Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 35 n°33

Archive for 7 novembre 2022

Sono quasi 4 milioni gli italiani che soffrono di disturbi dell’alimentazione

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 novembre 2022

Il 70% di loro sono adolescenti. Per queste patologie, la possibilità di avere accesso in tempi brevi alle cure può fare la differenza tra la vita e la morte. In Italia, tuttavia, la risposta non corrisponde alla richiesta e molti centri specializzati chiudono. Per rispondere all’aumento dei casi, “Lo Specchio Dan”, realtà che si occupa da anni di questi disturbi – accogliendo pazienti da tutta Italia tramite il SSN – inaugura una nuova struttura che sarà presentata nel corso della conferenza stampa in programma mercoledì 9 novembre a Domusnovas (SU), in Sardegna, con la partecipazione di rappresentanti istituzionali, medici, operatori e testimonianze di pazienti. Questo permetterà a tutti coloro, in Italia, che soffrono di queste patologie di essere accolti e curati in una nuova realtà. I giornalisti potranno seguire la conferenza anche in streaming.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Tumore del polmone a piccole cellule

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 novembre 2022

Milano, mercoledì 9 novembre 2022, ore 11.30 Fondazione Feltrinelli (Viale Pasubio 5, Sala Lettura). Si terrà una conferenza stampa con gli interventi di Andrea Ardizzoni (Ordinario di Oncologia Medica all’Università di Bologna), Lorenza Landi (Oncologia Medica 2, Istituto Nazionale dei Tumori Regina Elena, Roma), Silvia Novello (Presidente WALCE, Women Against Lung Cancer in Europe, e Ordinario di Oncologia Medica all’Università degli Studi di Torino) e Mirko Merletti (Vice Presidente Oncology AstraZeneca). È prevista anche la diffusione in streaming dell’evento. La registrazione è obbligatoria e va effettuata prima dell’inizio dell’evento.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

«Colonialismo dei dati»? Cosa sta accadendo all’ordine sociale?

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 novembre 2022

Roma giovedì 10 novembre, dalle ore 18.30 alle 20, nell’Aula Magna Regina della John Cabot University, in via della Lungara 233, Trastevere conferenza su «colonialismo dei dati»? Cosa sta accadendo all’ordine sociale? ’evento è organizzato dal Dipartimento di Comunicazione della JCU, nell’ambito degli appuntamenti del ciclo “Digital Delights and Disturbances”.«I dati sono il nuovo petrolio: vengono estratti dalle piattaforme social in maniera indiscriminata e spesso poco trasparente», ha dichiarato Donatella Della Ratta, docente di Comunicazione alla JCU. «Il lavoro di Couldry – ha proseguito – mette in luce gli aspetti più problematici di questo “capitalismo dei dati”, che genera una sorta di nuovo colonialismo, da cui derivano, inoltre, pesanti ricadute sull’ambiente. Più dati vengono prodotti e commercializzati, infatti, più c’è bisogno di server per il loro stoccaggio e di risorse energetiche per assicurarne il mantenimento».Gli ultimi due libri di cui Nick Couldry è coautore, “The Costs of Connection” (con Ulises A. Mejias) e “The Mediated Construction of Reality” (con Andreas Hepp), saranno alla base della conferenza. La versione in lingua italiana del primo sarà presentata alla Biennale Tecnologia di Torino venerdì 11, giorno successivo all’intervento di Couldry presso la JCU, col titolo “Il prezzo della connessione. Come i dati colonizzano la nostra vita e se ne appropriano per far soldi”. By http://www.johncabot.edu/

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Italia: non è un Paese per giovani

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 novembre 2022

Chissà come finirà con questa storia della legge ad hoc per impedire i raveparty (e non solo). Vedremo. Una cosa emerge: l’Italia sembra non essere un Paese per giovani. Certo, ci sono giovani e giovani. Inclusi quelli che non vanno ai concerti e ai cortei o che sfilano a Predappio, ma innegabilmente esistono anche i giovani che vanno ai raveparty… e non sono pochi. Qualcuno ritiene che lo Stato debba obbligarli ad essere come lui vuole, ma riteniamo ardua questa impresa e, di conseguenza, comprendiamo che questi “qualcuno” si facciano forti solo grazie ai rigori di leggi ad hoc.Intanto, però, esiste il conformismo che, nella fattispecie, si manifesta con la rincorsa ad essere “più reali del re”.Sembra che di questo si sia ammantato il neo-ministro della Giustizia, Carlo Nordio che, partito in quarta con affermazioni e speranza garantiste, sembra si sia arenato nella melma della sua maggioranza. E su questo ne vedremo delle belle: persone, associazioni, aziende, istituti, fondazioni, partiti, cooperative… e chi più ne ha più ne metta: tutte prese dal consueto “dobbiamo pur vivere”.In proposito, prendiamo atto di una sentenza dei giorni scorsi di un giudice di Grosseto:a conferma che le leggi in materia già ci sono, ha assolto 11 giovani fermati a caso tra i migliaia di un rave ad Orbetello nel 2016, assolvendoli dall’accusa di occupazione abusiva, ma condannandoli a complessivi 11mila euro per i danni arrecati alla proprietà (danni che non si capisce quali siano stati, visto che i ragazzi, dopo il rave in un posto abbandonato, avevano anche pulito tutto).Di cosa ci lamentiamo? Dell’allineamento, suo malgrado e con una certa ipocrisia, del giudice di Grosseto alla filosofia giuridica della legge anti-rave del nuovo governo… addolcendola usando “solo” le leggi già esistenti, ma non rinunciando al voler dire ai ragazzi che certe cose non si fanno… ed ecco il risarcimento dei danni inesistenti. Il classico “un colpo alla botte ed uno al cerchio”.Questo a significare che il nostro Paese non è per giovani anche nella versione senza legge anti-rave … figuriamoci con questa nuova legge.Siamo messi male. Invece di porsi il problema (e risolverlo) che sarebbero necessari spazi adeguati per questi raduni musicali, si cerca solo di penalizzarli. Impedendoli del tutto (governo) o punendoli economicamente (giudice di Grosseto). Vincenzo Donvito Maxia http://www.aduc.it

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’addio di Letizia Moratti al centrodestra

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 novembre 2022

By Enrico Cisnetto. Il suo cognome inizia con la “M” e finisce con la “i”, è donna, ha una storia politica di centro-destra e si candida a scompaginare i precari e purtuttavia duraturi equilibri della politica italiana (la transizione infinita). No, non è Giorgia Meloni. O meglio, non è solo lei. Parlo di Letizia Moratti, che si è appena dimessa da vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia per avere la libertà di potersi candidare, la primavera prossima, alla presidenza della Regione medesima. A prima vista l’accostamento può sembrare improprio: Meloni è capo del governo centrale, Moratti aspira a diventare capo del governo lombardo. E, senza sottovalutare il peso della regione più importante d’Italia, sono due condizioni imparagonabili. Ma se si ragiona sul piano più strettamente politico, si vedrà che le cose stanno diversamente. Vediamo perché.Meloni è oggetto di un investimento emotivo da parte di un crescente numero di italiani, che certamente va ben oltre il perimetro della destra da cui proviene, anche di quella post fascista di An che Gianfranco Fini con indubbia capacità seppe allargare. Ora, per i governi la luna di miele è sempre esistita e il primo esecutivo guidato da una donna a maggior ragione non fa eccezione. Inoltre, da tempo si è diffusa l’aspirazione a mettersi nelle mani dell’uomo (o donna) del destino (salvo poi tramutare, con velocità sempre più crescente, l’aspettativa in delusione). Ma la sensazione è che nel caso di Meloni l’attesa messianica sia sopra la media, e riguardi anche chi sta politicamente altrove. Le ricerche demoscopiche sono eloquenti: tutti i sentiment negativi sono in calo, anche vistosamente, mentre tutti quelli positivi sono in crescita, anche significativa. Certamente, per la prima volta dal 2008 dalle urne è uscita un’indicazione chiara, per quanto figlia più dei meccanismi elettorali maggioritari che non di una quantità di voti consistente (considerato che il centro-destra rispetto al 2018 ha perso elettori e non va oltre il 26% degli aventi diritto al voto). Questo, almeno sulla carta, garantisce a Meloni un mandato politico forte. Nello stesso tempo, però, la costringe a dare subito dimostrazione che la sua è una leadership vera e duratura. Pena, altrimenti, una altrettanto rapida trasformazione nell’ennesima meteora. E la fretta, sommata all’inesperienza nella gestione dei processi di governo e nella guida della macchina amministrativa, è cattiva consigliera.Lo si è visto in questi primi giorni in cui l’ansia di imprimere fin da subito un marchio identitario al suo governo – chissà perché, poi, visto che la campagna elettorale è finita e il suo mondo è l’ultimo cui deve guardare se vuole giocare a tutto campo – le ha fatto commettere una sequela di errori da matita blu. Dalla “amnistia no vax” per i medici e il personale sanitario non vaccinati Covid – sicuramente il più grave, perché il messaggio è devastante a fronte di un’utilità pratica pari a zero – al pasticciato e inutile decreto anti raduni rave (esistono già le leggi che servono, basta applicarle), dall’innalzamento della quota di contante spendibile (nessun tabù ideologico, ma non era né il momento né il modo), all’approccio muscolare sugli sbarchi (verso navi ong che portano il 10% del totale degli immigrati accolti). Oltretutto polemizzando con l’Europa, proprio quando era in programma il primo viaggio della presidente del Consiglio a Bruxelles, con un’agenda (sbagliata per un approccio iniziale) tutta all’insegna del “battere cassa”.Ora ci si domanda se tutto questo sia una sorta di pedaggio pagato al noviziato e un riflesso condizionato dall’abitudine all’approccio ideologico e propagandistico, destinato a lasciar spazio alle vere priorità. E anche se, pure alla luce delle divisioni dentro la maggioranza, non finirà col prevalere la tentazione di sovvertire le priorità stravolgendo l’agenda, quella ereditata da Draghi per capirci, fatta da impegni e scadenze da rispettare e garanzie da assicurare, a favore di un’accozzaglia di misure “segnaposto” prive di rilevanza strategica, se non peggio. E ci si chiede quale abito indosserà Meloni in Europa. Antonio Polito, per esempio, le ha saggiamente suggerito di evitare quello sovranista tante volte messo a Roma, magari pensando che possa essere una carta da giocare quella di sbandierare l’investitura popolare ricevuta il 25 settembre. In quel consesso tutti i paesi sono sovrani e tutti i governi sono legittimati (eletti direttamente o per via parlamentare, non fa differenza) per cui la vera partita si gioca sul terreno del “sovranismo europeo”, dentro tutte le istituzioni comunitarie, Ue e Bce in testa. Partita che richiede la costruzione di alleanze, la ricerca paziente del consenso, l’uso intelligente della mediazione e del compromesso. Non i pugni sul tavolo. Specie se il tuo debito è grande e gravoso, i tuoi difetti tanti e strutturali, il tuo bisogno degli altri alto e cogente.Soprattutto, Meloni deve guardare in faccia la realtà politica che la circonda: deve gestire tre partiti di maggioranza riottosi (di cui uno già spaccato e un altro che potrebbe diventarlo presto) e fronteggiare quattro opposizioni (oltre a Pd, 5stelle e Terzo Polo, c’è anche un fronte massimalista che salda trasversalmente grillini, sinistra radicale e ala sinistra Pd, che Francesco Verderami ha ribattezzato “intergruppo degli intransigenti”), che praticano un confusionario “tutti contro tutti”. Ora, Meloni deve decidere se prendere atto di questo contesto balcanizzato nell’ipotesi (illusione?) di poterlo governare. O se provare, magari non subito ma neppure troppo in là, a produrre cambiamenti nel sistema di alleanze, spaccando il proprio fronte ma anche quello avverso. Non so dirvi la presidente del Consiglio quale strada sceglierà, se quella conservativa o quella coraggiosa, ma so che sul terreno della scomposizione e ricomposizione del quadro politico avrà in Letizia Moratti una concorrente agguerrita.Le dimissioni dell’ex ministro berlusconiano ed ex presidente Rai in quota Forza Italia – peraltro date a fronte dei primi provvedimenti del governo Meloni, da cui ha preso esplicita distanza – la sciolgono dal legame quasi trentennale con il centrodestra. Contemporaneamente la inseriscono nel triangolo tra la sua lista civica ormai pronta (“LM”, come “Lombardia Migliore” ma anche come Letizia Moratti), il Terzo Polo che sembra deciso sostenerla e, forse il Pd per intero, se riuscirà a capire che si tratta di un’opportunità. Oppure parte di esso, se su questa partita la componente riformista che in Lombardia conta su due sindaci come Beppe Sala (già direttore generale del Comune di Milano con Morati primo cittadino) e Giorgio Gori vorrà andare fino in fondo, anche a costo di una scissione. E siccome escludo che la componente massimalista dei Democratici accondiscenderà mai – i giornali riportano che la reazione è da vuoto pneumatico mentale: “non si capisce perché il Pd dovrebbe sacrificare il suo profilo per una candidata di destra quando la Lombardia è una regione male amministrata che si può riconquistare, non cadiamo nella trappola di Renzi e lavoriamo a un candidato di centrosinistra come Cottarelli” – penso che l’unica possibilità sia quella della scissione, che peraltro auspico con gran convinzione. Ma con tutta evidenza in ballo non c’è soltanto il pur importante governo della Lombardia, magari con un effetto collaterale sul Lazio che andrà anch’esso al voto l’anno prossimo. No, si tratta di un’operazione che guarda oltre, destinata ad avere conseguenze nazionali. Renzi lo ha ben chiaro (“se la Moratti si candida è un fatto rilevante politicamente”), ci vede l’embrione di una rottura della maggioranza di governo e la creazione di nuovi equilibri. Moratti è in grado di aggregare un’area di centro che può offrire una sponda sia ai delusi del centrodestra o comunque di chi teme una deriva illiberale, sia ai moderati e riformisti del centrosinistra stanchi dell’immobilismo del Pd, frutto di una convivenza innaturale sotto lo stesso tetto con la componente più massimalista e populista, che non a caso continua a strizzare l’occhio a Conte. Con effetti collaterali molto importanti: la crisi della Lega in salsa Salvini se il candidato Attilio Fontana, contestato presidente uscente, dovesse uscire sconfitto; un passo ulteriore verso la disintegrazione di Forza Italia, dopo l’uscita di figure come Renato Brunetta (che Moratti potrebbe facilmente recuperare), Maria Stella Gelmini e Mara Carfagna; la scissione del Pd.Tutte conseguenze, queste della discesa in campo di Moratti, che a ben vedere non dovrebbero dispiacere a Meloni, anzi. Ecco perchè se fossi nei suoi panni, non solo non vedrei affatto male l’operazione Moratti, ma farei di tutto per favorirla. Vuoi vedere che le due “M” femminili della politica italiana tirano un sasso nell’acqua imputridita dello stagno della politica italiana che pensiona il fallimentare bipolarismo e finalmente produce qualche vero e salutare cambiamento? By Enrico cisnetto direttore http://www.terzarepubblica.it

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Calano del 4,6% le richieste di finanziamento dalle imprese nel III trimestre

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 novembre 2022

Superata l’emergenza liquidità, che aveva duramente colpito le imprese durante la fase più critica della pandemia inducendole ad incrementare la provvista di credito, nel III trimestre del 2022 il numero di richieste di credito presentate dalle imprese italiane ha fatto segnare una flessione del -4,6% rispetto al corrispondente periodo 2021. Entrando nel dettaglio, la dinamica in atto riguarda principalmente le imprese individuali che, nel periodo preso in esame, fanno segnare un -11,9%, mentre le richieste provenienti dalle società di capitali si sono mantenute sostanzialmente stabili (-0,8%). Al contempo si riscontra una decisa crescita dell’importo medio richiesto, (+18,45%), che si è attestato a 123.691 euro. Per quanto riguarda le imprese individuali, che rappresentano la spina dorsale del tessuto economico e produttivo nazionale, l’importo medio dei finanziamenti richiesti è risultato pari a 36.374 euro (in calo del -2,6% rispetto al corrispondente periodo 2021) contro i 163.891 euro delle società di capitali (+17,7%). Queste le principali evidenze che emergono dall’ultimo aggiornamento del Barometro CRIF, nel quale vengono analizzate in modo puntuale le istruttorie di finanziamento registrate in EURISC, il Sistema di Informazioni Creditizie gestito da CRIF.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lavoro: Cia, manodopera agricola diventi tema prioritario nuovo Governo

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 novembre 2022

Interventi urgenti sulla flessibilità per la manodopera e un’azione decisa sul Decreto flussi, oltre al tema della sicurezza sul luogo di lavoro, degli aggiustamenti necessari alla legge sul caporalato e l’aumento delle pensioni minime. Queste le priorità del settore agricolo, presentate oggi dal presidente di Cia-Agricoltori Italiani, Cristiano Fini, nell’incontro che la neo ministra del Lavoro, Marina Calderone, ha tenuto con le parti sociali.Per Cia, il fabbisogno di manodopera delle aziende agricole è legato a determinati periodi dell’anno. E’, dunque, necessario mettere in campo politiche per una maggiore semplificazione e flessibilità del lavoro stagionale, per consentire a giovani, pensionati e percettori di reddito di cittadinanza di integrare i loro proventi con il lavoro occasionale in agricoltura, senza oneri eccessivi per le imprese. E’ importante ribadire che, in passato, strumenti come i voucher non abbiano mai sostituito i contratti tradizionali in agricoltura. Ne è riprova il trend delle assunzioni, che nel settore è sempre stato positivo.In merito alla manodopera agricola, per Cia è altrettanto importante l’approvazione del Decreto flussi che consentirebbe l’assunzione di 130 mila lavoratori, un’ampia quota dei quali deve essere riservata agli agricoli. Cia è preoccupata anche per lo sblocco delle pratiche relative al 2021, in un Paese in cui la manodopera straniera rappresenta stabilmente un terzo (29,3%) della forza lavoro complessiva del settore.Fra gli altri temi toccati, anche quello della sicurezza nei campi, con l’obiettivo di ridurre al minimo il numero degli incidenti agricoli. Occorrono incentivi per l’acquisto di dispositivi di protezione, oltre a quelli per il rinnovamento delle infrastrutture produttive (età media oltre i 26 anni), tanto atteso dalle aziende, in modo da permettere la sostituzione di trattori, attrezzature e macchine per trasformazione dei prodotti agricoli con mezzi più moderni, tecnologici e a bassa emissione CO2. In merito alla legge 199/2016 sul caporalato, Cia ritiene che la parte preventiva del provvedimento stenti ancora a decollare. Mancano le convenzioni per trasporto e alloggio dei lavoratori e la Rete del Lavoro Agricolo di Qualità non può funzionare senza un sistema efficace di premialità per le aziende.“Bisogna aumentare le pensioni al minimo, che riguardano una platea di oltre 1,7 milioni di anziani, di cui un terzo sono ex agricoltori –ha dichiarato il presidente Fini-. Dalle 400 euro attuali –in media- si dovrebbe arrivare a 780 euro mensili per adeguarsi a tutti i parametri previsti dalle norme nazionali ed europee sui livelli di povertà. Nonostante l’Italia sia uno dei Paesi più agricoli dell’Ue, le pensioni sono fra le più basse e i nostri pensionati, che tendono a restare nelle zone rurali dove il welfare è deficitario rispetto alle aree urbane, non hanno i mezzi per accedere ai servizi minimi essenziali e far fronte alle necessarie prestazioni sanitarie”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Senza acqua non c’è agricoltura, né cibo”

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 novembre 2022

“Per questo, di fronte alla crisi climatica, è quantomai urgente dotare il territorio italiano di infrastrutture, capaci di incrementare la capacità di stoccare le acque di pioggia, da anni ferma all’11%, mentre Spagna e Portogallo ne trattengono oltre il 35%. Il Piano Laghetti, proposto da ANBI e Coldiretti, risponde a questa esigenza in sintonia con l’ambiente”: a ribadirlo è Massimo Gargano, Direttore Generale dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI), intervenuto al Forum Acqua di Legambiente.“Un esempio evidente – prosegue il DG di ANBI – arriva dalla Sardegna dove, ad esempio, nell’estate più calda da quando sono iniziate le rilevazioni meteo, l’invaso del Liscia ha salvaguardato l’economia agricola della Gallura.” “Ciò ha significato che l’estate siccitosa ha pesato prevalentemente su quei territori penalizzati dall’assenza di una rete di distribuzione consortile, mentre nei territori serviti, la risorsa idrica è sempre stata disponibile” precisa Marco Marrone, Presidente del Consorzio di bonifica della Gallura.“Questa è un’evidenza importante – sottolinea il Presidente di ANBI, Francesco Vincenzi – perché, soprattutto nell’Italia centro-settentrionale, l’insufficiente presenza di bacini di accumulo ha negato la garanzia di approvvigionamento idrico ad interi territori agricoli, creando complessivamente 6 miliardi di danni, mentre in Sardegna si è dimostrato che gli investimenti sui serbatoi sono serviti a contrastare la siccità.” “Per questo – aggiunge Giosuè Brundu, Direttore dell’ente consortile della Gallura – all’orizzonte ci sono altri importanti progetti: dalla realizzazione di un nuovo invaso al rifacimento di 28 chilometri del canale adduttore dalla diga del Liscia, dove dovrebbe essere installata anche una centrale idroelettrica in una logica di sostenibilità, che prevede pure l’interconnessione fra reti per l’utilizzo delle acque reflue, nel rispetto delle indicazioni comunitarie.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Cia e i suoi giovani, protagonisti a Eima 2022

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 novembre 2022

Bologna Fiere (Via della Fiera, 20) dal 9 al 13 novembre.Ricerca e formazione, cambiamenti climatici, agroenergie e Pac, i focus tematici al centro delle tante iniziative in agenda per l’edizione 2022 di Eima e che rinnovano l’impegno dell’organizzazione per “La transizione ecologica e digitale” attraverso “Innovazione, tecnologie e persone”.Protagonisti, gli Agricoltori Italiani di Cia, i suoi giovani imprenditori agricoli e l’Associazione Agricoltura è Vita, promossa da Cia per Formazione, Ricerca e Divulgazione che hanno messo a punto una ricca rassegna di incontri sulla scia della lunga sinergia con FederUnacoma e ItaSF – Rete Istituti Agrari Senza Frontiere. Tanti, poi, i workshop di approfondimento sulla Pac e le energie rinnovabili, rispettivamente con il CAA-Cia ed ESCO Agroenergetica. Infine, immancabile il punto dedicato ai progetti europei attivi, da Life ADA a EUWAY. Ad accomunarli, la volontà di continuare a fare rete per incentivare e promuovere buone pratiche attorno al grande tema dell’agricoltura 4.0 che è innovazione tecnologica e sostenibilità, governance europea dei dati e ruolo della Pac 2023-2027, fiscalità e agroenergie, scuola e agriskills.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Innovazione tecnologica in agricoltura

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 novembre 2022

Deve essere resa accessibile anche ai piccoli e medi coltivatori se si vuole perseguire un progresso equilibrato, che apporti beneficio all’intera collettività – dichiara Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. L’ultimo rapporto sullo Stato dell’Alimentazione e dell’Agricoltura (Sofa) 2022 della Fao sottolinea che l’automazione può svolgere un ruolo importante per rendere la produzione alimentare più efficiente e rispettosa dell’ambiente, in linea con gli Obiettivi di sviluppo sostenibile. Ma affinché ciò avvenga la sua diffusione deve essere omogenea.Il documento della Fao evidenzia un problema di ampia portata – continua Tiso. Il nodo dell’accessibilità è infatti centrale per tutte le innovazioni che riguardano le fasi produttive e distributive, dal campo alla tavola. Basti pensare alle molteplici applicazioni dell’Agricoltura 4.0, con i vantaggi che può generare la digitalizzazione in termini di risparmio di risorse e di maggiore produttività. Tra gli attori del settore c’è ancora poca chiarezza su come sfruttare queste opportunità. È per questo necessario investire per migliorare le competenze e gli strumenti a disposizione a partire dalle piccole e medie imprese agricole, che devono essere sostenute in questa transizione e messe nelle condizioni di accedere alle tecnologie più moderne. L’obiettivo è realizzare una filiera corta, capace di produrre alimenti di massima qualità in maniera sostenibile.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rubix S.p.A acquisisce SCR Tools

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 novembre 2022

Rubix S.p.A., la più grande realtà Italiana nella distribuzione di forniture industriali e nei servizi per l’industria, prosegue la propria strategia di crescita con l’acquisizione dell’azienda bresciana SCR Tools, specializzata nella distribuzione di utensili da taglio e prodotti e servizi associati. Con questa operazione passa a Rubix anche la quota di maggioranza detenuta da SCR in S.A.I.FRA International, fornitore di utensili costruiti su disegno del cliente, con sede a Bologna. Complessivamente le aziende contano 40 dipendenti e nel 2021 hanno generato un fatturato di 16 milioni di euro.SCR Tools è stata fondata nel 1999 a Brescia e ha una filiale a Bergamo. Il suo settore è la fornitura di utensili, attrezzature e strumenti di misura nel settore delle lavorazioni meccaniche di precisione. Tecnologia, innovazione e consulenza personalizzata sono i fattori che hanno permesso a questa azienda di affermarsi quale “specialista per gli specialisti”, in grado non solo di fornire i migliori prodotti sul mercato, ma anche di garantire consulenza e supporto tecnico per migliorare l’efficienza delle aziende clienti. S.A.I.FRA, fondata nel 1978, è invece produttore di utensili speciali per l’industria meccanica di precisione ed è diventata S.A.I.FRA International nel 2018, con la partecipazione di SCR. Rubix S.p.A., parte del gruppo europeo Rubix, è la realtà numero 1 in Italia nella distribuzione di forniture industriali. Con i suoi prodotti e con i servizi offerti dal suo team di professionisti, Rubix è il partner ideale delle aziende manifatturiere, dalle piccole imprese alle realtà internazionali multi-sito, per tutto ciò che riguarda manutenzioni, riparazioni e revisioni industriali. https://it.rubix.com/

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Natale a Venezia: I racconti della vigilia

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 novembre 2022

Antologia a cura di Elisabetta Tiveron e Caterina Schiavon. Diciotto racconti d’autore, con una prefazione narrativa firmata dal più famoso e amato duo comico veneziano, che si collocano nel momento più prossimo al Natale, in una Venezia più che mai sorprendente e fuori dagli schemi. La vigilia di Natale, a Venezia, non è solo preparazione di piatti tradizionali, auguri tra amici e parenti, ultimi acquisti, attesa. È il riaffiorare di tempi perduti, di legami, di modi. È il deflagrare di sentimenti estremi, ed estremamente umani. È la potenza di un luogo unico al mondo, che sempre mescola ritemprante bellezza e oscuro mistero, voci e silenzi. Questo e molto altro, in un moltiplicarsi di ambientazioni che a partire dal cuore della città si aprono, intrecciano isole e terraferma, portano chi legge a spasso in un piccolo mondo liquido racchiuso nell’abbraccio del litorale da un lato, e della gronda lagunare dall’altro.Il terzo volume dell’antologia natalizia offre al lettore una visione più allargata, storie che si dipanano in un ampio lasso di tempo e in uno spazio – fisico, emotivo – che non sempre coincide con l’immaginario legato a Venezia, ma che risulta essere molto più aderente al reale, in forme e contenuti. Una modalità che fa emergere anche le criticità (dallo spopolamento, all’overturismo, ai rischi del cambiamento climatico) che si celano dietro la facciata di una città spettacolare, sognata, desiderata ma anche assai problematica, contraddittoria, finanche sconosciuta.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

SAFEBREATH.NET: nuova rete d’imprese si presenta in conferenza stampa

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 novembre 2022

Rimini Fiera ecomondo martedì 8 novembre alle ore 12 nella sala blu. Chairman: NICOLA SALDUTTI – Caporedattore Economia Corriere della Sera. Introduzione: FABRIZIO STELLUTO – Vicepresidente Vicario U.N.A.R.G.A. (Unione Nazionale Associazioni Regionali Giornalisti Ambientali) E seguono BRUNO FERRARESE Co-Presidente Idrobase Group – Borgoricco (PD), PAOLO MION Ceo Mion Ventoltermica Depurazioni – Maserada sul Piave (TV) ALBERTO SIBILIA Managing Director Sibilia – Castelletto Sopra Ticino (NO)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Antitrust: sanzione da 1,4 mln a Poste

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 novembre 2022

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha concluso un’istruttoria nei confronti di Poste Italiane S.p.A. e ha irrogato una sanzione di 1,4 milioni di euro in riferimento alla sua attività di collocamento e di gestione dei Buoni Fruttiferi Postali. “Bene, era ora! I comportamenti di Poste Italiane sui buoni postali sono da anni a dir poco inqualificabili. Troppo spesso per ottenere giustizia si deve agire in giudizio, cosa che purtroppo non tutti i consumatori fanno, finendo così per rinunciare alle loro giuste pretese“ afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “In questo caso, poi, perdere capitale e interessi solo per una dimenticanza, grida vendetta al cielo. Ora speriamo che il consumatore sia correttamente informato e vigileremo perché questo accada” conclude Dona.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Premio Internazionale Semplicemente Donna

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 novembre 2022

Arezzo venerdì 18 e sabato 19 novembre ben undici realtà scolastiche della provincia di Arezzo ospiteranno una serie di incontri che permetteranno a centinaia di studenti e studentesse di entrare direttamente in contatto con le premiate dell’edizione 2022 e con alcune grandi protagoniste dell’albo d’oro del Semplicemente Donna come Dacia Maraini, Laura Roveri, Filomena Lamberti, Jasvinder Sanghera, Isabel Russinova, Widad Akrei e Vjosa Dobruna. In occasione del suo decimo anniversario, il Premio Internazionale Semplicemente Donna ha, inoltre, voluto ampliare il proprio impegno verso il mondo della scuola e dei giovani, mettendo in pista la II edizione del Concorso di Borse di studio “Giù le mani, il diritto di contare e allargando il parterre degli istituti che prenderanno parte al progetto. Nelle vallate, oltre a far visita all’I.S.S “Luca Signorelli” di Cortona, al Liceo “Giovanni da Castiglione” di Castiglion Fiorentino, all’I.S.I.S. “Angelo Vegni – Capezzine”, il premio approderà all’I.T.E “Guido Marcelli” di Foiano della Chiana e all’I.I.S “Benedetto Varchi” di Montevarchi. Ad Arezzo, invece, agli alunni e alle alunne del Liceo “Vittoria Colonna” e dell’I.T.I.S “Galileo Galilei”, si aggiungeranno quelli dell’I.S.I.S “Buonarroti – Fossombroni”, del Liceo “Piero della Francesca”, del Liceo scientifico “Francesco Redi”, e i giovani di Rondine Cittadella della Pace. Presentata dall’azienda aretina Menchetti, la X edizione del premio metterà in calendario anche altre iniziative collaterali che anticiperanno la cerimonia di premiazione di venerdì 18 novembre, condotta dalla giornalista di Sky Tg24 Monica Peruzzi. La tre giorni della manifestazione sarà, infatti, inaugurata giovedì 17 novembre alle 15.30 con l’appuntamento negli studi televisivi di Teletruria per la registrazione di una trasmissione, condotta da Luca Caneschi, che avrà come ospiti Laura Roveri, Filomena Lamberti e Isabel Russinova. A seguire, alle 17.30, presso la libreria Feltrinelli di Arezzo, Isabel Russinova presenterà il suo ultimo libro “Non svegliate Baba Roga”. Nello stesso pomeriggio, spazio anche all’evento promosso dall’associazione AIDDA Delegazione Toscana: una conferenza allo Chalet Fontana di Firenze che vedrà la partecipazione di Vjosa Dobruna, premio “Coraggio e Solidarietà” nel 2014, e Giuseppina Mengano Amarelli cui andrà il premio nella categoria “Imprenditoria per il sociale”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Povertà energetica e solidarietà: per la Giornata mondiale dei poveri la Caritas di Roma presenta “Sguardi”, nuova collana editoriale

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 novembre 2022

Roma. La presentazione del quaderno avverrà mercoledì 9 novembre, alle ore 15.30, nella Sala “Ugo Poletti” del Vicariato di Roma (piazza San Giovanni in Laterano, 6), in occasione della Giornata mondiale dei poveri che verrà celebrata domenica 13 novembre. Durante l’incontro verrà presentata anche la campagna di solidarietà “Bolletta sospesa”, una raccolta straordinaria di offerte da destinare al Fondo Famiglia della Caritas diocesana finalizzato proprio al sostegno delle persone e delle famiglie in maggiori difficoltà con le utenze di luce e gas. All’incontro interverrà Giustino Trincia, direttore della Caritas di Roma, insieme ai curatori del quaderno e ai responsabili dei Centri di ascolto delle parrocchie romane.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conferenza stampa: Lancio della rivista: Nutrimentum et Curae

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 novembre 2022

Roma 11 novembre 2022, ore 11:30 – 13:30 Hotel Nazionale, Piazza di Monte Citorio, 131. è una nuova rivista medica peer-reviewed nata per condividere i risultati di tutta la ricerca ed innovazione, presente e futura, che vede il ruolo centrale della nutrizione come strumento di cura e benessere psicofisico. Una rivista in cui tradizione e tecnologia, scienza e natura, formazione e innovazione, natura e benessere, ricerca e cura, si possano incontrare e coesistere per offrire risposte e nuove soluzioni ai bisogni delle persone. L’obiettivo è quello di favorire il confronto interdisciplinare e il miglioramento delle conoscenze su tutti gli aspetti legati all’alimentazione, al benessere e all’ambiente a 360 gradi in un concetto integrato di “One Health”. EDITOR IN CHIEF: Prof. Antonio Gasbarrini, ASSISTANT EDITOR: Prof. Francesco Franceschi Modera: Andrea Pancani. Intervengono su:“Siamo quello che mangiamo”: l’obiettivo e lo scopo di Nutrimentum et Curae Prof. Antonio Gasbarrini, Editor in Chief di Nutrimentum et Curae. il Professore Ordinario di Medicina Interna dell’Università Cattolica, Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS di Roma. Su L’importanza della ricerca scientifica basata sull’evidenza in agricoltura il Dott. Mauro Tonello, Presidente di Sis (Società Italiana Sementi) e su: Il rafforzamento del sistema immune: dal microbiota alla nutraceutica il Prof. Francesco Franceschi, Assistant Editor di Nutrimentum et Curae. Professore Ordinario di Medicina Interna dell’Università Cattolica, Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS di Roma I take home message dei primi 5 articoli Prof.ssa Stefania Colantuono, Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche, Fondazione Policlinico A. Gemelli IRCCS, Rome, Italy Prof. Marcello Covino, Emergency Department, Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Prof.ssa Maura Di Vito, Dipartimento di Scienze Biotecnologiche di Base, Cliniche Intensivologiche e Perioperatorie Università Cattolica del Sacro Cuore, Rome, Italy Prof. Emanuele Rinninella, UOC di Nutrizione Clinica, Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche, Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli – IRCCS, Rome, Italy Prof. Vittorio Unfer, The Experts Group on Inositol in Basic and Clinical Research (EGOI), Rome, Italy

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Esce “Buhayrat” il secondo volume di PierAlberto Faina

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 novembre 2022

E’ uscito in tutte le librerie e nei web stores “Buhayrat”, il secondo volume della trilogia fantastorica basata sulle gesta dell’amazzone Helenasya, che si svolgono nell’antica terra anatolica di quattromila anni fa, scritto da Pieralberto Faina edizioni Terre Sommerse. La storia narra del feroce Elchijsed, che, dopo la cattura e detronizzazione del Grande Re Haptumeset, prende il potere sull’impero astita e instaura un regno sanguinario. Helenasya capisce che deve liberare Haptumeset a ogni costo, nella speranza che il popolo, sapendo l’antico sovrano di nuovo libero, lo rimetta sul trono. L’amazzone ha però bisogno che Serocle, esule re di Tabrea, si batta al suo fianco, ma questi è però lontano, avendo trovato rifugio nel cuore della terra di Atlantis (Sardegna). Helenasya e il saggio Paristos riescono però a raggiungerlo e informarlo delle scelleratezze di cui si sta macchiando Elchijsed, così che, Serocle decide di intervenire al suo fianco. Haptumeset viene infine liberato ma, per riappropriarsi del potere deve prima sconfiggere Elchijsed, che, purtroppo, dispone di preponderanti forze militari. Haptumeset ha quindi bisogno di alleati, da ricercare tra le potenti città stato sumere, ma i re (lugal) sono restii a intervenire. Elchijsed, operando con astuzia, riesce ad attirare l’armata di Haptumeset al centro della Mesopotamia dove, a fianco del fiume Eufrate, si trova il grande lago alluvionale Buhayrat: lì si svolgerà la grande battaglia finale. Il teatro dello scontro è favorevole a Elchijsed che si illude di cogliere una facile vittoria, ma i suoi avversari si battono con vigore per uscire dall’insidia mortale. Nel romanzo non si narra solo della battaglia di Buhayrat, ma si intrecciano molteplici vicende, tutte avvincenti, come il grande amore che lega Helenasya a Serocle e non mancano interessanti momenti di introspezione. Sarà un susseguirsi di colpi di scena che sorprenderanno il lettore, che rimarrà con il fiato sospeso fino all’ultima pagina. sito: https://www.terresommersegroup.com/store/p877/BUHAYRAT_di_Pieralberto_Faina.html

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

PinchukArtCentre Invitation exhibition Opening Cologne

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 novembre 2022

Köln (Cologne Germany) November 14th, 2022 7:00 pm in the temporary space on Oskar-Jäger-Strasse 97-99. The Russian War Crimes exhibition, being first presented during the World Economic Forum (WEF) in Davos, is an important integral part of the Worth Fighting For. Worth Fighting For brings together works chosen from an international selection of the M HKA/the collection of the Flemish Community, because of their emancipatory and empowering nature. They are shown in dialogue with works by Ukrainian artists, mostly produced in times of war. The outcome is a space that invites us to feel, think and reflect beyond the immediate urgencies of war. On the 23rd of May 2022, during the World Economic Forum (WEF) in Davos, the symbolic project presented an exhibition about Russian war crimes in Ukraine took place in the former Russian House. The project captured the world media and became the most spoken about subject in Davos. Subsequently, the project was presented at NATO headquarters in Brussels, at Station Europe in front of the European Parliament in Brussels, at the PinchukArtCentre in Kyiv, and also in New York during UN General Assembly week. It is designed to help bring the horrific reality of Russia’s aggression in Ukraine to the attention of the world, providing real insight into the pain and devastation caused by Russia. The Russian War Crimes exhibition is organized by Victor Pinchuk Foundation and the PinchukArtCentre, in partnership with the Office of the President of Ukraine, Ukraine’s Ministry of Foreign Affairs, Ukraine 5AM Coalition and Ukrainian Association of Professional Photographers.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »