Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 35 n°33

Archive for 3 dicembre 2022

Rosaria Guerra: Donne Pirata. Vite ribelli sul mare

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2022

Pagine: 362 Editore: Youcanprint ISBN: 9791221432374 Genere: Storia/saggio. Tradizionalmente, la storia dei pirati è incentrata sui leggendari predoni del mare attivi in Europa e nelle Americhe tra il XVI e il XVIII secolo. In realtà, pirati e corsari operarono in ogni tempo e in ogni mare, dalle isole britanniche al sud est asiatico, dal Mediterraneo alla Scandinavia, dai Caraibi all’emisfero australe. Tra di loro non vi furono solo omaccioni rozzi e barbuti ma anche donne e fanciulle che lasciarono la terraferma e scelsero il mare come spazio e strumento di emancipazione e di realizzazione individuale, salvandosi così da una vita subordinata, spesso misera o, semplicemente, noiosa. Ribelli, impavide e spregiudicate, forzarono il loro destino e non esitarono a ricorrere alla strategia, alla violenza e alla guerra per diventare protagoniste della loro esistenza. Per la libertà personale o del loro Paese, per sete di vendetta o di potere, per amore di un uomo o per puro piacere dell’avventura, le donne pirata hanno disubbidito, sfidato le leggi degli uomini e combattuto fino alla fine dei loro giorni. Talvolta vincendo, talvolta perdendo persino la vita ma senza mai rinunciare alla loro natura profonda e ai loro sogni di indipendenza. Regine, contadine, galeotte o prostitute, quelle donne forti, audaci e rivoluzionarie meritano che le loro vite siano sottratte al silenzio dell’oblio in cui sono rimaste per secoli, e che le loro storie siano, finalmente, raccontate. Laureata in Lettere all’Università La Sapienza di Roma, Rosaria Guerra è giornalista professionista e pittrice dilettante. Nel 1991 ha pubblicato i suoi primi racconti in Luci dal silenzio – Antologia Romana (Palmieri Ed.). Da allora ha scritto, tradotto e disegnato per varie testate cartacee e online: «Il Tempo», «Il Giornale del Mattino», «PleinAir», «RomaElle», «Trovalavoro», «Lavorare a Napoli», «The Daily News Travel», xn--turismo-3ja.it», xn--ecofiera-cla.it». Si è occupata della ricerca e stesura dei contenuti per Il Boccaccio riveduto e scorretto di Dario Fo e per l’opera multimediale Il Caffè Letterario di «Repubblica-L’Espresso». Ha contribuito all’archivio Eclap per la biblioteca digitale Europeana, curato l’ufficio stampa di eventi culturali e gastronomici, e collaborato a progetti di formazione giornalistica e linguistica. Nel 2014 ha pubblicato con Jacopo Fo il saggio Perché gli svizzeri sono più intelligenti (Barbera Ed.) e ha ideato e realizzato il blog Sweet…zerland per la RSI Radiotelevisione Svizzera. Nella clausura da pandemia ha finalmente trovato il tempo per dedicarsi a questo nuovo saggio, inedito e originale, frutto della sua innata curiosità e di due grandi passioni al cui richiamo lei stessa ammette di non poter resistere. La Storia, certo, e il Mare.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conferenza sul futuro dell’Europa: i cittadini chiedono di più all’UE

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2022

Bruxelles. Il 2 dicembre, le istituzioni UE e oltre 500 cittadini hanno discusso il seguito da dare alle proposte della Conferenza sul futuro dell’Europa. Hanno partecipato rappresentanti del Parlamento, del Consiglio e della Commissione, oltre ai cittadini che sono stati al centro dei lavori della Conferenza. I partecipanti hanno esaminato in che modo le istituzioni europee stiano dando seguito alle proposte della Conferenza. In apertura dell’evento, la Presidente del Parlamento Roberta Metsola ha dichiarato: “Il Parlamento europeo è pronto a fare la sua parte per realizzare le proposte della Conferenza sul futuro dell’Europa, nell’interesse dei 450 milioni di europei che rappresenta. La visione richiede coraggio. Quando si tratta di attuare le proposte dei cittadini, nessun suggerimento di cambiamento dovrebbe essere off-limits. La Conferenza sul futuro dell’Europa e le proposte presentate non sono la fine. Non c’è una data di scadenza per il futuro. Non ci sono caselle da spuntare. Il futuro è un lavoro in corso. Così come la nostra Unione”. Guy Verhofstadt, in qualità di ex copresidente della Conferenza, ha commentato: “In tempi di insicurezza, la politica ha bisogno di una visione futura. Con la Conferenza sul futuro dell’Europa, i cittadini hanno indicato la strada da seguire. L’evento di feedback è il momento per discutere ciò che noi politici abbiamo fatto con le conclusioni raggiunte insieme l’anno scorso e per guardare avanti. Perché il nostro impegno non è ancora finito: dobbiamo continuare a realizzare non solo le proposte ma anche lo spirito con cui sono state scritte: una nuova idea di Europa adatta alle sfide future.” In rappresentanza del Consiglio, hanno partecipato il ministro per gli affari europei Mikuláš Bek della Presidenza ceca.. In rappresentanza della Commissione, hanno preso parte all’evento i vicepresidenti Maroš Šefčovič, Dubravka Šuica e Margaritis Schinas. Il dibattito che ne è seguito si è focalizzato sulle sfide principali che l’Unione deve affrontare attualmente, tra cui l’attacco della Russia all’Ucraina e le conseguenze sulla vita quotidiana degli europei, nonché la necessità di accelerare il processo d’indipendenza energetica dell’UE. Molti oratori hanno posto l’accento sulle riforme istituzionali necessarie per attuare le proposte della Conferenza nella loro totalità, comprese quelle sulla tassazione delle multinazionali e sulla cooperazione nella dimensione esterna degli affari UE. I deputati europei hanno sottolineato che il Parlamento continuerà a fare tutto il necessario per garantire l’adempimento della sua missione fondamentale, che è quella di garantire la credibilità dell’UE nei confronti di tutti gli europei, offrendo al contempo, e in linea con le priorità personali e di ciascun gruppo politico, degli esempi concreti di come le proposte della Conferenza siano diventate fattori chiave nel lavoro del PE. Alcuni oratori hanno espresso un parere contrario, mettendo in dubbio l’utilità della Conferenza, denunciando l’uso del denaro dei contribuenti e opponendosi alla direzione dell’UE nel suo complesso. Le 49 proposte della Conferenza includono più di 300 provvedimenti su come realizzarle suddivise in nove temi, e sono basate sulle raccomandazioni formulate dai panel europei e nazionali dei cittadini e sui contributi degli eventi nazionali, della piattaforma digitale multilingue e dalle discussioni della Plenaria e i nove gruppi di lavoro tematici. Le tre istituzioni hanno avviato il processo di attuazione e di verifica delle proposte della Conferenza, secondo le rispettive competenze.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata internazionale delle persone con disabilità

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2022

By Diana Daneluz. Oggi si celebra la Giornata internazionale delle persone con disabilità. Secondo l’ultimo Rapporto mondiale dell’OMS oltre il 15% della popolazione mondiale vive con qualche forma di invalidità e si stima che in Italia le persone disabili siano più di tre milioni, pari al 5,2% dell’intera popolazione. Per questo CAMMINO – Camera Nazionale Avvocati per le persone, per i minorenni e per le famiglie, testimonia una volta di più il suo sostegno alla lotta per i diritti delle persone disabili e per il superamento di emarginazione, discriminazioni e diseguaglianze ancora presenti nella società e rinnova l’impegno finalizzato a garantire l’effettiva tutela del diritto di tutte e di tutti alla piena partecipazione sociale, culturale ed economica del Paese. L’obiettivo è la tutela dei diritti attraverso pratiche positive e diffusamente condivise, e la Presidente Nazionale Raffaella Villa ribadisce la dedizione di CAMMINO “finalizzata all’abbattimento di ogni ostacolo all’inclusione e all’attivazione di un processo virtuoso di cambiamento e di sviluppo di una società che sia accessibile a tutte e a tutti”. Nel 1976 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite proclamava il 1981 “Anno internazionale delle persone disabili”, invitando i Paesi membri a definire un piano d’azione focalizzato sulla parità di opportunità, la riabilitazione e la prevenzione delle disabilità. Per dare ai governi ed alle organizzazioni il tempo adeguato ad attuare le attività raccomandate nel Programma d’azione mondiale, l’Assemblea generale ha proclamato dal 1983 il “Decennio delle persone disabili delle Nazioni Unite”, a conclusione del quale, con la risoluzione 47/3 del 1992, adottata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, è stata indetta la Giornata Internazionale delle persone con disabilità, recepita nell’anno successivo anche dall’Unione Europea. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (UNCRPD), adottata nel 2006, ha ulteriormente definito gli obiettivi di tutela dei diritti delle persone con disabilità nell’attuazione dell’Agenda per lo sviluppo sostenibile del 2030. Nonostante i progressi normativi votati ad una sempre maggiore inclusione, l’impatto della disabilità in tema di discriminazione e mancato accesso a istruzione, lavoro, vita culturale e sociale rimane ancora significativo. La giornata del 3 dicembre rappresenta dunque un importante momento di riflessione sui diversi temi che conducono alla concreta realizzazione del diritto a vivere una vita di qualità, cui CAMMINO non si sottrae, insieme alle avvocate e agli avvocati che ne fanno parte, costantemente alla ricerca di soluzioni e buone pratiche nell’esercizio della professione.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Spettacolo al Dorian di Palermo

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2022

Palermo 4 dicembre alle ore 20 n via Rosario Gerbasi 6, di fronte al molo Santa Lucia del porto di Palermo. I clienti del locale potranno gustare la ricca apericena con drink al costo di 25 euro. Si potrà scegliere anche la formula aperipizza, con antipasto, pizza, dolce e drink, sempre a 25 euro. Alle 22,30 saliranno sul palco gli Asile, accompagnati dalla voce di Roberta Lacca che daranno vita a un concerto che esalterà al massimo il mito di Elisa, cantando i più famosi brani della cantante con oltre 20 anni di carriera. Per prenotare un tavolo telefonare o mandare un messaggio WhatsApp al 3807980615 o andare sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/dorianart.it.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Concerto in Cattedrale di Cultura in Voce

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2022

Cosenza domenica 4 dicembre alle ore 20 nella maestosa Cattedrale di Cosenza. Un concerto particolare perché prevede l’esecuzione di celebri brani gregoriani, elaborati in polifonia e in alternatim con l’organo. L’evento è stato organizzato in concomitanza dell’ottocentenario della Cattedrale e del centocinquantesimo della nascita del noto compositore Monsignor Lorenzo Perosi.Il maestro Diego Ventura (direttore di coro, di orchestra di fiati e organista liturgico) ha precisato che: «In passato, alternare il tema gregoriano e l’organo era una prassi molto in uso. Ad oggi, invece, devo dire che è poco utilizzata in quanto sono pochi i cori, almeno dalle nostre parti, che si prestano ad eseguire il canto gregoriano realizzando l’elaborazione in polifonia con la voce e in alternatim l’organo. Crediamo che questo repertorio possa essere molto interessante dal punto di vista della prassi esecutiva. Siamo lieti di poterci esibire nella bellissima Cattedrale di Cosenza. Do una piccola anticipazione: dal momento che stiamo vivendo il 150esimo della nascita dell’insigne musicista Lorenzo Perosi, per l’occasione eseguiremo alcuni dei suoi brani». L’organista Alberto Brigandì ha spiegato che: «L’idea di proporre questo repertorio è nata a seguito dell’anno di conservatorio in cui ho insegnato pratica organistica e canto gregoriano. Ho avuto a che fare con un repertorio principalmente organistico basato sui temi gregoriani. Con il maestro Ventura abbiamo pensato di proporre questo concerto in maniera alternata tra coro e organo. Sapendo che il coro che dirige, “Vox Clara”, è specializzato in canto gregoriano gli ho fatto questa proposta e lui ha accolto l’idea con grande entusiasmo. È la prima volta che ci esibiamo insieme. Ci conosciamo da poco, ma è nata sin da subito una bella amicizia».

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Ingresso gratuito in musei civici e siti archeologici di Roma

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2022

Roma. Il 4 dicembre, prima domenica del mese, sarà possibile per tutti visitare gratuitamente i musei civici e alcune aree archeologiche della città come il Circo Massimo (dalle ore 9.30 alle 16.00 ultimo ingresso alle 15.00) e i Fori Imperiali (ingresso dalla Colonna Traiana 9.00 – 16.30 ultimo ingresso un’ora prima). Accesso ai siti Super (visita integrata delle aree archeologiche dei Fori Imperiali, del Foro Romano e del Palatino) a partire dalle ore 9.30 e fino a un’ora prima della chiusura. http://www.museiincomuneroma.it e culture.roma.it. Saranno aperti a tutti i visitatori: Musei Capitolini; Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali; Museo dell’Ara Pacis; Centrale Montemartini; Museo di Roma; Museo di Roma in Trastevere; Galleria d’Arte Moderna; Musei di Villa Torlonia; Serra Moresca di Villa Torlonia; Museo Civico di Zoologia; Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco; Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese; Museo Pietro Canonica a Villa Borghese; Museo Napoleonico; Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina; Museo di Casal de’ Pazzi; Museo delle Mura; Villa di Massenzio. L’iniziativa è promossa da Roma Culture, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Ingresso libero compatibilmente con la capienza dei siti. Prenotazione obbligatoria solo per i gruppi al contact center di Roma Capitale 060608 (ore 9.00 – 19.00). Nei musei si potranno visitare sia le collezioni permanenti sia le mostre in corso e i progetti espositivi multimediali, a partire dai Musei Capitolini con L’eredità di Cesare e la conquista del tempo, nella Sala della Lupa e dei Fasti antichi di Palazzo dei Conservatori, che narra la storia di Roma dalle sue origini fino agli albori dell’età imperiale. A Villa Caffarelli, da non perdere Domiziano imperatore. Odio e amore, che racconta l’ultimo imperatore della gens Flavia, amato e odiato in vita così come in morte, e la complessità e i contrasti di questa figura e del suo impero. In esposizione quasi cento opere provenienti da alcuni dei più importanti musei internazionali ed italiani. Nelle sale al piano terra di Palazzo dei Conservatori è in corso la mostra Cursus honorum. Il governo di Roma prima di Cesare, in cui sono rievocate, attraverso un percorso multimediale, le magistrature di età repubblicana, rivelando l’essenza della vita politica di Roma antica.In due sale di Palazzo Clementino è inoltre possibile ammirare I Colori dell’Antico. Marmi Santarelli ai Musei Capitolini, una preziosa selezione di oltre 660 marmi policromi di età imperiale provenienti dalla collezione capitolina e dalla Fondazione Dino ed Ernesta Santarelli (www.museicapitolini.org).

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La politica energetica per le aree urbane

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2022

Roma, Martedì 6 Dicembre 2022 Auditorium Unioncamere, Piazza Sallustio 21 Forum Istituzionale CityLab Energy dedicato alle politiche energetiche nelle aree urbane. Il Forum è promosso da: Cnr, Unioncamere, Rete Nazionale delle Agenzie Energetiche, Cluster Nazionale dell’Energia e GreenHillAdvisory. – nella mattina sono previste due Sessioni su Strategie ed Esperienze per la produzione, l’ efficientamento e le Comunità Energetiche – nel pomeriggio si terrà una Sessione dedicata al tema Finanziare le Politiche Energetiche, l’integrazione tra investimenti Pubblici e Privati, Partecipano come relatori: Parlamentari, Amministratori Locali, Dirigenti Pubblici, Manager di Aziende e di Fondi di Investimento. Il Forum prevede momenti di networking in occasione del “Caffè di Benvenuto delle ore 9.00” e del “Light Lunch delle ore 13.30”. La partecipazione, in presenza o da remoto, è libera previa iscrizione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Robeco: Mantenere la rotta verso il Net Zero entro il 2050

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2022

A cura di Lucian Peppelenbos, Climate Strategist di Robeco La conferenza sul clima COP27 si è svolta in un contesto che vede i paesi di tutto il mondo alle prese con crisi energetiche e alimentari, inflazione, guerre e tensioni sul debito. Due delle controparti fondamentali per il successo dei negoziati – Stati Uniti e Cina – non sono in buoni rapporti e la leadership dell’UE ha perso credibilità, visto il ritorno all’utilizzo del carbone e dell’aumento significativo dei sussidi ai combustibili fossili.In questo contesto, COP27 si è concentrata su due questioni fondamentali. La prima è quella dei finanziamenti per il clima. Da diversi anni i paesi industrializzati hanno infranto la promessa di aiutare il Sud globale a sostenere i costi dell’adattamento e della mitigazione del cambiamento climatico. La conferenza di quest’anno ha affrontato anche il tema dei danni: le nazioni ricche sono chiamate ad assumersi la responsabilità dei danni che le emissioni passate stanno arrecando ai più paesi vulnerabili. Su questo punto, il vertice ha prodotto un risultato epocale, ossia la costituzione di un fondo loss and damages, anche se, a nostro avviso, ci vorranno ancora molti negoziati prima che diventi operativo. Nell’immediato, potrebbero essere disponibili maggiori finanziamenti per il clima da parte delle istituzioni finanziarie multilaterali che dovranno essere riformate in base all’accordo di Sharm el-Sheikh.Il secondo obiettivo della COP27 era quello di dare impulso all’attuazione dell’Accordo di Parigi. In questo caso, sembra quasi che dovremmo essere grati che la mancanza di progressi non si sia tradotta in un esplicito passo indietro. L’obiettivo degli 1,5°C è sopravvissuto a malapena ai negoziati e non è stato raggiunto alcun accordo sulla riduzione graduale dell’uso dei combustibili fossili senza abbattimento delle emissioni. Insomma, una dolorosa battuta d’arresto.Quindi, conclusa la COP27, a che punto ci troviamo nel percorso verso il raggiungimento del Net Zero entro il 2050? Noi di Robeco vediamo il bicchiere mezzo pieno. Certo, la conferenza sul clima non ha prodotto molti risultati concreti, mentre le emissioni globali continuano ad aumentare e le politiche climatiche sono ancora insufficienti.Cinque anni fa, però, eravamo diretti verso un aumento delle temperature di 4 °C. Si è registrato dunque un progresso: un evidente cambio di rotta. In questo senso, il meccanismo di “ratcheting” dell’Accordo di Parigi, in base al quale le ambizioni climatiche vengono periodicamente riviste al rialzo, si sta dimostrando efficace. La prova del nove sarà il vertice del prossimo anno a Dubai, quando i paesi partecipanti presenteranno nuovi piani basati sui progressi compiuti finora a livello globale. Cosa comporta tutto questo per gli investitori come Robeco? Stiamo mantenendo la rotta verso il Net Zero entro il 2050 e continuiamo a investire nella transizione. La decarbonizzazione del nostro portafoglio è attualmente arrivata a -43% rispetto al livello di riferimento di fine 2019. Avendo iniziato l’anno a -35%, durante il 2022 abbiamo continuato a decarbonizzare i nostri investimenti, nonostante la ri-carbonizzazione del mercato provocata dall’aumento del peso del settore energetico nel benchmark. È altrettanto importante esaminare le aziende stesse e il loro approccio alla gestione della propria transizione. Questo aspetto è misurato dal nostro “semaforo” climatico, che valuta il grado di allineamento dei primi 250 emittenti del nostro universo d’investimento con gli obiettivi dell’Accordo di Parigi.Nella nostra analisi di quest’anno abbiamo riscontrato strategie di transizione robuste per il 27% delle aziende, mentre il 21% ci sta chiaramente lavorando e il 52% non fa ancora abbastanza. La buona notizia è che, nonostante l’aumento delle emissioni globali, l’antagonismo politico e l’ennesima conferenza deludente sul clima, vediamo forti segnali di un’evidente accelerazione della transizione nel mercato.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Contrasto ai cibi in provetta

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2022

“Un plauso al ministro dell’Agricoltura e della Sovranità Alimentare Francesco Lollobrigida che ha annunciato che il Consiglio per la ricerca in agricoltura valuterà scientificamente il profilo di rischio per l’uomo degli alimenti «Frankestein». Questa è la nostra risposta all’Ue che spinge a suon di sussidi l’introduzione del filetto in provetta. Insetti, carni artificiali e cibi in provetta creati nei laboratori, li mangi pure chi li propone, preferibilmente senza il ricorso a fondi pubblici, con un augurante buon appetito. Per quanto mi riguarda continuerò a mangiare i nostri meravigliosi cibi inclusi nella sana dieta mediterranea, che peraltro tutto il mondo apprezza e ci invidia.” Lo dichiara Lino Ricchiuti, dirigente nazionale di Fratelli d’Italia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

PGIM Fixed Income: Il debito sovrano dei mercati emergenti è sotto pressione

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2022

A cura di Giancarlo Perasso, Lead Economist, CEEMEA, PGIM Fixed Income. Il Common Framework divide i creditori in due gruppi: i creditori ufficiali bilaterali e i creditori privati. I creditori multilaterali mantengono il proprio status di “super-seniority” e i loro prestiti non possono essere modificati. I creditori ufficiali comprendono i membri del Club di Parigi e i creditori non appartenenti al Club di Parigi e in particolare: Cina, India e Arabia Saudita. I Paesi eleggibili per l’Iniziativa di Sospensione del Servizio del Debito (DSSI) possono chiedere l’attuazione del Common Framework nell’ambito di un programma del Fondo Monetario Internazionale (FMI) nel caso in cui il loro debito estero sia ritenuto insostenibile da FMI e Banca Mondiale, che sono responsabili delle analisi tecniche. Quali sono i Paesi che più probabilmente chiederanno il ricorso al Common Framework? Nell’indice di riferimento del debito sovrano (l’EMBIGD di J.P. Morgan) ci sono 15 Paesi (più lo Zambia, che è già caduto in default e ha già avviato la procedura prevista dal Common Framework) che possono partecipare al Common Framework; la nostra attenzione è concentrata proprio su questi Paesi. Questi Paesi devono far fronte a riscatti complessivi di Eurobond per un valore di poco più di 14 miliardi di dollari da qui alla fine del 2025. Al momento, nessuno di loro può essere considerato come avente accesso al mercato.I riscatti di modesta entità non implicano però che il Paese non abbia bisogno di una ristrutturazione del debito. Per identificare i Paesi più a rischio, e quindi i più probabili candidati a richiedere l’applicazione del Common Framework, abbiamo costruito una semplice heatmap. Per semplicità di esposizione, abbiamo evidenziato solo i valori critici delle variabili con la consueta metodologia: più scura è la cella, peggiore è la situazione del Paese, mentre il verde rappresenta la rilevazione più positiva. Abbiamo inoltre utilizzato la mediana come perno per valutare la posizione relativa dei Paesi. Ghana, Kenya e Mongolia si distinguono come Paesi che necessitano di ulteriori analisi per valutare la sostenibilità del debito. La Nigeria presenta l’onere del debito più basso, ma è anche il peggior Paese in termini di crescita prevista: raccomandiamo cautela su questo punto poiché la crescita è una componente cruciale per raggiungere/mantenere la sostenibilità del debito. L’Etiopia emerge come il candidato meno probabile a chiedere l’inclusione nel Common Framework, ma ha già chiesto di farne parte, evidenziando i molti fattori che riguardano l’adozione del Framework (abbiamo escluso lo Zambia dall’analisi poiché ha già fatto default).Il Common Framework è ancora agli inizi e stanno emergendo “le difficoltà tipiche delle fasi iniziali”, come dimostra il prolungato negoziato nel caso del Ciad. Sono state suggerite e potrebbero essere adottate nei prossimi mesi altre misure più complete e inclusive per ridurre l’onere del debito dei mercati emergenti. Gli operatori di mercato e i Paesi debitori probabilmente sottoscriverebbero una soluzione in stile Piano Brady, ad esempio, anche se l’attuale mancanza di cooperazione internazionale non sembra favorire una soluzione di questo tipo nel breve periodo. Un’altra soluzione possibile potrebbe essere un Common Framework rafforzato in cui la valutazione della sostenibilità del debito (Debt Sustainability Assessment, DSA) sia effettuata congiuntamente da FMI e Banca Mondiale, creditori ufficiali e creditori privati. (abstract by http://www.verinieassociati.com/)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“GAM: È tempo di Black Friday anche sui mercati?”

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2022

A cura di Carlo Benetti, Market Specialist di GAM (Italia) SGR. Il Black Friday di quest’anno chiude un periodo complicato, negli ultimi undici mesi le palline nere hanno di gran lunga superato le bianche, direbbe il Metafisico delle Operette Morali, la crisi energetica e la guerra hanno pesato anche sulla propensione al consumo.Nel giorno del Ringraziamento le famiglie americane hanno toccato con mano gli effetti dell’inflazione, secondo l’American Farm Bureau Federation il pranzo della festa quest’anno è costato il 20% in più rispetto all’anno scorso. L’inflazione conferma la sua natura di “tassa iniqua” perché sta pesando sulle famiglie e le persone più povere: nel 2022 i bilanci del 20% delle famiglie a più basso reddito sono diminuiti del 65%.La rilevazione dell’aumento dei prezzi in ottobre sembra indicarne il rallentamento, d’altro canto il buon tono del mercato del lavoro non ha diminuito la propensione alla spesa, il consumatore americano resta l’attore protagonista della crescita economica.Quest’anno è semmai affiorata, più che negli anni passati, la distanza tra i molti che cercano “l’affare” e gli sconti più allettanti e l’altra estremità dello spettro dei consumatori, i big spender che hanno fatto di New York la città più costosa per lo shopping di lusso. Gli acquisti dei beni di alta gamma hanno un posto a parte nel settore dei consumi, le ombre lunghe del rallentamento economico non modificano la capacità di spesa di questo segmento di consumatori e i risultati del trimestre confermano il momentum positivo del settore. Grazie alla forza del biglietto verde i consumatori americani si indirizzano verso il lusso esperienziale dei viaggi a lungo raggio, le fasce di reddito più alte continuano a beneficiare dell’extra-risparmio accumulato nei periodi di limitazioni alla mobilità.Il grande assente è la Cina. Sono tornati i turisti americani ma mancano all’appello i turisti cinesi che, assieme ai primi, sono i più spendaccioni del mondo. Il mercato non ha cambiato le aspettative anche in società i cui numeri sono stati superiori alle attese, le valutazioni restano dunque interessanti, “dopo aver raggiunto il picco dei ricavi e dei margini nel 2021 il settore del lusso si è deprezzato di circa il 30” scrive Swetha Ramachandran, facendo emergere “uno sconto del 20% rispetto alla sua media quinquennale”. In altre parole, il take away del Black Friday del portafoglio è che il settore del lusso resta un affidabile candidato alla diversificazione con almeno tre punti di forza a suo favore: 1. in un contesto inflazionistico difende il rendimento reale grazie al “pricing power” di società che possono trasferire l’aumento dei costi sui listini senza paura di compromettere il fatturato; 2. le valutazioni mostrano il buon equilibrio tra crescita e redditività, il settore scambia a forte sconto rispetto alle medie quinquennali dei multipli; 3. bilanci robusti: tradizionalmente il settore dei consumi, e dei consumi di nicchia, beneficia di considerevole liquidità che consente di gestire il ricorso al finanziamento. Il mercato ha voglia di ripartire, il settore dei consumi non ha brillato nella ripresa messa a segno in ottobre dai listini (anche per l’assenza del consumatore cinese), trainati soprattutto dai titoli “value”, energetici e industriali, ma si presenta con valutazioni interessanti. Le dinamiche da tenere d’occhio sono ancora la Federal Reserve e la Cina, come intenderà guidare e graduare il processo di riapertura.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alluvione di Senigallia: Tragedia annunciata perché non prevenirla?

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2022

La tragedia di Casamicciola è un’altra sciagura, in cui è palese la concausa dell’imprevidenza umana alla violenza dell’estremizzazione degli eventi atmosferici”: a sottolinearlo è Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI), che prosegue: “Nell’esprimere costernazione di fronte al bilancio delle vittime e vicinanza alla popolazione colpita, è evidente che adesso la priorità è rispondere alle emergenze, ma è altrettanto evidente che ciò non può essere la risposta ricorrente alle fragilità di un Paese, dove ormai il 94% dei Comuni è interessato dal rischio idrogeologico. Nella ridda dei commenti e delle dichiarazioni di prammatica, ricordiamo alla politica che è dal 2013 che il Parlamento latita sull’approvazione di una legge contro l’eccessivo consumo di suolo, che è acceleratore di pericolo di fronte alle violente conseguenze della crisi climatica. Approvarla in tempi rapidi sarebbe una risposta responsabile e democratica al dolore di tante famiglie. In questo periodo, gran parte della Penisola – prosegue il Presidente di ANBI – è ad alto rischio, schiacciata fra terreni indeboliti dalla siccità e temperature delle acque marine, fautrici di violenti eventi meteo, sconosciuti nel Mediterraneo fino a poco tempo fa. A dirlo è la scienza, ma anche l’esperienza quotidiana dei Consorzi di bonifica sul territorio: chiediamo di essere concretamente ascoltati.”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Transizione ecologica, c’è un gap comunicativo tra imprese e Tassonomia UE

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2022

C’è un forte disallineamento tra i dati ESG forniti dall’industria europea e i parametri indicati dalla Tassonomia europea, la classificazione introdotta nel 2020 nel contesto del Piano d’Azione per la Finanza sostenibile dell’Unione Europea, per individuare le attività economiche eco-sostenibili del vecchio continente e accelerarne la transizione ecologica al fine del raggiungimento degli obiettivi clima-energia. È il messaggio lanciato dal Primo Rapporto annuale di O-Fire, (“Osservatorio sulla Finanza d’Impatto e sue Ricadute Economiche”), l’Osservatorio sulla finanza sostenibile lanciato un anno fa dall’Università di Milano-Bicocca insieme a Banca Generali Spa e Aifi-Associazione italiana del private equity, venture capital e private debt. Dal titolo ““Simplified reading” of the European taxonomy and first assessment of its implications”, il Rapporto è stato presentato questa mattina all’Auditorium “Guido Martinotti” dell’Università di Milano-Bicocca. Nel Rapporto, i ricercatori partono dallo stato di attuazione della Tassonomia e dall’attuale contesto economico, ambientale ed energetico, per valutarne il possibile impatto e le criticità. I ricercatori dell’Osservatorio hanno estratto, dal database MSCI a disposizione dell’ateneo milanese, un campione di aziende europee di grandi dimensioni (1.391 con fatturato complessivo di 10mila miliardi di dollari), per le quali sono disponibili oltre 800 variabili ESG di cui 370 relative all’ambiente (per esempio le emissioni, l’impronta di carbonio, le fonti rinnovabili, l’efficienza energetica, i consumi di acqua, la biodiversità e l’uso del suolo).Tuttavia quello che i ricercatori hanno riscontrato è stato un disallineamento tra queste variabili e quelle contenute nei criteri di vaglio tecnico della Tassonomia, quei criteri che identificano le attività sostenibili, in grado quindi di dare un contributo sostanziale alla mitigazione e all’adattamento ai cambiamenti climatici. «Non si tratta degli stessi parametri – puntualizzano i ricercatori di O-Fire – oppure si tratta degli stessi, ma il grado di dettaglio non è paragonabile a quello richiesto dalla Tassonomia». Se le variabili disponibili nel database consentono di stabilire, per esempio, quante aziende europee hanno implementato negli ultimi due anni un programma definito di efficienza energetica o hanno fissato dei target di abbattimento delle emissioni, non rendono tuttavia possibile quantificare la percentuale di imprese che possano ad oggi ritenersi compliant con la Tassonomia. L’analisi contenuta nel Rapporto ha d’altro canto evidenziato una maggiore resilienza degli investimenti sostenibili rispetto al mercato e una certa correlazione tra le performance ambientali e quelle finanziarie delle imprese, in particolare quelle energetiche. Dall’analisi di diverse fonti (Morningstar, Bloomberg e Ocse), l’Osservatorio ha rilevato come nel terzo trimestre del 2022 i fondi sostenibili abbiano avuto afflussi netti per 23 miliardi di dollari contro i 35 del trimestre precedente e i circa 80 del primo trimestre; gli investimenti convenzionali (fondi del mercato generalizzato), invece, hanno subito deflussi pari a circa 280 miliardi nel secondo trimestre e 200 miliardi nel terzo. I fondi sostenibili si sono mostrati dunque più resilienti alla crisi economica in atto. «Serve grande responsabilità e coordinamento da parte delle istituzioni per incanalare nella corretta direzione gli sforzi delle imprese nella transizione sostenibile – dichiara Andrea Ragaini, Vice Direttore Generale di Banca Generali –. Dopo una prima fase di forte crescita delle sensibilità ambientali e dell’offerta di investimenti ESG dagli asset manager che hanno coinvolto in modo variegato le attività economiche e produttive, serve ora focalizzarsi sulla definizione delle best practices e indirizzare in modo ancora più costruttivo questo percorso virtuoso. Gli operatori finanziari stanno esprimendo forte impegno in questa direzione e la collaborazione dei partner dell’Osservatorio testimoniano la determinazione in tal senso. Ringraziamo l’Università di Milano-Bicocca e tutte le persone coinvolte nel progetto per lo straordinario e meticoloso lavoro di analisi che traccia una linea importante su cui riflettere per le sfide future dell’industria degli investimenti sostenibili».

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Ucraina in Europa: identità, storia, sicurezza e prospettive”

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2022

Roma Venerdì 16 dicembre dalle 10:00 alle 16:00 The Dome, sede Luiss di Viale Romania 32 (RM) Evento organizzato dall’Ambasciata Ucraina in Italia in collaborazione con Federazione dei Diritti Umani – FIDU Data Lab e Master in Giornalismo e Comunicazione multimediale dell’Università Luiss Guido Carli. Attraverso le analisi degli esperti, si cercherà di rispondere agli interrogativi sul futuro dell’Ucraina in Europa, sulle origini del conflitto, le violazioni dei diritti e le relazioni internazionali. Al centro del dibattito, la necessità di affrontare le nuove sfide della disinformazione e il suo impatto nell’opinione pubblica e nelle democrazie.TRA GLI SPEAKERS Pasquale Q. Terracciano Direttore Generale Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Yaroslav Melnyk Ambasciatore d’Ucraina in Italia Giulio Terzi Sant’Agata Presidente della Commissione Affari Europei Maurizio Molinari Direttore La Repubblica Claudia Mazzola Direttrice Ufficio Studi Rai Marcello Flores d’Arcais Storico Nona Mikhelidze Senior Fellow Istituto Affari Internazionali Gianni Riotta Direttore Data Lab e Master in Giornalismo, Luiss Antonio Stango Presidente Federazione Italiana dei Diritti Umani Eleonora Mongelli Vicepresidente Federazione Italiana dei Diritti Umani Olga Tokariuk Giornalista indipendente – Resident fellow al Reuters Institute e non-resident fellow al Center for European Policy Analysis Andrea Graziosi Storico Ruslan Deynychenko Co-founder e Direttore esecutivo di Stop Fake

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parma: Scadenza immatricolazioni prorogata al 20 dicembre

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2022

L’Università di Parma comunica che è stata prorogata al 20 dicembre la scadenza delle immatricolazioni per 29 corsi di laurea magistrale, ad oggi non ancora saturi.A seguire l’elenco dei corsi di laurea magistrale cui studentesse e studenti interessati possono ancora immatricolarsi fino ad esaurimento dei posti disponibili, con pagamento del contributo di mora di 50 euro. Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali Filosofia Giornalismo, Cultura Editoriale, Comunicazione Ambientale e Multimediale. Language Sciences and Cultural Studies for Special Needs Lettere classiche e moderne. Storia e critica delle arti e dello spettacolo. Dipartimento di Giurisprudenza, Studî Politici e Internazionali. Programmazione e gestione dei servizi sociali. Relazioni internazionali ed europee. Dipartimento di Ingegneria e Architettura. Architettura e città sostenibili. Communication engineering – Ingegneria delle telecomunicazioni. Engineering for the food industry. Ingegneria civile, elettronica, informatica, meccanica e per l’ambiente e il territorio. Dipartimento di Medicina e Chirurgia Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate. Psicobiologia e neuroscienze cognitive. Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale, Biotecnologie genomiche, molecolari e industriali, Chimica, Chimica industriale, Ecologia ed Etologia per la Conservazione della Natura, Scienze Biomolecolari, Genomiche e Cellulari, Scienze e tecnologie per l’ambiente e le risorse, Scienze geologiche applicate alla sostenibilità ambientale, Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali Economia e Management dei Sistemi Alimentari Sostenibili, Dipartimento di Scienze Matematiche, Fisiche e Informatiche, Fisica, Matematica, Scienze informatiche, Dipartimento di Scienze Medico-Veterinarie, Produzioni animali innovative e sostenibili. Per accedere alla procedura di immatricolazione, da effettuare esclusivamente on line, è sufficiente andare sul sito web di Ateneo alla pagina https://www.unipr.it/registrazione e seguire le istruzioni.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Diagnosticare il tumore della prostata attraverso una metodica non invasiva

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2022

Ciò comporta una maggiore accuratezza rispetto alle procedure tradizionali è una realtà sempre più vicina. Lo confermano i dati di uno studio pubblicato dalla rivista scientifica International Journal of Urology, nel quale è stata testata l’efficacia del primo prototipo di naso elettronico che identifica la presenza della neoplasia a partire da un campione di urina, attraverso il riconoscimento di specifiche molecole volatili. Diag-Nose – questo il nome del progetto da cui è nato un primo prototipo sperimentale – deriva dalla stretta collaborazione tra Humanitas e Politecnico di Milano. I risultati preliminari sono incoraggianti: l’esame identifica correttamente la presenza del tumore in pazienti malati nell’85,2% dei casi e risulta correttamente negativo nei pazienti sani nel 79,1% dei casi. Non solo. Il prototipo presenta ulteriori elementi significativi rispetto al tradizionale metodo della biopsia: oltre a essere un esame invasivo, la biopsia ha un tasso di falsi negativi piuttosto elevato nei tumori in fase precoce, dovuto al fatto che si preleva e analizza solo una piccola porzione dell’organo.Lo studio è stato condotto da marzo 2020 a marzo 2021 in Humanitas Mater Domini, a Castellanza, e all’IRCCS Istituto Clinico Humanitas di Rozzano. Il progetto ha coinvolto 174 persone, divise in due gruppi: 88 pazienti con tumore alla prostata di diverso grado e stadio di progressione, confermato dall’esame istologico positivo, e 86 persone del gruppo definito di “controllo”, composto da soggetti femminili o da uomini di diversa età ma senza familiarità alla patologia e con visita ed esami (tra cui il PSA) negativi. Per ogni persona è stato poi raccolto un campione di urina e analizzato presso i laboratori della prof.ssa Laura Capelli al Dipartimento di Chimica Materiali e Ingegneria Chimica del Politecnico di Milano. Il naso elettronico ha dimostrato di identificare correttamente come positive le persone con tumore nell’85,2% dei casi. L’accuratezza – ovvero la capacità di fare una diagnosi corretta, sia essa di negatività o positività – è dell’82,1%. Se si considerano solo gli uomini di età superiore ai 45 anni, la fascia di età più interessata dalla malattia, ma anche la più difficile da diagnosticare correttamente, l’accuratezza si attesta all’81%. «La biopsia alla prostata è oggi il gold standard per la diagnosi del cancro di questa ghiandola. Nonostante la maggior precisione che oggi l’esame ha raggiunto grazie all’utilizzo delle immagini di risonanza magnetica nel guidare il prelievo di tessuto, il tasso di rilevamento del tumore raggiunge al massimo il 48,5%. Una percentuale significativamente inferiore rispetto a quella del naso elettronico che, oltre ad un’accuratezza diagnostica maggiore, limiterebbe il disagio e le complicanze per il paziente», spiega il promotore dello studio, il dott. Gianluigi Taverna, responsabile Urologia di Humanitas Mater Domini e medico-ricercatore dell’IRCCS Istituto Clinico Humanitas. Il naso elettronico sviluppato nell’ambito del progetto Diag-Nose, è dunque un prototipo nato dalla riproduzione dell’olfatto canino, realizzato grazie a una serie di sensori in grado di analizzare le sostanze volatili rilasciate nell’aria dai campioni di urina. «Perché il naso elettronico possa effettivamente entrare a far parte della pratica clinica quotidiana saranno però necessari ulteriori studi su larga scala, che ci permetteranno di confermare i risultati già ottenuti e approfondire il potenziale del prototipo. Il prossimo passo per rendere il naso elettronico una realtà, è dunque quello di validarlo coinvolgendo istituti clinici internazionali», concludono Gianluigi Taverna e Fabio Grizzi.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mase: Unc, prezzi carburanti in giù, ma Governo ci ripensi

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2022

Secondo i dati settimanali del ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (Mase), appena pubblicati, il prezzo della benzina in modalità self service scende a 1,660 euro al litro, il gasolio a 1,748 euro al litro. “Ottima notizia, dovuta al fatto che a novembre non si sono prodotti gli effetti del taglio della produzione di 2 milioni di barili di petrolio al giorno dei Paesi Opec+ scattato a inizio mese, e questo per via di altri fattori internazionali, come la ripresa del Covid e di nuovi lockdown in Cina, il rischio di una discesa dell’attività produttiva e di un calo della domanda di petrolio. Il punto, però, è cosa si deciderà nella prossima riunione Opec+ del 4 dicembre e gli effetti che ci saranno rispetto alle decisioni sul petrolio russo. Insomma, pericolo scampato a novembre, ma non certo a dicembre” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “Per questo la decisione del Governo Meloni di tagliare lo sconto sulle accise da 25 a 15 cent al litro, che comunque inciderà su una famiglia che fa 2 pieni da 50 litri al mese per 146 euro e 40 cent su base annua, una stangata di cui gli italiani farebbero volentieri a meno, resta una scelta sconsiderata, anche perché un aumento dei prezzi dei carburanti, indipendentemente dal loro livello attualmente basso, avrà comunque effetti nefasti sull’inflazione, anche se il Governo non ha modificato il regime per gli autotrasportatori. Ci ripensino!” prosegue Dona. “Inoltre, nonostante oggi la benzina sia sotto 1,7 euro e il gasolio inferiore a 1,8 euro, da quando è iniziata la guerra, nonostante l’intervento ora vigente, pari a 30,5 cent, un litro di benzina costa appena 19 cent in meno, con una flessione del 10,3%, pari a un risparmio di 9 euro e 51 cent per un pieno da 50 litri, mentre il gasolio resta addirittura a livelli superiori a quelli pre-conflitto del 21 febbraio 2022, +2,5 cent al litro, +1,5%, pari a 1 euro e 28 cent a rifornimento” prosegue Dona. “Rispetto all’inizio dell’anno, la benzina è scesa di un tenue 3,5%, pari a meno di 3 euro per un pieno, il gasolio invece è persino maggiore del 10,3%, oltre 16 cent al litro, 8 euro e 13 cent a rifornimento” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lancio di Meteosat Third Generation Imager-1

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2022

Meteosat Third Generation Imager-1 (MTG-I1) è il primo di una nuova generazione di satelliti che fornisce informazioni fondamentali per il rilevamento tempestivo e la previsione precoce di tempeste violente, per le previsioni meteorologiche e per il monitoraggio del clima.Il satellite trasporterà due strumenti completamente nuovi, ovvero il primo Lightning Imager d’Europa e un Flexible Combined Imager. Una volta in orbita, questo satellite all’avanguardia rafforzerà ulteriormente la leadership europea nel campo delle previsioni meteorologiche.Meteosat Third Generation, uno dei sistemi satellitari più complessi e innovativi mai costruiti, fornirà dati essenziali più precisi per le previsioni meteorologiche da un’orbita geostazionaria nel corso dei prossimi due decenni. Frutto della partnership di lunga data tra l’ESA e l’Organizzazione europea per l’esercizio dei satelliti meteorologici (EUMETSAT), progettato e costruito da un consorzio di oltre 100 partner industriali europei sotto la guida di Thales Alenia Space, MTG costituisce un esempio perfetto dell’eccellenza tecnologica europea. Per ulteriori informazioni su ESA, visitare il sito http://www.esa.int

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Nei prossimi dieci anni verranno cancellati oltre 600 istituti

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2022

Entro il prossimo decennio spariranno 624 sedi di presidenza della scuola pubblica: dalle attuali 7.519 diventeranno 6.885. Lo prevede la Legge di bilancio 2023, che all’articolo 99 introduce un nuovo coefficiente per la formazione delle sedi scolastiche autonome “non inferiore a 900 e non superiore a 1000, e tenuto conto dei parametri, su base regionale, relativi al numero degli alunni iscritti nelle istituzioni scolastiche statali e dell’organico di diritto dell’anno scolastico di riferimento, integrato dal parametro della densità degli abitanti per chilometro quadrato”. L’algoritmo di calcolo parte dalla circostanza che entro i prossimi dieci anni si prevedono, sulla base del tasso di natalità in forte riduzione, circa un milione e 100mila alunni e studenti in meno. “Tuttavia – spiega Marcello Pacifico – non tiene conto della distribuzione dei plessi scolastici e dei servizi offerti dal territorio alle famiglie e al personale scolastico. Se si applicasse lo stesso criterio ai Comuni più della metà dovrebbe chiedere fin dal prossimo anno solare. E lì ci sarebbero risparmi, ma perché non gli ospedali, ma forse ci si dovrebbe interrogare se lo Stato ha il dovere di ampliare piuttosto che tagliare questi servizi, non per ultimo quello dell’istruzione”.Le sedi di presidenza oggi sono circa 8 mila: “Erano ben 12 mila nel 2008 prima dell’emanazione del regolamento sul dimensionamento scolastico Tremonti-Gelmini (DPR 81/09), attuativo della Legge 133/2008 e degli ulteriori tagli disposti dalla Legge 111/11 – ricorda il presidente Pacifico – , in questi anni sono stati chiusi già ben 10 mila plessi nel territorio con grave negazione del diritto allo studio e a dispetto di Comuni lasciati aperti. Nel frattempo, il carico di lavoro delle scuole dell’autonomia è notevolmente accresciuto, non in ultimo con la progettualità legata al PNRR”. Anief e Udir chiedono lo stralcio e la conferma dei 400 dirigenti scolastici e Dsga nelle scuole normo-dimensionate. Nel frattempo, nel prossimo mese di marzo si svolgerà l’udienza pubblica al Tar Lazio sul ricorso presentato dai presidi iscritti a Udir sul recupero del FUN decurtato dal 2016 ad oggi. “Si tratta di recuperare 5mila euro annui in media a dirigente scolastico: lo stesso Ragioniere generale dello Stato è stato convocato dal tribunale amministrativo per spiegare il motivo del mancato ripristino delle risorse tagliate dopo l’intervento cautelare del Consiglio di Stato”, conclude Pacifico.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

A casa tutto bene di Monica Pirone

Posted by fidest press agency su sabato, 3 dicembre 2022

Roma 4 dicembre ore 12 Libreria Spazio Sette via dei Barbieri 7. Edizioni Bordeaux Illustrazioni di Cecilia Cantarano prefazione di Michela Becchis.Presenteranno il libro Claudia Pecoraro e Fabio Benincasa e sarà presente Cecilia Cantarano che ha curato le illustrazioni del libro. Leggeranno una pagina del loro diario di Lockdown l’artista Silvia Stucky e l’artista Elina Chauvet autrice di Scarpe Rosse che sarà presente in video dal Messico e che potrete trovare all’interno del libro. Saranno presenti Dario Cimaglia e Luca Todarello. L’autrice Monica Pirone leggerà alcune pagine del libro, creando una performance iniziale che introdurrà il dibattito. A pochi giorni dalla Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, parleremo nello specifico della violenza domestica, racconteremo una storia contenuta in un diario scritto durante il periodo del Lockdown, 69 giorni di isolamento che per alcune donne è stato fatale. L’artista visuale Monica Pirone ha scritto nei primi mesi del 2022, un testo poi presentato alla Biblioteca Vaccheria Nardi pensato come azione performativa, presentato nuovamente a settembre alla Biblioteca Laurentina a Roma. L’idea di pubblicare è nata proprio da una richiesta fatta dal pubblico all’artista, per avere modo di rileggere da soli un libro che può essere spunto di dibattito. Il diario descrive le giornate che tutti noi abbiamo passato nell’isolamento ed il crescendo di violenza all’interno della casa in un nucleo familiare come tanti, nelle ultime pagine, preziose testimonianze di donne di diverse età ( da Elina Chauvet (artista visuale) a Cecilia Cantarano (influencer) a Barbara Accetta (insegnante di lettere in pensione), differenti storie ci donano delle giornate di diario totalmente diverse dal racconto, controbilanciando la tensione emotiva tragica e riportandoci in alcuni casi ad una visione poetica in panorami limbico-domestici. Monica Pirone da anni lavora adottando differenti linguaggi, al tema dei diritti delle donne, trovando nella pratica artistica una vera e propria militanza politica e sociale, atta a sensibilizzare e diffondere il progresso e l’emancipazione e la parità di genere

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »