Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 15

Archive for the ‘Recensioni/Reviews’ Category

Reviews

Incontro con lo scrittore ungherese László Darvasi

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 gennaio 2020

Roma Giovedì 23 gennaio p.v. alle ore 18.00 presso la Biblioteca dell’Accademia d’Ungheria in Roma (Palazzo Falconieri – Via Giulia, 1) si terrà l’incontro con lo scrittore ungherese László Darvasi, in occasione della pubblicazione in italiano di una sua raccolta di racconti brevi (Isten. Haza. Csal) dal titolo Mattina d’inverno con cadavere (Il Saggiatore, 2019 – traduzione a cura di Dóra Várnai). László Darvasi è un poeta, romanziere e giornalista ungherese. Scrive per la rivista “Élet és Irodalom” («Vita e letteratura») e ha avuto svariati riconoscimenti, tra cui il premio Sándor Márai nel 2008. Dal 2011 è membro dell’Accademia Letteraria Digitale, l’archivio online dei più importanti scrittori moderni e contemporanei ungheresi. È uno degli autori più importanti del panorama letterario ungherese contemporaneo.”Mattina d’inverno con cadavere” è l’opera con cui László Darvasi si presenta in Italia: una raccolta di racconti legati da fili invisibili eppure tenacissimi, in cui il realismo magico di Kafka e la melancolia di Krasznahorkai rinascono sotto l’infausta e sempiterna stella polare della putredine quotidiana. Darvasi fa sua la lezione dei maestri mitteleuropei e pone il lettore di fronte a un male che non ha forma né volto né contorno, a un orrore che non può essere separato dalla banalità di una giornata qualsiasi, a un ingranaggio di noia e odio dell’umanità verso se stessa che nessuno strumento può disinnescare Dialoga con l’autore: Cinzia Franchi
L’evento viene organizzato nell’ambito del progetto “Europa in circolo. Incontri con scrittori europei contemporanei”, ideato dall’Associazione degli istituti culturali europei (EUNIC) e giunto quest’anno alla sua seconda edizione.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

E’ in libreria il primo libro che si occupa di famiglie di tossicodipendenti

Posted by fidest press agency su sabato, 18 gennaio 2020

InTrinceaPerAmoreIn “Una sottile linea bianca – dalle piazze di spaccio alla comunità di San Patrignano”, pubblicato nel 2018, la giornalista Angela Iantosca aveva raccontato il mondo della tossicodipendenza attraverso le storie di ragazzi che hanno fatto uso di sostanze. Ora torna in libreria, aprendo il suo sguardo sul mondo delle famiglie che con questo abisso sono costrette a fare i conti e alle quali non si pensa mai, o quasi.
IN TRINCEA PER AMORE. Storie di famiglie nell’inferno delle droghe (Paoline) nasce dall’attento studio del fenomeno, dalla frequentazione dei luoghi dello spaccio e, soprattutto, delle comunità di recupero, in primis San Patrignano, e delle associazioni (tante) sparse nel territorio che, come dice la Iantosca, sono “una zattera in mezzo alla disperazione”, un appiglio, un luogo in cui non sentirsi soli, in cui comprendere quali errori sono stati commessi e, soprattutto, come provare a salvare un figlio, un marito, un genitore che di quelle sostanze non riesce a fare a meno e che in nome di queste sostanze sta distruggendo tutto.Il libro è una raccolta di storie che attraversano l’Italia, di mamme, di fratelli e sorelle, di papà, di figli, di nonni, zii, di famiglie, appunto, che un giorno hanno scoperto di dover fare i conti con qualcosa che mai avrebbero immaginato e che non hanno potuto ridimensionare l’uso ad una fase adolescenziale o di passaggio.“In questo nuovo cammino – spiega l’Autrice – ho incontrato storie di sconfitta, di paura, di errori, di incomprensioni, di silenzi, ma anche di liberazione e di padri e madri che quella ferita inferta loro dai figli hanno avuto la forza di trasformarla in un giardino nel quale far crescere speranza. Ho incontrato gli esperti, gli psicoterapeuti, gli psichiatri, i referenti nazionali e locali, gente che da anni lavora nel campo, attraverso le cui testimonianze sono riuscita a entrare ancora più in profondità in questo mondo che è necessario far conoscere affinché chi si imbatte in questo problema possa sapere a chi rivolgersi. «Noi qui, in associazione, ci siamo salvati la vita»,mi ha detto un papà un giorno. Parole le sue che potrebbero essere quelle di tutte le migliaia di famiglie che quotidianamente combattono questo nemico chiamato droga e che si sono date la possibilità di trasformare questa difficoltà in una opportunità per ritrovarsi, per crescere, per togliersi la maschera e tornare davvero a vivere. Perché dalla dipendenza si può uscire, se ci si mette in discussione, se ci si rimbocca le maniche, se si usano le strategie giuste, se non ci si isola, capendo quanto sia importante chiedere aiuto e fare rete”.
Le storie sono il cuore del libro nel quale non mancano i dati sulla tossicodipendenza e gli approfondimenti di medici, psicoterapeuti, psicologi, e di chi ha vissuto la droga, ne è uscito e ha deciso di restituire il dono del ritorno alla vita, con la creazione di associazioni di riferimento per i familiari. Angela Iantosca (1978) è giornalista pubblicista. Ha collaborato con diverse testate e rubriche televisive. Ha pubblicato “Onora la madre – storie di ‘ndrangheta al femminile”, “Bambini a metà – I figli della ‘ndrangheta”, “Voce del Verbo corrompere”, “La Vittoria che nessuno sa – storia di una donna nata nel corpo sbagliato”. Particolarmente forte il suo impegno di formazione nella prevenzione alle tossicodipendenze, da cui uno dei suoi testi: “Una sottile linea bianca. Dalle piazze di spaccio alla comunità di San Patrignano”. Dal 2018 è inserita nel progetto “We Free” della comunità di San Patrignano (progetto di prevenzione alle tossicodipendenze). Ambasciatrice del Telefono Rosa, finalista del Piersanti Mattarella 2016 e vincitrice del Premio Speciale alla Memoria, è Direttore Artistico del Festival InDipendenze. (copertina In trincea per amore)

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Leave a Comment »

Presentazione volume “Diritto civile e ragione” di N. Lipari

Posted by fidest press agency su sabato, 18 gennaio 2020

Roma 21 gennaio 2020, ore 16.30 Sala Perin del Vaga – Istituto Luigi Sturzo Via delle Coppelle 35 presentazione del volume Diritto civile e ragione di Nicolò Lipari (Giuffrè Francis Lefebvre, Milano, 2019) Presiede: Pietro Rescigno Intervengono: Guido Alpa, Andrea Bixio, Alessandro Pajno Interverrà l’Autore.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Presentazione del libro “Nemmeno gli struzzi lo fanno più”

Posted by fidest press agency su sabato, 18 gennaio 2020

Roma Martedì 28 gennaio 2020 alle 18,00 a Roma, la Sala Monumentale di Palazzo Chigi (Galleria Colonna, Largo Chigi 19), ospiterà la presentazione del libro di Tatiana Coviello, edito da Licosia, “Nemmeno gli struzzi lo fanno più. Vivere bene con l’Intelligenza Artificiale”.Nell’innovazione premia la trasversalità e la diversità: sapere tanto di tutto, mantenersi aperti, trovare insegnamenti ovunque, imparando anche dalle cose che non ci piacciono. Parte da qui l’Autrice, e dal suo privilegiato punto di osservazione di Direttore delle Risorse Umane in una banca, per invitare tutti a tirar fuori la testa e ad osservare un mondo del lavoro che cambia. Le domande che si/ci pone; come cambierà il lavoro? Cosa possiamo fare per rimanere rilevanti e non farci travolgere dall’evoluzione tecnologica? Quali le competenze e le abilità richieste e come possiamo svilupparle senza farci prendere dal tech-pessimismo? Cosa significa Digital Mindset e come acquisirlo? Cosa vuol dire VUCA? Come ci cambiano, se ci cambiano i social media e cosa significa diventare cittadino digitale? E, soprattutto, a che punto è davvero l’Intelligenza Artificiale? Il libro, nelle intenzioni dell’Autrice, non dialoga solo con i lavoratori del futuro (con chi cerca lavoro e con chi non vuole perderlo), ma anche con chi vive, gestisce e offre lavoro oggi.Dibatteranno con l’Autrice sul se e come vivere (bene) con l’Intelligenza Artificiale: Niccolò Invidia, Parlamentare, Portavoce del M5S alla Camera dei deputati, Coordinatore intergruppo parlamentare Aerospazio; Vincenzo Manfredi, Public Affairs Manager, delegato nazionale Ferpi Advocacy e Public Affairs; Felicia Pelagalli, Ceo Culture Srl, Docente in “Formazione e trasformazione digitale” all’Università La Sapienza di Roma. Modererà l’incontro Daniele Chieffi, Direttore Comunicazione e PR Dipartimento per l’Innovazione tecnologica e digitalizzazione della Presidenza del Consiglio dei ministri.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Impressionist and Modern Art Evening Sale

Posted by fidest press agency su sabato, 18 gennaio 2020

London – Christie’s Impressionist and Modern Art Evening Sale will be followed by The Art of the Surreal Evening Sale, together launching ‘20th Century at Christie’s’ on 5 February 2020. Tamara de Lempicka’s Portrait de Marjorie Ferry (1932, estimate: £8,000,000-12,000,000) and Alberto Giacometti’s Trois hommes qui marchent (Grand plateau) (1948, estimate: £8,000,000-12,0000,000, illustrated above, right) will both lead the Impressionist and Modern Art Evening Sale. Further highlights include George Grosz’s politically charged Gefährliche Straße (1918, estimate: £4,500,000-6,500,000), which has remained in a private collection for 50 years and will appear at auction for the first time. A group of three still lifes by Pablo Picasso demonstrate his career-long dedication to evolving the genre with exceptional examples from the 1940s, 50s and 60s: La cafetière (1943, estimate; £1,000,000-1,500,000); Intérieur au pot de fleurs (1953, estimate: £7,000,000-10,000,000, illustrated above, left) and Nature morte au chien (1962, estimate: £4,000,000-6,000,000). Works on paper by Gino Severini, Egon Schiele, Paul Klee, Picasso and Max Ernst provide intimate insight into key artists of the 20th century. The Day and Works on Paper sales will follow on 6 February together with the online-only sale dedicated to Picasso Ceramics, which is open for bidding from 30 January to 7 February 2020. The works will be on view in the King Street galleries from 30 January to 5 February 2020.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The Art of the Surreal Evening Auction

Posted by fidest press agency su sabato, 18 gennaio 2020

London – Christie’s The Art of the Surreal Evening Sale will directly follow the Impressionist and Modern Art Evening Sale, launching ‘20th Century at Christie’s’ on 5 February 2020. The Surreal season is highlighted by René Magritte’s poetic masterpiece A la rencontre du plaisir (Towards Pleasure) (1962, estimate: £8,000,000-12,000,000, illustrated above, left), which has remained in a private collection for over 50 years and has never been offered on the market until now. A total of seven paintings by Magritte are presented, spanning his oeuvre from 1928-62 with estimates ranging from £350,000 to £8,000,000. Further highlights include a new discovery, Salvador Dalí’s Sans titre, bateau à voiles dans la baie de Port Lligat (1960, estimate: £1,500,000-2,500,000), as well as Max Ernst’s Paysage-effet d’attouchement (1934-35, estimate: £1,500,000-2,500,000), and Francis Picabia’s Ligustri (1929, estimate: £2,200,000-2,800,000).The Day and Works on Paper sales will follow on 6 February together with the online-only sale dedicated to Picasso Ceramics, which is open for bidding from 30 January to 7 February 2020. The works will be on view in the King Street galleries from 30 January to 5 February 2020.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo Direttore Generale AIFA

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 gennaio 2020

“L’Associazione Medici Diabetologi (AMD) formula i migliori auguri di buon lavoro al nuovo Direttore Generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) Nicola Magrini”, lo dichiara Paolo Di Bartolo, Presidente nazionale AMD. “Rinnoviamo la nostra piena disponibilità a collaborare con l’Agenzia – prosegue il Presidente AMD – nell’ottica di migliorare su tutto il territorio nazionale l’accesso alle terapie e garantire la centralità della persona con diabete, consapevoli dell’importanza di coniugare appropriatezza e sostenibilità”.
“Oggi più che mai – aggiunge Di Bartolo – i farmaci ‘innovativi’ rappresentano un valore e non un mero costo nella gestione di questa patologia cronica così impattante. Per la prima volta, nel mondo diabete, abbiamo la disponibilità di terapie che hanno dimostrato di ridurre il rischio di complicanze cardiovascolari e renali, di mortalità e di ospedalizzazioni. Auspichiamo pertanto un superamento della visione ‘a silos’ della spesa per i farmaci dal punto di vista della valutazione dell’impatto economico, poiché i farmaci non possono più essere considerati come una semplice ‘voce di spesa’ a sé stante, ma come elemento che concorre in modo decisivo all’efficacia del percorso di cura nel suo complesso”.“Il miglior augurio che possiamo inviare al nuovo Direttore Generale dell’Agenzia – conclude Di Bartolo – è quello di riuscire a concorrere in modo sostanziale al superamento delle disparità di accesso ai farmaci innovativi ancora evidenti nel nostro Paese. Una non pari opportunità di cura, spesso su base regionale, che dipende non solo dalle differenti politiche di rimborso delle terapie adottate dalle singole Regioni, ma anche dall’impossibilità di prescrizione delle ‘nuove’ terapie da parte della medicina generale. Siamo dunque disponibili e aperti al dialogo con AIFA, nel comune intento di garantire a tutte le persone con diabete le prestazioni migliori e un’assistenza più equa, in tutto il Paese”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Elogio della città: Dal luogo delle paure alla comunità della gioia

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 gennaio 2020

Roma mercoledì 22 gennaio 2020 – ore 17:00 Istituto della Enciclopedia Italiana – Piazza della Enciclopedia Italiana, 4. Con l’Autore Giovanni Maria Flick intervengono Luca Bergamo, Andrea Ferrazzi, Franco Purini, Salvatore Settis.Il crollo del ponte Morandi a Genova, l’incendio della guglia ottocentesca della Cattedrale di Notre-Dame, un rogo in una baraccopoli che provoca la morte di un lavoratore ghanese, migrante clandestino. Eventi e notizie da cui Giovanni Maria Flick, Presidente emerito della Corte Costituzionale, trae spunto per riflettere sulla città. Le sue riflessioni si sviluppano nel libro alla luce di due imperativi. Il primo, di natura biblica: rendere giustizia alla vedova, all’orfano, al povero, allo straniero…. Il secondo, tratto dalla Costituzione: la personalità dell’uomo si realizza nelle formazioni sociali che assicurano la pari dignità attraverso la garanzia dei diritti inviolabili e l’adempimento dei doveri inderogabili.
“Sono due indicazioni importanti – afferma l’Autore – frutto della saggezza della storia (la prima) e dell’impegno comune che nacque dalla guerra perduta e dalla Resistenza (la seconda). Sono vincolanti per tutti, ma in particolare per chi ha il compito di tradurre le idee e i desideri degli uomini nel linguaggio delle pietre, e per chi ha il compito di formulare le regole per quella traduzione. Per impedire che cadano le guglie e i ponti, ma anche per impedire che i diversi muoiano bruciati nelle baracche”.Tutela del patrimonio storico e tutela «dei diritti inviolabili dell’uomo lì dove svolge la sua personalità» – la città appunto – non possono contrapporsi. Devono integrarsi. La città può essere il luogo in cui scrivere il futuro delle generazioni. Le sue architetture, le sue periferie o centri storici, i suoi sviluppi possono segnare efficaci e concrete vie per costruire una società capace di vivere ed educare ai nostri valori costituzionali.
A differenza degli ultimi volumi dell’autore – Elogio della dignità (2015); Elogio del patrimonio (2016); Elogio della Costituzione (20184) – il titolo del nuovo libro ha, volutamente, un punto interrogativo. “Nell’alternarsi tra le maledizioni e le benedizioni della città – scrive ancora Flick – mi sembra giusto restare nel ragionevole dubbio di giuridica memoria, per non avallare soluzioni precostituite di ottimismo o piuttosto di pessimismo. Elogio della città? Lascio a chi legge valutare se questo dubbio – espresso dall’interrogativo – è in qualche modo giustificato ed è superabile”.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pietro e Paolo di Marcello Fois

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 gennaio 2020

Milano Giovedì 16 gennaio 2020, alle 18.30, negli spazi di Nonostante Marras via Cola di Rienzo 8, verrà presentato il libro Pietro e Paolo di Marcello Fois (Giulio Einaudi Editore 2019). A parlarne intervengono l’autore e la scrittrice Bianca Pitzorno.L’evento segna l’inizio del percorso di questo nuovo anno di Nonostante Marras, che si incentrerà sul tema della sparizione. Come scrive Francesca Alfano Miglietti: “Questo Sulla Sparizione è il progetto di un vagabondaggio anarchico privo di una meta finale, dove i termini ricorrenti, ancora una volta, sono la solitudine, il silenzio, il viaggio, l’invisibile. Scomparire rende in qualche modo disponibili: la prospettiva si allarga e il mondo appare molteplice e decentrato e percorso da infinite linee di fuga”.
Sotto il cielo rigido e impassibile di gennaio, Pietro e Paolo si stanno per incontrare dopo tanto tempo. Lo sanno entrambi, sarà l’ultima volta. Il loro legame, consumato da una promessa, è tenuto in vita da una preghiera.Prima erano inseparabili: Pietro figlio dei servi, Paolo dei padroni, un’adolescenza trascorsa in comunione con la natura, nel cuore vivo di una Sardegna selvaggia. I giochi, le parole pronunciate per conoscersi o per ferire, poi Lucia, «una giovane acacia selvatica»: sono tante le vie per scoprire chi sei, chi vuoi diventare, qual è la misura esatta del tuo potere. Quando Paolo viene chiamato alle armi, per una promessa che assomiglia a un patto di sangue si arruola anche Pietro, da volontario. Il suo compito è guardare a vista l’amico fragile, sorvegliarlo, proteggerlo. Ora non è più ignorare le disparità nel loro rapporto possibile, s’impongono come le regole di grammatica che Paolo un tempo spiegava a Pietro: ci sono dei verbi, gli ausiliari, che permettono a tutti gli altri di spostarsi nello spazio e nel tempo. «Non lasciarmi» chiede Paolo, e Pietro forse lo tradirà o forse rispetterà la promessa, ma da quei giorni di bombe e combattimenti le loro vite, e quelle delle loro famiglie in Sardegna, cambieranno per sempre. Sino a quel mattino di gennaio in cui, ormai uomini fatti, si troveranno di nuovo uno di fronte all’altro. In una resa dei conti dove tradirsi o salvarsi può essere paradossalmente lo stesso gesto.«Lì, distesi a terra, rivolti al cielo di una tinta indefinibile, le parti si invertivano: lì Pietro sapeva cose che Paolo ignorava. Quel tempo era stato un immenso vomere che aveva ribaltato il terreno delle loro esistenze». Marcello Fois (Nuoro 1960) vive e lavora a Bologna.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

«Non siamo meridionalisti»: un nuovo modo di far navigare il Mezzogiorno

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 gennaio 2020

È in libreria per Rubbettino «Mezzogiorno in progress? Non siamo meridionalisti» Il volume, promosso dall’Osservatorio di Economia e Finanza di Bari, un istituto specializzato negli studi e progettazione per lo sviluppo dei territori nel contesto mediterraneo, è curato dagli economisti Antonio Corvino e Francesco Saverio Coppola, rispettivamente direttore generale e coordinatore del comitato scientifico dell’Osservatorio. Si tratta di un’opera assai ampia che costituisce un mosaico del Mezzogiorno osservato nelle sue diverse sfaccettature.Il volume si articola in due parti, nella prima vi è il contributo di trenta economisti, sociologi, statistici, rappresentanti imprenditoriali che hanno trattato le questioni aperte del Mezzogiorno, un Mezzogiorno che viene definito cantiere in progress. Un cantiere sì, ma cantiere nazionale, europeo e mediterraneo. Il Mezzogiorno, la grande scommessa della nazione, deve tornare a crescere e ritrovare lo spirito di un’azione corale che ridia senso e direzione allo sviluppo dell’intero Paese. Tocca al Mezzogiorno, mettendo anche in discussione i suoi equilibri ed i suoi strumenti di programmazione e di governance, decidere del suo futuro. Lo Stato deve fare la sua parte sul versante delle nuove frontiere dell’innovazione, della dotazione infrastrutturale, logistica e degli investimenti produttivi. Le scelte devono spingere il Mezzogiorno verso il centro delle relazioni internazionali e non bloccarlo ai margini del Mediterraneo.Nella seconda parte vi sono le testimonianze di trenta rappresentanti della società civile meridionale, raccolte dalla giornalista Cinzia Ficco, che raccontano le loro storie di successo che spesso sono risultate frutto di una forte volontà di superare le molteplici difficoltà incontrate durante il loro percorso. Esse costituiscono uno spaccato straordinario del Mezzogiorno che, non solo resiste ma cresce e si afferma.
Il libro si apre con la presentazione a cura del Presidente OBI On. Ing. Salvatore Matarrese che a proposito dell’opera scrive: “vuole essere uno stimolo e un richiamo per il Mezzogiorno. Economisti, sociologi, imprenditori, intellettuali e rappresentanti della società meridionale mettono a disposizione di quanti sono chiamati a decidere nelle sedi istituzionali elementi di riflessione e sollecitazione per una conoscenza più ampia e approfondita del Mezzogiorno, delle sue opportunità e delle sue prospettive.” La speranza degli autori e dell’Osservatorio di Economia e Finanza è che questo lavoro, realizzato a più mani possa travalicare i confini dell’impegno letterario per divenire uno strumento utile di conoscenza, di approfondimento e di coinvolgimento, in vista dell’auspicabile obiettivo per ogni italiano di dare al Mezzogiorno quella centralità che è indispensabile affinché diventi per il Paese una grande opportunità di sviluppo e crescita. http://www.rubbettinoeditore.it

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I concerti della settimana al Miles Davis Jazz Club

Posted by fidest press agency su martedì, 14 gennaio 2020

Palermo. Dal 15 al 19 gennaio, tanti appuntamenti nel locale di Palermo creato da Ettore Balistreri Tanti concerti e appuntamenti, per un locale a tutto jazz.Anche questa settimana è tempo di fare musica, da mercoledì a domenica alle 21,30, al Miles Davis Jazz Club a Palermo in via Enrico Albanese 5, spazio per la musica di qualità ideato da Ettore Balistreri.
Si comincia mercoledì 15 gennaio con l’Open jam aperta a tutti condotta da Bino Cangemi. Si continua giovedì 16 con la nona edizione del premio Enzo Randisi. Venerdì 17 gennaio toccherà al Giuseppe Vasapolli trio. Sabato 18 gennaio weekend al sapore di blues con l’Umberto Porcaro trio. Si conclude domenica 19 gennaio con l’Alberto Alibrandi jazz trio.Miles Davis Jazz Club è aperto dalle 19 per l’aperitivo o la cena.Ingresso con consumazione. Per informazioni a qualsiasi ora un messaggio WhatsApp al 3914361644.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Jessie Burton: La Confessione

Posted by fidest press agency su martedì, 14 gennaio 2020

Uscita prevista: 23 gennaio. Dopo il successo mondiale di Il miniaturista e La musa (tradotti in 40 lingue, con oltre un milione di copie vendute), l’autrice inglese ci consegna il suo romanzo probabilmente più affascinante e magnetico. Una profonda esplorazione dell’animo femminile attraverso la storia indimenticabile di tre donne sempre in bilico tra desiderio e ossessione, accettazione e riscatto, mistero e confessione. Un pomeriggio d’inverno ad Hampstead Heath, nel 1980. Elise Morceau, ventenne molto bella che si guadagna da vivere facendo la maschera a teatro, incontra Constance Holden e ne rimane stregata. Constance, detta Connie, è arrogante e attraente, è una scrittrice di successo e il suo romanzo sta per diventare un film a Hollywood. Tra le due donne inizia un rapporto di amorosa ossessione e di progressiva dipendenza. Esasperata da Connie, Elise la lascia, una prima volta: decide per una vita normale, si sposa con un uomo, rimane incinta. Ma Elise rifiuta la sua nuova vita, che la lascia sempre insoddisfatta, fino a quando una sera si trova ad ascoltare casualmente una conversazione di sconosciuti e ne resta sconvolta: ciò che sente dire a quella festa la spinge a compiere una scelta radicale, che cambierà la sua vita. Così Elise scompare nel nulla senza lasciare traccia. Trent’anni dopo, Rose, la figlia di Elise, alla ricerca di risposte su sua madre, rintraccia Constance (Connie), che è stata l’ultima persona a vederla viva, per ottenere una confessione, scavando nel loro passato… Editore: La nave di Teseo

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

AnpiLibri – 15 gennaio: S. Ginzberg, Sindrome 1933

Posted by fidest press agency su martedì, 14 gennaio 2020

Milano Mercoledì 15 gennaio 2020, ore 18 via Federico Confalonieri 14 L’Autore ne discute con Giancarlo Bosetti, David Bidussa, e Silvia Roggiani, Letture di Miriam Camerini.Il passato risuona nel presente. Cosa hanno a che fare la Germania del 1933 e l’Italia di oggi? Un minaccioso déjà vu può aiutarci a capire dove stiamo andando e, forse, a non commettere gli stessi errori. Una campagna elettorale permanente, un partito che non è di destra né di sinistra ma “del popolo”, un improbabile contratto di governo, la voce grossa che mette a tacere i giornali, l’odio che penetra nel discorso pubblico, le accuse ai tecnici infidi, il debito, la gestione demagogica e irresponsabile delle finanze. Sono le analogie che minacciano il presente e rischiano di farlo somigliare pericolosamente a un passato che credevamo di esserci lasciati alle spalle. Quando Hitler nel 1933 divenne cancelliere del Reich, i cittadini tedeschi cominciarono a seguire incantati il pifferaio che li portava nel burrone.Siegmund Ginzberg è nato a Istanbul; i nonni furono sudditi dell’impero ottomano. Giornalista, è stato una delle storiche firme dell’Unità, inviato in Europa, Stati Uniti, Cina, India, Giappone, Corea del Nord e del Sud, Iran. Insieme a Sfogliature (2006) e a un’introduzione a Il paradiso a colori. Il libro della Genesi, illustrato da Marc Chagall, ha pubblicato Risse da stadio nella Bisanzio di Giustiniano (2008), «una sorta di zibaldone dove un giornalista colto e spiritoso legge le notizie di ieri con gli strumenti di oggi, e quelle di oggi con il sapere di ieri» (Giuseppe Conte) e il romanzo familiare Spie e zie (2015).
Giancarlo Bosetti direttore della rivista «Reset», fondata nel 1993 insieme a un gruppo di intellettuali social-liberali. Scrive per «la Repubblica». Insegna Giornalismo politico alla Sapienza.David Bidussa, storico. Collabora al «Domenicale – Sole 24 Ore» e a http://www.glistatigenerali.com. Silvia Roggiani, promotrice e animatrice del progetto “Bella ciao, Milano!”, da novembre 2018 è Segretaria metropolitana del Partito Democratico di Milano.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roberto Azzurro porta in scena “Musica, Maestro!”

Posted by fidest press agency su martedì, 14 gennaio 2020

Napoli Giovedì 16 gennaio 2020, (Inizio spettacoli ore 21.00 (da giovedì a sabato), ore 18.00 (domenica) Teatro Elicantropo Roberto Azzurro porta in scena “Musica, Maestro!” di Manlio Santanelli, testo inedito del drammaturgo partenopeo scritto per Roberto Azzurro, che si fa interprete e regista dell’allestimento.Dopo anni di “frequentazione” del teatro e la narrativa di Manlio Santanelli, Roberto Azzurro affronta un nuovo testo del drammaturgo, che scava, come sempre, nei meccanismi che da sempre caratterizzano la sua drammaturgia.Questa volta il “fattore temporale” è determinante più di tutte le altre volte. Il linguaggio sembra davvero una giostra verbale spericolata, e, allo stesso tempo, rassicurante, pur servendosi di una forma e un vocabolario non proprio consueti, riproducendo tutte queste iperboli verbali in maniera surreale, ma sempre reale. Il grottesco diviene, così, cifra stilistica, contestualmente letteraria e drammaturgica, del racconto.
Con la nascita, ovvero con la caduta nel tempo, l’uomo è costretto a vivere secondo un ritmo immutabile. Il tempo, che per definizione è un concetto assoluto, sul piano personale può dilatarsi o contrarsi a seconda delle circostanze in cui ci si trova. Per questa ragione il tempo trascorso sotto i ferri del dentista sembra molto più lungo di una bella gita al mare.In questo monologo il tempo va dal momento in cui il direttore d’orchestra batte la bacchetta sul leggio, onde ottenere la concentrazione degli orchestrali, a quello in cui darà l’attacco. Trattasi di pochi secondi, eppure sono sufficienti a contenere un’intera vita.“Lungi da me – così Roberto Azzurro in una nota – pensare a qualsivoglia tipo di autobiografismo. Qui non riesco però a fare a meno di pensare che l’esperienza di quanto possa dilatarsi la percezione, addirittura reale del tempo, in certi frangenti l’ho proprio vissuta, quando ho subito il noto incidente, al punto che, se decidessi di raccontarla, potrei riempire tomi poderosi. Tanti furono i pensieri e le riflessioni che galopparono a ritmo inverosimile nella mia testa in quei terribili momenti”.In Musica, Maestro!, presentato da Ortensia T, Roberto Azzurro non tenta in alcun modo di fare rifermento alla sua esperienza personale. Non ha mai fatto biografia nel suo teatro, se non nel porre ogni volta l’attore in scena, che, proprio davanti agli occhi dello spettatore, si trasforma nel personaggio. “E anche qui – conclude l’attore e regista – sarò io a entrare in scena come attore, e poi a diventare il personaggio”.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Percival Everett: Quanto blu

Posted by fidest press agency su martedì, 14 gennaio 2020

Uscita prevista: 30 gennaio.Il grande ritorno di uno dei più grandi ed eclettici scrittori americani. Un romanzo geniale e irresistile sul mondo dell’arte, raccontato con il suo stile inconfondibile intriso di ironia e acume, che fin dagli esordi ha conquistato critica e pubblico.
Kevin Pace lavora da tempo a un dipinto che non lascia vedere a nessuno: né ai suoi figli, né al suo migliore amico Richard, e neppure a sua moglie Linda. Questa gigantesca tela di quattro metri per sette, interamente ricoperta da strati di vernice blu di sfumature differenti, potrebbe essere il suo capolavoro, oppure no. Kevin non lo sa ancora o, più precisamente, non gli importa, concentrato com’è sul suo passato, di cui questo quadro sembra essere una sintesi, una rappresentazione, enigmatica e inspiegabile. Dieci anni prima ha avuto una storia con una giovane acquarellista a Parigi: una storia che ha segnato profondamente Kevin, che ora non riesce a smettere di pensarci. E ritornano i fantasmi del passato, i segreti che tiene nascosti da anni, le bugie che racconta per proteggersi da qualcosa di troppo doloroso. Mentre gli eventi del passato si intrecciano con il presente, Kevin lotta per giustificare con sua moglie i sacrifici che compie per la sua arte e per trovare con lei un punto di equilibrio che consenta a entrambi di non precipitare. E quel dipinto nasconde una verità indicibile. O forse la sua salvezza. collana i Fari. Editore: La nave di Teseo

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Claudia Petrucci: L’Esercizio

Posted by fidest press agency su martedì, 14 gennaio 2020

Uscita prevista: 30 gennaio. L’esordio nella narrativa di Claudia Petrucci esplora il confine ambiguo tra persona e personaggio, normalità e follia, con una scrittura magnetica, limpida, avvincente. Una protagonista femminile che ricorda le eroine dei romanzi di Patrick McGrath.Giorgia, una ragazza dal passato doloroso e affetta da gravi disturbi schizofrenici, incontra Filippo a una festa di laurea: lui la vede fragile e tormentata, lei si sente rassicurata dalla normalità di lui. I due si innamorano, ma la loro storia si incrina per questioni economiche e lavorative: quando Giorgia inizia a lavorare in un supermercato ritornano le sue vecchie crisi, che pretendeva di ignorare, e l’incontro col suo ex maestro di teatro Mauro la riporta in un mondo, quello del palcoscenico, in cui lei non è capace di distinguere tra realtà e finzione, immedesimandosi troppo a fondo con il personaggio che interpreta. Viene ricoverata in una clinica, mentre fuori Filippo e Mauro iniziano a frequentarsi, uniti dall’affetto per lei. Vanno a trovare Giorgia insieme e piano piano si rendono conto che un modo per guarirla c’è: scrivere un copione in cui lei interpreti sé stessa, per riportarla alla normalità. Tuttavia la seduzione di questo gioco pericoloso non li lascia indifferenti ed entrambi cedono alla tentazione di manipolarla, di farla diventare come la desiderano. Fino a quando, padrona ormai di una sé stessa immaginaria, Giorgia non abbandona la sua vecchia vita con conseguenze imprevedibili.
collana Oceani – narratori stranieri. Editore: La nave di Teseo

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Aldo Buzzi: Opere

Posted by fidest press agency su martedì, 14 gennaio 2020

Uscita prevista: 30 gennaio. Dal Taccuino dell’aiuto-regista a Parliamo d’altro, passando per l’ormai proverbiale L’uovo alla kok, tornano finalmente in libreria, per la prima volta raccolte in un unico volume, tutte le opere di Aldo Buzzi (1910- 2009), amatissimo “maestro nascosto” della nostra letteratura. Condotta sulle carte dell’archivio personale di Buzzi, questa edizione comprende un’ampia scelta di scritti rari o inediti, una cronologia della vita e delle opere, e un’introduzione firmata da Antonio Gnoli.Un percorso lungo quasi un secolo, affascinante e inafferrabile, che mescola con apparente noncuranza appunti di viaggio, riflessioni gastronomiche e memorie autobiografiche. Eclettico, (auto)ironico, imprevedibile, Buzzi conduce il lettore dalla Roma cinematografica di Fellini e Lattuada alla New York dell’amico Saul Steinberg, dalla Russia di Čechov all’Italietta carducciana, in un montaggio serrato di tempi, luoghi, persone e stati d’animo. collana i Venti – poesia. Editore: La nave di Teseo

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Amin Maalouf: Le crociate viste dagli arabi

Posted by fidest press agency su martedì, 14 gennaio 2020

Uscita prevista: 30 gennaio. Una nuova edizione per un classico contemporaneo, assente da molti anni dai nostri scaffali. Il primo libro di Amin Maalouf, un long seller che è diventato un punto di riferimento per più generazioni di lettori. Con una nuova introduzione dell’autore. Luglio 1096: fa molto caldo sotto le mura di Nicea. All’ombra dei fichi, nei giardini fioriti, circolano notizie inquietanti: una truppa formata da cavalieri, fanti, ma anche di donne e bambini, marcia su Costantinopoli. Si dice che portino, cucite sulla spalla, delle croci in tessuto. Dicono che vengono a sterminare i musulmani fin dentro Gerusalemme. Resteranno due secoli in Terra santa, saccheggiando e massacrando in nome del loro dio. Un’incursione barbara compiuta dall’Occidente contro il cuore del mondo musulmano segna l’inizio di un lungo periodo di decadenza e oscurantismo, e la violenza di quell’attacco continua a farsi sentire ancora oggi. Nell’intento di dare delle crociate un’immagine nuova e diversa, Amin Maalouf ha fatto ricorso agli scritti degli storici arabi, molti dei quali sconosciuti in Europa, gettando al di là della barricata uno sguardo che ci riserva non poche sorprese: un affresco a colori violenti, ma anche un monito inquietante per i nostri tempi. collana le Isole. Editore: La nave di Teseo

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione del volume Bembo ritrovato

Posted by fidest press agency su lunedì, 13 gennaio 2020

Venezia Giovedì 23 gennaio 2020, alle ore 17 Libreria Sansoviniana, P.tta San Marco 13/a Presentazione del volume Bembo ritrovato. Il postillato autografo delle Prose, di Fabio Massimo Bertolo, Marco Cursi, Carlo Pulsoni. Saluto di Stefano Campagnolo, Direttore della Biblioteca nazionale Marciana.
Relatori: Tiziano Zanato, Professore Ordinario di Letteratura Italiana (Ca’ Foscari), ed Elisa Curti, Ricercatrice di Letteratura italiana (Ca’ Foscari). Saranno presenti gli autori. Per l’occasione sarà possibile visionare il postillato bembiano, che verrà presentato dal Direttore dell’Archivio di Stato di Venezia, Gianni Penzo Doria, e dal Direttore della Biblioteca Marciana, Stefano Campagnolo. La scoperta di un autografo rappresenta certamente un evento fortunato nella ricostruzione testuale di un’opera. Ma come bisogna comportarsi quando si rinviene l’edizione di una delle opere più importanti della nostra storia letteraria, recante in margine postille autografe che contengono varianti, rimandi e annotazioni riferite a controlli che l’autore si riprometteva di fare, se l’opera in questione è stata letta nel corso dei secoli in un’altra forma, che ne costituisce una vera e propria vulgata? È questo il caso del postillato autografo, finora sconosciuto, della prima edizione delle Prose di Pietro Bembo (Venezia, Tacuino, 1525), di recente identificato e oggetto del presente studio. I frequenti interventi di mano del Bembo negli ampi margini dei fogli permettono di ricostruire non solo le modifiche testuali che confluirono nella seconda e nella terza edizione, ma anche di venire a conoscenza di riflessioni linguistiche e di rimandi a passi di opere prese a modello finora ignoti. Lo studio di carattere filologico è preceduto da un’accurata ricostruzione della storia del postillato e seguito da un’analisi paleografica delle notazioni del Bembo; il volume si chiude con l’edizione del testo secondo l’ultima volontà d’autore, attestata dagli interventi autografi che Bembo appose al suo libro.
Fabio Massimo Bertolo, bibliologo, è amministratore delegato di Finarte e direttore della casa d’aste Minerva Auctions.
Marco Cursi è Professore Ordinario di Paleografia presso l’Università degli Studi di Napoli – Federico II.
Carlo Pulsoni è Professore Ordinario di Filologia romanza presso l’Università degli Studi di Perugia.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »