Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 175

Archive for the ‘Uncategorized’ Category

Investec Asset Management: accordo di distribuzione con Banca Generali

Posted by fidest press agency su martedì, 30 maggio 2017

bancageneraliInvestec Asset Management, società globale di risparmio gestito con attivi per circa 120 miliardi di dollari americani, ha siglato un accordo di distribuzione con Banca Generali per il collocamento della sua intera gamma SICAV Global Strategy Fund di diritto lussemburghese autorizzata e distribuita in Italia. In base ai termini dell’accordo, inoltre, 5 tra i suoi prodotti di più alta qualità saranno inclusi anche nella soluzione contenitore BG Stile Libero.Il collocamento dei fondi attraverso BG Stile Libero inizierà il 1° giugno e a seguire partirà anche il collocamento diretto.Grazie a questo accordo, Investec Asset Management mette a disposizione della rete di consulenti finanziari e private banker di Banca Generali la sua intera offerta di investimento in Italia, rafforzando ulteriormente la propria presenza nel mercato. Arrivata in Italia nel 2014, infatti, la società ha intrapreso un rapido percorso di crescita, che ne fa oggi un player riconosciuto, con un’estesa base di clienti e uno spettro di soluzioni sempre più completo e adatto alle esigenze degli investitori italiani.
Tra le strategie che entrano a far parte dell’accordo spicca innanzitutto il fondo Investec Global Multi Asset Income, che offre l’opportunità di ritorni attraenti e sostenibili, con un profilo di volatilità contenuto, attraverso una strategia multi-asset che si pone l’ambizioso obiettivo di occupare quello spazio che l’investimento obbligazionario non riesce più a ricoprire. In ottica azionaria, il comparto Investec Global Franchise** investe, in tutto il mondo, principalmente nei titoli di società ritenute dal gestore di alta qualità e generalmente associate a marchi o brevetti esclusivi globali, mentre, in un orizzonte europeo, il fondo Investec European Equity** investe nelle azioni di compagnie europee e si contraddistingue nella categoria per il suo processo d’investimento peculiare. Nel settore delle materie prime, l’Investec Global Gold Fund** punta a realizzare una crescita del capitale nel lungo periodo attraverso l’esposizione ai titoli azionari delle società aurifere a livello globale. Infine Investec Asset Management, facendo leva sul suo DNA sudafricano (infatti la società è stata fondata nel 1991 a Cape Town), guarda anche alle obbligazioni dei mercati emergenti, a cui gli investitori italiani possono accedere attraverso il fondo Investec Emerging Markets Corporate Debt. Gianluca Maione, Country Head per l’Italia di Investec Asset Management da giugno 2016, ha commentato: “Siamo orgogliosi di aver siglato questo accordo con un player come Banca Generali, che ci permette di rendere ancora più capillare la nostra presenza sul mercato italiano e di offrire a una clientela sempre più ampia, sia istituzionale che retail, l’accesso alle nostre migliori strategie. Siamo un asset manager globale, con una storia e un DNA unici, che danno valore aggiunto al nostro approccio di gestione e ci permettono di guardare ai mercati da una prospettiva differente e del tutto peculiare con lo scopo di generare valore anche in uno scenario di incertezza e volatilità come quello attuale”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 maggio 2017

http://www.amazon.it/Libri/s?ie=UTF8&field-author=Riccardo%20Alfonso&page=1&rh=n%3A411663031%2Cp_27%3ARiccardo%20Alfonso

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

SACE (Gruppo CDP) e Boeing: accordo da 1,25 miliardi di dollari a sostegno di forniture italiane

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

boeingSACE (Gruppo CDP) e Boeing annunciano un importante accordo destinato a supportare l’export italiano del settore aeronautico e l’ampio indotto di imprese nazionali che operano nel comparto. Con questa intesa, che crea una piattaforma di condivisione per facilitare il finanziamento di operazioni di mutuo interesse, SACE si impegna a
garantire fino a 1,25 miliardi di dollari di linee di credito per la vendita di aerei Boeing, a fronte di contratti di fornitura e subfornitura assegnati ad aziende italiane specializzate nellacomponentistica di precisione per l’aeronautica. Un impegno che potrà essere incrementato di anno in anno in base alle forniture che Boeing assegnerà a imprese italiane. “L’accordo che annunciamo oggi rafforza la collaborazione con un colosso internazionale del settore aerospaziale che ha fatto dell’Italia uno dei suoi principali partner. L’aeronautica è da sempre un comparto strategico per la nostra economia in cui possiamo essere ancora più incisivi, guadagnando sempre maggiore competitività nei mercati internazionali – ha dichiarato Alessandro Decio, Amministratore Delegato di SACE –. Questo accordo rappresenta per noi un impegno per dare impulso a nuove opportunità di export per le eccellenze italiane del settore, con impatti positivi su crescita e occupazione per l’ampio indotto di PMI subfornitrici”. Solo nel biennio 2015-2016, Boeing ha acquistato 2,5 miliardi di dollari di forniture da aziende italiane e, grazie a un solido legame con il tessuto imprenditoriale nazionale, negli anni ha contribuito a generare 12 mila posti di lavoro lungo tutta la filiera. Cuore del business di Boeing in Italia è il programma 787 Dreamliner, l’innovativo aereo in fibra di carbonio di cui la Divisione Aerostrutture di Leonardo costruisce il 14%. L’impianto di produzione di Leonardo appositamente costruito a Grottaglie (nei pressi di Taranto) si occupa della costruzione delle sezioni centrale e posteriore della fusoliera, mentre lo stabilizzatore orizzontale è costruito a Foggia. Boeing in Italia ha circa 150 dipendenti diretti – dislocati tra Roma, Napoli, Foggia, Grottaglie (Taranto), Viterbo, Milano e Sigonella (Siracusa) – che lavorano nella gestione dei rapporti con partner e fornitori, nei servizi operativi, nelle attività commerciali, nel marketing e nella comunicazione. La collaborazione si realizzerà, inoltre, attraverso l’organizzazione di eventi commerciali destinati ad allargare la platea di potenziali fornitori italiani interessati alle opportunità offerte da Boeing. (foto: boeing)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piano led: Campidoglio, firmata convenzione Roma Capitale-Università

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 maggio 2017

la sapienza romaRoma. Una nuova visione di città passa anche dal coinvolgimento delle eccellenze del territorio per la tutela e il rispetto della bellezza dei luoghi e dei suoi cittadini. L’Amministrazione vuole realizzare un piano di illuminazione che sia all’altezza della Capitale mettendo mano a un progetto precedente all’attuale governo, che non rendeva giustizia alla città e porre inoltre le basi per le linee guida del Piano regolatore di illuminazione pubblica (Pric). Questo l’obiettivo con cui è stata sottoscritta la convenzione tra Roma Capitale, il Master in Lighting Design dell’Università La Sapienza e il Laboratorio di illuminotecnica e acustica dell’Università di Roma Tre, in stretta sinergia con Acea. Il programma di ricerca delle due Università andrà quindi a completare e integrare il lavoro del tavolo tecnico avviato dall’Assessorato ai Lavori Pubblici che coinvolge il Dipartimento (Simu), Acea, la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, la Soprintendenza Speciale archeologia, belle arti e paesaggio di Roma. Il lavoro di ricerca si svolgerà in particolare sull’analisi diretta dei luoghi a partire dallo stato attuale, per poi proseguire con le misurazioni e verifiche degli impianti installati, l’indicazione delle eventuali correzioni da apportare, l’assistenza al collaudo degli impianti e, infine, le prime linee guida del Piano regolatore di illuminazione pubblica. L’indagine terrà presente: la sicurezza, reale e percepita, dei cittadini; la tutela dei sistemi di illuminazione esistenti ritenuti parte del patrimonio culturale e il loro adeguamento alle nuove tecnologie; la valutazione dell’impatto di illuminazione stradale sui beni architettonici, culturali e ambientali; l’applicazione delle norme sul contenimento dell’inquinamento luminoso.Per quanto riguarda l’analisi dello stato attuale, si tratta di: verifiche relative all’attuale situazione dell’illuminazione pubblica sul territorio e degli impianti già modificati nell’ambito dell’attuazione del piano led, la raccolta di documentazione disponibile presso gli uffici competenti dell’Amministrazione Capitolina e della Società di Servizi Acea oltre a sopralluoghi ricognitivi necessari per individuare le caratteristiche degli impianti e le diverse tipologie. L’attività – effettuata con strumenti specifici tra cui videofotometro, spettroradiometro, luxmetro, colorimetro – prevede misurazioni e verifiche degli impianti installati con rilievo: dei livelli di illuminazione sui piani “orizzontali” e “verticali” (carreggiata, marciapiedi, edifici); dei livelli di illuminazione delle sorgenti tradizionali e delle nuove sorgenti led. A conclusione dell’attività di analisi, sarà prodotta una relazione con le soluzioni da proporre a completamento o correttivo del piano led e sarà successivamente prevista assistenza in fase di collaudo anche con misurazioni a campione per la verifica delle apparecchiature installate. Al termine dell’intero studio di analisi, le Università coinvolte forniranno anche le prime linee guida del Piano regolatore di illuminazione pubblica (Pric).“L’obiettivo di questa amministrazione è lavorare al meglio per il bene della città e dei suoi luoghi. Per questo – dichiara l’assessore all’Urbanistica e Infrastrutture, Luca Montuori – sul piano led siamo voluti intervenire creando un tavolo tecnico cui abbiamo voluto che partecipassero, oltre a tutti i competenti uffici del Comune e alla Soprintendenza, le Università che devono essere considerate portatrici di saperi e di conoscenze utili al territorio. Le migliori eccellenze del campo insieme a giovani professionisti in fase di specializzazione ci aiuteranno a migliorare il piano esistente in vista di una futura programmazione. Ci siamo presi l’impegno di migliorare un piano che prevedeva semplicemente la sostituzione di corpi illuminanti con un progetto che guardi al racconto della città attraverso le sue luci”.

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

Seminario di Geometria – David Holmes

Posted by fidest press agency su martedì, 23 maggio 2017

Roma Giovedì 25 Maggio 2017, ore 14:30 Dipartimento di Matematica e Fisica, Aula 211. Largo San Leonardo Murialdo, 1. Fine compactified moduli of enriched structures on stable curves David Holmes (University of Leiden) Abstract. An ‘enriched structure’ on a nodal curve over a (separably closed) field is a special collection of line bundles which combine combinatorial and geometric information. Enriched structures were first defined in the PhD thesis of Laila Maino, where she also constructed a coarse moduli space. They have played a role in the study of degenerating jacobians and limit linear series. We will explain how to define an enriched structure on a nodal curve over an arbitrary base scheme, and construct a fine moduli stack. We will then explain how to compactify this, by replacing line bundles by suitable torsion free sheaves. If time allows, we will discuss applications to the double ramification cycle. This is joint work with Owen Biesel, see arXiv 1607.08835.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio: prosegue contrasto abusivismo ricettivo, nel primo trimestre scovate 81 strutture irregolari

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 maggio 2017

campidoglio“Non si ferma l’azione di contrasto all’abusivismo ricettivo. Nell’ultima settimana gli agenti della Polizia Locale hanno chiuso e sanzionato numerose strutture ricettive abusive o che operavano irregolarmente. Grazie a controlli serrati e mirati solo nel primo trimestre del 2017 sono state individuate 81 attività irregolari rispetto alle 46 del primo trimestre 2015, con un incremento di circa l’80%”. Lo dichiara l’assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro Adriano Meloni. “Voglio ringraziare il Nucleo di Supporto Operativo al Gabinetto del Sindaco, reparto speciale della Polizia Locale operante contro l’abusivismo, per i controlli che hanno permesso di individuare durante gli interventi a Trastevere due hotel abusivi, altri due che effettuavano somministrazione alimentare senza averne titolo, un affittacamere irregolare. Inoltre, anche grazie ai controlli sulle autorizzazioni effettuati dal Dipartimento Turismo e all’intervento del gruppo XIV Monte Mario, è stata disposta la chiusura di un hotel tre stelle che operava senza le necessarie autorizzazioni”, continua. “Chi agisce illegalmente nel settore turistico fa male all’immagine di Roma e all’imprenditoria sana, che rappresenta la maggioranza degli operatori. Cittadini e turisti possono darci una mano, segnalando situazioni irregolari. Elevare la qualità del turismo significa operare sul campo, contro gli abusi, con decisione. Questa è la nostra direzione di marcia”, conclude.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sonia Raule: L’amante alchimista

Posted by fidest press agency su sabato, 6 maggio 2017

l'amante alchimistaMilano lunedì 8 maggio, alle 18:30, alla libreria Rizzoli (Galleria Vittorio Emanuele II, 79 – Milano) il nuovo libro di Sonia Raule, L’amante alchimista, scritto a due mani con Daniela Ceselli con il nome de plume Isabella della Spina.
Il romanzo, uscito per Piemme il 24 aprile, racconta le grandi donne di potere del Rinascimento italiano, come Caterina Sforza e Isabella d’Este, viste attraverso lo sguardo di Margherida, l’alchimista che dà il titolo al volume. Insieme alle due autrici, dialogheranno sul libro lo scrittore e astrologo Marco Pesatori e la conduttrice e imprenditrice Sabina Ciuffini. Modererà l’incontro la giornalista Barbara Stefanelli. (foto: l’amante alchimista)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Catella Asset Management advised German institution on acquisition of residential building in Dresden for EUR 8.3 million

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 maggio 2017

xavier-jongen-catellaThe residential team of investment manager Catella Real Estate has acquired a project development with 30 newly built residential units in Dresden for a mandate of a southern German institution. The purchase price was EUR 8.3 million.The purchase was made for a special fund of the German institution. The fund is managed by German capital management company Institutional Investment Partner. Catella performs the portfolio management in the residential segment of the fund.“We are very pleased to have acquired this property for the fund from Gamma Immobilien- Besitz und Beteiligungs. The property is located directly on the Großer Garten in one of Germany’s most dynamic cities,” explains Xavier Jongen, head of Catella’s initiative in residential property funds.The project development was completed in April 2017 and is located in the Johannstadt district, close to Dresden’s historic city centre. The central location has excellent public transport links and also offers a large number of shopping facilities in the immediate vicinity. The property is situated on Stübelallee, one of four link roads around the Großer Garten. The property was fully leased before it was completed. “Even in a city like Dresden, it is not a given that a building is fully leased before it is completed. This confirms the high marketability of the property in the heart of Dresden,” says Michael Keune, Portfolio Manager at Catella.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Esortazione apostolica Amoris laetitia

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 maggio 2017

pontificia università gregorianaRoma giovedì 4 maggio, alle ore 17:30, presso la Pontificia Università Gregoriana Piazza della Pilotta 4 l’esortazione apostolica Amoris laetitia rappresenta un punto di svolta per la teologia morale? È l’interrogativo che si pone un recente volume a cura di Stephan Goertz e Caroline Witting, comparso nella prestigiosa collana “L’Abside” delle Edizioni San Paolo. Interverranno i professori Antonio Autiero (Em. Università di Münster), curatore dell’edizione italiana, Maurizio Chiodi (Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale – Milano), Vidas Balčius (Pontificia Università Urbaniana) e Giuseppe Bonfrate (Pontificia Università Gregoriana), moderati dal gesuita Miguel Yáñez, Direttore del Dipartimento di Teologia morale della Gregoriana.
Più che una mera presentazione dell’opera, l’incontro vuole offrire l’occasione per una discussione pubblica di approfondimento e confronto sulle prospettive inaugurate dall’esortazione apostolica.
L’evento si svolge inoltre nella cornice della collaborazione in corso tra la Pontificia Università Gregoriana e la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale, che hanno congiuntamente deciso di dedicare due giornate di studio alla Amoris laetitia. La prima si è svolta a Milano lo scorso 11 marzo, mentre la prossima – focalizzata sul capitolo VIII del documento – si terrà l’11 novembre 2017 alla Gregoriana.

Posted in Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Poliposi nasale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 maggio 2017

malattie respiratorie“La rinosinusite cronica con polipi nasali è una malattia infiammatoria frequente che colpisce il 4-5% della popolazione, spiega Carlo Antonio Leone, Presidente SIOeChCF, Società Italiana di Otorinolaringologia e Chirurgia Cervico-Facciale, e ha un elevato impatto sulla qualità della vita dei pazienti avendo come sintomi principali l’ostruzione nasale con conseguenti difficoltà respiratorie e perdita della funzione olfatto-gustativa. La diagnosi è semplice, ma il suo trattamento rimane una sfida per l’otorinolaringoiatra date le ancora scarse conoscenze sulle sue cause, il difficile controllo terapeutico e la frequenza delle recidive che si presentano in almeno 1 paziente su 4. Nonostante la terapia medica controlli i sintomi in una buona percentuale di pazienti, molti ricorrono al trattamento chirurgico per ridurre i disturbi e prevenire le complicanze. Va però ricordato che l’approccio chirurgico si limita a disostruire il naso e ampliare gli osti dei seni paranasali, ripristinando al meglio la funzione respiratoria e permettendo ai farmaci nebulizzati di raggiungere la mucosa dei seni, ma non è risolutivo in quanto non agisce sulle cause della malattia”. “Nello studio recentemente pubblicato su Acta Otorhinolaryngologica Italica, continua Matteo Gelardi, Presidente della Accademia Italiana di Rinologia (IAR), Responsabile del Centro Rinologico del Policlinico Universitario di Bari e firmatario dello studio, abbiamo stabilito uno schema terapeutico mirato a controllare i sintomi e migliorare la qualità della vita dei pazienti, in base alla classificazione del Grading Clinico-Citologico (GCC) che prende in considerazione diversi parametri (citologia nasale, asma, allergie e sensibilità all’acido acetilsalicilico) come fattori di rischio di recidiva post-chirurgica. Questo trattamento personalizzato evita di esporre il paziente al rischio di sotto o sovra-trattamento e di conseguenza alla possibilità di incorrere in una recidiva o negli effetti collaterali dei farmaci utilizzati. Sono stati studiati per 5 anni 204 pazienti affetti da rinosinusite cronica con polipi nasali dei quali 120 avevano subito precedentemente un intervento chirurgico per la rimozione dei polipi. I pazienti sono stati trattati con corticosteroidi topici con periodo di somministrazione variabile in base al livello di rischio di recidiva e con corticosteroidi sistemici associati ad irrigazioni nasali ed acido ialuronico ad alto peso molecolare.Altri farmaci come antistaminici, antibiotici, immunoterapie specifiche sono stati aggiunti a seconda della presenza di co-morbilità come rinite allergica, asma o infezioni concomitanti. Ne è emerso che: nel gruppo con rischio lieve il 92% dei pazienti non ha avuto peggioramenti e non è ricorso alla chirurgia, nel gruppo a rischio moderato il 44% dei pazienti non ha avuto peggioramenti e solo il 3,6% ha avuto necessità di ricorrere alla chirurgia contro il 13,6% del gruppo di controllo, infine soltanto il 5,7% dei pazienti del gruppo con rischio grave necessitava di trattamento chirurgico contro il 49% del gruppo di controllo. Inoltre, dal punto di vista obiettivo le dimensioni dei polipi nasali tendevano ad aumentare ad una velocità maggiore nel gruppo di controllo che nei pazienti trattati con terapia personalizzata. Mentre era già nota l’attività dei corticosteroidi nelle poliposi, la novità è rappresentata dall’impiego dell’acido ialuronico 0,3% ad alto peso molecolare (Yabro®) che ha svolto un ruolo determinante per la sua attività antiinfettiva sui biofilm e di ripristino del battito ciliare”.
“Questo studio apre la strada allo sviluppo e all’adozione di un nuovo approccio alla gestione della rinosinusite cronica con polipi nasali sulla base di una classificazione clinica e citologica che permetta di stimare con accuratezza la gravità della malattia e di adattarne il trattamento al fine di informare meglio il paziente, migliorare l’aderenza terapeutica, il controllo della malattia e limitare il ricorso alla chirurgia”, aggiunge Carlo Antonio Leone.“Questo nuovo approccio, conclude Gelardi, svela in modo incontrovertibile, che ogni poliposi nasale è diversa dall’altra e, anche in questo campo come già in altri, la medicina di precisione è la risposta per trattare questi pazienti che dovranno accettare e comprendere la natura cronica della propria patologia ed essere disposti a seguire le indicazioni che ne consentono un buon controllo”.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Presentazione del libro di Massimo Centini

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 maggio 2017

bordelli torinesiTorino Giovedì 4 maggio 2017 alle ore 18,00 Sede AIP, Sala Principe Eugenio, via Legnano 2/b Presentazione del libro di Massimo Centini: “Torino: quando le case chiuse erano aperte”. Partecipano e dialogano: Massimo CENTINI, antropologo e scrittore, Vittorio G. CARDINALI, giornalista e scrittore.
La storia dei costumi e delle usanze dell’uomo nei riguardi della sessualità femminile ha sempre dato quell’input di fantasie tanto che scrittori e registi del nostro Paese ne hanno parlato e filmato come l’esempio di una fiction televisiva girata proprio qui a Torino “Altri tempi” (2013) dove veniva messo a nudo la tematica così forte e drammatica delle cosiddette “Signorine”. Una vita legata ad un unico ambiente, quello del bordello, dove vi era un via vai di uomini e giovani di tutte le età. Alcuni di loro alle prime esperienze sessuali. Anche in questo libro di Massimo Centini una documentata raccolta di notizie ci aiuta a guardare limpidamente uno tra i volti meno noti della storia minima di una città che, per quantità e qualità, di bordelli certo non era seconda a nessuna. Un viaggio documentato sul fenomeno della prostituzione al tempo in cui le case chiuse erano aperte. Documenti d’archivio che ci riportano leggi e regole d’altri tempi, si intersecano con le testimonianze di chi la realtà dei casini torinesi l’ha vissuta intensamente. Risultato di una lunga ricerca, questo volume, arricchito da un notevole apparato iconografico, ci racconta un pezzo di storia piemontese, avendo come perno centrale la casa chiusa, ma con un costante riferimento alla società.
Massimo CENTINI, Bordelli torinese. Quando le case chiuse erano aperte, Il Punto Piemonte in Bancarella, 2015 (3^ edizione). Massimo CENTINI (1955), laureato in Antropologia Culturale presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Torino. (foto: bordelli)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Piccole storie di Parre e dintorni”

Posted by fidest press agency su martedì, 2 maggio 2017

anna carissonipiccole storieBergamo alta 7 maggio 2017 alle ore 11 Museo Cividini nell’Antica Zecca, in Via Donizetti, 18a nell’atelier dello scultore Pierantonio Volpini, presentazione a cura delle letture bergamasche della nota scrittrice Anna Carissoni. Insegnante e giornalista, ha al suo attivo sillogi di versi in italiano e in bergamasco, raccolte di racconti, saggi sulla cultura popolare con particolare riferimento alla montagna bergamasca. Nella circostanza presenterà il suo recente libro “Piccole storie di Parre e dintorni”, che delinea garbatamente personaggi, fatti e situazioni con venature facete, argute e ironiche. Inoltre parlerà del fenomeno della pastorizia che per secoli ha interessato il suo paese natale ed altri centri seriani e illustrerà le caratteristiche del gaì (il gergo parlato per lungo tempo dai pastori), del quale è la più accreditata studiosa e specialista.La scrittrice sarà presentata dal commendator Umberto Zanetti. L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Leasys (FCA Bank) cresce in Europa

Posted by fidest press agency su sabato, 29 aprile 2017

L’internazionalizzazione rientra in una più ampia strategia di crescita e diversificazione del gruppo FCA Bank ed è, altresì, la naturale conseguenza dell’affermazione di Leasys sul mercato nazionale, dove la società è al vertice del settore per numero di auto immatricolate e ha conseguito nel 2016 il record storico di vendite I servizi e le soluzioni Leasys sbarcano in primis sul suolo spagnolo, dove la presenza di FCA Bank è già consolidata, un mercato che, al pari di altri in Europa, fa registrare positivi indicatori di crescita per il noleggio a lungo termine, a conferma dello sviluppo di un concetto di nuova mobilità, che guarda all’utilizzo e non al possesso dell’auto, in un’ottica di risparmio e sostenibilità.

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

Yemen: crisi umanitaria

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 aprile 2017

yemen crisi umanitariaIl protrarsi della violenza in Yemen sta peggiorando una delle più gravi situazioni di crisi e di fame al mondo, con quasi 7 milioni di persone che non sanno dove troveranno il loro prossimo pasto e che hanno un disperato bisogno di assistenza. Quasi 2,2 milioni di bambini sono malnutriti, inclusi mezzo milione di loro che sono in stato di grave malnutrizione e a rischio imminente di morte se non ricevono con urgenza cure speciali.
“Milioni di bambini in Yemen sono in uno stato di malnutrizione acuta e molti stanno morendo a causa di malattie che sono completamente prevenibili”, ha detto Geert Cappelaere, Direttore Regionale UNICEF per il Medio Oriente e il Nord Africa. “Senza ulteriore azione delle parti in conflitto e della comunità internazionale, lo Yemen rischia seriamente di sprofondare nella carestia, con ancora più vite in bilico di bambini. Si tratta di una corsa contro il tempo.” “Quando un paese raggiunge lo stadio della carestia, significa che molte vite sono già perdute. Non dovremo mai raggiungere quel momento in cui si vedono, sugli schermi televisivi, bambini che muoiono di fare e madri in lutto che si disperano”, ha detto Muhannad Hadi, Direttore regionale del WFP per il Medio Oriente, Nord Africa, Asia Centrale ed Europa dell’Est. “Se agiamo ora, molte vite potrebbero essere salvate in Yemen. Facciamo appello alla comunità internazionale perché ci forniscano urgentemente fondi sufficienti e perché ci aiutino ad evitare una carestia in tutto lo Yemen.”
La violenza e l’insicurezza alimentare stanno avendo un impatto devastante sui redditi delle famiglie, che sono costrette, insieme ai figli, a mettere in atto misure estreme solo per sopravvivere, come matrimoni precoci o il prendere parte ai combattimenti. Nei primi tre mesi del 2017, un numero tre volte maggiore di bambini sono stati reclutati e usati dalle parti in conflitto rispetto agli ultimi mesi del 2016.La violenza ha reso ampie zone del paese inaccessibili agli operatori umanitari, impedendo ai bambini vulnerabili e alle famiglie di accedere agli aiuti urgenti di cui si ha bisogno. Nonostante queste e altre sfide, in febbraio: L’UNICEF ha sostenuto lo screening per la malnutrizione per 132.000 bambini e cure per la malnutrizione acuta severa per oltre 5.000 bambini al di sotto dei cinque anni;
– Supplementi di vitamina A sono stati dati a quasi 5 milioni di bambini al di sotto dei cinque anni nell’ambito della campagna per la vaccinazione contro la polio sostenuta dall’UNICEF;
– Il WFP ha fornito assistenza alimentare a un numero record di 5,3 milioni di persone in 17 governatorati. (foto: yemen crisi umanitaria)

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

Catella exclusive advisor in sale of one of the largest real estate companies in Denmark for DKK 4.3 billon

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 aprile 2017

Jesper Bo HansenCatella acted as exclusive financial advisor to the board of HD Ejendomme in the sale of the DKK 4.3 billion real estate company to funds managed by NIAM HD Ejendomme has agreed on terms with NIAM to divest all shares in the company. Simultaneously with the acquisition NIAM will inject new equity and recapitalize the company. Financial terms of the transaction are not being disclosed.NIAM is a strong owner with substantial experience on the Nordic real estate markets and the deal will enable HD Ejendomme to grow its portfolio under management with a focus on residential properties in Denmark.“This was a unique opportunity for us to acquire a large notably residential portfolio and a well-functioning management platform. We expect to utilize it as a platform for further investments and have a pipeline of potential acquisitions lined up,” says Kristian Krogh, Senior Director and Head of Denmark at NIAM.HD Ejendomme is one of the largest real estate companies in Denmark. It owns and operates approximately 2,000 residential and 375 commercial units across Denmark and employs some 85 people with headquarter in Odense. In 2014, the former CEO of Financial Stability Mr. Lars Jensen was appointed as chairman of HD Ejendomme to steer the company out of the financial crisis.“I am pleased that the assignment I took on is now solved. All the creditors will get their money back and those who continue to finance the company will continue under the new and recapitalized ownership,” say Lars Jensen, Chairman of HD Ejendomme.“We appreciate the trust and the mandate awarded to Catella by the board of HD Ejendomme. Catella is well positioned for this kind of highly complex mandate in line with our position being the link between property and finance,” says Jesper Bo Hansen, Head of Corporate Finance at Catella. (photo: Jesper Bo Hansen)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Palermo: concerto del primo maggio

Posted by fidest press agency su martedì, 25 aprile 2017

LigabueVasco-RossiPalermo. Il Dorian organizza il “Primo maggio in musica”, lunedì 1 maggio al Circolo ippico Riders club (ex maneggio San Giorgio) in viale Regione siciliana 7900. La giornata inizierà alle 11 e fino a sera, con gare a cavallo, alternate col pranzo al barbecue, l’animazione, la diretta con Radio in. Particolarmente ricco il parterre musicale, che vedrà alternarsi il tributo Ligabue con gli Aquariopalude, il tributo Vasco Rossi dei Colpa D’alfredo, e il pop totale dei Roxy.
Per chi vorrà partecipare all’intera giornata, dalle 11 alle 21, con ingresso, concerti, piatto di grigliata mista, 2 bicchieri di vino e acqua, il costo è 15 euro a persona. I bambini pagheranno 10 euro e potranno giocare nell’area attrezzata.
Per chi volesse raggiungere il posto nel pomeriggio, dopo le 16, l’ingresso costa 6 euro ed è valido solo come ingresso, senza consumazione, con possibilità di assistere ai concerti.
Per prenotare, telefonare al 380 798 0615 o al e 393 977 3133. L’evento è prodotto da Dorian in collaborazione con DORIAN LIVE MUSIC PALERMO, ROCK SHOW EVENTI, CasaPalude Artewiva e Radio In 102. (foto: ligabue, Vasco-Rossi)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Come gestire le malattie cardiovascolari rare e di origine genetica

Posted by fidest press agency su martedì, 25 aprile 2017

ateneSi svolge ad Atene dal 27 al 29 aprile 2017 l’incontro dal titolo “International Training Course on Rare & Inherited Cardiovascular Disease”, dedicato alle malattie cardiovascolari rare e di origine genetica.Si calcola che le malattie rare siano tra sei e ottomila e che una persona su diciassette viene colpita da un a malattia rara nella sua vita. Tra esse le condizioni cardiologiche includono patologie elettriche, strutturali e vascolari che interessano una persona ogni 240 in Europa. Inoltre, numerose malattie rare metaboliche e neurologiche sono caratterizzate da un coinvolgimento cardiovascolare che può rappresentare la causa principale di disabilità e peggioramento nella qualità di vita. Nonostante questi dati, le malattie rare sono poco diagnosticate, o individuate con ritardo, e contro di esse sono poche le terapie disponibili. L’obiettivo del meeting di Atene è di migliorare le conoscenze e l’esperienza dei cardiologi nella gestione delle malattie cardiovascolari rare e genetiche, nella prospettiva di una futura evoluzione della medicina rivolta alla personalizzazione delle cure.
Sede del meeting è l’Exibition Hall dello Zappeion, edificio che ospitò la prima Olimpiade moderna, tenutasi ad Atene nel 1896.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Catella: Senior housing and healthcare in focus for European investors

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

Thomas BeyerleThe new Catella Market Tracker, Senior Housing and Healthcare Property, shows that the market for social real estate still is in the start-up phase in Europe, compared to North America, Japan and South Africa. However, the differences across Europe are large, which creates exceptional opportunities in this relatively young asset class. The demographic shift towards a structurally ageing European society has become an increasing focus for politicians and capital markets in recent years. The altered picture of ageing sees the period after retirement as a new, active, productive and eventful time, in which correspondingly high demands are placed on properties, locations, infrastructure and equipment.“However, simply equating an ageing society with rising demand for healthcare property falls significantly short,” explains Dr. Thomas Beyerle, Head of Group Research at Catella. One particular segment that is proving extremely dynamic, not least thanks to a tangible statistical correlation with people reaching retirement age, is senior housing. For many people nowadays, retirement signals the start of a significantly more active phase of their lives, and this new target group also defines a structural change in social real estate. “It is easier to formulate a completely new senior housing market segment in Europe,” says Beyerle.Our researchers have examined the investment potential using the Catella Market Opportunities in Europe scoring model. Austria and Germany are leading the market growth, followed by Lithuania, the Netherlands and Sweden.The positive assessment for Austria and Germany is explained by their strong healthcare systems and their structurally older populations. Germany has the highest number of hospital beds in Europe, at 823 per 100,000 inhabitants, with Austria in second place at 759. Ireland has by far the smallest share of older people, at 9.9 percent, closely followed by Luxembourg at 10.2. Austria is the European leader for practicing doctors per 100,000 inhabitants (499), followed by Lithuania (428) and Sweden (412). The highest health expenditures, measured by GDP, are made by Switzerland and the Netherlands (11.1 percent each), followed by Germany and Sweden (11.0 percent).The complete Catella Market Tracker, Senior Housing and Healthcare Property, is available at catella.com/research.

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

Tempo di Libri: l’editoria italiana è sempre più internazionale

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

Più libri più liberi 2010_Foto di Jacopo Pergameno_Courtesy AIE_Associazione Italiana Editori_PANORAMICA_L’editoria italiana è sempre più internazionale, soprattutto nel settore Bambini e Ragazzi e nella Narrativa che assieme sono i più esportati con il 71,3% delle vendite. E questo mentre nel 2016 si è ridotto il numero di titoli per cui sono stati acquistati i diritti da case editrici straniere.È quanto emerge dalla presentazione del Rapporto sull’import/export di diritti 2017, realizzata dall’Ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori (AIE) in collaborazione con ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane e presentata oggi, sabato 22 aprile, nell’incontro La geografia dei diritti 2016. Da dove compriamo, a quali paesi vendiamo a Tempo di Libri, la Fiera dell’Editoria italiana in programma fino al 23 aprile a Fiera Milano Rho. La fotografia su come le case editrici italiane si muovono in ambito internazionale evidenzia che nel 2016 hanno venduto all’estero i diritti di 6.565 titoli (+11% sul 2015) mentre ne hanno acquistati 9.552 (-10,6% sul 2015).
Per dimostrare l’influenza dell’export basti pensare che i titoli venduti nel 2016 rappresentano il 10% delle novità pubblicate, mentre nel 2011 erano appena il 3,2%.
Quali sono i generi più venduti? L’export dei diritti italiani si basa soprattutto sui libri per Bambini (46,9%, +44% sul 2015) e sulla Narrativa (24,4%). Assieme fanno il 71,3% di tutto l’export di diritti della nostra editoria.
E quelli più acquistati? L’attenzione degli editori italiani si concentra sulla Narrativa che occupa il 35,9% (-1,3% sul 2015) degli acquisti dei diritti. La crescita maggiore è degli Illustrati che rappresentano il 5,7%, +76% rispetto al 2015.
Dove? L’Europa si conferma il mercato tradizionale delle vendite con il 63,2% (+35,7% sul 2015), a crescere maggiormente sono il Nord America (8,4%, +45,8% sul 2015) e il Medio Oriente (3,8%, +14,2% sul 2015), area verso cui sono state sviluppate negli ultimi anni missioni e partecipazioni dell’editoria italiana come Paese ospite d’onore in collaborazione con ICE-Agenzia.
E da dove? L’Europa continua a essere il principale paese da cui si acquistano i diritti: rappresenta il 62,2% dei titoli acquistati ed è in leggero calo rispetto all’anno precedente (-6% sul 2015).
libriIl secondo è il Nord America con il 33% di quota e una crescita del 3,4% sul 2015. Si nota anche un interesse verso il Pacifico: rappresentano appena il 4% ma con un +352,9% sul 2015.In generale l’indagine realizzata da AIE e ICE Agenzia conferma la capacità degli editori italiani di offrire autori, generi diversi ai loro colleghi stranieri e di esplorare letterature e mercati nuovi rispetto a quelli europei, più tradizionali.
E i piccoli? Comprano più diritti all’estero di quelli che vendono, anche per la naturale necessità in fase di avvio di crearsi un catalogo importante. E forse anche per rispondere alle curiosità di un lettore che vuole conoscere autori, letterature e culture di Paesi diversi. Cresce però (e più della media) la loro capacità di vendere all’estero (anche come probabile effetto traino che negli anni scorso hanno fatto alcuni marchi editoriali; anche se i numeri in termini assoluti rimangono piccoli). L’export dei diritti raggiunge il 12,5% (+31,9% sul 2015) mentre l’acquisto dei diritti è il 46,2% (+4,5% sul 2015).
Le coedizioni sono un altro tassello importante dei processi di internazionalizzazione dell’editoria italiana. Nel 2016 sono state 1.102 le coedizioni realizzate con gli editori stranieri. Due i generi che si impongono: quello dei Bambini e Ragazzi (57,7%) e quello degli gli Illustrati (18,5%). Due settori i cui costi di produzione possono essere abbattuti quando uno stesso titolo (o una collana) viene realizzato da più partner internazionali in modo da contenere i prezzi di copertina di prodotti in cui il «colore» e la qualità della carta incide in maniera significativa sui costi di produzione.
“I risultati – ha commentato Giovanni Peresson, responsabile dell’Ufficio studi AIE e curatore del programma professionale di Tempo di Libri – confermano le tendenze dell’editoria italiana: sempre più internazionale nell’affermate autori e titoli, capace di proporsi a paesi e mercati diversi, non solo quelli tradizionali. Per questo ICE-Agenzia ha sviluppatole iniziative all’estero che sostengono il ruolo protagonista dell’Italia”.“L’indagine sulla vendita dei diritti all’estero – ha commentato Marinella Loddo, Direttore dell’ufficio ICE Agenzia di Milano – è ormai diventato uno strumento non solo utile ma indispensabile, che aiuta l’ICE Agenzia e l’AIE ad elaborare le strategie vincenti per le case editrici italiane sui mercati internazionali”

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Concerto del festival: Un Organo per Roma

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 aprile 2017

federico amendolaRoma venerdì 28 aprile alle 19.00 nella sala accademica del Conservatorio “Santa Cecilia (via dei Greci 18, ingresso gratuito fino ad esaurimento posti) concerto del festival Un Organo per Roma. Il grande Johann Sebastian ne è infatti il protagonista, in due modi diversi, prima come compositore poi come protagonista di una piccola opera contemporanea. Infatti prima Olga Di Ilio suonerà tre suoi capolavori organistici, il Corale “In dir ist Freude” BWV 615, il Corale “O Mensch, bewein’ dein’ Sünde grosse” BWV 622 e il Preludio e Fuga in la min. BWV 543, poi sarà eseguito l’intermezzo “Bach Haus”, un atto unico di Michele dall’Ongaro su libretto di Vincenzo De Vivo. Commissionata dall’Opera di Roma nel 2000 per i duecentocinquanta anni dalla morte di Bach, questa piccola opera ha avuto molte riprese, che certificano un’accoglienza molto favorevole, rara per un brano contemporaneo.
Il divertente libretto di De Vivo vuole rispondere a una domanda che ci si pone da quasi tre secoli: “Perché Bach non ha mai scritto un’opera?”. La risposta la troviamo nell’immaginario incontro tra Bach e un impresario italiano che gli propone di scrivere un’opera, facendogli però presenti tutti Olga Di Iliogli obblighi e le convenzioni cui dovrà sottostare, al che il saggio Johann Sebastian declina l’offerta, suggerendo di rivolgersi piuttosto a suo figlio, più giovane e più “moderno” di lui. Il soggetto è ironico e altrettanto frizzante è la musica di Michele dall’Ongaro, uno dei compositori italiani più rappresentati in Italia e all’estero, ben noto a Roma anche come presidente dell’Accademia di Santa Cecilia. Con garbo e ironia dall’Ongaro gioca con le citazioni e le parodie della musica di Bach, ma non solo di Bach, perché si riconoscono anche Puccini, Bernstein e altri ancora. “Il mio intento – ha detto il compositore – è anche comunicare il grande amore, prima di tutto fisico, per la musica”.Gli interpreti saranno il soprano Michela Guarrera, il tenore Antonio Sapio e il basso Gaetano Triscari. Il Complesso d’archi del Conservatorio sarà diretto da Federico Amendola, che il pubblico romano ha già avuto modo di ascoltare e apprezzare sul podio delle orchestre della Rai e dell’Opera e che ha diretto in altri importanti teatri, come il San Carlo di Napoli. (foto: federico amendola, Olga Di Ilio)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »