Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 151

Archive for the ‘scuola/school’ Category

Scuola: Nuovi Istituti Tecnici Superiori, sì della Commissione Istruzione e Cultura del Senato

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 Maggio 2022

La commissione istruzione e cultura del Senato ha oggi approvato a larga maggioranza il disegno di legge sugli Istituti Tecnici Superiori post-maturità. “Sono molto soddisfatto per l’approvazione a larghissima maggioranza, si tratta della prima riforma del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza che prende sempre più forma e sta per diventare legge. Con 1,5 miliardi di euro a disposizione potenzieremo i percorsi, rafforzando la rete, strutturando sempre di più il rapporto con le Regioni e i loro territori”, ha detto il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi. Il presidente della VII Commissione, Riccardo Nencini, ha ricordato che per l’approvazione del ddl “c’è stata molta collaborazione con la Camera e il Governo”, dimostrando consapevolezza sulla “crescita di un settore della conoscenza indispensabile per il nuovo mondo del lavoro”. Gli ITS, infatti, sono “scuole ad alta specializzazione tecnologica” nate per rispondere alle imprese che hanno bisogno di elevate competenze tecniche e tecnologiche. Dall’ultimo report Indire, risulta che l’80% dei diplomati ITS ha trovato lavoro a un anno dal diploma, il 92% degli occupati in un’area coerente con il percorso di studi. Marcello Pacifico, segretario confederale Cisal e presidente Anief, ricorda che “gli ITS rimangono molto al di sotto della media Europea ed è giusto invertire la rotta utilizzando i finanziamenti proprio del Pnrr. Ma questi fondi sarebbero dovuti servire anche per rivedere le politiche di reclutamento nella scuola, per aumentare gli organici in base ai bisogni e agli abbandoni concentrati in determinate aree, ampliare le sedi e l’obbligo scolastico, valorizzare il personale, introducendo forme di carriera e aumenti di stipendio legati al costo della vita, assieme a specifiche indennità, anche di rischio, oltre che cambiare le regole sulla mobilità con l’abolizione degli attuali vincoli incostituzionali”. Gli fa eco Andrea Messina, delegato Cisal, che rimarca “l’utilità sociale della formazione realizzata con gli ITS e la compatibilità ambientale dei processi produttivi; in considerazione delle assunzioni che le imprese intendono realizzare è giusto investire in questo segmento”. Anche Gian Mauro Nonnis, delegato Cisal, ritiene che “l’obiettivo minimo dovrebbe essere di 100.000 studenti in tutta Italia a cui collegare assunzioni con contratto a tempo indeterminato. Lo stesso obiettivo del PNRR, di incremento del 100% fino a 18.750 iscritti e 5.250 diplomati, va considerato come un target nemmeno troppo ambizioso”. Gli altri Paesi europei hanno infatti tassi di partecipazione ai percorsi d’istruzione terziaria breve di gran lunga superiori al nostro: nel 2017 la Spagna contava ben 392.000 iscritti su un totale di 2.010.000 studenti immatricolati nell’istruzione terziaria in generale, la Francia 501.000 su 2.532.000, il Regno Unito 287.000 su 2.431.000, la Germania 192.00049 su 3.091.000. In Italia solo 11.000 su 1.837.000.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Workshop di formazione dedicato allo skill training DBT nelle scuole medie e superiori

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 Maggio 2022

Sabato 11 giugno 2022 dalle ore 9.00 alle ore 18.00 Workshop Via Nizza, 63 Roma : “Portiamo la DBT a scuola” Condotto dalla dott.ssa Rosetta Cappelluccio. Nel costo complessivo è compreso il materiale didattico ed una copia gratuita del libro “DBT Skills nelle scuole. Skills Training per la regolazione emotiva negli adolescenti (DBT STEPS-A)” del valore di €28,50. Al termine del workshop verrà rilasciato un attestato di partecipazione che verrà inviato via e-mail. si riconosce all’insegnante il ruolo fondamentale di educatore, guida e figura di riferimento. Il docente ha una vicinanza emotiva e un contatto con i ragazzi, viste le ore passate insieme, quasi pari a quella della famiglia. Alla luce della teoria biosociale su cui si basa la DBT, l’insegnante, opportunamente formato, può gestire la disregolazione emotiva, l’impulsività e i disagi comportamentali a essa associati fino ad arrivare alla prevenzione di comportamenti disfunzionali futuri. Diversi studi hanno dimostrato l’efficacia del programma DBT® Skills nelle scuole nel migliorare la capacità di tolleranza alla frustrazione e di regolare le emozioni e nel ridurre i comportamenti impulsivi (Haskell et al., 2014; Mazza e Hanson, 2014a; Miller et al., 2014). La letteratura attesta un ulteriore vantaggio della scelta di applicare tale programma alla scuola: risultano notevolmente ridotti il tempo e le energie investite negli interventi rivolti agli alunni che infrangono le regole scolastiche, risparmiando così preziose risorse scolastiche (Cook et al.,2008).L’Istituto A.T. Beck è riconosciuto come una eccellenza nella formazione a livello nazionale e internazionale. Nel corso delle 8 ore di formazione l’enfasi verrà posta sia sugli aspetti teorici sia sull’apprendimento esperienziale. I partecipanti saranno incoraggiati ad avere un ruolo attivo in tutti i momenti del corso allo scopo di padroneggiare i concetti e le tecniche apprese Verranno inoltre forniti, come da prassi dell’Istituto, sia il materiale didattico presentato durante il workshop che gli strumenti da usare in terapia o in classe. Inoltre, nel costo complessivo del workshop, è compreso il libro “DBT Skills nelle scuole.Per informazioni e iscrizioni scrivici una mail all’indirizzo: formazione@istitutobeck.it

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: – Riforma docenti

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 Maggio 2022

“Il sindacato Anief non è contro la formazione degli insegnanti, noi auspichiamo che ci sia una formazione ma vogliamo che questa, non venga fatta levando risorse alla scuola”: a dirlo è Marcello Pacifico presidente nazionale Anief, ribadendo il concetto espresso già nel corso di questa settimana durante le audizioni tenute dal giovane sindacato in I e VII commissione del Senato sul disastroso Decreto Legge n. 36 su reclutamento, formazione e valutazione degli insegnanti e confermando quindi lo sciopero già proclamato per il prossimo 30 maggio.“Le risorse – ha detto Pacifico nel corso di una video-intervista all’agenzia Teleborsa – non possono essere prese dalla denatalità, quindi dal fatto che abbiamo meno studenti, come è stato fatto nell’ultima Legge di Bilancio: questi posti devono essere reinvestiti per potenziare la didattica, per migliorare gli apprendimenti anche nelle zone ad alta dispersione scolastica o economicamente depresse. Né possono essere sottratti soldi alla carta docente” utile all’aggiornamento della categoria e all’acquisto dei dispositivi informatici e tecnologici a supporto della didattica, anche a distanza: “al limite la card docente dovrà essere contrattualizzata e non possono essere tolti soldi per formare pochi quando vengono tolti a tutti questi soldi”.”Il principio fondamentale è avere quindi delle risorse aggiuntive. Assodato ciò, questa formazione deve essere poi svolta in orario di servizio: non è possibile pensare di svolgerla in orario aggiuntivo, perché la formazione è un diritto di tutti i lavoratori. Noi chiediamo questo – ha concluso il leader del sindacato rappresentativo – e certamente senza nessuna gestione transitoria che vada ad escludere la contrattazione dalla definizione del salario accessorio”. Un concetto che la delegazione Anief ha espresso pochi giorni fa anche all’Aran, durante il primo incontro sul rinnovo di contratto di categoria scaduto da tre anni e mezzo.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Concorso straordinario bis, domande entro metà giugno

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 Maggio 2022

Domande entro il 16 giugno. Anief propone ricorso gratuito rivolto al personale precario della scuola elementare e per i posti di sostegno di ogni ordine e grado per costringere il Ministero dell’istruzione a rispettare la norma di legge e approvare un nuovo bando anche per i posti residuali diversi da quelli su classi di concorso della scuola secondaria. Come citato infatti nelle premesse del bando da impugnare per l’ufficio legale Anief, il legislatore ha inteso bandire un concorso straordinario bis allargandolo rispetto alla precedente procedura a tutti i posti vacanti e disponibili rispetto alle ultime immissioni in ruolo, fermo restando l’accantonamento dei posti già banditi per i concorsi ordinari. L’amministrazione, nonostante le sollecitazioni del sindacato, però, ha ritenuto di procedere soltanto per alcuni posti della scuola secondaria al netto di quelli su sostegno ignorando anche la scuola dell’infanzia e primaria. Il ricorso se accolto obbligherà il ministro a prevedere un concorso per tutti i posti vacanti e disponibili; il sindacato intende tutelare gli insegnanti che sono stati esclusi. Visto il decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73, recante «Misure urgenti connesse all’emergenza da COVID-19, per le imprese, il lavoro, i giovani, la salute e i servizi territoriali», convertito, con modificazioni, dalla legge 23 luglio 2021, n. 106, ed in particolare l’art. 59, comma 9 – bis, come sostituito dall’art. 5, comma 3 -quinquies, del decreto-legge 30 dicembre 2021, n. 228, convertito con modificazioni dalla legge 25 febbraio 2022, n. 15, il quale prevede che «In via straordinaria, per un numero di posti pari a quelli vacanti e disponibili per l’anno scolastico 2021/2022 che residuano dalle immissioni in ruolo effettuate ai sensi dei commi 1, 2, 3 e 4, salvi i posti di cui ai concorsi per il personale docente banditi con i decreti del Capo del Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione del Ministero dell’istruzione nn. 498 e 499 del 21 aprile 2020, pubblicati nella Gazzetta Ufficiale, 4ª Serie speciale, n. 34 del 28 aprile 2020, è bandita una procedura concorsuale straordinaria per regione e classe di concorso riservata ai docenti non compresi tra quelli di cui al comma 4 che, entro il termine di presentazione delle istanze di partecipazione, abbiano svolto nelle istituzioni scolastiche statali un servizio di almeno tre anni, anche non consecutivi, negli ultimi cinque anni scolastici, valutati ai sensi dell’articolo 11, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124. Il bando determina altresì il contributo di segreteria posto a carico dei partecipanti, in misura tale da coprire integralmente l’onere della procedura concorsuale. Ciascun candidato può partecipare alla procedura in un’unica regione e per una sola classe di concorso e può partecipare solo per una classe di concorso per la quale abbia maturato almeno un’annualità, valutata ai sensi del primo periodo. Le graduatorie di merito regionali sono predisposte sulla base dei titoli posseduti e del punteggio conseguito in una prova disciplinare da tenere entro il 15 giugno 2022, le cui caratteristiche sono definite con decreto del Ministro dell’istruzione.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: docenti con il voto degli studenti? Inutile

Posted by fidest press agency su sabato, 21 Maggio 2022

Fa un po’ sorridere la proposta dei presidi del Lazio di dare agli studenti la possibilità di attribuire voti ai propri insegnati, perché questa valutazione si fa già con le prove INVALSI (Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione). L’Istituto effettua verifiche periodiche e sistematiche sulle conoscenze e abilità degli studenti e sulla qualità complessiva dell’offerta formativa. Il rapporto 2019 (ante COVID), sottolinea che “La maggiore preoccupazione emerge proprio dai dati della scuola superiore” e che “In tutte le materie e per ciascun grado scolastico, il Sud e le Isole hanno una maggiore difficoltà a garantire ai propri allievi i livelli minimi di apprendimento.” Resta da capire come mai, nell’anno scolastico 2018-2019, i promossi all’esame di Stato sono stati nazionalmente il 99,7%. E’ diffusa l’aspettativa dei genitori relativamente alla promozione dei propri figli, anche a prescindere, ma non si può non rilevare la consistente differenza tra i risultati delle prove INVALSI e quelli ottenuti nelle prove scolastiche finali. Conoscenze e abilità, oltre a essere sottoposte al vaglio degli insegnanti, dovrebbero essere periodicamente e oggettivamente verificate nel corso dell’anno scolastico secondo modelli uniformi.Le prove Invalsi sono, anche, una verifica della qualità complessiva dell’offerta formativa che può essere migliorata con corsi di aggiornamento per il corpo docente. E’ questo il punto! Altro che i voti degli studenti agli insegnati! E chi deve promuovere i corsi di aggiornamento sono proprio i presidi, la cui proposta di voto discente-docente non risolve alcunché, perché gli elementi per intervenire ci sono già per ogni ambito scolastico, proprio sulla base dei risultati delle prove Invalsi. A conferma, alcuni esperimenti condotti in merito alla soddisfazione degli studenti sulla propria scuola ne hanno rilevata l’inutilità. Primo Mastrantoni, http://www.aduc.it

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro scolastico: Riunione al ministero

Posted by fidest press agency su sabato, 21 Maggio 2022

Le associazioni della filiera del libro scolastico – Associazione Italiana Editori (AIE), Associazione Librai Italiani (ALI) Confcommercio, Associazione Nazionale Agenti Rappresentanti Promotori Editoriali (ANARPE), Federcartolai Confcommercio e Sindacato Italiano Librai (SIL) Confesercenti – apprezzano l’iniziativa assunta dal Ministero dell’Istruzione con la convocazione di una riunione di filiera: il libro scolastico costituisce una risorsa fondamentale per la scuola e per il Paese. Insieme, aziende e istituzioni possono confrontarsi e agire per garantire quanto necessario affinché scuola e famiglie possano disporre al meglio di uno strumento così prezioso.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: creare un osservatorio sulle povertà educative e l’inclusione

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 Maggio 2022

Creare un osservatorio permanente sulle povertà educative e l’inclusione, che diventi luogo di confronto e di scambio di buone pratiche, alla luce di una crisi economico-sociale che si preannuncia dura proprio in quelle realtà che avrebbero più bisogno di combattere abbandono e dispersione scolastica. E’ una delle proposte lanciate da Paola Bortoletto, neo presidente dell’Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici nel corso della sua relazione tenuta durante l’undicesimo congresso dell’Andis a Pimonte (Napoli). L’Andis è la più grande e antica associazione professionale (non sindacale) dei dirigenti scolastici, è stata fondata nel 1988 e ad oggi conta più di mille dirigenti scolastici iscritti in tutte le regioni d’Italia. Una realtà che, sottolinea la Bortoletto, “in questi hanno ha svolto un ruolo propositivo con grande spirito di responsabilità e collaborazione con le istituzioni in un momento storico complesso, per via del Covid e oggi dell’impatto della guerra che sta avendo sulla nostra società, che rilancia l’importanza del sistema scolastico e della formazione delle future generazioni”. Per questi motivi l’Andis chiede al governo maggiore attenzione sull’edilizia scolastica, “non possiamo accettare che la montagna del Pnrr partorisca il topolino di appena 216 scuole”, dice la Bortoletto, ma anche più risorse sul sistema integrato 0-6. “Dobbiamo puntare sul rilancio dell’Istruzione Professionale offrendole piena dignità, valorizzando le scelte dei ragazzi, offrendo loro ambienti di apprendimento motivanti partendo da un nuovo modo di ripensare il rapporto scuola/lavoro”. Occorre poi rilanciare il Sistema Nazionale di Valutazione per non cadere nell’autoreferenzialità, investire sulla valutazione formativa che accompagna il processo di apprendimento intrecciandosi con l’insegnamento, che non si ferma alla misurazione, ma include l’apprezzamento dell’insegnante e porta alla conoscenza e quindi alla trasformazione, che comprende l’autovalutazione e lo sviluppo metacognitivo, che considera l’apprendimento un processo incrementale”.Infine il tema della cruciale della formazione iniziale e in servizio e delle procedure di reclutamento sul quale, conclude la neo presidente Andis, “non può essere trascurato il fatto che la formazione più generativa è quella ancorata alla ricerca di base, ai percorsi di ricerca-azione, ad una progettazione delle scuole che possono avvalersi della collaborazione dell’associazionismo professionale e dell’Università”. By Paola Bortoletto, Presidente Andis

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Concorsi ordinari secondaria che flop, già 5.300 posti persi

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 Maggio 2022

Chi poteva pensare che il concorso ordinario della scuola secondaria poteva risolvere i problemi annosi del precariato e della mancata assunzione dei docenti pur avendo miriadi di cattedre vacanti? Sicuramente non il sindacato, che da tempo chiede di rispondere alla supplentite con il doppio canale di reclutamento andando ad utilizzare tutte le graduatorie esistenti per coprire la metà dei posti liberi. Il ministero dell’Istruzione ha invece puntato tutto sulle procedure concorsuali ed ora alunni e famiglie ne pagheranno le conseguenze: dai calcoli prodotti dalla stampa specializzata risulta che “già risultano prive di possibili vincitori 5.276 cattedre che, pertanto, rimarranno vacanti”. Il problema, rileva l’Anief, non è di poco conto, perché lo stesso ministero dell’Economia e delle Finanze ha reso pubblico esattamente un mese fa, il 12 aprile, che sono 90mila le cattedre vacanti nella scuola: considerando i posti non assegnati tramite concorso, l’organico di fatto, a partire dalle cattedre in deroga sul sostegno agli alunni disabili, e il mancato utilizzo di tutte le Gps per le immissioni in ruolo (come confermato dall’Ordinanza n. 112 pubblicate ieri e che il sindacato impugnerà), come pure la mancata applicazione delle direttive della Commissione europea sull’assunzione a tempo indeterminato dei precari che hanno svolto almeno 36 mesi di servizio, a settembre ci ritroveremo (considerando anche i circa 25mila pensionamenti) con oltre 200 mila supplenze da coprire.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Svelare il mondo dell’energia. Un progetto europeo di unibz formerà gli insegnanti

Posted by fidest press agency su martedì, 17 Maggio 2022

Migliorare la formazione degli lle insegnanti della scuola primaria sul versante scientifico e in particolare sulle tematiche e le problematiche che riguardano il risparmio, la produzione e la distribuzione di energia. È l’obiettivo e l’ambizione del progetto europeo e^4 (finanziato dal programma Erasmus+), scritto e coordinato dal gruppo di ricerca del prof. Federico Corni, docente di Didattica della Fisica alla Facoltà di Scienze della Formazione. Negli anni scorsi il prof. Corni aveva già introdotto nelle scuole primarie e secondarie il progetto europeo FCHgo che mirava a promuovere la conoscenza delle tecnologie dell’idrogeno come fonte energetica (fuel cell) attraverso kit didattici ad hoc e metodologie specifiche quali i giochi di ruolo. e^4 invece non si rivolge direttamente agli*lle alunni*e ma al corpo insegnante, destinatario del progetto. Nei tre anni del progetto, grazie alla collaborazione con una rete di istituzioni accademiche e partner dell’industria energetica, dell’agricoltura e delle istituzioni pubbliche, il progetto produrrà materiali didattici per i corsi universitari di formazione del corpo docente e una piattaforma web dedicata. Il progetto sarà imperniato su tre distinte fasi, fortemente interconnesse. La prima, coordinata da Ineuropa srl, consisterà nella elaborazione di linee-guida per una rete di partenariati tra accademia e attori privati/pubblici. La seconda, coordinata da riguarderà la creazione di un curriculum universitario per l’insegnamento attraverso strumenti immaginativi. Infine la terza, coordinata da SITES, darà vita a una piattaforma web interattiva a supporto del curriculum e della rete di partenariati.L’innovazione dal punto di vista didattico sarà incentrata sull’adozione di un approccio didattico basato sugli “strumenti dell’immaginazione” – già testato questo approccio nel progetto “FCHgo! Scopri l’energia dell’idrogeno” – come la narrazione, la gamification, la simulazione incarnata, la simulazione digitale e il gioco per facilitare la comunicazione scientifica a livello di scuola primaria e secondaria inferiore. “Gli approcci narrativi sono utili agli studenti di entrambi i sessi e sostengono l’apprendimento a tutti i livelli di sofisticazione scientifica. Abbiamo anche forti evidenze che tale approccio sia adatto anche per raggiungere gli alunni con bisogni speciali”, chiarisce il docente unibz.Oltre a unibz, e^4 prevede il coinvolgimento dei seguenti partner: InEuropa srl, UMK Uniwersytet Mikolaja Kopernika w Toruniu, ESCIENCIA Eventos Cientificos sl, UV Universitat de Valencia, SITES Sustanaible Innovation Technology Services Ltd, UNIMORE Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia e TCU Dublin City University.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

È sempre più “green” Giunti Scuola

Posted by fidest press agency su sabato, 14 Maggio 2022

La società del gruppo Giunti specializzata in editoria scolastica per la primaria, che rafforza, anno dopo anno, il suo impegno sul fronte della sostenibilità ambientale.Ogni classe della scuola primaria che sceglierà “Vacanze verdi”, o uno dei quaderni multidisciplinari disponibili per le vacanze Giunti Scuola, adotterà per un anno un albero, gli darà un nome e le aziende agricole invieranno aggiornamenti fotografici e video ai bambini e alle bambine della classe sulle fasi della coltivazione, raccontando la vita che si svolge nella terra dove è piantato.Tutti gli alberi adottati provengono dalle campagne più colpite dalle calamità naturali o dalle conseguenze del cambiamento climatico: aderire al progetto significa infatti poter sensibilizzare i più piccoli ai temi dell’agricoltura biologica, aiutare fattivamente, con un’azione concreta di sostenibilità ambientale e sociale, non solo l’ecosistema di riferimento, ma anche le aziende agricole italiane che hanno dovuto affrontare anni difficili.La nuova collana comprende un quaderno per ogni anno di riferimento, per ripassare tutte le discipline con esercizi, attività, giochi a tema e scoprire come costruire, tutti insieme, un futuro più verde. Ad accompagnare le bambine e i bambini nella scoperta ci sono due simpatici personaggi, Dario e Greta, protagonisti del Club Verde, che danno tanti consigli per proteggere il Pianeta, vivere in modo ecosostenibile e prendersi cura di sé e degli altri, accrescendo nei più piccoli la consapevolezza di quanto ogni azione possa incidere sull’equilibrio ambientale.Non è la prima volta che Giunti Scuola propone sotto varie forme temi legati all’educazione ambientale, raccogliendo una delle sfide più importanti per lo sviluppo sostenibile del Pianeta, uno degli obiettivi fissati nell’Agenda 2030 dell’ONU. Dopo la campagna di successo “La Terra è il mio tesoro” sulla riduzione dei consumi, in partnership con Alpitour, adesso la sfida è la sensibilizzazione dei più piccoli verso il mondo agricolo e forestale con “Vacanze Verdi” con Biorfarm.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Momenti da non sprecare”: Dalla terra alla tavola

Posted by fidest press agency su sabato, 14 Maggio 2022

Come si produce il cibo? Come si acquista e si conserva? Come si cucina e si consuma? Grazie a Momenti da non sprecare, il progetto educativo promosso da Whirlpool e dedicato ai più piccoli, alle loro famiglie e agli insegnanti, gli alunni di 900 scuole primarie italiane, intraprendono un affascinante viaggio in cinque tappe per scoprire come i prodotti della terra finiscono sulle nostre tavole e per comprendere quanto sia importante dare il giusto valore agli alimenti. Con Momenti da non sprecare, che prevede anche laboratori didattici online o in presenza, gli alunni imparano le modalità “antispreco”, familiarizzano con la cucina e gli strumenti del “mestiere”, apprendono a scegliere gli alimenti in base alla stagionalità̀ e agli equilibri nutrizionali, capiscono come conservare e riutilizzare il cibo in modo corretto con le attrezzature tecnologiche più̀ adatte. Inoltre, sul sito http://www.momentsnottobewasted.com alunni, famiglie e docenti possono trovare letture ludico-educative con tanti consigli da mettere in pratica (da La classifica dei cibi più sostenibili a Divertiamoci con frutta e verdura) e giochi per imparare insieme (da Il dado delle sane abitudini al Puzzle tecnologico).Studenti e docenti ricevono anche un kit cartaceo, composto dalla “Guida Docenti”, e dal giornalino “Dalla terra alla tavola!” (per ciascun alunno) in cui, ripercorrendo le cinque tappe della filiera alimentare, si trovano curiosità, esercizi, ricette antispreco semplici e divertenti, e tante piccole missioni da attuare nella vita quotidiana per un consumo sostenibile e solidale. Infine, le classi potranno partecipare ad un Kitchen Game, una sfida a tempo che invita gli studenti a ripercorrere senza sprechi la filiera alimentare all’insegna dell’economia circolare.Al termine del percorso didattico, la parola andrà agli studenti con il concorso educativo nazionale Talent Kitchen – I tuoi consigli antispreco. I bambini potranno partecipare raccontando in modo originale e creativo i “Momenti da non sprecare” passati in cucina con tutta la famiglia e gli amici. Come? Raccontando in modo originale, creativo e divertente, l’importanza dei momenti quotidiani con il cibo da scegliere e consumare con consapevolezza sociale e ambientale. Al concorso sono ammessi elaborati in qualunque formato e modalità espressiva, sia analogica sia digitale: dal libro di fiabe ai racconti; dal plastico al libro pop-up, dal video game ad una app; dalla sceneggiatura teatrale ad uno spettacolo videoregistrato con tanto di scenografie e costumi. Alla classe vincitrice andrà un premio di 2.000 euro in materiali didattici, mentre la seconda e la terza riceveranno con la stessa modalità un premio di 1.000 euro ciascuna. Le scuole possono partecipare collegandosi a http://www.momentsnottobewasted.it, da cui si può scaricare il regolamento e il modulo di partecipazione. Gli elaborati dovranno essere inviati entro il 31 maggio 2022.A testimonianza del suo continuo impegno verso il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’ONU e per rafforzare il suo supporto alla lotta contro gli sprechi, Whirlpool per ogni classe che partecipa al Talent kitchen, effettuerà una donazione al Banco Alimentare Onlus, sostenendo l’Organizzazione nel recupero delle eccedenze alimentari e nella loro redistribuzione alle strutture caritative. http://www.momentidanonsprecare.it

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Riforma reclutamento e formazione docenti, si mobilitano tutti i sindacati

Posted by fidest press agency su martedì, 10 Maggio 2022

Si allarga la protesta contro il Decreto Legge n. 36, sulla riforma del nuovo reclutamento, valutazione e formazione degli insegnanti, pubblicato sabato scorso in Gazzetta Ufficiale nelle misure urgenti per l’attuazione del PNRR: alla denuncia immediata dell’Anief per un progetto che toglie 2 milioni di euro annui dalla carta per l’aggiornamento dei docenti, arrivando a dimezzarne l’importo, fa sparire 10mila cattedre dall’organico di diritto e finanzia la nuova scuola di Alta Formazione con i soldi del personale, ha fatto seguito in queste ultime ore una “forte mobilitazione sindacale”, a partire dalle Rsu, di tutte le altre organizzazioni rappresentative per totale mancata “attenzione e coinvolgimento”. Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, “tutto il sindacato della scuola si è schierato apertamente contro questa assurda riforma contenuta nel Pnrr, che anziché aggiungere risorse per formare i docenti gli toglie 250 euro l’anno per assegnarli a pochi colleghi, probabilmente non più del 25%, che si formeranno non in aula e verranno pure giudicati da un Comitato di valutazione interno alla loro scuola. Venerdì prossimo abbiamo intenzione di mandare un primo importante segnale al Governo che disattende, anzi ripudia, le promesse fatte giusto un anno fa a Palazzo Chigi con il Patto per la Scuola. Di quell’accordo non è rimasto nulla e chi ha preso questa strada ora si dovrà assumere le sue responsabilità, perché – conclude Pacifico – il popolo della scuola non starà a guardare: già il 6 maggio siamo sicuri che una parte delle scuole non apriranno e sarà solo l’inizio”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Al via la terza edizione del Pro Carton Student Video Awards

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 Maggio 2022

Sono aperte le iscrizioni allo Student Video Award di Pro Carton, il concorso per giovani video maker chiamati a raccontare i benefici che derivano dall’uso del cartone. Si tratta, dunque, della terza edizione del contest che coinvolge studenti da tutta Europa chiedendo loro di realizzare contenuti creativi con un protagonista: l’imballaggio più equilibrato dal punto di vista ecologico.Sarà possibile iscriversi gratuitamente e presentare i propri progetti fino al 26 giugno 2022 e il primo classificato si aggiudicherà € 5.000. Inoltre, in questa edizione 2022, sarà istituito un nuovo premio determinato dai voti del pubblico. In questo caso il vincitore si aggiudicherà una GoPro HERO10 più un bundle di accessori. In entrambi i casi i premi sono sponsorizzati da RDM Group, membro di Pro Carton. All’edizione dello scorso, nel 2021, hanno partecipato studenti provenienti da 38 università in 17 Paesi Europei, il doppio rispetto all’edizione inaugurale del 2020, dimostrando un entusiasmo sempre maggiore e la grande sensibilità dei giovani rispetto alla tematica affrontata.Ogni video presentato dovrà necessariamente avere una durata compresa tra i 30 secondi e i 2 minuti, lasciando la parte rimanente del brief aperta a diverse interpretazioni per permettere così di ampliare la creatività dei progetti presentati.Lo scorso anno la giuria, composta da un produttore cinematografico internazionale, un direttore della pubblicità e il direttore generale di Pro Carton, è rimasta molto soddisfatta della qualità e della quantità dei progetti presentati. La comunicazione dei messaggi di Pro Carton, l’impatto generato dall’idea creativa e dello storytelling, la qualità dell’esecuzione e la realizzazione cinematografica, sono stati i principali criteri usati nella valutazione dei lavori.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Al via le iscrizioni alla 55ª edizione del Master in Progettazione Europea

Posted by fidest press agency su domenica, 8 Maggio 2022

16 maggio – 28 giugno 2022 in modalità web live. Il Master ha l’obiettivo di formare un profilo professionale di esperto in progettazione europea e assistenza tecnica alla gestione e rendicontazione dei fondi strutturali con specifiche competenze sulle fonti di finanziamento europeo e sulla gestione dei progetti. Un percorso di alta formazione, multidisciplinare e pratico, che si rivolge a laureati di qualsiasi disciplina, a dirigenti e funzionari delle Amministrazioni Pubbliche e delle Imprese che intendano sviluppare conoscenze e competenze tecniche nei settori della progettazione comunitaria e della gestione dei fondi europei. Le lezioni si svolgeranno in modalità web live, il lunedì e martedì, dalle ore 9.30 alle 13.00. Il programma del Master analizzerà il sistema di governance dell’Unione Europea e il mainstreaming delle sue differenti politiche la cui conoscenza è fondamentale per lavorare in un ambiente europeo come consulente progettista. Si approfondiranno, inoltre, i meccanismi, gli strumenti finanziari e i criteri per la redazione, la pianificazione e la gestione dei progetti. I partecipanti potranno studiare e analizzare le tecniche del Project Cycle Management, il sistema di gestione e controllo nonché i meccanismi di partecipazione ai bandi di gara attraverso workshops interattivi e con il supporto di case studies. Un modulo specifico sarà dedicato al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – PNRR, lo strumento che dà attuazione al “pacchetto” di risorse finanziarie del Next Generation EU (NGEU) e ne dettaglierà i progetti e le misure previste. Le lezioni saranno tenute da uno staff di docenti composto da consulenti esperti, project manager, funzionari delle Istituzioni Europee e docenti universitari. A completamento del percorso formativo farà seguito per i giovani laureati un periodo di tirocinio curriculare presso Istituzioni, Amministrazioni pubbliche, Enti, Società e Imprese. I profili dei partecipanti che avranno conseguito il titolo di Master saranno inseriti in un CV Book consultabile dai partner della SIOI: organizzazioni, istituzioni, amministrazioni pubbliche, enti, società e imprese.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Un concorso fotografico per avvicinare i giovani alla conoscenza geologica dell’Italia

Posted by fidest press agency su domenica, 8 Maggio 2022

Questo concorso ha proprio lo scopo di far “riconoscere” i geositi ai ragazzi delle scuole superiori e il ruolo dei professori di scienze sarà, come è facile intuire, importantissimo per raggiungerlo. Sarà loro il compito di guidare i ragazzi in questo nuovo modo di guardare al paesaggio, spostando lo sguardo su cosa “c’è sotto”: sotto gli alberi, sotto le zampe di innumerevoli specie animali, sotto le nostre città, sotto i nostri piedi.L’Italia è un Paese di rara bellezza paesaggistica, con un grande patrimonio artistico e culturale e i suoi abitanti sono abituati alla bellezza che questo territorio offre loro da Nord a Sud, senza tralasciare le bellissime isole. Siamo soliti apprezzare le trasparenze del mare della Sardegna, le verdi colline della Toscana o le cime delle Dolomiti, come i paesaggi urbani delle città d’arte. Ogni volta che ci fermiamo ad ammirare un paesaggio, ne apprezziamo le diverse componenti, dagli aspetti puramente biologici, quelli degli habitat dei diversi animali e della biodiversità nel suo insieme, a quelli dell’agricoltura, fino agli insediamenti umani presenti e passati, ma raramente ci interessiamo a quella che è la base su cui si sono impostate tutte le altre: la componente geologica. Eppure la grande varietà di paesaggi italiani, la loro unicità, sono strettamente legate alla geodiversità della nostra Penisola cioè alla varietà di tipi di rocce, minerali e fossili, alle forme e ai fenomeni che l’hanno modellata”. Lo ha affermato Maria Siclari, Direttrice Generale dell’ISPRA. La premiazione avverrà a Roma il 6 di Ottobre in occasione della Giornata Internazionale della Geodiversità. Il regolamento è online http://www.sigeaweb.it/concorso2022.html

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Sostegno alunni disabili, tra un mese prove al via per assegnare 25mila posti

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 Maggio 2022

Manca un mese esatto all’inizio delle prove preselettive per l’accesso di 25.874 nuovi docenti ai corsi di specializzazione come docente di sostegno nella scuola pubblica: il decreto ministeriale n. 333 del 31 marzo scorso ha infatti stabilito che per sopperire carenza diffusa di docenti specializzati dal 24 al 27 maggio prossimi si svolgeranno i test per selezionare diverse decine di migliaia di aspiranti. Il decreto stabilisce che le prove di accesso saranno costituite da un test preselettivo, che consisterà in un test con 60 quesiti a risposta multipla sulle conoscenze didattiche, psicopedagogiche e giuridiche relative al profilo dell’insegnante di sostegno e le necessarie abilità linguistiche. Sull’argomento interviene Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, lamentando l’ennesimo bando con numeri ridotti: “Sono più di 40 mila i posti affidati a personale non specializzato che ogni anno vanno a supplenze” e poi ci sono tanti altri posti in deroga, ha detto il sindacalista all’emittente Italia Stampa. “Tutto questo a fronte soltanto però di poco più di 20mila posti banditi. Come Anief denunciamo ancora una volta l’elusione della norma che vuole un numero di posti per la specializzazione sul sostegno pari a quelli di cui necessitano le scuole. Non è andata così: ancora una volta è stato dato spazio all’offerta da parte degli atenei e non al bisogno degli studenti e delle famiglie”. “Noi siamo pronti quindi è impugnare questo bando”, con apposito ricorso, “per tutelare tutti coloro che al termine delle prove saranno esclusi dei corsi di specializzazione. La verità – conclude Pacifico – è che la quanti di ammessi alla specializzazione negli atenei doveva essere il doppio di quella bandita e quindi le soglie delle preselettive sono sbagliate”, conclude il sindacalista Anief.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Riforma reclutamento docenti

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 Maggio 2022

Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi continua a difendere con i denti la sua riforma del reclutamento e formazione dei docenti imposta tre giorni fa in Consiglio dei ministri nel Decreto Pnrr 2: con questo programma “delinea un percorso chiaro per chi vuole diventare insegnante nelle scuole secondarie dopo anni in cui le regole sono cambiate più volte, generando confusione e allontanando molte persone, soprattutto i più giovani dall’insegnamento”, dice oggi il ministro al Messaggero. Inoltre, dice Bianchi, “con la riforma, i cui contenuti sono anche legati all’impegno preso con l’Europa sul Pnrr, nascerà la Scuola di alta formazione per dare linee guida, per una formazione continua che possa arricchire la professionalità del corpo docente. E poi avremo finalmente concorsi annuali, a garanzia di una maggiore continuità. Entro il 2024 assumeremo 70mila docenti”.Replica di Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief: “Secondo noi la riforma non è affatto risolutiva per andare a coprire l’enorme buco di posti vacanti che si è andato a creare per avere insistito su concorsi male impostati ed essersi opposti al doppio canale di reclutamento negando le assunzioni da tutte le graduatorie Gps e dei precari con 24-36 mesi di servizio. Questa riforma, approvata dal Governo senza il sostegno delle parti sociali, dei sindacati e dei lavoratori va cambiata, perché rende troppo lungo e complesso il percorso verso la stabilizzazione: talmente di difficile attuazione che due cattedre su tre oggi vacanti continueranno a rimanere senza titolare”.“Contro questo obbrobrio normativo – continua il sindacalista – siamo pronti a mobilitarci e a tornare in piazza, anche a scioperare: senza se e senza ma, tutti insieme. Perché è bene ricordare che la logica di questa riforma del reclutamento è quella selettiva-competitiva aziendale: all’aggiornamento incentivato, ad esempio, potranno accedere solo la metà dei docenti richiedenti. E anche il ruolo di mentoring e tutoring sarà pagato solo a poche migliaia di insegnanti, lasciando fuori gli altri 850mila. Questi sarebbero gli attesi incentivi di carriera per i docenti da valorizzare? Intanto il contratto è fermo da 40 mesi e gli aumenti previsti copriranno un terzo dell’inflazione che nel frattempo si è accumulata. Così non si può andare avanti: cambiamo la riforma. A maggio manderemo un segnale importante, assieme a tutti i lavoratori della scuola. Se non basterà, se la conversione in legge del decreto non dovesse produrre cambiamenti sostanziali, siamo pronti a ricorrere nei tribunali d’Europa e d’Italia”, conclude Pacifico.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: 2 docenti europei su 3 insoddisfatti dello stipendio

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 Maggio 2022

Gli insegnanti italiani non guadagnano solo poco, ma devono anche attendere 35 anni di carriera per arrivare all’apice della carriera. A rimarcarlo è l’ultimo Quaderno Eurydice “Insegnanti in Europa: Carriera, sviluppo professionale e benessere”. Lo studio prende il via dallo scarso grado di soddisfazione degli insegnanti europei per gli stipendi percepiti, che diventano ancora più miseri quando confrontano le loro buste paga con quelle dei lavoratori UE con un’istruzione di pari livello. La percezione dei docenti europei di guadagnare poco è stata confermata dalle risposte all’ultimo questionario proposto da TALIS, che ha dato la possibilità agli insegnanti di dichiarare in che misura sono soddisfatti del loro stipendio: “nel complesso, a livello UE, solo il 37,8% degli insegnanti considera il proprio stipendio soddisfacente o molto soddisfacente, con molti paesi che mostrano percentuali inferiori al 30%”. Se questa è la percezione del docente medio europeo, è immaginabile cosa possa pensare l’insegnante italiano del suo trattamento stipendiale, già del 30% più basso di quello dei colleghi UE. “In Italia, oltre alla progressione lenta, l’aumento dello stipendio è relativamente modesto rispetto ad altri paesi e gli insegnanti devono lavorare per 35 anni per raggiungere il massimo dello stipendio, che è circa il 50% in più dello stipendio iniziale”, scrive Orizzonte Scuola. Mentre in altri Paesi, come la Francia, il massimo della carriera si raggiunge già dopo una ventina di anni di carriera. E si va in pensione prima.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: docenti e abbandoni scolastici

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 Maggio 2022

“Come si fa a pensare di lottare contro la dispersione annuale in Italia di oltre mezzo milione di studenti, che lasciano gli studi senza arrivare al diploma, con una media di oltre tre punti percentuali sopra quella UE, mettendo a disposizione un solo docente ogni cinque plessi scolastici?”. A chiederlo è Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, a seguito dell’illustrazione da parte del ministero dell’Istruzione dei criteri di funzionamento dell’algoritmo per l’assegnazione di circa 9mila insegnanti in deroga alle regole sul dimensionamento: secondo Pacifico l’intenzione di legare la dispersione al tasso di abbandono e zone socio-economicamente depresse di fondo può anche essere corretta, ma non si può di certo vincere una battaglia così difficile, che porta 543mila studenti a lasciare i banchi e andare a migliorare il record italiano della vergogna dei Neet, con un numero così esiguo di risorse umane.Anief ricorda che in base agli ultimi dati Istat il gap sulla dispersione diventa elevato nel Mezzogiorno, soprattutto tra gli alunni appartenenti a famiglie dove il titolo di studio non è elevato e la professione dei genitori non è qualificata. Sempre secondo il leader dell’Anief, “per quanto si sia d’accordo con interventi aggiuntivi nelle aree con maggior disagio socio-economico-culturale, questo non può essere ricondotto a un solo intervento correttivo per tali zone. Perché è tutta la scuola italiana a dovere essere investita di interventi economici finalizzati a dare una svolta al corso della storia dell’istruzione che negli ultimi decenni, contrassegnata da tagli agli organici scolastici e da chiusure di interi istituti passando da oltre 12mila autonomie del 2012 alle attuali 8mila, privando intere comunità dei plessi di istruzione che, nella maggior parte delle piccole realtà periferiche, rappresentano l’ultima presenza dello Stato”. “Quello che serve – conclude il sindacalista autonomo e rappresentativo – non sono operazioni simboliche o di ‘facciata’, con 8-9mila docenti in più per combattere la dispersione, come quella presentata dal ministero dell’Istruzione: la verità è che servono almeno 10 miliardi per l’edilizia scolastica e interventi per il ripristino dell’organico e delle sedi precedenti alla Legge 133 del 2008 approvata dall’allora Governo Berlusconi”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Nuove assunzioni e formazione docenti, secondo Bianchi non è un percorso a ostacoli

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 aprile 2022

Secondo il ministro dell’Istruzione la riforma di assunzione e formazione dei docenti, approvata l’altro ieri dal Consiglio dei ministri all’interno del Decreto Pnrr 2, “non è un percorso a ostacoli, ma un percorso formativo chiaro”. Replica Marcello Pacifico, presidente Anief: “è peggio, è una lotta alla sopravvivenza, resteranno tutti i posti vacanti. La verità è che di fronte a 100 mila posti oggi senza titolare, a 23 anni di abusi sui precari, il Governo rende l’accesso al ruolo docente più difficile, più complicato, più lungo. Prevediamo che i due terzi dei posti oggi liberi rimarranno tali”.Il sindacato contesta anche la parte sull’incentivazione dei docenti che aderiranno a una formazione aggiuntiva: è un sistema che non regge, non comporta aumenti strutturali e comunque solo per pochi. “Siamo pronti a impugnare il riconoscimento dell’incentivazione salariale decisa dai comitati di valutazione, come prevede il decreto, nelle more del rinnovo contrattuale. A meno che il Parlamento, in fase di conversione di legge del testo, si renda conto – conclude Pacifico – della inapplicabilità di questa procedura cervellotica”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »