Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n°159

Archive for the ‘Spazio aperto/open space’ Category

open space

Poste Italiane Castelli: “Grande lavoro in favore dei piccoli Comuni”

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 aprile 2019

“Sono contenta del lavoro che Poste Italiane, un’importante azienda di Stato, sta facendo per i piccoli Comuni italiani. Impegni reali, investimenti e nuovi servizi, per la crescita del Paese. Una rinnovata sinergia, frutto anche del dialogo permanente di Poste con il territorio, di cui ci siamo fatti promotori.Da oggi un portale web misura lo stato di attuazione dei 10 impegni a favore delle comunità dei piccoli Comuni. Un sito che consiglio a tutti di visitare.L’Italia è un Paese pieno di energie, che vanno solo valorizzate. Ed in questo un grandissimo lavoro può essere fatto dalle partecipate di Stato. Andiamo avanti, abbiamo intrapreso la strada giusta”. Così il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli, commenta la nascita del nuovo portale di Poste Italiane dedicato ai piccoli Comuni.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Rai del cambiamento resta nel mondo delle buone intenzioni

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 aprile 2019

“La lotta per un cambiamento radicale del servizio pubblico è iniziata da tempo, ma non sta procedendo sui giusti binari.Ho voluto dirlo in maniera esplicita al Presidente Rai Foa stamattina in audizione in commissione di Vigilanza Rai. Riteniamo sia stato fatto un lavoro approfondito sul piano industriale triennale, ma ci sono delle incongruenze: penso alla capacità dell’azienda RAI sul mercato realtà degli OTT, sempre più competitive, che aggrediscono il mercato dei contenuti mentre il servizio pubblico rimane sempre più indietro.La riorganizzazione generale in corso, pensiamo alla chiusura di RaiMovie, avrebbe potuto portare un completo cambio di paradigma: quello che chiamo “Raiflix”.
Netflix, Amazon e gli altri OTT praticano un’attività predatoria, e la Rai annaspa. Invitiamo i vertici Rai a tutelare e garantire il pluralismo interno. Non è ammissibile il tono delle dichiarazioni del sottosegretario Vito Crimi sulla chiusura di Radio Radicale. Vergognoso è inoltre il mancato rifinanziamento del credito d’imposta per l’editoria per il 2019, che costringe molti giornali ai tagli del personale.
Questo governo, attraverso anche la Rai, si sta dimostrando un governo liberticida. Abbiamo richiesto l’audizione del sottosegretario per chiedere chiarimenti su questi atteggiamenti.Un appunto: Giorgia Meloni, quarto o quinto leader nell’indice di gradimento, è agli ultimi posti per numero di apparizioni televisive sui canali Rai, come denunciato francesco storace sul Secolo d’Italia. È pluralismo? Dubbi vengono oltretutto posti sul piano delle assunzioni: perché verranno assunti nuovi collaboratori mentre quelli precari non vengono stabilizzati e le graduatorie in sospeso non vengono assorbite? Completa solidarietà al Vicedirettore del TG1 Angelo Polimeno. L’azienda faccia velocemente chiarezza sull’eventuale lite e irrori le eventuali sanzioni.
Gli atteggiamenti aggressivi di Carboni in vigilanza fanno supporre che, probabilmente, una lite ci sia stata. La Rai del cambiamento, per ora, è sempre la stessa.”

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Greta Thunberg a Roma

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 aprile 2019

Roma Greenpeace invita tutte e tutti a scendere in piazza domani in occasione delle manifestazioni in difesa del clima e che vedranno la presenza a Roma, in Piazza del Popolo, di Greta Thunberg, la sedicenne svedese ispiratrice del movimento Fridays For Future.
«Migliaia di studentesse e di studenti stanno manifestando ormai da mesi in tutto il mondo, ponendo al centro del dibattito globale, con fantasia, spontaneità e determinazione, la sfida del secolo, ovvero i cambiamenti climatici», dichiara Luca Iacoboni, responsabile campagna Clima ed Energia di Greenpeace Italia. «Le richieste del movimento Fridays For Future poggiano su solide basi scientifiche, e sulle stesse basi dovrebbero poggiare i provvedimenti dei diversi governi, Italia compresa. Purtroppo, però, fino ad oggi la politica non ha dato ascolto alle indicazioni della scienza, e per questo è importante scendere domani in piazza per sostenere la protesta di studentesse e studenti», conclude.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riforma Madia: soppressione corpo forestale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 aprile 2019

La legittimità della soppressione del Corpo Forestale dello Stato (CFS) e l’assorbimento del suo personale nell’Arma dei Carabinieri, riforma voluta nel 2016 dal Governo in base alla legge delega Madia, sarà discussa domani, martedì 16 aprile, davanti alla Corte Costituzionale. Sono tre i tribunali amministrativi che, a seguito dei ricorsi di oltre 3.200 membri dell’ex Corpo Forestale dello Stato, si sono rivolti alla Consulta per valutare se la soppressione del Corpo e la mutazione di status giuridico, da civile a militare, subita dai suoi dipendenti sia legittima.
“I TAR – spiega l’avvocato beneventano Egidio Lizza che interverrà nella discussione dinanzi alla Consulta in difesa del personale ex CFS – hanno considerato la riforma contraria alla ‘liberta’ di autodeterminazione’ degli appartenenti al Corpo Forestale dello Stato, in mancanza della possibilità di esercitare una scelta pienamente libera e volontaria di divenire personale militare. I giudici dubitano, altresì, della razionalità della riforma che cancella un Corpo ad alta specializzazione per indimostrate esigenze di bilancio. La critica è ancor più severa quando focalizza l’attenzione sul fatto che il disciolto Corpo Forestale dello Stato è sempre stato riconosciuto quale capace tutore del bene ambiente, che è uno dei beni primari del nostro Paese”.La Corte Costituzionale dovrà valutare anche se il Parlamento, nel delegare la riforma al Governo, non sia intervenuto in modo troppo indefinito e generico, e se la scelta del Governo di militarizzare un Corpo di Polizia ad ordinamento civile, sia in contrasto con la tradizione e l’evoluzione giuridica del nostro ordinamento.
In attesa della decisione della Consulta, le migliaia di cause introdotte sull’intero territorio nazionale sono state sospese, potendo la decisione dei giudici costituzionali sovvertire le sorti del Corpo Forestale dello Stato e del suo personale, decise probabilmente in modo poco ponderato.
“L’obiettivo che auspichiamo – conclude l’avvocato Lizza – e su cui peraltro convergono diversi progetti di legge già presentati in Parlamento, è la ricomposizione delle funzioni appartenute al CFS all’interno di una struttura civile del comparto sicurezza, ricreando quelle sinergie indefettibili per tutelare l’ambiente e storicamente assicurate dal CFS con grande efficacia”.
Bisogna infine ricordare che la legittimità della soppressione del CFS e l’assorbimento del suo personale nell’Arma dei Carabinieri, sarà ora oggetto di valutazione anche da parte del Comitato europeo dei Diritti sociali, organo del Consiglio d’Europa che sovraintende al rispetto dei diritti sociali e dei lavoratori da parte degli Stati europei, cui si sono egualmente rivolti i dipendenti del CFS per verificare se la riforma subita possa ritenersi conforme all’articolo 1 della Carta sociale europea, che garantisce ad ognuno il diritto a svolgere un lavoro liberamente scelto.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Un terreno ricco di sostanza organica drena meglio l’acqua

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 aprile 2019

E aumenta la sicurezza idrogeologica. Per questo, l’utilizzo dei fertilizzanti naturali è una scelta virtuosa non solo in termini di qualità e biodiversità, ma come importante tassello per incrementare, assieme alle nuove infrastrutture idriche di cui si stanno aprendo i cantieri, la resilienza del territorio alle conseguenze dei cambiamenti climatici. In Italia va superata cultura dell’emergenza, che costa mediamente 7 miliardi all’anno in ristoro dei danni; basti pensare che, nel solo 2017, sono state 11 le Regioni, che hanno chiesto lo stato di calamità naturale.” A sottolinearlo, indicando una nuova frontiera di collaborazione fra Consorzi di bonifica e mondo agricolo, è Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI), intervenuto alla giornata sull’economia circolare organizzata da Coldiretti nel veneziano.“Il costante miglioramento delle pratiche agronomiche e dell’efficienza irrigua sono obbiettivi, che concorrono non solo all’affermazione del “made in Italy” agroalimentare, ma alla valorizzazione del territorio nel suo complesso – prosegue il Presidente di ANBI – Vanno abbandonati definitivamente alcuni pregiudizi sull’utilizzo della risorsa idrica in agricoltura, affermando il principio che l’acqua nei campi si usa, non si consuma. E’ una battaglia prioritariamente culturale da vincere nella società, ma anche nei confronti degli indirizzi emergenti nell’Unione Europea. Lo affermeremo anche al prossimo salone Macfrut di Rimini con l’allestimento di un’area dimostrativa, sperimentale. Obbiettivi economici, ambientali e sociali devono convivere per una migliore qualità della vita.”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Unesco dedica il primo numero del 2019 alle lingue indigene

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 aprile 2019

Nel febbraio 2019 l’Associazione Mondiale per l’Esperanto si congratula con L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (Unesco) per la crescente attenzione verso i temi della diversità linguistica, sottolineando allo stesso tempo l’esigenza di un maggior impegno e un più largo dibattito su giustizia e uguaglianza linguistica. Il primo numero del Corriere dell’Unesco, disponibile online nelle sei lingue ufficiali dell’organizzazione (inglese, francese, spagnolo, arabo, russo e cinese) e in portoghese e in esperanto (come da contratto), contribuisce in modo significativo a portare l’attenzione del pubblico internazionale circa le lingue delle popolazioni indigene. La rivista è scaricabile dal sito dell’Unesco(https://unesdoc.unesco.org/ark:/48223/pf0000366654_epo) e dal sito web del Corriere (http://kuriero.esperas.info).
Questo numero è un prezioso complemento all’opera pubblicata nel 2018 dall’UNESCO e dalla Cambridge University Press, intitolata “Conoscenze indigene per la valutazione del cambiamento climatico e l’adattamento ad esso”, che mette in evidenza l’essenza del sapere indigeno di fronte alle nuove sfide globali. Per le popolazioni indigene, la lingua non è solo un marchio di identità e appartenenza al gruppo, ma anche un mezzo di trasmissione dei valori. Si tratta di un intreccio di conoscenze essenziali per la sopravvivenza delle persone di un particolare territorio.L’Associazione Mondiale per l’Esperanto, la cui sezione italiana è la Federazione Esperantista Italiana (www.esperanto.it), da oltre 60 anni lavora con le Nazioni Unite (ONU) in molti settori, tra cui quello della Cultura e promuove l’impegno multilaterale del movimento esperantista per un mondo più pacifico, giusto e sostenibile.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Europee: Combattiamo insieme per difesa vita e famiglia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 aprile 2019

“Ringrazio Giorgia Meloni e partecipo con grande affetto a questo importante momento di Fratelli d’Italia nell’ottica delle elezioni europee. Voglio mandarvi questo messaggio: stiamo uniti e combattiamo insieme per sostenere i grandi valori della vita, della famiglia e della libertà educativa. Qualche giorno fa, in Parlamento c’è stata una proposta di Fratelli d’Italia che tentava di dare una risposta parlamentare a tutti o a molti aspetti a noi cari. Da parte della maggioranza è arrivato uno stop, un voto negativo e la cosa ci amareggia e ci dispiace molto ma questo non è altro che la condizione attuale di un governo che ci rappresenta solo in parte”.Lo ha detto il presidente del Family Day, Massimo Gandolfini, in un video messaggio inviato a Giorgia Meloni per la conferenza programmatica di Fratelli d’Italia in corso al Lingotto di Torino.“È per questo che anche le elezioni europee hanno una grande valore e spero che queste istanze antropologiche e morali, alle quali noi crediamo fermamente e per le quali sappiamo bene che l’intera tradizione e storia di Fratelli d’Italia è perfettamente concorde, possano riuscire vincenti, in maniera che finalmente si possa dare vita ad una coalizione di governo, di maggioranza, che rispetti questi temi fondanti della società”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Francesco Alberoni: Una candidatura doverosa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 aprile 2019

“Ho accettato l’invito di Giorgia Meloni perché ho paura per la democrazia in Italia che è in pericolo e va difesa, e mi ribello al regime che c’è al governo. Inoltre ho accettato volentieri di candidarmi con Fdi perché ha un leader giovane e donna”.Cosi il prof. Francesco Alberoni, scrittore, sociologo e giornalista, candidato per Fdi alle elezioni europee nel collegio Nord-Ovest, intervenendo dal palco della Conferenza programmatica di Fratelli d’Italia “In Europa per cambiare tutto” che si sta svolgendo a Torino.“Non mi sono mai fidato del M5s, nato dal genio visionario di Casaleggio, sebbene lo abbia sempre studiato. A destare la mia preoccupazione è il fatto che le decisioni vengano prese da un numero ristretto di persone. Noi vogliamo portare in alto la bandiera della democrazia in questa Europa che schiaccia gli altri popoli come in Africa” – ha concluso Alberoni.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The world reflects as Notre-Dame burns

Posted by fidest press agency su martedì, 16 aprile 2019

By Jon Allsop. Yesterday evening, Paris time, Notre-Dame cathedral caught fire. As it burned, photos and video—of billowing smoke; of flames raging in the cross-shaped interior; of the spire leaning slowly, then tumbling away—held global attention. French media were never far from someone weeping. “Pardon me… I am just so shaken,” one caller cried on Radio France. “It’s a treasure, a national treasure that has gone up in flames,” said another, through sobs. The late edition of Le Parisien, echoing the poignant religious symbolism of so much coverage, led with the headline Notre-Dame des larmes: Our lady of tears.
In the US, the story was everywhere. The networks quickly corralled their correspondents (disrupting at least one vacation in the process). As news reporters kept us abreast of firefighters’ battle to save the cathedral’s structure, magazines published more personal reflections. In The New Yorker, Lauren Collins recalled a recent visit to Notre-Dame’s roof, where she had checked in on renovation work. “Tonight,” she wrote, “I realized that we may have been some of the last people to stand there.” For The Atlantic, Rachel Donadio watched amid a crowd as a building that had “survived eight centuries of plague, war, revolution, and the Nazis” started to fall. “Messages come in from friends around the world—‘Are you okay?’—as if this were another terrorist attack, or a death in the family,” she wrote. “In a way, it is a death. In the human family. We are all shocked together.”
In many corners of social media, the atmosphere was funereal. Even people who could see the fire with their own eyes viewed it through their phones. They were “trying to capture in a few pixels what had stood for centuries,” wrote Donadio, who encapsulated the cathedral’s lifespan: “Built in the Gothic era, destroyed in the social-media era.”Because this is the social-media era, misinformation about the fire spread quickly. BuzzFeed’s Jane Lytvynenko rounded up hoaxsters’ claims that Emmanuel Macron/Michelle Obama/“Muslims”/terrorists set the fire deliberately. (While the actual cause has yet to be established, French officials say there’s no evidence of arson, and suspect an accident.) The platforms, once again, attracted criticism. Matt Dornic, an executive at CNN, said Twitter refused to remove a fake CNN account because it had the word “parody” in its bio. (The account was later suspended.) YouTube, for its part, flagged several major outlets’ livestreams of the fire as misinformation, then, for some reason, linked out to explainer content about 9/11.For the most part, who or what might be to blame seemed a secondary concern. People around the world led with their tributes, their reflections, and their grief. As Michael Kimmelman observed in The New York Times, no one had died. The global reaction, nonetheless, was overwhelming. Was it because Notre-Dame has been such a focal point of Western culture, both religious and secular? Was it something peculiar to Paris, which has always tugged on our heartstrings? Was it the abundance of shocking visuals, served to us everywhere we looked? Did we see a metaphor—in our troubled times—for lost permanence, lost steadfastness, lost beauty? What, exactly, did it stir in us? Admittedly, it’s easier to pose questions than answers.Whatever the reason, an angry world and much of its media stopped, for a few hours, at least, to watch a tragedy and to try to process it. We weren’t silent—far from it. But the tenor of the coverage was a break from the incessant thunder to which we have become accustomed. Briefly, something old and beautiful commanded our attention, and our contemplation. (font: CJR Editors)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bertolaso: “L’intervento dei vigili del fuoco di Parigi a Notre-Dame è stato assolutamente straordinario”

Posted by fidest press agency su martedì, 16 aprile 2019

“Ero sicuro che la Cattedrale sarebbe stata completamente distrutta. Invece sono riusciti a salvare le due torri principali, l’altare, il crocifisso, le opere d’arte più importanti: hanno fatto un lavoro eccellente, straordinario”. Lo dice l’ex Capo della Protezione Civile Guido Bertolaso oggi, al programma di Rai Radio1 Un Giorno da Pecora, la trasmissione condotta da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro Trump aveva suggerito di mandare dei Canadair a spegnere il fuoco…”E’ un’idea che non sta né in cielo né in terra, se fossero stati utilizzati avrebbero asfaltato la Cattedrale. Chi parla dei Canadair non ha mai ricevuto addosso cinque tonnellate d’acqua scagliate da un aereo in volo”. Quanto ci vorrà per ricostruire questo luogo di culto? “Tra uno o due anni rivedremo Notre-Dame com’era fino a ieri mattina”, ha concluso a Rai Radio1 Bertolaso. (By Davide Campione Web: http://ungiornodapecora.rai.it/)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Notre Dame: Risorgerà come basilica di San Francesco

Posted by fidest press agency su martedì, 16 aprile 2019

Assisi (Perugia). “Proviamo sgomento e dolore nel vedere la volta di Notre Dame distrutta dal fuoco. Un’immagine che ricorda quella del crollo delle vele della Basilica superiore di San Francesco dopo il terremoto del 1997. Sono certo – ha dichiarato il direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi, padre Enzo Fortunato – che risorgerà come la nostra Basilica. Notre Dame e Assisi sono tra i simboli dell’identità cristiana. Per questo vederla divorata dalle fiamme provoca sgomento e dolore che attraversano l’anima e la carne”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Notre-Dame che brucia fa male al cuore di tutti: solidarietà alla Francia e ai francesi

Posted by fidest press agency su martedì, 16 aprile 2019

Così il presidente dell’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) e delle Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai) commenta esprimendo il suo grande dispiacere per ciò che sta vedendo tutto il mondo: le fiamme che bruciano la cattedrale NotreDame. “Auspichiamo – soggiunge Foad Aodi Fondatore Amsi e Co-mai –  che l’incendio venga spento subito per rivedere la cattedrale presto come era con i suoi valori storici, religiosi e culturali e nel suo significato condiviso anche dal mondo arabo e musulmano. In tale drammatico evento esprimiamo la nostra solidarietà e vicinanza alla Francia e ai francesi e l’auspicio di poter essere uniti per salvare i grandi valori che appartengono all’umanità intera. Tutti gli arabi e musulmani italiani si stringano ai francesi e chiediamo agli arabi e ai musulmani francesi di stare vicini e sostenere la Francia in questa giornata molto triste per tutti”, conclude Aodi.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Incendio Notre Dame

Posted by fidest press agency su martedì, 16 aprile 2019

Parigi. “L’incendio che ha devastato la cattedrale di Notre-Dame colpisce un simbolo del patrimonio culturale europeo, oltre che un simbolo della cristianità. La vicenda accende un faro sul tema cruciale della tutela e della conservazione del nostro patrimonio, del quale spesso dimentichiamo l’estrema fragilità.
Al di là di qualsiasi ipotesi di futura ricostruzione, la perdita di memoria storica è letteralmente inestimabile.
Oggi è un giorno di lutto per chiunque abbia a cuore l’eredità culturale europea. Le competenze degli archeologi italiani sono a disposizione per la futura ricostruzione”. Lo ha scritto, Alessandro Carrisi neo – Presidente dell’Associazione Nazionale Archeologi.
L’Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche AIGAE esprime profonda solidarietà alla Stampa Francese, al popolo francese ed alla Chiesa per quanto sta accadendo in queste drammatiche ore a Parigi. La Cattedrale di Notre Dame è simbolo di religione e di pace, ma anche simbolo della cultura mondiale.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Incendio Notre Dame

Posted by fidest press agency su martedì, 16 aprile 2019

Parigi. “L’incendio che ha devastato la cattedrale di Notre-Dame colpisce un simbolo del patrimonio culturale europeo, oltre che un simbolo della cristianità. La vicenda accende un faro sul tema cruciale della tutela e della conservazione del nostro patrimonio, del quale spesso dimentichiamo l’estrema fragilità.
Al di là di qualsiasi ipotesi di futura ricostruzione, la perdita di memoria storica è letteralmente inestimabile.
Oggi è un giorno di lutto per chiunque abbia a cuore l’eredità culturale europea. Le competenze degli archeologi italiani sono a disposizione per la futura ricostruzione”. Lo ha scritto, Alessandro Carrisi neo – Presidente dell’Associazione Nazionale Archeologi.
L’Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche AIGAE esprime profonda solidarietà alla Stampa Francese, al popolo francese ed alla Chiesa per quanto sta accadendo in queste drammatiche ore a Parigi. La Cattedrale di Notre Dame è simbolo di religione e di pace, ma anche simbolo della cultura mondiale.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Antisemitismo Turchia, molotov contro una sinagoga

Posted by fidest press agency su martedì, 16 aprile 2019

Gli episodi di antisemitismo si stanno susseguendo. Negli ultimi mesi l’odio antiebraico ha colpito in numerosi paesi sparsi nel mondo. Francia, Germania, Italia, Svezia, Norvegia, Belgio, Argentina sono solo alcune nazioni dove l’antisemitismo sta trovando terreno fertile.In questo solco si inserisce un’altra pericolosa vicenda avvenuta in Turchia, a Izmir, città sulla costa dell’Egeo, terza per numero di abitanti dopo Ankara e Istanbul, in cui una molotov è stata lanciata contro una sinagoga, per fortuna senza ferire alcuna persona.Il gesto è stato commesso da un uomo che arrestato dalla polizia ha confessato di aver agito per protestare contro Israele.L’assenza di feriti non deve far abbassare l’attenzione su quanto avvenuto in Turchia. Perché quando vengono presi di mira i luoghi di culto, la situazione è molto più grave di quanto si pensi.Non è solo la prova del mancato rispetto per una cultura e una religione, ma è la cartina di tornasole del senso di impunità e della libertà di azione che hanno i responsabili.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’artista Annalia Amedeo dona alla Casina delle Civette di Roma una sua opera in porcellana

Posted by fidest press agency su lunedì, 15 aprile 2019

Annalia Amedeo, Angeliche Farfalle PorcellanaRoma L’artista Annalia Amedeo, dopo la personale tenutasi dall’ottobre 2017 al gennaio 2018, dona in maniera permanente l’opera Angeliche Farfalle alla Casina delle Civette che, essendo un Museo di arti applicate, si fa scrigno di una porcellana preziosa realizzata con una tecnica raffinata che va ad accrescere il patrimonio del Museo via via arricchito da opere di arte contemporanea. L’opera fa parte di una installazione site specific di quattro sculture realizzate nel 2017 in occasione della mostra “Sinestesie, natura, storia arte” a cura di Elena Paloscia tenutasi presso il Museo e la Dipendenza della Casina delle Civette di Roma. Angeliche Farfalle # 4 verrà collocata nella stanza delle Rondini: le figure astratte presenti nell’opera di Annalia Amedeo dialogano in maniera superba con le vetrate del Balcone delle Rose del 1920 di Paolo Paschetto dai delicati effetti cromatici. In Angeliche Farfalle # 4, come scrive la Responsabile della Casina delle Civette Maria Grazia Massafra, “la dimensione onirica di questa figura rimanda a un tema iconografico già presente nella decorazione della Casina delle Civette: le variopinte farfalle, trafitte di luce, che volano nel giardino incantato del Balcone delle Rose. La farfalla rappresenta il percorso di trasformazione e di evoluzione spirituale dell’essere umano dallo stato profano a quello sacro, attraverso i suoi mutamenti: uovo, bruco, crisalide, individuo adulto. Attraverso l’alchimia della luce e del fuoco l’essere naturale, materia primordiale, diviene essere angelico o divino. Le donne/farfalla di Annalia Amedeo vengono colte nel momento della loro trasformazione ‘esoterica’, e sono cariche di tutta quella sofferenza necessaria per divenire esseri angelici. In questa inquietudine si esprime la modernità delle opere di Annalia Amedeo, opere in cui si percepisce l’incessante tensione dell’essere naturale verso la luce spirituale per ‘vedere e conoscere’ il senso ultimo delle cose”. E’ la stessa Annalia Amedeo a spiegare che la serie “Angeliche farfalle” ispirata ad un racconto di Primo Levi è costituita da quattro volti di Venere su cui viene registrato, attraverso gli interventi dell’artista, un cambiamento di stato, in cui la natura è “testimone attiva di questa evoluzione”. La metamorfosi colta nel momento stesso in cui essa stessa si manifesta, trasforma i bellissimi volti in strane creature: angeli, farfalle o cosa? Ed è questo il punto di domanda che vuole porre l’artista al fruitore dell’opera. (foto copyright Annalia Amedeo)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Il consiglio europeo in materia di tutela del diritto d’autore

Posted by fidest press agency su lunedì, 15 aprile 2019

“Con il voto di oggi del Consiglio Europeo si è chiuso un percorso storico per la cultura, per l’Europa e per la democrazia”: è questo il commento dell’industria culturale italiana all’approvazione della direttiva europea sul Copyright nelle parole del direttore di Confindustria Cultura Italia (CCI), Fabio Del Giudice. “ll Consiglio europeo – sottolinea Del Giudice – ha approvato definitivamente e in larga maggioranza – con 19 voti a favore, 3 astenuti e 6 contrari – una riforma equilibrata delle regole per l’utilizzo dei contenuti culturali in rete mettendo fine alla legge della giungla che ha governato internet dalla sua nascita e riequilibrando i diritti tra chi crea cultura e chi la diffonde per fini economici”. “L’unico grande rammarico – prosegue Del Giudice – è rappresentato dal voto dell’Italia. Un voto contrario, che la schiera accanto a Paesi con una storia e una tradizione molto lontana dalla nostra. Noi siamo uno dei principali Paesi produttori di contenuti culturali e creativi, un’eccellenza che esportiamo in tutto il mondo e che va tutelata. Storicamente in Europa abbiamo sempre avuto una posizione a favore della tutela e dello sviluppo della cultura e della creatività, ma oggi il Governo italiano ha chiaramente dimostrato il contrario nonostante le recenti affermazioni del Presidente del Consiglio, che in occasione di un’uscita pubblica di alcuni giorni fa, aveva sottolineato l’importanza della tutela del diritto d’autore. Dichiarazione che tuttavia non appare confermata dai fatti”.“Come industria – conclude Del Giudice – non possiamo che plaudire ancora una volta all’impegno e al coraggio dimostrato in questi anni dai parlamentari italiani europei. Un grazie sentito perché hanno saputo resistere alle incredibili pressioni esercitate nei loro confronti in questi anni da chi ha utilizzato ogni mezzo per cambiare il corso di questa battaglia di civiltà e per i diritti di chi crea cultura”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo Consiglio Direttivo dell’Unione Buddhista italiana per il triennio 2019-2021

Posted by fidest press agency su lunedì, 15 aprile 2019

Consiglio Direttivo buddistaL’Unione Buddhista italiana (U.B.I.) ha eletto il nuovo Consiglio Direttivo per il triennio 2019-2021. I nuovi consiglieri sono: Filippo Scianna (della tradizione buddhista Vajrayana-tibetana), che è stato eletto anche Presidente, Stefano Bettera (Theravada), Carlo Tetsugen Serra (Soto Zen), Elena Seishin Viviani (Soto Zen), Giovanna Giorgetti (Vajrayana-tibetana), Rita Nichele (Vajrayana-tibetana) e Aldo Marzano (Vajrayana-tibetana).All’Assemblea che si è tenuta a Firenze il 13 aprile 2019 presso il Centro Terra di Unificazione Ewam hanno preso parte tutti i centri dell’U.B.I. L’Assemblea ha inoltre voluto ringraziare Giorgio Raspa per tutto il lavoro svolto in questi anni e ha ricordato con affetto Vincenzo Piga, fondatore dell’Unione Buddhista Italiana nel 1985.
Il neoeletto Consiglio Direttivo si ispirerà alle linee guida condivise da tutti i centri associati all’U.B.I. durante il Congresso di Salsomaggiore Terme che si è svolto dal 15 al 17 marzo 2019. (foto copyright consiglio direttivo buddista)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quanto pagano gli italiani per mantenere l’abitazione principale?

Posted by fidest press agency su lunedì, 15 aprile 2019

Tra rate del mutuo, bollette luce, gas e acqua, manutenzione e tasse? In media 11.304 euro l’anno, vale a dire 942 euro al mese. Il valore arriva dallo studio condotto da Facile.it e Mutui.it che, partendo da dati Istat e del Dipartimento delle Finanze, ha evidenziato come nel Nord Italia il costo complessivo sia, in media, il 20% più alto che al Sud.
Analizzando le principali città italiane emerge che Roma è la più cara; per mantenere un immobile nella capitale servono in media 14.628 euro l’anno, l’8% in più che a Milano (13.560 euro). Cifre molto alte sono richieste anche a Firenze (13.860 euro) e a Bologna (13.824 euro), mentre i costi più contenuti sono stati registrati a Palermo (8.208 euro l’anno) e Napoli (9.324 euro l’anno).Dati interessanti si notano anche analizzando le differenze delle singole voci di costo; per le utenze domestiche e la manutenzione della casa, nelle regioni settentrionali si arriva a pagare anche il 35% in più che in quelle meridionali. Se si guarda alla sola Tari, invece, risulta mediamente più cara al Sud, con valori da capogiro a Napoli (444 euro l’anno) e, soprattutto, a Cagliari (504 euro l’anno).

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Europee, Cirielli(Fratelli d’Italia): “Via Tajani servo degli euroburocrati”

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

“Forza Italia oramai è solo una debolezza. Un’organizzazione sclerotizzata, con parlamentari con nessuna esperienza di territorio, lontani dal popolo, utilizzati solo per lanciare ridicole note per difendere la poltrona di Antonio Tajani, servo degli euroburocrati. Lui è il primo responsabile della sconfitta del centrodestra alle comunali di Roma e quindi del malgoverno attuale dell Raggi”. È quanto afferma in una nota Edmondo Cirielli, Questore della Camera dei deputati e parlamentare di Fdi.
“Alle loro sciocche polemiche contro Giorgia Meloni potremo rispondere meglio un tedesco alla guida del Parlamento europeo che un italiano servo dei tedeschi, ma in realtà noi vogliamo un italiano che difenda i diritti di tutti i popoli Europei e non consenta che la sua Nazione sia calpestata per gli interessi Franco-tedeschi” – conclude Cirielli

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »