Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 151

Archive for the ‘Recensioni/Reviews’ Category

Reviews

Nuovo Presidente nazionale di USPI-Unione Stampa Periodica Italiana 

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 Maggio 2022

Antonio Delfino, Direttore Comunicazione e Relazioni istituzionali di Giuffrè Francis Lefebvre, è stato eletto Presidente nazionale di USPI (Unione Stampa Periodica Italiana) nel corso del Consiglio nazionale che si è tenuto il 19 maggio scorso a Roma presso la sede nazionale di USPI. L’Unione Stampa Periodica Italiana (USPI), costituita nel 1953 con atto pubblico, è disciplinata ai sensi dell’art. 36 del Codice Civile. Non persegue fini di lucro ma svolge prevalentemente attività di assistenza ai propri iscritti (oltre 1.000 testate periodiche, anche telematiche, edite o trasmesse con qualunque mezzo da medie e piccole imprese editoriali e da enti e associazioni no-profit) e di loro rappresentanza in tutte le sedi pubbliche o private nelle quali tale rappresentanza è richiesta o prescritta. Tra le altre finalità dell’USPI: rappresentare la stampa periodica italiana nella tutela dei diritti e degli interessi professionali, morali e materiali dell’intera categoria; organizzare ricerche e studi, dibattiti e convegni su temi che riguardano la stampa periodica ed i suoi rapporti con la realtà sociale; svolgere in campo interno e internazionale tutte le azioni connesse al conseguimento dei suoi scopi, assumendo ogni iniziativa che, a tal fine, riterrà idonea; coordinare, nei limiti dell’attuale Statuto, l’attività professionale degli associati nei loro rapporti con le amministrazioni e gli istituti, sia pubblici che privati; difendere ed elevare il prestigio della categoria. Giuffrè Francis Lefebvre (GFL) è leader in Italia nell’offerta di soluzioni e servizi editoriali tradizionali e digitali, portali specialistici, piattaforme integrate, software e formazione accreditata in aula e online per le aree professionali legale, fiscale, lavoro e per le imprese. La società è nata nel 2018 dalla fusione tra la storica casa editrice Giuffrè, fondata a Milano nel 1931 e da sempre tra i principali player del mercato editoriale professionale legale, e Memento Francis Lefebvre, da 30 anni specializzata nella produzione di volumi e supporti digitali per i professionisti fiscali e del lavoro, con più di 50 mila clienti solo in Italia. GFL è parte del gruppo Lefebvre Sarrut, multinazionale attiva in Europa con numerose aziende controllate in 8 Paesi, con 2.600 dipendenti e un fatturato annuo di oltre 550 milioni di euro.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Marco Bertolini e Giuseppe Ghini: Guerra e pace al tempo di Putin

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 Maggio 2022

Genesi del conflitto ucraino e nuovi equilibri internazionali. Tra la Russia e l’occidente è in atto uno vero è proprio scontro di civiltà. Occorre ammettere con coraggio e chiarezza che questo è il motivo principale della Guerra che è scoppiata in Ucraina e che perciò è molto difficile aprire un tavolo di trattative serio per la pace. Chiunque, che per dovere di chiarezza, riferisca fatti che non avvallano la tesi occidentale amplificata dai Media, ovvero che la Russia e il Tiranno Putin rappresentano il male assoluto, è tacciato di intelligenza con il “Nemico”. È assolutamente intollerabile che nella culla della democrazia e della libertà venga avvalorato solo un racconto che considera unicamente alcuni aspetti di una vicenda che ha risvolti volutamente taciuti e non considerati.Cantagalli 2022 | pp. 288 | euro 20,00 In libreria dal 20 maggio 2022

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

VOLODYMYR ZELENSKY per l’Ucraina

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 Maggio 2022

Collana le Onde, trad. Sergio Arecco, pp. 192, 15 euro Postfazione di Maurizio Molinari Uscita in contemporanea mondiale. Unica edizione autorizzata dalle autorità ucraine. Per l’Ucraina costituisce la prima edizione mondiale dei discorsi del presidente Zelensky. Tutti i proventi della vendita di questo libro saranno devoluti al popolo ucraino.Per l’Ucraina è la raccolta dei discorsi più significativi del presidente Volodymyr Zelensky, sin da quando invitò solennemente il suo popolo all’unità di fronte all’imminente invasione russa. Dalle parole drammatiche del primo giorno di conflitto a quelle pronunciate davanti al Parlamento italiano, al Congresso americano e nelle più alte sedi europee, fino ai discorsi rivolti alla popolazione pubblicati sui social network, Zelensky è in prima linea. Difensore del suo paese e della libertà messi in pericolo dalla guerra, ci avverte: se cade l’Ucraina, cade l’Europa. VOLODYMYR ZELENSKY è nato a Kryvyj Rih, in Ucraina, e si è laureato in giurisprudenza all’Università Economica Nazionale di Kiev. Attore e sceneggiatore per la serie tv Kvartal 95 dal 1997 al 2003, in seguito diventa produttore esecutivo dell’omonima casa di produzione. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti in patria e all’estero per la sua attività artistica. Dall’inizio delle ostilità nel Donbass nel 2014, ha sostenuto le forze armate del suo paese con fondi ed equipaggiamento, e organizzato spettacoli al fronte. Nell’aprile 2019 è stato eletto sesto presidente dell’Ucraina.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Libro: Fatti sentire

Posted by fidest press agency su martedì, 24 Maggio 2022

Megan Reitz e John Higgins nel libro Fatti sentire (ROI Edizioni), riflettono su come le relazioni di potere influenzino la capacità di esporsi per dire la verità e propongono alcuni consigli essenziali in entrambe le direzioni: per trovare la sicurezza di parlare e per incoraggiare gli altri a farlo. Con l’obiettivo, prima di tutto, di cambiare positivamente il modo in cui le persone si esprimono e vengono ascoltate sul posto di lavoro e nella vita. «Il silenzio è la voce mancante in una conversazione. È il suono di qualcosa che avrebbe dovuto essere detto ma non lo è stato. Succede di continuo» scrivono gli autori nell’introduzione. «Vi siete mai trovati in una situazione che sapevate essere sbagliata, ma non avete detto nulla? Avete mai avuto un’idea su come migliorare qualcosa, ma l’avete tenuta per voi? Vi siete mai resi conto che qualcuno – al lavoro o a casa – non vi aveva detto qualcosa perché aveva troppa paura di farlo, non voleva mettervi in imbarazzo, pensava che non fosse importante o credeva che non fosse il caso di dirvelo?» Il silenzio delle voci taciute costa carriere, relazioni e vite. Implica che nuove idee non vedono la luce del giorno e che problemi evidenti non vengono risolti. Può mettere in ginocchio – e lo fa, di continuo – intere multinazionali. Perché riuscire a parlare e a condividere sinceramente la propria opinione non dipende solo dal coraggio del singolo, ma è una questione relazionale: ci vuole sicurezza, ma, dall’altra parte, deve esserci la capacità di ascoltare e di chiedere con attenzione, per incitare al dialogo aperto invece che al silenzio. Un tema sempre più attuale, tanto nel mondo del lavoro, dove è fondamentale riuscire a instaurare una cultura aperta e collaborativa, quanto nella vita di tutti i giorni.Attraverso uno studio basato su centinaia di interviste, sondaggi, studi etnografici e ricerche attive, gli autori hanno sviluppato un sistema (“TRUTH”), per analizzare lo “stato di salute” del clima comunicativo dell’azienda, che si basa su cinque semplici domande capaci di cambiare le conversazioni, relazioni e prestazioni già consolidate: Quanto vi fidate (Trust) del valore della vostra opinione e di quella degli altri? Quali sono i rischi (Risks) che si possono presentare quando voi o altri prendete la parola? Comprendete (Understand) la strategia di chi dice qualcosa a qualcuno, e le sue ragioni? Siete consapevoli dei titoli (Titles) e delle etichette che ci attribuiamo l’un l’altro, e di come danno forma a ciò che viene detto e ascoltato?Sapete come (How) scegliere le parole giuste al momento e al posto giusto, e come aiutare gli altri a parlare attraverso ciò che dite e come vi comportate? ROI Edizioni In libreria dal 18 maggio 2022 pagine 224 Euro 23

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Tutto ciò che siamo stati”: Nuovo libro di Olimpia De Girolamo

Posted by fidest press agency su domenica, 22 Maggio 2022

Arriva nelle librerie Tutto ciò che siamo stati (Gabriele Capelli edizioni, Mendrisio, CH), il nuovo romanzo di Olimpia De Girolamo. L’autrice, napoletana, laureata in Filosofia, ha lavorato nel mondo del cinema-documentario e del teatro come autrice e attrice. È co-direttrice artistica del teatro “Agorà”, a Magliaso, nel Canton Ticino. Con il monologo La Mar ha vinto il premio Fersen a Milano. Nel 2021 ha vinto il premio Opennet nell’ambito delle giornate Letterarie di Soletta. Oggi vive in Svizzera. Tutto ciò che siamo stati è un percorso di consapevolezza e di liberazione. Quando arriva a Napoli, Anna è fortemente critica verso la sua famiglia e tutto ciò che rappresenta il suo passato (la madre «che aveva sparso semi sulla terra a casaccio, le erano caduti dalle mani e dalle tasche», il padre«sgranellato, fatto di rena e di fanghiglia», imbelle e senza personalità, il fratello eterno «un uomo di 47 anni che si muove nella vita come un ragazzino di quindici»). La madre le mette tra le mani un biglietto lasciato dal padre, sparito senza lasciare traccia: un messaggio in codice che lei non sa decifrare, ma che la costringe a ritornare indietro nel tempo e, tassello dopo tassello, a riannodare i fili della memoria e della consapevolezza di tutto ciò che è stato il suo passato. Anna viaggia tra i vicoli di Napoli e nei suoi meandri sotterranei, la «Napoli di sotto», alla scoperta di ciò che era nascosto dentro di lei e che viene prepotentemente fuori. La città la assorbe, la rapisce «come una goccia d’acqua in un mare enorme, senza pietà, senza alcun riguardo per la mia storia, per il mio essere diventata un’altra». Il viaggio è doloroso, la porta a dare un nuovo senso e una nuova spiegazione a tutto ciò che è stato. Per due giorni si aggira «come un’anima dannata in mezzo a loro, una rinnegata, una traditrice». Quando il viaggio sarà concluso, Anna sarà in grado di guardare se stessa in modo diverso e nuovo: quella storia, a tratti insopportabile, che riemerge mentre riannoda, tassello dopo tassello, i fili della memoria, le fa comprendere il senso degli avvenimenti del passato che si era lasciata alle spalle e forse volutamente dimenticato. Il libro è caratterizzato da una profonda analisi psicologica, un percorso di consapevolezza e di maturazione, incastonato all’interno di una narrazione fluida, con personaggi ben caratterizzati, di storia avvincente e dolorosa, che in alcuni momenti assume i tratti del giallo e del noir, senza lasciare però che essi prendano il sopravvento. Sullo sfondo della narrazione, c’è la Napoli dei quartieri popolari, del rione Sanità, con i suoi abitanti e il suo degrado, anche morale, i vicoli, le chiese, i riti, ma anche la «Napoli sotterranea», con le sue caverne e i suoi cunicoli, una sorta di città parallela, che l’autrice conosce bene e che descrive minuziosamente. La discesa nella città nascosta diventa per Anna uno dei tasselli del suo percorso, quasi simbolo di una coscienza occultata che riemerge e restituisce una nuova donna, più forte e consapevole.http://www.inpressweb.com/

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Presenze femminili nei libri del Fondo antico

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 Maggio 2022

Assisi. Manoscritti medievali, libri antichi e documenti d’archivio che parlano di donne verranno illustrati durante l’incontro che si terrà sabato 21 maggio alle 17 nella biblioteca del Sacro Convento di san Francesco in Assisi. L’evento, dal titolo “Voci al femminile”, è un esclusivo “viaggio” alla scoperta di inaspettate presenze femminili nei libri del Fondo antico.Si partirà da alcune importanti fonti dedicate a santa Chiara presenti nel più noto manoscritto della biblioteca, il codice 338, contenente tra l’altro la più antica copia del Cantico di Frate Sole di san Francesco; si potranno poi ammirare alcune miniature che raffigurano personaggi femminili, sacri e profani, insieme ad una statuetta seicentesca di Maria Bambina, conservata nella “sacrestia segreta” della Basilica, che per l’occasione sarà esposta in via del tutto eccezionale.Verranno illustrati alcuni testi di anatomia e sarà presentata, partendo dai documenti di archivio, l’interessante esperienza di scuola, pensata nel ‘700 per le ragazze di Assisi, da Angela del Giglio. Durante l’evento verrà, inoltre, proclamata una suggestiva lauda mariana della Fraternità dei Disciplinati di Santo Stefano dal preziosissimo Laudario illuminati, manoscritto trecentesco della biblioteca.Sarà Stefania Proietti, Sindaco di Assisi, ad introdurre l’incontro dove parteciperanno: suor Francesca Zambelli delle Suore francescane di santa Filippa Mareri, Donatella Vaccari del Museo della Porziuncola, Francesca Silvestri della Biblioteca della Società Internazionale di Studi Francescani, Anna Pelliccia, Ricercatrice Centro DISF Pontificia Università della Santa Croce, Cristina Roccaforte dell’Archivio storico del Sacro Convento di San Francesco in Assisi, e Anna Lucia Fuso come voce recitante. La partecipazione è libera, ma con prenotazione obbligatoria a centrodf@gmail.com

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Carlo Boccadoro: Battiato

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 Maggio 2022

Collana La nave di Teseo, pp. 192, 17 euro. A un anno dalla scomparsa di Franco Battiato, un viaggio nella sua officina creativa, negli anni della sua ricerca più sperimentale, sulla base delle partiture inedite ritrovate nel 2021.Un saggio sorprendente e di grande interesse che ci accompagna, con competenza e acume, alla scoperta di un Battiato inedito e ancora poco conosciuto, nel quale riscontriamo però tutti quei tratti di estro, lungimiranza e genialità che abbiamo imparato ad amare nelle sue canzoni. Durante gli ultimi venti anni ho sollecitato più volte lo stesso Battiato e alcuni dei musicisti che avevano partecipato alla realizzazione di questi album in modo da poter ritrovare qualcosa di scritto, ma senza risultati: nessuno ricordava che fine avessero fatto i materiali originali. Nel 2021, il ritrovamento di alcune partiture ha gettato una luce diversa sullo sviluppo autorale di Battiato, che abbandona il suo amato sintetizzatore con cui ha realizzato i primi dischi da solista per esplorare a fondo l’universo sonoro degli strumenti acustici: il pianoforte, la voce e il violino. Questo libro vuole gettare uno sguardo dettagliato sulla produzione sperimentale di un compositore che si è sempre rifiutato di utilizzare il proprio talento in maniera prevedibile, evitando di dare importanza alle aspettative sia dei critici che del pubblico. Anche quando il successo lo aveva raggiunto, egli ha sempre proposto a chi lo seguiva delle scelte controcorrente. Nessuno sapeva mai cosa aspettarsi da lui e questo era indubbiamente uno dei suoi punti di forza.” dall’introduzione di Carlo Boccadoro Questi è un compositore, musicologo e direttore d’orchestra di fama internazionale. Ha fondato l’ensemble di musica contemporanea Sentieri Selvaggi, e ha scritto numerosi libri.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Lo scrittore Ugo Moriano presenta il suo ultimo romanzo “Escursione Fatale”

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 Maggio 2022

Imperia. Venerdì 20 maggio, alle ore 17, presso il Monastero di Santa Chiara, al Parasio di Imperia-Porto Maurizio, lo scrittore Ugo Moriano presenterà il suo ultimo romanzo “Escursione Fatale”, il grande ed atteso ritorno degli agenti Ardoino e Vassallo. Una storia avvincente che inizia da una riunione organizzativa al Circolo Parasio e prosegue con una gita in montagna dai risvolti torbidi come la nebbia che sale rapidamente ed avvolge la verità nelle sue spire. A seguire, ci sarà una passeggiata attraverso alcuni luoghi descritti nel romanzo e un brindisi nella sede di Palazzo Guarneri. By Christian FLAMMIA

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

OLEUM. Qualità, tecnologia e sostenibilità degli oli da olive

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 Maggio 2022

A cura di Lanfranco Conte – Maurizio Servili. Il volume copre l’intera filiera olivicolo-olearia: dalle caratteristiche compositive alla qualità dell’olio vista in relazione alle variabili agronomiche e tecnologiche di produzione, dalle nuove tecnologie volte alla valorizzazione dei co-prodotti ottenuti dal processo estrattivo, in un’ottica di economia circolare, fino agli aspetti normativi aggiornati relativi alla commercializzazione del prodotto.Nel testo vengono messe in luce le più moderne metodiche analitiche sia per indagare la caratterizzazione e l’origine geografica degli oli sia per approfondire gli aspetti relativi alle fonti di contaminazione e di sicurezza alimentare. Largo spazio trovano inoltre le innovazioni di processo nel settore dell’estrazione meccanica degli oli vergini di oliva: una vera e propria “rivoluzione tecnologica” volta al miglioramento della qualità del prodotto e dell’efficienza estrattiva.Un capitolo è completamente dedicato al rapporto tra consumo di olio d’oliva, principale fonte di grassi della Dieta mediterranea, e salute, relativamente ai principali gruppi di malattie cronico-degenerative. € 42,00 – Edagricole di New Business Media srl Pagine 336 – formato 23 x 27 cm

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: I linguaggi pontifici

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 Maggio 2022

Un testo che mancava. Capace di interessare diplomatici e rappresentanti di istituzioni, formatori e studenti, comunicatori e giornalisti, viaggiatori e cittadini italiani e romani. È “Linguaggi pontifici. Storia, significati, protocollo della più antica istituzione del mondo” che, si legge nella presentazione, è il “il libro nato dalle conversazioni tra Andrea Gagliarducci e Mons. Stefano Sanchirico, che presenta in maniera semplice ma precisa, i diversi linguaggi del cerimoniale e del protocollo vaticano e della Santa Sede. Una ricca appendice fotografica completa quella che è un’esperta trattazione di una materia carica di tradizione, ma sempre attuale”.La Chiesa Nuova, in via della Chiesa Nuova a Roma, ha accolto il 10 maggio scorso la presentazione del volume, con un dibattito che ha visto gli interventi di padre Simone Raponi, Oratorio San Filippo Neri e di Filippo Di Giacomo, vaticanista, giornalista de il Venerdi di Repubblica e moderato da Javier Martinez-Brochal del quotidiano spagnolo “ABC”, alla presenza – con i due Autori, Andrea Gagliarducci, appunto, vaticanista, giornalista di EWTN e ACI Stampa e monsignor Stefano Sanchirico, Ufficiale dell’Archivio Apostolico Vaticano, già prelato d’onore di Sua Santità ed esperto di cerimoniale pontificio –, dei rappresentanti di 24 Ambasciate presso la Santa Sede e dell’Ordine di Malta insieme a docenti universitari, prelati, dignitari pontifici e componenti di diverse associazioni. Da sempre l’immaginario collettivo è incuriosito da come si svolgano le attività, quotidiane e non, dietro le alte mura vaticane che racchiudono lo Stato Pontificio. Una vita che si immagina regolata da norme rigide e rituali dalle origini antiche, che a volte abbiamo visto svelati nei film, cui raramente abbiamo la possibilità di assistere personalmente. Come per ogni Stato, anche quello governato dal Pontefice, oggi il molto amato Papa Francesco, nel tempo si è dotato di un corredo di dettagli fortemente simbolici ed evocativi. Come i colori delle vesti papali, il bianco di purezza, innocenza e carità e il rosso del sangue di Cristo. E molto altro.Spiritualità e universalità, sacro e profano, umanità laica e religiosa, coesistono nei codici esaminati nelle 72 pagine del saggio – pubblicato da Editoriale Romani nella collana Auxilia Juridica, con introduzione di Matteo Cantori – capace di rendere finalmente comprensibili tanti dei segni che quei codici compongono. Senza dimenticare il mondo che cambia e con esso anche forme e linguaggi dei suoi cerimoniali, anche di quello vaticano. Giusto cercare di conoscere questo e tutti i linguaggi, prima ancora di chiederci se e come conservino tutt’oggi efficacia e, soprattutto, senso.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Teologia e rischio

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Maggio 2022

In apparenza sembrano argomenti lontani tra di loro. Ma non è così. Il teologo padre Francesco Giordano e il valutatore del rischio Professore Luigi Pastorelli hanno voluto gettare un ponte intellettuale tra due discipline ritenute erroneamente distanti, contrastanti, per comprendere ed esaminare la realtà nelle sue varie configurazioni. Dal punto di vista della teoria del rischio serve recuperare e utilizzare un approccio teologico e al tempo stesso l’approccio di teoria del rischio potrebbe permettere di dare nuovo slancio agli studi di teologia. Una conversazione tra due intellettuali che può stimolare il dibattito sulla crisi e su come affrontarla.Il Padre Giordano e il professor Pastorelli hanno proposto argomenti di un’attualità incredibile. Hanno riportato l’uomo al centro. Un incontro tra discipline diverse che può generare una concezione dell’economia sana e solidale.Francesco Giordano, prete diocesano, dal 2015 è direttore di Human Life International (ufficio di Roma), organizzazione per la difesa della vita umana e della famiglia. Docente di Teologia alla Pontificia Università San Tommaso d’Aquino (Angelicum) di Roma.Luigi Pastorelli, esperto di analisi e valutazione dei rischi, è direttore tecnico del Gruppo Schult’z, società di Risk Management. Svolge attività accademica presso diverse università in qualità di docente incaricato di Teoria del Rischio.Cantagalli 2022 | pp. 96 | euro 12,00 Edizioni Cantagalli

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

I talenti di Ada Gobetti

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Maggio 2022

Fino al 19 maggio 2022 il Centro studi Piero Gobetti ricorda i 120 anni dalla nascita di Ada Prospero Marchesini Gobetti attraverso letture, incontri, eventi musicali e passeggiate, ispirati dalle tematiche dell’impegno professionale e personale di Ada. Il progetto biennale “Twenties. Energie Nove” nasce dal desiderio del Centro studi Piero Gobetti di avvicinare le nuove generazioni attraverso il coinvolgimento di associazioni, movimenti, collettivi e realtà giovanili del territorio locale e nazionale. Sulle orme di Piero Gobetti, che si appellava proprio alle “energie nove”, l’istituto ha da sempre una relazione con le nuove generazioni e, nel tempo, ne ha favorito la partecipazione attraverso eventi, seminari, gruppi di studio e iniziative speciali.Prima fase del progetto è stata una call to action rivolta alle organizzazioni culturali under 35 con l’obiettivo di comprenderne necessità e bisogni e, soprattutto, con il fine ultimo di avviare forme di dialogo e collaborazione. Il percorso è proseguito con incontri online, momenti di dialogo, scambio, formazione e contaminazione sul valore della cultura e delle sue pratiche nella nostra epoca. Nel 2021, il Centro ha celebrato il 120esimo anniversario della nascita di Piero Gobetti e il 60esimo anniversario della fondazione attraverso le “Giornate Energie nove” (19-20 giugno 2021). Giunto oggi al suo secondo anno, il progetto Twenties dedica il mese di maggio 2022 ai 120 anni dalla nascita di Ada Prospero Marchesini Gobetti, in particolare al suo impegno durante la Resistenza e al suo interesse per la musica.Dewrec APS, in collaborazione con Amalgama ETS e Generativa! APS, organizza mercoledì 4, 11 e 18 maggio alle ore 19, nel circolo Arci Anatra Zoppa, in via Courmayeur 5, Ada e la musica. 3 incontri che si inseriscono nel music forum lab Timpani, format che crea una dimensione di ascolto e confronto musicale alternativa e collettiva.Domenica 15 maggio il network studentesco Culturit Torino cura l’evento (R)esistendo. Passeggiata tra Storia e persone. L’itinerario, rivolto in particolare agli under 25, partirà alle ore 16.00 da Palazzo Nuovo (via Sant’Ottavio 20, Torino) e percorrerà le strade del capoluogo piemontese, coinvolgendo i partecipanti in una riflessione sulle nuove resistenze tra ieri e oggi.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Garth Nix: Sabriel

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Maggio 2022

Pagine:348 Prezzo cartaceo:€ 18,50 Prezzo eBook:€ 9.99 Traduzione di Daniela De Lorenzo. Fazi Editore.Garth Nix, stella del firmamento della letteratura fantasy, torna in libreria con Sabriel, il primo capitolo della trilogia del Vecchio Regno: ormai un grande classico.Sabriel studia in un prestigioso college per sole ragazze non lontano dal Muro che divide il territorio di Ancelstierre dal magico e pericoloso Vecchio Regno, dove suo padre ricopre la carica di Abhorsen, il protettore che ha il compito di impedire ai morti di tornare nel mondo dei vivi. Da quando la famiglia reale è decaduta, i morti sono diventati sempre più forti e intrepidi, minacciando di sopraffare l’intero regno. Quando il padre di Sabriel viene imprigionato nel mondo della Morte da una pericolosa creatura, la ragazza si mette in viaggio per salvarlo. Lungo la strada, troverà come compagni di viaggio Mogget, un antico spirito costretto nella forma di un gatto bianco, e il giovane mago Touchstone, che verrà liberato da un incantesimo durato decenni ma rimarrà intrappolato sotto il peso di dolorosi ricordi. Ogni passo nelle profondità del Vecchio Regno li avvicinerà a minacce mai viste prima, che costringeranno Sabriel ad affrontare il proprio destino in una battaglia con le vere forze della vita e della morte. Chi proteggerà i vivi quando i morti torneranno? Incluso nella lista di «Time» dei migliori cento libri young adult di sempre, Sabriel è uno straordinario viaggio di formazione in un mondo pieno di magia e mistero, dove le forze magiche circolano libere e il confine tra la vita e la morte è sempre più labile.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’avventura di un viaggio attraverso la Siberia

Posted by fidest press agency su martedì, 10 Maggio 2022

Il libro di Domenico Zeziola “Nove amici in Siberia” (2022) è il racconto di un’avventura al limite dell’impossibile: con un bus trasformato in camper, una Fiat 600 del 1956, una Fiat 1100 del 1964 ed un maggiolone nove amici intraprendono un lungo viaggio che li porta dapprima a Mosca e, da lì fino a Vladivostok, città portuale russa sul Pacifico, meta finale del loro viaggio sulla rotta della celeberrima Transiberiana. Il viaggio inizia il 10 maggio 1994 in Italia ed il 15 maggio successivo da Mosca, salutati dalle autorità sovietiche ed accompagnati da alcuni giornalisti. Le temperature primaverili non attutiscono i rigori dell’inverno di una avventura lungo varie città, villaggi, foreste ghiacciate, o nelle zone del grande lago Baikal. Lo stile è asciutto ed essenziale, minuziosamente descrittivo. È la storia di un viaggio vissuto all’insegna di una grande passione che fa sognare l’impossibile ai due primi ideatori (Paolo e Mimmo) e che coinvolge ben presto anche altri amici. L’organizzazione, la necessità di trovare sponsor importanti che finanzino l’iniziativa, il coinvolgimento della provincia di Brescia, del Senato della Repubblica (con il presidente Spadolini), il sostegno di giornali e giornalisti occupa tutta la prima parte del libro. Altre difficoltà sono quelle legate all’ottenimento dei visti necessari per percorrere le strade dell’ex Unione Sovietica, quando erano trascorsi appena tre anni dal crollo del regime voluto da Lenin e Stalin: erano giorni di speranze, lontani dai venti di guerra attuali. E ci sono anche momenti esaltanti, come quello dell’incontro con il presidente russo Gorbaciov, cui raccontano il loro progetto. Poi inizia il viaggio e la descrizione minuziosa delle tappe, dei villaggi, degli incontri con la gente. Ufa, Omsk, Novosibirsk, Cita, Skovorodino, Chabarovsk sono alcune delle città attraversate prima di raggiungere la meta ultima di Vladivostok. Il filo conduttore è l’avventura dei nove amici, con le loro auto storiche riadattate, il loro pullman-camper, che li ospita nelle notti lungo il tragitto siberiano: avventure e viaggi narrati da Zeziola con una straordinaria capacità di catturare il lettore e condurlo lungo le strade della geografia e della storia. Le descrizioni attente non si fermano alle grandi città: c’è lo sguardo sul piccolo villaggio siberiano incontrato lungo il viaggio con “pochissime baracche in legno, un fangoso sentiero privo di marciapiedi, precari ricoveri che ospitavano intere famiglie”. Alcuni momenti centrali sono dedicati ai panorami della Siberia, alle strade accidentate, la foresta, la neve mista al fango, i tanti guasti alle vetture, le gomme forate lungo un percorso fatto di “lontani villaggi oltre inarrivabili colline, fondi stradali ghiacciati o infangati, infinite e sperdute praterie, aspre vallate, macchie boschive”. Non mancano le citazioni delle opere della letterature russa e di Dostoevskij.Il racconto è anche ricco di ampie narrazioni storiche: dalla storia di Rasputin, i suoi legami con lo zar Nicola e la zarina Alessandra, a causa della malattia dello zarevic Aleksej, la fine dell’impero russo, ma anche la storia di Stalin e le sue teorie bislacche sulla potenza sovietica, coltivate insieme al fedele ministro Berja, ma anche piccole digressioni sul generale nazista Heydrich, nonché sulle origini ebree di Hitler, qualche cenno a Mussolini o a Balbo, ma anche piccole storie amene, come quella legata alla leggenda di Babbo Natale, o cenni storici più lontani, come quelli di Alessandro Magno. Zeziola attraversa con grande competenza vari pezzi della storia europea – e della Russia in particolare – e non manca una descrizione minuziosa di luoghi e città, come accade per Mosca, o per Berlino est e Dresda, ricostruite dai sovietici. Un libro – contenitore, dove ogni pagina riserva una sorpresa ed ogni capitolo racconta una storia e si incastona nella lunga e varia storia dell’umanità. Un racconto con dovizia di particolari che, pagina dopo pagina, apre finestre affascinanti.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“La memoria della luce”

Posted by fidest press agency su martedì, 10 Maggio 2022

E’ un’opera di 362 pagine che approfondisce il passato, il presente e il futuro del Centro di Cinematografia e Cineteca del Club Alpino Italiano. Il libro è edito dal CAI. La storia della Cineteca si delinea attraverso il materiale contenuto negli archivi del Centro di Cinematografia, nato nel 1946 come Commissione Cinematografica Centrale a Torino e poi trasferita nel 1951 a Milano: verbali, documenti vari, immagini di film e fotografie selezionate da Pamela Lainati che ha curato l’apparato archivistico e fotografico del volume. Nel tempo la Cineteca ha iniziato a custodire un patrimonio storico composto da film, documenti e materiali di produzione a partire dalle cineprese che sono gli strumenti fondamentali del cinema ad alta quota e rappresentano la principale chiave di lettura per poter comprendere l’evoluzione del cinema di montagna. Nel volume hanno un ruolo di primo piano anche alpinisti e autori del calibro di Fosco Maraini, Gianni Rusconi, Riccardo Cassin e Reinhold Messner. Scritti e materiali personali sono stati selezionati e raccolti nel lavoro di documentazione alla base dell’opera.L’obiettivo è quello di mettere in relazione il materiale d’archivio con le grandi imprese alpinistiche. “Volevo che questo doppio filo fosse compreso e apprezzato anche da chi non è un addetto ai lavori”, continua Massena. Il volume è disponibile in libreria e sul CAI Store al prezzo di 35 euro, 31 euro per i soci e 27 euro per le Sezioni. Venerdì 6 maggio, il libro verrà presentato in occasione della 70esima edizione del Trento Film Festival. Saranno presenti, oltre all’autore, il Presidente generale Torti, il Presidente del Centro di Cinematografia e Cineteca Angelo Schena, la regista Lia Giovanazzi e la curatrice del volume Pamela Lainati. Modera il direttore di Montagne360 Luca Calzolari.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

JOËL DICKER: Il caso Alaska Sanders

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Maggio 2022

Incontro con l’autore in anteprima il 21 maggio al Salone del Libro di Torino (Sala Azzurra, ore 13.15), il 23 a Milano (libreria Mondadori Duomo, ore 18.30), il 24 a Roma (libreria I Granai, ore 18). Collana Oceani, trad. Milena Zemira Ciccimarra, pag. 608, 22 euro. Dopo 10 anni esatti arriva l’attesissimo seguito di La verità sul caso Harry Quebert. Subito al primo posto delle classifiche dove finora è uscito: Francia, Svizzera, Belgio e Canada. Aprile 1999. Mount Pleasant, una tranquilla cittadina del New Hampshire, è sconvolta da un omicidio. Il corpo di una giovane donna, Alaska Sanders, viene trovato in riva a un lago. L’inchiesta è rapidamente chiusa, la polizia ottiene la confessione del colpevole, che si uccide subito dopo, e del suo complice. Undici anni più tardi, però, il caso si riapre. Il sergente Perry Gahalowood, che all’epoca si era occupato delle indagini, riceve un’inquietante lettera anonima. E se avesse seguito una falsa pista? L’aiuto del suo amico scrittore Marcus Goldman, che ha appena ottenuto un enorme successo con il romanzo La verità sul caso Harry Quebert, ispirato dalla loro comune esperienza con un altro crimine, sarà ancora una volta fondamentale per scoprire la verità. Ma c’è un mistero nel mistero: la scomparsa di Harry Quebert. I fantasmi del passato ritornano e, fra di essi, quello di Harry Quebert.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La Chiesa italiana a metà del XIX secolo

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Maggio 2022

Furono istituite le Missioni Cattoliche Italiane per essere accanto ai connazionali che partivano dall’Italia. Con il passare del tempo e l’evoluzione della mobilità umana, però, le MCI sono diventate punto di riferimento anche per tutte quelle persone migranti arrivate prima in Italia e successivamente emigrate in altri Paesi. Sacerdoti che, coadiuvati sempre più da operatori laici preparati e specializzati, sono chiamati a nuove sfide: a intraprendere, cioè, un cammino anche (ma non solo) pastorale che sappia dare risposte appropriate alle nuove esigenze. Del ruolo delle Mci in Europa si è parlato, lo scorso mese di novembre, durante il convegno “Gli Italiani in Europa e la missione cristiana. Radici che non si spezzano ma si allungano ad abbracciare ciò che incontrano” promosso dalla Fondazione Migrantes con la presenza di 200 tra sacerdoti ed operatori impegnati nella pastorale per gli italiani in Europa. Gli atti di quel convegno sono ora raccolti in un volume, curato da Raffaele Iaria e Delfina Licata ed edito da Tau editrice. La lettura dell’emigrazione italiana in Europa «ci deve rendere sempre più consapevoli che il Continente europeo è una casa comune», ha detto papa Francesco ricevendo i partecipanti: e la Chiesa in Europa non può «non considerare i milioni di emigranti italiani e di altri Paesi che stanno rinnovando il volto delle città e dei paesi». Il Pontefice li ha incoraggiati a proseguire nel «vostro impegno e a pensare con creatività ad una missione che guardi al futuro delle nostre comunità perché siano sempre più radicate nel vangelo e accoglienti».Nel volume contributi, fra gli altri, dei cardinali Gualtiero Bassetti, presidente della Cei e Andres Arborelius, Vescovo di Stoccolma, di mons. Gian Carlo Perego, presidente della Fondazione Migrantes e di mons. Jean Kockerols, vescovo ausiliare di Bruxelles-Malines e un’appendice dedicata al Rapporto Italiani nel Mondo della Fondazione Migrantes che raccoglie l’intervento realizzato il giorno della presentazione nazionale dal segretario generale della Cei, mons. Stefano Russo, il messaggio del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e dell’allora presidente del Parlamento Europeo, Davide Sassoli, prematuramente scomparso.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Svetlana Aleksievič e i nuovi volti del male tra Russia, Ucraina e Černobyl’

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 Maggio 2022

«Il poeta russo Aleksandr Blok afferma: “tutto ciò che è russo è triste”. Io potrei definirmi cronachista di questa civiltà delle lacrime e della sofferenza. Da vent’anni ormai scrivo la storia del piccolo uomo e della grande utopia. Questo Paese, il Paese dell’utopia, dell’utopia comunista non esiste più e quanto più questa esperienza si allontana nel tempo, tanto più assume le caratteristiche di un mito e appare incapace di restituirci ciò che è stata davvero. Perché l’utopia comunista, così come è stata realizzata, era sanguinaria, ma continua a ipnotizzare le menti degli uomini. Da vent’anni sto raccontando la sua storia attraverso le voci di coloro che l’hanno vissuta. Il mio modo di scrivere e di narrare è nato nel momento in cui mi sono resa conto che l’arte non riusciva a star dietro alla vita delle persone: il mondo cambia in fretta e molte cose della vita sfuggono all’attenzione di uno sguardo artistico. Per il fatto di essere cresciuta in campagna e di essere giornalista ho viaggiato molto per il Paese, ho parlato con molte persone e mi sono resa conto che in ogni uomo c’era un testo, piccolo o grande che fosse, degno di nota. Allora mi sono chiesta: perché non ricavare da ognuna di queste voci una o due pagine, così da ottenere un tessuto, un «romanzo» in cui entri ogni mio interlocutore?» sono le parole di Svetlana Aleksievič, giornalista e scrittrice bielorussa di madre ucraina e Premio Nobel per la Letteratura nel 2015, autrice del volume “Il male ha nuovi volti. Černobyl’, la Russia, l’Ucraina”, disponibile in libreria in questi giorni con il marchio Scholé (pp. 144, € 12), con Introduzione di Goffredo Fofi e curato da Alberto Franchi e Sergio Rapetti. Pagine che mostrano come la letteratura anticipi e possa essere d’aiuto a comprendere il presente. Le decine di esperienze raccolte dall’autrice ripercorrono i nodi cruciali della Russia e dell’Ucraina e aiutano a capire il nostro oggi: la grande utopia del comunismo e la sua fine, la Seconda guerra mondiale e la guerra dell’Armata rossa in Afghanistan e infine l’insorgere della paura ecologica scatenata dal disastro di Černobyl’ e la guerra del Donbass. Lo sguardo giornalistico fa posto alla profonda empatia e capacità di avvertire il dolore degli altri, riuscendo a trasmetterlo e soprattutto a comprenderlo. «Le persone che Svetlana ascolta e di cui trasmette il dolore sono persone vere, le loro fatiche e il loro dolore non tollerano le astuzie della letteratura, e anche questo è un grande merito di questa scrittrice-mediatrice, in un’epoca in cui va di moda (è un consumo tra i tanti) che si finga di partecipare alle sofferenze del mondo leggendo scrittori e scrittrici che se ne dicono portavoce, e che lo fanno a fini di successo e di lucro» – scrive Goffredo Fofi nella sua Introduzione al volume. «Unica infine l’intenzione, unico il progetto: quello di “piangere insieme”» continua Fofi «Nella speranza o nella prospettiva di reagire insieme? Anche questo, certo, perché se è vero, come ci ricorda Sergio Rapetti, che Svetlana ha detto che “sulle barricate la vista peggiora” è però anche vero che ella guarda con fiducia a coloro che “scendono nuovamente per strada” e “si prendono per mano”, e protestano e si confrontano, ed elaborano nuove strategie per nuove lotte sentendone la necessità nella loro pelle, anzi l’indispensabilità. La speranza e la carità sopravvivono alla perdita della fede, e possono sembrarci oggi più importanti della stessa fede». Intense pagine autobiografiche che costringono a confrontarsi con la propria precarietà, sco­prendosi indifesi di fronte a una nuova dimensione del male, a minacce impalpabili, a nemici invisibili quanto inesorabili. Introduzione di Goffredo Fofi pp. 144 € 12

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Zelensky: Per l’Ucraina

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 Maggio 2022

Per l’Ucraina è la raccolta dei discorsi più significativi del presidente Zelensky sin da quando, il 21 febbraio, invitò solennemente il suo popolo all’unità in nome della nazione. Dalle parole drammatiche del primo giorno di conflitto a quelle pronunciate di fronte al Parlamento italiano, al Congresso americano e nelle più alte sedi europee, fino ai discorsi rivolti alla popolazione pubblicati sui social network, Zelensky è in prima linea. Difensore del suo paese e della libertà adesso messi in pericolo dalla guerra, ci avverte: se cade l’Ucraina, cade l’Europa. E’ nato a Kryvyj Rih, in Ucraina, e si è laureato in giurisprudenza all’Università Economica Nazionale di Kiev. Attore e sceneggiatore per la serie tv Kvartal 95 dal 1997 al 2003, in seguito diventa produttore esecutivo dell’omonima casa di produzione. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti in patria e all’estero per la sua attività artistica. Dall’inizio delle ostilità nel Donbass nel 2014, ha sostenuto le forze armate del suo paese con fondi ed equipaggiamento, e organizzato spettacoli al fronte. Nell’aprile 2019 è stato eletto sesto presidente dell’Ucraina. Editore La Nave di Teseo.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Elfriede Jelinek: La voglia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 Maggio 2022

Collana Oceani, pp. 256, 19 euro Nuova traduzione di Nicoletta Giacon. “Il fluire musicale del canto e controcanto nei suoi romanzi rivela, l’assurdità dei cliché della nostra società e il loro potere soggiogante.” dalla motivazione per il premio Nobel per la letteratura In una valle nelle alpi austriache, Hermann è il direttore della cartiera che dà lavoro a metà del paese. È un uomo che si crede generoso ma che conosce solamente il possesso e il controllo come modo di rapportarsi al mondo. A farne le spese non sono solo i suoi dipendenti, ma anche la moglie, Gerti, trattata come un oggetto per appagare le sue insopprimibili voglie sessuali. Gerti, da parte sua, soffre ed è scissa tra i doveri di madre e moglie e il desiderio di sfuggire al dominio sessuale e morale che il marito esercita su di lei, nonché alla ripetitività e alla noia della vita di provincia. Si sfoga andandosene di casa, sparendo quando può, bevendo e ubriacandosi. Per lei la tensione tra maternità e sessualità è insuperabile, l’una annulla l’altra, e per questo è ancora più frustrata. Un giorno, durante una delle sue fughe, incontra Michael, un giovane studente seduttore seriale, e se ne innamora perdutamente. Ma per Michael è solo l’ennesima preda da conquistare e umiliare e Gerti non può sopportare per sempre. Con questo romanzo molto discusso Elfriede Jelinek racconta, senza alcuna pietà né commiserazione e con una scrittura precisa e violenta, ironica e diretta, il dominio che l’uomo esercita impunito sui suoi simili, sulla natura ma soprattutto sulle donne.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »