Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 349

Orbitopatia di Graves, impatto della chirurgia oftalmica sulla qualità della vita

Posted by fidest press agency su sabato, 24 settembre 2022

L’orbitopatia di Graves (OG) è una patologia autoimmune che comporta proptosi, gonfiore e infiammazione dell’occhio e dei tessuti peri-orbitali. Circa il 25-50% dei pazienti con ipertiroidismo da malattia di Graves-Basedow presenta sintomi di OG, che includono sensazione di corpo estraneo e secchezza oculare, fotofobia, iperlacrimazione, diplopia, senso di peso retro-oculare (Bahn RS. N Engl J Med 2010).«L’OG si distingue in una fase infiammatoria “attiva”, valutata attraverso il “clinical activity score” (CAS), che può beneficiare dei trattamenti anti-infiammatori al fine di ridurre segni e sintomi di malattia, e una fase quiescente, in cui gli esiti della malattia sono ormai cronici e non risolvibili attraverso le terapie mediche attualmente disponibili» ricorda Jacopo Manso, UOC Endocrinologia, AOU di Padova. «La gravità di malattia, suddivisa secondo l’European Group on Graves’ Orbitopathy (EUGOGO) in “lieve”, “moderata-severa” e “molto severa” (pericolosa per la vista), viene valutata sulla base di alcuni parametri oggettivi (retrazione palpebrale, interessamento dei tessuti lassi, grado di esoftalmo, ulcerazione corneale, danno del nervo ottico) e soggettivi (grado di diplopia, impatto sulla qualità della vita, QoL)» (Bartalena L, et al. Eur J Endocrinol 2021). L’OG riduce significativamente la QoL dei pazienti, con impatto superiore a quello di malattie croniche come il diabete mellito o lo scompenso cardiaco, ed equiparabile a quello delle malattie infiammatorie croniche intestinali (Gerding MN, et al. Thyroid 1997).Come atteso, gli interventi chirurgici riabilitativi globalmente hanno migliorato significativamente la QoL nei pazienti con OG, sia per quanto concerne la VF che la VA. «Analizzando i singoli tipi di intervento» osserva lo specialista «dall’analisi statistica è emerso che: a) la decompressione orbitale influenza positivamente sia la VF che laVA, con impatto maggiore sulla VA rispetto a tutte le altre procedure (standardized mean difference — SMD — +0.84, IC 95% 0.54-1.13); b) la correzione dello strabismo ha l’effetto maggiore sul miglioramento della VF (SMD +1.25, IC 95% 0.29- 2.21), senza impatto statisticamente significativo sulla VA; c) la chirurgia palpebrale ha impatto positivo sulla VA ma inferiore rispetto alla decompressione orbitale (SMD +0.38, IC 95% 0.05-0.70) e non influenza la VF».Inoltre,continua Manso, l’analisi di meta-regressione ha evidenziato una correlazione negativa statisticamente significativa (p < 0.001) tra il punteggio OG-QoL pre-operatorio e il miglioramento post-chirurgia: peggiore era la QoL preintervento, maggiore era risultato il miglioramento dopo la chirurgia riabilitativa, sia nella VA che nella VF». Questa metanalisi presenta alcune limitazioni da tenere in considerazione: è presente un grado moderato di eterogeneità statistica, che può derivare dai diversi approcci chirurgici studiati, ciascuno associato ai propri obiettivi clinici e complicanze, nonché l'uso di più tecniche differenti per uno stesso tipo di chirurgia. Un'altra spiegazione per l'eterogeneità osservata può essere la diversa percezione soggettiva della QoL tra individui appartenenti a differenti culture. Inoltre, ad eccezione di un unico studio, la metanalisi non è basata su studi controllati randomizzati.In conclusione, afferma Manso, «con questa metanalisi gli autori hanno avvalorato l'importanza della riabilitazione chirurgica nel miglioramento della QoL, prevalentemente nei pazienti con OG inattiva. Come sottolineato nelle recenti linee guida EUGOGO, è fondamentale che i pazienti con OG moderata-severa siano seguiti in Centri con esperienza e questo è particolarmente rilevante per la chirurgia oftalmologica, che deve essere eseguita da equipe esperte e dedicate. Sarà interessante valutare come la chirurgia oftalmica riabilitativa si confronterà e si posizionerà rispetto a terapie mediche innovative per l'OG, promettenti ma costose come il teprotumumab. (fonte: Doctor33) abstrac

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: