Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 35 n°33

Archive for 26 novembre 2022

Frana a Ischia

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2022

“Da troppo tempo diciamo che la Campania versa in una condizione di grandissima fragilità che la espone a tragedie come quella di oggi ad Ischia. Non si può più aspettare, bisogna intervenire perché è evidente che la Regione Campania è incapace ed immobile anche sul tema del dissesto idrogeologico. In questi casi c’è la corsa ad esprimere solidarietà ma non è più eludibile la necessità di accertare anche le responsabilità.” Lo dichiara il Senatore Antonio Iannone, Commissario Regionale di Fratelli d’Italia.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Ischia: Un’emergenza da oltre 50 anni

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2022

“La tragedia che ha colpito la comunità ischitana colpisce l’Italia intera. Un’isola che solo a nominarla ci evoca mare, sole, natura amica vacanze e gioia è oggi costretta a piangere le sue vittime. Quello che per decenni è stato sistematicamente ignorato, il dissesto idrogeologico, si riprende i suoi spazi con gli interessi. Sono certo che i ministri Salvini e Giorgetti sapranno stimolare l’Ue ad aprire un nuovo capitolo, che preveda adeguati fondi europei da destinare a un territorio fragile, il più fragile del Continente e trascurato da oltre 50 anni. Consolidamento, riforestazione, prevenzione, agevolazioni per adeguamenti antisismici, lotta più efficace all’erosione delle coste, piani di sostituzione edilizia con premi di cubatura per liberare le aree geologicamente e paesaggisticamente critiche senza traumi per chi le abita. C’è molto da fare, di innovativo e urgente, per dare il segnale di una svolta. Intanto, un abbraccio solidale agli ischitani e ai campani così duramente colpiti”. E’ quanto dichiara il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Ischia: ennesima tragedia annunciata, vicini a popolazione

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2022

“L’ennesima tragedia annunciata che miete vittime e dispersi. Ci stringiamo al fianco dei familiari e dei cittadini dell’isola, a loro va il nostro messaggio”. A dichiararlo Mauro Giulianella, Massimo Vespia e Franco Giancarlo, rispettivamente il coordinatore nazionale della Fp Cgil Vigili del Fuoco e i segretari della Fns Cisl e della Confsal Vvf, che aggiungono: “Non possiamo esimerci dalla responsabilta di denunciare, ancora una volta, l’inadeguatezza della capacità di previsione, di prevenzione e pianificazione delle emergenze che, purtroppo, caratterizza il nostro Paese e che continua a determinare tragedie”. “Ci sarà tempo – proseguono – per rappresentare le tante criticità che vivono i Vigili del Fuoco, criticità crescenti che ormai sono note a tutti. Oggi, come sempre in queste occasioni, è il momento di lavorare a testa bassa e dimostrare che il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco è al fianco della popolazione del Paese”. “Il nostro grazie va alle lavoratrici e ai lavoratori impegnati nelle operazioni di soccorso, con l’obiettivo primario di salvare vite umane e di mettersi a disposizione della loro salvaguardia e incolumità. Il 29 novembre incontreremo il ministro dell’Interno Piantedosi, in quell’occasione rappresenteremo le nostre difficoltà, questo è il momento della solidarietà”, concludono Giulianella, Vespia e Giancarlo.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Scegli il Contemporaneo. Ti racconto Roma”

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2022

Roma Mercoledì 30 novembre,Punto di ritrovo: Via Fratelli Ruspoli, 2, Quarto piano la Fondazione Maria e Goffredo Bellonci festeggia il 120esimo anniversario dalla nascita di Maria Bellonci inaugurando la Casa Museo. La mattina si terrà la conferenza stampa di annuncio delle attività della casa museo e di chiusura dell’anno “Bellonciano”, con un approfondimento dedicato alla scrittrice. “Scegli il Contemporaneo. Ti racconto Roma” proprio in questo giorno organizza due visite speciali alle ore 15.00 – una per adulti e una per bambini dai 7 agli 11 anni – e alle ore 17.00 – per adulti – con l’obiettivo di far conoscere la storia della scrittrice Maria Bellonci e del Premio Strega nato nel 1947. Due visite uniche alla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, Casa Museo per scoprire le vicende del Premio Strega e quelle della sua fondatrice. Il progetto “Scegli il Contemporaneo. Ti racconto Roma”, promosso da Roma Capitale – Assessorato alla Cultura, è vincitore dell’Avviso Pubblico Contemporaneamente Roma 2020 – 2021 –2022 curato dal Dipartimento Attività Culturali ed è realizzato in collaborazione con SIAE. “Scegli il Contemporaneo. Ti racconto Roma” è una piattaforma culturale nomadica, un progetto a cura di Elena Lydia Scipioni, che dal 2017 tesse una rete di rimandi e collegamenti tra le proposte culturali della scena artistica contemporanea di Roma. Cinque i momenti dell’edizione 2022, l’ultima del progetto dopo 15 edizioni: un video dedicato al Centro Islamico Culturale d’Italia; visite speciali alla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, Casa Museo sede delle riunioni degli Amici della domenica dal 1951 e dimora di Maria Bellonci che nel 1947 istituì il Premio Strega; visite speciali al Museo delle Civiltà, in occasione dei recenti riallestimenti delle collezioni, e a Palazzo delle Esposizioni, in occasione della mostra “Mario Merz. Balla, Carrà, de Chirico, de Pisis, Morandi, Savinio, Severini. Roma 1978.”, presentata alla Galleria dell’Oca nel 1978; il progetto si concluderà con un video dedicato all’artista Luca Pignatelli e alla sua personale lettura di alcuni luoghi e aspetti di Roma, città che costituisce da sempre per artisti, scrittori e registi, un serbatoio iconografico inesauribile. Utenza: Adulti e bambini (7 – 12 anni) Orario: 15.00 Durata: 60 min. Utenza: adulti Orario: 17.00 Durata: 60 min. Gli eventi sono gratuiti e comprendono il biglietto d’ingresso al museo qualora previsto. Prenotazione obbligatoria solo via mail: info@senzatitolo.net fino a esaurimento posti. Per informazioni: http://www.senzatitolo.net

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Manovra di bilancio: ci risiamo

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2022

By Enrico Cisnetto. È cambiato il governo e gli equilibri dentro la maggioranza che lo sostiene, ma l’approccio sia nel formulare le misure che nel criticarle è rimasto lo stesso. E vale tanto per chi è momentaneamente al governo, che ha solo il vincolo – per via dell’occhiuta vigilanza europea – di non eccedere nel creare deficit e aumentare il debito, e a maggior ragione per chi sta all’opposizione, che considera quello dei conti pubblici un problema non suo. Nessuno, o quasi, che ragioni sulla quantità e qualità delle entrate e delle uscite pubbliche, dello Stato come degli enti locali, salvo usare la foglia di fico della “spending review”, che naturalmente resta sulla carta (ed è pure uno strumento sbagliato, perché parte dal presupposto che la spesa pubblica sia un fatto tecnico, mentre è solo politico e richiede scelte politiche). Tantomeno, nessuno, o quasi, che ragioni sulla crescita, tema che al massimo viene declinato in termini di conservazione dell’esistente, mai di sviluppo e innovazione. Con il risultato che la spesa pubblica è arrivata a superare i mille miliardi, per l’esattezza 1.049 pari al 54% del pil, e le entrate inseguono a 940 miliardi.Il sottostante di questo atteggiamento è duplice. Da un lato c’è l’idea – del tutto sbagliata – che il Paese viva in una devastante povertà, con la sola eccezione di chi non paga le tasse, e che dunque il compito di un partito e di chi lo guida sia quello di fare tutto il possibile per “rimediare”, lenendo i “sacrifici” – vocabolo fondamentale in questa narrazione – sostenuti dagli italiani. Ovviamente non sostengo che non esistano sacche di arretratezza e anche di povertà, relativa e assoluta, ma è fuorviante la lettura di una società profondamente e largamente segnata da questi fenomeni. C’è poi la riduzione della politica – non solo quella italiana, ma ciò non consola, anzi – allo sventolio di bandierine identitarie (culto della personalità compreso) e alla mera elencazione dei bisogni, veri e presunti, con relativo sforzo di fantasia di come soddisfarli. Il tutto senza la cornice di un’idea di società e di un bagaglio programmatico discendente da quel progetto, necessariamente di lungo periodo e dunque stridente rispetto all’imperante “momentismo” di cui è affetta la politica priva di solidi ancoraggi culturali e legata più ai leader che alle idee. Che poi tutto questo avvenga per fragilità culturale, massimalismo politico o pura speculazione in chiave di più una facile raccolta del consenso, non cambia. È dunque in questo contesto che va letta la prima legge di bilancio del governo Meloni. Ed è un giudizio che hanno dato anche i mercati, a giudicare dall’andamento dello spread, in calo fino a scendere sotto i 190 punti. E che è sperabile, e forse pure probabile, che sia quello che finiranno per dare Bruxelles e le principali cancellerie d’Europa. Ma, detto questo, non si può non rilevare come ancora una volta il terreno su cui poggia il principale atto di politica economica sia quello della spesa corrente. Di investimenti in conto capitale, e quindi di sviluppo, non c’è neppure l’ombra. Infatti, dei quasi 35 miliardi complessivi, ben 21, cioè il 60%, andranno a calmierare il cosiddetto “caro bollette”. Il resto delle risorse va a tante altre misure, che giocoforza sono tutte minimali, compreso la maggiore di esse, i 5 miliardi usati per la diminuzione del cuneo fiscale, per la quale sia i sindacati che la Confindustria richiedevano ben altro impegno. Così chi voleva issare i propri vessilli si ritrova a poter piazzare solo qualche piccola bandierina: per esempio, addio a quota 100 e 101 sulle pensioni, visto che si va verso quota 103, e le minime non saranno alzate a mille euro, ma rivalutate parzialmente; la pace fiscale ci sarà solo per le cartelle sotto i mille euro; la flat tax non sarà per tutti, ma per una platea ristretta; la stretta sul reddito di cittadinanza c’è, ma è graduale. Salta perfino il tanto sbandierato taglio dell’Iva a pane, pasta e latte, che sarebbe stato assurdo perché favoriva in egual misura abbienti e poveri, con 14 euro di risparmio annuo a famiglia a fronte di un costo di mezzo miliardo. Qui va fatto un ragionamento, sereno ma senza aver paura di rompere dei tabù, sulla politica di intervento a fronte dell’aumento dei costi dell’energia, iniziata dal governo Draghi e proseguita da quello Meloni. E che, a pensarci bene, incrocia la questione del reddito di cittadinanza così come altre forme di sostentamento e aiuto. So perfettamente che sia per gli individui e le famiglie, sia per le imprese, l’onere delle bollette si è moltiplicato. E sono conscio delle conseguenze. Che però non sono eguali per tutti. Ora, considerata la dimensione complessiva del fenomeno – centinaia di miliardi – e l’incertezza relativa alla sua durata, non è pensabile un intervento, tanto più se prolungato, per tutti. Occorre rovesciare il punto di partenza: non importa se la colpa sia delle bollette, dell’inflazione o di qualunque altra causa, importa sapere che di fronte a determinate situazioni di difficoltà economica – il cui grado va stabilito a seconda delle risorse che si possono mettere in campo senza stravolgere i conti pubblici – lo Stato interviene. Ma per farlo deve dotarsi di efficaci strumenti di accertamento della reale condizione di persone e famiglie, cosa che è tanto più facile fare quanto più si è sul territorio (quindi sono i Comuni l’istituzione da incaricare per individuare le vere condizioni di bisogno). Ovvio che tra i diversi parametri ci deve essere anche quello della possibilità/disponibilità a lavorare. Ma la stessa cosa vale anche sul fronte degli aiuti alle imprese. Tralascio qui le malversazioni che vengono segnalate (un esempio lo ha fatto Chicco Testa nella War Room di giovedì 24 novembre rivedi la puntata qui), considerandole un fatto fisiologico. Ciò che conta è essere consapevoli che non possiamo (in termini di carico sul bilancio) né dobbiamo (in termini di opportunità per il migliore sviluppo del sistema economico) sostenere indistintamente tutti. Essere un’impresa energivora è condizione necessaria ma non sufficiente, perché se quell’azienda era comunque “alla canna del gas”, metaforicamente parlando, intervenire a ridurgli il carico delle bollette servirà a tenerla in vita solo per qualche momento in più, ma certo non le darà quella competitività che le mancava a prescindere dai costi dell’energia. Insomma, anche qui s’impone la necessità di avere una capacità selettiva, se si vuole che gli aiuti siano virtuosi. Ma questo presuppone che il governo abbia una linea di politica industriale, e quindi sappia rendere da un lato strategica e dall’altro trasparente la discrezionalità che deve necessariamente usare. In entrambi i casi, famiglie e imprese, bisogna partire dal presupposto che i 21 miliardi usati per il caro bollette (che si aggiungono a quelli precedenti spesi sempre per l’energia e prima per il Covid) sono finanziati a deficit, e quindi andando ad incrementare il debito che già ammonta alla cifra record di 2700 miliardi. E occorre avere bene a mente che andiamo verso una fase in cui, a fronte di una frenata dell’economia (vedremo se fino al punto di portarci in recessione o meno), di un picco inflazionistico che dobbiamo ancora toccare e del perdurare delle pesanti incertezze generate dalla guerra scatenata da Putin e dalla crisi degli equilibri geo-politici mondiali, la Bce aumenterà i tassi e chiuderà l’ombrello protettivo che avevamo sulla testa e la Ue ridefinirà i termini del patto di stabilità con cui l’Europa misura le politiche di bilancio degli Stati membri. In questo quadro, ben venga la prudenza “minimalista” mostrata da Giorgia Meloni, non fosse altro per la sua convenienza politica a tagliare le unghie dei suoi inaffidabili alleati. Prudenza, a fronte della quale, le litanie di tre delle quattro opposizioni, che attaccano la manovra su tutto meno che su quello per cui merita di essere criticata, fanno cascare le braccia. Perché la Meloni con questa manovra avrà pure comprato tempo, ma così sinistra, Pd e 5stelle il tempo lo buttano dalla finestra. (abstract) By Enrico Cisnetto direttore di http://www.terzarepubblica.it

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

FederBio: no alla carne sintetica

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2022

Fermare un pericolo che si sta profilando all’orizzonte, vale a dire l’immissione in commercio di prodotti alimentari di origine sintetica, a partire dalla carne: questo l’obiettivo della petizione firmata dalla Presidente di FederBio in occasione del “XX Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione”, organizzato da Coldiretti con la collaborazione dello studio The European House – Ambrosetti.Dopo la prima autorizzazione al consumo da parte della Food and Drug Administration (Fda) di un prodotto a base di carne sintetica, il pericolo è che in tempi rapidi si potrebbe aprire la strada alle prime richieste di autorizzazione per la commercializzazione di carne sintetica anche in Europa.Tutto ciò, non solo è in contrasto con la cultura alimentare del nostro Paese, ma una deriva tecnologica di questa portata è proprio il contrario di quello che serve per il futuro.Per FederBio occorre puntare sul consumo di carne biologica, proveniente da allevamenti sostenibili, rispettosi della biodiversità, attenti alla valorizzazione delle risorse naturali e in grado di generare solidi legami all’interno dei territori e delle comunità in cui sono insediati. Gli ingenti investimenti nella Ricerca & Sviluppo dedicata alla produzione di alimenti sintetici, tra i quali la carne, sono un chiaro indicatore di come questo mercato stia capitalizzando l’interesse delle multinazionali e delle aziende Hi-Tech che vedono in questo segmento un’area per generare nuovi e consistenti profitti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un astro nascente della musica: il diciannovenne violoncellista romano Ettore Pagan

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2022

o

Ad appena diciannove anni il violoncellista romano Ettore Pagano si sta affermando come una nuova star della musica classica. Mercoledì 30 novembre 2022 alle 18 suonerà per la stagione concertistica di Roma Sinfonietta nell’Auditorium “E. Morricone” dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata (Macroarea di Lettere e Filosofia, via Columbia 1).Il suo più recente exploit è stato il successo al Concorso internazionale di violoncello intitolato al grande compositore armeno Aram Kachaturian, dove si è aggiudicato non solamente il primo premio assoluto ma anche tre premi speciali. Non era la prima volta: ha vinto il suo primo concorso a soli dieci anni e da allora se ne è aggiudicati oltre quaranta. Di particolare rilievo nel 2019 il primo premio al Concorso per giovani musicisti indetto dalla Filarmonica della Scala di Milano e nel 2020 il primo premio al Concorso Internazionale “Johannes Brahms” di Portschach (Austria) con punteggio pieno della giuria, cosa mai successa prima nella storia del concorso. Ha iniziato lo studio del violoncello a nove anni, prima al Conservatorio “S. Cecilia” di Roma, in seguito perfezionandosi nelle più prestigiose accademie sotto la guida di grandi violoncellisti quali Enrico Dindo, Antonio Meneses e David Geringas. È già stato invitato a suonare in Italia, Francia, Germania, Austria, Ungheria, Croazia, Lituania, Grecia, Egitto, Kuwait, Stati Uniti d’America (nella prestigiosa Carnegie Hall di New York). Ha suonato come solista con varie orchestre italiane e la Croatian Radiotelevision Symphony Orchestra, la Graz Philharmonic Orchestra, la Klaipeda Chamber Orchestra della Lituania, la Young Musicians European Orchestra, l’Armenian State Symphony Orchestra e l’Euro Symphony Orchestra. Nei prossimi mesi suonerà con l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, l’Orchestra Sinfonica Siciliana, l’Orchestra di Padova e del Veneto e l’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari. Nel 2018 ha inciso il suo primo cd con musiche di Falla, Cassadó, Popper e Čajkovskij.In questo concerto suonerà tre opere per violoncello solo: di Johann Sebastian Bach la Suite n. 5 in do minore BWV 1011, di Paul Hindemith la Sonata op. 25 n. 3 e di Zoltan Kodaly la Sonata in si minore op. 8.La Suite n. 5 di Bach è uno dei sei lavori di questo genere scritti dal grande Johann Sebastian: è una serie di danze in voga all’inizio del Settecento. come la gavotta e la giga, cui l’arte di Bach e il suono severo del violoncello danno un carattere tutt’altro che frivolo ma astratto e quasi metafisico.La Sonata di Hindemith fu scritta nel 1922, in un solo giorno, stando a quel che disse il compositore: ma sembr quasi impossibile, pensando che è uno dei più importanti brani per violoncello solo scritti nei due secoli trascorsi dalle suites di Bach. Le contende questo primato la Sonata scritta nel 1915 da Kodaly, che – come tutta la musica di questo compositore – si basa principalmente su melodie e ritmi popolari ungheresi. Un’altra caratteristica di questa Sonata è che le due corde più basse del violoncello vanno accordate mezzo tono sotto: non è che il primo e minore problema che incontra l’interprete, perché le difficoltà tecniche di questa composizione sono veramente altissime. Biglietti: € 12,00 intero; € 8,00 ridotti per personale universitario e over 65; € 5,00 per studenti. I biglietti si possono prenotare telefonicamente (06 3236104) e ritirare il giorno del concerto oppure acquistare direttamente prima del concerto.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Più libri più liberi dal 2025 non si svolgerà più a dicembre

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2022

A partire dal 2025 Più libri più liberi – Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria non si svolgerà più nel mese di dicembre. Lo ha deciso l’Associazione Italiana Editori, organizzatrice della Fiera fin dalla sua nascita nel 2002.“Senza escludere alcuna ipotesi per il futuro – ha spiegato il presidente di AIE Ricardo Franco Levi –, rimane più forte che mai il nostro impegno a garantire al meglio lo sviluppo e il successo di Più libri più liberi che si è imposta nel corso degli anni come appuntamento obbligato per la piccola e media editoria e per i lettori nel calendario fieristico nazionale e internazionale”.“Siamo già al lavoro con tutti i soggetti coinvolti, a partire dai piccoli e medi editori che sono il cuore di questa manifestazione e da Eur, che ci ospita nella splendida Nuvola – continua Annamaria Malato, presidente di Più libri più liberi – per trovare la collocazione migliore, compatibilmente con il calendario dei numerosi eventi dedicati al libro in Italia e con il calendario culturale di Roma”. “Ascolteremo le esigenze di tutti i soggetti coinvolti – commenta Diego Guida, presidente del Gruppo piccoli editori di AIE – tra cui i librai che lamentano rischi di ricadute negative sulle vendite natalizie dall’attuale calendario e da cui ci aspettiamo, in pieno spirito di collaborazione, l’impegno per la valorizzazione delle edizioni dei piccoli e medi editori”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il sentimento economico migliora. Fiducia nel governo?

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2022

La fiducia dei consumatori è indice del sentimento di questi ultimi verso l’economia. Se poi, come nelle stime Istat di oggi, va in parallelo con la crescita della fiducia delle imprese, è segnale di disponibilità e attenzione verso le proposte di organizzazione ed attuazione, essenzialmente, dell’Esecutivo. Che – appena nato – pur nel vento delle polemiche essendo la sua premier di una parte politica da tempo assente alla guida del Paese (estrema destra), si sta impegnando per venire incontro alle difficoltà del momento (covid, guerra ed energia) nonché alle prospettive del futuro. Questo significa che – fatto raro – il paese reale è in questo momento in sintonia con quello legale. Quello legale, quindi, non solo è in sintonia con la propria maggioranza parlamentare, ma spinge tutti i consumatori (inclusi quelli che non hanno partecipato al voto) ad avere maggiore fiducia nelle sue proposte. In termini istituzionali è quindi fiducia nel governo? Aspettiamo le conferme nei dati dei prossimi mesi. In termini economici crediamo che si tratti dell’assestamento ai provvedimenti dei governi precedenti (alcuni confermati anche dal governo attuale), che hanno portato ad un equilibrio e “abitudine” all’andamento di un mercato i cui prezzi sono dovunque e comunque in crescita. Dopo le paure iniziali c’è quindi un periodo di calma e di ottimismo, anche perché le iniziali ristrettezze dovute alla crisi economica (nazionale, europea e mondiale) sono state attenuate. Vedremo se e quanto regge. Ché poi l’economia dovrà fare i conti con la politica, il sociale e i diritti individuali. Vincenzo Donvito Maxia http://www.aduc.it

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Schroders: il curioso caso della sovraperformance del mercato azionario turco

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2022

A cura di Mohsin Memon, Emerging Markets Fund Manager, e Andrew Rymer, CFA, Senior Strategist, Strategic Research Unit, Schroders. Il mercato azionario turco ha registrato una forte crescita quest’anno: l’indice MSCI Turkey è in crescita del 62% in dollari da inizio anno (al 21.11.2022). Si tratta di una performance straordinaria se confrontata con gli indici MSCI World e MSCI Emerging Market, in calo rispettivamente del -17% e del -22%. Ancora più straordinario se si considera che la lira turca si è svalutata del -29% rispetto al dollaro in questo periodo. Il contrasto tra le performance dei mercati azionari e valutari è indicativo dei crescenti rischi macroeconomici in Turchia. La crescita del PIL reale è rimasta stabile al 7,6% su base annua (a/a) nel terzo trimestre, ma i dati a più alta frequenza mostrano che è in corso un rallentamento e l’inflazione complessiva è ora all’86% su base annua. La forte performance di quest’anno è stata trainata principalmente da fattori non fondamentali. Con i rischi economici che continuano ad aumentare, gli utili societari sono a rischio. La combinazione di una politica economica non ortodossa e l’aumento dell’incertezza in vista delle elezioni politiche del prossimo anno fanno sì che l’attuale traiettoria del mercato appaia insostenibile. Le politiche sotto la guida del presidente Erdogan sono da tempo tutt’altro che ortodosse. Il quadro attuale è effettivamente sostenuto da un tasso di cambio competitivo e da tassi di interesse reali negativi. Secondo il governo, questi elementi contribuiranno a colmare il deficit delle partite correnti, a incoraggiare gli investimenti diretti esteri e a riportare l’inflazione sotto controllo. Purtroppo, l’inflazione è salita alle stelle, esacerbata negli ultimi mesi dall’impatto dell’invasione russa dell’Ucraina. Questa traiettoria è in contrasto con l’obiettivo ufficiale di inflazione del 5%+/-2%. Nell’ultimo anno la banca centrale ha effettivamente allentato la politica piuttosto che aumentare i tassi. Nonostante un’inflazione ancora molto elevata, da agosto ha tagliato i tassi per un totale del 3,5%. Investire in Turchia presenta diverse attrattive a lungo termine per gli investitori stranieri. I dati demografici sono favorevoli, con una popolazione relativamente giovane e in crescita di 85 milioni di persone, a sostegno delle prospettive di crescita interna. Le esportazioni sono diventate sempre più importanti e la Turchia è ben posizionata per cogliere le opportunità di esportazione nei mercati in crescita del Medio Oriente. In effetti, in Turchia troviamo molte aziende ben gestite.Tuttavia, le prospettive macroeconomiche sono sempre più vulnerabili, con rischi di ribasso per gli utili, e potremmo assistere a un’ulteriore debolezza della valuta. In assenza di importanti cambiamenti politici, questi problemi sono destinati a crescere. Per questo, da tempo manteniamo una visione neutrale sulla Turchia. Quest’anno il mercato ha generato forti guadagni in termini di dollari USA e ha sovraperformato i mercati emergenti. Come abbiamo spiegato, questo risultato è stato determinato da fattori non fondamentali e la politica macroeconomica rimane debole. Con le elezioni parlamentari e presidenziali previste per l’anno prossimo, l’incertezza politica è destinata ad aumentare, aggravando le fragilità macroeconomiche. In questo contesto, la traiettoria del mercato sembra insostenibile e il nostro outlook è diventato decisamente negativo. (abstract by http://www.verinieassociati.com

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Legge Bilancio. Fossi (Pd): i 3000 euro di benefit non andranno a nessuno, Meloni inganna i lavoratori

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2022

“I 3000 euro di benefit annunciati dalla Meloni in Legge di Bilancio rappresentano al meglio le politiche della destra. Non ci sono risorse per i lavoratori ma solo una tredicesima facoltativa, riservata a pochi eventuali beneficiari, che le imprese non potranno comunque erogare perché i bilanci delle aziende sono chiusi.Si sta toccando il fondo: le famiglie sono in crisi per inflazione e caro bolletta ed il governo continua ad ingannare i cittadini pensando di essere ancora in campagna elettorale”: è quanto dichiara Emiliano Fossi, deputato Pd in Commissione Lavoro di Montecitorio.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Istruzione: mobilità

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2022

Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, è intervenuto nell’approfondimento organizzato da La voce della scuola. Sulla mobilità, il leader del giovane sindacato ha detto che “nel Pnrr è prevista, quindi chi volesse mantenere i vincoli va contro il Pnrr. Ricordiamoci che ci sono lavoratori che si allontanano dai genitori che hanno bisogno di cure, da figli e coniugi: se ci sono posti vacanti perché non è possibile fare spostare gli insegnanti lontani da casa? Facciamo una deroga: si consenta di coniugare il diritto alla famiglia con il diritto al lavoro”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Presentata “Una Terra per tutti”

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2022

Roma Lunedì 28 novembre alle ore 10.00 presso il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro (CNEL) Villa Lubin, in Viale Davide Lubin 2 si terrà l’Aurelio Peccei Lecture 2022 che presenterà l’iniziativa “Una Terra per tutti. Il più autorevole progetto internazionale per il nostro futuro”, illustrata nel Rapporto al Club di Roma “Earth for All” ora disponibile anche in italiano.L’evento è organizzato dalla Fondazione Aurelio Peccei (Club di Roma Italia), dal WWF Italia e dall’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS). Cinquant’anni dopo la pubblicazione del primo famoso rapporto al Club di Roma “The Limits to Growth”, “I limiti alla crescita”) pubblicato nel marzo del 1972, che ha costituito un’autentica pietra miliare nella formazione del concetto stesso di sostenibilità, il prestigioso think-tank internazionale del Club di Roma con il supporto di un team di autorevoli scienziati ed economisti che da tempo lavora nella ricerca di strade alternative concrete, delinea un percorso fattibile per affrontare uno straordinario cambio di rotta e avviare l’umanità sulla strada della sostenibilità. Un programma capace di consentirci di vivere bene in questo spazio operativo sicuro avviando, con una sfida che richiede la creazione della più ampia coalizione che il mondo abbia mai visto nell’arco di una sola generazione, una profonda trasformazione che ci conduca dall’economia della crescita all’economia del benessere, applicando cinque inversioni di rotta radicali che riguardano la povertà, la disuguaglianza, la parità di genere, il sistema alimentare e il sistema energetico L’iniziativa e il rapporto verranno analizzati nell’Aurelio Peccei Lecture 2022 che sarà tenuta da Sandrine Dixson-Declève, co-presidente del Club di Roma e coautrice del volume. Introdurranno i lavori Tiziano Treu (Presidente CNEL), Diva Tommei (Presidente Fondazione Aurelio Peccei), Pierluigi Stefanini (Presidente ASviS) e Alessandra Prampolini (Direttrice generale WWF Italia). Moderati da Roberto Natale (Direttore Sostenibilità RAI),prenderanno parte al dibattito Enrico Giovannini (Fondatore ASviS, professore di Statistica economica all’Università Tor Vergata e full member Club di Roma, già ministro del Lavoro e delle Infrastrutture e Mobilità Sostenibili), Chiara Saraceno (già professoressa di Sociologia all’Università di Torino e Honorary Fellow del Collegio Carlo Alberto), Linda Laura Sabbadini (Direttrice del dipartimento Metodi Statistici e Tecnologia dell’Informazione Statistica ISTAT e Presidente G20 Women), e Gianfranco Bologna (Presidente onorario della Comunità Scientifica WWF, Segretario generale della Fondazione Aurelio Peccei, full member del Club di Roma, nonché curatore dell’edizione italiana del volume).

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Ad Arezzo gli Stati Generali degli infermieri

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2022

AREZZO – Gli infermieri chiedono una maggiore formazione professionale, un inquadramento specialistico che li definisca anche in rapporto alle altre professioni sanitarie, anche attraverso una laurea specialistica a indirizzo clinico. Sono alcuni dei risultati emersi dal lungo percorso di consultazione avviato nell’ultimo anno dalla federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche. Gli stati generali, aperti ai 460 mila iscritti agli ordini, sono il tema centrale dell’evento organizzato da Fnopi all’interno del forum risk management della sanità in corso ad Arezzo Fiere e Congressi. I novemila professionisti che hanno risposto alla consultazione hanno posto al centro delle loro priorità anche il riconoscimento del ruolo infermieristico nelle équipe multiprofessionali, la valorizzazione dell’infermiere di famiglia figura centrale per garantire la continuità assistenziale fra ospedale e territorio, oltre a un aggiornamento continuo e mirato. Sfaccettature differenti, ma che hanno in comune il desiderio di ridefinire l’identità della professione, alla luce dell’evoluzione dei bisogni del sistema sanitario.I percorsi di formazione specialistica già esistono tuttavia, segnala Mangiacavalli, vanno ricondotti “verso le competenze specialistiche previste fin dagli anni ’90, vale a dire verso i profili dell’area medica, chirurgica, delle cure intensive, delle cure primarie e della salute territoriale, della salute mentale, dell’area pediatrica”.Questo significa, avverte la presidente nazionale di Fnopi, “che abbiamo bisogno di investire in maniera importante sul rinnovamento dell’assetto formativo e quindi abbiamo bisogno di avere professori med 45 e ricercatori. In questo senso faccio un appello anche alle istituzioni, ma anche ai ministeri competenti perché il Pnrr per la missione quattro ha previsto risorse per un incremento importante dei docenti, c’è bisogno che ci sia un intervento di sensibilizzazione degli atenei, perché ne abbiamo ancora pochi per raggiungere questo obiettivo importante”. Il tema della qualificazione della professione infermieristica, d’altra parte, è condiviso dall’utenza. “I nostri pazienti ci vogliono specializzati, care manager, case manager cioè conduttori del loro caso dal punto di vista organizzativo e assistenziale“, precisa la presidente della federazione che proprio ieri si è confrontata con la consulta dell’associazione dei pazienti che ha dato un responso combaciante con i risultati degli stati generali.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Pandemia e salute mentale

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2022

E’ stata pubblicata sugli Annals of General Psychiatry la ricerca italiana condotta su 1281 medici italiani di varie specialità che hanno riferito l’impatto della pandemia sulla salute mentale di pazienti e soggetti ‘naive’, sani. Tale ricerca fa parte di un ampio progetto multidisciplinare, chiamato Serendipity, realizzato grazie al contributo non condizionante di Viatris. Un momento importante nel percorso di condivisione del progetto sarà il simposio dedicato alla presentazione e analisi dei risultati della survey, che si terrà domani, 26 novembre a Firenze, nell’ambito dei lavori del Congresso Annuale della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG). L’indagine, condotta tra novembre 2021 e febbraio 2022, ha coinvolto 1.281 clinici delle seguenti specialità: psichiatri, neuropsichiatri, neurologi, geriatri, medici di medicina generale e pediatri, chiamati a rispondere a un questionario online. E’ così emerso che l’81,2% della popolazione generale ha visto aumentare il disagio psichico, con una dominanza del sesso femminile (63,6%) rispetto ai maschi e con un peggioramento delle proprie condizioni nel 75,3% di quelli che avevano un disturbo preesistente. Questi ultimi hanno dovuto fare i conti anche con numerose comorbidità: si sono infatti presentate anoressia, bulimia, disturbi di panico e fobie. Minore incidenza invece si è avuta per l’uso di sostanze. Più protetti gli anziani over 65: solo il 7,4% ha chiesto un aiuto o ha visto peggiorare la propria salute mentale, probabilmente a causa della protezione offerta sin dall’inizio come soggetti più a rischio e con fragilità.Peggiorate le condizioni di chi aveva già disturbi mentali per il 75,2% dei medici intervistati ma non solo: la prevalenza di ansia è stata rilevata nel 33% nella popolazione generale e la depressione nel 28% in tutto il mondo. In Cina, ad esempio, tra il 7 e il 58% della popolazione non contagiata ha sperimentato disagio fisico o psicologico con disturbi d’ansia o dell’umore, insonnia, preoccupazione, fobie e sintomi fisici. D’altro canto, la letteratura ha rivelato che anche alle precedenti epidemie come la SARS nel 2003 e l’influenza H1N1 del 2010 si sono accompagnati pesanti carichi psichici sino allo sviluppo di attacchi di panico. Lo stress emotivo è stato correlato al senso di incertezza, le quarantene, la mancanza di un trattamento efficace. Interessante notare il ruolo negativo delle fake news: disinformazione e false informazioni sui vaccini circolate sui social media sono risultati correlati a maggiore carico psicologico nella popolazione dei giovani e delle donne: circa l’82% dei soggetti più esposti ai messaggi dei social hanno mostrato livelli più elevati di ansia e depressione. La ricerca aveva lo scopo di indagare l’efficacia delle strategie a supporto messe in atto, al fine di individuare modelli organizzativi efficaci per il futuro. A questo proposito l’OMS ha sottolineato l’importanza di rafforzare il ruolo dell’assistenza primaria con una pianificazione atta a promuovere la salute per tutti i cittadini. In particolare appare strategico il ruolo del MMG nell’intercettare i segnali di disagio e attivare azioni sinergiche con gli attori interessati con una azione di governance a livello regionale così come previsto dal Piano Nazionale per la Prevenzione (PNP).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Screening universale per sindrome di Lynch

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2022

Roma. La sindrome di Lynch è una malattia rara che predispone a sviluppare tumori in vari organi, quelli più coinvolti sono il colon-retto, fino al 61%, e l’endometrio, fino al 54%. Identificare le persone colpite da sindrome di Lynch è di cruciale importanza sia per il paziente che ha già una diagnosi di cancro che per i suoi familiari “stretti”, che hanno una probabilità del 50% di avere ereditato la sindrome, al fine di impostare efficaci protocolli di sorveglianza oncologica sugli organi a rischio. Dal 2020 all’IRCCS Istituto Nazionale Tumori Regina Elena (IRE) si effettua per questa malattia u il cosiddetto “screening universale”: tutti i pazienti con tumore del colon-retto e dell’endometrio sono sottoposti ai test genetici. Prima eseguivano un test molecolare solo i pazienti con determinati requisiti tra cui la giovane età, o familiarità alla malattia. Introdotto lo screening universale, in 3 anni ne sono stati fatti oltre 1000 all’IRE, di cui 350 solo nel 2022, con importante incremento delle diagnosi. All’IRE ne hanno parlato oggi gli esperti sulla sindrome di Lynch, una occasione per fare il punto su innovazione nella diagnosi e trattamento. Si tratta di eventi preziosi che nascono dalla necessità di offrire nuove possibilità di cura a questi malati rari e una diagnosi tempestiva, che salva vite e ne migliora la qualità. Al Regina Elena pazienti con sindrome di Lynch sono seguiti da un’equipe multidisciplinare di gastroenterologi, genetisti, anatomopatologi, oncologi, ginecologi e psicologi, ogni assistito segue un puntuale programma di sorveglianza oncologica per gli organi a rischio. “Ad oggi – conclude Vittoria Stigliano – l’unica strategia di cura per la sindrome di Lynch è seguire programmi di sorveglianza. Sono inoltre allo studio farmaci per la chemioprevenzione.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Un’endometriosi per amica, impariamo ad ascoltarla”

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2022

È il titolo scelto da oltre 8mila studenti protagonisti di un evento dedicato alla corretta informazione sull’endometriosi, in tutti i suoi molteplici aspetti, grazie ad un importante progetto finanziato dal Ministero della Salute ed ideato da AGENAS – Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, in collaborazione e con il supporto, per la prima volta, di un’associazione formata da pazienti volontarie: l’A.P.E. Associazione Progetto Endometriosi, da 17 anni in prima linea a sostegno delle donne nella consapevolezza che l’informazione sia l’unica prevenzione ad oggi possibile. Il 24 novembre 2022 a Cesena gli studenti delle classi terza, quarta e quinta di 6 scuole secondarie di secondo grado, oltre agli alunni di 72 istituti scolastici collegati tramite il web, hanno partecipato ad un evento interattivo, di portata nazionale, dedicato alla conoscenza della malattia cronica che colpisce circa 3 milioni di donne in Italia e tra il 5% e il 10% della popolazione femminile in età fertile, sviscerata a 360 gradi, grazie all’intervento di esperti, medici e pazienti, della patologia. In “cattedra”, Annalisa Frassineti, presidente dell’A.P.E. e moderatrice dell’evento, Marcello Ceccaroni, direttore di Ginecologia e Ostetricia dell’IRCCS Ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar di Valpolicella, Lorena Martini, dirigente delle Professioni Sanitarie Infermieristiche presso AGENAS, Marta Giuliani, psicologa e psico-sessuologa specializzata in endometriosi, e Chiara Catalano, volontaria dell’A.P.E. la quale ha portato all’attenzione la sua testimonianza legata all’endometriosi.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

L’Italia si faccia capofila in Europa dei corridoi umanitari

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2022

E’ un progetto non più sperimentale, ma consolidato, per proporlo a tutta l’Unione Europea come un modello di accoglienza e integrazione a chi ha bisogno di protezione umanitaria”. Così Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio, che stamattina ha accolto 152 profughi afgani, venuti dal Pakistan con i corridoi umanitari, grazie a un protocollo con lo Stato italiano e la collaborazione dell’ambasciata d’Italia a Islamabad. A dare il benvenuto ai rifugiati anche mons. Giuseppe Baturi, Segretario generale della CEI, Libero Ciuffreda, membro del Consiglio della FCEI e Filippo Miraglia, responsabile nazionale immigrazione di Arci.“Tutta l’Italia fa festa per il vostro arrivo, vi accoglie e vuole dare un futuro, attraverso una casa, la scuola e il lavoro, a famiglie a cui la guerra sembrava averlo negato. Nell’agosto 2021, quando si sono chiuse le frontiere dell’Afghanistan, avevamo fatto una promessa: non vi dimenticheremo! Non vi abbiamo dimenticato e abbiamo preparato una casa per voi. Oggi siamo felici di accogliervi. Aiutateci a costruire un futuro comune qui in Italia”, ha detto Impagliazzo. I cittadini afghani, alcuni rifugiati in Pakistan da oltre un anno, saranno accolti da associazioni, congregazioni religiose, comunità e singoli cittadini in diverse regioni italiane e 2 parteciperanno ad un percorso di integrazione: per i minori attraverso l’immediata iscrizione a scuola e per gli adulti, subito con l’apprendimento della lingua italiana e, una volta ottenuto lo status di rifugiato, l’inserimento nel mondo lavorativo. I corridoi umanitari, interamente autofinanziati dagli organismi proponenti e sostenuti dalla generosità e dall’impegno di tanti cittadini italiani, rappresentano una best practice che coniuga solidarietà e sicurezza. Complessivamente, con questo sistema, grazie a una rete di accoglienza diffusa, sono giunti in Europa oltre 5.300 rifugiati, ai quali si aggiungono oltre 1800 cittadini ucraini, accolti dalla Comunità di Sant’Egidio in diversi Paesi europei. Nei prossimi giorni sono previsti altri arrivi a Roma dal Libano e dalla Libia. http://www.santegidio.org

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

EUinMyRegion Media Trips: programma di studio per giornalisti

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2022

Il programma di studio EUinMyRegion Media Trips è aperto a tutti i giornalisti locali e regionali che lavorano in una delle regioni dell’UE e desiderano saperne di più sulla politica di coesione, sui fondi e sulle altre politiche dell’UE. Il programma, che prevede sessioni di formazione online e una visita di studio a Bruxelles, è mirato a scoprire le istituzioni dell’UE, le loro strutture e procedure, la politica di coesione e il modo in cui l’UE gestisce le frodi e la cattiva gestione dei fondi. Si avrà inoltre la possibilità di incontrare esperti della Commissione che si occupano dei singoli paesi, visitare i progetti finanziati dall’UE e imparare a utilizzare gli strumenti di dati della Commissione. Il primo viaggio di studio a Bruxelles si svolgerà il 2 e 3 febbraio 2023. Altri due viaggi saranno organizzati in marzo e aprile. Si prevede che circa 40 giornalisti parteciperanno a ciascun viaggio. La Commissione coprirà le spese di viaggio e alloggio per la partecipazione al programma. Scadenza: 21 dicembre 2022, alle ore 17.00 (CET). https://www.euinmyregion-mediatrips.eu/

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il Parlamento europeo approva un prestito di 18 miliardi di euro all’Ucraina per il 2023

Posted by fidest press agency su sabato, 26 novembre 2022

I deputati hanno approvato un prestito di 18 miliardi di euro per sostenere l’Ucraina durante la guerra della Russia contro il Paese. I 18 miliardi di euro copriranno circa la metà dei 3-4 miliardi di euro di finanziamenti mensili di cui l’Ucraina ha bisogno nel 2023. Secondo la proposta della Commissione, il denaro servirà a sostenere i servizi pubblici essenziali – come la gestione di ospedali e scuole e la fornitura di alloggi per le persone trasferite -, la stabilità macroeconomica e il ripristino delle infrastrutture critiche distrutte dalla Russia. Il prestito, che sarà finanziato dall’UE sui mercati finanziari, sarà erogato in rate trimestrali, con una continuità e una prevedibilità essenziali per mantenere l’Ucraina a galla nel contesto della guerra. Il prestito è collegato a una serie di riforme da adottare per rafforzare le istituzioni del Paese e prepararlo sia alla ricostruzione che al percorso di adesione all’UE. Queste includono misure per la lotta alla corruzione, la riforma giudiziaria, il rispetto dello Stato di diritto, il buon governo e la modernizzazione delle istituzioni. Il loro stato di avanzamento sarà esaminato dalla Commissione prima dell’erogazione di ciascuna rata. Il testo è stato approvato con 507 voti a favore, 38 contrari e 26 astensioni.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »