Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Archive for the ‘Recensioni/Reviews’ Category

Reviews

Rime per il canzoniere di Ludovico Ariosto

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 luglio 2021

A cura di Giada Gussardo collana i Venti, pp. 288, 18 euro. La Nave di Teseo. in libreria dal 2 settembre. Una nuova edizione commentata in cui si coniuga scientificità e chiarezza divulgativa, valorizzando inoltre alcuni aspetti finora mai emersi nei commenti a queste liriche latine. Questo volume raccoglie i componimenti che lo stesso Ariosto selezionò per i suoi tentativi di canzoniere. Il ricco commento di Giada Guassardo ci conduce nel laboratorio delle rime, lungo le piste compiute e quelle accennate, guidandoci nei meandri di un’esperienza unica di vita e poesia. A lungo oscurate dal successo delle opere maggiori, le liriche in volgare di Ariosto hanno conosciuto, a partire dagli inizi del Novecento, una progressiva riscoperta, che tuttavia non è bastata a sciogliere i numerosi problemi interpretativi legati a questi componimenti sfuggenti e misteriosi. Di questa difficoltà si è reso complice Ariosto stesso, che non autorizzò mai la stampa delle sue rime, né diede loro una sistemazione definitiva. Al centro di questi testi c’è l’indagine delle passioni umane nella loro complessità – gioia e tormento, eros e ideale –, condotta ora con disincanto, ora con sincera partecipazione, e sempre con straordinaria inventiva. Se questi elementi si ritrovano anche nell’Orlando furioso, solo nelle liriche aprono uno spiraglio diretto sul vissuto di Ariosto, restituendo il momento più autentico dell’esperienza affettiva, specialmente l’amore per Alessandra Benucci, compagna di vita degli anni maturi.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

11 di Giancarlo Marinelli

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 luglio 2021

Collana Oceani, pp. 256, 18 euro in libreria dal 2 settembre. La nave di Teseo. Un toccante e originale romanzo corale con protagoniste le Torri Gemelle a vent’anni dall’attacco terroristico che le ha distrutte. Con una scrittura precisa e fulminea, l’autore riesce a miscelare con equilibrio “il dettaglio umano” con la Grande Storia, la miseria dei rapporti interpersonali con la poesia immortale dei sentimenti. 10 Settembre 2001. Konstantin Petrov è un giovane immigrato estone che ha deciso di inseguire il “sogno americano”. A New York lavora come inserviente nel ristorante Windows on the World all’interno della torre nord del World Trade Center. Armato di una macchina fotografica, che lui appella “baby pat”, sfruttando il turno di notte riesce a realizzare alcuni scatti suggestivi della metropoli da un punto di vista assolutamente privilegiato. Il suo unico amico è il vecchio e cieco David, che ‘guarda’ la città attraverso il racconto sincero dell’immigrato e parla solo con una verde piantina che ha ribattezzato Roxanne. Un giorno, attraverso l’obiettivo telescopico di Kostantine, nella vita dei due amici entra una donna affascinante quanto misteriosa, che siede sempre alla stessa ora su una panchina di Central Park e che ineluttabilmente diventerà la loro ossessione. A partire dalla figura centrale di Petrov (una vicenda realmente accaduta), l’autore intreccia abilmente sei storie simultanee puntellate di scatti fotografici, che attraversano le ore prima, durante e dopo l’attacco terroristico che ha sconvolto gli equilibri politici del pianeta, coinvolgendo persone comuni, ma anche personaggi ingombranti e noti, come George W. Bush, sua moglie Laura, la consigliera di stato Condoleezza Rice, Alia Ghanem e il suo amato figlio Osama Bin Laden, fino allo scrittore inglese Premio Nobel Harold Pinter.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La casa di Roma di Pierluigi Battista

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 luglio 2021

Collana Oceani, pp. 224, 19 euro. La Nave di Teseo. In libreria dal 2 settembre. Il primo romanzo di uno straordinario osservatore della nostra società e della nostra storia. Il ritratto di una grande famiglia borghese che ha attraversato il Novecento e che rivela tutti i suoi lati oscuri. Marco, giovane autore e regista, decide di imbarcarsi nell’impresa di scrivere un romanzo sulla grande famiglia di sua madre. Chiede dunque l’aiuto di Anita, sua mamma, e di Raffaello, suo zio. Entrambi iniziano così a raccontare la genesi della famiglia Grimaldi, a partire dai bisnonni di Marco, Giovanni e Caterina, dal cui amore erano nati Raimondo, classe 1917, “comunista granitico”, ed Emanuele, “fascista antropologico”. I due fratelli non erano diversi solo per le idee politiche, ma anche per le scelte di vita. Finita la guerra, nonostante si detestassero, avevano comunque deciso di convivere nello stesso villino, la casa di Roma appunto, dove poi avrebbero cresciuto i rispettivi figli, che si frequentavano con gioia nel grande giardino comune. La rivalità politica si ripercuote sulle generazioni successive, finché Raffaello non scopre che lo zio Raimondo, sempre arrogante con la sua spocchia nel raccontarsi come rappresentate degli intellettuali antifascisti, aveva preso in realtà dei finanziamenti dal regime. Raffaello, per riscattare la figura di suo padre Emanuele, decide di rendere pubblica la vicenda scrivendo un articolo per il giornale per cui lavora, senza avvisare nessuno della famiglia. La pubblicazione dell’articolo, disapprovata da tutti i componenti della famiglia, crea un grande scompiglio e innescherà una catena di rivelazioni da cui la famiglia uscirà in frantumi.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Una scuola per il futuro di Giulio Ferroni

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 luglio 2021

Collana le Onde, pp. 160, 12 euro La Nave di Teseo in libreria dal 26 agosto Una riflessione illuminante e propositiva sulla scuola e l’educazione delle nuove generazioni, dalla penna di uno dei più importanti intellettuali del nostro paese. La pandemia globale ha imposto cambiamenti e riflessioni a tutti i livelli della nostra società e uno degli ambiti maggiormente colpiti è stato la scuola. L’informatica ha certamente permesso uno pseudo regolare svolgimento della didattica, tuttavia si è arrivati addirittura a ipotizzare una definitiva alterazione del ruolo dell’insegnante, destinato ad avvalersi di una didattica affidata a pillole audiovisive, a materiali da pescare sulla rete, più vicini alle nuove sensibilità degli allievi. Si sono naturalmente aperte discussioni sulla scuola del futuro, e l’educazione e l’istruzione vengono orientate verso l’acquisizione di competenze necessarie per la formazione e la crescita del capitale umano. Il ruolo che una scuola responsabile deve assumersi è dunque attivo e deve riflettere tutti i cambiamenti in atto. La soluzione potrebbe chiamarsi umanesimo ambientale, e consisterebbe nel far giocare la cultura e la storia e la loro continuità per assumerci la responsabilità del futuro dello spazio che abitiamo e delle vite minacciate.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ayad Akhtar Elegie per la patria

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 luglio 2021

Collana Oceani, pp. 480, 20 euro in libreria dal 26 agosto La Nave di Teseo. “Un romanzo sull’immigrazione diverso da qualsiasi altro. Singolare per la sua ricchezza, inventiva, intelligenza e il candore ardente con cui Akhtar scrive quasi ogni frase. Per me, questo è il libro dell’anno.” Junot Díaz In libreria anche Digraced, l’opera teatrale con cui Akhtar ha vinto il Premio Pulitzer 2013. L’autore racconta alcuni episodi fondamentali della storia dell’emigrazione della sua famiglia dal Pakistan negli Stati Uniti. Elegie per la patria è un romanzo profondamente intimo sull’identità e l’appartenenza, in parte dramma familiare, in parte ritratto dell’America, in parte romanzo picaresco; ma soprattutto è la storia di un padre e di un figlio. Protagonista è lo stesso autore. Nato e cresciuto negli Stati Uniti, è stato educato in una cultura occidentale: suo padre è un illustre medico cardiologo, sua madre è laureata in medicina. Entrambi nati in Pakistan, hanno fatto di tutto per dimenticare le loro origini. Il padre è disposto persino a chiudere un occhio sui rigurgiti di razzismo che esplodono negli Stati Uniti. Alla morte della madre, il narratore protagonista sente il valore delle origini e della patria, piange il legame perduto con lei ed entra in conflitto con il padre.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Nicolò Amato: «Un giudice deve farsi perdonare»

Posted by fidest press agency su domenica, 25 luglio 2021

Nicolò Amato, Credo dunque spero. La fede è speranza. Spero dunque credo: la speranza è fede, Rubbettino 2021, pp. 316, € 16 «Il giudice deve farsi perdonare e perdonarsi l’arroganza di una funzione che spetterebbe solamente a Dio e non anche agli uomini» stupisce questa considerazione di Nicolò Amato, il giudice scomparso poche ore fa, contenuta nel suo ultimo libro « Credo dunque spero. La fede è speranza. Spero dunque credo: la speranza è fede» edito lo scorso marzo da Rubbettino. Nel libro, in cui il Giudice conduce una serie di considerazioni sul suo rapporto con la fede, emerge prepotentemente e, potremmo dire, inevitabilmente la riflessione sulla giustizia e sul rapporto tra il giudizio degli uomini e quello di Dio.«Per gli uomini – continua Amato nel libro – la verità, la piccola parte di verità processuale che riescono a raggiungere, non . possesso né rivelazione, bensì faticosa incerta ricerca, esposta a ogni passo al rischio di non capire o di sbagliare»«”Chi sei tu, per giudicare il tuo prossimo?” chiede san Giacomo nella sua lettera.Un uomo . uguale a un altro uomo, a volte migliore a volte peggiore, ma ha in ogni caso la stessa natura. E in questa non c’è alla nascita, n. mai sopraggiunger. una superiorità che lo renda meritevole di ergersi a giudice del proprio fratello.Tanto più che dei suoi comportamenti egli coglie solo l’aspetto esteriore, e gli . difficile o impossibile entrare nella sua anima per comprendere che cosa esattamente lo ha spinto a essi e misurarne quindi la colpa e la responsabilità.Per un uomo giudicare un altro uomo . un compito superiore a ciò che la sua natura gli consente di fare. Tuttavia, qualsiasi collettività. di uomini, per sopravvivere, deve costituirsi come società., con leggi imposte dall’esterno e assistite da una forza sufficiente ad assicurarne la applicazione, sì da garantire la convivenza pacifica dei suoi membri, distogliendoli dalla pretesa di imporre agli altri la propria volontà e la propria forza.Da qui la necessità, la penosa necessità sociale di istituire dei giudici, cioè uomini incaricati di giudicare se qualcuno trasgredisce le leggi e di applicargli, in tal caso, la sanzione prevista.È perciò che la giustizia umana . una sfida impossibile ma, al contempo, irrinunciabile».«Nicolò Amato – scrive Maria Concetta Mattei nella prefazione – è uno di quegli uomini speciali che colpiscono a prima vista. Ha una forza interiore che diventa magnetica, che avvince. Porta altrove. Se lo ascolti, ti apre il sipario sulla realtà dei fatti, anche i più complessi. Se lo leggi, capisci che la sua vita è un dono per tutti… Dopo aver scritto tredici volumi, fra romanzi e saggi, con una cifra stilistica avvincente, ora, in questo libro, narra della sua Fede e del suo credere, che ha ispirato ogni scelta. Avevo letto di getto e senza soste tutto quello che ha pubblicato sin qui. Stavolta ho preso più tempo. Una pausa quasi ad ogni frase. Per coglierne ogni sfumatura. Per entrare nella biografia intima di un uomo speciale»

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Presentazione nuovo romanzo di Eugenio Cardi

Posted by fidest press agency su domenica, 25 luglio 2021

Il prossimo 26 novembre, presso la Sala Conferenze della sede milanese del parlamento europeo (Corso Magenta 59, Palazzo delle Stelline) verrà presentato – se la situazione sanitaria Covid_19 lo permetterà – il nuovo romanzo di Eugenio Cardi, alla presenza degli europarlamentari Pierfrancesco Majorino (ex Assessore Politiche Sociali Comune di Milano) e Giuliano Pisapia (ex Sindaco di Milano). Modererà Paola Nurnberg, giornalista Radiotelevisione Svizzera. “Irene F. Diario di una borderline – 10 anni dopo“ è il sequel del precedente, fortunato romanzo “Irene F. Diario di una borderline”, uscito nella prima edizione italiana nel 2011. Irene F. Diario di una borderline è nel frattempo stato tradotto e pubblicato all’estero (Spagna, Argentina, Canada, Francia). Presentato presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati e presso il Senato della Repubblica, Irene F. è il decimo romanzo di Eugenio Cardi ed è un romanzo (liberamente tratto da una storia vera) di denuncia sociale contro il triste e diffusissimo fenomeno dell’abuso sessuale infantile (da statistiche, per almeno l’80% dei casi l’abuso sessuale infantile/minorile accade tra le pareti domestiche per mano di uno strettissimo familiare). Conseguentemente, sia il primo romanzo che il sequel, pongono l’accento sul rapporto causa/effetto tra l’abuso sessuale infantile ed il disturbo di personalità conseguente, rapporto oramai alquanto acclarato nell’ambito psichiatrico. La storia di Irene F. è incredibilmente simile a quella di molte altre donne e a quella di Valérie Bacot, processata per aver ucciso con un sol colpo di pistola il suo patrigno Daniel Polette, patrigno che nel corso di lunghissimi e tormentati anni aveva costretto Valérie a subire abusi sessuali e violenze di ogni genere, giungendo perfino a costringerla a prostituirsi. Valérie, che rischiava l’ergastolo, è uscita trionfalmente pochissimi giorni fa tra gli applausi degli astanti dall’aula di tribunale nel quale si svolgeva il processo. Irene F. proviene da una famiglia della media borghesia torinese: un padre disadattato e alcolista, una madre fredda e anaffettiva, un fratello minore di un paio d’anni. Nel momento in cui il padre viene a mancare anzitempo il patrigno si inserisce nel nucleo familiare riuscendo a penetrare le deboli difese di Irene, la quale ritiene di poter consumare così, ovvero concedendo il proprio corpo al patrigno abusante, la sua amara vendetta nei confronti della madre. Il romanzo di Cardi vede la prefazione di Alessandro Antinelli, giornalista e telecronista RAI che abbiamo avuto modo di apprezzare professionalmente durante gli ultimi campionati di calcio europei trionfalmente vinti dalla Nazionale di calcio italiana.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il fallimento delle regioni nel nuovo libro di Franco Ambrogio e Filippo Veltri

Posted by fidest press agency su domenica, 25 luglio 2021

Franco Ambrogio con Filippo Veltri, “Regioni. 50 anni di fallimenti”, Rubbettino pp. 116, € 12,00I tempi sono ormai maturi per fare un bilancio sul regionalismo italiano. Bilancio che, a giudicare da ciò che il covid ha messo impietosamente in luce, non può certo essere positivo, per lo meno non per tutti e non per tutte allo stesso modo. Le Regioni, nate cinquant’anni or sono, per avvicinare l’istituzione ai cittadini, si sono rivelate macchine elefantiache che dissipano spesso risorse al solo scopo di autoalimentarsi.A riflettere criticamente sul ruolo che hanno assunto le Regioni nel nostro sistema e sul fallimento delle attese riposte su di esse, è Franco Ambrogio in un libro appena edito da Rubbettino dal titolo “Regioni. 50 anni di fallimenti” in cui incalzato dal giornalista Filippo Veltri, già direttore dell’Ansa di Catanzaro, l’ex parlamentare e segretario regionale del PCI, si sofferma in particolare modo sulla Regione Calabria e sul vizio originale che ne ha irrimediabilmente condizionato la storia. «La persistenza del municipalismo – osserva Ambrogio, ricordando la contrapposizione tra Catanzaro è Reggio per la scelta del capoluogo – è, ancora oggi, un male storico nella vita civile, pubblica e istituzionale della Calabria, figuriamoci 50 anni fa. Una visione regionale era, all’epoca, del tutto assente nei gruppi dirigenti. E ancora oggi non si sono fatti passi decisivi in questa direzione» I fatti di Reggio, descritti nei dettagli da Ambrogio, stimolato dalle domande di Veltri, diventano nel libro una cartina di tornasole per spiegare la Calabria di oggi, i suoi mille vizi e le sue mille contraddizioni.Le conclusioni sull’esito di questo cammino durato 50 anni sono impietose: «Si è realizzato un nuovo centralismo inefficiente – osserva amaramente Ambrogio – a Roma si è aggiunta Catanzaro. La delega agli enti locali rimane nel cassetto, la legislazione poca e misera. C’è l’amministrazione, inefficiente e nemica delle regole. La Regione non è stata, quindi, strumento di allargamento e rafforzamento della democrazia. Si è accentuata invece, la presa dei partiti, o meglio dei vari gruppi di cui sono composti i partiti, sulle istituzioni e sugli enti; si è allargato il ceto politico; è aumentata la spesa improduttiva. Le conseguenze sono state doppie: da un lato, le istituzioni hanno perso credibilità, non sono state in grado di essere punti di riferimento per il necessario cambiamento, anzi hanno finito col diventare di ostacolo a esso; dall’altro si è verificata una caduta della capacità di organizzazione autonoma della soggettività sociale e della sua azione».

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Marco Termenana: Mio figlio L’amore che non ho fatto in tempo a dirgli

Posted by fidest press agency su domenica, 25 luglio 2021

Nel 2014, a Milano, il figlio ventunenne dell’autore si toglie la vita. Il racconto, con l’obiettivo dichiarato di onorare la memoria del ragazzo, e che può aiutare altri genitori a capire e a orientarsi, analizza le cause di un disagio giovanile che nei casi estremi induce fino al suicidio, attraverso frammenti della breve vita del giovane che si mescolano a momenti di vita del presente di suo padre. Le colonne portanti del romanzo sono l’identità di genere e il disagio giovanile che porta all’autodistruzione. Giuseppe, carattere molto chiuso e introverso, spinto all’isolamento volontario dell’hikikomori, è stato un ragazzo tormentato come tanti giovani di questo tempo, con enormi dubbi sulla sua identità, al punto di diventare a volte un’altra persona, Noemi; bipolarità e auto-isolamento lo hanno indotto a non vedere per lui un futuro e a farla finita. Un libro per genitori, insegnanti, psicologi, educatori, giovani lettori dalle scuole medie in su e, singolarità dell’opera, anche nonne, vista l’intimità che Giuseppe aveva con quella materna. Marco Termenana è lo pseudonimo utilizzato dall’autore per tutelare la privacy della famiglia. Ha pubblicato nel 2016 con Albatros il volume dal titolo “Giuseppe” con lo pseudonimo di El Grinta. €19,90 Numero di pagine: 386 Anno di Edizione: 2021.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Auguri alla riconferma del presidente Vincenzi di Anbi

Posted by fidest press agency su sabato, 24 luglio 2021

“La riconferma all’unanimità di Francesco Vincenzi alla presidenza dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI) rappresenta un’ottima notizia alla luce degli importanti e cruciali impegni previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) per il settore idrico. ‘Innovazione nella sostenibilità’ e ‘competitività’ sono parole chiave per rilanciare le infrastrutture e la gestione di una risorsa determinante per l’agricoltura come l’acqua. A disposizione, tra PNRR e fondi Mipaaf, ci sono circa 1,3 miliardi di euro che possono rappresentare una svolta decisiva per il comparto primario, soprattutto nel Mezzogiorno. Al presidente Vincenzi vanno, dunque, i miei migliori auguri di buon lavoro”. Lo dichiara il deputato Filippo Gallinella (M5S), presidente della commissione Agricoltura della Camera.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cinema: La ragazza con il braccialetto

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 luglio 2021

Roma Lunedì 26 luglio ore 21.00 – Sala Anica viale Regina Margherita 286 proiezione stampa. La ragazza con il braccialetto arriva finalmente nelle sale italiane, distribuito da Satine Film. Al centro del film, la vita di Lise, un’ enigmatica adolescente, accusata dell’ omicidio della sua migliore amica e costretta, in attesa del giudizio in Corte d’ Assise, a portare alla caviglia un braccialetto elettronico. I suoi genitori la sostengono, cercando la maniera migliore di far fronte al dramma che ha colpito la famiglia, ma, durante il processo, emergono aspetti della personalità di Lise inattesi e sconcertanti, che rendono difficile anche per loro discernere la verità.Chi è veramente Lise? Conosciamo davvero chi amiamo?La Ragazza con il Braccialetto è un “courtroom drama” incalzante e appassionante per i toni del dibattimento con cui difesa e pubblico ministero sostengono e dipanano le reciproche argomentazioni e, al tempo stesso, il suo racconto apre uno squarcio sul mondo inquieto dell’ adolescenza, interrogandosi su quanto un giudizio morale possa essere condizionante nella società attuale, che sembra non comprendere più i giovani e i loro comportamenti. Lise ha 18 anni e un braccialetto elettronico alla caviglia. Accusata due anni prima del presunto omicidio della sua migliore amica, attende il processo a casa dei genitori, Bruno e Céline che la sostengono, ciascuno a suo modo, interrogandosi sulla maniera migliore di fare fronte al dramma familiare. Bruno è un padre protettivo, Cèline una madre bloccata davanti al destino della figlia. Un destino che si gioca in tribunale tra accuse e difese, confessioni e testimonianze che finiscono per rivelare una vita intima dell’imputata inattesa e sconcertante, e rendono difficile discernere la verità.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un sito web tutto nuovo per Genuina Hub

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 luglio 2021

È online il nuovo sito web http://www.genuina.eu, lo spazio web di Genuina Hub profondamente rinnovato dal punto di vista grafico e tecnologico per dare una risposta sempre più veloce ed efficace alle richieste dei professionisti del mondo HR, della Comunicazione e del Marketing. Una rappresentazione dei valori dell’azienda come elemento chiave di un posizionamento che fa della comunicazione etica la leva strategica per l’acquisizione di nuove opportunità. Aspetto distintivo, la capacità di far coesistere in un unico luogo l’anima valoriale e quella commerciale dell’HUB, per consentire agli stakeholder e ai clienti di avere una visione univoca di Genuina. “Nell’importante fase di transizione sociale, economica e sanitaria che stiamo vivendo, abbiamo sentito l’esigenza forte di realizzare un nuovo sito in grado di offrire una user experience estremamente personalizzata. Un luogo virtuale che ospitasse e raccontasse non solo i servizi, ma anche l’impegno in termini di innovazione, sostenibilità e valori per le persone, le vere protagoniste del benessere aziendale”. È il commento di Luigi Irione, Founder di Genuina.Valerio Innamorati, Art Director G2R, descrive così il coinvolgimento dell’agenzia G2R – https://g2r.it – nel progetto: “Ci è stato chiesto di realizzare un progetto ambizioso: raccontare in modo efficace ed esaustivo Genuina che, oltre a essere un Hub multidisciplinare, è un Hub fortemente impegnato sul fronte della sostenibilità e per la crescita delle persone. Ogni elemento è stato studiato per illustrare questa visione che, anche attraverso le tecnologie digitali, mette al centro le persone e le connette per rendere le proposte più libere, personali, sostenibili e condivise”.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il Circo della Notte di Erin Morgenstern

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 luglio 2021

Collana LAINYA Fazi editore. Il circo apre al crepuscolo e chiude all’aurora. Inaugurato nella Londra vittoriana di fine Ottocento, gira per tutto il mondo, con un seguito di sognatori conquistati per sempre dalle sue meraviglie. Ogni notte, nei tendoni a strisce bianche e nere vengono messi in scena spettacoli sofisticati e numeri incredibili, tanto da sembrare magici. In realtà, dietro le quinte del circo è in corso un duello di veri incantesimi, di cui solo pochi sono a conoscenza. Celia e Marco sono due giovani maghi addestrati fin dall’infanzia a combattere l’uno contro l’altra dai loro rispettivi mentori, due misteriosi esperti dell’occulto, rivali fin dalla notte dei tempi. Mentre l’illusionista Celia incanta tutte le notti il pubblico nel suo tendone, il discreto Marco, ingaggiato come assistente dal proprietario del circo, controbatte creando attrazioni sempre più elaborate e potenti. Nessuno ha messo in conto, però, l’amore che quasi inevitabilmente sboccia tra i due; un sentimento così profondo e prodigioso che scatena pericolose scintille a ogni sguardo rubato e che travolge un’intera sala non appena le loro dita si sfiorano. Ma la sfida tra Celia e Marco non può durare in eterno e solo uno di loro ne dovrà essere il vincitore. Gli anni passano, il circo diventa sempre più celebre ma il destino di tutti coloro che hanno contribuito a rendere possibile questo meraviglioso luogo è in bilico, proprio come gli acrobati che volteggiano ogni notte nei tendoni. Pagine:520 Prezzo in libreria:€ 15

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

1° Premio giornalistico SIME intitolato a Carlo Alberto Bartoletti

Posted by fidest press agency su martedì, 20 luglio 2021

La Società Italiana di Medicina Estetica SIME bandisce il 1° Premio giornalistico ‘Carlo Alberto Bartoletti’ istituito dalla società scientifica con lo scopo di riconoscere e stimolare la corretta divulgazione scientifica di tematiche riguardanti la medicina estetica. Il Premio, intitolato al fondatore della disciplina in Italia, vuole essere un omaggio allo stile e al modo di svolgere questa professione con competenza, rigore, sintesi, completezza di contenuti, chiarezza di linguaggio e capacità di divulgazione delle notizie.Il riconoscimento, dell’ammontare di €. 2.000 per ciascuna delle categorie individuate: Agenzie di stampa e carta stampata Radio-Televisioni, Web e servizi on line verrà assegnato da una giuria composta dall’Ufficio di Presidenza della Società Italiana di Medicina Estetica e da due giornalisti, e sarà consegnato a Roma in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico della Scuola Internazionale di Medicina Estetica della fondazione Internazionale Fatebenefratelli FIF. Possono concorrere al premio gli autori di servizi in lingua italiana consegnati alla Segreteria della SIME e pubblicati da quotidiani, agenzie di stampa, settimanali, periodici, riviste specializzate, testate online, servizi radio-televisivi, pubblicati, trasmessi o diffusi dal 16 luglio 2021 al 30 aprile 2022. Le opere in concorso (non più di tre per ogni autore) dovranno pervenire entro e non oltre il 1 maggio 2022, presso la Segreteria organizzativa Premio giornalistico ‘SIME 2020’ – via Monte Zebio, 28 – 00195 Roma (RM)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Annalisa Chirico: Condannati preventivi

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 luglio 2021

Le manette facili di uno stato fuorilegge Quasi un detenuto su due è recluso nelle galere italiane in regime di custodia cautelare. In altre parole, carcere preventivo. La detenzione dietro le sbarre in assenza di una sentenza di condanna ha assunto dimensioni abnormi, che sono valse al nostro Paese la maglia nera in Europa. Se oggi in Italia è più facile andare in carcere in assenza che non a seguito di una condanna; se i processi hanno una durata elefantiaca e spesso un’estinzione quasi certa; se quintali di carcere preventivo in celle dove può succedere di tutto, e di tutto infatti vi succede, vengono dispensati senza che vi sia un meccanismo effi cace per ottenere riparazione in caso di ingiusta detenzione; se oggi un magistrato può spedirti dietro le sbarre con una formuletta di rito senza che tu abbia alcun mezzo per difenderti (anzi spesso la detenzione ostacola l’articolazione di una vera difesa); se tutto questo è vero, allora esiste un problema. Esiste un Caso Italia. Le manette strette ai polsi di presunti colpevoli ci paiono la norma. Ma di normale non c’è nulla. Rubbettino Editore

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lou Palanca: Padre vostro

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 luglio 2021

Ad ispirare questo libro è la figura silenziosa e potente di Francesco De Nardo, padre della protagonista di uno degli episodi di cronaca più sconvolgenti avvenuti nel nostro Paese: il delitto di Novi Ligure del 21 febbraio 2001. Per la prima volta Lou Palanca narra in prima persona, singolare e plurale, maschile e femminile allo stesso tempo. Lo fa per riflettere sul bene e sul male, sul ruolo dei padri, sul dolore e il perdono, attraverso una ricerca che non si alimenta della voce viva degli attori di quella drammatica vicenda ma che pure consente di collocare le scelte di De Nardo in un contenitore nuovo, dove riluce la speranza, la ricostruzione del legame familiare e sociale così brutalmente reciso. Tolto l’orrore, infatti, quel che più di profondo ed elevato ci restituisce questa storia è la potenza dell’amore paterno, la restituzione di una seconda possibilità, la funzione rieducativa della pena, la giustizia riparativa, la crisi delle famiglie “normali”, il ruolo giocato dai mass-media. Elementi e capitoli che si rincorrono in una scrittura densa, profondamente immersa nell’atmosfera del lockdown del 2020 e capace di rendere il padre di Erika un riferimento collettivo, il padre di tutti, il Padre vostro. Rubbettino Editore.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Francesco Massimiliano Minniti: Intelligence e sistema penitenziario

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 luglio 2021

Indagini in una terra di confine Pianeta Carcere. Un modo di dire piuttosto noto per descrivere un universo per lo più sconosciuto. In effetti, nonostante la sempre maggiore apertura informativa, del sistema penitenziario – troppo spesso soffocato da stereotipi e luoghi comuni – si sa veramente poco. Il carcere è un luogo «diverso». Un luogo fisico, un luogo dell’anima, mai un luogo comune. Ancora meno si conosce dell’operato della Polizia Penitenziaria, della delicatezza e dell’importanza dei compiti ad essa demandati e delle grandi potenzialità investigative che le sono proprie. Questo testo cerca di offrire una visione quanto più lucida possibile del sistema penitenziario e delle attività di indagine della Polizia Penitenziaria che hanno come denominatore il «carcere», tentando di ricostruire una mappa di un sistema organico di intelligence in cui il settore penitenziario si innesti a pieno titolo, offrendo panorami investigativi e informativi di elevato profilo. Rubbettino Editore.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Livio Ferrari: No prison

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 luglio 2021

Ovvero il fallimento del carcere Cos’è il carcere, oggi e in Italia? Sono trascorsi 40 anni dall’approvazione della Legge 354, circa 55 dall’inizio della sua gestione, e possiamo affermare senza possibilità di smentita che è fallita su tutti i fronti. I dati di questo fallimento sono davanti agli occhi di tutti coloro che a vario titolo hanno a che vedere con il mondo penitenziario, e lo sono sia sotto l’aspetto punitivo, che rieducativo, nonché di sicurezza. È necessario ripensare completamente le modalità di esecuzione delle condanne, eliminando innanzi tutto dal nostro lessico il termine “pena”, che tanto ricorda la gogna e il suo retaggio culturale e corporale nell’afflizione e sofferenza, ridando dignità agli esseri umani coinvolti, sia ai condannati che agli operatori pubblici e privati. Insomma: l’impianto e le convenzioni che ruotano attorno al mondo della giustizia e della conseguente esecuzione sono da resettare e ricostruire dalla radice. Rubbettino Editore.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Carlo Petitto, Orlando Sapia La pena tradita

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 luglio 2021

Il sistema penale tra ossessione securitaria e carcerazione della povertà. Il testo realizza una analisi critica dell’evoluzione del sistema penale. È ricostruito il passaggio dalle pene corporali alle prime strutture detentive – in coincidenza col sorgere del capitalismo – sino alla centralità del carcere. Sono prese in esame le varie teoriche relative alla funzione della pena, passando dal Regno d’Italia sino alla Costituzione repubblicana. La ricerca approfondisce le ragioni della mancata attuazione dell’articolo 27 della Costituzione e le torsioni repressive del diritto penale con l’avvento della Zero Tolerance. Momento centrale è la riflessione sulla funzione criminogena del carcere – caratterizzato dal sovraffollamento oggetto anche di condanna internazionale – e la sua connessione alle dinamiche sociali. Nonostante sia più che mai urgente ripensare il diritto penale, così da intenderlo quale extrema ratio, continua a prevalere un utilizzo dello stesso finalizzato alla ricerca del consenso elettorale. Costituiscono un chiaro esempio di tale visione ideologica i recenti decreti Minniti e la riforma Orlando.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Salvatore Ferraro: La pena visibile o della fine del carcere

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 luglio 2021

La pena visibile è una teoria dell’esecuzione penale che mira a dimostrare come l’esperienza dell’utilizzo del carcere, quale luogo ideale e irrinunciabile dell’esecuzione della sanzione penale, deve ritenersi finita: causa fallimento. Questa teoria non si limita a offrire fatti e argomentazioni atti unicamente a descrivere e provare le ragioni di questo fallimento. È una teoria che aspira a molto di più. Essa, infatti, oltre a offrire ragioni nuove e più profonde nello spiegare dove e in che modo il carcere abbia rivelato i suoi lati deboli, paradossali e contraddittori, mira a modellare un nuovo scenario esecutivo della pena: alternativo, utile e produttivo. Questo modello è fondato su una specifica qualità: la visibilità, ossia la possibilità, da parte della società e della vittima del reato, di partecipare il percorso sanzionatorio inflitto al reo; e muove da due presupposti, meglio, due urgenze fondamentali: ricreare intorno al reo un nuovo ambiente «condizionante» e dissolvere «l’ambiente carcerario». Rubbettino Editore.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »