Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 299

Archive for the ‘Recensioni/Reviews’ Category

Reviews

“Option B” – di Sheryl Sandberg e Adam Grant

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 settembre 2017

option b“Come reagiamo quando la vita ci mette alla prova?” Dopo l’improvvisa morte del marito, Sheryl Sandberg, direttore operativo di Facebook, era certa che lei e i suoi figli non avrebbero più potuto trovare la vera gioia. “Ero come sospesa nel vuoto” scrive, “un immenso buco nero che ti riempie il cuore e i polmoni, che limita la tua capacità di pensare e ti impedisce persino di respirare”. Poi il suo amico Adam Grant, psicologo e docente alla Wharton Business School dell’Università di Pennsylvania, le disse che esistono azioni concrete che una persona può intraprendere per guarire e riprendersi anche dalle esperienze più devastanti. Non siamo nati con una quantità fissa di resilienza. La resilienza è un muscolo, che ciascuno di noi può costruire e allenare.
“Option B” coniuga le intuizioni personali di Sheryl Sandberg con le ricerche illuminanti di Adam Grant su come trovare la forza di andare avanti nonostante le avversità. Partendo dal momento straziante in cui ha trovato il marito, Dave Goldberg, privo di vita sul pavimento della palestra, Sheryl apre il proprio cuore – e il proprio diario – per descrivere il profondo dolore e il senso di isolamento che ha provato subito dopo la sua morte. Ma Option B si spinge oltre l’elaborazione del lutto e indaga l’esperienza di persone che hanno saputo superare difficoltà significative come malattia, perdita del lavoro, aggressioni sessuali, disastri naturali, la violenza della guerra. Le loro storie testimoniano la capacità dello spirito umano di perseverare e di riscoprire la gioia. La resilienza nasce dal nostro intimo, ma anche dal sostegno di chi ci sta intorno: persino dopo le esperienze più devastanti è possibile crescere, trovando un significato più profondo e imparando ad apprezzare di più le nostre vite. Prima o poi, nella vita, tutti noi siamo costretti a ricorrere a una qualche Opzione B. Questo libro ci insegna a sfruttarla al meglio.
Gli autori:Sheryl Sandberg – Imprenditrice, filantropa e direttore operativo di Facebook, è autrice di Facciamoci avanti e ha fondato LeanIn.Org, un’associazione che si propone di aiutare le donne a raggiungere i propri obiettivi. È stata vicepresidente delle vendite online per Google e capo dello staff al Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti d’America. Vive in California con i due figli.
Adam Grant – Psicologo e docente alla Wharton Business School dell’Università della Pennsylvania. Editorialista del New York Times e autore del libro Essere originali. Come gli anticonformisti cambiano il mondo. È uno dei pensatori più innovativi del nostro tempo e ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti dalla American Psychological Association e dalla National Science Foundation. Vive a Philadelphia con la moglie e i tre figli. (HarperCollins 304 pagine – 17,50 euro Traduzione di Valeria Sanna)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Miele: prodotto d’eccellenza

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 settembre 2017

mieleTornareccio (Ch) Il miele di coriandolo di Apicoltura Luca Finocchio è testimone d’eccellenza tra i prodotti chiamati a rappresentare il meglio dell’enogastronomia Made in Italy. Lo ha decretato la commissione di GourmArte 2017, la rassegna con sottotitolo “Custodi, maestri, esploratori e interpreti del gusto” che si svolgerà a Bergamo a inizio dicembre, ideata da Elio Ghisalberti per identificare e valorizzare i prodotti enogastronomici eccellenti interpretati dalla creatività e dalle sapienti mani dei migliori chef in circolazione. A Luca Finocchio, così, è stato assegnato il riconoscimento di Esploratore del Gusto, in virtù proprio della bontà del suo miele di coriandolo. Così, l’azienda di Tornareccio continua a fare incetta di premi e ora, grazie a GourmArte, è riuscita a far apprezzare un suo miele nell’impegnativa e selettiva Lombardia, terra di grande tradizione culinaria.
Intanto, per l’ennesimo anno consecutivo sono state diverse le Gocce d’Oro assegnate ai mieli di Luca miele1Finocchio nell’ambito dello storico concorso Grandi Mieli d’Italia Premio “Giulio Piana”, la cui cerimonia di premiazione si svolge oggi (domenica 17 settembre) a Castel San Pietro Terme (Bologna): due Gocce d’Oro ai mieli di arancio, melata e acacia, una Goccia d’Oro a quelli di coriandolo e girasole.
“Siamo particolarmente fieri del premio ottenuto a GourmArte di Bergamo – commenta Luca Finocchio – perché, ancora una volta, inserisce il nostro miele tra le eccellenze del Made in Italy: siamo contenti, dunque, di rappresentare anche noi il meglio della tradizione enogastronomica italiana nel mondo. E, come sempre, rendono merito al nostro miele le Gocce d’Oro di Castel San Pietro Terme: averle ricevute per tanti anni di seguito vuol dire che l’eccellenza dei nostri prodotti non è occasionale ma è la cifra stabile del nostro lavoro. E ora aspettiamo i nostri clienti e gli appassionati del “nettare degli Dei” a Tornareccio Regina di Miele, la rassegna che si svolgerà sabato 23 e domenica 24 settembre nel nostro paese”. (foto: miele)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Segunda edición de la Semana Europea de las Lenguas en Madrid

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 settembre 2017

madridMadrid 21 de septiembre a las 11.00 horas sede de la comision europea de Madrid Paseo de la Castelana 46. La II Semana Europea de las Lenguas se celebrará la última semana de septiembre en algunas sedes de los diferentes organismos culturales participantes en Madrid pertenecientes a EUNIC (European Union National Institutes for Culture). En la II Semana Europea de las Lenguas, los visitantes podrán participar, entre otras actividades: en un taller interactivo de teatro para aprender italiano, asistir a encuentros con autores de literatura internacional, acudir a minicursos de idiomas, visitar alguna de las exposiciones programadas tanto bibliográficas como de fotografía, sumergirse en el mundo de la realidad virtual, realizar intercambios de libros, ir a ciclos de cine, escuchar cuentacuentos, conciertos, conocer más sobre traducciones, e incluso degustar algunas especialidades culinarias de los diferentes países participantes. Todo ello con un hilo conductor, las lenguas y la importancia de los idiomas en el mundo actual. Además de la programación cultural y dentro del marco de la II Semana Europea de las Lenguas se organizarán otras actividades de enseñanza de idiomas que van desde conferencias para profesores (el día 23) o jornadas de puertas abiertas (el día 30).

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Grotta dei Desideri: la consegna delle borse di studio avrà luogo a Cariati

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 settembre 2017

Filomena GrecoSi terrà a Cariati (Cosenza) domenica 24 settembre, a partire dalle ore 18 in piazza Rocco Trento davanti al municipio, la cerimonia di consegna delle borse di studio della Grotta dei Desideri, l’eccezionale kermesse dedicata al mondo dell’arte sartoriale che storicamente si svolge ad Amantea. Un abbraccio ideale tra Ionio e Tirreno nel segno della moda. Già lo scorso anno la Grotta dei desideri era approdata a Cariati per la consegna delle borse di studio ai vincitori. Tale avvicinamento era stato etichettata indicando geograficamente il destino condiviso dai due comuni: le prime o le ultime città, a seconda dei casi, ricadenti nella provincia di Cosenza su entrambe le coste. A distanza di un anno da quella iniziativa, Amantea e Cariati, Ionio e Tirreno, si ritrovano a stretto contatto per accogliere in uno scenario d’incanto, dall’alba al tramonto, gli stilisti che nel mese di agosto hanno decretato il successo della kermesse: dalla Toscana l’estrosità di Federico Stefanacci, a lui il primo premio da 2 mila euro; dalla Calabria la ricercatezza di Benedetto Talarico, secondo classificato con un riconoscimento da 700 euro; dalla Campania la sartorialità di Stefania Voria che si è aggiudicata il premio speciale messo in palio dalla rivista “La Mia Boutique”. Saranno loro a incantare i presenti con abiti frutto dello studio e della propulsione all’innovazione che certamente contribuiranno alla loro affermazione nell’olimpo del made in Italy.
«È per noi un immenso piacere – ha dichiarato la sindaca di Cariati Filomena Greco – accogliere e ospitare un evento così prestigioso come la Grotta dei desideri. Il lavoro fatto in questi anni dal direttore artistico e ideatore della manifestazione, Ernesto Pastore, dovrebbe ispirare i nostri giovani. Perché, con dedizione e caparbietà, è riuscito in un’impresa che a molti in Calabria troppo spesso sembra impossibile: creare un appuntamento d’eccellenza, capace di ottenere plausi e consensi nel panorama nazionale e internazionale dell’arte e della moda. Siamo già in trepida attesa, curiosi di conoscere anche quali saranno gli approdi futuri della kermesse».
Concetta Veltri«Con gioia – spiega il direttore artistico della kermesse Ernesto Pastore – abbiamo accettato nuovamente l’invito della sindaca Filomena Greco. Grazie alla fortunata esperienza dello scorso anno la Grotta dei desideri ha ampliato i propri confini realizzando un calendario di iniziative che si concretizzano non solo in Calabria. Tra ottobre e novembre, infatti, presenteremo presso la Rome University of Fine Arts l’edizione 2018 che sarà ricca di novità. La Grotta dei desideri cambia pelle: a partire dalla quattordicesima edizione si chiamerà “GDD FASHION WEEK”, aprendosi di fatto ad una connotazione più internazionale, ma mantenendo ben ferme le proprie origini. Questo primo step evolutivo prenderà forma e sostanza proprio a Cariati».
La serata del prossimo 24 settembre non sarà però una semplice cerimonia di consegna di un premio, ma un momento di approfondimento e di confronto per programmare il futuro e favorire la crescita della Grotta dei desideri negli anni a venire. Alla tavola rotonda prevista, oltre a Filomena Greco, che farà gli onori di casa, parteciperanno l’assessore al turismo del comune di Amantea Concetta Veltri, il responsabile commerciale per la Calabria e la Basilicata di Banca Mediolanum Ugo Lombardi, i coordinatori del progetto editoriale “Calabria’s” Jessica Pisani e Fausto Laganà, Davide Marano in rappresentanza dell’azienda “Fratelli Marano” specializzata nella lavorazione dei fichi secchi del cosentino, e Federico Lorelli, odontoiatra che presso il suo studio di Vibo Valentia ha introdotto l’uso dell’immagine nel rapporto medico – paziente. Grazie al loro supporto Federico Stefanacciè stato possibile strutturare un fondo capitale di formazione tra i più alti a livello nazionale. Non mancheranno i momenti di spettacolo. Durante la cerimonia, infatti, è prevista una estemporanea di gioielli contemporanei curata dalla designer rionerese Daniela Moretti che lo scorso anno ha presentato una sua creazione dedicata alla città di Cariati. Ma è la bellezza l’assoluta protagonista: le acconciature del maestro Pino Cerra, accompagnato dal suo staff, che rendono speciale ogni donna; il trucco della make-up artist Antonella Morelli; il fascino delle modelle Anna Greco (team leader), Alessandra Crocco, Federica Florio, Jessica Veltri, Vanessa Bruno, Asia Pati, Francesca Brusco, Ilaria Aloisio e Giulia Angotti. E naturalmente non può mancare il gruppo organizzativo GDD, composto oltre che dal direttore artistico, da Viviana Lorelli, Martina Fucà, Laura Viola, Ilenia Crucitti, Carmine Tufo, Rocco Dagostino e Federica Ciaccio. Per essere sempre informati basta collegarsi al blog ufficiale dell’evento http://lagrottadeidesideri.worpress.com o consultare la pagina Facebook ufficiale. (dott. Ernesto Pastore) (foto: Filomena Greco, Concetta Veltri, Federico Stefanacci)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Assegnati i Macchianera Internet Awards ai migliori siti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 settembre 2017

ph: albertofeltrin.comph: albertofeltrin.com“La nuova edizione dei Macchianera Internet Awards si è svolta nuovamente a Milano visto il successo dello scorso anno – afferma Gianluca Neri, fondatore dei Macchinera Internet Awards -. Anche per questa edizione l’apporto del pubblico è stato fantastico; la sala era tutta esaurita e gli utenti da casa hanno letteralmente invaso il nostro sito per votare l’influencer o il blog preferito. I numeri parlano chiaro: siamo davanti ad oltre due milioni e mezzo di voti che ci hanno permesso di stilare le 33 classifiche delle altrettante categorie in gara. Questo ci rende fieri di tutto il lavoro che abbiamo svolto per rendere unica questa serata”.La categoria Personaggio dell’anno è stata vinta da Alberto Angela, che ha battuto la concorrenza di Bebe Vio e Fabio Rovazzi. Quarto posto per FaviJ e quinto per Ludovica Comello. Roberto Burioni invece si è aggiudicato la categoria Personaggio Rivelazione, seguito al secondo posto da Il Signor Distruggere e al terzo da Fatto in casa da Benedetta. Quarto Nicolò Balini e quinto Matteo Flora.La categoria Miglior Instagrammer (sponsored by Nescafé) è stata conquistata da Diletta Leotta che ha battuto Greta Menchi e Chiara Ferragni. Quarto posto per Ludovica Comello, e quinto per Fedez. Selvaggia Lucarelli si è aggiudicata la categoria Miglior Tweeter, con Ludovica Comello appena dietro, seguita al terzo posto da Frank Matano. In coda hanno chiuso Diego Bianchi (Zoro) e Guglielmo Scilla (Willwoosh).
Zerocalcare si è aggiudicato la categoria Miglior Disegnatore – Vignettista. Al secondo posto si posizionato Makkox, mentre il terzo gradino del podio occupato da Boban Pesov. Quarto posto per Alessandro Mereu (Don Alemanno), quinto posto Vauro.Casa Surace si è aggiudicato la palma di Miglior Pagina Facebook, battendo così Commenti Memorabili, Adotta anche tu un alfabeta funzionale, Le più belle frasi di Osho e Il Signor Distruggere. Nella categoria Miglior Community invece, si è imposto Feudalesimo e Libertà che ha battuto Italiansubs e Lega Nerd. Quarto posto per Giallo Zafferano e quinto per Fotografie Segnanti. Favij ha vinto la categoria Miglior Youtuber – Videomaker. A secondo posto si sono posizionati I Pantellas, seguiti da Stefano Lepri (St3pny), Luca Denaro (Il vostro caro Dexter) e Matt&Bise.
ph: albertofeltrin.comLa categoria Miglior Testata Giornalistica è stata vinta dall’Ansa, che ha battuto la concorrenza de Il Fatto Quotidiano e de Il Post. Hanno chiuso la top 5 i siti di Lettera 43 e La Repubblica. Radio Deejay invece si è confermata la Miglior Radio. Al secondo Virgin Radio, seguita da RTL 102.5, RDS e Radio 105. Invece nella categoria Miglior Radio o Podcats Online si è imposto Alzabandiera, che ha preceduto Scientificast e Radio Stonata. Hanno chiuso al quarto e quinto posto Radio Luiss e Uau Radio.
Netflix è stato premiato come Miglior Canale TV, seguito da Amazon Prime Video e Real Time. DMAX e Sky Atlantic si sono posizionate rispettivamente al quarto e quinto posto. Nella categoria Miglior Sito Televisivo ha vinto ItalianSubs, seguito da Netflixlovers e Davide Maggio. Quarto posto per Tvblog e quinto per Subspedia. Ulisse: il piacere della scoperta ha vinto la categoria Miglior Trasmissione Tv. Al secondo posto si è posizionato Superquark, mentre al terzo Gazebo. Quarto e quinto posto per Pechino Express e E poi c’è Cattelan.Lercio ha vinto la categoria Miglior Sito davanti a Salvatore Aranzulla, Giallo Zafferano, Il Post e Il Fatto Quotidiano. Nella categoria Miglior Sito di Viaggi si è imposto Turisti per caso. Il secondo posto è stato conquistato da Non solo turisti, seguito da Airbnb, ph: albertofeltrin.comTripadvisor e Booking. Miglior Travel Blogger (sponsored by Eurodap Assistance) è stata vinta da Nicolò Balini, che ha preceduto Diana De Lorenzi e Edoardo M. Del Mastro. Hanno chiuso al quarto e quinto posto Martinoexpress e Manuela Vitulli (pensioeriinviaggio).Bossy si è aggiudicato il premio come Miglior Sito LGBT. Al secondo posto si è posizionato Gayburg seguito da Gay.it. A chiudere la top 5 LGBTnews Italia e Zucchero Sintattico. Nella categoria Miglior Sito Politico-d’Opinione ha vinto Breaking Italy, che ha battuto Mangiatori di Cervello. Terzo gradino del podio per Gli Stati Generali, seguito da Goofynomics e Byoblu.Salvatore Aranzulla si è aggiudicato il premio come Miglior Sito Divulgativo, precedendo Roberto Burioni, Wikipedia, Different e Butac. Nella categoria Miglior Sito per Genitori e Bambini invece, ha vinto Pianeta Mamma, che ha preceduto Mumadvisor e Nostrofiglio. Giù dal podio Nonsolomamma al quarto posto e 50 sfumature di mamma al quinto.
Nella categoria Miglior Sito Food (sponsored by PROSECCO DOC) Giallo Zafferano ha avuto la meglio su Dissapore, che si è posizionato al secondo posto seguito da Il Cucchiaio d’Argento. Hanno chiuso la top 5 Cook Around e Sale & Pepe. Fatto in casa da Benedetta, di Benedetta Rossi si è aggiudicato il premio come Miglior Foodblogger (sponsored by Sammontana) battendo la concorrenza di Ho voglia di dolce, Chiara Maci, Sonia Peronaci e Singerfood.Nella categoria Miglior Chef invece, Massimo Bottura ha avuto la meglio su Antonino Cannavacciuolo. Terzo posto per Chef Rubio, seguito da Heinz Beck e Alessandro Borghese.Libreriamo ha conquistato la palma di Miglior Sito ph: albertofeltrin.comLetterario. Al secondo posto si è posizionato l’Apprendista Libraio che ha preceduto in ordine Tegamini, Minima&Moralia e I dolori della giovane libraia. Nella categoria Miglior Sito Fashion & Beauty invece, ha vinto ancora una volta Clio MakeUp, che ha battuto Irene’s Closet e The Fashion Fruit. Quarto posto per The Blonde Salad seguito da Valentina Vignali.
Nella categoria Miglior Sito Musicale ha vinto Rolling Stones battendo Noisey e Shades of Pop. Quarto posto per Rockol e quinto per AllMusic Italia. I 400 Calci invece, ha vinto la categoria del Miglior Sito Cinematografico, seguito da MyMovies, Gli 88 Folli, Cineblog e Coming Soon.
Come Miglior Sito di Satira gli italiani hanno premiato ancora una volta Lercio, che ha battuto Fedaulesimo e Libertà al secondo posto. Spinoza si è aggiudicato il terzo posto, seguito da Casa Surace. Il Signor Distruggere ha chiuso al quinto posto.Infine la categoria Battuta dell’anno è stata vinta da Lercio con la frase “Troppi metalli nei vaccini: bambino arrugginisce dopo il bagnetto”, mentre la categoria Miglior Articolo o Post è stata vinta da Il Signor Distruggere con “Il fanatico mondo delle mamme”. A Piero Angela è stato consegnato il Premio Speciale dei MIA17. (foto: ansa, Benedetta Rossi, Casa Surace, Giulia Penna, Gianluca Gazzoli e Sistiana Lombardi)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il made in Italy fa scuola alla Maker Faire di New York

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

New York maker faireNew York. Nel padiglione Italia della Maker Faire di New York, il 23 e 24 settembre prossimi Olivetti e Fondazione Mondo Digitale, selezionate dall’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane nell’ambito del Piano per la promozione straordinaria del Made in ltaly, propongono un modello di didattica “ri-innovata”, in grado di coniugare istruzione e competenze richieste dal mercato del lavoro e di preparare i giovani a nuove professioni in continua e veloce evoluzione.
In particolare, Olivetti presenta in anteprima “ORobot101”, il nuovo kit robotico, realizzato con la stampante 3D, per agevolare il percorso educativo degli studenti italiani verso le nuove tecnologie. Basato su un approccio multidisciplinare, combina alla potenza del Cloud Robotics la versatilità delle macchine a controllo numerico, per avvicinare i più piccoli al mondo del coding e del making. Con “ORobot 101”, infatti, gli studenti non solo imparano nuovi linguaggi di programmazione ed entrano in contatto con community di sviluppatori, ma acquisiscono anche competenze per la fabbricazione digitale e la prototipazione rapida, con la possibilità di ricrearsi in maniera autonoma, attraverso la stampante 3D, le componenti stesse del robot.
Con la Fondazione Mondo Digitale arriva per la priva volta in USA il modello di Palestra dell’Innovazione, spazi di apprendimento “aumentato”, fisici e virtuali, per arricchire la formazione scolastica con competenze digitali e trasversali maturate sul campo. Dal primo modello, nato nel 2014 a Roma, oggi sono oltre 120 le scuole italiane che hanno aderito alla Rete nazionale delle Palestre dell’Innovazione per sperimentare strategie didattiche innovative.
Con “Kit Cut” la Fondazione Mondo Digitale presenta a New York un originale progetto di ricerca per favorire nella scuola la contaminazione delle discipline tradizionali con modelli di apprendimento personalizzabili in classe secondo i principi della sharing knowledge economy: da file open source per la realizzazione di arredi scolastici funzionali e intelligenti a kit prodotti con stampanti laser per la creazione di robot o di strumenti didattici per l’insegnamento delle materie curricolari, dalla storia alla geometria.
Alla Maker Faire di New York l’Italia mostra una scuola che, attraverso il modello di Educazione per la vita, è capace di rispondere efficacemente alle richieste del mondo del lavoro e di trasformare i più giovani in protagonisti del cambiamento, a tutte le età.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lotta comune per sconfiggere i tumori

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

camera deputati2Roma martedì 19 settembre dalle 11.45 alla Sala Aldo Moro Camera dei Deputati (Montecitorio) presentazione del libro di “Insieme contro il camcro”. Interverranno: Antonio Tajani (Presidente del Parlamento Europeo), Mario Melazzini (Direttore Generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco) e Monica Guerritore (Attrice), Francesco Cognetti (Autore e Presidente di Insieme Contro il Cancro) e Mauro Boldrini (Autore e Direttore della Comunicazione di Insieme Contro il Cancro). Chairman dell’evento sarà il dott. Gianni Letta (giornalista). nel nostro Paese il 5% della popolazione riesce a sopravvivere al cancro. Quello che è stato definito il “Male del secolo” sta diventando una malattia che può essere sempre più curata. Nonostante questo importante risultato va constatato che in Italia manca ancora una vera e propria cultura della prevenzione oncologica, della gestione e riabilitazione del paziente e della ricerca scientifica. Tutti possono, e devono, fare della lotta al cancro una della loro priorità. Non solo oncologi ma anche le Istituzioni, la Cultura, l’Imprenditoria, i Media, il Mondo dello Sport e dello Spettacolo. Con l’impegno di ciascuno, nel proprio ambito, sarà possibile rendere il tumore sempre più guaribile e garantire a chi l’ha superata un ritorno ad una vita normale.
Per questo la Fondazione Insieme Contro il Cancro ha deciso di raccogliere le testimonianze di 22 personaggi famosi (rappresentati delle Istituzioni, attori, giornalisti, imprenditori, sportivi). Le interviste sono state raccolte nel libro La grande lotta comune per sconfiggere i tumori (autori Francesco Cognetti e Mauro Boldrini, Mondadori Editore).

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Festival Remover Roma con Santiago

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

cervantesRoma. Dal 2 ottobre al 2 novembre, per un mese esatto, i luoghi più rappresentativi della cultura spagnola a Roma, la Real Academia de España en Roma, l’Instituto Cervantes e la Escuela Espanola de Historia y Arqueologia en Roma ospiteranno una serie di eventi dedicati alla scoperta della cultura spagnola in tutte le sue forme. Remover Roma con Santiago è il titolo scelto per questa prima edizione che ha come obiettivo quello di far conoscere il lavoro di alcuni dei maggiori artisti che provengono dalle varie regioni spagnole attraverso cui passa il Cammino di Santiago.
Il Festival verrà inaugurato il 2 ottobre con una grande mostra collettiva “Muchos Caminos”, che si terrà presso la Real Academia de España e che vedrà coinvolti sia artisti spagnoli contemporanei che artisti stranieri che hanno legato in qualche modo il loro lavoro al Cammino. Lo stesso giorno, prima dell’inaugurazione della mostra, si terrà un grande concerto di Uxia, considerata una delle esponenti più importanti della musica galiziana, il cui stile si caratterizza per la fusione di musica tradizionale galiziana con il Fado e i ritmi brasiliani.
Tra gli appuntamenti il 29 ottobre si terrà il concerto di chiusura di Maria del Mar Bonet presso la Real Academia de España, con cui l’artista chiude la sua carriera cinquantennale. Il 6 ottobre alla Casa del Cinema l’appuntamento è con Carlos Saura una delle figure chiave della storia del cinema spagnolo, e nell’occasione verrà proiettata la sua nuova opera Jota, de Saura dedicata all’Aragona, sua terra d’origine.
Il 7 ottobre, sempre alla Casa del Cinema, sarà la volta di Oliver Laxe, regista, sceneggiatore e attore riconosciuto e premiato a Cannes e a livello internazionale, che presenterà Todos vòs sodes capitans. Oskar Alegrìa presenterà Emak Bakia baita, documentario dedicato al soggiorno basco di Man Ray, attraverso la ricerca della casa in cui l’artista girò un film d’avanguardia quasi del tutto sconosciuto e che non figura in nessun archivio. Isabel Muñoz, fotografa di fama internazionale, due volte vincitrice del World Press Photo, il cui lavoro si focalizza sullo studio del corpo umano, porterà il documentario Angalia Mzungu, testimonianza di un viaggio che la fotografa ha compiuto in Congo. Tra gli appuntamenti dedicati al teatro il 4 ottobre si terrà Beatus, spettacolo incentrato sull’Apocalisse di Giovanni, con scene cantate tra tradizione popolare e liturgia. Il Festival darà spazio anche ai più piccoli con dei laboratori artistici per bambini curati da Maria Angeles Vila, che guideranno i giovani partecipanti in un viaggio alla scoperta del Camino de Santiago. Tutti gli appuntamenti del Festival inoltre si possono consultare sul nuovo portale http://www.piazzadispagna.es,

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bergamo si tinge di GIALLO!

Posted by fidest press agency su martedì, 19 settembre 2017

il cavaliere gialloBergamo giovedì 21 settembre (Auditorium di Piazza Libertà, ore 21.00) la prima edizione di A Shot in the Dark, con l’anteprima del restauro di Blow-Up di Michelangelo Antonioni (1966, in sala dal prossimo 2 ottobre), capolavoro senza tempo riportato al suo splendore originale grazie a Cineteca di Bologna, Istituto Luce – Cinecittà e Criterion, con la supervisione del direttore della fotografia Luca Bigazzi.
Prendendo a prestito il titolo del secondo episodio della saga della Pantera Rosa, A Shot in the Dark, organizzata da Bergamo Film Meeting dal 21 al 24 settembre, sarà un viaggio dentro il genere giallo, a cavallo tra il cinema e le altre arti. “Giallo” inteso come contenitore di infiniti sottogeneri e di tutte quelle storie che, fra cadaveri e commissari, indagini e pedinamenti, complotti e macchinazioni, ombre e segreti, hanno per oggetto il vasto campo del crimine e del mistero nelle sue più varie modalità di racconto.Una rassegna di film, incontri, musica, oltre alla mostra Mon cher Simenon – Indizi dal Fondo (Foyer Auditorium di Piazza della Libertà, 21 – 24 settembre) e all’assegnazione del Premio Cavaliere Giallo per la migliore sceneggiatura di un cortometraggio giallo/thriller (Auditorium di Piazza Libertà, sabato 23 settembre, ore 20.30) pensati per valorizzare e promuovere il Fondo Georges Simenon, costituito nel 2003 grazie alla donazione del regista e scrittore Gianni Da Campo (1943-2014), uno dei più grandi collezionisti dell’opera dello scrittore belga.In programma, oltre all’esilarante A Shot in the Dark (Uno sparo nel buio, 1964) di Blake Edwards e all’anteprima di Blow-Up, troveranno spazio inediti, cult movies e classici in versione restaurata – da sempre segno distintivo delle proposte di Bergamo Film Meeting – tra cui spicca The Long Goodbye (Il lungo addio, 1973), dall’omonimo romanzo di Raymond Chandler, riletto in chiave contemporanea da Robert Altman. Le Samouraï, il capolavoro scritto e diretto da Jean-Pierre Melville (Frank Costello faccia d’angelo, 1967), interpretato da uno stupefacente Alain Delon nel ruolo di un killer spietato e affascinante, si accompagnerà al folle, incandescente e iperrealistico The Killer (id, 1989) di John Woo, mostro sacro della new wave hongkonghese anni ’90. Le atmosfere assolate del giallo mediterraneo saranno invece rappresentate da Total Khéops (2002) di Alain Bévérini, tratto dall’omonimo romanzo di Jean-Claude Izzo, mentre il tributo a Georges Simenon avverrà con la proiezione di L’inconnu dans la maison (1992) di Georges Lautner, terza trasposizione cinematografica de Gli intrusi, che si avvale dell’intensa interpretazione di un Belmondo maturo e in grandissima forma.
labatteriaA Shot in the Dark ospiterà il XXVIII convegno nazionale di studi – Il giallo tra cinema, scrittura e fumetto promosso dalla FIC – Federazione Italiana Cineforum, che venerdì 22 e sabato 23 offrirà numerosi approfondimenti critici sul cinema e la letteratura di genere. Nove i relatori, rappresentanti della critica cinematografica (Emanuela Martini, Anton Giulio Mancino, Roberto Chiesi, Nuccio Lodato, Roberto Manassero) e del mondo accademico (Dick Tomasovic, Matteo Pollone, Giovanni Memola, Giuseppe Previtali) che con i loro interventi spazieranno dal noir alle spy stories, dal poliziesco italiano al giallo mediterraneo, da Arthur Conan Doyle a Georges Simenon, da Graham Greene a Raymond Chandler, da Jean-Claude Izzo a Giancarlo De Cataldo.
La prima edizione di A Shot in the Dark si concluderà domenica 24 settembre (Bergamo – Cascina Elav, ore 21.00) con il concerto de La Batteria, gruppo della scena musicale romana più trasversale, con esperienze che vanno dal post-rock progressivo al jazz sperimentale, dall’hip hop fino alla world music, uniti dal comune amore per le colonne sonore e le sonorizzazioni degli anni ’60 e ’70, per gli strumenti vintage e per i film gialli e polizieschi all’italiana. (foto: il cavaliere giallo, la batteria)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Llamarlo amor no se puede

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 settembre 2017

DSCN2153Dal blog di Donatella leggiamo: “Quest’inverno una studentessa italiana mi ha scritto dalla Spagna (Università di Murcia) dove stava svolgendo un Master di traduzione dicendomi che era sua intenzione elaborare la tesi utilizzando il nostro libro: “Chiamarlo amore non si può”. Ho accolto con gran piacere la richiesta. Dare una mano alle tesiste è sempre una grande gioia, ma non immaginavo che la sua lettura, sebbene in spagnolo!, mi avrebbe catturato tanto. “Chiamarlo amore non si può” è diventato “Llamarlo amor no se puede”, una experiencia de traducción entre palabras y emociones.
Valeria Ligotti ha scelto di tradurre due racconti: A piedi nudi di Fulvia Degl’Innocenti e Lezioni d’amore di Pina Varriale. “Los nombres de los capítulos elegidos son: Descalzos y Clases de Amor; los dos cuentos son un ejemplo muy claro de maltrato psicológico y de violencia física y explican lo que nunca se debería aceptar en nombre de un amor que no es amor. El personaje principal del primer cuento es una joven adolescente que se enamora por primera vez de un chico de su misma edad. Éste trata de manipularla para que se convierta en una persona distinta a la que es, que se corresponda más a los deseos y la idea de mujer que tiene él que como es ella en la realidad. Los protagonistas del segundo cuento son dos hermanos jóvenes que un día descubren el cadáver de la madre, una mujer como tantas otras que se ha casado con un hombre violento y que termina asesinándola.”
La tesi è realmente un viaggio tra parole ed emozioni e non potrebbe essere diversamente perchè tradurre in un’altra lingua un libro come questo implica necessariamente non solo trovare le parole giuste ma anche cercare le parole che in altra lingua raccontino le emozioni narrate. E non è affatto facile quando si parla di un tema in cui l’uso delle parole giuste è di importanza fondamentale.
Il 13 settembre Valeria ha discusso la tesi e io l’ho accompagnata con il mio pensiero, chiedendomi come si dice in spagnolo In bocca alla lupa!” (foto: Valeria lLgotti da Castellammare del Golfo (Trapani)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Christie’s to offer Landmark Francis Bacon Painting

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 settembre 2017

francis baconLondon – This October, during London’s Frieze Week, Christie’s will present Francis Bacon’s landmark painting Study of Red Pope 1962. 2nd version 1971, unseen in public for 45 years. It stands as the grand finale to his celebrated body of Papal portraits and is the only painting that unites the Pope with his greatest love George Dyer, who is depicted as the Pope’s reflection. First exhibited on 26 October 1971, in the legendary retrospective of Francis Bacon’s work at the Grand Palais in Paris, Study of Red Pope 1962. 2nd version 1971 was executed six months earlier in April 1971. The painting represents the first and only time in his oeuvre that Bacon united his two greatest obsessions: the Pope and George Dyer – his great muse and lover. The canvas became a tragic premonition of Dyer’s fateful end when, less than thirty-six hours before the opening of the career-defining exhibition, Dyer was found dead. Acquired by the family of the present owner in 1973 this work has appeared in all the major publications dedicated to Bacon’s work but never exhibited publicly. Francis Bacon’s Study of Red Pope 1962. 2nd version 1971 will come to auction as the centerpiece of Christie’s Post-War and Contemporary Art Evening Auction on 6 October 2017 and will be on view at Christie’s King Street from 30 September. Francis Outred Chairman and Head of Post-War and Contemporary Art, Christie’s EMERI: “’This painting is quite simply Art History. If Bacon’s oeuvre was shaped by his devotion to George Dyer and the aftermath of his death provided his darkest and most celebrated triptychs, then this painting represents the ultimate landmark. Painted six months before George Dyer would commit suicide on the eve of Bacon’s major retrospective at the Grand Palais, it is a tragic premonition which unites Bacon’s two greatest muses, the Pope and George Dyer for the first and only time. Against a background of naked canvas, an extraordinary outburst of controlled expression produces a maelstrom of activity, drawing the eye first to the sumptuous symphony of rounded red forms and then to the Pope at the centre of the composition whose own reflection appears in the back of the mirror and George Dyer’s in the front. Dyer’s hand is poised ready to turn off the light. Rarely have I seen a single panel carry so much power and profundity, the swipes of colour and scumbling which realise the heads are a sight to behold. This painting gives me a shiver down my spine and I am extremely excited to be sharing it with the public his October.” (photo: francis bacon)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Studio legale La Scala: Nuove giovani promesse

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 settembre 2017

Talent PoolUn talent pool dedicato alle giovani promesse e in grado di spaziare tra i team dell’area Banche e Finanza dello Studio. Questo l’esito di “La Scala Youth Programme 2017” l’iniziativa rivolta a 20 giovani neolaureati in Giurisprudenza che hanno seguito un percorso di approfondimento nell’Auditorium di La Scala Studio Legale e che ha portato i 5 più meritevoli tra loro a un inserimento nello Studio.
Ottavio Continisio, Federico Di Lorenzo, Angelo Pasculli, Claudio Saba e Gabriele Stefanucci sono i nomi dei 5 vincitori. 25 anni, laurea a pieni voti, una predilezione per le materie bancarie e finanziarie, un’ottima conoscenza della lingua inglese e una attenta e proficua partecipazione al programma, sono il minimo comun denominatore dei profili selezionati.
I 5 giovani si avvicenderanno nei prossimi mesi in 5 diversi team dello Studio e, al termine, saranno dedicati ai progetti interdisciplinari più complessi. Lo Studio La Scala continuerà ad attingere al bacino dei partecipanti allo Youth Programme per le future selezioni di profili junior.
I soci Simone Bertolotti e Paolo Francesco Bruno, coordinatori del progetto, entrambi under 40, hanno dichiarato: “Questi ragazzi sono stati selezionati per la loro motivazione e caparbietà, oltre che per le competenze che hanno saputo dimostrare. Lo Studio punta da tempo sui giovani e questa iniziativa si aggiunge alle altre già realizzate che mirano alla valorizzazione e alla crescita delle risorse interne. Negli ultimi anni lo Studio ha raddoppiato le sue risorse puntando sempre più all’eccellenza”. (foto: talent pool)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cala il sipario su «Il Tempo delle Donne» 2017

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 settembre 2017

MariaGrazia Cucinotta con fascia per la ricerca _ Barbara Del Neri _ Maria Teresa FerrariLa kermesse di RCS di cuiVictoria è stato Main partner – il primo progetto di comunicazione nato in Italia per le donne over 50 a cura di Procter & Gamble -, con la consegna del Premio Victoria a due donne, meravigliose cinquantenni: Maria Teresa Ferrari, donna scelta tra sei finaliste perché simbolo del «reinventarsi» a 50 anni e l’attrice Maria Grazia Cucinotta nominata anche “Ambasciatrice Victoria”.
Maria Grazia Cucinotta, modella, attrice, produttrice tra Italia, Stati Uniti e Cina, una donna capace di reinventarsi professionalmente senza togliere attenzione alla sua famiglia e all’impegno per tante cause sociali, è stata premiata e scelta dal programma di P&G come sua Ambasciatrice perché ne incarna al meglio i valori, diventando modello per le tante donne che ogni giorno scelgono Victoria: un sito – http://www.victoria50.it – e una rivista, ricchi di argomenti di interesse per le over 50. «Per me è un onore rappresentare la filosofia positiva di Victoria rispetto alle over 50. Aver accettato questo ruolo è un modo per stare vicina a tutte quelle donne che hanno difficoltà a vedere il bello dell’età che avanza. Vorrei contribuire a dare loro la forza per affrontare con positività ogni fase della vita. – ha dichiarato Maria Grazia Cucinotta, confidando – Fin da quando ero piccola, sono sempre stata affascinata dalle donne forti e coraggiose e grazie a questo Premio mi sento ancora di più una di loro. Per questo, a tutte le donne dico: non arrendetevi e non sottovalutatevi mai. L’immagine che gli altri recepiscono di noi è il frutto dei nostri pensieri, quindi circondatevi di complimenti, di allegria e di tanto rispetto e vedrete che l’età non conterà più».
La seconda donna premiata a “Il Tempo delle Donne” è Maria Teresa Ferrari, 52 anni, di Verona, una donna che dopo un cancro al seno ha deciso di lanciare una startup per creare cappellini per chi, come lei, deve affrontare la chemioterapia e che oggi vende per supportare la ricerca. Scelta dalla Giuria RCS tra una rosa di 6 finaliste selezionate dalla redazione del Corriere della Sera tra le candidature ricevute e presentate sul blog La 27esima Ora per consentire anche alle lettrici di esprimere la loro preferenza, ha dichiarato: «A 50 anni la mia vita è cambiata perché ho scoperto di avere una neoplasia mammaria avanzata e, nonostante la paura, mi sono fatta una promessa: non avrei permesso al cancro di rubarmi il sorriso. Ho sbizzarrito, quindi, la creatività e realizzato una collezione di cappellini che ha strappato un sorriso a tante donne. I cappellini sono diventati simbolo di rinascita, come quando ho indossato un basco di paillette e una donna in ospedale mi ha detto: “Sei il mio primo momento di luce in un cammino di tenebre”. Da allora, quello che era un semplice atto di leggerezza, è cresciuto fino a diventare un’Associazione che sta aggregando tantissime persone. Non avrei mai immaginato di ricevere questo Premio ma spero, nel mio piccolo, di aver mostrato a tante PremioVictoriapersone quanto sia importante prendersi cura di sé, fin da giovani, pensando alla testa e al cuore con sincerità e con il sorriso, nonostante i percorsi da affrontare siano difficili e dolorosi».
Barbara Del Neri, Direttrice Marketing Procter & Gamble Sud Europa e Direttore del programma Victoria, consegnando i riconoscimenti, ha commentato: «Sono molto orgogliosa di poter consegnare questi premi. Avere Maria Grazia Cucinotta come nostra Ambasciatrice è per noi un onore: è una donna che dimostra ogni giorno come i 50 anni siano un’età piena di consapevolezza e di progettualità, in cui non si perde, ma si guadagna qualcosa. Dunque, rappresenta tutto ciò in cui Victoria crede da sempre. E lo stesso vale per Maria Teresa: la sua è una storia bellissima che mi ha colpita particolarmente. Ha saputo trasformare un evento negativo, come una malattia, in un progetto positivo e l’ha fatto con una meravigliosa leggerezza. Il legame che è riuscita a creare, simbolicamente e materialmente, tra i cappellini, la testa e il cuore è unico ed è perfettamente in linea con i valori e la visione di Victoria”.
I Premi sono stati consegnati nel corso dell’evento “Ageless e Felicità, riprogettarsi dopo i 50”, sullo spunto della ricerca condotta tra i suoi lettori dal Corriere della Sera per Victoria. L’indagine condotta da RCS su un panel di 8.000 donne, infatti, ha dimostrato che le over 50 – in Italia già 6 milioni e raddoppieranno nei prossimi 30 anni – sono soddisfatte della loro vita e per essere ancora più felici affronterebbero anche nuove sfide: il 42% inizierebbe una nuova attività, il 35% cambierebbe lavoro, il 32% si trasferirebbe in un altro Paese, il 23% aprirebbe il proprio cuore a un nuovo amore e in campo lavorativo, il 53% lavorerebbe tutta la notte pur di prepararsi al meglio per un nuovo incarico e il 21% valuterebbe un trasferimento all’estero per ragioni professionali come un’ottima notizia. (foto: maria grazia cucinotta, premio victoria)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

San Vito Lo capo: 20° Cous Cous Fest

Posted by fidest press agency su domenica, 17 settembre 2017

GIORGIONE E LUOTTOSan Vito Lo capo (Trapani) E’ il Festival internazionale dell’integrazione culturale. Sarà un’edizione speciale, che si chiude domenica 24 settembre, per celebrare il ventennale della rassegna che vede protagonista il cous cous, piatto ricco di storia ed elemento di sintesi tra culture che mette insieme, in questa piccola cittadina, chef provenienti da 10 paesi: Angola, Costa d’Avorio, Francia, Israele, Italia, Marocco, Palestina, Senegal, Stati Uniti e Tunisia all’insegna dello scambio e dell’amicizia tra i popoli. La manifestazione è organizzata dall’agenzia di comunicazione Feedback di Palermo, producer dell’evento, che spegne 20 candeline quest’anno insieme alla manifestazione che ha ideato, in partnership con il Comune di San Vito Lo Capo. La cittadina del trapanese darà il benvenuto ai big della musica italiana, grandi chef, giornalisti e ospiti prestigiosi per una festa di musica, gusto, pace e integrazione. “Da rassegna di enogastronomia il Cous Cous Fest è diventato oltre dieci anni fa – ha spiegato Matteo Rizzo, sindaco di San Vito Lo Capo – festival internazionale dell’integrazione culturale, accentuando ancor di più la sua vocazione all’accoglienza. Un’intuizione di quello che sarebbe successo pochi anni dopo, quando l’emergenza legata ai fenomeni migratori sarebbe diventata una priorità internazionale. Siamo orgogliosi che oggi la rassegna sia il fiore all’occhiello del territorio, attrattore di grandi flussi turistici ed esempio di sviluppo e destagionalizazione per l’Italia intera”.
Due i campionati di cucina: quello italiano che vedrà sfidarsi 6 chef del Belpaese, sabato 16 e domenica 17 settembre, per il Campionato italiano Bia CousCous, e il Campionato del mondo che vede in campo chef da dieci Paesi, giudicati da una giuria popolare e una tecnica, guidata da Joe Bastianich.
Per i cooking show degustazioni da non perdere con gli stellati Pino Cuttaia e Claudio Sadler, l’oste e cuoco Filippo La Mantia, Giorgione da Gambero Rosso Channel e Sergio Barzetti dalla “Prova del cuoco”. Novità di quest’anno sono i Celebrity Cous Cous, due momenti sorprendenti in compagnia di Nino Frassica e Mario Venuti che vestiranno i panni degli chef e presenteranno al pubblico le loro ricette. Per i bambini c’è l’appuntamento con la blogger Chiara Maci mentre per lo shopping c’è l’expo village, tra artigianato ed eccellenze del territorio. L’edizione di quest’anno sarà patrocinata dal World Food Programme Italia, la più grande organizzazione umanitaria impegnata nella lotta alla fame nel mondo: Filippo La Mantia firmerà un cous cous “solidale” il cui ricavato andrà ai bambini più bisognosi del mondo, venerdì 22 settembre alle ore 16. Tra le altre novità di quest’anno la possibilità di acquistare, on-line sul sito couscousfest.it, i ticket di degustazione e dei cooking show, un’applicazione da scaricare su Google Play per vivere appieno l’evento e la realizzazione di un libro che celebra i 20 anni di storia dell’evento.
Domani si comincia con i cooking show della blogger Sonia Peronaci (ore 13) ideati per Mutti, e dello chef Natale Giunta (ore 14:30), volto noto della trasmissione La Prova del cuoco. La sera alle ore 20 debutta il giovane chef marsalese Federico Alagna per “Metti una gara a cena”, una delle novità di quest’anno: una sfida tra chef under 30 sotto l’insegna di Electrolux Professional.
Nelle “Case del cous cous”, i tradizionali punti di degustazione, ci saranno oltre 30 ricette di cous cous da assaggiare, tra le versioni più stravaganti, i sapori della tradizione e una ricetta anche senza glutine. Il biglietto per la degustazione costa 10 euro e comprende anche una bevanda e un dolce. Quest’anno un nuovo punto di degustazione in paese, la Casa del cous cous trapanese, in via Nino Bixio, che proporrà le ricette della tradizione locale.
La sera, gli approfondimenti con “Café le cous cous”, i talk show condotti da Marzia Roncacci, giornalista del Tg2, e dieci grandi concerti e spettacoli da non perdere. Domani alle 22:30 in piazza Santuario si comincia già alla grande con Jarabe De Palo (15 settembre), il gruppo spagnolo che festeggia, insieme al Cous Cous Fest, il ventennale della sua carriera facendo tappa a San Vito Lo Capo con il tour mondiale dal titolo “20 años”. La band approderà a San Vito Lo Capo – dopo tappe dagli Usa all’Europa passando per Messico, Argentina, Perù, Cile, Uruguay, Ecuador, Colombia, Venezuela, Porto Rico e Repubblica Dominicana- per la seconda tappa italiana del tour dopo Napoli. Sarà una festa speciale che celebrerà anche i 50 anni del suo leader, Pau Dones, cantautore e chitarrista, con un concerto unico che vedrà sul palco una band di 6 elementi che ripercorrerà i più cous cousgrandi successi della carriera contenuti nell’ultimo doppio album dal titolo 50 Palos, reinterpretati in una nuova veste piano, archi e voce: dalla prima grande hit, La Flaca, tormentone dell’estate 1997, a Depende, Aqua, Grito, Somos, Bonito, Mi piace come sei. Quest’ultimo lavoro discografico consolida il rapporto speciale degli Jarabe de Paolo con l’Italia dove Kekko dei Modà, Francesco Renga, Noemi e Jovanotti sono ospiti in 4 bellissime featuring. I nuovi arrangiamenti nascono dalla voglia di mostrare i brani nella loro essenza, per lasciare spazio alle sottigliezze e all’immaginazione, per presentarle al pubblico nel loro stato più puro. L’album contiene anche inediti ed è accompagnato anche da un libro scritto da Pau Dones dove vengono raccontati aneddoti legati all’attività del gruppo, esperienze personali e anche riflessioni legate alla malattia appena affrontata.Il calendario dei concerti prosegue poi con Levante (16 settembre), Nino Frassica & Los Plaggers band (17 settembre), Mario Venuti (18 settembre), Niccolò Fabi (19 settembre), Fabrizio Moro (20 settembre), Samuel (21 settembre), Francesco Gabbani (22 settembre), Joe Bastianich Project e dee-jay Fargetta (23 settembre) e Paolo Migone (24 settembre). Tutti i concerti si svolgeranno in piazza Santuario, ad eccezione dei live di Samuel e Gabbani che, su indicazione della Questura di Trapani, saranno ospitati all’interno del Campo sportivo di San Vito Lo Capo, sulla spiaggia all’altezza di via Faro. “Da oltre un mese lavoriamo, in collaborazione con la Questura, le forze dell’ordine e i presidi sanitari – spiegano gli organizzatori – per garantire la piena sicurezza ai visitatori della rassegna, considerata uno dei maggiori grandi eventi di richiamo turistico del Mezzogiorno (foto: GIORGIONE E LUOTTO, cous cous)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Libro: La fine dell’Europa

Posted by fidest press agency su domenica, 17 settembre 2017

la fine dell'europaGiulio Meotti ha intrapreso un compito impopolare ma necessario nel mettere a nudo la verità allarmante sul declino demografico dei popoli europei indigeni.La risposta della nostra classe politica è quella di scrollare le spalle e dire “che importa?”. Come sottolinea l’autore, la nostra incapacità di riprodurci non è causata dalla povertà o dalla debolezza genetica. Al contrario, ciò è dovuto alla ricchezza, all’indolenza e alla voglia di aggrapparci alla sicurezza dello stato sociale. Ci ritiriamo dal lavoro il più presto possibile, e persino i giovani sono inclini a considerare i figli come un peso che è meglio evitare. Questo atteggiamento verso i bambini è l’opposto dell’atteggiamento religioso, e, come dimostra Meotti, è proprio l’indebolimento della fede cristiana ad aver portato i cittadini europei a smettere di fare figli. Possiamo fare qualcosa per questo problema? Una cosa è certa, senza il coraggio di essere ciò che siamo, e di trasmettere la nostra eredità ai nostri figli, noi europei siamo destinati a scomparire. E con noi scomparirà la più grande civiltà che il mondo abbia mai conosciuto.Con un saggio di Roger Scruton, filosofo inglese, e di Richard Millet, scrittore francese, ex editor di Gallimard. Giulio Meotti, scrittore, giornalista de Il Foglio. Giulio Meotti La fine dell’Europa. Nuove moschee e chiese abbandonate Cantagalli 2016 | pp. 224 | euro 17 (foto: la fine dell’Europa)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Teva Names Kåre Schultz as President and Chief Executive Officer

Posted by fidest press agency su sabato, 16 settembre 2017

Teva_PharmaceuticalTeva Pharmaceutical Industries Ltd. (NYSE and TASE: TEVA) today announced that its Board of Directors has named Kåre Schultz to become the Company’s President and Chief Executive Officer. Mr. Schultz will succeed Dr. Yitzhak Peterburg, who will continue to serve as Interim Chief Executive Officer until Mr. Schultz joins the Company. Today’s leadership announcement represents the successful completion of the global search process to identify the best leader for the Company and was executed by the Teva Board of Directors, with the assistance of Heidrick & Struggles. Mr. Schultz will be relocating to Israel and based out of the Company’s Petah Tikva headquarters.Mr. Schultz is a seasoned veteran in the healthcare industry with a distinguished, nearly thirty year career in global pharmaceutical and healthcare companies. Over the course of his career, Mr. Schultz has developed a unique perspective overseeing generic and specialty drug portfolios, while managing complex business operations around the world. He most recently served as the President and Chief Executive Officer of H. Lundbeck A/S, where he is credited with leading significant restructuring initiatives and launching a robust turnaround strategy focused on driving a sustainable global cost structure and operational model. As a result of his leadership, the company is on track to achieve all-time high revenue and earnings. Prior to his role as President and CEO of H. Lundbeck A/S, Mr. Shultz served as Chief Operating Officer of Novo Nordisk, where he had a key role in building the company into one of the world’s best-performing drugmakers and implementing a metrics-focused approach to the company’s operations.“With extensive global pharmaceutical experience, a strong track record executing corporate turnaround strategies, driving growth and international expansion at low incremental cost and delivering on promises to shareholders, as well as a commitment to a culture of compliance, Kåre is the right leader to take Teva to the next level,” said Dr. Sol J. Barer, Chairman of Teva’s Board of Directors. “Kåre has deep insight into the global pharmaceutical industry and a keen knowledge of the generic and specialty drug markets. His proven strategic, financial and operational capabilities and his strong commitment to growth will enhance value for all stakeholders and position Teva for long-term success. He brings a strong sense of corporate citizenship, and his disciplined commitment to excellence makes him a clear professional and cultural fit with our company. We are pleased to welcome a world-class leader of Kåre’s stature to Teva and look forward to working closely with him to build the Teva of the future for shareholders, employees and patients around the world.”Mr. Schultz said, “I am honored to join Teva, an iconic company that I have long admired during my career. What drew me to Teva, and what makes Teva different from its peers, is its unique commitment to growing an extensive global reach while continuing to provide new and high-quality treatments for patients and an innovative culture for its employees. I am proud to be joining a company that helps millions of patients around the world on a daily basis with its broad range of generic and specialty drugs and solutions. I look forward to working closely with the entire team at Teva to build a future of success for the Company and its stakeholders.”Dr. Barer continued, “On behalf of the Board, I want to thank Yitzhak for taking on the role of interim CEO during this critical period. Yitzhak’s leadership and insight have greatly helped the Company remain focused on the execution of its key strategic priorities.”Dr. Yitzhak Peterburg said, “We are delivering on the commitments we have made over the last several months. We are optimizing our operations and geographical footprint while focusing our resources on the specialty and generics pipeline assets that offer the most attractive return on investment. In addition, we are on course to hit our target of generating at least $2 billion from the sale of non-core assets, which we will use to strengthen Teva’s balance sheet. It is a privilege to lead Teva and I look forward to continuing to do so during this time, and will work with Kåre to ensure a seamless transition once he joins.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: Leggersi dentro

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 settembre 2017

Leggersi dentroRoma Venerdì 22 settembre 2017 • ore 18.30 Libreria Paoline Multimedia International – Via del Mascherino, 94.Incontro con l’Autore P. GAETANO PICCOLO, Docente presso la Pontificia Università Gregoriana. Introduce e dialoga con l’Autore Romano Cappelletto, Ufficio Stampa Paoline.Incontro organizzato in occasione della DOMENICA DELLA PAROLA. Gaetano Piccolo, gesuita, insegna metafisica presso la Pontificia Università Gregoriana. Nella sua attività ha approfondito il tema dell’integrazione tra vita affettiva e vita spirituale, sia attraverso la riflessione che attraverso il ministero degli Esercizi spirituali. Dalla sua esperienza è nato il blog Rigantur mentes. Attraverso la sua personale esperienza spirituale, maturata anche con la lettura di sant’Agostino e un periodo di formazione in Sri Lanka, ha sviluppato un approccio alla Bibbia che prova a far emergere le dinamiche umane di ciascuno mediante l’incontro con la parola di Dio, affinché il cuore sia illuminato e guarito.È secondo questo approccio che presenta il suo nuovo libro Leggersi dentro. Con il Vangelo di Marco. Punto di partenza, come nel precedente Leggersi dentro. Con il Vangelo di Matteo, è la constatazione che non è facile leggersi dentro: spesso abbiamo paura di quello che possiamo incontrare. Eppure da sempre l’uomo è stato incuriosito dalla possibilità di viaggiare nel suo profondo. Riconoscere quello che ci abita interiormente è del resto il primo passo per crescere nella libertà, altrimenti rischiamo di essere navi in balia di venti che non riusciamo a gestire. Riflettendosi nella parola di Dio, il cuore umano può riconoscersi, senza il timore del giudizio, ma nella gioia della verità; il cristiano intraprende allora questo viaggio nella ri-conoscenza di sé, una conoscenza che è sempre anche gratitudine.Nella lettura del Vangelo di Marco, la prospettiva centrale è quella di un’esistenza umana simile a un mare, a volte sereno a volte attraversato da tempeste. Non possiamo fare a meno di passare all’altra riva, siamo continuamente in viaggio, e ogni volta dobbiamo affrontare il rischio di sprofondare e la paura di non farcela. Nel Vangelo di Marco la sovrabbondanza di parole e immagini, da cui siamo continuamente storditi, lascia spazio alla sobrietà della parola essenziale. Ci troviamo tutto a un tratto davanti a uno specchio nitido che ci mostra con semplicità chi siamo. Non a caso, questo racconto della buona notizia è il più vicino agli eventi della vita di Gesù. I sentimenti sono ancora vivi, genuini e senza filtri. È il Vangelo che veniva raccontato a coloro che si avvicinavano alla fede proprio per lasciare a ciascuno la bellezza di essere incontrato da Gesù. Come si legge nella premessa (di don Aldo Martin), “il Vangelo di Marco ci inserisce in una narrazione che non ha dunque lo scopo di spiegare chi è Gesù, ma ci invita a lasciarci guidare dalle domande che egli stesso suscita in noi. È un cammino di scoperta in un incontro personale”.Come nel precedente Leggersi dentro, anche in questo libro ogni meditazione è introdotta dal brano evangelico e seguita da alcune domande che possono aiutare la preghiera e la riflessione personale. Il libro si offre anche come strumento per i giovani che si preparano al Sinodo sul discernimento vocazionale (al pari di un altro testo dell’autore, Testa o cuore? L’arte del discernimento). (foto: leggersi dentro)

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ford presenta la nuova Mustang

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 settembre 2017

Mustang1Colonia, Germania. Ford presenta la nuova Mustang per il mercato europeo, con un nuovo elegante design, motori e sospensioni aggiornati, tecnologie di assistenza alla guida innovative e molte inedite possibilità di personalizzazione per l’iconica hero car dell’Ovale Blu.L’inconfondibile profilo della hero car si presenta con un aspetto più elegante e sportivo, reso ulteriormente sinuoso dai fari a LED e da una rinnovata cartella colori che prevede 11 tonalità per la carrozzeria degli esterni, oltre a nuove opzioni per le finiture dei cerchi in lega. La nuova Mustang sarà più veloce che mai, con un motore V8 5.0 da 450CV, abbinato a un nuovo cambio automatico a 10 rapporti.Messa a punto per soddisfare le aspettative di guida degli automobilisti europei, il divertimento alla guida della nuova Mustang sarà garantito dalla presenza dei nuovi ammortizzatori MagneRide e dalle funzioni Drive Modes, che ora includono anche la modalità personalizzabile My Mode. La nuova tecnologia di regolazione del sound dello scarico (Active Valve Performance Exhaust) offre l’innovativa modalità Good Neighbour, per una MustangMustang 2guida più silenziosa durante alcune fasce orarie. Le tecnologie di assistenza alla guida, disponibili a bordo della nuova Mustang, che migliorano i momenti trascorsi al volante infondendo una maggiore tranquillità, annoverano il dispositivo di frenata automatica d’emergenza con assistenza pre-collisione e riconoscimento dei pedoni (Pre-Collision Assist with Pedestrian Detection) e il mantenimento della corsia di marcia (Lane Keeping Aid). Le raffinate caratteristiche degli interni completamente rinnovati, presentano materiali morbidi al tatto e un quadro strumenti digitale LCD da 12 pollici, per un’esperienza distintiva e unica.
La nuova Mustang definirà nuovi standard di connettività, intrattenimento e comunicazione grazie al SYNC 3, il sistema di connettività e comandi vocali Ford che permette di gestire smartphone, sistema audio, navigatore e funzioni del climatizzatore e si avvale di un nuovo touch-screen capacitivo da 8 pollici, più veloce e reattivo, con funzione pinch & swipe. Il sistema di intrattenimento e comandi vocali SYNC 3 è compatibile con Apple CarPlay e Android Auto™.Le consegne della nuova Mustang per i clienti europei avranno inizio nel 2018. (foto: mustang)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lucio Fontana Leads Christie’s “Thinking Italian”

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 settembre 2017

lucio fontanaLondon – This October, during London’s Frieze Week, Christie’s will present Thinking Italian, a showcase of the very best in Italian Art of the 20th Century. The auction will follow Christie’s Post-War and Contemporary Art Evening Auction on 6 October 2017 and present a tightly curated selection of artists across the century; from Marino Marini, to Alberto Burri, Lucio Fontana, Michelangelo Pistoletto and Maurizio Cattelan. Defined by eclecticism, revolution and a deeply rooted yet ever-changing dialogue between the past and the present, Italian art of the 20th Century encompasses some of the most influential artistic creations of our times. A selection of works will tour to the MAXXI Museum in Rome from 14-15 September and then to Turin from 20-21 September, before the full sale exhibition in London from 30 September to 6 October 2017.Leading the auction, Lucio Fontana’s Concetto spaziale, In piazza San Marco (1961, estimate on request) is from the much-celebrated cycle of paintings titled Venezie. This sequence of 22 ornate, large-scale, baroque-inspired oil paintings are today recognised as the painterly culmination of Fontana’s Spatialist vision. An ever-changing animated play of light, space and colour, the work is a spatial concept of St Mark’s Square in Venice. It reflects the floating city’s history as a place of love, mystery, romance and illusion. Fontana used light-reflecting black paint, sparkling Murano-glass stones and an architectural grid of punctured black holes to conjure a sensation of the piazza at night from multiple viewpoints. Unique in the Venezie cycle, this work’s title includes the name of Fontana’s wife Teresita. The dedication suggests that not only is St Mark’s Square a romantic location but that it holds personal significance for the artist and his wife. The work combines a highly specific sense of earthly time and place with a broader, Spatialist understanding of the universal play of light, space and time throughout the cosmos.
Mariolina Bassetti, Chairman Italy, Head of Southern Europe Post-War & Contemporary Art: “This year we are looking forward to introducing a new concept to the London sale with ‘Thinking Italian’, which will be dedicated to Italian masterpieces and works important to the specificity of the history of art in Italy. Fontana’s Concetto spaziale, In piazza San Marco di notte con Teresita is without doubt a highpoint in the career one of the most sought-after artists today. The dialogue and understanding of Post-War and Italian Art grows year on year, and in 2017 we are looking forward to a Christie’s Education conference dedicated to Italian art at The Italian Cultural Institute (ICI), alongside many other events dedicated to the importance and influence of Italian Art in the world.”

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Charlotte Gainsbourg annuncia l’uscita del suo quarto album in studio, ‘Rest’

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 settembre 2017

Charlotte GainsbourgE’ in uscita il 17 Novembre su Because Music / Warner. Tutte le tracce sono state prodotte da SebastiAn (produttore dell’ultimo acclamato album di Frank Ocean, di Kavinsky…), ad esclusione di “Rest,” composta e scritta insieme a Guy-Manuel de Homem-Christo, e “Songbird in a Cage,” composta e scritta da Paul McCartney. Rest vede anche le collaborazioni con Owen Pallett, Connan Mockasin, e altri.Il background nella musica elettronica di SebastiAn rispecchia il desiderio della Gainsbourg di un suono con un taglio inquietante, meccanico, ispirato a Giorgio Moroder e, forse prevedibilmente per una rispettata attrice di cinema che ha ricevuto prestigiosi riconoscimenti, dalle colonne sonore in particolare quella di Pino Donaggio e il classico dell’orrore anni ’70 Carrie di Brian De Palma, così come Le Mépris Jean-Luc Godard con musiche di Georges Delerue fino alle atmosfere inquietanti di film come The Shining di Stanley Kubrick e Rebecca di Hitchcock.
“Rest” è una moderna e toccante ninna nanna, che indica quanto l’approccio della Gainsbourg si sia focalizzato sulla scrittura dei testi. “Sono state le prime parole che ho cantato nell’album” spiega Charlotte. “Sono arrivata con lì miei testi …ed era davvero troppo e Guy-Man mi diceva, ‘non puoi dire tutto quello che vuoi, devi semplificare’ e ha ridotto il numero delle parole a tre! E’ sembrato così ingenuo in un certo senso ma era esattamente quello di cui avevo bisogno in quel momento”. Alla fine in effetti la canzone è caratterizzata da ben più di tre parole e include l’omaggio a “Walking in the Air,” la canzone del cartone animato The Snowman del 1982 (uno dei cartoni di Natale preferiti dell’artista durante la sua infanzia). Detto questo, la semplice nudità del linguaggio utilizzato nella canzone mette in mostra la complessità della singola parola: “Rest,” la prima parola scritta su una lapide (Rest in Peace), è una parola che in francese significa anche “rimani” e che viene usata per invitare una persona che si ama a non andare via o una memoria a non svanire. (foto: Charlotte Gainsbourg)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »