Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 175

Archive for the ‘Estero/world news’ Category

world news

Educated people more likely to have affairs

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 maggio 2017

educated cheatA shocking new survey has revealed that the more education people in the United Kingdom receive, the more likely they are to have an affair. Statistics show that more than 69% of women and over 65% of men who achieve higher education will be tempted to stray.The study, conducted by VictoriaMilan – a dating site for married and attached people looking to have an affair – looked into the education levels of more than 5 million of its active users to discover whether a person is more or less likely to stray based on their level of education.The survey polled men and women from all walks of life, taking into account people who didn’t complete high school or college, those who graduated from high school, technical school, college or achieved a Bachelor’s, Masters or Doctorate.The group most likely to engage in an erotic affair is those who graduated from college, with 36.87% of women and 25.23% of men confessing they have strayed.A trend appears with the next level up in education – a Bachelor’s degree – gives people a bit more confidence, with 18.98% of women and 20.32% of men deciding to embark on an adulterous adventure.Men and women with a Masters are third most likely to slip between the sheets with someone other than their beloved partner. 16.75% of men and 14.45% of women who have achieved their Masters have no issue getting hot and heavy with someone outside of their primary relationship.The most faithful women are those who have achieved their Doctorate (1.40%) followed by those who completed technical education (3.44% women). The men least likely to stray are those who didn’t complete high school (2.33%) followed by those achieved their Doctorate (3.12%).
Founder and CEO of Victoria Milan, Sigurd Vedal, said the survey showed that the more educated men and women, the more likely they are to get hot and heavy between the sheets with someone other than their primary partner.“People with university credentials are the ones most likely to have an affair and those with limited education are the most faithful. What this tells us is that highly educated people are likely to have more time on their hands, while the working class are too busy making ends meet to have time for a sexy fling,” Mr Vedal said. (photo: educated cheat)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

European Business Summit explores the future of the technology industry

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 maggio 2017

londonLondon. As the EU General Affairs Council meet to discuss Brexit today, the Rt Hon Philip Hammond and members of the European Commission, such as Pierre Moscovici, and Jykri Katainen, will meet to debate what is next for Europe at the European Business Summit. Topics of discussion will include the future of the single market, retaining and attracting young talent in Europe, and future-proofing European industry.One of the hot topics is the future of the technology industry, with a planned roundtable discussion focussing on how to develop an industrial strategy for Europe. FacilityLive, an Italian start-up that is transforming information through unique ‘human language search’ technology, will be speaking for the third year running. They are amongst a group of ambitious firms who are helping revolutionise their individual sectors, by strengthening the business environment for start-ups and creating an ecosystem that nurtures world class leaders in technology. Gianpiero Lotito, the CEO and co-founder of FacilityLive, comments “We are now seeing more multinational companies investing in UK technology start-ups, such as with Japan’s SoftBank financing Improbable. This type of investment highlights Britain and Europe’s exciting potential to produce world-leading technology innovations, but we need to create the right conditions to ensure that companies succeed in Europe and stay in Europe.”
At the European Business Summit, Lotito will shed light on how to develop a successful technology strategy for Europe. With its objective to open up digital opportunities for business and people, he will place emphasis on how the Digital Single Market will allow Europe to become a world leader in the digital economy. Lotito continues: “Europe is a greenfield of opportunity for technology innovators. However, in the current post-Brexit landscape, Europe shouldn’t be looking to simply emulate Silicon Valley or the Asian model. We need to think about distinctive models to encourage growth in Europe.” “The Digital Single Market is crucial to the creation and facilitation of a model made up of ‘small valleys’. We must strive to protect and promote collaboration within Europe’s small towns and also cross-communication between them. Our world class small cities built around leading universities, offer the perfect ecosystem for incubating and cross-fertilising innovation. It is possible to create a multitude of small valleys, where digital innovators work in conjunction with students, entrepreneurs, young skilled professionals and vibrant local institutions. If given the chance to develop and expand, it will pave the way for European technology companies to pursue opportunities that would have been inconceivable a few years ago.”
FacilityLive is an Italian high tech startup with global ambitions, based in Pavia, London and Brussels, which develops a next generation technology for the organisation, management and search of information with patents granted in 44 countries worldwide Founded in 2010 by Mariuccia Teroni and Gianpiero Lotito, innovators for over twenty years in the testing of digital technologies in the publishing world, FacilityLive is already adopted by leading Global and Pan-European companies and world-class system integrators.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

IBM crea il processore universale di calcolo quantistico più potente mai realizzato prima

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 maggio 2017

procesore ibm quantisticoYorktown Heights, N.Y. IBM (NYSE: IBM) ha annunciato oggi di aver costruito e collaudato con successo i processori universali di calcolo quantistico più potenti mai realizzati prima. Il primo processore aggiornato sarà disponibile gratuitamente sul cloud IBM per sviluppatori, ricercatori e programmatori, che potranno eseguire dei calcoli quantistici utilizzando un vero e proprio processore quantistico. Il secondo è un nuovo prototipo di processore commerciale, che rappresenterà il core del primo sistema commerciale IBM Q. Lanciata a marzo 2017, IBM Q è un’iniziativa assolutamente innovativa atta a creare dei sistemi universali di calcolo quantistico disponibili in commercio per applicazioni scientifiche e aziendali. I servizi e i sistemi IBM Q verranno forniti attraverso la piattaforma cloud di IBM. IBM ha reso pubblici i suoi processori quantistici per la prima volta un anno fa, mettendoli a disposizione come strumenti di sviluppo per la ricerca scientifica, come risorse a livello universitario e come catalizzatori d’interesse per il settore. Fino a oggi, gli utenti hanno eseguito oltre 300.000 esperimenti quantistici sul cloud IBM. Grazie all’odierna presentazione dei due nuovi processori per IBM Q, l’azienda sta gettando le basi per la soluzione di problemi pratici a livello aziendale e scientifico che risultano difficili da gestire anche utilizzando i sistemi informatici convenzionali più potenti attualmente disponibili. I due nuovi processori sviluppati da IBM comprendono:
· Un processore da 16 qubit che consentirà una sperimentazione più complessa rispetto al processore da 5 qubit precedentemente disponibile. Gli sviluppatori, i programmatori e i ricercatori possono accedervi gratuitamente per eseguire esperimenti ed algoritmi quantistici, per lavorare con singoli bit quantistici, così come per visualizzare tutorial e simulazioni. L’accesso Beta oggi è disponibile attraverso un nuovo kit di sviluppo software presente su GitHub https://github.com/IBM/qiskit-sdk-py.
· Il primo prototipo IBM di processore commerciale a 17 qubit, che sfrutta notevoli miglioramenti apportati a livello di materiali, dispositivo e architettura per renderlo il processore quantistico più potente creato da IBM fino a oggi. È stato progettato per essere almeno due volte più potente del processore attualmente disponibile al pubblico sul cloud IBM e rappresenterà il punto di partenza per i primi sistemi commerciali IBM Q ad accesso anticipato.”I notevoli miglioramenti tecnici annunciati oggi consentiranno a IBM di aumentare progressivamente i processori futuri per raggiungere almeno 50 qubit, e dimostrano capacità di calcolo che vanno oltre gli odierni sistemi di calcolo convenzionali”, spiega Arvind Krishna, vicepresidente senior e direttore della divisione IBM Research and Hybrid Cloud. “Questi potenti aggiornamenti ai nostri sistemi quantistici, che vengono forniti sul cloud, ci consentono di immaginare nuove applicazioni e nuove frontiere per le scoperte scientifiche che risulterebbero praticamente impossibili utilizzando i normali computer da soli”.L’intrinseca potenza di calcolo di un processore quantistico per risolvere problemi pratici dipende da fattori che vanno oltre il mero numero di qubit. Data la fragilità delle informazioni quantistiche, aumentare la potenza di calcolo richiede un aumento della qualità dei qubit, della loro comunicazione e la riduzione al minimo degli errori quantistici che si possono verificare. IBM ha adottato una nuova metrica per caratterizzare la potenza di calcolo dei sistemi quantistici: il Volume Quantistico. Il Volume Quantistico rintraccia il numero e la qualità dei qubit, la connettività del circuito e i tassi di errore delle attività. Il prototipo IBM di processore commerciale garantisce un notevole miglioramento del volume quantistico. Nei prossimi anni, IBM ha in programma di continuare a promuovere questa tecnologia in maniera massiccia e ha l’obiettivo di aumentare significativamente il volume quantistico dei sistemi futuri migliorando tutti gli aspetti dei processori, ad esempio portandoli ad almeno 50 qubit. Le tecnologie attualmente utilizzate sui computer convenzionali, come ad esempio Watson, possono aiutare a trovare informazioni e modelli nascosti in enormi quantità di dati esistenti. Al contrario, i computer quantistici forniranno delle soluzioni a problemi importanti nel caso in cui non si possano trovare i modelli a causa di una quantità insufficiente di dati o nel caso in cui, per trovare una risposta, debba essere esplorato un numero eccessivo di possibilità, impossibili da elaborare con un computer convenzionale.Le applicazioni future del calcolo quantistico potranno comprendere:
— Ottimizzazione aziendale: fornire migliori soluzioni a complessi problemi di ottimizzazione riguardanti catene di approvvigionamento, logistica, dati finanziari di simulazione e analisi dei rischi;
— Materiali e chimica: semplificazione della complessità delle interazioni chimiche e molecolari che portano alla scoperta di nuovi materiali e farmaci;
— Intelligenza artificiale: potenziare alcuni aspetti dell’intelligenza artificiale, come ad esempio il machine learning; oppure
— Sicurezza del cloud: utilizzo delle leggi della fisica quantistica allo scopo di migliorare la sicurezza dei dati personali sul cloud.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nissoli: cordoglio per le vittime di Manchester

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 maggio 2017

nissoli-onorevole“A 25 anni dalla strage di Capaci, un’altra strage, di natura diversa, affligge il mio cuore, ed il pensiero va subito alle mamme di quei ragazzi che hanno perso la vita ed ai giovani feriti nella strage che oggi ha sconvolto Manchester, colpendo la vita democratica con ferocia ideologica. Esprimo il mio profondo cordoglio per le vittime ed allo stesso tempo penso che non ci dobbiamo far intimidire, anzi vi deve essere una reazione forte tesa a difendere la libertà e la serenità di ciascuno nel proprio ambiente di vita. A tal fine è necessario un maggior coordinamento delle intelligence dei Paesi democratici per emarginare le forze del terrore.”
Lo ha dichiarato l’on. Fucsia Fitzgerald Nissoli (eletta nella Circoscrizione Estera -Ripartizione Nord e Centro America) in seguito all’attentato che ha causato almeno 22 morti, 59 feriti e 12 dispersi durante il concerto di Ariana Grande, idolo dei teenager.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Refugees in Greece: MEPs to check reception centres, asylum procedures and relocation

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 maggio 2017

cartina-grecia-centrale-atticaA delegation of the Civil Liberties committee will be in Greece from 22 to 25 May to check the functioning of several reception centres and assess the management of asylum procedures and relocation schemes. MEPs will visit Athens and the islands of Kos and Lesvos. They will meet national and local authorities, as well as representatives of the EU, other international bodies and NGOs.In the context of their current legislative work on the reform of the Common European Asylum System, MEPs aim to understand better the functioning of “hotspots”, notably in view of the EU-Turkey migration deal, and the role of EU and national actors in dealing with the large number of arrivals of asylum-seekers and migrants. The conditions in the Greek reception centres have often been raised by MEPs, particularly regarding vulnerable groups such as unaccompanied minors. The EU´s assistance to Greece for dealing with the registration and management of asylum procedures, the implementation of the relocation decisions and the returns of migrants and asylum-seekers to Turkey in virtue of the EU-Turkey deal are also subjects of interest for the delegation.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’ordine europeo d’indagine penale aiuterà le autorità a combattere la criminalità e il terrorismo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 maggio 2017

european commissionBruxelles. E’ entrata in vigore la direttiva relativa all’ordine europeo d’indagine penale, che rende più semplice per le autorità giudiziarie richiedere prove situate in un altro paese dell’UE.Se, ad esempio, le autorità giudiziarie francesi localizzano un terrorista nascosto in Belgio, possono chiedere ai loro omologhi belgi di interrogare testimoni o di effettuare perquisizioni domiciliari. Questo nuovo strumento semplificherà e accelererà le indagini penali transfrontaliere. Věra Jourová, Commissaria per la Giustizia, i consumatori e la parità di genere, ha dichiarato: “I criminali e i terroristi non conoscono frontiere. L’ordine europeo di indagine aiuterà le autorità giudiziarie a cooperare per combattere meglio la criminalità organizzata, il terrorismo, il traffico di droga e la corruzione. Consentirà infatti a tali autorità di accedere rapidamente alle prove ovunque nell’UE. Invito tutti gli Stati membri ad attuare quanto prima la direttiva in modo da rafforzare la lotta comune contro la criminalità e il terrorismo. A giugno discuteremo con gli Stati membri soluzioni per facilitare la raccolta e lo scambio delle prove elettroniche. È giunto il momento di modernizzare completamente gli strumenti a disposizione delle autorità giudiziarie per svolgere le indagini”.L’ordine europeo d’indagine si basa sul riconoscimento reciproco, il che significa che ogni paese dell’UE è obbligato a riconoscere ed eseguire la richiesta di un altro paese secondo le stesse modalità con cui procederebbe per una decisione emessa dalle proprie autorità.L’ordine europeo di indagine apporterà i seguenti vantaggi:
crea un unico strumento globale di ampia portata: sostituirà l’attuale quadro giuridico frammentato per l’acquisizione delle prove. Per gli Stati membri partecipanti coprirà l’intero iter di raccolta delle prove, dal sequestro probatorio al trasferimento delle prove esistenti;
fissa termini rigorosi per l’acquisizione delle prove richieste: gli Stati membri hanno fino a 30 giorni per decidere se accettare una richiesta. Se la accettano, hanno 90 giorni per effettuare l’atto di indagine richiesto. Eventuali ritardi dovranno essere segnalati al paese che ha emesso l’ordine europeo di indagine;
limita i motivi di rifiuto delle richieste: l’autorità ricevente può rifiutare di eseguire un ordine europeo d’indagine solo in determinate circostanze, per esempio se la richiesta è in conflitto con i principi fondamentali del diritto dello Stato di esecuzione o lede gli interessi di sicurezza nazionale;
riduce la burocrazia introducendo un unico modulo standard tradotto nella lingua ufficiale dello Stato di esecuzione, che permette alle autorità di chiedere aiuto nella ricerca di prove;
tutela i diritti fondamentali della difesa: l’autorità di emissione deve valutare la necessità e la proporzionalità dell’atto di indagine richiesto. L’ordine europeo d’indagine deve essere emesso o convalidato da un’autorità giudiziaria, e la sua emissione può essere richiesta da una persona sottoposta a indagini o da un imputato, ovvero da un avvocato che agisce per conto di questi ultimi, nel quadro dei diritti della difesa applicabili conformemente al diritto e alla procedura penale nazionale. Gli Stati membri devono garantire mezzi d’impugnazione equivalenti a quelli disponibili in un caso interno analogo e assicurare che le persone cui l’ordine europeo di indagine si riferisce siano debitamente informate delle possibilità di impugnazione.
In particolare, l’ordine europeo di indagine penale consente:
il trasferimento temporaneo di persone detenute, al fine di raccogliere prove;
controlli dei conti bancari e delle operazioni finanziarie di persone sottoposte a indagini o imputati;
operazioni di infiltrazione e l’intercettazione di telecomunicazioni;
misure di protezione delle prove.
Gli strumenti di indagine tradizionali non sono sempre adattati al mondo digitale in cui viviamo. Le autorità giudiziarie devono poter accedere alle prove che si trovano nel cloud o altrove nel mondo. La Commissione sta mettendo a punto soluzioni per dotare le autorità giudiziarie di strumenti di indagine moderni che semplifichino l’accesso alle prove elettroniche.Il termine a disposizione degli Stati membri per attuare la direttiva relativa all’ordine europeo di indagine penale nei rispettivi ordinamenti nazionali scade oggi, 22 maggio 2017. La Commissione europea analizzerà lo stato di attuazione e, se del caso, prenderà le opportune misure di seguito nei confronti degli Stati membri che non abbiano ancora adottato le misure di attuazione necessarie.
Al Consiglio “Giustizia” dell’8 giugno la Commissione presenterà soluzioni per migliorare l’accesso transfrontaliero alle prove elettroniche.
La direttiva si basa sul principio del riconoscimento reciproco delle decisioni giudiziarie per quanto riguarda l’ottenimento di prove da usare nei procedimenti penali.
La direttiva si applica a tutti i paesi dell’UE escluse la Danimarca e l’Irlanda, che non partecipano alla direttiva. Il Regno Unito ha deciso di partecipare alla direttiva. La direttiva sostituisce i regimi di assistenza giudiziaria dell’UE per la raccolta delle prove, in particolare la convenzione relativa all’assistenza giudiziaria in materia penale tra gli Stati membri dell’Unione europea del 2000 e la decisione quadro 2003/577/GAI relativa al sequestro probatorio.Il 21 maggio 2010 sette Stati membri dell’Unione europea (Austria, Belgio, Bulgaria, Estonia, Slovenia, Spagna e Svezia) hanno presentato un’iniziativa per un ordine europeo di indagine. La direttiva è stata adottata congiuntamente dal Consiglio e dal Parlamento europeo nel 2014.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Strage di Manchester

Posted by fidest press agency su martedì, 23 maggio 2017

AFP_OR8TXManchester nel foyer della Manchester Arena, un palazzetto di Manchester, in Regno Unito alle ore 22,40 circa (in Italia alle 23,40) c’è stata un’esplosione mentre si teneva un concerto della popstar americana Ariana Grande. I morti accertati sul luogo dell’attentato sono 22 e i feriti 60. Le autorità locali, per le modalità dell’evento, hanno subito pensato ad un attentato terroristico. Ciò che sconcerta è che al meeting vi erano moltissimi giovani ed anche bambini. Se sarà confermata la pista terroristica sarebbe l’atto più grave nel Regno unito dalle bombe di Londra del 2005.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Berlin and Beijing united on climate in the age of Trump

Posted by fidest press agency su martedì, 23 maggio 2017

berlinoBerlin. German Environmental Minister Barbara Hendricks and Chinese Special Climate Envoy Xie Zhenhua jointly held a press conference at the opening of the Petersberg Climate Dialogue, where the two ministers stressed the importance of implementing the Paris commitments and urged the US to stay in the Paris Climate Agreement.
Karsten Smid of Greenpeace Germany said:“It is a positive signal that China and Germany want to step up to the plate in taking shared leadership in accelerating international climate action. In order to make this a really convincing initiative, both countries must accelerate their transition away from coal to renewable energy. ”Li Shuo, Climate Policy Advisor Greenpeace East Asia said: “There is no better way of reflecting the zeitgeist of international climate action than strong cooperation between China and Germany. Through their collective efforts of building new leadership and moving towards renewable energy, the two countries can highlight to the world the direction of travel. In committing to the Paris spirit, a new coalition of willing is taking up the mantle of climate leadership.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pacchetto di primavera 2017 del semestre europeo

Posted by fidest press agency su martedì, 23 maggio 2017

europaBruxelles. La Commissione europea presenta le raccomandazioni specifiche per paese 2017, che delineano i suoi orientamenti in materia di politica economica per i singoli Stati membri per i prossimi 12-18 mesi. L’economia dell’UE e della zona euro sta dimostrando di essere resiliente, ma continuano a far sentire i loro effetti la lentezza della crescita della produttività, le conseguenze della crisi, compreso il persistere delle disuguaglianze, e l’incertezza dovuta per lo più a fattori esterni. La Commissione invita pertanto gli Stati membri a sfruttare questa opportunità per rafforzare i fondamentali delle loro economie attuando le priorità economiche e sociali comuni individuate a livello europeo: rilanciare gli investimenti, portare avanti le riforme strutturali e perseguire politiche di bilancio responsabili. Particolare attenzione è rivolta alle sfide e alle priorità individuate per la zona euro.
Il Vicepresidente Valdis Dombrovskis, responsabile per l’Euro e il dialogo sociale, ha dichiarato: “Le tendenze economiche sono nel complesso positive; dovremmo quindi approfittare di questa opportunità per rendere le economie europee più competitive, resilienti e innovative”.
Marianne Thyssen, Commissaria responsabile per l’Occupazione, gli affari sociali, le competenze e la mobilità dei lavoratori, ha dichiarato: “Quest’anno la lotta contro la disuguaglianza è uno dei capisaldi della nostra valutazione. Abbiamo voltato pagina rispetto alla crisi: il prossimo capitolo è quello sociale.”
Pierre Moscovici, Commissario per gli Affari economici e finanziari, la fiscalità e le dogane, ha dichiarato: “L’UE sta crescendo, e questa tendenza proseguirà anche nel 2018, per il sesto anno consecutivo. Tuttavia la ripresa rimane fragile e disomogenea.”
L’economia europea si è dimostrata resiliente a fronte di grandi sfide. I tassi di crescita dell’UE e della zona euro sono stati prossimi al 2% nel 2016, le finanze pubbliche stanno migliorando e l’occupazione ha raggiunto il livello record di quasi 233 milioni di persone.”
Per rafforzare le tendenze positive e la convergenza all’interno sia dei singoli paesi che dell’UE, è essenziale conseguire una crescita più inclusiva, solida e sostenibile, puntando anche sull’incremento della competitività e sull’innovazione. È questo l’obiettivo delle raccomandazioni formulate nell’ambito del semestre europeo per il coordinamento delle politiche economiche. Questo approccio comprende anche una maggiore attenzione alle priorità e alle sfide per gli Stati membri in campo sociale. Poiché l’elaborazione e l’attuazione di riforme importanti richiede tempo, per avere un quadro più chiaro dei progressi compiuti è utile esaminare un orizzonte pluriennale invece di limitarsi a quanto avvenuto nel corso di un solo anno. Dall’adozione delle raccomandazioni specifiche per paese dell’anno scorso, i progressi più significativi compiuti dagli Stati membri hanno riguardato la politica di bilancio, la governance di bilancio e le politiche attive del mercato del lavoro. Sono state adottate misure per quanto concerne le politiche fiscali (ad esempio per la riduzione del carico fiscale sul lavoro), le politiche sociali e del mercato del lavoro (in particolare in materia di inclusione sociale e assistenza all’infanzia) e i servizi finanziari. Tra i settori che hanno registrato i minori progressi figurano la concorrenza nei servizi e il contesto imprenditoriale. Il quadro complessivo mostra che gli Stati membri continuano negli sforzi di attuazione delle riforme, ma che il grado di avanzamento oscilla tra “progressi limitati” e “alcuni progressi” nella maggior parte dei settori individuati nelle raccomandazioni specifiche per paese del 2016.
Il pacchetto presentato fa seguito al pacchetto d’inverno del semestre europeo di febbraio e tiene conto delle conclusioni in esso contenute, anche per quanto concerne la procedura per gli squilibri macroeconomici. Riguardo a Cipro, all’Italia e al Portogallo, che presentavano squilibri macroeconomici eccessivi, la Commissione ha concluso che non vi sono dati analitici che giustifichino il passaggio alla fase successiva della procedura, a condizione che i tre paesi attuino pienamente le riforme indicate nelle rispettive raccomandazioni specifiche per paese. Complessivamente si prevede che il livello del disavanzo aggregato nella zona euro scenderà all’1,4% del PIL quest’anno, dal picco del 6,1% del PIL nel 2010.
In base alla valutazione dei programmi di stabilità e convergenza del 2017, la Commissione ha inoltre adottato una serie di misure nell’ambito del patto di stabilità e crescita. La Commissione raccomanda di chiudere la procedura per i disavanzi eccessivi per la Croazia e il Portogallo. Se il Consiglio seguirà la raccomandazione della Commissione, rimarranno soggetti al braccio correttivo del patto solo quattro Stati membri, rispetto a 24 paesi nel 2011.
La Commissione ha inoltre adottato relazioni a norma dell’articolo 126, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE) nei confronti del Belgio e della Finlandia, in cui esamina la conformità di questi paesi con il criterio del debito previsto dal trattato. In entrambi i casi si è giunti alla conclusione che attualmente il criterio del debito può considerarsi rispettato. Nel caso del Belgio questa conclusione è valida a condizione che siano prese ulteriori misure di bilancio nel 2017 per garantire la sostanziale conformità con il percorso di aggiustamento verso l’obiettivo a medio termine sia nel periodo 2016-2017. Nel caso della Finlandia, si osserva che l’adozione e l’attuazione rapide di riforme strutturali per aumentare la produttività e l’offerta di lavoro rappresentano la chiave per migliorare le prospettive di crescita a medio termine e la sostenibilità del bilancio.
Per quanto riguarda l’Italia, la Commissione conferma che sono state adottate le ulteriori misure di bilancio richieste per il 2017, e che pertanto in questa fase non sono ritenuti necessari interventi supplementari per garantire la conformità con il criterio del debito.
Sulla base della valutazione del programma di stabilità 2017, la Commissione propone di concedere la flessibilità richiesta alla Lituania e alla Finlandia.
Le raccomandazioni rivolte agli Stati membri, pur essendo modificate ogni anno sulla base dei progressi compiuti e dell’evoluzione del contesto, sono saldamente ancorate alle priorità generali delineate dal Presidente Juncker nel discorso sullo stato dell’Unione e nell’analisi annuale della crescita. Dal suo insediamento, la Commissione in carica ha introdotto una serie di modifiche al semestre europeo per renderlo più efficace e pertinente. Le modifiche sono state annunciate nel novembre 2014 nell’analisi annuale della crescita 2015, attuate all’inizio del 2015 e confermate nella comunicazione sui prossimi passi da compiere per completare l’Unione economica e monetaria dell’Europa nell’ottobre 2015. Attualmente, ad esempio, la Commissione formula una raccomandazione per la zona euro nella fase iniziale del ciclo (a novembre), in modo che gli Stati membri possano includere la prospettiva della zona euro nei loro piani per gli anni successivi.
Inoltre negli ultimi mesi la Commissione ha avviato un dialogo con i governi, i parlamenti nazionali, le parti sociali e le altre parti interessate e ha tenuto incontri bilaterali con le autorità nazionali per discutere delle loro priorità.
A febbraio la Commissione ha presentato l’analisi dettagliata della situazione economica e sociale di ciascuno Stato membro, sotto forma di relazioni per paese, nell’ambito del cosiddetto pacchetto d’inverno 2017 del semestre europeo. La Commissione ha istituito inoltre il servizio di assistenza per le riforme strutturali e uno strumento specifico dell’UE, il Programma di sostegno alle riforme strutturali, per fornire un’assistenza mirata agli Stati membri, su loro richiesta, e agevolare l’elaborazione e l’attuazione delle riforme istituzionali, strutturali e amministrative, comprese quelle indicate nelle raccomandazioni specifiche per paese.
La Commissione chiede al Consiglio di approvare l’approccio proposto e di adottare le raccomandazioni specifiche per paese, e chiede agli Stati membri di attuarle appieno e tempestivamente. I ministri dell’UE dovranno discutere le raccomandazioni specifiche per paese prima che i capi di Stato e di governo dell’UE le approvino. Spetterà poi agli Stati membri attuarle tramite misure inserite nelle rispettive politiche economiche e di bilancio nazionali nel 2017-2018.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sea Shepherd conclude in Liberia una campagna di successo contro la pesca illegale

Posted by fidest press agency su martedì, 23 maggio 2017

Sea ShepherdSea Shepherd Global ha concluso Operazione Sola Stella, un’operazione congiunta in collaborazione con il Ministero Liberiano della Difesa, tesa a combattere la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (INN) nella Repubblica della Liberia, in Africa occidentale. Tre mesi di pattugliamenti in mare hanno avuto come risultato l’arresto di cinque imbarcazioni coinvolte in attività di pesca INN.
Dal 2 febbraio 2017 la nave di Sea Shepherd M/Y Bob Barker ha pattugliato la costa della Liberia, operando con la Guardia Costiera Liberiana, sotto la direzione dell’Onorevole Ministro Brownie Samukai. A bordo c’erano dieci rappresentanti della Guardia Costiera Liberiana, aventi l’autorità di salire a bordo di navi che violavano la legge liberiana, condurvi ispezioni e sequestrarle. Inoltre, a bordo c’erano due consulenti marittimi di nazionalità israeliana, esperti di conservazione, che hanno fornito assistenza nell’ambito dell’addestramento.Prima dell’arrivo della MY Bob Barker in Liberia, la comunità della pesca artigianale di Harper, una cittadina liberiana sita sul confine con la Costa d’Avorio, aveva presentato dei reclami circa incursioni quasi quotidiane compiute da trawler industriali stranieri che pescavano illegalmente. “La Guardia Costiera liberiana ha risposto alle richieste dei pescatori artigianali liberiani dando il via a una partnership con Sea Shepherd Global per riprenderci i nostri mari dai bracconieri. Con l’arresto di cinque imbarcazioni, abbiamo lanciato un messaggio forte: se verrete in Liberia per pescare illegalmente, sarete arrestati”, ha dichiarato l’Onorevole Brownie Samukai.Una delle imbarcazioni arrestate è la FV Star Shrimper XXV, battente bandiera nigeriana e di proprietà olandese, un trawler per la pesca dei gamberi che possiede una certificazione del Dipartimento di Stato degli USA per l’esportazione di gamberi negli Stati Uniti, certificazione ottenuta sulla base dell’impiego di provvedimenti mirati a ridurre le catture accidentali, tra cui le tartarughe. La FV Star Shrimper XXV è stata sorpresa a pescare in acque liberiane senza un valido permesso di pesca e, inoltre, non stava usando i TED (Turtle Excluder Device, meccanismi di esclusione delle tartarughe, nota di traduzione) che rappresentano un requisito legale e che lo schema della certificazione indica come necessari.Sea Shepherd ha altresì fornito assistenza alla Sea Shepherd1Guardia Costiera nell’arresto di un’imbarcazione dotata di container refrigerati, la quale è responsabile di furto d’identità e pesca INN. L’imbarcazione provvista di container refrigerati è stata arrestata per aver comunicato un’identità falsa alle autorità portuali liberiane. Essa aveva in programma di scaricare 460 tonnellate di pescato privo di documentazione.
Altre tre imbarcazioni sono state arrestate sulla base di una lunga lista di violazioni che andavano dalla pesca senza licenza al trasbordo illegale alla tentata corruzione di un ufficiale delle forze dell’ordine.“Durante l’ultimo mese di attività di pattugliamento in acque liberiane, Sea Shepherd non ha riscontrato alcuna attività di pesca INN, il che indica che l’applicazione delle leggi in mare sta avendo un effetto deterrente. L’arresto di cinque imbarcazioni e la dissuasione da ulteriori atti criminali attesta il successo di Operazione Sola Stella e la professionalità della Guarda Costiera liberiana. Siamo fieri di questa nostra partnership, coronata dal successo, con il governo della Liberia e intendiamo continuare, uniti, in futuro, la nostra lotta contro la pesca INN”, ha affermato il Leader della Campagna, Peter Hammarstedt.I Paesi in via di sviluppo sono particolarmente vulnerabili alla pesca INN, che copre fino al 40% delle attività di pesca che avvengono nelle acque dell’Africa occidentale. Questa Campagna ha aiutato la Liberia a colpire con forza i pescherecci stranieri industriali che agiscono nelle sue acque, nonché a proteggere le sei miglia nautiche più vicine alla costa, le quali sono riservate alla pesca di sussistenza, alla pesca artigianale e a quella semi-artigianale, settori che danno lavoro a 33.000 liberiani.Nel 2016 Sea Shepherd ha stretto un accordo con il governo del Gabon per Operazione Albacore, grazie alla quale più di 40 pescherecci sono stati ispezionati in mare e che ha portato, mediante tali ispezioni, all’arresto di tre trawler congolesi impegnati in attività di pesca INN, nonché a quello di un’imbarcazione spagnola che faceva uso di palamiti. Operazione Sola Stella è il proseguimento dell’impegno assunto da Sea Shepherd Global per quanto riguarda il lavoro a fianco dei governi nazionali, mirato a contribuire a porre fine alla pesca INN. (foto: Sea Shepherd)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Death penalty in Turkey – Illusions in Europe

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 maggio 2017

Albert Camus and Adnan Menderes1Albert Camus and Adnan MenderesWhat is the future of the EU-Turkey relationship? In two new ESI papers we suggest how to reform a dysfunctional accession process; and when to bring it to an end. We seek to dispel illusions, restore clarity and propose ways how the European Union and the Council of Europe might better protect fundamental human rights.
In his essay “Reflections on the Guillotine” in 1957 French writer Albert Camus takes an uncompromising position against the death penalty, writing that: “A man is destroyed by the wait for death long before he really dies.” At the time Camus’ native French Algeria was in the throes of a ferocious conflict. Routine torture, summary executions of captured prisoners, mass internment and the use of the death penalty characterised the French counter-insurgency strategy. Military tribunals in French Algeria rendered almost 1,500 death sentences between 1954 and 1962. Of these, 198 were carried out. After 1957 all lawyers who used to defend Algerian rebels were arrested or put under house arrest; several were suspended, two murdered.When the European Convention on Human Rights was adopted in Rome in 1950, it explicitly recognised the legality of capital punishment. It did not limit the crimes which could be punished in this way. This created a huge gap for human rights protection, which had terrible consequences. In 1957, the year Camus wrote his essay, Evaghoras Pallikarides, aged 19, was hanged in the British Crown Colony Cyprus. “The offence for which he was executed was that of possessing a weapon. It was a light machine gun, and it was not in a serviceable condition at the time he was apprehended.” This was not an isolated incident. The UK had proclaimed a state of emergency in Cyprus in November 1955, resorted to mass detention without trial, vastly extended the use of the death penalty, imposed draconian censorship laws and enacted extensive powers to requisition property.Cyprus did not remain under British control, and spiralled into further violence soon. France lost Algeria and left behind untold bitterness. The recent history of European powers dealing with colonial insurgencies is a record of immense human rights abuses and abysmal policy failures. It is a reminder of how tempting it has been, even for democratic leaders faced with violence, to resort to repression, intimidation and the use of extreme measures. And how badly this has ended.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Why Israel needs a Palestinian state

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 maggio 2017

israelTHE victory of Israel over the Arab armies that encircled it in 1967 was so swift and absolute that, many Jews thought, the divine hand must have tipped the scales. Before the six-day war Israel had feared another Holocaust; thereafter it became an empire of sorts. Awestruck, the Jews took the holy sites of Jerusalem and the places of their biblical stories. But the land came with many Palestinians whom Israel could neither expel nor absorb. Was Providence smiling on Israel, or testing it?For the past 50 years, Israel has tried to have it both ways: taking the land by planting Jewish settlements on it; and keeping the Palestinians unenfranchised under military occupation, denied either their own state or political equality within Israel (see our special report in this issue). Palestinians have damaged their cause through decades of indiscriminate violence. Yet their dispossession is a reproach to Israel, which is by far the stronger party and claims to be a model democracy.
Israel’s “temporary” occupation has endured for half a century. The peace process that created “interim” Palestinian autonomy, due to last just five years before a final deal, has dragged on for more than 20. A Palestinian state is long overdue. Rather than resist it, Israel should be the foremost champion of the future Palestine that will be its neighbour. This is not because the intractable conflict is the worst in the Middle East or, as many once thought, the central cause of regional instability: the carnage of the civil wars in Syria, Iraq and elsewhere disproves such notions. The reason Israel must let the Palestinian people go is to preserve its own democracy.
Unexpectedly, there may be a new opportunity to make peace: Donald Trump wants to secure “the ultimate deal” and is due to visit the Holy Land on May 22nd, during his first foreign trip. The Israeli prime minister, Binyamin Netanyahu, appears as nervous as the Palestinian president, Mahmoud Abbas, seems upbeat. Mr Trump has, rightly, urged Israel to curb settlement-building. Israel wants him to keep his promise to move the American embassy to Jerusalem. He should hold off until he is ready to go really big: recognise Palestine at the same time and open a second embassy in Jerusalem to talk to it.The outlines of peace are well known. Palestinians would accept the Jewish state born from the war of 1947-48 (made up of about three-quarters of the British mandate of Palestine). In return, Israel would allow the creation of a Palestinian state in the remaining lands it occupied in 1967 (about one-quarter). Parcels could be swapped to take in the main settlements, and Jerusalem would have to be shared. Palestinian refugees would return mostly to their new state, not Israel.The fact that such a deal is familiar does not make it likely. Mr Netanyahu and Mr Abbas will probably string out the process—and try to ensure the other gets blamed for failure. Distracted by scandals, Mr Trump may lose interest; Mr Netanyahu may lose power (he faces several police investigations); and Mr Abbas may die (he is 82 and a smoker). The limbo of semi-war and semi-peace is, sadly, a tolerable option for both.Nevertheless, the creation of a Palestinian state is the second half of the world’s promise, still unredeemed, to split British-era Palestine into a Jewish and an Arab state. Since the six-day war, Israel has been willing to swap land for peace, notably when it returned Sinai to Egypt in 1982. But the conquests of East Jerusalem, the West Bank and the Gaza Strip were different. They lie at the heart of Israelis’ and Palestinians’ rival histories, and add the intransigence of religion to a nationalist conflict. Early Zionist leaders accepted partition grudgingly; Arab ones tragically rejected it outright. In 1988 the gerusalemmePalestine Liberation Organisation accepted a state on part of the land, but Israeli leaders resisted the idea until 2000. Mr Netanyahu himself spoke of a (limited) Palestinian state only in 2009.Another reason for the failure to get two states is violence. Extremists on both sides set out to destroy the Oslo accords of 1993, the first step to a deal. The Palestinian uprising in 2000-05 was searing. Wars after Israel’s unilateral withdrawal from Lebanon in 2000 and Gaza in 2005 made everything worse. As blood flowed, the vital ingredient of peace—trust—died.Most Israelis are in no rush to try offering land for peace again. Their security has improved, the economy is booming and Arab states are courting Israel for intelligence on terrorists and an alliance against Iran. The Palestinians are weak and divided, and might not be able to make a deal. Mr Abbas, though moderate, is unpopular; and he lost Gaza to his Islamist rivals, Hamas. What if Hamas also takes over the West Bank?All this makes for a dangerous complacency: that, although the conflict cannot be solved, it can be managed indefinitely. Yet the never-ending subjugation of Palestinians will erode Israel’s standing abroad and damage its democracy at home. Its politics are turning towards ethno-religious chauvinism, seeking to marginalise Arabs and Jewish leftists, including human-rights groups. The government objected even to a novel about a Jewish-Arab love affair. As Israel grows wealthier, the immiseration of Palestinians becomes more disturbing. Its predicament grows more acute as the number of Palestinians between the Jordan river and the Mediterranean catches up with that of Jews. Israel cannot hold on to all of the “Land of Israel”, keep its predominantly Jewish identity and remain a proper democracy. To save democracy, and prevent a slide to racism or even apartheid, it has to give up the occupied lands.Thus, if Mr Abbas’s Palestinian Authority (PA) is weak, then Israel needs to build it up, not undermine it. Without progress to a state, the PA cannot maintain security co-operation with Israel for ever; nor can it regain its credibility. Israel should let Palestinians move more freely and remove all barriers to their goods (a freer market would make Israel richer, too). It should let the PA expand beyond its ink-spots. Israel should voluntarily halt all settlements, at least beyond its security barrier.Israel is too strong for a Palestinian state to threaten its existence. In fact, such a state is vital to its future. Only when Palestine is born will Israel complete the victory of 1967. (font: The Economist)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Turismo israeliano

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 maggio 2017

gerusalemmeAd aprile 2017 Israele ha registrato l’arrivo di 349.000 turisti, con un aumento del +38% rispetto all’anno precedente. Nel periodo gennaio-aprile 2017, si registrano 1.09 milioni di ingressi, un aumento del +28% rispetto al 2016.
Da gennaio 2017, il turismo ha portato 6 miliardi di NIS (€ 1.518.890.000 circa) nelle casse dell’economia israeliana. Il turismo è un motore in continua crescita che ha raggiunto risultati record grazie all’aumento dei budget di marketing e allo spostamento delle politiche internazionali di marketing di Israele.
Il ministro del Turismo, Yariv Levin, ha dichiarato: “Con una politica ben definita si vedono i risultati. Ogni mese stiamo registrando dei risultati eccezionali che dimostrano i progressi fatti nell’industria del turismo e il contributo notevole che porta all’economia e alla forza lavoro in Israele. Si tratta di una tappa importante che è parte di un tendenza positiva che ha ormai scavalcato i risultati di più di un anno e mezzo fa. Spero, e sono convinto, che continuando a lavorare così, raccoglieremo i frutti di questo investimento”.
Ad aprile 2017 i turisti italiani sono stati 10.200, il +47% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente; mentre se si considera il primo quadrimestre (gennaio – aprile) sono 30.700 gli italiani che hanno visitato Israele, in crescita del +34% rispetto allo scorso anno. Grande soddisfazione del direttore generale per l’Italia dell’ufficio nazionale israeliano del turismo, Avital Kotzer Adari: “Siamo orgogliosi e soddisfatti dei risultati di questo primo trimestre e del mese di aprile, in maniera particolare. Il mercato italiano è di grande importanza per Israele e l’attrazione che la nostra terra turismo israelianoesercita sugli italiani si riconferma forte e in continua crescita. Sia che si voglia creare un viaggio dedicato allo spirito, allo sport, alla movida, alla scoperta della natura, Israele permette di sperimentare tutti questi aspetti: una destinazione unica a cui il mercato italiano sta dando risposta entusiastica con arrivi in crescita e fermento del sistema turistico che sostiene la destinazione con nuovi voli e programmazioni in espansione. Siamo certi che i risultati soddisfacenti continueranno ad entusiasmarci”.
Focus aprile 2017Si registra un aumento del 38% dei turisti ad aprile 2017 rispetto ad aprile 2016 e un aumento del 21% rispetto ad aprile 2015. 309.000 turisti hanno raggiunto il paese in aereo, un aumento del 36% rispetto ad aprile 2016 e del 21% rispetto ad aprile 2015. 40.000 turisti hanno raggiunto Israele via terra, di cui 34.000 attraverso la Giordania e circa 6.000 dall’Egitto: un aumento del +56% rispetto ad aprile 2016 e del +22% rispetto ad aprile 2015. Sono stati circa 24.000 i visitatori giornalieri ad aprile 2017, in aumento del +27% rispetto ad aprile 2016 e del +13% rispetto ad aprile 2015.
Focus gennaio – aprile 2017. A gennaio-aprile 2017, si registra l’ingresso di 1.09 milioni di turisti, un aumento del +26% rispetto allo stesso periodo nel 2016 (850.000) e del +22% rispetto al 2015. 964.000 turisti sono arrivati in aereo, il +24% in più rispetto allo stesso periodo nel 2016 e il +22% in più rispetto al 2015. (foto: turismo)

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

What to expect in Iran’s presidential election today

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 maggio 2017

persian gulfSINCE the Islamic revolution of 1979, Iran has been a curious mixture of theocracy and democracy. Every four years, it goes through a great bout of electioneering to choose a new president among candidates pre-selected by a group of clerics. But real power lies in the hands of the supreme leader, and of various unelected branches that he controls, such as the judiciary and the Revolutionary Guards.The latest presidential campaign, waged with duelling Instagram videos and in competing Telegram channels, comes to a climax today as Iranians go to the polls. Hassan Rouhani, the country’s reformist president, hopes to be re-elected. He has taken the unusual step of criticising the powerful Revolutionary Guards, warning them “to stay in their own place”. Every Iranian president since 1981 has won a second term. Punters on PredictIt, a political betting website, reckon that Mr Rouhani is, indeed, the clear favourite to win, with the probability of victory above 80%. His main challenger is Ebrahim Raisi, a cleric who oversees Iran’s largest charity. He is the standard-bearer for hardliners disappointed by Mr Rouhani’s nuclear deal with America and other world powers, which has yet to produce a much-promised economic revival. The only other candidate to poll above single digits, Muhammad Baqer Qalibaf, dropped out of the race on May 15th and endorsed Mr Raisi.
IranPoll, a polling firm based in Canada, has provided The Economist with results from its survey taken on May 16th. Among respondents expressing an opinion, 58% said they planned to vote for Mr Rouhani, compared with just 36% for Mr Raisi. That would be enough for the incumbent to win outright in the first round. Even if a late swing in favour of the challenger forces a run-off, the sitting president appears to have little to fear. In a hypothetical second round between the two front-runners, 91% of respondents said their minds were made up, and 60% of those said they preferred Mr Rouhani.
Defeat may be only a temporary setback for Mr Raisi. Ali Khamenei, the current supreme leader, is thought to be grooming Mr Raisi as his successor. But that might be harder if Mr Raisi has been rejected by Iranian voters. (font. The Economist)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Commissione autorizza una joint-venture per la pubblicità cinematografica tra TSC e UCI Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 maggio 2017

european commissionBruxelles. A norma del regolamento UE sulle concentrazioni, la Commissione europea ha autorizzato la costituzione di una joint-venture che opererà nel settore della pubblicità cinematografica tra UCI Italia e The Space Cinema 1 (TSC), entrambe italiane. UCI Italia è controllata indirettamente dal gruppo cinese Dalian Wanda attraverso la statunitense AMC. TSC è controllata da Vue International del Regno Unito, a sua volta controllata congiuntamente da due società d’investimento canadesi. Sia UCI Italia che TSC sono fornitori di servizi di proiezione cinematografica in Italia e vendono anche spazi pubblicitari nelle loro sale cinematografiche. La Commissione ha concluso che l’operazione proposta non darebbe luogo a problemi di concorrenza, in quanto rimarrebbe sul mercato dei servizi di pubblicità cinematografica una serie di concorrenti forti a cui i cinema concorrenti potrebbero vendere i loro spazi pubblicitari. L’operazione è stata esaminata secondo la normale procedura di esame delle concentrazioni. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito web Concorrenza della Commissione, nel registro pubblico dei casi, con il numero di caso M.8431.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Antonio Tajani riceve il Presidente della Commissione dell’Unione africana, Moussa Faki Mahamat

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 maggio 2017

parlamento europeoBRUXELLES, PRN Africa. “Dobbiamo approfondire il nostro partenariato e la nostra cooperazione con l’Unione africana su numerosi temi, come lo sviluppo sostenibile, i giovani e l’occupazione, la lotta ai cambiamenti climatici, la pace, la sicurezza, i diritti dell’uomo e la gestione delle crisi”, ha dichiarato il Presidente del Parlamento europeo al termine del suo incontro con il nuovo Presidente della Commissione dell’Unione africana, Moussa Faki Mahamat.”L’Africa è una priorità per l’Unione europea”, ha sottolineato Tajani, indicando che: “la presenza in Aula del Presidente Moussa Faki è un segnale politico molto forte che darà un nuovo slancio alle relazioni con i nostri partner africani.”
Il Presidente Tajani ha proseguito affermando che: “l’Europa e l’Africa devono affrontare la stessa sfida anche per quanto riguarda la gestione dei flussi migratori. Bisogna cercare la radice del problema. È necessario investire di più e meglio in Africa, nel quadro di una robusta diplomazia economica, per creare crescita e occupazione. Questo continente è ricco di opportunità e di speranza e sarà, ne sono certo, il continente del futuro” “Rendo altresì omaggio al forte impegno del Presidente Moussa Faki nella lotta contro la minaccia terroristica. Non dobbiamo dimenticare che l’Africa è il continente più colpito dagli attacchi. La cooperazione tra l’Unione europea e l’Unione africana è cruciale in questo settore, in particolare nel Sahel e in Libia”, ha concluso Tajani.
Il Parlamento europeo ha invitato anche il Presidente della Repubblica della Costa d’Avorio, Alassane Ouattara, a tenere un discorso in seduta plenaria a giugno.Il prossimo vertice Unione europea-Africa si terrà a fine novembre 2017, a Abidjan, in Costa d’Avorio.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

70° Festival di Cannes

Posted by fidest press agency su domenica, 21 maggio 2017

short film marketCannes Lunedì 22 maggio, ore 15.00, Italian Pavilion Hotel Majestic, Salon Martha al 70° presentazione della seconda edizione del TORINO SHORT FILM MARKET che avrà luogo a Torino tra il 29 novembre e il 1° dicembre 2017. Saranno presenti: Jacopo Chessa (direttore Torino Short Film Market), Paolo Manera (direttore Film Commission Torino Piemonte), Enrico Vannucci (programmer Torino Short Film Market).
Tante le novità in cantiere, a partire dalle location e dai progetti che verranno lanciati, finalizzati sia alla produzione che alla vendita di cortometraggi. Ne parleranno il direttore del Torino Short Film Market (TSFM), Jacopo Chessa, Paolo Manera, direttore della Film Commission Torino Piemonte, che fin da subito, ha creduto alla necessità di realizzare un meeting professionale dedicato al corto ed Enrico Vannucci, short film advisor del Festival di Venezia e responsabile, assieme a Massimiliano Nardulli, della programmazione del Torino Short Film Market. Realizzata nel novembre 2016 dal Centro Nazionale del Cortometraggio, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema e il Torino Film Festival, la prima edizione del Torino Short Film Market ha avuto un ottimo riscontro: hanno partecipato, infatti, più di trecento accreditati Industry e sessanta ospiti internazionali che hanno battezzato, fin da subito, il TSFM come manifestazione di riferimento in Italia per il comparto del corto. (foto: short film market)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cost of sending expatriates to the UK falls for foreign companies

Posted by fidest press agency su domenica, 21 maggio 2017

mondo-multi-polareThe United Kingdom is the most expensive destination among the top-40 financial-hub countries* for expatriates from foreign companies. This was one of the findings of the latest MyExpatriate Market Pay survey published annually by ECA International, the world’s leading provider of knowledge, information and software for the management and assignment of employees around the world.When considering the cost of an expatriate package companies need to factor in three main elements: the cash salary, benefits – such as accommodation, international schools, utilities or cars – and tax. To assist companies relocating staff with benchmarking their packages against the market, ECA conducts its annual MyExpatriate Market Pay Survey of pay levels for expatriates around the world, including benefits, allowances, salary calculation methods and tax treatment.Over the past couple of years, it has become cheaper in USD terms to send expatriates to the UK due to the pound’s decline in value. The cost of a typical expatriate package for Middle Managers in the UK is now GBP 262 900 / USD 384 400.“The total cost of expatriate packages in the UK, in US dollars, has fallen by 11% in the past couple of years. This is mainly due to a weakened pound against the US dollar making the UK comparatively cheaper. In local terms, typical Middle Manager expatriate salaries have increased by 3% over this period,” said Steven Kilfedder, Production Manager, ECA International.
However, the UK still has some of the highest personal tax rates in the world and the second highest cost for typical expatriate benefits.“The tax element is the most expensive component of an expatriate package in the UK by a considerable margin. Once tax is removed, the UK falls out of the global top five most expensive locations in the world. The cost of providing benefits is also considerable, at around double the salary element due to high expatriate rental accommodation prices,” explained Kilfedder. When choosing an expatriate pay approach, companies need to be clear about the reasons behind the assignment so that their choice reinforces this. This can help organisations to decide whether they wish to create equity among home or host country peers – something that has become even more complex as companies manage increasingly diverse nationalities in and out of different markets. This will also need to be balanced against benefits and costs to the business.
Europe
France is sixth in the global rankings this year. The value of a typical expatriate package for Middle Managers in France is now EUR 232 000 /USD 264 500. The cost of an expatriate package to foreign companies has fallen in France by 16% in USD terms over the past two years due to the euro declining against the dollar over this period.Expatriate packages for Middle Managers in Germany are the lowest out of all ranked European countries. The combination of comparatively low salary, benefits and tax all contribute to Germany ranking 23rd out of the 27 locations included in ECA’s rankings. The total cost of an expatriate package for Middle Managers in Germany isEUR 177 800 / USD 202 800 – falling by 15% over the past two years, also due to the euro’s decline against the dollar.
Americas
The cost of an expatriate package has increased by 2% in the USA since our last survey, with the US rising in our rankings to eighth place. The value of a typical expatriate package for Middle Managers is now USD 257 400.”In the US, the costliest element of the package is the benefits provision, the fifth highest in our global rankings. To incentivise employees to accept an assignment to some countries companies will often grant additional allowances on top of the base salary that aren’t necessary when sending staff to the US. In Hong Kong, for example, dangerous levels of air pollution, combined with high international school fees and accommodation costs, mean that companies have traditionally offered generous expatriate packages to attract highly sought-after talent,” said Kilfedder.
Middle East
Countries like Qatar, United Arab Emirates and Saudi Arabia sit near the bottom of the global rankings. Even though the highest global Middle Manager expatriate salaries are found in Saudi Arabia and the UAE, as the employee pays no tax on their salaries or benefits in these countries, the total cost is low by international standards with both sitting in the cheapest six locations in the global rankings. The values of expatriate packages in these locations are USD 172 800 and USD 188 400 respectively. Qatar will cost foreign companies the least out of our ranked locations, at USD 160 200 per annum.
Asia Pacific
Japan is home to Asia’s most expensive expatriate packages, second only to the UK on a global scale. On average, a package for an expatriate Middle Manager there is worth USD 367 500. The total package has risen by a significant amount from last year’s total, by around 12 per cent, with the yen strengthening against the US dollar in the survey period.
Expatriate pay packages in Hong Kong have fallen to a five-year low, falling by two per cent since 2012 in USD terms. However, they are still the fifth highest in the rankings this year. The value of a typical expatriate package for Middle Managers in Hong Kong is around USD 265 500.A total package for an expatriate Middle Manager in China is worth around USD 282 500 on average.Expatriate packages in China have declined in USD terms from last year’s totals due to the yuan weakening against the dollar over this period.“China remains attractive for foreign companies sending expatriates here as although costs are rising in local currency they have fallen in USD terms since our previous survey,” stated Lee Quane, Regional Director – Asia, ECA International.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Africa is increasingly important to the EU”

Posted by fidest press agency su domenica, 21 maggio 2017

africa7The recent Business Beyond Borders (BBB) event at African Utility Week was praised by H. E. the Danish Ambassador to the Republic of South Africa, Trine Thygesen, as a “project to help EU businesses, in particular SMEs and clusters, to operate internationally by engaging in business opportunities – and our doors are open for Africa”.
The Danish Ambassador represented the voice of the EU at the first BBB event to take place outside Europe – which was held at African Utility Week (AUW), Cape Town (16th – 18th May), and focused on small and medium enterprises (SMEs) and clusters in the water, power and utilities sector. Speaking during AUW’s opening keynote session, Ms Thygesen said: “Africa is increasingly important to the EU. Major African markets with strong growth rates represent significant increased cooperation between our continents. May AUW be the platform for engaging in new sustainable and inclusive economic development in Africa as well as the EU.” The Danish Ambassador to the Republic of South Africa also underlined the potential for private investment in energy and water, as Ms. Thygesen believes that “the answer to unlocking more potential lies in the formulation of PPP’s within the water sector”. Joining Ms. Thygesen during AUW’s keynote programme, were high-profile governmental and entrepreneurial personalities such as Dikobe Ben Martins, South African Deputy Minister of Public Enterprises; and Ben Ngubane, ESKOM’s Board Chairman.
During his keynote speech, Dikobe Ben Martins highlighted the fair’s potential to “share content and best practices” in the power and water sector: “The conference comes at a time when Africa is dealing with mounting challenges with regards to access to sustainable, modern energy services, which are a prerequisite for meeting basic human needs and for economic and social development”.
BBB is a European Commission-funded initiative which helps EU businesses to expand regionally and globally. By facilitating a series of Business-to-Business (B2B), Cluster-to-Cluster (C2C), and Business-to-Cluster (B2C) matchmaking events at the top international trade fairs around the world, the aim of the initiative is for new international business partnerships to be formed and deals to be brokered.
Over the course of AUW’s three days, BBB facilitated over 900 matchmaking meetings between more than 729 companies representing 60 countries.
Besides the one-to-one matchmaking sessions at the BBB Connecting Platform, SMEs and clusters also had the opportunity to present their business and technology to a wider audience at the BBB Demo Zone stand. Other BBB-supported activities included a Workshop on Hydropower organised by the European Renewable Energies Federation (EREF), and the BBB Social Media Competition, which sought to help participating companies increase their visibility online.
Coming from Finland, the winner of the BBB Social Media Competition, Gregory Neethling of FINNZA, considered the BBB matchmaking sessions to be positive for his company: “I really benefited from being here and having all these business meetings, which can lead to very successful projects”.
The next BBB matchmaking event will take place on 18th-21st September at TEXWORLD, Paris, and will be aimed at companies operating in the textile and apparel industry.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Access to education failing many migrants

Posted by fidest press agency su domenica, 21 maggio 2017

migrantsThe Agency’s latest summary identifies pressing fundamental rights issues that need addressing in various EU Member States. Some of the main findings include:
Children in immigration detention have no access to any form of education in nine out of the 14 Member States covered by this report. This is mainly because Member States expect short detention periods, which may also be shorter than needed to perform the administrative and medical checks for schooling. In the other countries informal education is offered. Education, independent of the time spent in detention, is only on offer in three Member States.
Very few Member States specifically address the educational needs of those who have been unable to attend school regularly before arriving. As a result they may also lag behind students of a similar age. This is particularly a problem in many Member States when it comes to educating children who are above the compulsory school age without the necessary skills.
Traumatised children often have difficulties integrating due to behavioural issues or because they are withdrawn. In four Member States, there is some form of psychological support but it does not specifically target refugee children. Teachers receive support through training or guidance in dealing with traumatised children in only three Member States.
Early childhood education can help students learn better and prevent them from leaving school early. However, long waiting periods, language barriers, long distances, insufficient guidance to families, lack of information, low allowances for asylum applicants to cover expenses, and the treatment and integration of traumatised children are all factors limiting access to early childhood education. For example, over 40% of Dutch municipalities with reception centres have no childcare facilities at these centres.
In four Member States, asylum seekers and refugees have no access to formal schooling in some parts or regions of the country. Although almost all Member States have special support classes to help children follow or join regular schools, in five they spend up to two years in separate preparatory classes outside schools until they can attend public schools.
Once enrolled in school, migrant children generally benefit from the same services as national children. In some Member States they are also eligible for additional support such as language courses or allowances for buying school supplies.
Problems in recognising non-EU diplomas hinder access to third-level education and employment in many Member States.
Most Member States increased their budgets and staffing for education following the 2015/2016 migration crisis. For example, in Austria staffing for basic care has quadrupled since the large-scale increase in migration.
The European Commission asked the Agency to collect data about the fundamental rights situation of people arriving in Member States particularly affected by large migration movements. The reports cover 14 Member States: Austria, Bulgaria, Denmark, Finland, France, Germany, Greece, Hungary, Italy, the Netherlands, Poland, Slovakia, Spain and Sweden.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »