Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 151

Archive for the ‘Estero/world news’ Category

world news

Francia: Serracchiani, fermata onda Le Pen, ora convergere su Macron

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

marine le pen“L’onda della destra antieuropeista guidata da Marine Le Pen si è fermata davanti al realismo e a un radicato senso democratico dei francesi. Questo è ancora solo il primo turno, ma fa ben sperare per il 7 maggio”. Lo ha affermato la vicesegretaria del Pd Debora Serracchiani, commentando i risultati delle elezioni francesi, che vedono al primo turno in testa il centrista Emanuel Macron, seguita dalla leader del Fronte National Marine Le Pen. Per Serracchiani “ora l’auspicio e’ che la frammentazione dei partiti si ricomponga e, convergendo su Macron, assicuri stabilità alla Francia e nuova fiducia nell’Europa‎. E’ nell’interesse – ha concluso – di tutte le forze responsabili”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Abortion ship sailed outside Mexican territorial waters for second time

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

Abortion shipWomen on Waves sailed out again with several women to international waters today from Zihuatanejo, Mexico. There was no interference from the authorities. The ship did not need any special permission for coastal sailing.
The last 2 days 70 women from all over Mexico called the safe abortion hotline. We received calls from Quintana Roo to Oaxaca with of women needing abortions because of a variety of reasons, including failure on their contraceptives, out the fact that they had been raped and are too afraid to reach out for legal local health services (abortion is legal in cases sexual violence in all states).The hotline also received many calls from Mexico City, where abortion is legal and free. Many women still did not know they could have safe abortions in this City. Every Mexican woman has the right to information. Even after the ship leaves Mexico the hotline will continue to provide women information with safe abortion options. Hundreds of Mexicans have expressed their support for the campaign. The success of this action shows that the Mexican society is ready to discuss abortion beyond each person’s individual beliefs, taking into account the human rights of women and the secular nature of the Mexican State. This campaign was an international collaboration between Women on Waves and more than 30 Mexican organizations and human rights defenders that are working tirelessly to protect and promote the human right to a safe abortion.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Asylum: MEPs demand urgent reform of the Dublin system and effective relocation of migrants

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

dublinThe current Dublin Regulation, which determines the member state responsible of dealing with each asylum claim, needs an urgent reform, according to MEPs of the Civil Liberties Committee in mission in Italy. MEPs also insisted that other EU countries must host some of the asylum-seekers now in Italy and Greece, as agreed in 2015.On Friday, at the end of a four days visit, Barbara Kudrycka (EPP, PL) and Juan Fernando López Aguilar (S&D, ES), heads of the delegation, said: “We came here to observe and listen to the way Italy manages the high number of arrivals of migrants and refugees at its sea borders. Italy is currently one of the biggest entry points of Europe, therefore the current migration situation is a European, not just an Italian issue. Observations and findings of the delegation are very relevant to the current work of the European Parliament for revising EU asylum legislation, in particular the Dublin Regulation.The delegation is impressed and pays tribute to the efforts of the Italian authorities, population, and all stakeholders, specifically in Sicily, to ensure that the fundamental rights of all migrants and refugees are respected and best processing practices, including for registering arriving migrants and ensuring the protection of external borders, are observed by all stakeholders. The delegation could also observe good cooperation between Italian authorities, NGOs, and EU agencies, and noted the valuable support of EASO, Frontex and Europol.The efforts made by Italy and the extraordinary example of the Sicilian people are not just commendable to Italy but they also safeguard the values of the EU as a whole. The efforts to save lives at sea through search and rescue while fighting against smuggling and trafficking of human beings are tremendous. This is all the more important given the increasing instability and worrying situation in neighbouring countries, notably Libya.The new legislation on unaccompanied minors, although it still needs to be put to the test of reality, seems to be a step in the right direction. It is very much needed, given the arrivals of ever-higher figures of minors of ever-lower age among which increasing numbers of trafficking victims.But of course there are still issues to be addressed:
– We realised that many authorities, including local authorities but also the judiciary, are facing important limitations as far as financial and human resources are concerned, recognising that Italy shoulders a greater relative burden in dealing with the migration situation.
– Visiting Italy gave us yet more evidence that the current Dublin regulation does not work, and given the current pitfalls there seems to be an urgent need for reform.
– Relocation of asylum seekers to other Member States needs to be implemented as agreed, to demonstrate solidarity in practice.
– The need for large scale search and rescue operations demonstrates that Europe must create safe and lawful routes for migration. Resettlement in particular needs to be reinforced.
What Italy is dealing with should be wake-up call to Europe for a more collective response and fairer sharing of responsibility.”

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Migrant child protection still a grave concern

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

migrantesThe treatment of asylum-seeking and migrant children continues to be worrying in many parts of Europe. This is one of the main concerns from the latest summary report of the EU Agency for Fundamental Rights (FRA) on migration-related fundamental rights in selected EU Member States which points to inadequate living conditions and support leading to ill-heath. The Agency’s latest summary identifies pressing fundamental rights issues that need addressing in various EU Member States. Some of the main findings include:
Asylum-seeking and migrant children continue to suffer in many countries. Unaccompanied children often receive little support and can be housed with adults they do not know. Their health and wellbeing can also deteriorate, resulting in suicide attempts, as they approach adulthood or face moving to other parts of the country or being returned following failed asylum claims. Methods for assessing age, where, for example the Swedish Migration Agency found 60% of all cases to be insufficiently investigated, pose problems for children in many cases. In addition, not enough guardians, staff lacking the skills or time to deal with migrant children, and too few places in adequate and secure facilities, all compound the difficulties children face.
The pattern of new arrivals is changing with numbers rising in Greece but particularly in Italy, and dropping significantly in Hungary, where a smart fence with speakers warns against irregular crossing in different languages. In Spain, the use of small boats to arrive grew by 62% in the first three months of 2017 compared to the same period in 2016.
Asylum patterns are also changing with applications rising in Italy and falling in Germany and Hungary. In Hungary, the transit zone policy has left some 8,000 people waiting in Serbia to enter and only 5 people per working day are being admitted to each of the two transit zones.
Overcrowding, poor facilities and the growing use of detention remain problematic, particularly in hotspot and reception facilities. Healthcare for people with mental health issues or suffering anxiety and depression, and privacy for women continue to be issues.
Hate speech, particularly online, continues to remain high. In the Netherlands over a fifth of all online hate speech was found to target asylum seekers and migrants.
In some countries the political response to the migration situation continues to become more restrictive. Legislative initiatives in several Member States aim at restricting appeals, increasing detention, and facilitating and accelerating returns. Society in many Member States is also becoming more polarised with demonstrations for and against migration and asylum.
The European Commission asked the Agency to collect data about the fundamental rights situation of people arriving in Member States particularly affected by large migration movements. The reports cover 14 Member States: Austria, Bulgaria, Denmark, Finland, France, Germany, Greece, Hungary, Italy, the Netherlands, Poland, Slovakia, Spain and Sweden.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Merchants of Doubt or investigating Corruption

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

MerchantsStrasbourg from Monday 24 to Friday 28 April – members of the Parliamentary Assembly of the Council of Europe (PACE) will meet in Strasbourg and decide whether their institution has a future. The question is whether there is a majority of members in PACE prepared to act in the face of what German daily Der Tagesspiegel called “the biggest corruption scandal in the history of the Council of Europe” and launch an independent investigation.
The Sawicki proposal remains contested. For weeks now, those opposed to an independent investigation have tried to muddy the waters, divert attention and change the subject – merchants of doubt, trying to argue away the accumulating evidence of a major crisis. They ignore the most obvious argument for a serious investigation, as explained to the Guardian by former Swedish minister of justice Tobias Billstrom (EPP). According to the paper:
bureau“Billström said it would be inconceivable for the Council of Europe to turn down a request for an independent investigation when it faces ‘so many serious allegations… which concern the ability of the parliamentary assembly to function as it was intended, as a watchdog against corruption.’ He urged MPs in the assembly to endorse ‘very good’ proposals drawn up by its most senior official, Wojciech Sawicki, setting out the terms for an independent inquiry.”The first confrontation will take place in the Bureau of the Assembly – a body of 33 members – on early Monday morning in Strasbourg. The issue before the Bureau is not to declare whether the government of Azerbaijan or members of its delegation have indeed for many years tried to corrupt individual members of PACE, something that has become known as Caviar Diplomacy. The issue is whether there is a majority in PACE that is willing to find out and to investigate the allegations. (Photo: Merchants, bureau)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Donald Trump ha il potere di rinnovare il consiglio della Fed

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

Federal ReserveGli investitori danno per certo che la Federal Reserve statunitense diventerà più intransigente con l’accelerazione della crescita USA – soprattutto se le politiche proposte dal Presidente Trump innescheranno un boom economico. Ma quello di cui non tengono conto è il potere del Presidente di modificare la composizione del consiglio della Fed in base ai suoi scopi politici. Una Fed a misura di Trump potrebbe adottare un approccio decisamente più morbido nei confronti dell’inflazione rispetto alla linea tenuta dalla banca centrale dagli anni ‘70.
Dopo le dimissioni di Daniel Tarullo, valide dal 5 aprile, Trump ha ora il compito di riempire tre delle sette poltrone del consiglio della Fed. Un numero che potrebbe salire a cinque entro metà 2018, quando scadranno i mandati del presidente e del suo vice. Trump non è mai stato un fan di Janet Yellen, che probabilmente lascerà la banca centrale insieme al suo fidato vice Stanley Fischer qualora i due non venissero riconfermati.
Non è cosa da poco. L’organo che stabilisce la linea della Fed, il Federal Open Market Committee (FOMC), è composto dai sette governatori del Federal Reserve Board, dal presidente della Fed di New York e da quattro degli 11 presidenti delle altre Federal Reserve Bank, a rotazione. Anche se un gruppetto scelto da Trump rappresenterebbe una minoranza all’interno del FOMC, non bisogna sottovalutare l’influenza che il presidente della Fed ha sempre avuto nel definire la politica della banca. Se già il dissenso di un membro della Fed rispetto al pensiero del presidente fa scalpore, è facile immaginare quale shock provocherebbe una decisione contraria al parere del numero uno.
Dunque, che tipo di Fed vorrebbe Trump? Il magnate ha già espresso il suo disappunto per le misure non ortodosse della banca centrale che hanno mantenuto i tassi di interesse prossimi allo zero per gran parte del gli ultimi 10 anni. E spesso viene associato a falchi come l’economista John Taylor, che ha più volte criticato il quantitative easing. Tuttavia è importante ricordare che in cima alla lista delle priorità di Trump c’è la crescita economica che vuole favorire fornendo un vantaggio competitivo alle aziende USA rispetto a quelle estere tramite la riduzione delle imposte societarie, il sostegno agli esportatori e l’incremento della spesa pubblica nelle infrastrutture. Di certo non vorrebbe scontrarsi con una politica monetaria avversa. Inoltre, la debolezza del dollaro, probabile conseguenza di una linea monetaria meno rigida, contribuirebbe a spostare la domanda interna dai prodotti importati a quelli locali anche senza la controversa “border tax”, la tassa che la nuova amministrazione USA vorrebbe imporre sulle importazioni.D’altro canto, il rialzo dell’inflazione non è assolutamente inammissibile per l’establishment economico. Di recente, gli economisti della Fed e i membri del Brookings Institution hanno dichiarato che l’autorità monetaria potrebbe ragionevolmente accettare un’inflazione superiore al target del 2%. Nello specifico, il Presidente della Fed di Minneapolis Neel Kashkari ha preso le distanze dall’inasprimento di marzo, sostenendo che alzare i tassi quando l’inflazione di fondo è al di sotto del target significa che la banca centrale “considera la soglia del 2% come un tetto piuttosto che un obiettivo… Non trovo giusto parlare di target e agire come se fosse un tetto.” Anziché alzare il target, la Fed potrebbe benissimo asserire di voler mantenere l’inflazione al 2%, ma per tutto il ciclo economico. Dopo anni di inflazione sottotono, un simile orientamento consentirebbe un lungo periodo di inflazione elevata. In alternativa, la Fed potrebbe abbracciare un nuovo regime di “obiettivo di inflazione flessibile”, in modo da riuscire ad ampliare il range di inflazione accettabile senza abbandonare l’impegno di raggiungere il target nel lungo periodo.
Ovviamente, ogni minima percezione di politicizzazione della Fed scatenerebbe ondate di sdegno. L’indipendenza dell’autorità monetaria è un principio macroeconomico irrinunciabile, ma non è garantito – e i membri della Fed lo sanno. Durante il Monetary Policy Forum di New York a inizio marzo, Stanley Fischer ha affermato che la Fed sarebbe rimasta indipendente “sino a che non prenderemo una decisione veramente sbagliata per l’economia.”Ma le nostre analisi suggeriscono che l’indipendenza della Fed è già in bilico. (Da Steve Donzé, Senior Macro Strategist di Pictet Asset Management)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cuerpos evocados por la noche, de Paolo Gioli

Posted by fidest press agency su domenica, 23 aprile 2017

gioliMadrid Hasta el 5 de mayo de 2017 De lunes a viernes de 10.00 a 18.00 horas. Festivos cerrado. Istituto Italiano di Cultura – Calle Mayor, 86. Cuerpos evocados por la noche es la primera exposición personal en España de Paolo Gioli, maestro reconocido a nivel internacional por sus investigaciones artísticas, fotográficas y de cine experimental. En las salas del Instituto Italiano de Cultura de Madrid se presentan sesenta obras. Desde los primeros grandes dibujos de 1962-63 hasta los trabajos que a partir de los años Setenta contaminan las técnicas de la fotografía, de la pintura y de la serigrafía. Amplio espacio se dedica a las investigaciones sobre la Polaroid, con los ciclos Toraci (1981-2007), las Vessazioni (2007-2010), las Naturae (2007-2010) y los Luminescenti (2006-2010), donde el artista transfiere la imagen sobre otros soportes, como el papel y la seda. Se presenta también la experimentación fotográfica en blanco y negro con la serie de las Fotofinish (Volti attraverso, 1987-2002) y de los Sconosciuti (1994-2015), y el cine con dos obras: L’uomo senza macchina da presa (1973-1981-1989) y Volto sorpreso al buio (1995).
Paolo Gioli (Rovigo, 1942) es un artesano de la memoria y del sueño, capaz de dar forma contemporánea a las raíces de nuestra cultura visual. Después de haber estudiado, a comienzo de los años 60, en la Escuela Libre del Desnudo en la Academia de Bellas Artes de Venecia, se traslada a Nueva York donde conoce el New American Cinema. De vuelta a Italia, sigue investigando, hasta hoy, utilizando técnicas como el agujero estenopeico, la foto finish y la Polaroid. Hábil, a la hora de realizar injertos y superposiciones de tradiciones aparentemente inconciliables, Gioli crea iconos inéditos, capaces de contar las infinitas representaciones que el hombre ha construido para medirse con el mundo y con su propio cuerpo, con el subconsciente y con la figuraciones de lo divino.
El catálogo, producido por el Instituto Italiano de Cultura de Madrid, maquetado por el artista, editado en italiano y en español, a cargo de Giuliano Sergio, incluye una presentación de la crítica de arte Gloria Moure, una antología de textos del artista y ensayos críticos de Clément Chéroux, Joan Fontcuberta y Roberta Valtorta. (photo: gioli)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Trump Trade: More Bark than Bite?/”Trump trade”: plus de peur que de mal?

Posted by fidest press agency su domenica, 23 aprile 2017

trumpSince the election of the new US President Donald Trump, uncertainty surrounds the new direction that US trade policy will be taking. Should we expect a hard Trump or a soft Trump? To what extent does Trump’s desire to rebalance US trade and to “level the playing field”, mean “playing dirty” by adopting aggressive unilateral measures, and thus risking a profound disruption of international trade by triggering an escalation in the targeted countries’ response? In this policy paper, Elvire Fabry, senior research fellow at the Jacques Delors Institute, analyses the factors that will prevail in Washington’s initiatives et outlines two scenarios allowing to decipher the way in which these various parameters might be played out:
• An aggressive economic nationalism;
• A protectionist megaphone with limited disruption.
The Europeans need to seriously prepare a gradual response to Donald Trump’s protectionism, all the more that the European Union is more vulnerable than China. While the latest developments would argue in favour of a soft Trump, an aggressive scenario cannot be excluded, and call Europeans to prepare responses, notably:
preserving multilateralism, by forging a broad coalition with Asia, Africa and Latin America against protectionism;
avoiding a risk of divisions between EU member states by making a collective commitment to use trade defence instruments and by preparing a European harmonisation of corporate tax;
and building consensus over European trade policy.
Depuis l’élection du nouveau Président américain, Donald Trump, l’incertitude plane sur la nouvelle orientation de la politique commerciale américaine. Faut-il s’attendre à du hard Trump ou à du soft Trump ? Jusqu’à quel point la volonté de Trump de rééquilibrer les échanges commerciaux américains, « levelling the playing field » signifie-t-elle « playing dirty » par des mesures unilatérales agressives suscitant une escalade de ripostes des pays ciblés, au risque de perturber profondément le commerce mondial ?
Dans ce policy paper, Elvire Fabry, chercheur senior à l’Insitut Jacques Delors, analyse les facteurs qui pourraient prévaloir dans les décisions de Washington et esquisse deux scénarios qui permettent de décrypter la façon dont ces divers paramètres pourraient se décliner : Un nationalisme économique agressif.
Un mégaphone protectionniste mais une rupture limitée.
Les Européens doivent d’autant plus s’atteler à préparer une réponse graduée au protectionnisme de Donald Trump que l’Union européenne est plus exposée que la Chine.
Si les derniers développements penchent en faveur d’un soft Trump, un scénario agressif n’est pas exclu et appelle à bien anticiper les réponses côté européen en commençant notamment par:
préserver le multilatéralisme, en forgeant une coalition avec l’Asie, l’Afrique et l’Amérique Latine, contre le protectionnisme,
éviter un risque de division entre les Etats membres de l’UE, en s’engageant dès à présent collectivement sur l’utilisation des instruments de défense commerciale et en préparant activement une harmonisation européenne de l’impôt sur les sociétés,
renforcer la cohésion des Européens sur l’orientation de la politique commerciale européenne. (photo: trump)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conferenza mondiale sulle violenze sessuali

Posted by fidest press agency su domenica, 23 aprile 2017

orlando-florida: Si è chiusa la conferenza mondiale sulle violenze sessuali tenutasi in USA. Alla conferenza hanno partecipato 4000 tra medici, infermieri, poliziotti, militari e avvocati provenienti da tutto il mondo. Nei tre giorni di conferenza 18-19-20 Aprile sono state presentate le 13 ricerche selezionate tra le migliaia che ogni anno giungono al comitato organizzatore di EVAWI(End Violence Against Women International).
Tra le 13 selezionate e tra le uniche due europee che erano riuscite a giungere in finale vi era quella di una piccola struttura italiana che svolge ricerca in ambito di pace e sicurezza: Ecole Universitaire Internationale
La ricerca diretta dalla dr Sabrina Magris (Friuli-Venezia Giulia) e realizzata con le ricercatrici Francesca Fanti (Toscana), Martina Grassi (Emilia-Romagna), Teresa Pavone (Molise), Febronia Riggio (Sicilia) e Monica Zanzarella (Puglia) , ha ricevuto il primo premio. Aveva come focus: DFSA UNWITTING VICTIMS:EMERGING SOLUTIONS AND PROTOCOL CORRELATED TO SOCIO-CULTURAL BIAS.
La ricerca riconosciuta quale innovativa è incentrata sul riconoscimento delle vittime di droga da stupro e si concentra su 5 punti che consentono a medici ed investigatori di riconoscere e quindi aiutare le vittime di questo tipo di violenza: maschi, femmine o bambini poiché molto spesso anche i pedofili utilizzano questa sostanza per realizzare materiale pedopornografico con minori anche di piccola età. Casi e sequestri di droga da stupro sono all’ordine del giorno anche in Italia. Il riconoscimento ottenuto ad Orlando fa diventare la piccola struttura italiana il centro di ricerca di eccellenza mondiale in DFSA (droga da stupro). Alle italiane già in questi giorni sono state offerte numerose collaborazioni con strutture USA anche se le ricercatrici hanno espresso la volontà di proseguire la loro attività in Italia. Si tratta di un importante riconoscimento alla ricerca italiana realizzata in Italia a livello mondiale. La ricerca, che verrà pubblicata nelle prossime settimane a cura della struttura americana organizzatrice, ha individuato 5 punti che al di là della droga dello stupro potranno essere utili anche per sperimentazioni di cure legate a difficoltà di trasmissioni neuronali aprendo quindi la strada a possibili soluzioni di malattie altamente ingravidanti.
5 i punti principali della ricerca:
1: A livello medico investigativo il riconoscimento di alcuni dolori posturali che consentono di riconoscere le vittime inconsapevoli della sostanza, consentendo così l’avvio di indagini
2: La scoperta del diretto aumento di cortisolo nei soggetti a cui viene data la sostanza
3:E’ stata individuata la possibilità e metodologia per far riaffiorare le informazioni/ricordo nella amnesia retrograda causata dalla sostanza
4:E’ stato redatto un protocollo che sarà a disposizione di personale medico e polizia da usare in caso di DFSA
5:Si sta lavorando per la ricostruzione delle parti neuronali che vengono danneggiate dalla droga.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Leave a Comment »

I cittadini europei e le minacce pandemiche

Posted by fidest press agency su sabato, 22 aprile 2017

parlamento europeoIl progetto ASSET, Action plan in Science in Society in Epidemics and Total pandemics, finanziato dall’Unione Europea, presenterà il 26 aprile al Parlamento Europeo un rapporto che include i risultati delle consultazioni di cittadini che ha organizzato in otto paesi. Scopo di queste consultazioni era il coinvolgimento dei cittadini stessi nella risposta alle crisi causate dall’emergere di epidemie e pandemie. Oltre all’Italia, gli altri paesi coinvolti sono Bulgaria, Danimarca, Francia, Irlanda, Romania, Norvegia e Svizzera.I risultati delle consultazioni contengono una serie di raccomandazioni, basate sugli spunti ricevuti dai 400 partecipanti, indirizzate a politici e decisori europei. Alcune di queste raccomandazioni riguardano una comunicazione del rischio più chiara e trasparente, che consenta di ristabilire un certo livello di fiducia verso le istituzioni sanitarie. Altre riguardano la necessità di far prevalere gli interessi di salute pubblica sulla libertà individuale in situazioni di emergenza. Alle istituzioni sanitarie pubbliche viene inoltre richiesto di investire di più nella raccolta di suggerimenti e contributi da parte dei cittadini sulla gestione della risposta a epidemie e pandemie.Dalle consultazioni è emerso che più dell’82% dei partecipanti ritiene che i servizi pubblici come scuole e uffici debbano venir chiusi in caso di pandemie. I più convinti su questo fronte sono risultati essere i danesi, con il 93% di consensi a riguardo.
Il 69% dei partecipanti pensa che grandi eventi internazionali come le Olimpiadi dovrebbero venir cancellati in caso di pandemie come l’influenza A(H1N1) del 2009, Ebola e Zika. Su questo tema, i cittadini italiani si sono rivelati in linea con la media europea (68%).È anche interessante sottolineare il consenso sull’obbligatorietà del vaccino contro l’influenza per gli operatori sanitari in caso di epidemie e pandemie; una procedura necessaria, secondo l’85% dei partecipanti.I cittadini italiani sono i meno soddisfatti in Europa delle informazioni ricevute dalle autorità sanitarie nel corso di epidemie come quella recente di ZikaDurante le consultazioni, ai cittadini partecipanti è stato chiesto se fossero soddisfatti delle informazioni ricevute dalle istituzioni sanitarie pubbliche. In media, solo il 29% ha risposto positivamente. Una percentuale che scende al 12% per l’Italia, la più bassa fra gli otto paesi coinvolti. I più soddisfatti si sono rivelati essere i danesi (48%) e i norvegesi (64%).Secondo i partecipanti, le informazioni considerate più utili in caso di epidemie o pandemie sono le raccomandazioni sul cosa fare (67% in media, 70% per gli italiani) e sulle vie di trasmissione delle malattie (19% in media, 8% fra gli italiani). Un’altra informazione considerata importante per i partecipanti italiani è sapere dove procurarsi le medicine (8%). L’auspicio dei membri del progetto ASSET è che questi risultati vengano considerati nello sviluppo delle future strategie di comunicazione in caso di epidemie e pandemie.I cittadini coinvolti ritengono che l’onestà e una comunicazione efficiente siano necessarie per aumentare la fiducia nelle istituzioni pubbliche, indipendentemente dalla gravità delle circostanze sanitarie, e che sia un loro diritto conoscere in maniera accurata la situazione.Un altro tema affrontato nel corso delle consultazioni è stato quello delle fonti tramite le quali i cittadini europei acquisiscono informazioni, in particolare nel contesto della recente epidemia di Zika.La media dei risultati mostra una chiara preferenza per i medici di base, considerati la prima fonte di informazioni dal 58% dei partecipanti italiani, che invece sembrano attribuire meno fiducia a internet (29%). È interessante notare come la situazione cambi nei paesi del nord Europa: il 34% dei danesi preferisce le informazioni provenienti dai medici di base mentre il 31% preferisce quelle trovate in rete; percentuali che diventano, rispettivamente, 37% e 25% in Irlanda e 42% e 42% in Norvegia.Se si guarda alla fiducia generale, la fonte più affidabile in caso di pandemia secondo i partecipanti italiani sono le istituzioni sanitarie europee (72%), il Sistema Sanitario Nazionale (63%) e i medici di base (61%), mentre le meno affidabili sono la televisione (41%), la radio (41%), e amici e parenti (41%).

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cover Store apre in Spagna

Posted by fidest press agency su sabato, 22 aprile 2017

coverstore.pngCover Store apre il primo Store monomarca spagnolo A Benidorm Alicante. Lo spazio, di 15 mq2 si trova nel polo pedonale dello shopping in Calle Gambe 1.
Il concept espositivo è firmato Coverstore ed è finalizzato a orientare il consumatore finale all’interno degli store offrendo la possibilità per chiunque entri di toccare e provare cover e accessori attraverso Flash tematici proposti sulle diverse linee di prodotto che oggi compongono il catalogo: non solo cover (con le oltre 300 referenze grafiche oltre alle licenze con Chupa- Chups, Warner Bross, Juventus, Turner), ma anche le collezioni business (lo strumento più importante ed efficace in termini di comunicazione 3.0. E l’idea piace), accessori fashion come il Power-Bank, la cover con batteria integrata (Cover -Recharge), la 3 Ports USB car Charger,le Earphone e molto altro.L’apertura spagnola di Benidorm a cui seguiranno nello stesso mese in Italia quelle di Alassio e Bergamo costituiscono un passo fondamentale nel processo di espansione commerciale dell’azienda a livello globale. Da quasi 3 anni Cover Store ha dato avvio ad un progetto commerciale fortemente incentrato sul retail monomarca. Oggi Cover Store conta in Italia 90 punti vendita, 20 shop in shop, e sfiora i 5 milioni di follower sui social network; i dipendenti hanno raggiunto le 150 unità e il fatturato è passato dai 500 mila euro del 2014 a 5 milioni di euro che, in base alle previsioni, nel 2017 dovrebbero raddoppiare. Bonmart Cover appartiene a Bonmart Lithium Business Group, il gruppo guidato da David Bonache e Elias Sisin, i pionieri e attuali delegati nello sviluppo del marchio Equivalenza in Spagna e Italia, i quali hanno portato in alto il marchio in breve tempo, sviluppando un potente lavoro di espansione. Bonmart Cover appartiene a Bonmart Lithium Business Group, il gruppo guidato da David Bonache e Elias Sisin, i pionieri e attuali delegati nello sviluppo del marchio Equivalenza in Spagna e Italia, i quali hanno portato in alto il marchio in breve tempo, sviluppando un potente lavoro di espansione.
Attualmente il Gruppo Bonmart Lithium si pone un nuovo obiettivo in cui prevede di aprire 150 punti vendita Cover Store in 3 anni. Si tratta di un grande progetto nel quale il Gruppo si trova pienamente a proprio agio, consapevole del know-how acquisito grazie ai successi raggiunti in passato. (foto: coverstore)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Apple utilizza i materiali riciclati

Posted by fidest press agency su sabato, 22 aprile 2017

appleCon l’impegno a produrre nuovi dispositivi con materiali al 100% riciclati, annunciato ieri, la Apple è la prima azienda del settore IT ad assumere piena consapevolezza del grave impatto ambientale generato dalla produzione di apparecchi elettronici. “L’impegno di Apple è molto ambizioso e conferma l’urgenza con cui un intero settore deve ridurre il consumo di risorse e la produzione di rifiuti elettronici che stanno generando un grave impatto ambientale sul nostro pianeta. L’utilizzo di materiali riciclati nella produzione avrà delle importanti ricadute positive, riducendo la richiesta di metalli rari e altre risorse preziose” dichiara Giuseppe Ungherese, responsabile Campagna Inquinamento di Greenpeace Italia.L’impegno di Apple, unito ai progressi dell’azienda statunitense verso una produzione che impieghi solo energia rinnovabile nei propri cicli produttivi, segna una grande svolta per l’intero settore e lancia il guanto di sfida a tutti i più importanti marchi dell’IT come Samsung, Huawei e Microsoft ad adeguarsi in tempi brevi.
Poco meno di un mese fa Samsung si era impegnata a riciclare gli oltre 4,3 milioni di Galaxy Note 7 richiamati in tutto il mondo negli ultimi mesi. “Mentre Samsung sta ancora cercando di riconquistare la fiducia dei propri clienti in seguito al grave problema che ha interessato nei mesi scorsi il Galaxy Note 7, Apple dimostra che è possibile fare molto di più. La transizione all’impiego di materiali riciclati al 100% è fondamentale per ridurre l’impatto ambientale dell’intero settore, tuttavia è necessario che Apple e altre aziende dell’IT si impegnino a progettare dispositivi che durino più a lungo e siano facilmente riparabili e riciclabili a fine vita” conclude Ungherese.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’epatite C è una questione prioritaria di salute pubblica

Posted by fidest press agency su sabato, 22 aprile 2017

medicina sociale parte primaAmsterdam. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità sono circa 170 milioni le persone infette. Solo nel nostro Paese la prevalenza di individui positivi all’HCV potrebbe sfiorare il 2% della popolazione, con una stima di circa 1,2 milioni di infetti, dei quali un numero importante con infezione in atto. Sono sei i genotipi che causano l’infezione cronica. Il GT1 è il più comune in Europa, rappresentando più del 66% dei casi, e il sottotipo 1b è il più diffuso nella maggior parte dei Paesi europei, tra i quali l’Italia, dove costituisce il 51% del totale dei casi. Da qualche mese, nel nostro Paese, il Servizio Sanitario Nazionale ha a disposizione una nuova opzione terapeutica per l’eradicazione dell’epatite C: la combinazione di due antivirali diretti (DAAs), elbasvir, inibitore della proteasi NS5A del virus HCV e grazoprevir, inibitore della proteasi NS3/4A, entrambe necessarie per la replicazione virale.
Il profilo di efficacia, sicurezza e tollerabilità del farmaco è stato dimostrato in un ampio corpus di studi clinici (oltre 2000 pazienti arruolati), nel quale il tasso di Risposta Virologica Sostenuta (SVR) è sempre risultato superiore al 92%, raggiungendo anche il 100%. Un altro dato significativo emerge dallo studio sui pazienti con malattia renale avanzata o terminale, o in attesa di trapianto di rene (abstract THU-234): in questi pazienti la SVR12 viene raggiunta nel 94% dei casi.
Migliaia di pazienti con epatite C cronica sono stati coinvolti nel programma di sviluppo clinico di elbasvir/grazoprevir, sia naïve che experienced al trattamento, con e senza cirrosi, con comorbidità o coinfezioni. L’obiettivo, infatti, è l’individuazione di una risposta terapeutica per il maggior numero di persone con HCV.In questa direzione si sta muovendo la ricerca MSD, che punta a un regime semplificato a tre farmaci con una sola pillola al giorno, senza ribavirina, ridotta tossicità e minore durata di trattamento. I risultati degli studi di fase III sulla terapia MK-3682/grazoprevir/ruzasvir (abstract PS-159) saranno presentati in anteprima al congresso EASL.“Le nuove triplici combinazioni sono un ulteriore passo avanti nel trattamento dell’HCV – dichiara il prof. Antonio Craxì, Ordinario di gastroenterologia presso l’Università degli Studi di Palermo. “Gli studi disponibili sono promettenti, anche per quanto riguarda il superamento del problema delle resistenze che possono svilupparsi nei pazienti experienced e che, anche in Italia, hanno già generato un pool consistente di pazienti da ritrattare”. (n.r. La Fidest ha trattato i vari aspetti dell’epatite C nella sua annuale pubblicazione di medicina sociale di cui riportiamo il frontespizio del testo)

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Noche de los Libros

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 aprile 2017

La Noche de los LibrosMadrid 21 de abril a las 20.30 – Entrada gratuita hasta completar el aforo Calle del Correo S/N, Puerta del Sol. En el ámbito de La Noche de los Libros de Madrid, organizada por la Comunidad de Madrid el próximo 21 de abril, el Instituto Italiano de Cultura de Madrid participa en la lectura de textos que tendrá lugar en la Real Casa de Correos a las 20,30 horas y tendrá como protagonista al escritor, dramaturgo y periodista italiano Alessandro Baricco, acompañado por la actriz española Assumpta Serna.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Effetto dirompente della Brexit sulle imprese europee

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 aprile 2017

londra

The Bridges Not Walls movement drop a banner reading “Bridges Not Walls’ from Tower Bridge in London to coincide with banner drops all over the UK sending a clear message to Donald Trump the 45th president of the United States to build bridges not walls on the day of his inauguration. (photo by Andrew Aitchison)

Londra. Una recente indagine di Willis Towers Watson rivela che circa i due terzi (59%) delle imprese europee con interessi nel Regno Unito vede la Brexit come “ennesimo momento di discontinuità” piuttosto che come una “sfida fondamentale” il 26% degli intervistati, inoltre, dichiara di aver timori al riguardo per il proprio business.La survey, che ha coinvolto circa 100 dirigenti HR europei, appartenenti principalmente a grosse multinazionali, evidenzia inoltre preoccupazioni relative al recruitment, alla retention, alle retribuzioni e ai benefits dei talenti di cui necessita il Regno Unito.
I risultati dell’indagine arrivano in un momento cruciale della Brexit, il governo del Regno Unito ha invocato l’articolo 50 e lo scorso 29 marzo sono iniziati i negoziati formali per lasciare l’UE.Edoardo Cesarini, Amministratore Delegato di Legacy Towers Watson, Willis Towers Watson, commenta: “La Brexit è una questione cruciale per le imprese che hanno forti interessi economici nel Paese ma piuttosto che essere vista come una sfida è percepita come un disagio. Questa relativa fiducia è incoraggiante per la pianificazione e la crescita, ma molte aziende sono chiaramente preoccupate su come mantenere nel Regno Unito personale qualificato e su come attrare e ricompensare i talenti provenienti dal resto dell’Unione Europea”.Più di un terzo (36%) degli intervistati ha dichiarato che le imprese per cui lavorano sono più preoccupate riguardo l’attrarre e trattenere nel Regno Unito cittadini europei con competenze specifiche. Una percentuale simile (31%) sta attualmente affrontando il un problema della mobilità del personale di alto livello tra il Regno Unito e l’Unione Europea e il 29% evidenzia come sia più di una priorità per tutto il resto dei dipendenti.
Inoltre, da quando c’è stato il referendum, il 24% delle imprese ha già valutato la tipologia delle competenze e il numero del personale minimo necessario nel Regno Unito, mentre il 29% lo sta facendo o ha intenzione di farlo entro i prossimi tre mesi.Edoardo Cesarini aggiunge: “Le imprese sono preoccupate per gli ostacoli alle competenze che potranno essere messi in atto nel post-Brexit e stanno facendo il punto della situazione. Molti hanno indicato la mobilità del personale come un problema, sia per le posizioni manageriali senior che per ruoli specialistici.“L’ansia di mantenere personale non britannico è già palpabile. L’abbassamento del valore della sterlina ha avuto come conseguenza retribuzioni meno attraenti. Di fronte a questo, alcune aziende stanno cercando di affrontare la questione aumentando la retribuzione e gli incentivi”.Dall’indagine è emerso inoltre che uno su cinque degli intervistati (20%) ha ammesso che la questione della retribuzione nel Regno Unito è diventata più di un problema per i non residenti nel Regno Unito. Allo stesso modo, quando gli viene chiesto se hanno fatto delle variazioni al costo della vita per gli expatriate, il 15% dichiara di averle fatte o di averle progettate per realizzarle entro i prossimi tre mesi, il 16% ha dichiarato di prendere in considerazione la questione.Per maggiori informazioni: willistowerswatson.com

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Da 6 anni la Siria è intrappolata in un terribile conflitto che non risparmia nessuno

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 aprile 2017

siriaDonne, uomini, bambini, anziani, la cui vita è distrutta dalla guerra. Il numero di morti, feriti e sfollati è drammatico.Strutture sanitarie sotto attacco, medici uccisi, feriti o fuggiti dal paese, persone che non vanno in ospedale per paura di essere colpite. Malattie che si possono prevenire o curare, ora portano alla morte. Siamo preoccupati perché a causa dell’intensificarsi del conflitto la maggior parte dei bambini non è stata vaccinata ed è a rischio per malattie come morbillo, rosolia, tetano o polmonite. Abbiamo riscontrato anche il ritorno di gravi malattie come la poliomielite ormai debellata da anni. C’è un disperato bisogno di cure mediche. Nonostante i limiti di accesso al paese, gestiamo direttamente 4 strutture sanitarie in Siria settentrionale e ne sosteniamo altre 150 in tutta la Siria. Tutto il nostro impegno è per fornire la migliore assistenza medica possibile: curiamo feriti di guerra e chi ha subito gravi traumi psicologici, assistiamo chi è affetto da malattie croniche e vacciniamo i bambini per prevenire la diffusione di epidemie.Le persone sono in condizioni estreme, lottano per sopravvivere. In questo dramma senza fine i Medici senza frontiere sono in prima linea.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Concerto Paolo Recchia trio

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 aprile 2017

istanbulIstanbul (Turchia) Giovedì 20 aprile, alle ore 19.00, presso il Teatro della casa d’Italia dell’Istituto Italiano di Cultura d’Istanbul, in Meşrutiyet Caddesi no:75, si esibirà il Paolo Recchia trio, formato dallo stesso Paolo Recchia al sassofono, da Luca Fattorini e il suo contrabbasso, dal batterista Lorenzo Tucci e special guest del concerto sarà il pianista Luca Mannutza.I concerti sono promossi dal CIDIM (Comitato Nazionale Italiano Musica) in collaborazione con l’IIC di Istanbul; il concerto fa parte del progetto “Suono Italiano 2017 – Jazz Session” realizzato con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo – Direzione Generale Spettacolo e sotto la direzione artistica di Lucio Fumo.
Paolo Recchia si esibirà con Luca Fattorini al contrabbasso, Lorenzo Tucci alla batteria e ospiterà uno dei più grandi pianisti presenti sulla scena internazionale Luca Mannutza. La veste musicale del quartetto, composta da brani originali del sassofonista Paolo Recchia e del pianista Luca Mannutza, è ricca di elementi della tradizione jazzistica e allo stesso tempo caratterizzata dall’inserimento di poliritmie e metriche dispari che danno alla band un sound nuovo ed originale.”E’ motivo di grande soddisfazione per noi del CIDIM – afferma Lucio Fumo, presidente del CIDIM – riuscire a dare l’opportunità di esibirsi a quattro artisti del calibro del Paolo Recchia trio e del famoso pianista internazionale Luca Mannutza, per l’occasione special guest del concerto. Va’ sottolineato che un grazie particolare va’ all’Istituto Italiano di Cultura a Istanbul che, da diverso tempo, ci da’ la possibilità di far esibire i nostri artisti in una vetrina internazionale così importante”.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libertà e diritti per Gabriele Del Grande: appello al Parlamento e al Governo Italiano

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 aprile 2017

ankaraConosciamo Gabriele del Grande da molti anni, abbiamo condiviso con lui viaggi, inchieste, racconti, avendo l’onore e il piacere di apprezzare la professionalità e l’umanità con cui ha sempre condotto le sue ricerche. Il suo contributo alla democrazia del nostro Paese è da anni di enorme valore, grazie alla sua capacità di incontrare, conoscere e capire realtà diverse e complesse, grazie alla sua lucidità nel saper collegare responsabilità politiche a quotidiane ingiustizie subite da uomini e donne delle tante culture che vivono nell’Italia e nel Mediterraneo di oggi. Leggere e vedere le storie raccontate da Gabriele aiuta l’Italia, e non solo, ad essere un Paese più civile. Il suo nuovo progetto sul conflitto siriano è un altro importante tassello di questo lungo percorso di ricerca e civiltà. È necessario che le massime istituzioni del Paese si attivino con urgenza nei confronti delle autorità turche per garantire la tutela dei diritti di un proprio cittadino, nonché di un professionista di altissimo spessore e valore civile. Chiediamo che Gabriele torni quanto prima libero e possa riacquistare i suoi diritti di cittadino e giornalista.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Personalised workouts to prevent heart disease designed by new digital instrument

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 aprile 2017

cardiologiaSophia Antipolis. Personalised workouts to prevent heart disease can be designed by a new digital instrument, according to research published today in the European Journal of Preventive Cardiology.1 The EXPERT tool specifies the ideal exercise type, intensity, frequency, and duration needed to prevent a first or repeat cardiovascular event.
“Exercise reduces cardiovascular risk, improves body composition and physical fitness, and lowers mortality and morbidity,” said lead author Professor Dominique Hansen, associate professor in exercise physiology and rehabilitation of internal diseases at Hasselt University, Diepenbeek, Belgium. “But surveys have shown that many clinicians experience great difficulties in prescribing specific exercise programmes for patients with multiple cardiovascular diseases and risk factors.” The European Association of Preventive Cardiology Exercise Prescription in Everyday Practice and Rehabilitative Training (EXPERT) tool generates exercise prescriptions for patients with different combinations of cardiovascular risk factors or cardiovascular diseases. The tool was designed by cardiovascular rehabilitation specialists from 11 European countries, in close collaboration with computer scientists from Hasselt University. EXPERT can be installed on a laptop or personal computer (PC). During a consultation, the clinician inputs the patient’s characteristics and cardiovascular risk factors, cardiovascular diseases and other chronic conditions, medications, adverse events during exercise testing, and physical fitness (from a cardiopulmonary exercise test).The tool automatically designs a personalised exercise programme for the patient. It includes the ideal exercise type, intensity, frequency, and duration of each session. Safety precautions are also given for patients with certain conditions. The advice can be printed out and given to the patient to carry out at home, and reviewed by the clinician in a few months.Professor Hansen said: “EXPERT generates an exercise prescription and safety precautions since certain patients are not allowed to do certain exercises. For example a diabetic patient with retinopathy should not do high-intensity exercise.” “This tool is the first of its kind,” said Professor Hansen. “It integrates all the international recommendations on exercise to calculate the optimum training programme for an individual patient. It really is personalised medicine.” There are different exercise goals for each cardiovascular risk factor and cardiovascular disease. In a patient who has diabetes, is overweight and has hypertension the three goals are to reduce blood glucose, fat mass, and blood pressure. The tool takes all three goals into account.Professor Hansen said: “EXPERT provides the exercise prescription a patient needs to meet their particular exercise goals, which should ultimately help them to feel better and reduce their risks of morbidity and mortality. By prescribing an exercise programme that really works patients are more likely to be motivated to continue because they see that it is improving their health.” The next step is to test the impact of EXPERT on patient outcomes in a clinical trial. Professor Hansen said: “Our hypothesis is that clinicians using the tool will prescribe exercise interventions with much greater clinical benefits. That will lead to greater reductions in body weight, blood pressure, blood glucose, and lipids, and improvements in physical fitness, with a positive impact on morbidity and mortality.”

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La popolarità di Mélenchon continua a crescere a vista d’occhio nella corsa presidenziale francese

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 aprile 2017

Luc MélenchonLa trasmissione interattiva in 3D e in tempo reale in diverse località del 18 aprile è stata preceduta dall’acclamatissimo “Doppio comizio” di Lione e Parigi del 5 febbraio, quando Mélenchon era apparso in versione ologramma. Benché agli inizi fosse ritenuto l’outsider di queste presidenziali, questa campagna strabiliante ha dato a Mélenchon quell’impulso che nelle scorse settimane gli ha consentito di guadagnare rapidamente 19 punti in un mese, e lo ha portato per la prima volta molto vicino ai due principali candidati, Emmanuel Macron e Marine Le Pen.L’ultimo utilizzo da parte di Mélenchon della tecnologia Musion Eyeliner™ gli ha consentito di raggiungere un vasto pubblico anche dal punto di vista geografico, infatti ha presenziato fisicamente a un raduno pubblico a Digione e, in versione ologramma, è apparso in live streaming in altre cinque città francesi: Clermont-Ferrand, Grenoble, Montpellier, Nancy, Nantes, e sull’isola di La Reunion nell’Oceano Indiano.La singolare trasmissione politica di Mélenchon in versione ologramma in tempo reale è stata un evento senza precedenti al mondo.LaForceDuPeople ha iniziato a fare tendenza subito dopo che, dal suo account ufficiale di Twitter, Mélenchon aveva annunciato che 65.000 persone stavano seguendo l’evento live su Facebook e Twitter.Ian O’Connell, Direttore di Musion Events Limited, ha dichiarato: “Il successo del primo Doppio comizio e l’ascesa della popolarità di Jean-Luc Mélenchon ha portato a questa entusiasmante prima mondiale. Le nostre tecniche brevettate, implementate correttamente dai nostri partner francesi Videlio e Adrenaline, danno la chiarezza, la stabilità e la dimensione necessarie per un evento così ambizioso. Siamo orgogliosi del nostro ruolo in questa entusiasmante campagna elettorale”.Il know-how della tecnologia brevettata di proiezione olografica utilizzato per l’acquisizione dell’ologramma e la Lamina brevettata Eyeliner™, ignifuga e invisibile a occhio nudo, impiegate per questo evento, sono stati forniti da Musion Events Limited in collaborazione con il partner licenziatario Adrenaline Studio. Della fornitura tecnica per l’evento si sono occupati i project manager di Videlio, azienda francese leader nel settore della produzione di eventi e audiovisivi. Insieme, i tre team hanno creato per la campagna di Mélenchon un trampolino di lancio politico che gli permetterà di guadagnare ulteriori posizioni su diversi social media.Musion Events è leader nello sviluppo, nella commercializzazione, produzione e trasmissione di spettacoli video olografici in 3D interattivi, a grandezza naturale e incredibilmente realistici.Le tecnologie 3D brevettate da Musion consentono ai suoi clienti di creare presentazioni multimediali coinvolgenti e spettacolari per mezzo di ologrammi tridimensionali talmente reali da essere virtualmente indistinguibili dai presentatori o dagli artisti in carne e ossa. La telepresenza immersiva di Musion rende possibile la trasmissione simultanea in diversi luoghi del mondo di eventi olografici, a cui presenziano VIP in carne e ossa o in versione digitale. Questa innovazione spalanca le porte di un nuovo settore del digitale ricco di opportunità, per la creazione di qualcosa di nuovo a livello digitale di cui il pubblico avverte il bisogno. Tra le celebrità che sono apparse fisicamente o mediante telepresenza olografica in 3D pre-registrata da Musion ricordiamo: Sua Altezza Reale il Principe Carlo, Tupac, Sir Richard Branson, David Beckham e Madonna. (foto: luc Mélenchon)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »