Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 35 n°30

L’Orologio dell’Apocalisse spostato a 90 secondi

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 gennaio 2023

Quest’anno, il Comitato per la Scienza e la Sicurezza del Bulletin of the Atomic Scientists ha spostato in avanti le lancette dell’Orologio dell’Apocalisse, soprattutto (anche se non esclusivamente) a causa dei crescenti pericoli della guerra in Ucraina.L’orologio è ora a 90 secondi dalla mezzanotte, il momento più vicino alla catastrofe globale che sia mai stato. La guerra in Ucraina potrebbe entrare in un secondo orribile anno, con entrambe le parti convinte di poter vincere. Sono in gioco la sovranità dell’Ucraina e i più ampi accordi di sicurezza europei che hanno retto in gran parte dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Inoltre, la guerra della Russia contro l’Ucraina ha sollevato profondi interrogativi sulle modalità di interazione tra gli Stati, erodendo le regole di condotta internazionale che sono alla base di risposte efficaci a una serie di rischi globali.E soprattutto, le minacce poco velate della Russia di usare armi nucleari ricordano al mondo che l’escalation del conflitto, per incidente, intenzione o errore di calcolo, è un rischio terribile. La possibilità che il conflitto sfugga al controllo di chiunque rimane alta.Le recenti azioni della Russia sono in contrasto con decenni di impegni assunti da Mosca. Nel 1994, la Russia si è unita agli Stati Uniti e al Regno Unito a Budapest, in Ungheria, per dichiarare solennemente che avrebbe “rispettato l’indipendenza e la sovranità e i confini esistenti dell’Ucraina” e “si sarebbe astenuta dalla minaccia o dall’uso della forza contro l’integrità territoriale o l’indipendenza politica dell’Ucraina…”. Queste assicurazioni sono state fatte esplicitamente a condizione che l’Ucraina rinunciasse alle armi nucleari sul suo territorio e firmasse il Trattato di Non Proliferazione nucleare, cosa che l’Ucraina ha fatto.La Russia ha anche portato la guerra ai siti dei reattori nucleari di Chernobyl e Zaporizhzhia, violando i protocolli internazionali e rischiando un diffuso rilascio di materiali radioattivi. Gli sforzi dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica per mettere in sicurezza questi impianti sono stati finora respinti.Mentre la guerra della Russia contro l’Ucraina continua, l’ultimo trattato sulle armi nucleari tra Russia e Stati Uniti, il New START, è in pericolo. Se le due parti non riprenderanno i negoziati e non troveranno una base per ulteriori riduzioni, il trattato scadrà a febbraio 2026. Ciò eliminerebbe le ispezioni reciproche, aggraverebbe la sfiducia, stimolerebbe una corsa agli armamenti nucleari e aumenterebbe la possibilità di uno scontro nucleare.Come ha avvertito ad agosto il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, il mondo è entrato in “un periodo di pericolo nucleare che non si vedeva dall’apice della Guerra Fredda”.Gli effetti della guerra non si limitano a un aumento del pericolo nucleare, ma minano anche gli sforzi globali per combattere il cambiamento climatico. I Paesi che dipendono dal petrolio e dal gas russo hanno cercato di diversificare le loro forniture e i loro fornitori, portando a un aumento degli investimenti nel gas naturale proprio quando questi avrebbero dovuto ridursi.Nel contesto di una guerra calda e sullo sfondo delle minacce nucleari, anche le false accuse della Russia, secondo cui l’Ucraina avrebbe pianificato l’uso di dispositivi di dispersione radiologica, armi chimiche e armi biologiche, assumono un nuovo significato. Il continuo flusso di disinformazione sui laboratori di armi biologiche in Ucraina solleva il timore che la Russia stessa possa pensare di dispiegare tali armi che, secondo molti esperti, continua a sviluppare.L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha aumentato il rischio di uso di armi nucleari, ha sollevato lo spettro dell’uso di armi biologiche e chimiche, ha ostacolato la risposta del mondo al cambiamento climatico e ha ostacolato gli sforzi internazionali per affrontare altri problemi globali. L’invasione e l’annessione del territorio ucraino hanno inoltre violato le norme internazionali in modi che potrebbero incoraggiare altri a intraprendere azioni che sfidano le precedenti intese e minacciano la stabilità.Non esiste un percorso chiaro per forgiare una pace giusta che scoraggi future aggressioni all’ombra delle armi nucleari. Ma come minimo gli Stati Uniti devono tenere aperta la porta a un impegno di principio con Mosca che riduca il pericoloso aumento del rischio nucleare che la guerra ha favorito. Un elemento di riduzione del rischio potrebbe essere rappresentato da contatti militari statunitensi di alto livello con la Russia per ridurre la probabilità di errori di calcolo. Il governo degli Stati Uniti, i suoi alleati della NATO e l’Ucraina dispongono di una moltitudine di canali di dialogo che dovrebbero essere esplorati. Trovare una strada per seri negoziati di pace potrebbe contribuire a ridurre il rischio di escalation. In questo momento di pericolo globale senza precedenti, è necessaria un’azione concertata e ogni secondo è importante.By Comitato per la Scienza e la Sicurezza del Bulletin of the Atomic Scientists (fonte Pressenza press agency)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: