Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 349

Archive for 2 ottobre 2022

NFT esperienziali che riportano il metaverso nella realtà, digitale e reale si fondono

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2022

Chain Lab e Velvet Media lanciano Notable, il primo marketplace dedicato esclusivamente agli eNFT, token collegati ad esperienze reali con influencer e vip. Andrea Zaniolo, chief innovation manager in Velvet Media. Tokenizzazione di proprietà immobiliari, equity crowdfunding e DeFi. Sono concetti che fino a qualche tempo fa erano futuristici, ma che adesso fanno parte della routine del business digitale. Alcuni dati spiegano il fenomeno: 16,4 miliardi di dollari è il valore del mercato generato dagli influencer nel 2022; la cifra sale a 104 miliardi se si estende il ragionamento alla creator economy considerato che almeno 50 milioni di persone, oggi, lavorano come “creators”. Le aziende osservano il fenomeno con interesse: tre su quattro investiranno nella creator economy nel corso dell’anno. Ebbene, oggi grazie agli NFT è possibile vendere esperienze reali ed esclusive. I primi NFT esperienziali, battezzati eNFT, sono presentati dalla tech company ChainLab in collaborazione con Velvet Media, agenzia di marketing. La realtà si chiama Notable ed è destinata a cambiare il rapporto tra influencer e fan: è la prima volta che il Web3 esce dal Metaverso e si fonde con la realtà fisica, digitale e reale adesso diventano una sola cosa. Il progetto è stato sposato fin dalla sua nascita da Velvet Media, agenzia veneta già nota per aver avviato un progetto che farà nascere il primo metaverso dedicato solo alla musica. Andrea Zaniolo è chief innovation officer: “Alcuni anni fa siamo stati i primi a portare il concetto di phygital negli eventi, trasformandoli da fisici a virtuali”, dice. “Abbiamo intravisto in questo progetto di ChainLab la possibilità di avvicinare i fan alle loro icone, permettendo all’influencer di guadagnare in maniera diretta dalle proprie creazioni, monetizzando la propria popolarità”. Dunque, il business degli eNFT è pronto a decollare anche in Italia. “In questa fase iniziale e di test, hanno manifestato il loro interessamento una cinquantina di influencer, che complessivamente rappresentano oltre due milioni di follower e che metteranno a disposizione una decina di esperienze diverse”, conclude Luca De Zordo, ceo di Notable. “Per loro è un business. Infatti, l’utente, una volta acquistato il token, potrà anche valutare un investimento di medio-lungo termine, conservando il token sulla piattaforma o nel proprio wallet personale. Se dopo un certo periodo di tempo la popolarità dell’artista dovesse crescere, i suoi NFT aumenteranno di valore, e l’acquirente potrà rivenderli”. Il lancio del progetto è avvenuto nel dicembre del 2021, che dopo tre round di investimento si è concluso con la IDO (Initial Decentralised Offer) e la contestuale quotazione su PancakeSwap del loro utility token, NBL. Dal punto di vista tecnico, il progetto ed il token sono attualmente integrati con la Binance Smart Chain, anche se nel piano sono previste le integrazioni con altre principali chain, tra cui Ethereum e Solana. (abstract – fonte: comunicazionepk.com)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione del busto in bronzo di Urbano VIII

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2022

Roma Mercoledì 5 ottobre 2022, alle ore 11.00, si terrà a Palazzo Barberini, sede delle Gallerie Nazionali di Arte Antica, la presentazione del busto in bronzo di Urbano VIII eseguito da Gian Lorenzo Bernini nel 1658, in prestito dal Principe Corsini fino al 30 luglio 2023 per permetterne il confronto ravvicinato con la versione in marmo del Ritratto di Urbano VIII (datato 1655 circa), conservata a Palazzo Barberini, suo prototipo. Il busto verrà esposto presso la Sala Sacchi, riallestita nell’ottobre 2021 e dedicata ai protagonisti della famiglia Barberini, con i ritratti dipinti e scolpiti di Urbano VIII e dei suoi nipoti realizzati da Gian Lorenzo Bernini, Giuliano Finelli, Carlo Maratti, Lorenzo Ottoni.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Arera chiede a Governo rinvio tutela

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2022

Arera ha pubblicato ora la segnalazione a Governo e Parlamento (461/2022/I/com) in cui denuncia le “rilevanti criticità legate all’imminente rimozione dei regimi di tutela di prezzo – fissata al 1° gennaio 2023 (…) per i clienti domestici di gas naturale (…) in un contesto, quale quello attuale, caratterizzato da forti tensioni e variabilità dei prezzi dell’energia che hanno raggiunto livelli mai sperimentati prima”. “Parole sante! Invece del solito balletto sul totoministri, ci piacerebbe sapere dal nuovo prossimo Governo se nel loro primo Consiglio dei ministri intendono rinviare almeno al 2024 la fine del mercato tutelato del gas e se pensano di intervenire retroattivamente, come fatto in passato dal Governo Draghi, contro la stangata delle bollette di luce e gas, pari solo per la luce a 1782 euro” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “E’ un ‘emergenza nazionale. La fine del mercato tutelato del gas prevista per il 1° gennaio 2023 va come minimo allineata a quella della luce, programmata invece per il 10 gennaio 2024. In un momento di prezzi impazziti, in cui le famiglie non ce la fanno a pagare le bollette, bisogna che continui il ruolo di Arera nella definizione dei prezzi, così da dare maggiore stabilità a un mercato folle” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione della mostra “An Italian Impressionist in Paris: Giuseppe De Nittis”

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2022

Roma Mercoledì 5 ottobre 2022 alle ore 15.30, si svolgerà presso la sede della Associazione della Stampa Estera in Italia, in Via dell’Umiltà 83 a Roma, la conferenza stampa di presentazione della mostra “An Italian Impressionist in Paris: Giuseppe De Nittis”Per la prima volta De Nittis sarà protagonista di una straordinaria esposizione negli Stati Uniti, che si terrà presso The Phillips Collection a Washington D.C. dal 12 novembre 2022 al 12 febbraio 2023. L’artista italiano De Nittis era originario di Barletta, in Puglia, ed è per condividere l’autentica bellezza della sua terra natia ed alimentare la destinazione turistica che alla conferenza stampa parteciperanno il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il Sindaco di Barletta Cosimo Cannito, la Soprintendente della Provincia BT Anita Guarnieri, unitamente al curatore della mostra Renato Miracco, critico d’arte e storico, ed alla Direttrice di The Phillip Morris Collection Dorothy Kosinsky.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riciclare la plastica nelle pavimentazioni stradali

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2022

La produzione di rifiuti di plastica continua ad essere, a livello nazionale e locale, molto consistente, nonostante tutte le azioni messe in campo per la riduzione e il riciclo. A ciò si aggiunge, come ulteriore criticità, che il riciclo meccanico è attualmente utilizzato solo per una quota non considerevole dei rifiuti di plastica, e le frazioni restanti vengono avviate pressoché completamente a forme di recupero energetico.Ricercare soluzioni per il riutilizzo di queste frazioni non riciclate meccanicamente è alla base di una sperimentazione a cui hanno dato il via Città metropolitana di Torino, Politecnico di Torino, Acea Ambiente e Brillada Vittorio & C, che per suggellare la collaborazione hanno siglato nei giorni scorsi un protocollo d’intesa: l’idea è quella di verificare se sia possibile utilizzare polimeri riciclati – ovvero rifiuti plastici rilavorati – nelle pavimentazioni stradali.La sperimentazione ha come obiettivo uno studio di fattibilità sull’utilizzo di polimeri derivati dalla preparazione di frazioni non funzionali al riciclo meccanico della raccolta differenziata di imballaggi in plastica o di scarti pre-consumo, prima di eventualmente predisporre un più articolato progetto di ricerca e dimostrazione su scala reale.La collaborazione della Città metropolitana di Torino con il Politecnico di Torino sul tema dei conglomerati bituminosi addittivati con prodotti post-consumo è iniziata nel 2008, attraverso diversi progetti (uno dei quali finanziato dal programma europeo LIFE+ e uno successivo da fondi del Ministero dell’Ambiente). In particolare il dipartimento di Ingegneria dell’ambiente, del territorio e delle infrastrutture (Diati) è la struttura di riferimento dell’Ateneo torinese per lo studio di tecnologie che mirano alla salvaguardia, alla protezione e alla gestione dell’ambiente e del territorio, all’utilizzo sostenibile delle risorse e allo sviluppo ottimizzato ed eco-compatibile delle infrastrutture e dei sistemi di trasporto.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Inaugurazione del Polo di Parma della Fondazione “I Lincei per la scuola”

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2022

Parma. Sarà una lectio magistralis del neuroscenziato Giacomo Rizzolatti, Professore emerito dell’Università di Parma e Accademico dei Lincei, a dare avvio lunedì 10 ottobre, nell’Aula Magna dell’Università di Parma, alle attività del Polo di Parma della Fondazione “I Lincei per la scuola”, nata nel 2015 per progettare una nuova didattica nella scuola e migliorare i sistemi d’istruzione e formazione. La cerimonia di inaugurazione è in programma a partire dalle 15 e sarà anche trasmessa in diretta streaming sul canale YouTube dell’Ateneo, al link https://youtu.be/MTXg9hqqutk.I saluti del Rettore Paolo Andrei, della Presidenza della Fondazione “I Lincei per la Scuola” e del Vice Direttore generale dell’Ufficio Scolastico Regionale Bruno Eupremio Di Palma saranno seguiti da un ricordo del grande linguista Luca Serianni, Presidente della Fondazione “I Lincei per la scuola” tragicamente scomparso lo scorso luglio, a cura di Donatella Martinelli, docente di Linguistica italiana e Storia della lingua italiana all’Università di Parma.Il coordinatore Marco Mezzadri, docente di Didattica della lingue moderne e Delegato del Rettore per la formazione iniziale e in servizio degli insegnanti, presenterà poi il Polo di Parma e Alessandro Pagliara, docente di Storia romana e responsabile per la Storia, introdurrà le attività formative in ambito storico, fulcro del lavoro del Polo per l’anno 2022-2023.A seguire la lectio magistralis di Giacomo Rizzolatti, intitolata Specchi nel cervello. Per una nuova didattica della scuola.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Celotto: “Incarico a Meloni? La storia dice questo”

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2022

“I risultati delle elezioni non sono ancora definitivi, ci vorrà ancora una settimana per concludere i conteggi. Dopodiché la Costituzione prevede 20 giorni per dare ai parlamentari il tempo di organizzarsi. A questo punto il Quirinale darà il mandato per fare il governo e, vista la situazione, credo che basterà una settimana”, lo ha detto il costituzionalista Alfonso Celotto, intervistato da The Watcher Post. “A chi sarà dato il mandato? Il mandato viene affidato alla persona che può formare un governo, ma nelle precedenti 18 legislature il partito di maggioranza relativa è sempre andato al governo nel primo governo di legislatura e in 15 casi ha dato il premier, negli altri tre casi lo ha indicato o lo comunque lo ha gradito: si tratta di Craxi nel 1983, di Amato nel 92 e, in ultimo, di Giuseppe Conte. Quindi secondo la prassi costituzionale tocca a FdI indicare il premier. Quanto ai tempi – ha concluso Celotto – mi aspetto entro il 17 ottobre l’affidamento del mandato ed entro la fine di ottobre la formazione del governo”.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Aperte le iscrizioni al corso di recitazione teatrale e cinematografica diretto dall’attore Cocò Gulotta

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2022

Palermo Una full immersion che si svolgerà tutti i lunedì dalle 19 alle 21 e i mercoledì dalle 21 alle 23 al teatro del Fontarò in largo Lituania 10 (ex Via Danimarca 50/D) Il corso avrà inizio mercoledì 5 ottobre e sarà presentato al pubblico lunedì 3 ottobre alle 19, sempre al Fontarò. In quell’ occasione lo stesso Cocò Gulotta, oltre alla selezione degli interessati, potrà fornire ogni ulteriore informazione. Il sogno di fare l’attrice o l’attore, con accanto un artista, tra i protagonisti di numerose fiction e serie televisive, che di questo mestiere ne ha fatto una scelta di vita. Gulotta, tra gli interpreti in televisione di fiction e serie per Rai e Mediaset come “L’Ora – Inchiostro contro piombo”, “Solo per passione”, “La concessione del telefono” e “La mafia uccide solo d’estate”, terrà una serie di lezioni per attori non professionisti e simpatizzanti che vogliono avvicinarsi e sapersi rapportare col palco e la platea. Per iscriversi telefonare o mandare un WhatsApp al 3293210304 0 mandare una mail a fontaro.corsi@fontaro.it.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Educazione/Informazione sessuale nella scuola

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2022

Educazione/informazione sessuale continuano ad essere le grandi assenti nella didattica della scuola dell’obbligo. Un’iniziativa del Consiglio regionale della Toscana apre un varco che potrebbe essere una sorta di avanguardia.Il tema “dell’educazione all’emotività, all’affettività e alla sessualità” all’interno della programmazione didattica ha portato all’approvazione, in Consiglio regionale della Toscana, a due atti.Nel primo si impegna la Giunta “a promuovere e finanziare iniziative e percorsi di educazione alla sessualità rivolti a ragazzi delle scuole secondarie di primo e di secondo grado, con il coinvolgimento dell’Ufficio scolastico regionale e delle singole istituzioni scolastiche”. Non esistendo normativa nazionale, l’atto impegna la Giunta regionale a promuovere e finanziare queste iniziative. Col secondo si impegna la Giunta a sollecitare Governo e Parlamento, all’emanazione di una disciplina nazionale che preveda l’inserimento della materia nella didattica delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado. In attesa si chiede alla Giunta di promuovere e realizzare iniziative in merito. E’ “buffo” che questa approvazione avvenga proprio in concomitanza dell’arrivo in Parlamento di una maggioranza di destra che darà vita ad un nuovo governo. Che stando a quello che abbiamo sentito (o non sentito) in campagna elettorale, non sembrerebbe disponibile a questioni del genere. Vedremo chi saranno i ministri e, nello specifico, alla Pubblica Istruzione… che se la destra dovesse approvare proposte del genere dopo che la sinistra al governo da anni non ha mai fatto nulla, sarebbe un caso molto eccezionale. Intanto questi atti della Toscana sono importanti, ponendo questa Regione all’avanguardia in materia. Ché se dovessero realizzare autonomamente quanto previsto sarebbe una sorta di esperimento che, altre regioni, potrebbero (volendo) prendere come esempio per meglio stimolare governo e ministero.Vincenzo Donvito Maxia http://www.aduc.it

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Personale della ricerca: trattativa per il rinnovo del Ccnl

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2022

Si è tenuto l’incontro all’Aran per la prosecuzione della trattativa sul rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro. All’ordine del giorno della riunione l’ordinamento professionale del personale della Ricerca. La discussione si è incentrata principalmente sul modello di ordinamento professionale, articolato sulle 4 Aree previste dalla normativa. Ferma restando l’unicità del contratto che comprende R&T e personale Tecnico/Amministrativo, la discussione si è incentrata sull’ipotesi che l’Aran ha introdotto in apertura di riunione. Secondo Aran dovrebbe essere costituita una nuova Area (Elevate Professionalità) sovraordinata rispetto alle 3 Aree previste per l’attuale personale Tecnico/Amministrativo. Questa ipotesi è stata completata con la previsione di inserire il personale Ricercatore e Tecnologo in una ulteriore (5^) Area autonoma. Anief ha ribadito la necessità che l’ordinamento del personale R&T e del Personale T/A resti, così come attualmente previsto dal vigente CCNL, corpo unico all’interno del contratto Ricerca e che il nuovo modello ordinamentale debba svilupparsi in sole quattro Aree (3 Aree per il personale T/A e 1 Area per il personale R&T). È stata inoltre sottolineata l’esigenza che il nuovo CCNL fornisca garanzie di opportunità di sviluppo professionale e di carriera certe. Troppo a lungo il personale degli Enti di Ricerca, a differenza di quanto accade in altri Paesi, è rimasto sostanzialmente bloccato nei livelli iniziali dei rispettivi profili professionali.Riguardo il Personale Tecnico e Amministrativo, Anief ha evidenziato l’opportunità data dall’Art. 52 del DLGS.165/01 riguardo le norme di primo inquadramento. È essenziale che ogni ipotesi di revisione dell’ordinamento si accompagni comunque con norme di prima applicazione che risolvano le situazioni di criticità riguardanti le professionalità e i maturati economici odierni. Anief, in attesa di capire quali e quante risorse aggiuntive necessarie alla revisione dell’ordinamento potranno essere rese disponibili, ha inoltre proposto di considerare anche tutti i differenziali economici oggi attribuiti al personale, quali risorse da destinare a nuove progressioni del personale T/A.L’Aran ha raccolto le osservazioni e le proposte dell’Anief e delle altre OO.SS. e presenterà un primo testo in occasione della prossima riunione calendarizzata per il prossimo 10 ottobre. Anief ritiene che tutti i necessari approfondimenti in tema di ordinamento debbano comunque essere conciliati con l’urgenza, espressa dalle Organizzazioni Sindacali e dall’Aran stesso, di chiudere rapidamente un buon contratto per il personale. Se necessario, quindi, siamo pronti a calendarizzare riunioni ravvicinate per affrontare compiutamente tutti gli argomenti in discussione.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Nuovo governo, Pacifico (Anief): “Costruiamo una scuola giusta”

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2022

Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, ha affermato, rilasciando un’intervista all’agenzia Teleborsa, che è “importante ora, con il nuovo governo che si formerà, mettere la scuola al centro del programma politico; infatti, sono tantissime le urgenze che devono essere affrontate per la scuola, per il personale della scuola e per gli studenti. C’è un decreto legge Aiuti Ter che deve essere analizzato dal nuovo Parlamento e c’è una Legge di Bilancio da scrivere e con cui dare le prime risposte. Anief chiede al nuovo governo di dare subito le prime risposte per una scuola più giusta”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Retribuzione Professionale Docenti

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2022

Il nuovo successo è stato registrato presso il tribunale di Frosinone, sezione lavoro. Marcello Pacifico (Anief): “I precari con supplenze brevi non sono figli di un Dio minore, Anief al loro fianco per la tutela di tutti i loro diritti”. Ancora possibile aderire ai ricorsi Anief specifici per il personale precario con supplenze brevi per il recupero della Retribuzione Professionale Docenti o del Compenso Individuale Accessorio recuperando mensilmente fino a 257,50 Euro per i docenti (RPD) e fino a 64,50 Euro mensili per il personale ATA (CIA). Infatti, il Giudice del Lavoro, definitivamente pronunciando così ha riconosciuto “il diritto del ricorrente a percepire la retribuzione professionale docente (RPD) in relazione al servizio reso con supplenze brevi e saltuarie nel periodo dal 27.1.2016 al 30.6.2018” e “condanna il Ministero convenuto al pagamento della somma di €.443,07, per i titoli di cui al capo 1), oltre interessi legali dalla scadenza dei singoli ratei del credito al saldo”. Inoltre è stato dichiarato “il diritto del ricorrente a percepire la indennità sostitutiva delle ferie maturate e non godute in relazione al servizio reso con supplenze brevi e saltuarie nel periodo dal 27.1.2016 al 30.6.2018”, condannando “il Ministero convenuto al pagamento della somma di €.1.295,31, per i titoli di cui al capo 1), oltre interessi legali dalla scadenza dei singoli ratei del credito al saldo” e “pone a carico di parte resistente le spese di lite, liquidate in €.1961,00, per compenso professionale, oltre I.V.A., C.P.A. e rimborso forfettario per le spese generali, con distrazione in favore dei procuratori attorei, dichiaratisi antistatari”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Ferie non godute, un’altra lezione del giudice al legislatore

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2022

Si può terminare un rapporto di lavoro senza vedersi sistematicamente riconosciuto il compenso per le ferie non godute? La risposta è ovviamente negativa, ma lo Stato continua a farlo nei confronti dei precari della scuola. Chi presenta ricorso, però, si vede riconosciuta la quota inizialmente non assegnata. Come il docente di ruolo che ha presentato ricorso al tribunale di Enna perché tra il 2014 e il 2018 aveva fatto diverse supplenza senza mai vedersi riconosciuto un euro per quelle non utilizzate: adesso, il giudice fa giustizia perché è chiaro che, si legge nella sentenza, “anche i docenti a tempo determinato debbano godere delle ferie maturate nei giorni di sospensione delle attività didattiche, e che possano ottenere la corresponsione dell’indennità sostitutiva alla cessazione del rapporto nei soli limiti della differenza a loro favore tra i giorni di ferie maturati e quelli in cui è loro consentito di fruirne (ovvero quelli in cui sono sospese le lezioni e i docenti non sono impegnati in altro tipo di attività)”. Per questi motivi, lo stesso giudice “condanna parte convenuta a corrispondere alla ricorrente la somma di € 850,16 a titolo di indennizzo per ferie maturate e non fruite, oltre interessi legali; condanna parte convenuta alla rifusione delle spese di lite, liquidate in € 1.300,00, oltre rimborso spese forfettarie del 15%, oltre CPA ed IVA come per legge, oltre € 49,00 per contributo unificato, con distrazione in favore del procuratore antistatario”. Secondo Marcello Pacifico, presidente Anief “l’indennità delle ferie non godute non godute si deve sempre assegnare, a meno che il giorno non sia stato utilizzato. Ecco perché siamo convinti che occorra ricorrere in tribunale e non farsi calpestare un diritto rilevante. Un diritto, tra l’altro, sottratto a del personale della scuola, insegnanti, amministrativi, tecnici e collaboratori scolastici già privati ingiustamente, sempre durante il precariato, purtroppo in media molto lungo, degli scatti di anzianità e di altre indennità, come Rpd e Cia: tutte ‘voci’ indebitamente sottratte, che stiamo sempre più spesso rivendicando con i nostri legali in tribunale con esiti favorevoli per i dipendenti ricorrenti”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bonus Carta del docente 2022/23

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2022

Con il buono, del valore di 500€, sarà possibile acquistare prodotti venduti e spediti da Amazon nelle categorie Libri, eBook, E-Reader Kindle, tablet Fire e una selezione di prodotti informatici. Ogni anno il rientro a scuola porta con sé nuove sfide. Per gli studenti che iniziano o tornano a misurarsi con le proprie capacità e pronti ad accrescere il proprio sapere e per gli insegnanti, che invece devono mantenersi sempre al passo con i tempi e preparati a far fronte alle istanze in continua evoluzione delle giovani generazioni. Ed è proprio rinnovando l’adesione all’iniziativa Bonus Carta del docente promossa dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, che Amazon.it, con un’ampia offerta di prodotti in diverse categorie, supporta attivamente questo processo di aggiornamento costante dei docenti di tutta Italia.Per poter usufruire della Carta – il cui valore è di 500€ – l’insegnante deve dotarsi dell’identità digitale SPID e autenticarsi sul sito cartadeldocente.istruzione.it a partire dal 27 settembre 2022.Nel corso della passata edizione (2021/2022) gli acquisti degli insegnanti su Amazon.it si sono concentrati su dispositivi high-tech che rendono più smart, dinamica e immediata l’esperienza didattica, come laptop, notebook e tablet dei migliori brand.La portabilità è al centro, per garantire sempre una gestione fluida dell’insegnamento, come nel caso della Tavoletta Grafica con Penna Wacom One di Wacom che, grazie ai display interattivi e alle tavolette con penna, permette di trasferire visivamente i concetti e di accedere ad un’esperienza didattica collaborativa e creativa. Ma la tecnologia non è stata l’unica protagonista degli acquisti dello scorso anno, anche diversi libri hanno catalizzato l’interesse dei docenti, ne sono esempio titoli di narrativa come Fabbricante di lacrime di Erin Doom e La Canzone di Achille di Madeline Miller. Per l’insegnamento, specialmente quello della musica, tra i bestseller si trovano Suoni e Silenzi: Il solfeggio più facile del mondo! o Le quattro stagioni: Musica a scuola per tutto l’anno di Libero Iannuzzi.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Al via l’indennità per la continuità didattica

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2022

Da parte dell’amministrazione scolastica è previsto il requisito – retroattivo – di 5 anni di permanenza nello stesso istituto senza aver presentato domanda di mobilità, assegnazione provvisoria o cambiato sede usufruendo dell’art. 36 CCNL sia per ottenere l’indennità relativa al servizio svolto in sede differente rispetto alla propria residenza o domicilio sia per beneficiare dell’indennità specifica per chi presta servizio in zone caratterizzate da rischio di spopolamento e da valori degli indicatori di status sociale, economico e culturale e di dispersione scolastica. Secondo Marcello Pacifico, presidente Anief, “è giusto prevedere un ristoro per chi lavora lontano da casa, ma il nostro sindacato aveva proposto una specifica indennità di sede che doveva riconoscere il sacrificio a tutti i lavoratori, docenti e ATA e a prescindere dagli anni di servizio nella scuola. Questa distinzione non ci può soddisfare”.Il Ministero dell’Istruzione procede invece per la sua strada, rimodulando nel decreto dei criteri che risarciscono per il lavoro svolto in sedi disagiate solo il personale che lavora in quella sede da almeno 5 anni dimenticando tutti i docenti neo-immessi in ruolo da 5 anni a questa parte e, soprattutto, il personale ATA. All’incontro odierno ha partecipato Chiara Cozzetto, segretaria generale del giovane sindacato, la quale ha evidenziato i limiti della normativa che si vuole imporre, senza contare che la previsione del decreto ministeriale doveva avvenire nelle more delle decisioni contrattuali che sono al momento in corso.“Abbiamo esternato al Ministero la nostra contrarietà nel prevedere un’indennità che gratifichi solo chi non è residente nella stessa provincia di lavoro e presta servizio da 5 anni nella stessa sede – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – senza contare che sarà escluso chi ha presentato domanda di trasferimento pur non avendolo ottenuto. La norma, inoltre, come sempre, dimentica il personale amministrativo, tecnico e ausiliario, e non riconosce a questi lavoratori nessun riconoscimento per il lavoro svolto in sedi disagiate o lontane dai propri affetti”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Revisione del sistema di classificazione del personale dell’università

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2022

L’ANIEF sostiene da sempre l’imprescindibile necessità di riformare il sistema di classificazione del personale che risulta obsoleto non soltanto per una questione di tempo (l’attuale sistema risale a più di 20 anni orsono) ma e soprattutto alla luce dei molteplici interventi normativi che si sono susseguiti nel corso del tempo riformando il sistema università, addirittura introducendo delle nuove figure professionali.L’ANIEF dopo un’attenta ed approfondita analisi della situazione esistente evidenzia nei seguenti profili l’esistenza di sperequazioni e difformità a cui il nuovo sistema deve porre fine: – Il profilo del RAD introdotto dalla riforma Gelmini (L.240) che appartiene alla categoria EP con un grado di autonomia relativo alla soluzione di problemi complessi di carattere organizzativo e di un grado di responsabilità relativo alla qualità ed economicità dei risultati ottenuti, che dipende gerarchicamente dal DG, ha la gestione delle attività amministrative conformemente alle decisioni di spesa assunte, nell’ambito del budget predefinito per la singola struttura dai rispettivi rappresentanti (Presidi di Facoltà e Direttori di Dipartimento). Ogni corso di studio ha un Manager Didattico di riferimento è il punto di riferimento per tutto quello che riguarda l’organizzazione della didattica del tuo corso di studio. – Il profilo dello stabularista. Figura professionale il cui requisito di accesso è il diploma di scuola secondaria di secondo grado che prevede l’inquadramento nella categoria C dell’area tecnico scientifica. – Il profilo del tecnico dello spettacolo; – I profili professionali relativi alla gestione degli orti botanici entrambi presentano problematiche simili agli stabularisti – Il profilo del tecnologo che pur avendo competenze analoghe risultano inquadrati in categorie diverse a seconda delle aree contrattuali cui afferiscono (Università o Ricerca); – Il profilo degli avvocati che in difformità da quanto previsto nelle altre pubbliche amministrazioni vengono inquadrati in categoria EP, D o addirittura in categoria C a secondo delle interpretazioni delle amministrazioni; Occorre quindi garantire una reale classificazione e valorizzazione delle professionalità del personale Universitario integrato nelle AOU, salvaguardandone la possibilità di carriera anche in relazione alle attività di didattica e ricerca svolte anche nel rispetto dei rispettivi Ordini Professionali e relativi Albi.’ necessario pertanto garantire l’implementazione delle risorse finalizzate al sistema di retribuzione fondamentale, accessorio, e di progressione di carriera, come previste dalle norme e dai contratti vigenti. – Garantire inoltre che le Aziende organizzino corsi di formazione ed Aggiornamento aziendali assicurando l’accesso e la partecipazione gratuita di tutte le lavoratrici ed i lavoratori, anche di quelli strutturati/integrati.Allo stesso modo va garantita la possibilità, per il personale T.A. e socio-sanitario, di espletare attività didattica come previsto dall’art 6 della 502/92 per il personale del SSR.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dal 15 ottobre Guido Mulè sarà il nuovo direttore generale della Città metropolitana di Torino

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2022

Il sindaco Stefano Lo Russo ha scelto Guido Mulè come nuovo direttore generale della Città metropolitana di Torino. Il decreto di nomina, dopo un avviso pubblico, è stato firmato oggi nel pomeriggio e il sindaco annuncerà la sua scelta domani martedì 26 settembre durante i lavori del Consiglio metropolitano, convocato alle ore 14,30 in piazza Castello. Guido Mulè, nato a Caltanissetta nel 1965, laureato in giurisprudenza, nel settembre 2020 era stato nominato direttore generale al Teatro Regio di Torino. Nel suo curriculum vitae numerosi incarichi di consulenza aziendale nella gestione del personale e nel miglioramento dei processi.In Città metropolitana di Torino dal 15 ottobre andrà a sostituire Filippo Dani, dirigente dei sistemi informativi, che ha ricoperto l’incarico di direttore generale dell’Ente negli ultimi anni.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fibromi e endometriosi

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2022

Asiago-Gallio. I fibromi uterini e l’endometriosi sono due patologie ginecologiche benigne che si verificano quando il corpo della donna sintetizza una eccessiva quantità di estrogeni; alcuni degli effetti più comuni di queste patologie sono sanguinamento uterino, forte dolore pelvico e disturbi mestruali, in particolare per l’endometriosi la patologia è particolarmente subdola e infiltrante altri organi tanto da essere spesso tardivamente diagnosticata e in concomitanza con comorbidità. Tutto questo impatta fortemente sulla qualità di vita e quotidianità delle donne stesse affette da queste patologie.Secondo alcune stime di AOGOI (Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani) in Italia sarebbero affette da endometriosi il 10-15% delle donne in età riproduttiva; la patologia interessa circa il 30-50% delle donne infertili o che hanno difficoltà a concepire. Per quanto riguarda i fibromi, le donne affette in Italia sono circa 3milioni (il 20-40% delle donne in età fertile).Di tutto questo se ne è parlato nella sessione “Patologie benigne dell’utero: “Focus on fibromi ed endometriosi” – Patologie benigne e fertilità: Management e strategie”, della SUMMER SCHOOL 2022 – Il PNRR tra economia di guerra ed innovazione dirompente”, organizzata da Motore Sanità, con il contributo incondizionato di Abbvie, Gedeon Richter, Sanofi, Takeda, Becton Dickinson, Angelini Pharma, AstraZeneca, Boehringer Ingelheim, Chiesi, Daiichi-Sankyo, MSD, Novartis, Kite a Gilead Company, Janssen Pharmaceutical Companies of Johnson & Johnson, Alfasigma, CDI Centro Diagnostico Italiano, Galapagos Pioneering for patients, GSK, Eli Lilly, Lundbeck, Menarini Group, Servier, Siemens Healthineers, Technogenetics, Teva, VitalAire, Vree Health, Ipsen, Servizi Ospedalieri e UCB Pharma.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La manipolazione del microbiota intestinale

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2022

Secondo Annamaria Cattaneo, Responsabile del Laboratorio di Psichiatria Biologica dell’IRCCS Istituto Centro San Giovanni di Dio Fatebenefratelli di Brescia “la manipolazione del microbiota intestinale potrebbe potenzialmente contribuire, insieme alla concomitante assunzione di altre terapie farmacologiche, ad un rallentamento della malattia di Alzheimer”. In particolare, Cattaneo ha spiegato, al recente convegno sull’Alzheimer che si è svolto a Brescia, come il microbiota intestinale sia coinvolto nella patogenesi della malattia e perché potrebbe rappresentare un importante target terapeutico. “Noi ed altri gruppi di ricerca abbiamo osservato la presenza di uno stato infiammatorio alterato in pazienti con malattia di Alzheimer. Ad esempio, in alcuni lavori scientifici pubblicati negli ultimi anni abbiamo dimostrato che il microbiota intestinale contribuisce all’instaurarsi di tale stato infiammatorio ed anche ad una produzione alterata di alcuni metaboliti batterici che hanno un ruolo importante a carico della funzionalità del cervello. Avere uno stato infiammatorio aumentato nell’intestino significa che alcune molecole e metaboliti batterici dall’intestino (anche componenti batteriche) possono passare in circolo e raggiungere il cervello, dove possono contribuire allo sviluppo di diverse malattie neurodegenerative tra cui la malattia di Alzheimer. Questo ha aperto la strada a percorsi di prevenzione, dove trattamenti specifici con effetto protettivo per il microbiota, come ad esempio la dieta, l’assunzione di probiotici, fino a menzionare l’alternativa terapeutica più complessa come il trapianto fecale, potrebbero essere efficaci in una fase molto precoce della malattia. Nonostante molti studi debbano ancora essere condotti prima di poter introdurre la manipolazione del microbiota in campo clinico, e nuove strategie che abbiano come target il microbiota debbano essere implementate, sicuramente dobbiamo iniziare a pensare al microbiota intestinale come potenziale bersaglio terapeutico personalizzato”. Infine aggiunge, “anche il nostro gruppo di ricerca sta lavorando attivamente al fine di dimostrare che, manipolando la composizione del microbiota intestinale si riesce anche a modificare la biologia associata allo sviluppo della malattia di Alzheimer e quindi, agendo in fasi precoci di malattia, rallentarne anche la progressione. L’Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio FATEBENEFRATELLI (www.fatebenefratelli.it) è presente in 50 paesi dei 5 continenti, con circa 400 opere apostoliche.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Elezioni, USB: hanno vinto gli anti-Draghi. Ma il nuovo governo si appresta a seguire le orme di Draghi

Posted by fidest press agency su domenica, 2 ottobre 2022

Ancora una volta, come già fu alle elezioni politiche del 2018, hanno vinto le forze che hanno dato la sensazione di rappresentare la protesta e di interpretare l’insofferenza che si registra nella popolazione. Ha vinto il partito della Meloni, che non ha partecipato alla larghissima coalizione pro-Draghi, ed ha recuperato una buona fetta di consensi il Movimento Cinque Stelle, guidato da Conte, che è riuscito a smarcarsi da Draghi, avviando di fatto la crisi di governo che ha portato alle elezioni. Hanno perso invece tutte le forze che hanno convintamente sostenuto il governo del banchiere, a cominciare dal Pd, confermando la voragine che si va allargando tra l’establishment e lo stato d’animo di tanta parte del Paese.Se nel 2018 i due partiti che uscirono vittoriosi si erano presentati alle elezioni con un programma visibilmente diverso da quello del governo di allora, ora Fratelli d’Italia vince le elezioni con un programma di sostanziale continuità con il governo Draghi. All’epoca fu necessario l’intervento del presidente della Repubblica, che condizionò finanche la scelta dei ministri, e i paletti fissati dalla Commissione Europea riportarono nei ranghi i due partiti “antisistema” in occasione della legge di bilancio di fine anno. Oggi invece gli esponenti di FdI già propongono una condivisione con i ministri del governo Draghi per scrivere assieme la Finanziaria.Perché in realtà il governo a guida Meloni si appresta a governare nel segno della continuità. Sia sul fronte della politica estera e dei finanziamenti al riarmo della Nato, che su quello della politica economica.A sinistra non hanno superato lo sbarramento del 3% le formazioni che proponevano un’alternativa di sistema, scontando probabilmente il poco tempo che hanno avuto a disposizione. Chi ha riportato un innegabile successo è stato invece il Movimento Cinque Stelle che si è presentato con un programma radicale, con proposte spesso condivisibili. Adesso bisognerà vedere se si è trattato di semplice tattica elettorale o se i grillini hanno seriamente intrapreso una linea di azione in discontinuità con il loro recente passato di governo.La grande questione dei salari e dell’impennata dei prezzi (e delle bollette), che è il tema delle prossime settimane, sarà il banco di prova del prossimo governo. Proposte di seria discontinuità non ce ne sono nel programma elettorale di FdI: taglio del cuneo fiscale, flat tax, attacco al reddito di cittadinanza e poi tanto fumo sulla ridiscussione del PNRR. Sono né più né meno le idee che circolavano nel governo Draghi e che sono già nelle proposte di Confindustria e di larga parte della maggioranza uscente.Passata la sbornia elettorale, torna in campo la realtà dei problemi, resa sempre più cruda dalla prosecuzione della guerra e da una recessione ormai alle porte con al seguito migliaia di licenziamenti e un pesante attacco alle condizioni generali di vita per milioni di persone.L’USB ha già proclamato uno sciopero generale per il prossimo 2 dicembre assieme al mondo del sindacalismo di base. Non conosciamo ancora come sarà il prossimo governo né quali saranno le prime decisioni che assumerà, ma dal loro programma e dalla campagna elettorale appena conclusa, non è difficile intuire come si muoveranno. E pertanto sarà necessario costruire la più vasta mobilitazione possibile.Ritroveremo nelle piazze anche quelli che non volevano la caduta del governo Draghi e che a luglio diramarono appelli affinchè Draghi restasse. Ritroveremo quelli che hanno sostenuto l’establishment ed hanno favorito lo spostamento a destra del clima generale del paese, regalando il governo alla Meloni. Sarà bene ricordarselo per non abboccare a nuove illusioni unitarie e avendo a cuore l’indipendenza e la chiarezza dei nostri obiettivi. Primo fra tutti: abbassate le armi – alzate i salari.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »