milestone per l’evoluzione del prodotto, che favorirà l’ampliamento dei servizi, la diversificazione dell’offerta ed il potenziamento dell’organico.» Nella fase di negoziazione e di finalizzazione dell’operazione, PostPickr è stata assistita da OnLe Studio Legale di Andria, nelle persone degli avv. Sabino Sernia e dell’avv. Celeste Liso. L’Eco della Stampa si è avvalsa della consulenza finanziaria del dott. Davide Sala Peup e del dott. Alessio Frigerio, entrambi partner dello studio Athena Professionisti e Consulenti Associati di Milano, mentre la consulenza legale è stata curata dall’avv. Lorenzo Biglia dello Studio Legale Biglia di Milano.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

24 settembre Giornata Nazionale del Respiro e delle Malattie Respiratorie

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 settembre 2022

Nel corso della giornata i centri pneumologici apriranno le loro porte ai cittadini. Personale medico specializzato distribuirà materiale informativo, risponderà alle domande dei cittadini ed eseguirà esami spirometrici gratuiti. “L’emergenza pandemica ha messo in evidenza quanto sia importante la salute dei nostri polmoni, cosa che spesso diamo per scontata” ha commentato Mauro Carone, Presidente dell’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri – Italian Thoracic Society (AIPO-ITS). “Negli ultimi due anni numerose attività di prevenzione e diagnosi delle malattie respiratorie sono state sospese con gravi ripercussioni sulla salute dei cittadini. Con la Giornata Nazionale del Respiro del 24 settembre AIPO-ITS vuole lanciare un forte messaggio per sensibilizzare la popolazione generale su questi importanti temi di salute pubblica. Sarà un’occasione per eseguire spirometrie così come realizzare attività di educazione e formazione rivolte al cittadino” conclude Mauro Carone. Per quanto riguarda l’enfisema polmonare, malattia respiratoria progressiva che colpisce gli alveoli polmonari, secondo i dati Istat, in Italia, la bronco-pneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), di cui l’enfisema è una manifestazione, colpisce il 5,6% degli adulti (circa 3,5 milioni di persone) ed è responsabile del 55% dei decessi per malattie respiratorie. In breve, l’enfisema in Italia ha una prevalenza di 2,6 milioni con un’incidenza di 300.000 nuovi casi all’anno (tra il 7 e il 10% della popolazione) con alto tasso di degenza ospedaliera e di mortalità. Anche per questo motivo, sulla BPCO, autorevoli scienziati hanno recentemente pubblicato su Lancet lo scorso 5 settembre, un appello a cambiare radicalmente il modo di pensare alla BPCO. In sintesi, si propone di classificare la BPCO in cinque diversi tipi in base al principale fattore di rischio. Solo così ci sarà la possibilità di diagnosticarla precocemente, sviluppare un trattamento che modifica la malattia e, infine, prevenire almeno alcune forme di BPCO ponendo l’attenzione sulla salute dei polmoni lungo tutto il corso della vita come principio guida.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tra salute e politica

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 settembre 2022

Notizie di cronaca, di politica e temi relativi al benessere fisico sono i principali argomenti di interesse degli adulti con un’età compresa tra i 57 e i 75 anni. Sono questi alcuni dei principali elementi emersi da una ricerca effettuata dall’Istituto Tips Ricerche in collaborazione con i ricercatori dell’Università Cattolica intitolata “Non dimentichiamoci dei boomers!” e basata su 450 interviste online realizzate nei mesi scorsi. Lo studio si è svolto nell’ambito del progetto Opinion Leader 4 Future nato dalla collaborazione tra l’Alta Scuola in Media, Comunicazione e Spettacolo (ALMED) dell’Università Cattolica e l’ufficio Media Relation del Gruppo Credem, tra i principali gruppi bancari nazionali e tra i più solidi a livello europeo, con l’obiettivo di indagare, grazie ai ricercatori universitari, il ruolo dei leader d’opinione nel panorama informativo nazionale ed internazionale.Più in dettaglio, la ricerca condotta dall’istituto Tips Ricerche ha coinvolto i cosiddetti “baby boomer”, persone nate tra il 1946 e il 1964, che sono stati protagonisti dell’esplosione economica e demografica della seconda metà del XX secolo. Rappresentano una larga parte del Paese, sono longevi e godono di una buona qualità di vita. Dalla ricerca è emerso che questa generazione, rispetto a quelle più giovani, è molto attenta all’informazione e predilige maggiormente i contenuti di cronaca e di politica citati tra i principali interessi dall’84% degli intervistati. La salute è un altro argomento che riveste particolare rilevanza per questa fascia demografica, sia in un’ottica di cura sia di prevenzione, per via dei disagi e della paura legati al perdurare dell’emergenza sanitaria.Per quanto riguarda i mezzi d’informazione, dalla ricerca emerge che gli adulti tra 57 e 75 anni, rispetto alle generazioni successive, prediligono le testate giornalistiche (quotidiani, periodici, online). La fiducia nei confronti delle fonti citate è tuttavia inferiore rispetto ad altre fasce d’età, infatti l’autorevolezza e la storicità dell’editore è un fattore di garanzia solo per il 20% degli intervistati contro il 35% degli under 40. Per entrare nel dibattito e alimentare il proprio punto di vista rispetto alle differenti tematiche sono considerati dei validi strumenti i telegiornali e i talk televisivi. I 57-75 enni, inoltre, per informarsi sui temi quali il risparmio, gli investimenti, l’agire quotidiano e la gestione e la cura dei patrimoni immobiliari, dichiarano di avere tra i propri principali riferimenti gli interventi di esperti e professionisti noti, raccolti sia attraverso i principali mezzi di comunicazione (come televisione e web) sia direttamente nel caso di conoscenza personale. In particolare, il 63% dei baby boomer considera i professionisti che intervengono pubblicamente sui media e le persone di fiducia come fonte di informazione essenziale. Fra tutti gli esperti sono considerati maggiormente affidabili quelli più autorevoli e con un forte bagaglio esperienziale (78% contro il 40% degli under 40). Le abilità comunicative e digitali e la reperibilità sono elementi secondari rispetto alla richiesta di coerenza e, conseguentemente, di capacità e coraggio nell’ammettere eventuali errori, caratteristiche valide anche per i professionisti televisivi (92% contro l’82% dei più giovani).

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Novità per correggere la presbiopia senza laser

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 settembre 2022

Novità nella correzione della presbiopia, quel difetto della vista che colpisce l’84% degli individui fra i 45 e i 60 anni e compromette la capacità di mettere a fuoco gli oggetti posti a breve distanza dagli occhi. Fino a oggi, infatti, le uniche soluzioni possibili per i presbiti erano gli occhiali, l’intervento laser oppure l’estrazione di cristallino a scopo refrattivo con impianto di lente intraoculare multifocale. Ora invece arrivano anche in Italia le lenti intraoculari fachiche EVO Viva per la presbiopia: speciali lentine, impiantate dietro l’iride con un intervento rapido e indolore, che permettono di “ringiovanire” tornando a vedere a tutte le distanze con una nitidezza che gli esperti definiscono “4k”. Le Lenti in Collamero Impiantabili (ICL – Implantable Collamer Lenses) appunto, sono state sviluppate per correggere i difetti di vista elevati, oppure per dare una risposta a quei pazienti che non possono sottoporsi al laser. Vengono inserite dietro l’iride con un’incisione microscopica e risultano invisibili, permettendo una visione in “4K” proprio perché, oltre a restituire diottrie, comportano anche visione più nitida per via del fatto sono posizionate nel punto “perfetto” dell’occhio per la correzione di un difetto visivo. Inoltre sono filtrate per i raggi UV e quindi prevengono cataratta e maculopatia.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Carcinoma polmonare

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 settembre 2022

E’ una della neoplasie più temute e insidiose e ogni anno colpisce oltre 41mila cittadini in Italia. La lotta contro i casi più gravi può passare anche dall’analisi dei bassi livelli di sodio nel sangue. Un processo definito iponatriemia (ovvero una concentrazione di sodio inferiore a 135 mEq/l), che rappresenta un delle principali alterazioni elettrolitiche riscontrate nella pratica clinica oncologica. “E’ possibile sfruttarla per arrivare a efficaci biomarcatori, già nelle fasi precoci della malattia, nel predire la risposta ai trattamenti e la prognosi dei pazienti”. E’ quanto ha dichiarato dalla prof.ssa Rossana Berardi, Ordinario di Oncologia all’Università Politecnica delle Marche, Direttrice della Clinica Oncologica, AOU Ospedali Riuniti di Ancona e membro del Direttivo Nazionale AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica). La docente, al Congresso 2022 della Società Europea di Oncologia Medica (ESMO) a Parigi, ha presentato i risultati preliminari dello studio ISA (“Iponatriemia e sindrome da inappropriata antidiuresi nel cancro (SIAD): approcci integrati verso la scoperta di agenti terapeutici mirati al pathway della vasopressina”). La ricerca è coordinata dalla prof.ssa Berardi e dalla sua equipe, costituita da Giulia Mentrasti, Lorenzo Giuliani, Carolina Liguori, Mariangela Gualteri, dalle biologhe Elisa Ambrosini, Natalia Chiodi e Francesca Bianchi, con il prezioso supporto della SOD di Anatomia Patologica, Professoressa Gaia Goteri e Dott.ssa Francesca Barbisan, e del Professor Marco Rocchi, Ordinario in Statistica Medica dell’Università di Urbino. “Già diverse evidenze scientifiche testimoniano come l’iponatriemia sia responsabile di un aumento della morbilità e della mortalità per i pazienti oncologici – afferma la prof.ssa Berardi -. È legata anche ad una maggiore durata dei ricoveri in ospedale e dei costi associati. Il tumore del polmone inoltre rappresenta una delle principali cause di morte da cancro nel mondo in entrambi i sessi. Solo in Italia il numero di decessi ammonta a oltre 34mila l’anno”. Lo studio condotto presso la Clinica Oncologica degli Ospedali Riuniti di Ancona ha vinto un finanziamento attraverso il bando PRIN (Progetti di Rilevante Interesse Nazionale) del MIUR. Tra i possibili biomarcatori analizzati ci sono i miRNA: piccoli segmenti di RNA coinvolti nella regolazione dell’espressione genica delle cellule del nostro organismo. I primi dati ottenuti hanno permesso di individuare un gruppo di 12 diversi miRNA espressi nei campioni tumorali di dieci pazienti eunatriemici (con normali concentrazioni ematiche di sodio) rispetto a dieci iponatriemici. E’ stato poi osservato come alcuni miRNA downregolati (espressi in minore concentrazione) siano associati ad una peggiore sopravvivenza, mentre altri upregolati (espressi in maggior misura) siano invece correlati ad una migliore sopravvivenza globale. “I primi risultati rappresentano un passo avanti nella comprensione del ruolo del pathway della vasopressina, e più in generale della natriemia, nello sviluppo e nella progressione delle neoplasie polmonari – prosegue la prof.ssa Berardi -. Attualmente è in corso la fase prospettica dello studio clinico che avrà lo scopo di validare queste scoperte su un campione più ampio di pazienti affetti da tumore del polmone in stadio avanzato”. By Prof.ssa Berardi Dott.ssa Mentrasti

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Aumento della lebbra nel mondo

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 settembre 2022

AIFO desidera diffondere e richiamare l’attenzione sui dati pubblicati dall’OMS sulla situazione della lebbra nel mondo, il numero annuale delle persone diagnosticate è aumentato del 10,2% nel corso del 2021, passando da 128.405 nel 2020 a 140.594 persone. Aumenta anche la diagnosi tra i bambini e il numero di persone che presentano già gravi disabilità prima di ricevere diagnosi e cura. Questi sono alcuni dei dati e risultati che preoccupano AIFO emersi dall’ultimo rapporto annuale sull’andamento della lebbra nel mondo appena pubblicato dall’OMS (http://www.who.int/wer). I dati mostrano una inversione di tendenza rispetto alla forte diminuzione, osservata l’anno precedente, dovuta alla pandemia causata dal Covid-19, che ha reso difficile la ricerca e la diagnosi delle persone colpite dalla malattia. L’emergenza ha infatti comportato la riduzione del numero di servizi di trattamento della malattia e lo spostamento del personale sanitario in altri settori. Situazione che perdura ancora oggi e perciò AIFO stima che il numero delle persone colpite sia superiore a quanto riportato dall’OMS. Nel corso del 2021, complessivamente, nei progetti AIFO sono state diagnosticate 4.342 persone con la lebbra, di cui 4,6% bambini/e. L’azione di AIFO si fonda su tre obiettivi principali: interrompere la catena di trasmissione della malattia; prevenire le disabilità causate dalla malattia; promuovere e sostenere l’inclusione sociale delle persone colpite, eliminando le barriere politiche, sociali e culturali. Quindi, un’azione che non è focalizzata unicamente sugli aspetti epidemiologici e sanitari, ma che si basa su un approccio multisettoriale che include programmi di riabilitazione fisica e socioeconomica, utilizzando l’approccio dello Sviluppo Inclusivo su Base Comunitaria. Oggi la lebbra si trova nella lista delle Malattie Tropicali Neglette (MTN) dell’OMS ed è ancora un problema sanitario importante in vari Paesi dell’Africa, dell’Asia e dell’America Latina, dove persistono condizioni socioeconomiche precarie che favoriscono la trasmissione della malattia. La strategia globale dell’OMS (2021-2030) prevede la diminuzione significativa del numero di persone diagnosticate ogni anno, la riduzione drastica delle persone che presentano disabilità gravi e del numero di bambini/e al di sotto dei 15 anni. “Il prossimo 29 gennaio 2023, si celebrerà la 70^ Giornata Mondiale dei malati di Lebbra, con sempre maggiore convinzione AIFO si spenderà per non abbassare i riflettori su questa malattia curabile la cui catena di trasmissione nei paesi più vulnerabili è ancora attiva e va interrotta subito”. Conclude il Presidente AIFO. Per maggiori notizie sulla lebbra e le attività di AIFO si veda http://www.aifo.it

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vaiolo delle scimmie

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 settembre 2022

Secondo i dati raccolti da Civio, a metà luglio 2022 erano oltre 7mila i casi di vaiolo delle scimmie registrati in Europa. Un’epidemia che ha sorpreso, nonostante molti scienziati avessero anticipato i rischi di una sua comparsa anche in occidente. Infatti il vaccino del vaiolo (un virus molto simile anche se più pericoloso) garantiva un’immunità al vaiolo delle scimmie pari all’85%. Una protezione che però è andata gradualmente calando visto che la campagna vaccinale globale contro il vaiolo si è fermata tra gli anni ’70 e gli anni ’80. Pochi stati si sono fatti trovare preparati. Secondo Civio infatti 7 non hanno al momento alcun vaccino a disposizione, 2 non rilasciano questa informazione, e solo Francia e Paesi Bassi dichiarano di avere riserve di vaccini di terza generazione, ad oggi considerati i più efficaci. Il vaccino di terza generazione, anche conosciuto con il nome commerciale Imvanex, è però prodotto da una piccola azienda e la sua disponibilità è limitata.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Melanoma metastatico

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 settembre 2022

Trattare i pazienti prima con l’immunoterapia e poi con la target terapia, si è dimostrata la strategia migliore per guarire dal melanoma metastatico. All’Esmo di Parigi, la vetrina internazionale in Europa per chi fa dell’oncologia la sua missione di vita, sono stati presentati gli ultimi dati di uno studio denominato Secombit coordinato da Paolo Ascierto e, quindi, dal Pascale di Napoli, che a quattro anni dalla sua prima sperimentazione dimostra di raggiungere la migliore sopravvivenza globale pari al 63 per cento e una sopravvivenza libera da malattia pari al 55 per cento. Per portare avanti questo studio sono state arruolate 209 persone di 30 centri in 10 Paesi europei. Il Pascale ha coinvolto più pazienti, circa 40. Lo studio Secombit ha inoltre dimostrato per la prima volta che pazienti con un elevato Ldh, l’enzima che correla il carico di malattia, o che avevano molte metastasi, un andamento migliore nella seconda e terza opzione terapeutica. “Nell’analisi dei biomarcatori – continua Ascierto – è stato osservato una correlazione tra TMB (tumour mutational burder) elevato, la mutazione nel gene JAK ed i bassi livelli della citochina interferone gamma con la sopravvivenza”. Presente all’Esmo di Parigi il direttore scientifico del Pascale, Alfredo Budillon: “L’Istituto dei tumori di Napoli – dice – si conferma un punto di riferimento internazionale per la cura e la ricerca sul melanoma. Il Secombit è uno studio accademico no-profit internazionale concepito e coordinato dal Pascale e noi come Istituto continueremo a promuovere con grande impegno questo tipo di studi indipendenti con la loro componente traslazionale con analisi su biomarcatori come quelli presentati oggi all’Esmo dal gruppo di Ascierto”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Sanità digitale, il Papa Giovanni XXIII tra gli ospedali più tecnologici al mondo

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 settembre 2022

Papa Giovanni XXIII di Bergamo è uno degli ospedali al mondo che si distingue per le nuove tecnologie nei percorsi clinici di diagnosi e cura al servizio del paziente. A stabilirlo è la nuova classifica di Newsweek-Statista “World’s Best Smart Hospitals”, che seleziona i primi 300 ospedali di 28 Paesi del mondo dotati di tecnologia digitale, robotica, sistemi di intelligenza artificiale ed automazione. Il Papa Giovanni XXIII rientra nell’elenco dei 18 ospedali italiani selezionati. La categoria per la quale l’Ospedale di Bergamo è stato segnalato nella classifica Newsweek-Statista è quello dei sistemi di imaging digitale, cioè le attrezzature – come la tomografia computerizzata (TC) e la risonanza magnetica nucleare (RMN) – in grado di offrire immagini ad elevata risoluzione. A fini diagnostici al Papa Giovanni è presente da anni una risonanza magnetica con campo a 3 tesla. In Medicina nucleare son disponibili una PET/TC, una SPECT/TC e una SPECT cardiologica dedicata, che sfruttano radiofarmaci innovativi. Da maggio 2022 è operativa la avanzatissima TC dual energy, che sfrutta l’intelligenza artificiale di ultima generazione (Deep Learning Image Recostruction). È l’ultima frontiera in Radiologia per l’ambito cardiologico e vascolare, presente in pochissimi centri in Europa. Ma l’imaging al Papa Giovanni è ormai da tempo entrato in sala operatoria. L’ospedale di Bergamo è tra i pochi dotati di tre sale ibride ad alta tecnologia, che mettono a disposizione del chirurgo in tempo reale le immagini radiologiche. Le nuove tecnologie di imaging digitale, potenziate dall’intelligenza artificiale, hanno ampliato enormemente la precisione di dettaglio anche in campo interventistico. Il sistema di Fusion Imaging ecografico/TC/RM in dotazione alla Radiologia interventistica permette l’ablazione termica di lesioni tumorali del fegato difficili da individuare perché non visibili in maniera tradizionale con gli ultrasuoni. In campo cardiovascolare, un avanzatissimo sistema di intelligenza artificiale per l’imaging intracoronarico, rende più efficace e sicuro l’impianto degli stent in caso di stenosi coronariche particolarmente calcifiche.Grazie ad algoritmi di intelligenza artificiale (AI) ha ricevuto un forte impulso la medicina personalizzata. In ambito chirurgico, l’arrivo della nuova piattaforma robotica nel novembre 2020 ha permesso lo sviluppo di un programma avanzato di chirurgia mininvasiva robot-assistita, operativo per la cura di patologie e tumori di varia natura. Cuore, apparato digerente e fegato: servizi fra i migliori al mondo. La Cardiochirurgia, diretta da Maurizio Merlo, rientra ancora tra le prime 150 a livello mondiale ed è tra le 8 strutture classificate su tutto il territorio nazionale. Secondo anno consecutivo nel ranking anche per la Gastroenterologia, tra i primi 125 posti a livello mondiale, l’Unità del Papa Giovanni è uno dei soli 8 centri italiani in graduatoria su 174 Unità operative nel nostro Paese nell’ultimo censimento.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Lefebvre Sarrut aderisce al Global Compact delle Nazioni Unite

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 settembre 2022

Lefebvre Sarrut, leader mondiale nell’informazione legale, fiscale e regolamentare annuncia la sua adesione al Global Compact delle Nazioni Unite. Il programma supporta le aziende nel definire le proprie strategie nel rispetto dei principi universali relativi ai diritti umani, al lavoro, alla tutela dell’ambiente e all’anticorruzione. Istruzione di qualità, innovazione, riduzione delle diseguaglianze, pace, giustizia, rafforzamento delle istituzioni, industria sostenibile sono alcuni dei 17 traguardi di sviluppo sostenibile (SDG) che le società dovranno raggiungere entro il 2030. In questo modo, tutte le società appartenenti al Gruppo presenti in 8 Paesi europei saranno tenute ad includere tali obiettivi nelle proprie decisioni strategiche ed operative. Ciascuna di esse avrà la libertà di adattare il proprio approccio alle specificità dei rispettivi mercati.I progressi del Gruppo verso il raggiungimento di questi 10 traguardi e obiettivi verranno resi pubblici annualmente (CoP, Communication on Progess).In Italia il gruppo Lefebvre Sarrut è presente con Giuffrè Francis Lefebvre, leader nell’offerta di soluzioni e servizi editoriali tradizionali e digitali, portali specialistici, piattaforme integrate, software e formazione accreditata in aula e online per le aree professionali legale, fiscale, lavoro e per le imprese.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Combined birth control pill linked with increased risk of blood clots in obese women

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 settembre 2022

Obese women who use oral contraceptives containing oestrogen and progestin have a 24-fold increased risk of venous thromboembolism (VTE) compared with non-obese women not using the drugs, according to a review paper published today in ESC Heart Failure, a journal of the European Society of Cardiology (ESC).Study author Professor Giuseppe Rosano of the IRCCS San Raffaele Pisana, Rome, Italy said: “It is well established that both obesity and oestrogen-containing contraceptives are risk factors for VTE. Despite this, obese women continue to receive these drugs. The scientific evidence indicates that obesity and combined oral contraceptives have a synergistic effect on VTE risk and this should be considered in prescribing decisions. Progestin-only products, including pills, intrauterine devices, or implants are a safer alternative to the combined pill in women carrying excess weight.”This review article highlights the latest evidence on the independent effects of obesity and contraceptives, and their synergistic effects, on VTE risk and provides clinical recommendations. VTE refers to a blood clot in a vein and includes two life-threatening conditions: deep venous thrombosis and pulmonary embolism.The World Health Organization estimates that the global prevalence of obesity nearly tripled between 1975 and 2016 – with 15% of adult women being obese. The risk of VTE increases progressively with body mass index (BMI), and in obese women it is more than double that of non-obese women. Obesity has the most substantial impact on VTE women under 40 years of age, who have a five-fold increased risk compared with non-obese women. Professor Rosano noted: “The particularly high risk in obese women under 40 is important, since it is at this age that many seek contraception.”Combined oral contraceptives are associated with an elevated likelihood of VTE, with users having a three- to seven-fold elevated likelihood of VTE compared with non-users. In contrast, progestin-only products are not associated with an increased risk of VTE.The combination of overweight/obesity and use of combined oral contraceptives potentiates the likelihood of blood clots in women of reproductive age. For example, a large population-based study found that overweight and obesity were associated with 1.7-fold and 2.4-fold increased risks of VTE, respectively. However, in combined pill users, the risk of VTE was 12-fold higher in overweight women and 24-fold higher in obese women – when compared with normal weight non-users.Professor Rosano said: “Obese women taking contraceptives are vulnerable to VTE and should take steps to limit their other predisposing factors for cardiovascular disease, for example by quitting smoking and increasing their physical activity levels.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »