Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 15

Archive for the ‘Roma/about Rome’ Category

about Rome

Incontro con lo scrittore ungherese László Darvasi

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 gennaio 2020

Roma Giovedì 23 gennaio p.v. alle ore 18.00 presso la Biblioteca dell’Accademia d’Ungheria in Roma (Palazzo Falconieri – Via Giulia, 1) si terrà l’incontro con lo scrittore ungherese László Darvasi, in occasione della pubblicazione in italiano di una sua raccolta di racconti brevi (Isten. Haza. Csal) dal titolo Mattina d’inverno con cadavere (Il Saggiatore, 2019 – traduzione a cura di Dóra Várnai). László Darvasi è un poeta, romanziere e giornalista ungherese. Scrive per la rivista “Élet és Irodalom” («Vita e letteratura») e ha avuto svariati riconoscimenti, tra cui il premio Sándor Márai nel 2008. Dal 2011 è membro dell’Accademia Letteraria Digitale, l’archivio online dei più importanti scrittori moderni e contemporanei ungheresi. È uno degli autori più importanti del panorama letterario ungherese contemporaneo.”Mattina d’inverno con cadavere” è l’opera con cui László Darvasi si presenta in Italia: una raccolta di racconti legati da fili invisibili eppure tenacissimi, in cui il realismo magico di Kafka e la melancolia di Krasznahorkai rinascono sotto l’infausta e sempiterna stella polare della putredine quotidiana. Darvasi fa sua la lezione dei maestri mitteleuropei e pone il lettore di fronte a un male che non ha forma né volto né contorno, a un orrore che non può essere separato dalla banalità di una giornata qualsiasi, a un ingranaggio di noia e odio dell’umanità verso se stessa che nessuno strumento può disinnescare Dialoga con l’autore: Cinzia Franchi
L’evento viene organizzato nell’ambito del progetto “Europa in circolo. Incontri con scrittori europei contemporanei”, ideato dall’Associazione degli istituti culturali europei (EUNIC) e giunto quest’anno alla sua seconda edizione.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Margareth Dorigatti: Signa sunt

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 gennaio 2020

Roma Inaugurazione giovedì 30 gennaio 2020 ore 18 Via di Monserrato 30 (30 gennaio – 28 marzo 2020) della mostra dal titolo SIGNA SUNT con l’ultima produzione pittorica di Margareth Dorigatti, invitata a partecipare dalla curatrice Daina Maja Titonel al ciclo di mostre che la galleria dedica annualmente a tematiche legate al mondo dell’Astrologia.Se nelle precedenti esposizioni “Luna/Mond” (2016) e “DEI Colori/Giorni” (2018) la Dorigatti aveva presentato gli esiti pittorici di una ricerca legata agli astri e ai colori dei giorni, in “Signa sunt” l’artista si concentra sui dodici segni zodiacali.Si tratta di un’affascinante occasione per scavare nel dialogo tra lo spazio percettivo, le vibrazioni della materia e l’energia che ne scaturisce. Dai tempi remoti ai giorni nostri, tali sono gli elementi che contribuiscono all’essenza del racconto di ogni segno e nelle opere della Dorigatti si percepisce la viva pulsazione che deriva dall’unione di bellezza, fantasia astrale, elementi chimici e psicologici abbinati ai singoli segni. Esse trascendono l’astrazione e vanno oltre il peso e le frequenze degli elementi stessi e in tal senso agiscono su chi le guarda.In merito a questo lavoro osserva l’artista: “Fedele all’individualismo goethiano che nella sua Teoria dei colori si contrappone fortemente ad una visione puramente scientifica della percezione, mi preme studiare partendo dall’osservazione diretta, là dove individuo fonti di ispirazione, in questo caso gli astri ma anche e soprattutto la mia città: Roma. Cammino guardando in cielo, per terra, l’architettura e la natura presenti ovunque, in mezzo alle persone. Prendo i mezzi pubblici dove imparo molte cose, le quali, insieme a duemilasettecento anni di Storia, entrano ermeticamente nei miei quadri. Tuttavia, da pittrice è inevitabile muovermi anche nei meandri del misticismo e della fantasia, anch’essi parte integrante dell’essenza umana, quest’ultima influenzata da molte energie, alcune misteriose come le stelle.Tendenzialmente anche i colori con le loro caratteristiche sono associati ai quattro elementi terra, acqua, fuoco e aria, percepibili non solo attraverso la vista. Gli studi di Cromatologia mi hanno insegnato che questi non hanno solo frequenze e pesi specifici, ma possono agire più o meno fortemente sugli umori e sulla salute di chi li percepisce, e strada facendo sono stati gli stessi segni dello Zodiaco con i loro simboli ad attirare oppure a scartare i colori che orientativamente avevo pensato. Il vero luogo natio è quello dove per la prima volta si è posato uno sguardo sognante: la mia prima patria sono state le stelle.” L’autrice nasce a Bolzano nel 1954. Nel 1973 studia all’Accademia di Belle Arti di Venezia con Emilio Vedova.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma Multiservizi: Tar Lazio respinge ricorso contro gara a doppio oggetto

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 gennaio 2020

Il Tar del Lazio ha respinto il ricorso contro la delibera di Roma Capitale che dispone una procedura di gara ad evidenza pubblica “a doppio oggetto” relativa al perimetro di attività di Roma Multiservizi.Il provvedimento, ritenuto legittimo dai giudici amministrativi, prevede la creazione di una nuova società a capitale misto pubblico-privato, controllata direttamente dal Campidoglio con il 51%, per la gestione dei servizi di interesse generale svolti in particolare negli istituti scolastici di Roma: pulizia nei nidi e nelle scuole dell’infanzia comunali, manutenzione del verde e attività di accoglienza e sorveglianza.Questa soluzione consente la massima salvaguardia dei livelli occupazionali, un controllo più stringente sull’attività dell’azienda (oggi controllata al 51% da Ama) e sull’efficienza dei servizi rispetto alle risorse stanziate.Con la gara a doppio oggetto, sia l’individuazione del socio operativo privato che l’affidamento dei servizi saranno oggetto di una gara europea. La nuova azienda avrà la possibilità di vedere aumentare il volume di attività per i servizi generali svolti principalmente nelle scuole, con un incremento di circa 300 mila ore di lavoro. E in prospettiva potrà attivare nuovi appalti.Per la Sindaca di Roma, Virginia Raggi, in questo modo si salvano migliaia di posti di lavoro per migliaia di persone che nelle scuole della città si prendono cura dei nostri figli. Il Tar del Lazio ha dato ragione al Campidoglio, che ha portato avanti questo progetto nonostante i ricorsi e le polemiche. Per Raggi si tratta della soluzione migliore per avere finalmente una società sana ed efficiente, in grado di erogare i servizi di cui la città ha bisogno. La sindaca ha espresso un ringraziamento ai lavoratori di Roma Multiservizi per l’impegno che hanno sempre dimostrato in questi anni.

Posted in Roma/about Rome, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nasce il Propeller Club di Roma

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

Finalmente anche a Roma, nasce l’International Propeller Club port of Roma, associazione culturale che promuove l’incontro e le relazioni tra persone che gravitano nei trasporti marittimi, terrestri, aerei; favorisce la formazione e l’aggiornamento tecnico, culturale tra tutti gli appartenenti alle categorie economiche e professionali legate alle attività marittime, dei trasporti e della logistica. Con atto costitutivo del 17 dicembre 2019, registrato il 2 gennaio 2020 ed il primo Consiglio Direttivo del 9 gennaio 2020 prende definitivamente forma “The International Propeller Club Port of Roma” . Il consiglio Direttivo, del club romano è così composto: Donato Caiulo (Presidente), Elda Turco Bulgherini e Giovanni Antonio Grimaldi (Vicepresidenti), Rosaria La Grotta (Tesoriere), Giuseppe Muricchio (Segretario), Michelangelo Chinni, Biancaneve Codacci Pisanelli, Graziano Bonardelli, Annalisa Laurenti, Giorgio Sotira, Tale Propeller club nella Capitale d’Italia è il 25 esimo club in Italia e si offre come punto di rifermento logistico-culturale per gli altri 24 clubs. In questa prospettiva il club può contare, tra i soci fondatori, la presenza del Presidente Nazionale Umberto Masucci oltre a quella del presidente del club di Civitavecchia, Giannandrea Palomba. I primi impegni del Propeller club di Roma sono quelli di organizzare:
1) Un incontro a Roma con il Ministero dell’Ambiente e con Assoporti di tutti i 25 Propeller club italiani (Febbraio).
2) Un convegno sulla riforma portuale con il CSLLPP ed il MIT (Marzo),
3) Un convegno sulla procedura integrata VIA/VAS nella pianificazione portuale (Aprile).
4) Un convegno sulla nautica da diporto e lo sviluppo sostenibile del territorio (maggio)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: nuovo concorso per personale non dirigente e dirigente

Posted by fidest press agency su domenica, 19 gennaio 2020

Programmare con sguardo prospettico per rafforzare i servizi. Con questo obiettivo l’Amministrazione capitolina ha previsto, nel Piano assunzionale 2020 – 2022, un bando con nuove procedure concorsuali per un totale di 1.470 posti che copriranno diversi profili professionali del personale non dirigente e 42 posti per dirigenti. Come ha spiegato la Sindaca di Roma Virginia Raggi sin dall’insediamento di questa Amministrazione ci siamo occupati di rigenerare la macchina amministrativa a partire dalle sue fondamenta. Come prima cosa, abbiamo dovuto colmare le lacune strutturali, immettendo linfa negli uffici che consentono ai servizi di funzionare. Basti pensare che nel 2016 il 18% dei dipendenti era over 60 e il 40% oscillava tra i 51 e i 60 anni. Per assicurare ricambio generazionale si è messo in campo un lavoro titanico, con l’assunzione tra il 2016 e il 2020 di 6mila persone nei vari settori: personale amministrativo, maestre e insegnanti, agenti di Polizia Locale, tecnici e giardinieri. Ora, con questo concorso, ha concluso la Sindaca, si vuole assicurare a Roma Capitale una programmazione sistemica, tramite un’organizzazione solida, in grado di durare nel tempo e di fortificare l’ente.Grazie alle assunzioni effettuate tra il 2016 e il 2020, è stato garantito un ricambio pari al 26% dei dipendenti capitolini. In sostanza, una persona su 4 che lavora oggi per Roma Capitale è stata assunta da questa Amministrazione. I nuovi assunti sono stati indirizzati nelle varie strutture sulla base di una precisa analisi dei fabbisogni effettivi, con lo scopo primario di erogare i servizi in modo funzionale ed efficiente. In quest’ottica è stato impostato anche il lavoro di pianificazione sulle procedure ancora aperte, consentendo lo smaltimento di buona parte delle vecchie graduatorie e l’inserimento di tutti gli idonei vincitori.Il nuovo concorso prevede l’attivazione di una nuova figura professionale, il ‘Funzionario Servizi Tecnici (D1)’ che nasce con l’obiettivo di implementare la programmazione e la progettazione delle opere pubbliche, di riqualificazione urbana e ambientale. Inoltre, questa nuova figura sarà responsabile di monitorare le fasi di progettazione, esecuzione, collaudo e manutenzione. L’inserimento di 100 persone in un altro nuovo profilo professionale, ’Istruttore Servizi Informatici e Telematici (C1)’, contribuirà ad allineare la macchina amministrativa capitolina ai bisogni di modernizzazione, soprattutto in relazione alle nuove tecnologie e ai processi di digitalizzazione, che caratterizzano le Pubbliche amministrazioni. Grazie ai nuovi dirigenti (42), sarà inoltre possibile ottimizzare le procedure relative ai bandi di gara.Come sottolineato dall’Assessore al Personale Antonio De Santis la pubblica amministrazione è il perno intorno a cui ruotano i servizi. Per questo il nostro personale deve essere valorizzato e organizzato con azioni di sistema che rispondano a una visione d’insieme. L’architrave del nostro percorso consiste nella firma di due contratti decentrati tra 2017 e 2019, che ha permesso di superare le criticità dell’atto unilaterale. Un percorso che, integrato con le 6mila nuove assunzioni, anche grazie allo smaltimento delle graduatorie ancora aperte, ha permesso di migliorare la qualità di molti servizi. Si pensi, per esempio, all’abbattimento dei tempi per il rilascio della Cie, passati da 117 giorni del luglio 2018 ai circa 10 di oggi. Dopo aver sistemato alcuni pilastri fondamentali, ora possiamo programmare il futuro con ambizione. Il nuovo concorso determinerà l’inserimento di tanti giovani addirittura ‘millennials’. Merito, motivazione e nuove competenze sono gli ingredienti che ci permetteranno di consegnare ai cittadini una macchina davvero moderna e longeva.
PROFILI PROFESSIONALI PERSONALE NON DIRIGENTE
– Funzionario Avvocato (D1) 20
– Funzionario Amministrativo (D1) 100
– Funzionario Servizi Educativi (D1) 80
– Funzionario Servizi Tecnici (D1) 80
– Funzionario Assistente Sociale (D1) 140
– Istruttore Amministrativo (C1) 250
– Istruttore Servizi Informatici e Telematici (C1) 100
– Istruttore Tecnico Costruzioni, Ambiente e Territorio (C1) 200
– Istruttore Polizia Locale (C1) 500
TOTALE PERSONALE NON DIRIGENTE 1470
DIRIGENTI 42

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

E’ in libreria il primo libro che si occupa di famiglie di tossicodipendenti

Posted by fidest press agency su sabato, 18 gennaio 2020

InTrinceaPerAmoreIn “Una sottile linea bianca – dalle piazze di spaccio alla comunità di San Patrignano”, pubblicato nel 2018, la giornalista Angela Iantosca aveva raccontato il mondo della tossicodipendenza attraverso le storie di ragazzi che hanno fatto uso di sostanze. Ora torna in libreria, aprendo il suo sguardo sul mondo delle famiglie che con questo abisso sono costrette a fare i conti e alle quali non si pensa mai, o quasi.
IN TRINCEA PER AMORE. Storie di famiglie nell’inferno delle droghe (Paoline) nasce dall’attento studio del fenomeno, dalla frequentazione dei luoghi dello spaccio e, soprattutto, delle comunità di recupero, in primis San Patrignano, e delle associazioni (tante) sparse nel territorio che, come dice la Iantosca, sono “una zattera in mezzo alla disperazione”, un appiglio, un luogo in cui non sentirsi soli, in cui comprendere quali errori sono stati commessi e, soprattutto, come provare a salvare un figlio, un marito, un genitore che di quelle sostanze non riesce a fare a meno e che in nome di queste sostanze sta distruggendo tutto.Il libro è una raccolta di storie che attraversano l’Italia, di mamme, di fratelli e sorelle, di papà, di figli, di nonni, zii, di famiglie, appunto, che un giorno hanno scoperto di dover fare i conti con qualcosa che mai avrebbero immaginato e che non hanno potuto ridimensionare l’uso ad una fase adolescenziale o di passaggio.“In questo nuovo cammino – spiega l’Autrice – ho incontrato storie di sconfitta, di paura, di errori, di incomprensioni, di silenzi, ma anche di liberazione e di padri e madri che quella ferita inferta loro dai figli hanno avuto la forza di trasformarla in un giardino nel quale far crescere speranza. Ho incontrato gli esperti, gli psicoterapeuti, gli psichiatri, i referenti nazionali e locali, gente che da anni lavora nel campo, attraverso le cui testimonianze sono riuscita a entrare ancora più in profondità in questo mondo che è necessario far conoscere affinché chi si imbatte in questo problema possa sapere a chi rivolgersi. «Noi qui, in associazione, ci siamo salvati la vita»,mi ha detto un papà un giorno. Parole le sue che potrebbero essere quelle di tutte le migliaia di famiglie che quotidianamente combattono questo nemico chiamato droga e che si sono date la possibilità di trasformare questa difficoltà in una opportunità per ritrovarsi, per crescere, per togliersi la maschera e tornare davvero a vivere. Perché dalla dipendenza si può uscire, se ci si mette in discussione, se ci si rimbocca le maniche, se si usano le strategie giuste, se non ci si isola, capendo quanto sia importante chiedere aiuto e fare rete”.
Le storie sono il cuore del libro nel quale non mancano i dati sulla tossicodipendenza e gli approfondimenti di medici, psicoterapeuti, psicologi, e di chi ha vissuto la droga, ne è uscito e ha deciso di restituire il dono del ritorno alla vita, con la creazione di associazioni di riferimento per i familiari. Angela Iantosca (1978) è giornalista pubblicista. Ha collaborato con diverse testate e rubriche televisive. Ha pubblicato “Onora la madre – storie di ‘ndrangheta al femminile”, “Bambini a metà – I figli della ‘ndrangheta”, “Voce del Verbo corrompere”, “La Vittoria che nessuno sa – storia di una donna nata nel corpo sbagliato”. Particolarmente forte il suo impegno di formazione nella prevenzione alle tossicodipendenze, da cui uno dei suoi testi: “Una sottile linea bianca. Dalle piazze di spaccio alla comunità di San Patrignano”. Dal 2018 è inserita nel progetto “We Free” della comunità di San Patrignano (progetto di prevenzione alle tossicodipendenze). Ambasciatrice del Telefono Rosa, finalista del Piersanti Mattarella 2016 e vincitrice del Premio Speciale alla Memoria, è Direttore Artistico del Festival InDipendenze. (copertina In trincea per amore)

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Leave a Comment »

“Ricerca sulla musica del futuro”

Posted by fidest press agency su sabato, 18 gennaio 2020

Roma 25 gennaio 2020, ore 18 Galleria MICRO viale Mazzini 1 Quattro musicisti, quattro compositori, quattro mondi diversi che dialogano tra loro, stabilendo correlazioni uniche e originali. Questo è lo spirito da cui ha preso vita Entanglement, collettivo di artisti, musicisti e compositori, che debutterà a Roma.Giordano De Nisi, pianista e compositore, Cristina Colaneri, pianista e compositore, Massimo Massimi, compositore, inventore di strumenti musicali e diffusori acustici, esperto di musica elettronica e Alessandro De Santis, compositore, coltivatore di suoni e di progetti musicali. Questi sono i nomi del progetto Entanglement, che intrecceranno i propri lavori, in “Ricerca sulla musica del futuro”.Mezzi e strumenti della musica di oggi e di ieri si fondono con l’innovazione e la tecnologia sperimentando un nuovo concetto e un nuovo linguaggio musicale attraverso tecniche esecutive non convenzionali e l’esplorazione di nuovi timbri e spazi sonori. La musica acustica, strumentale e vocale si fonde con l’elettronica proiettando l’ascoltatore in un mondo “altro” dove gli schemi tradizionali sembrano diluiti o dissolti.I brani saranno interpretati da Mary Rosada, soprano, Elena Nefedova, pianoforte, Gloria Elgamal, chitarra.“Il titolo della serata – spiega il M°Alessandro De Santis – mette a confronto nuovi linguaggi musicali diversi tra loro ma accomunati dallo stesso intento per la ricerca di nuove dimensioni musicali, di nuovi modelli espressivi. Proprio come nell’Entanglement, lo stato quantico di un sistema fisico non può essere descritto singolarmente, ma come sovrapposizione di più sistemi”. Il concerto proporrà composizioni da camera, passando dalle liriche poetiche per pianoforte e voce a brani per strumenti solisti – pianoforte, chitarra – a lavori costruiti con l’elettronica, avvalendosi anche della partecipazione di strumenti dal vivo (Live Electronics).

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione volume “Diritto civile e ragione” di N. Lipari

Posted by fidest press agency su sabato, 18 gennaio 2020

Roma 21 gennaio 2020, ore 16.30 Sala Perin del Vaga – Istituto Luigi Sturzo Via delle Coppelle 35 presentazione del volume Diritto civile e ragione di Nicolò Lipari (Giuffrè Francis Lefebvre, Milano, 2019) Presiede: Pietro Rescigno Intervengono: Guido Alpa, Andrea Bixio, Alessandro Pajno Interverrà l’Autore.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Comunicare con cittadini e imprese attraverso messaggi più semplici ed efficaci

Posted by fidest press agency su sabato, 18 gennaio 2020

Ciò permette di stabilire un nuovo rapporto di fiducia con la comunità, favorire il raggiungimento di un miglior livello di servizi a vantaggio di tutti e sensibilizzare i cittadini ad adottare comportamenti utili per il bene comune.Con questi obiettivi il Campidoglio ha istituito l’Ufficio di scopo “Innovazione per le Politiche Comportamentali – R²”. Si tratta della prima struttura operativa in Italia dedicata all’applicazione delle Scienze comportamentali all’interno della Pubblica Amministrazione. Un approccio basato sul metodo scientifico e sull’oggettività dei dati per invitare il cittadino a compiere scelte migliori per la collettività, ideato da Richard Thaler che ha vinto il Nobel per l’Economia nel 2017.L’Ufficio – che gode anche di collaborazioni internazionali a costo zero per l’Amministrazione – supporterà le strutture interne a Roma Capitale e le società partecipate nella realizzazione di progetti volti alla semplificazione dei processi e al miglioramento dei servizi pubblici, in diversi ambiti: ambiente, trasporti, partecipazione cittadina, tax compliance. In questa prima fase, i target oggetto di intervento sono stati suddivisi in gruppi il più possibile omogenei, ai quali somministrare un particolare intervento, come l’invio di un messaggio personalizzato o l’offerta di un incentivo economico. I risultati di questo “trattamento” sono stati messi a confronto con quelli ottenuti da analoghi gruppi di utenti, definiti di “controllo”, che non hanno ricevuto gli stessi stimoli. L’Ufficio R² è quindi pioniere in Italia nell’effettuare interventi sociali basandosi su questo “metodo controfattuale”.Le prime iniziative hanno semplificato i rapporti con Roma Capitale informando cittadini e imprese della possibilità di chiudere eventuali contenziosi in essere e regolarizzare le proprie situazioni debitorie riducendone sanzioni e spese legali. Inoltre, è stato incentivato un corretto utilizzo dei servizi di trasporto pubblico ed è cresciuto il coinvolgimento dei cittadini nei processi partecipativi.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Jorge Eduardo Eielson: Arte come nodo/nodo come dono II

Posted by fidest press agency su sabato, 18 gennaio 2020

Roma Dal 23 gennaio al 29 febbraio 2020 Instituto Cervantes di Roma – Sala Dalí Piazza Navona, 91 – ingresso gratuito inaugurazione mostra “Jorge Eielson: Arte come nodo, nodo come dono II”, a cura di Martha Canfield e Antonella Ciabatti. L’esposizione, organizzata da Centro Studi Eielson e Instituto Cervantes, in collaborazione con Istituto Italo Latinoamericano (IILA) e la Real Academia de España, resterà a Roma fino al 29 febbraio 2020 e si potrà visitare gratuitamente dal mercoledì al sabato dalle ore 16 alle 20.Jorge Eduardo Eielson (Lima 1924 – Milano 2006) è un caso eccezionale di precocità e di altissimo livello creativo sia nelle arti plastiche che nella letteratura. A soli 21 anni vince il Premio Nazionale di Poesia del Perù con la sua prima raccolta, Reinos. Ma nel 1949 lascia il paese e non tornerà più, se non per incontri artistici e mostre. Dopo importanti esperienze a Parigi e a Ginevra, nel 1951 si stabilisce a Roma dove rimarrà fino al 1965, entrando a far parte del gruppo L’Obelisco insieme a Mimmo Rotella e Piero Dorazio. Ma la sua residenza definitiva sarà a Milano, dove vivrà il resto della sua vita insieme al suo compagno, l’artista sardo Michele Mulas. Tuttavia è proprio a Roma, dopo varie sperimentazioni di collage con terre e sabbie e infine con tessuti strappati e ricomposti, dove arriva a configurare il segno fondamentale della sua arte: il nodo.“Arte come nodo, nodo come dono 2. (El nudo al desnudo)” presenta 27 opere originali dell’artista e scrittore peruviano, membro della «Generación del 50» e artefice della rivoluzione poetica del suo paese. Si tratta della seconda versione della mostra realizzata nel 2008 a Firenze (presentata da Mario Vargas Llosa) che testimonia la varietà creativa di Eielson: la poesia visiva e sonora, le installazioni, i dipinti, le sculture in tela, con il nodo come punto massimo di riflessione filosofica e segno estetico.Il nodo, oltre che il fondamento della sua arte, è un simbolo magico tra la dimensione visuale e quella verbale, un segno arcaico e moderno allo stesso tempo. Con il nodo il movimento si ferma, le tele si fissano, il tempo interrompe il suo corso e l’anima, libera da ogni angoscia, si concentra nella contemplazione. Attraverso le sue immagini visionarie e le sue illuminanti poesie, Eielson ci invita a ricongiungere passato e presente, io e non-io, gioia e dolore In occasione della mostra romana, inoltre, si terranno quattro appuntamenti tematici, realizzati dall’Instituto Cervantes e dal Centro Studi Eielson presso la Sala Dalí.
Mercoledí 29 gennaio alle 18.30, Enzo Minarelli e Martha Canfield presentano la performance “La materia sonora: Omaggio a Jorge Eielson”, seguita da una lettura poetica in spagnolo e in italiano.
Sabato 8 febbraio dalle ore 11 si darà spazio a una curiosa passeggiata letteraria a cura di Alessio Brandolini, ispirata dalla raccolta poetica “Di stanza a Roma”: partendo da piazza Navona si percorreranno luoghi e monumenti che danno titolo alle poesie di questa raccolta, svelando i legami tra l’artista e la città. Sabato 22 febbraio dalle 11 si terrà il laboratorio per bambini dal titolo “Essere artista: ora tocca a me!”. Un percorso sensoriale per famiglie con bambini, a cura di Laura Del Conte e Alessandra Maggio. Per questi due eventi è obbligatoria l’iscrizione: cultrom@cervantes.es.
Infine, giovedì 27 febbraio alle 18.30, in occasione del finissage della mostra, verranno presentate alcune opere delle artiste peruviane Elisenda Estrems e Nani Càrdenas, a cura di Marco Benacci, che dialogheranno con i lavori di Eielson esposti alla Sala Dalí.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione del libro “Nemmeno gli struzzi lo fanno più”

Posted by fidest press agency su sabato, 18 gennaio 2020

Roma Martedì 28 gennaio 2020 alle 18,00 a Roma, la Sala Monumentale di Palazzo Chigi (Galleria Colonna, Largo Chigi 19), ospiterà la presentazione del libro di Tatiana Coviello, edito da Licosia, “Nemmeno gli struzzi lo fanno più. Vivere bene con l’Intelligenza Artificiale”.Nell’innovazione premia la trasversalità e la diversità: sapere tanto di tutto, mantenersi aperti, trovare insegnamenti ovunque, imparando anche dalle cose che non ci piacciono. Parte da qui l’Autrice, e dal suo privilegiato punto di osservazione di Direttore delle Risorse Umane in una banca, per invitare tutti a tirar fuori la testa e ad osservare un mondo del lavoro che cambia. Le domande che si/ci pone; come cambierà il lavoro? Cosa possiamo fare per rimanere rilevanti e non farci travolgere dall’evoluzione tecnologica? Quali le competenze e le abilità richieste e come possiamo svilupparle senza farci prendere dal tech-pessimismo? Cosa significa Digital Mindset e come acquisirlo? Cosa vuol dire VUCA? Come ci cambiano, se ci cambiano i social media e cosa significa diventare cittadino digitale? E, soprattutto, a che punto è davvero l’Intelligenza Artificiale? Il libro, nelle intenzioni dell’Autrice, non dialoga solo con i lavoratori del futuro (con chi cerca lavoro e con chi non vuole perderlo), ma anche con chi vive, gestisce e offre lavoro oggi.Dibatteranno con l’Autrice sul se e come vivere (bene) con l’Intelligenza Artificiale: Niccolò Invidia, Parlamentare, Portavoce del M5S alla Camera dei deputati, Coordinatore intergruppo parlamentare Aerospazio; Vincenzo Manfredi, Public Affairs Manager, delegato nazionale Ferpi Advocacy e Public Affairs; Felicia Pelagalli, Ceo Culture Srl, Docente in “Formazione e trasformazione digitale” all’Università La Sapienza di Roma. Modererà l’incontro Daniele Chieffi, Direttore Comunicazione e PR Dipartimento per l’Innovazione tecnologica e digitalizzazione della Presidenza del Consiglio dei ministri.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Elogio della città: Dal luogo delle paure alla comunità della gioia

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 gennaio 2020

Roma mercoledì 22 gennaio 2020 – ore 17:00 Istituto della Enciclopedia Italiana – Piazza della Enciclopedia Italiana, 4. Con l’Autore Giovanni Maria Flick intervengono Luca Bergamo, Andrea Ferrazzi, Franco Purini, Salvatore Settis.Il crollo del ponte Morandi a Genova, l’incendio della guglia ottocentesca della Cattedrale di Notre-Dame, un rogo in una baraccopoli che provoca la morte di un lavoratore ghanese, migrante clandestino. Eventi e notizie da cui Giovanni Maria Flick, Presidente emerito della Corte Costituzionale, trae spunto per riflettere sulla città. Le sue riflessioni si sviluppano nel libro alla luce di due imperativi. Il primo, di natura biblica: rendere giustizia alla vedova, all’orfano, al povero, allo straniero…. Il secondo, tratto dalla Costituzione: la personalità dell’uomo si realizza nelle formazioni sociali che assicurano la pari dignità attraverso la garanzia dei diritti inviolabili e l’adempimento dei doveri inderogabili.
“Sono due indicazioni importanti – afferma l’Autore – frutto della saggezza della storia (la prima) e dell’impegno comune che nacque dalla guerra perduta e dalla Resistenza (la seconda). Sono vincolanti per tutti, ma in particolare per chi ha il compito di tradurre le idee e i desideri degli uomini nel linguaggio delle pietre, e per chi ha il compito di formulare le regole per quella traduzione. Per impedire che cadano le guglie e i ponti, ma anche per impedire che i diversi muoiano bruciati nelle baracche”.Tutela del patrimonio storico e tutela «dei diritti inviolabili dell’uomo lì dove svolge la sua personalità» – la città appunto – non possono contrapporsi. Devono integrarsi. La città può essere il luogo in cui scrivere il futuro delle generazioni. Le sue architetture, le sue periferie o centri storici, i suoi sviluppi possono segnare efficaci e concrete vie per costruire una società capace di vivere ed educare ai nostri valori costituzionali.
A differenza degli ultimi volumi dell’autore – Elogio della dignità (2015); Elogio del patrimonio (2016); Elogio della Costituzione (20184) – il titolo del nuovo libro ha, volutamente, un punto interrogativo. “Nell’alternarsi tra le maledizioni e le benedizioni della città – scrive ancora Flick – mi sembra giusto restare nel ragionevole dubbio di giuridica memoria, per non avallare soluzioni precostituite di ottimismo o piuttosto di pessimismo. Elogio della città? Lascio a chi legge valutare se questo dubbio – espresso dall’interrogativo – è in qualche modo giustificato ed è superabile”.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Balletto: Prima romana di “Arcaico”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 gennaio 2020

Roma martedì 21 gennaio alle 20.30 nell’Aula Magna della “Sapienza” si svolgerà la prima romana di “Arcaico”, con la coreografia di Davide Bombana, una produzione del Balletto di Roma – che nel 2020 festeggia i suoi sessant’anni di vita artistica – in coproduzione con Fabbrica Europa. “Arcaico” immerge lo spettatore in un rituale in cui si sondano valori e connessioni da sempre alla base dell’esistenza e dei rapporti umani. L’idea di questa “azione coreografica” nasce e si sviluppa da una riflessione su mondi ancestrali, che si incontrano e si fondono assieme, tra inevitabili contrasti e affinità.Il coinvolgimento delle diverse sonorità musicali, del canto e della danza danno un aspetto multidisciplinare a questa creazione. Sul palcoscenico, accanto a cinque danzatori del Balletto di Roma agiscono la poliedrica musicista Katia Pesti e il cantante africano Gabin Dabiré. I ritmi creati dal suono dei diversi strumenti suonati dal vivo da Katia Pesti (pianoforte, contrabbasso e percussioni etniche) e l’accompagnamento vocale di Gabin Dabiré, la cui sensibilità artistica si lega indissolubilmente al senso solenne di “Arcaico”, si amalgamano al movimento dei corpi e alla gestualità ricercata e plasmata dalla coreografia di Davide Bombana, protesa a quel richiamo attrattivo, profondo e metamorfico che regola l’umanità intera fin dalla sua nascita. In uno spazio vuoto – se non fosse per il pianoforte e le percussioni adagiate al suolo – e in un tempo percepito da subito come denso, i danzatori emergono dall’ombra attraversando fisicamente il tessuto sonoro, fino a dar vita ad una danza solenne, simbolo d’inizio e insieme di transitorietà. Movimenti avvolgenti e decisi, ristabiliscono equilibri antichi senza distruggere o annullare la contemporaneità ma, al contrario, attribuendole un ruolo centrale in quanto “fonte di recupero”, espediente di salvezza dalla durezza del mondo, vivo ritorno alla comunicazione più primordiale, quella connessione di anime che interviene con la più rara delle qualità: la semplicità.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Presentazione del rapporto di Isde

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 gennaio 2020

Roma Giovedì 16 Gennaio, ore 13 – Camera dei Deputati. «In Veneto, ormai da anni, è in atto una delle emergenze sanitarie ed ambientali più gravi che il nostro Paese abbia mai dovuto affrontare. La contaminazione da PFAS venuto alla luce nell’estate del 2013, a seguito del perpetrato sversamento in falda degli scarti di produzione dell’azienda Miteni di Trissino, oggi a processo, non riguarda “solo” la seconda falda acquifera più grande d’Europa e l’insieme delle acque potabili delle tre province coinvolte (Vicenza, Padova e Verona) ma anche e soprattutto la salute di oltre 500mila cittadini, in primis, bambini e future generazioni»: così Sara Cunial, deputata del Gruppo Misto, che annuncia un incontro a Roma proprio sul tema per giovedì 16 gennaio.L’Associazione Italiana Medici per l’Ambiente- ISDE ha pubblicato un position paper scientifico che spiega cosa sono i PFAS, quali danni alla salute causa e, nello specifico, quali azioni le Istituzioni del Veneto dovrebbero attuare. Per tali sostanze, come per molte altre sostanze tossiche e cancerogene, non è ancora stato identificato un livello minimo di concentrazione, nelle acque a uso umano come nelle altre matrici fondamentali per la vita, che possa essere considerato innocuo in termini sanitari.Tale evidenza scientifica assume particolare rilievo per le fasce di popolazione maggiormente a rischio (età pediatrica e gravidanza) ed esposte cronicamente, anche considerando le conseguenze del bioaccumulo e le inevitabili interazioni con altre sostanze inquinanti presenti nelle matrici ambientali. Pertanto, nel rispetto dei principi di precauzione e di prevenzione e indipendentemente dai limiti imposti dalla legge, la concentrazione di PFAS nelle acque dovrebbe tendere a zero.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Concorso per le scuole “Proteggi il cuore di Roma: disegna la tua vignetta”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 gennaio 2020

Coinvolgere attivamente gli alunni delle scuole della Capitale nell’ideazione e promozione di messaggi di buona convivenza, rispetto dell’ambiente e della propria città. E’ l’obiettivo del Concorso di idee “Proteggi il cuore di Roma: disegna la tua vignetta” rivolto agli alunni delle scuole primarie e agli studenti delle scuole medie e superiori di Roma promosso dal Campidoglio in collaborazione con il Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici di Roma Capitale.I ragazzi sono chiamati a illustrare con un elaborato – disegni, fumetti, poesie, testi o prodotti multimediali – le loro proposte, idee, buone pratiche utili a “proteggere il cuore di Roma”, anche raccontando le loro esperienze dirette. I lavori potranno essere individuali o di gruppo e saranno divisi in tre diverse sezioni – scuola primaria, secondaria di primo grado e di secondo grado – valutati da una giuria composta da personalità del settore della cultura, dell’educazione e della comunicazione.Le scuole vincitrici saranno premiate ad aprile nel corso di un evento in occasione delle celebrazioni per il Natale di Roma.Il concorso nasce dagli incontri nelle scuole per presentare il libretto illustrativo “Proteggi il cuore di Roma” realizzato per divulgare le norme presenti nel nuovo Regolamento di Polizia Urbana di Roma Capitale, che hanno visto la partecipazione della Sindaca Virginia Raggi e di centinaia di studenti delle scuole di ogni ordine e grado. Gli incontri dedicati all’educazione civica proseguiranno in tutti Municipi in concomitanza con l’avvio del concorso. Sono realizzati con la collaborazione degli agenti di Polizia Locale di Roma Capitale per spiegare nel dettaglio le nuove misure contenute nel provvedimento. “Vogliamo che i ragazzi siano protagonisti del cambiamento e portatori di messaggi e comportamenti positivi. Le loro idee e le loro proposte per proteggere la città, per difendere l’ambiente, per progettare un futuro migliore sono preziose, sono un patrimonio da diffondere e condividere. Lo conferma il loro entusiasmo durante gli incontri nelle scuole dedicati alla presentazione del nuovo Regolamento di Polizia Urbana. Attraverso questo concorso potranno esprimere il loro amore per Roma mettendo in azione tutta la loro creatività”, dichiara la Sindaca di Roma Virginia Raggi.

Posted in Roma/about Rome, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Formare gli operatori, aiutare gli anziani

Posted by fidest press agency su martedì, 14 gennaio 2020

Roma 15 gennaio 2020, dalle 9.00 alle 17 incontro formativo organizzato dalla Fondazione Alberto Sordi in Largo dello Scautismo, al Roma Scout Center. Formatori, psicologi, medici, direttori sanitari e di strutture dedicate, esperti della fragilità e docenti universitari si confronteranno sulle principali tematiche della cura, a partire dalle indicazioni contenute nella “Carta Alleanza per le Persone Anziane”. Questo documento, presentato dalla Fondazione Alberto Sordi, mira a sviluppare reti di collaborazione e partnership tra attori pubblici, privati e di terzo settore, per promuovere una cultura della condizione anziana, nel rispetto delle fragilità emergenti, per migliorare la vita della persona e del nucleo familiare che ha vicino.
“Un modo socialmente innovativo – ha affermato il direttore della Fondazione Avv. Ciro Intino – per condividere esperienze, individuare soluzioni e modelli di cura, utili e qualificati, sostenibili economicamente, per l’autonomia degli anziani, oggi sempre più costretti dalla vita quotidiana a ricercare il proprio spazio in un contesto sociale e di vita caratterizzato da fretta e solitudine”.
La Fondazione Alberto Sordi propone progetti culturali e formativi, come nelle intenzioni del suo fondatore, di forte impatto sociale per favorire il protagonismo delle persone anziane anche di quelle più fragili e malate. E c’è tutto un mondo di operatori che lavora per questo, una ricchezza di figure professionali, la disponibilità di volontari qualificati che rappresentano uno spaccato prezioso e non sempre conosciuto e valorizzato appieno, della nostra società civile.
La giornata di incontri sarà occasione per confrontare esperienze sociali fortemente innovative anche sul piano delle nuove tecnologie applicabili, in un’ottica di collaborazione Pubblico-Privato, nel coinvolgimento di tutti gli attori presenti sui territori del mondo delle famiglie e delle imprese.

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le ombre liquide della Cina contemporanea con Liquid Shadow

Posted by fidest press agency su domenica, 12 gennaio 2020

Roma Opening: martedì 14 gennaio 2020 ore 18.30 Durata mostra: 15 gennaio – 6 marzo 2020 VISIONAREA ART SPACE secondo piano Via della Conciliazione 4 prosegue il suo viaggio nella Cina contemporanea, aprendo il 2020 con Liao Pei e la mostra Liquid Shadow, per la prima volta in Italia, curata da Wang Meng e Gianluca Marziani: un nuovo viaggio immersivo nelle visioni dell’estremo oriente in dialogo con il vecchio continente, ad opera di un’artista che con il suo occhio femminile scandaglia volti, toccando il metafisico.
La mostra, che si inaugura martedì 14 gennaio 2020, è il terzo appuntamento della nuova stagione di Visionarea Art Space, progetto che, per il quarto anno consecutivo, vede il prezioso sostegno della Fondazione Cultura e Arte, ente strumentale della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale, presieduta dal Prof. Avv. Emmanuele Francesco Maria Emanuele. La mostra Liquid Shadow presenta una selezione di pitture ad olio su tela. Le opere, realizzate nel corso del 2019, catturano lo spazio come una costellazione omogenea e orchestrale. Dotate di forte impatto e altrettanto mistero, somigliano a particelle cellulari di un organismo sinaptico, sorta di oscuri frammenti fluidi che galleggiano nel bianco amniotico della galleria. Liao Pei dipinge volti, corpi, spiriti, fantasmi, anime… ogni quadro racchiude idealmente tutte queste identità ma nessuna supera le altre per evidenza figurativa. Il fantasma diventa solido, il volto cattura l’evanescenza, l’anima trattiene qualcosa del corpo, lo spirito poggia i piedi al suolo: ogni apparizione pittorica è il senso di un controsenso, le semplici categorie si sfaldano, gli stati fluttuanti della materia trasformano la narrazione lineare e il suo contenuto simbolico. La pittura di Liao Pei riesce dove altri linguaggi visivi si fermano: scende nella radice dello sguardo, nel sottosuolo invisibile dell’io, in una geologia spirituale dove il complemento di supporto è un certo suono elettronico, quel sistema di bordoni, glitch e field recording (Fennesz, Rafael Anton Irisarri, William Basinski, Ben Frost, King Midas Sound, Oren Ambarchi…) che ha trasformato la musica recente in una raffigurazione elettrica dei paesaggi interiori. L’artista cinese metabolizza la memoria di formazione autoctona con i processi di sintesi del globalismo linguistico. Il risultato ci trascina in un vortice distopico, dentro il mare nero delle ombre liquide che diventano segnali atavici, flash della memoria, quark retinici. Sono APPARIZIONI che non afferri, passaggi densi eppure rapidissimi, istanti che dilatano la propria stasi a due dimensioni. Non esistono polarità terrestri, alto e basso, sopra e sotto, adesso e dopo; qui si fa un salto centrifugo nell’antimateria interiore, nella veggenza aliena, nei disegni neolitici, nelle nebulose cosmiche, nel micromondo cellulare…

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Spettacolo: Io, Fabrizio e il Ciocorì”

Posted by fidest press agency su domenica, 12 gennaio 2020

Roma sabato 18 gennaio 2020 – ore 21 – biglietto 10 e 8 euro Spazio Rossellini via della vasca navale 58 spettacolo ispirato a Fabrizio De André nel connubio fra teatro di narrazione e canzone d’autore, arriva a Roma sabato 18 gennaio allo Spazio Rossellini di via della Vasca Navale. Sul palco, insieme all’autore Flavio Brighenti, che cura la narrazione con la regista Carmen Giardina, interagisce una formazione musicale che comprende Raffaela Siniscalchi (voce), Gabriele Coen (fiati), Mario Rivera (basso) e Stefano Saletti (corde).
“Io, Fabrizio e il Ciocorì” rappresenta un viaggio inedito e per certi versi sorprendente nel mondo del Maestro genovese attraverso vent’anni di incontri, musica, aneddoti e confidenze.Il racconto si snoda attraverso le tante interviste – e i coloriti retroscena che spesso le hanno accompagnate – che l’autore, Flavio Brighenti, ha realizzato dal gennaio del 1979, durante il tour di Faber con la Premiata Forneria Marconi, fino al febbraio del 1998, nel corso dell’ultimo tour del maestro genovese, successivo alla pubblicazione dell’album “Anime salve”.“Io, Fabrizio e il Ciocorì” gioca su una cifra stilistica netta e dichiarata, virando sul versante ironico e “leggero” del rapporto, così come è maturato tra i due, ben al di là dei rispettivi ruoli professionali.
Riflessioni, battute, semplici confidenze alimentano costantemente il percorso narrativo, con la piccola e trasparente ambizione di raccontare un’epoca dove l’arte, non solo la musica, e così pure il giornalismo, privilegiavano l’esperienza e l’iniziativa individuale anziché attingere all’immenso catino virtuale e frastornante della tecnologia.”Io, Fabrizio e il Ciocori” non rappresenta una celebrazione né tanto meno una beatificazione di De André – che di certo non ne ha bisogno – ma offre semplicemente una chiave differente e affettuosa per fare luce su di lui sotto il profilo umano prima che artistico.La sfilata dei personaggi evocati è assortita: da Vasco Rossi a Papa Wojtyla, da Beppe Grillo a Guy Debord, da Ray Charles ad Arthur Rimbaud, da Mauro Pagani a Renato Curcio, da Ivano Fossati a Carlo Marx, fra i tanti, oltre naturalmente ai volti familiari: Dori Ghezzi, i figli Cristiano e Luvi, il fratello Mauro.La regia dello spettacolo è affidata alla genovese Carmen Giardina, attrice, sceneggiatrice e regista di larga esperienza che sul palco, insieme a Flavio Brighenti, presta la voce a Faber: “De André era unico e inimitabile, al suo confronto chiunque si presterebbe a paragoni che vogliamo evitare”, spiega Brighenti, “allora ho voluto che a interpretarlo fosse una donna, anche e soprattutto per rendere omaggio all’universo femminile che Fabrizio ha cantato con inarrivabile sensibilità umana e poetica”.La narrazione musicale, che corre tra alcune tra le più amate canzoni di De André, è affidata al quartetto composto da Stefano Saletti, Gabriele Coen, Mario Rivera (provengono tutti e tre dalla Banda Ikona, e sono protagonisti in proprio di molti altri progetti), con la voce straordinaria di Raffaela Siniscalchi. I quattro artisti hanno realizzato un album con le proprie personalissime rivisitazioni dei brani di Faber intitolato “Ho visto Nina volare” di imminente uscita.
“Io, Fabrizio e il Ciocorì”, che nella sua prima versione è stato ospite per due sere dell’Auditorium di Strada Nuova di Genova nell’ottobre 2017 – sul palco con l’autore c’erano Laura Monferdini, Vittorio De Scalzi ed Edmondo Romano – va in scena con il patrocinio morale della Fondazione De André.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Prima esecuzione moderna a Roma della Messa “L’Homme Armé”

Posted by fidest press agency su domenica, 12 gennaio 2020

Roma domenica 12 gennaio 2020 alle 19.30 durante la solenne funzione liturgica nella chiesa Chiesa di Santa Maria dell’Anima (Via dell’Anima 65) e sarà la Cappella Musicale di Santa Maria dell’Anima diretta da Flavio Colusso a interpreta questo raro e prezioso capolavoro scritto per dodici voci divise in tre cori.Carissimi, nato a Marino nel 1605 e morto a Roma nel 1674, compose questa messa utilizzando la celebre Chanson de l’homme armé, che ha fornito il materiale tematico per una grande quantità di messe polifoniche composte da musicisti francesi, fiamminghi e italiani, Palestrina compreso. Ultima in ordine di tempo fu quella di Carissimi, che costituisce un unicum nel periodo barocco. La composizione di una messa su L’homme armé, come scrive Maria Caraci, era «diventata per molti musicisti giunti alla piena maturità del proprio stile un autentico banco di prova che sancisce l’affermazione di una forte personalità musicale, capace di sostenere il confronto con la grande tradizione del passato».Il programma comprende anche l’esecuzione di due mottetti di Carissimi: Diffusa est gratia a quattro voci e O ignis sancte per due soprani e basso continuo.L’esecuzione di questa messa coincide con la ricorrenza della morte di Carissimi e dà il via alle “Giornate carissimiane” del 2020, che proseguiranno nel corso dell’anno con concerti, incontri di studio, edizioni e funzioni liturgiche.La Cappella Musicale di Santa Maria dell’Anima è formata da solisti vocali e strumentali di fama internazionale e cura il servizio liturgico-musicale della omonima Chiesa della comunità cattolica di lingua tedesca in Roma, sotto la direzione del suo Maestro di cappella, il compositore e direttore Flavio Colusso. Si esibisce in produzioni concertistiche in Italia e all’estero ed è impegnata in numerose iniziative culturali curate da Musicaimmagine come l’integrale degli Oratori di Antonio Draghi (Rimini 1634 – Wien 1700) insieme all’Ensemble Seicentonovecento.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rossocinabro: Presentazione opere d’arte

Posted by fidest press agency su domenica, 12 gennaio 2020

Roma lunedì 13 gennaio dalle 13 Orario apertura: da lun a ven 11-18 Rossocinabro Via Raffaele Cadorna, 28. Rossocinabro è orgoglioso di rappresentare artisti di talento provenienti da tutto il mondo. I diversi media, stili e temi delle opere d’arte, combinati con i diversi background degli artisti stessi, assicurano che ogni mostra sia stimolante ed eccitante. Le opere presentate spaziano dalla pittura, alla fotografia, alla scultura e alla tecnica mista.
Molte sono opere inedite, presentate per la prima volta al pubblico romano in occasione di questa mostra collettiva. Siamo pienamente convinti che l’arte e la cultura migliorino le nostre vite, abbiano la capacità di dare un senso alla nostra esperienza ed entrino in empatia con gli altri. Perché l’arte non è solo per quelli che la fanno! Visita la mostra e per maggiori informazioni sugli artisti presenti ti rimandiamo al sito rossocinabro.com. Lavori recenti di: Adda Florie, Janice Alamanou, Brian Avadka Colez, Marco Azario, Frank Briffa, Udi Cassirer, Wendy Cohen, Benny De Grove, Onno Dröge, Judy Filipich, Stephan Fischnaller, Mark Goodwin, Yvon Jolivet, Heidi Kaas, Ksenia Koloskova, Karl Weiming Lu, M., Yellena Mazin, Bianca Neagu, Ann Palmer, Ludwika Pilat, Sal Ponce Enrile, Irena Procházková, Rapisarda Daniela, Anna Reber, Joakim Sederholm, Merja Simberg, Christine Stettner, Taka & Megu, Petra Tiemann, HowardArthur Tweedie, Astrid Ufkes, Katja van de Bogaert, Stéphane Vereecken, Diana Wahlborg, Xingzi, Mike Yang Curatore: Joe Hansen.
Reception: Saturday, Monday 13, 1PM by invitation only February 20 – March 5 January 13 – 31 Rossocinabro is proud to represent talented artists from around the globe. The diverse media, styles and themes of the artworks, combined with the varied backgrounds of the artists themselves, ensures each exhibition is inspirational and exciting.
Artworks on view will range from painting, photography, to sculpture and mixed media.
Many of the works are unpublished, presented for the first time to the Roman public at the occasion of this group exhibition. We are fully convinced that art and culture improve our lives, can to make sense of our experience and empathize with others. Because art is not just for those who make it! Visit the exhibition and for more information on the artists present we refer you to rossocinabro.com
Recent works by: Adda Florie, Janice Alamanou, Brian Avadka Colez, Marco Azario, Frank Briffa, Udi Cassirer, Wendy Cohen, Benny De Grove, Onno Dröge, Judy Filipich, Stephan Fischnaller, Mark Goodwin, Yvon Jolivet, Heidi Kaas, Ksenia Koloskova, Karl Weiming Lu, M., Yellena Mazin, Bianca Neagu, Ann Palmer, Ludwika Pilat, Sal Ponce Enrile, Irena Procházková, Rapisarda Daniela, Anna Reber, Joakim Sederholm, Merja Simberg, Christine Stettner, Taka & Megu, Petra Tiemann, HowardArthur Tweedie, Astrid Ufkes, Katja van de Bogaert, Stéphane Vereecken, Diana Wahlborg, Xingzi, Mike YangCurator: Joe Hansen

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »