Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 220

Archive for the ‘Cronaca/News’ Category

News

Civil rights is the unfinished business of America

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 giugno 2020

The events of the last couple weeks have been horrific, and there are no words to sufficiently capture the pain so many people are feeling right now. But here’s what I do know: Civil rights is the unfinished business of America, and it’s all our responsibility to see that work to completion.We’ve no doubt made progress, but if there’s anything the events of the past couple weeks have laid bare, it’s that we have so much more work to do. From George Floyd’s death in Minneapolis, to Breonna Taylor’s death in Louisville, to Ahmaud Arbery’s death near Brunswick, Georgia, everything we’ve seen serves as a sobering reminder of the violence Black men and women face every day in America — and just how far we have to go to root out the poison of racism that pervades every facet of our society. Your commitment to electing leaders who believe this country can live up to the basic ideals of its founding is what continues to move us forward. Achieving progress is rarely easy, painless, or swift, but you’ve never wavered in your commitment. I couldn’t be prouder to stand shoulder to shoulder with you in this work. We have the tools to do this. We’ve done it before. I believe that, together, we can enact real change that matters in our lives, and especially in the lives of Black Americans, in every corner of this country. (By Tom Perez)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The violence in American cities reflects the fury of polarisation

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 giugno 2020

THE SUMMER heat has its way of energising our political passions. The American and French revolutions both began in earnest with the sweltering June and July air stuck to each soldier’s skin. In 1967, a “long hot summer” of violence erupted throughout the United States as protesters against police brutality and racial injustice clashed with police and the national guard in most big cities. The following summer saw similar protests, and—like today—a hotly contested presidential election. The current unrest in America is similar in many ways to the riots of the 20th century, with young people and minorities expressing grievances over both racial inequality and the relationship with their government. But two recent developments serve both to worsen the tensions between protesters and their opponents and to decrease the chance that the government will find a solution: political polarisation and partisan rage.The turmoil of 1968 is the most obvious parallel to today’s. Then, the Republican Party’s Richard Nixon and Spiro Agnew were the candidates of “law and order,” pledging to crack down on the violence and extend sentences for rioters. That year’s election was also a major catalyst for the marriage of race and political party in America. Nixon’s and Agnew’s electoral strategies probably helped them capitalise on the anger and anxiety of many white voters. In a new research article about the contest, Omar Wasow, a political scientist at Princeton University, finds that the year’s protests “likely caused a 1.5–7.9% shift among whites toward Republicans and tipped the election”. Since then, characterising protests as racial violence and promising to “crack down” on it has become a linchpin of the Republican Party’s electoral playbook. (by The Economist)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Face Time: People in Art through the Ages. An Evolution of the Human Image

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 giugno 2020

London 2 – 23 June 2020 Online. Christie’s announces the online sale Face Time: People in Art through the Ages, a themed auction which looks at portraiture and the representation of people in art, whilst tracing the evolution of the human image from the Renaissance through to the early 20th century.Comprising 51 lots, including paintings, drawings, sculpture and portrait miniatures, works range in estimates from £600 to £40,000. The sale not only considers portraits through time, but also across cultures. From 16th Century Italian portraiture through to album depicting minorities in China, figurative art has been a method of exploring and contrasting how people have viewed themselves and others throughout history.In the West the tradition of portraiture stretches back to the sculpture of the Greek and Roman empires. With the fall of Rome centuries followed in which figurative representation, even of specific people, became more generic, and then with the Renaissance came the resurgence of the distinctive personal likeness. This shift emerged with the revival of interest in Greco-Roman culture and a greater interest in individual identity. This is the same moment that the notion of the artist as an individual also began to solidify, an idea that gave rise to a plethora of self-portraits. If the reality of the individual is one of the essential marks of European portraiture from the 15th Century through to the present, it also ‘seeks to bring out whatever the sitter has in common with the rest of humanity’, as the great art historian Erwin Panofsky wrote. Bringing together Western and Chinese figurative art at the end of the chronological scope of Face Time highlights this commonality across cultures and peoples, a hugely important notion to maintain in today’s society.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Covid-19: Vaccino sperimentale in Brasile e Sudafrica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 giugno 2020

Molte compagnie che lavorano al vaccino sperimentale contro il virus che ha messo in ginocchio il mondo intero e che ora circola con forza in Brasile e Sudafrica, sono vicine al risultato. Una in particolare, l’Irbm, che ha sede a Pomezia, ha avviato la sperimentazione di fase II e III in Inghilterra. I risultati sono promettenti e a breve si riuscira’ a capire se il vaccino funziona ed e’ in grado di sviluppare l’immunita’ necessaria nella popolazione testata. A capo del team c’e’ una donna, Stefania Di Marco, direttore scientifico di Advent (del gruppo Irbm) che ha raccontato all’agenzia di stampa Dire via Skype i risultati ottenuti con forti investimenti di denaro ma anche di notti di lavoro intense. Sforzi che, spiega, non saranno vani neanche se il virus dovesse scomparire, perche’ ci si aspetta che torni a fare capolino in autunno. – Sono state prodotte da Advent-Irbm 13mila dosi di vaccino
sperimentale contro il Covid-19. Cosa ha comportato arrivare a questi risultati in termini di investimenti economici e sforzi dei ricercatori? Inoltre e’ appena partita la fase II di sperimentazione del vaccino, qual e’ la risposta immunitaria dei soggetti testati? “Noi ricercatori di Advent abbiamo investito soprattutto molto tempo poiche’ abbiamo lavorato notte e giorno, incluse le festivita’, per produrre questo vaccino in tempi rapidissimi. L’investimento economico invece dipende dall’universita’ di Oxford, che ha stipulato il contratto con il nostro gruppo per iniziare a lavorare a questo vaccino. Per quanto riguarda poi l’efficacia adesso sono partiti gli studi di fase II e III, ovvero gli studi di efficacia dove si testera’ la capacita’ di questo vaccino. I risultati pubblicati da pochissimo dei test sui macachi hanno dimostrato che il vaccino e’ in grado di evitare l’insorgenza della polmonite negli individui vaccinati rispetto ai non vaccinati. Insomma ci sono ottimi presupposti affinche’ funzioni, ma questo lo potremo sapere tra un po’ di mesi”.
– A voler fare delle previsioni, quando potra’ essere distribuito su larga scala con il contributo dei vostri partner che sono l’universita’ di Oxford e AstraZeneca? “Per ora su come e dove verra’ distribuito il vaccino non sono in grado di dare una risposta, pero’ posso dire che noi stiamo producendo e continueremo a produrre il vaccino sperimentale per ulteriori studi clinici. AstraZeneca sta coinvolgendo inoltre tutta una serie di siti di produzione a livello mondiale per produrre su grande scala questo vaccino. Il problema sara’ proprio produrlo in milioni e miliardi di dosi. C’e’ bisogno di grandi gruppi per questo tipo di produzioni”.
– Visto che state testando in Inghilterra, le prime dosi del vaccino a quale Paese andranno? Ci sono categorie che ne beneficeranno prima rispetto alla popolazione generale?
“Gli studi clinici sono partiti in Inghilterra perche’ lo Jenner Institute e’ quello che pagato tutta la produzione del vaccino.
In ogni caso li’ vicino ad Oxford c’e’ tutta una serie di siti clinici, e poi il contagio in atto in quelle zone era molto alto. Ecco perche’ e’ stato logico partire da li’ con la sperimentazione clinica. Per quanto riguarda la distribuzione, quando saranno disponibili le prime dosi, come spesso accade, si pensa sempre a vaccinare per prime le categorie di persone piu’ esposte all’infezione, un esempio su tutti gli operatori sanitari. Ma comunque il vaccino verra’ distribuito in tutto il mondo”.
– Associare il vaccino contro il Covid-19 con quello antinfluenzale potrebbe rappresentare la scelta ottimale? “Adesso le linee guida prescrivono, tra settembre e ottobre, di vaccinare quanti piu’ soggetti possibili con il vaccino antinfluenzale. Bisognera’ poi vedere la praticabilita’ diassociare i due vaccini, in quanto vaccinare non e’ cosi’ facile. Adesso potremmo avere anche il problema di reperire per tutti le dosi di vaccino per l’influenza. Comunque, se ci fosse la possibilita’, sarebbe una buona idea associare il vaccino contro il Covid-19 a quello antinfluenzale”. (Fonte Agenzia stampa Dire)

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’emergenza sanitaria provocata dal Covid-19 non ferma il COMITES di Buenos Aires

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 giugno 2020

Approvata l’adesione della Legislatura porteña alla legge sull’immigrazione italiana. Riuscita anche la commemorazione speciale per il 2 giugno con l’obelisco in tricolore e stabilita una forte presenza in collaborazione con i voli di rimpatrio. “Con le ultime modifiche alla normativa dei COMITES saremo ancora più presenti e attivi”, afferma il Presidente Signorini a colloquio con L’eco d’Italia.Negli ultimi anni la collettività italiana a Buenos Aires sembra aver recuperato terreno nella politica locale. Questa ripresa nella rilevanza politica è cominciata ad osservarsi dalla gestione svolta soprattutto dal COMITES di Buenos Aires riguardo allo spostamento del monumento a Cristoforo Colombo, donato dalla comunità italiana nell’anno 1921. In conseguenza, ora si conferma con l’adesione alla legge che distingue l’immigrazione italiana in sede porteña. Grazie a questo rapporto diretto la Legislatura della Città ha ultimamente accompagnato diverse manifestazioni della collettività italiana.“In Legislatura abbiamo anche presentato il progetto di donazione del busto del Dott. René Favaloro da ubicare in Piazza Houssay”, racconta Signorini che ha portato avanti questa iniziativa come presidente del COMITES e di FEDIBA.Il progetto presentato a luglio dello scorso anno contempla la costruzione del busto e la donazione dalla comunità italiana alla Città di Buenos Aires. Una proposta che cerca immortalare un argentino figlio dell’immigrazione italiana con trascendenza mondiale grazie alle sue scoperte mediche, e un’opera di vita che lo ha reso una delle persone più importanti della storia contemporánea.Oltre al rapporto con la politica locale, il COMITES partecipa delle decisioni all’interno del “Sistema Italia” insieme a Consolato e l’associazionismo. “Ci sono già circa duemila i rimpatri fatti grazie alla gestione del Console Generale Marco Petacco e il Sottosegretario Ricardo Merlo con la partecipazione della Cancelleria Argentina e Migrazioni. In tutto questo c’è anche la voce e la collaborazione del COMITES”, ha spiegato Signorini. “Restano soltanto 300 italiani a Buenos Aires che non hanno potuto tornare dopo l’istituzione della quarantena nel paese. Sono stati tutti assistiti economica, sanitaria e psicologicamente”.
Mentre nel paese si discute ancora la possibilità di riprendere le sessioni nel Parlamento nazionale, il COMITES di Buenos Aires è già in funzioni nella modalità digitale. Tutti i consiglieri, compreso il Console Generale hanno partecipato della riunione plenaria svolta il giorno 8 maggio con lo scopo di dettagliare i passi avanti fatti con la collaborazione sui rimpatri di argentini e italiani. “Sin dall’inizio, il Console Generale Marco Petacco ci ha dimostrato un eccellente rapporto, raggiungibile e disposto a lavorare a nostro fianco”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Messico/Nuova frontiera per l’internazionalizzazione delle nostre imprese verso il continente americano

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 giugno 2020

“Da quando è iniziata questa pandemia sostengo che, se possiamo vedere un aspetto positivo in questo dramma, è quello di averci abituati ad un uso più opportuno delle tecnologie di cui disponiamo. Venerdì scorso ne ho avuto una ulteriore conferma quando, poco prima di collegarmi in diretta per l’Intercomites, ho potuto assistere ai lavori dell’incontro telematico “Nuove Rotte Internazionali Messico-Italia”. Il secondo appuntamento di una serie di videoconferenze organizzate da Patrizio Baroni – professionista italiano, lungamente residente in Messico – e la Associazione P&B Network, ovvero un gruppo di professionisti che ho avuto il piacere di presentare, lo scorso anno, presso la sala stampa della Camera dei Deputati e che si occupano di assistere le imprese italiane nel complesso processo di internazionalizzazione collaborando, tra l’altro, con i connazionali residenti all’estero.
L’importanza di questo appuntamento, durato tre ore e che ha visto la partecipazione di quasi settanta persone (collegate dall’Italia, dal Messico, dalla Croazia) e realizzato in collaborazione con l’Associazione Messicana dei Segretari allo Sviluppo Economico (ovvero l’Associazione che raduna tutti i Segretari di Economia dei 32 Stati Messicani), il Gruppo Economico delle Regioni del Sud/Sud Est del Messico, la Canaco Servytur di Playa del Carmen (ovvero la Camera di Commercio della nota località turistica, di cui Patrizio Baroni è Consigliere e vicepresidente onorario per le Relazioni Internazionali) oltre la Segreteria di Sviluppo Economico dello Stato del Quintana Roo, è stato quello di presentare tutte le opportunità che l’area geografica del sud del Messico presenta per le imprese italiane ed Europee, anche alla luce del nuovo accordo bilaterale, di libero scambio, che il Messico sta per sottoscrivere con l’Unione Europea.Di questo si era peraltro già parlato, prendendo in esame tutto il Paese, nel primo incontro che vedeva ospite l’Ambasciatore messicano in Italia, S.E. Carlos Garcia de Alba, il quale sottolineava, fra l’altro, l’enorme potenziale inespresso nella relazioni fra i nostri Paesi.Una videoconferenza molto concreta che, se pure a carattere generale, ha presentato agli intervenuti il volto di un Paese estremamente eterogeneo, qual’è il Messico, e che presenta, fra l’altro, molte analogie con il tessuto produttivo e sociale italiano.Mi ha vista, peraltro, totalmente in sintonia l’osservazione di Baroni quando ha sostenuto che questo Paese non va visto solo come un nuovo mercato ma, soprattutto, come un luogo dove trovare partner per dare vita ad una internazionalizzazione produttiva. L’Italia, infatti, vanta un know how unico e la capacità di creare valore aggiunto alle materie che trasforma mentre il Messico gode, per sua stessa natura, di un ampio ventaglio di materie prime.
La nuova frontiera delle crescita del nostro sistema produttivo, quindi, non è quello di ingrandire le nostre imprese (che potrebbero perdere le proprie caratteristiche di eccellenza) ma di esportare, in un paese che ci può offrire una interessante base logistica, il nostro know how e la nostra capacità imprenditoriale, ampliando così la capacità produttiva senza rinunciare alla nostra visione di piccola e media impresa. Una visione, è giusto ricordarlo, che è figlia della nostra storia e della nostra cultura sociale. Un sistema di fare impresa che si contrappone alla massificazione indotta dalla multinazionale e che, viceversa, punta sul valore della persona e difende la differenziazione del sistema sociale.Ciò che trovo altresì affascinante è che questo “sogno” può finalmente trovare il modo di far lavorare assieme gli italiani in Patria e coloro che, nel mondo, hanno incontrato la propria dimensione, anche imprenditoriale.”Lo ha dichiarato l’on.Fucsia Nissoli Fitzgerald, deputata di Forza Italia eletta nella Circoscrizione estera – Ripartizione Nord e Centro America.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

G7. Urso (FdI): governo sostenga proposta Trump su allargamento

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 giugno 2020

“Mi auguro che il governo sostenga senza ambiguità la proposta di Trump di estendere la riunione del G7 a Russia, India, Corea del Sud e Australia malgrado la riluttanza della Merkel e la ostilità della Cina. È questa la strada giusta per riprendere il dialogo con la Russia, che proprio l’Italia indicò nel vertice Nato di Pratica di mare, e arginare l’offensiva della Cina”. È quanto scrive il senatore di Fratelli d’Italia, Adolfo Urso su Twitter aggiungendo che “l’incontro, anche se rinviato a settembre, rappresenterebbe in ogni caso un punto di svolta negli equilibri internazionali tanto più importante per i nostri interessi nazionali”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dal 2 giugno riapertura di tutti i Musei Civici di Roma

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 giugno 2020

Roma Dal 2 giugno riaprono al pubblico tutti gli spazi del Sistema Musei in Comune di Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Dopo la ripresa delle attività dei Musei Capitolini e del Museo di Roma a Palazzo Braschi, lo scorso 19 maggio, riaprono anche Museo dell’Ara Pacis, Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali, Centrale Montemartini, Museo di Roma in Trastevere, Galleria d’Arte Moderna, Musei di Villa Torlonia, Museo Civico di Zoologia, Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese, Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco, Museo Napoleonico, Museo Pietro Canonica, Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina, Museo di Casal de’ Pazzi, Museo delle Mura. Dalla stessa data, saranno nuovamente visitabili le aree archeologiche dei Fori Imperiali (ingresso dalla Colonna Traiana e uscita dal Foro di Cesare su Via dei Fori Imperiali), dalle 08.30 alle 19.15 (ultimo ingresso 18.15), e del Circo Massimo (a esclusione di Circo Maximo Experience), dalle 9.30 alle 19.00 (ultimo ingresso 18.00).
Sarà possibile prenotare l’ingresso e la fascia oraria al numero 060608 oppure online sul sito http://www.museiincomuneroma.it. Per i possessori della MIC card la prenotazione allo 060608 è obbligatoria e gratuita.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

CRI riparte con un nuovo format e l’apertura delle storiche sedi di Magic Escape

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 giugno 2020

Grande successo per Escape Home, la versione digitale della classica Escape Room, ideata dall’imprenditore Flavio Iacobini, che bissa con l’apertura di una nuova “stanza virtuale” e ed annuncia la riapertura delle storiche stanze di fuga “Magic Escape” in via Bolzano e via Veio a Roma. L’Escape Home, proposta durante il periodo di Pandemia, con lo scopo di offrire a tutti l’opportunità di allentare la tensione provocata dal Covid -19, ed “uscire” almeno con la mente tramite il proprio smartphone, il tablet o il pc di casa, ha vinto la sua sfida e consentito anche di sostenere un progetto della Croce Rossa Italiana – Comitato Area Metropolitana di Roma e provincia, schierata in prima linea con tutti i suoi operatori e volontari per fornire un servizio h24 al prossimo, ma anche di aiutare le associazioni Arca – Colonia Felina Gatti della Piramide di Roma e Gaia Animali Ambiente di Milano. Formula vincente non si cambia ed ecco in arrivo una nuova Escape digitale ma con un tema completamente diverso, “Videocall Complotto”, dedicata proprio ad un virus che rischia di decimare la popolazione. Per salvarla occorre recuperare un vaccino, calarsi nel ruolo di investigatori, e partire all’avventura stando seduti comodamente sul proprio divano.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Catastrofi naturali: 279 milioni di euro per Austria, Italia, Portogallo, Spagna

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 giugno 2020

La commissione europea bilanci ha approvato 279 milioni di euro in aiuti UE a seguito degli eventi meteorologici estremi avvenuti in Austria, Italia, Portogallo e Spagna nel 2019.Il progetto di relazione redatto da José Manuel Fernandes, (PPE, PT), in cui si raccomanda l’approvazione degli aiuti, è stato approvato con 38 voti favorevoli, nessun contrario e nessuna astensione.
I 279 milioni di euro del Fondo di solidarietà dell’Unione europea (FSUE) saranno ripartiti come segue:
211,7 milioni di euro per la maggior parte del territorio italiano colpito, tra ottobre e novembre 2019, da una serie di eventi meteorologici estremi collegati, che hanno provocato gravi danni e sono culminati nella disastrosa alluvione di Venezia;
8,2 milioni di euro per l’uragano Lorenzo che ha colpito le Azzorre (Portogallo) nell’ottobre 2019;
56,7 milioni di euro per un raro fenomeno meteorologico descritto come “depressione isolata ad alta quota” che ha colpito quattro regioni del sud-est della Spagna nel settembre 2019 provocando inondazioni;
2,3 milioni di euro per le gravi inondazioni subite a novembre 2019 nel sud-ovest dell’Austria, in particolare in Carinzia e nel Tirolo orientale, aree alpine entrambe confinanti con l’Italia.
Il Parlamento europeo deve ancora approvare in Plenaria la proposta di assistenza del Fondo di solidarietà dell’UE a Portogallo, Spagna, Italia e Austria a giugno. Una volta approvato da Parlamento e Consiglio, l’aiuto finanziario potrà essere erogato.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Le Biblioteche di Roma ripartono

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 giugno 2020

La fase post lockdown vuole essere l’occasione per il sistema bibliotecario capitolino di avviare un processo di rinnovamento, rafforzando le relazioni con le realtà culturali del territorio e offrendo il proprio sostegno solidale. Le Biblioteche di Roma, per offrire un contributo concreto, inizieranno presto a fare acquisti diretti dalle librerie indipendenti e di quartiere, nella convinzione che solo un’ottica di comunità può far superare i momenti di crisi. L’emergenza sanitaria ha messo in evidenza, infatti, quanto sia importante il sentirsi parte integrante di una rete. E’ questa la base della ripartenza, la creazione di una compagine territoriale che ponga al centro della riflessione il valore sociale della lettura come agente di cambiamento e di rinascita. “L’unico aspetto positivo delle crisi – sottolinea il Presidente delle Biblioteche di Roma Paolo Fallai – si ha quando rappresentano un’occasione. Per le biblioteche di Roma ripartire vuol dire sostenere tutta la filiera del libro, dagli autori, agli editori ai librai e privilegiare il rapporto diretto sul territorio. Contro ogni logica burocratica ed economicista. La ricchezza della cultura non si misura in denaro, ma in indipendenza e consapevolezza. Per questo siamo e saremo sempre – assicura – al fianco dei più svantaggiati”.
Accanto all’impegno solidale, si conferma la volontà di mantenere tutte le opportunità online, significativamente potenziate in questi ultimi mesi. Tra le iniziative digital del weekend si segnala, nell’ambito del Maggio dei Libri, il consueto doppio “Appuntamento con la scienza” sabato 30 maggio in diretta Facebook sulla pagina di Biblioteche di Roma. Alle ore 11.00 nell’incontro “Come nasce la matematica”, in collaborazione con il CNR, si cercherà di spiegare da dove viene la matematica e come si sviluppa nei bambini il senso dei numeri. Ne parlerà l’autrice di fumetti Sara Menetti, che sta lavorando ad un progetto su questi temi per la rivista Archimede, con la matematica Laura Branchetti, studiosa delle problematiche legate alla didattica. Moderano Roberto Natalini e Andrea Plazzi, entrambi matematici e responsabili della collana Comics&Science di CNR Edizioni.
Al centro dell’appuntamento delle ore 12.00 è invece “Nathan Never. Stazione Spaziale Internazionale”, scritto da Bepi Vigna con i disegni di Sergio Giardo e i colori di Romina Denti. L’albo, che segna l’incontro tra Nathan Never e Luca Parmitano – tanto che la sua copertina è stata in orbita con l’astronauta italiano nella missione Beyond -, è lo straordinario risultato della collaborazione tra Agenzia Spaziale Italiana-ASI, Agenzia Spaziale Europea-ESA e Sergio Bonelli Editore. Interverranno Luca Del Savio redattore capo centrale della Sergio Bonelli Editore, e Francesco Rea, responsabile Relazioni Esterne dell’Agenzia Spaziale Italiana.
Iniziative anche per i più piccoli con l’incontro “Poeti in classe” in diretta sulla pagina Facebook della Biblioteca Centrale Ragazzi venerdì 29 maggio alle ore 15.00. L’insegnante Monica Smoljko della Scuola Primaria Crispi di Roma, I.C. Largo Oriani, racconterà l’esperienza che ha portato alla nascita di un libro di poesie scritte dai bambini della sua classe. All’incontro parteciperà anche Eleonora Lo Nigro di Rapsodia edizioni. La Biblioteca Europea sabato propone invece sulla propria pagina Facebook un nuovo appuntamento con “Jukebox letterario”, percorso di libere associazioni con l’abbinamento di un libro a una canzone, e “Chi l’ha scritto?”, gioco online che invita i lettori a risolvere un enigma scoprendo un autore da un indizio.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Lombardia: Migliorare la qualità del coordinamento tra Governo e Regioni

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 giugno 2020

Lombardia ritiene urgente un incremento dell’intensità e della qualità del coordinamento istituzionale, il più possibile scevro dai pur fisiologici riflessi della battaglia politica, tra Governo e Regioni, specialmente in materia di regole per il contenimento dei contagi nella gestione delle riaperture e di monitoraggio dell’andamento epidemiologico. “Certe incomprensioni” afferma Stefano Binda, Segretario generale CNA Lombardia, “danneggiano tutti e lacerano la fiducia necessaria alla ripartenza”.Il Presidente di CNA Lombardia, Daniele Parolo, avanza invece un elemento di seria preoccupazione: “Un prolungamento del divieto di spostamento tra Regioni, specie se a carico della sola Lombardia, rischierebbe seriamente di compromettere la reputazione del territorio, la sua attrattività, le sue chances di un rilancio a breve termine, con gravissimi danni all’economia del Paese e ai complessivi equilibri contabili italiani, anche alla luce del gettito erariale proveniente dalla locomotiva lombarda”

Il Governo, chiede CNA Lombardia, deve fidarsi dei lombardi. E sempre sul tema della fiducia tra Stato ed imprese, e sulla fiducia come fattore di rilancio, appare incentrata un’altra preoccupazione molto forte del Presidente degli artigiani lombardi: “E’ indispensabile un chiarimento definitivo sul tema del contagio da Covid 19 e le responsabilità datoriali, eventualmente penali. L’incertezza e i timori suscitati dalla classificazione del contagio da Covid 19 come infortunio sul lavoro rappresenta un vulnus fortissimo alla fiducia dei nostri imprenditori, che dopo una sospensione prolungata delle attività vivono questa fase con uno sforzo eroico ma con il bisogno di una forte iniezione di fiducia. Se lo Stato chiede alle piccole imprese di fidarsi delle istituzioni, le istituzioni dimostrino la propria fiducia nelle imprese. Al netto dei primi, rassicuranti chiarimenti, resta inaggirabile, vista tale classificazione, che in ogni caso il datore di lavoro si troverebbe molto probabilmente coinvolto in vicende processuali comunque costose in termini temporali, economici, psicologici.”

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Per un nuovo partenariato tra l’UE e il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord.

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 giugno 2020

L’industria marittima europea manifesta apprezzamento per il parere adottato il 28 maggio dalla Commissione TRAN del Parlamento Europeo, che sarà incluso nelle raccomandazioni finali del PE, che saranno votate a giugno, sui negoziati per un nuovo partenariato tra l’UE e il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord.Tuttavia, ECSA sottolinea l’esigenza di compiere urgentemente progressi nei negoziati al fine di consentire una transizione graduale nella catena di approvvigionamento.Il testo sottolinea inoltre la necessità di un accesso reciproco e paritario al mercato per i servizi di trasporto marittimo internazionale, nonché di cabotaggio e del settore offshore. Secondo l’ECSA, ciò è molto importante e contribuirà a sostenere l’interdipendenza commerciale e energetica sia dell’UE che del Regno Unito.”A più lungo termine, l’ECSA sottolinea l’esigenza per l’UE e il Regno Unito di mantenere condizioni paritarie per le industrie e si compiace di vedere che tale aspetto viene riconosciuto nel parere TRAN, “Ha continuato Dorsman.Lo shipping è un’attività globale che richiede regole globali e standard comuni. Qualsiasi regionalizzazione è dannosa per il funzionamento regolare, sicuro ed efficiente delle operazioni di navigazione, compreso il movimento dei marittimi e del personale di terra.L’ECSA sostiene pertanto il parere della TRAN che richiede al futuro partenariato di prevedere un approccio comune per quanto riguarda il quadro politico globale dell’IMO, dell’OCSE, dell’ILO e dell’OMC.L’ECSA ritiene che evitare divergenze nella regolamentazione in materia di affari marittimi debba essere riconosciuto come principio guida.Data l’urgenza imposta dalla prossima scadenza, l’ECSA spera – e incoraggia fortemente – che i negoziati procedano rapidamente.L’ECSA avverte inoltre che una transizione graduale non può avvenire fintanto che non vi sia certezza e chiarezza sui termini dei futuri rapporti.Le compagnie di navigazione sono solo una parte dell’intera catena di approvvigionamento e si affidano alla preparazione e alla prontezza di altri, comprese le autorità dell’UE e del Regno Unito.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Incendio in un campo della Nigeria orientale: morte due persone e a migliaia rimaste senza riparo

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 giugno 2020

L’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, e i partner umanitari stanno intensificando l’assistenza a favore di quasi 4.000 sfollati che hanno perso tutti i propri averi in un incendio di vaste dimensioni diffusosi rapidamente in un insediamento di Maiduguri, Stato di Borno, nella Nigeria orientale.Le fiamme hanno provocato la morte di due persone e distrutto gli alloggi di centinaia di famiglie.L’incendio è scoppiato alla vigilia della festa musulmana dell’Eid-al-Fitr, che celebra la fine del Ramadan, presso un insediamento informale che attualmente accoglie circa 40.000 sfollati interni. Le fiamme si sono diffuse a partire da un fuoco acceso per cucinare, alimentando un incendio che ha rapidamente avvolto gli alloggi di tutto il campo. Gli alloggi sono stati rasi al suolo danneggiando altre strutture.
Sono quasi 300.000 gli sfollati sparsi all’interno e al di fuori di Maiduguri, capitale dello Stato di Borno, tra insediamenti organizzati e alloggi di fortuna. Negli ultimi mesi, in diverse aree della Nigeria nordorientale sono scoppiati numerosi incendi all’interno di campi sovraffollati nei quali gli alloggi sono troppo vicini l’uno all’altro per garantire condizioni di sicurezza.L’UNHCR sta lavorando con autorità, agenzie umanitarie e partner locali per assicurare l’assegnazione di alloggi e beni di prima necessità, dal momento che, ancora una volta, le persone colpite sono dovute fuggire all’interno e all’esterno del campo. Molti, compresi bambini piccoli, attualmente vivono all’aperto e necessitano con urgenza di alloggio, cibo e vestiti.Circa 2,5 milioni di persone sono sfollati nella regione del Lago Ciad, dei quali 1,8 milioni in Nigeria e i restanti in Camerun e Ciad. A causa delle continue violenze perpetrate da Boko Haram e da altri gruppi armati, ulteriori migliaia di persone sono costrette a fuggire quotidianamente per mettersi in salvo. Giovani ragazze, donne anziane e operatori umanitari continuano a pagare il prezzo più caro per l’acuirsi delle violenze. In una fase in cui le violenze sono in aumento, la minaccia di diffusione del COVID19 espone a nuovi rischi gli sfollati interni che vivono in campi e insediamenti sovraffollati nei quali è impossibile praticare distanziamento sociale. In risposta all’emergenza, l’UNHCR sta lavorando col Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) per ampliare l’estensione di numerosi campi e costruire alloggi ulteriori.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’arrivo dell’inverno nell’emisfero australe aggrava la condizione dei venezuelani in fuga

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 giugno 2020

Quando l’inverno è ormai alle porte, e l’America Latina emerge come nuovo epicentro della pandemia da COVID-19, l’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, avverte del peggioramento delle condizioni di vita dei venezuelani presenti nella regione meridionale del continente.Oltre ai rischi per la salute, le misure di isolamento e confinamento imposte dalla diffusione del COVID-19 hanno già determinato l’aggravarsi delle condizioni di vita di rifugiati e migranti venezuelani. Molti hanno perso i propri mezzi di sostentamento e devono far fronte a povertà, privazioni, sfratti, fame e assenza di sicurezza alimentare, nonché crescenti rischi legati alla propria tutela.
In una fase in cui le capacità di risposta nazionali sono vicine al collasso, anche l’accesso ai servizi sanitari pubblici e a cure mediche tempestive costituisce una criticità, specialmente per coloro che vivono in una condizione di irregolarità.L’UNHCR esprime preoccupazione in merito al fatto che la condizione di precarietà di queste persone potrebbe ora peggiorare con l’arrivo dell’inverno e il conseguente calo delle temperature in Argentina, Bolivia, Cile, Paraguay, Perù e Uruguay, che, in totale, accolgono oltre 1,5 milioni di venezuelani.Dato l’avvicinarsi del clima freddo, l’UNHCR si sta preparando a fronteggiare l’aggravarsi della crisi. La stagione invernale farà aumentare considerevolmente la richiesta di assistenza umanitaria e medica, anche per rispondere ad altri tipi di malattie respiratorie, come l’influenza.L’UNHCR prevede un aumento del numero di persone che necessiteranno di alloggi d’emergenza e di articoli per l’inverno quali coperte, indumenti pesanti, farmaci e carburanti per riscaldare le abitazioni.Per molti rifugiati e migranti venezuelani vulnerabili in condizioni abitative precarie, a rischio di restare senza dimora e vivere in strada, vi è già urgente bisogno di alloggi, cibo, kit igienici e assistenza in denaro.L’UNHCR sta intensificando le misure di risposta per fronteggiare questa doppia sfida. Insieme ai partner, l’Agenzia sta continuando ad assicurare alloggi di emergenza, sussidi per gli affitti, e altri aiuti materiali. Inoltre, sta rafforzando i partenariati in ambito umanitario per poter garantire che i rifugiati in condizioni vulnerabili possano accedere all’assistenza sanitaria di base.
Nella regione meridionale del continente, inoltre, l’UNHCR sta assicurando assistenza in denaro contante volta a consentire a rifugiati e migranti di soddisfare in via prioritaria le esigenze più urgenti.In Cile, quasi 790 famiglie venezuelane hanno già ricevuto voucher multiuso virtuali che consentono di acquistare prodotti quali vestiti, carburanti o pasti caldi, nei negozi e nei supermercati locali.In Perù, dove in inverno si verificano piogge torrenziali e nevicate, l’UNHCR assicura assistenza in via prioritaria in regioni come quella di Cusco, situata a 3.400 metri sul livello del mare e caratterizzata da temperature che possono precipitare ben al di sotto dello zero.Ad oggi, sono stati distribuiti più di 2.000 kit di emergenza e 4.700 coperte a beneficio di venezuelani vulnerabili e comunità di accoglienza, mentre per quanti sono più a rischio continuano a essere erogati trasferimenti di denaro.È previsto un piano di assistenza invernale anche per gli sfollati venezuelani vulnerabili presenti in Argentina, Uruguay e Bolivia, dal momento che nelle prossime settimane la regione sarà colpita da temperature rigide.L’UNHCR accoglie con favore gli impegni assunti martedì in occasione della Conferenza internazionale virtuale dei donatori per i rifugiati e i migranti venezuelani. I donatori presenti hanno impegnato 2,79 miliardi di dollari da destinare all’assistenza di rifugiati, migranti e comunità di accoglienza dei Paesi della regione in cui i venezuelani hanno trovato sicurezza, assistenza sanitaria e occupazione.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Federazione Russa ignora ripetutamente i diritti dei popoli indigeni

Posted by fidest press agency su domenica, 31 maggio 2020

I popoli indigeni cercano di proteggere la loro terra dalla distruzione ambientale causata dalla ricerca e dall’estrazione di materie prime. Questa è una spina nel fianco dei servizi segreti russi: in un’intervista all’agenzia di stampa TASS, il vicecapo dei servizi segreti, il generale Vladimir Kulishov, si è lamentato ieri dei “sostenitori stranieri” dei popoli indigeni e dei ricercatori polari. L’accusa che ogni protesta contro il governo russo sia controllata da agenti stranieri è un classico della propaganda di Putin. I popoli indigeni della Russia hanno tutto il diritto di difendere il loro territorio e il loro stile di vita contro gliinteressi di sfruttamento delle industrie estrattive. Kulishov è a capo delle autorità di controllo delle frontiere e della guardia costiera, che sono sotto il controllo dei servizi segreti FSB. Nella fase finale della seconda guerra cecena, combattuta dal 1999 al 2009, è stato a capo del FSB in Cecenia (2006-2008). È accusato di innumerevoli crimini contro la popolazione civile. Nell’agosto 2008 è diventato vicedirettore dell’FSB per tutta la Russia e vicepresidente del Comitato nazionale antiterrorismo. Dal 2013 è responsabile della guardia costiera e della sorveglianza delle frontiere. Ha già ricevuto diverse medaglie militari per il suo lavoro. Ha il grado di generale dell’esercito perché l’FSB è affiliato all’esercito. Le organizzazioni non governative in Russia, che ricevono donazionidall’estero, devono registrarsi come “Agenti stranieri” dal 2012. Da allora la legge in materia è stata più volte inasprita. Per le organizzazioni interessate, la registrazione comporta una notevole limitazione delle loro attività. Fare completamente a meno delle donazioni dall’estero di solito non è un’opzione, tanto che molte organizzazioni hanno dovuto chiudere.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coronavirus: Lombardia, Liguria e Piemonte non sono pronte alla riapertura

Posted by fidest press agency su domenica, 31 maggio 2020

Secondo quanto previsto dal DL 33/2020, dal 3 giugno saranno nuovamente autorizzati i movimenti di persone tra le Regioni italiane. Non tutte, però, potrebbero avere il via libera o le stesse modalità: domani il Ministro della Salute Speranza valuterà il monitoraggio dei dati del contagio da parte dell’Istituto Superiore di Sanità, i cui risultati saranno decisivi per formalizzare la decisione sulla ripresa della mobilità interregionale.Tra le istituzioni, le forze di maggioranza e sindaci e governatori (in particolare del Sud) sembra prevalere un senso comune di massima cautela, nonostante il trend positivo dei dati. «Anche nella settimana 21-27 maggio, infatti – afferma Nino Cartabellotta, Presidente della Fondazione GIMBE – il nostro monitoraggio indipendente conferma sia la costante riduzione del carico su ospedali e terapie intensive, sia il rallentamento di contagi e decessi».
Tenendo conto delle notevoli eterogeneità regionali nell’esecuzione dei tamponi, della limitata affidabilità dell’indice Rt, per informare la possibile riapertura dei confini regionali la Fondazione GIMBE ha condotto un’analisi indipendente relativa alla fase 2 nelle varie Regioni utilizzando due indicatori parametrati alla popolazione residente: l’incidenza di nuovi casi e il numero di tamponi “diagnostici”, escludendo quelli eseguiti per confermare la guarigione virologica o per necessità di ripetere il test.
Percentuale di tamponi diagnostici positivi. Risulta superiore alla media nazionale (2,4%) in 5 Regioni: in maniera rilevante in Lombardia (6%) e Liguria (5,8%) e in misura minore in Piemonte (3,8%) Puglia (3,7%) ed Emilia-Romagna (2,7%).
Tamponi diagnostici per 100.000 abitanti Rispetto alla media nazionale (1.343), svettano solo Valle d’Aosta (4.076) e Provincia Autonoma di Trento (4.038). Nelle tre Regioni ad elevata incidenza dei nuovi casi, la propensione all’esecuzione di tamponi rimane poco al di sopra della media nazionale sia in Piemonte (1.675) che in Lombardia (1.608), mentre in Liguria (1.319) si attesta poco al di sotto.
Incidenza di nuovi casi per 100.000 abitanti: rispetto alla media nazionale (32), l’incidenza è nettamente superiore in Lombardia (96), Liguria (76) e Piemonte (63). Se il dato del Molise (44) non desta preoccupazioni perché legato a un recente focolaio già identificato e circoscritto, quello dell’Emilia-Romagna (33) potrebbe essere sottostimato dal numero di tamponi diagnostici (1.202 per 100.000 abitanti) ben al di sotto della media nazionale (1.343) Si sottolinea che i dati analizzati riflettono quasi interamente le riaperture del 4 maggio, ma non quelle molto più ampie del 18 maggio che potranno essere valutate nel periodo 1-14 giugno, tenendo conto di una media di 5 giorni di incubazione del virus e di 9-10 giorni per ottenere i risultati del tampone. A 23 giorni dall’allentamento del lockdown, dunque, la Fondazione GIMBE dimostra che la curva del contagio non è adeguatamente sotto controllo in Lombardia, Liguria e Piemonte: in queste Regioni si rileva la percentuale più elevata di tamponi diagnostici positivi, il maggior incremento di nuovi casi, a fronte di una limitata attitudine all’esecuzione di tamponi diagnostici. In Emilia-Romagna, una propensione ancora minore potrebbe distorcere al ribasso il numero dei nuovi casi.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Le città e le regioni hanno bisogno di finanziamenti diretti dell’UE per un patto sul clima

Posted by fidest press agency su domenica, 31 maggio 2020

Nell’intervista che segue Rafał Trzaskowski, sindaco di Varsavia e candidato Presidente della Polonia, condivide le sue opinioni in merito al patto europeo per il clima , l’iniziativa della Commissione europea volta a promuovere l’impegno dei cittadini per il Green Deal europeo e il percorso verso la neutralità climatica. Un questionario al riguardo è attualmente compilabile nel quadro dello studio del CdR sul tema “Rafforzare la capacità degli enti regionali e locali di attuare il Green Deal: uno strumentario per il patto per il clima”.Mi sembra evidente e molto semplice: senza le comunità locali, l’ambizioso obiettivo della neutralità climatica stabilito dal Green Deal europeo non potrà mai realizzarsi. Siamo noi ad attuare il 70 % di tutta la legislazione dell’UE, e rappresentiamo un terzo della spesa pubblica e due terzi degli investimenti pubblici nell’UE. Per quanto riguarda i cambiamenti climatici, siamo responsabili dell’attuazione del 90 % delle misure di adattamento e del 70 % delle azioni di mitigazione. È quindi evidente che il nostro ruolo e il nostro impegno sono fondamentali. Per realizzare la neutralità climatica occorre il contributo di tutti: dei governi nazionali, degli enti locali e regionali e, più importante di tutti, dei cittadini. Essi devono capire perché valga la pena compiere questo sforzo, percepire chiaramente i benefici che la transizione climatica può apportare alla loro salute, al loro benessere e anche al loro portafoglio. A tale proposito, considero che gli enti locali abbiano un ruolo speciale: siamo i più vicini ai cittadini e rappresentiamo il livello di amministrazione nel quale essi nutrono maggiore fiducia. Per questo sostengo e incoraggio una stretta collaborazione tra la Commissione europea e il Comitato europeo delle regioni al fine di realizzare il nostro obiettivo comune, ossia rendere l’UE climaticamente neutra.Ritengo che oggi sia ancora più importante di quanto non fosse prima della pandemia di Covid-19. Ancora una volta, la pandemia ha dimostrato come i governi locali siano fondamentali, poiché combattono in prima linea e rispondono direttamente alle esigenze e alle paure dei cittadini. Nel contesto del Green Deal, gli enti locali e regionali devono essere dotati di una serie concreta di strumenti che consentano loro di operare un autentico cambiamento sul terreno, un cambiamento di cui le persone possano effettivamente rendersi conto. In caso contrario, l’idea di neutralità climatica rimarrà solo una promessa, e neppure molto popolare, a maggior ragione con la crisi economica che ci attende. Ci troviamo oggi dinnanzi ad un bivio, ed è importante prendere le giuste decisioni, orientandoci verso un’economia più sostenibile per le persone e che sia incentrata proprio su di loro.Innanzitutto, sto cercando di comprendere come la pandemia abbia cambiato la percezione della politica climatica nelle comunità locali. Per quelle che la consideravano una priorità, rimarrà tale? Dobbiamo essere consapevoli che la pandemia e le perturbazioni economiche che ne derivano colpiscono gravemente le comunità locali. Gli enti locali e regionali, come Varsavia, hanno già subito un enorme calo delle entrate nei rispettivi bilanci. Saranno ancora pronti a investire in una transizione verde, oppure – come sembra più appropriato dire oggi – in una ripresa verde? Vorrei sapere con precisione di che cosa abbiano bisogno per intraprendere questo percorso.A causa della pandemia, le nostre società ed economie si trovano oggi in un territorio inesplorato. Personalmente, ritengo che l’unica via percorribile sia una ripresa fondata sulla forza e sulle opportunità offerte dall’Unione europea. Tuttavia, temo che vi siano altre voci che sostengono il contrario. Suggerirei quindi alla Commissione europea di imparare la lezione e di restare il più vicino possibile ai cittadini. La Commissione europea può contare su forti alleati tra di noi, governi locali e regionali. Siamo disposti a contribuire alla realizzazione degli obiettivi che condividiamo, tra cui la neutralità climatica. Insisto: siamo impegnati a sostenere una ripresa verde, ma se vogliamo realizzarla abbiamo bisogno di risorse finanziarie adeguate per accelerare il processo. Le città di tutta l’UE, come Varsavia, dovrebbero ricevere finanziamenti diretti dell’Unione, poiché noi sappiamo dove e come utilizzarli in modo efficiente, affinché i cittadini possano vedere chiaramente i risultati di tali investimenti nella loro vita quotidiana.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Presidente Tzitzikostas: il bilancio dell’UE e il piano di rilancio dell’economia proteggono le regioni

Posted by fidest press agency su domenica, 31 maggio 2020

Commentando il QFP dell’UE e il piano di rilancio proposti dalla Commissione europea, il Presidente del Comitato europeo delle regioni, Apostolos Tzitzikostas, ha dichiarato: “Il nuovo bilancio dell’UE del valore di 1 100 miliardi di EUR e il piano di rilancio dell’economia da 750 miliardi di EUR sono incentrati sulla sicurezza, sul rilancio dell’economia e sulla resilienza delle regioni, delle città e dei piccoli comuni di tutta Europa e comprendono gli elementi chiave richiesti dal Comitato europeo delle regioni. Essi forniscono inoltre una chiara risposta ai populisti e agli euroscettici, dimostrando il valore aggiunto dell’Unione europea in un momento difficile come quello attuale. Esorto gli Stati membri dell’UE e il Parlamento europeo a esaminare e adottare in tempi rapidi le proposte presentate oggi dalla Presidente Ursula von der Leyen”.”Come chiesto dal Comitato europeo delle regioni, il nuovo progetto di bilancio dell’UE comprende un fondo europeo per la ripresa di almeno 500 miliardi di EUR sotto forma di finanziamenti a fondo perduto. Istituisce un nuovo programma in materia di sanità pubblica che riunisce tutti i livelli di governo – UE, nazionale e regionale – per migliorare i servizi e le strutture sanitarie in tutto il continente. La proposta rinvigorisce la politica di coesione dell’UE, con uno stanziamento di oltre 373 miliardi di EUR, rafforza lo sviluppo rurale investendo 90 miliardi di EUR e dà impulso alla transizione giusta con un fondo da 40 miliardi di EUR. In linea con le nostre richieste, i piani della Commissione forniscono anche risposte importanti per settori vitali come il turismo, la cultura e le PMI “, ha aggiunto il Presidente Tzitzikostas.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

European parliament: The week ahead 01 – 07 June 2020

Posted by fidest press agency su domenica, 31 maggio 2020

Brussels Committee meetings.COVID-19/Schengen internal checks. A resolution on the situation of the Schengen area following the COVID-19 outbreak will be voted on by the Civil Liberties Committee. During a debate held on 12 May, MEPs emphasised that the temporary checks on Schengen borders need to be lifted in a coordinated manner as soon as conditions allow (Thursday).
New EU long-term budget/Agriculture. The Agriculture Committee will debate the revised MFF proposal and its impact on EU farm policy funding with Budget Commissioner Johannes Hahn. MEPs have repeatedly insisted that only adequately-funded EU farm policy can deliver food security and at the same time take on board the EU Green Deal (Tuesday).
COVID-19/Digital surveillance. The use of digital surveillance in the context of the COVID-19 pandemic and its implications for human rights will be debated by the Human Rights Subcommittee (Friday).
Roma Integration Strategies. The implementation of National Roma Integration Strategies will be debated by the Civil Liberties Committee with Equality Commissioner Helena Dalli and EU Agency for Fundamental Rights (FRA) Executive Director Michael O’Flaherty. These strategies aim at combating negative attitudes towards people of Romani background in Europe and facilitate their integration (Thursday).
President’s diary. EP President David Sassoli will meet, via videoconference, Parliament’s Contact Group on the MFF to discuss the upcoming talks on the new long-term budget, on Tuesday. The President will have a bilateral meeting, also via videoconference, with the Italian Prime Minister Giuseppe Conte as well as a phone call with the Speaker of Ukraine’s Parliament (Verkhovna Rada) Dmytro Razumkov, on Wednesday. On Thursday, President Sassoli will deliver a speech on NEF Online, the online debate platform of the Nueva Economía Forum.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »