Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for the ‘Uncategorized’ Category

Green deal europeo: prime reazioni dei deputati

Posted by fidest press agency su domenica, 15 dicembre 2019

I deputati europei hanno discusso il Green Deal europeo e la tabella di marcia verso un continente climaticamente neutrale con Ursula von der Leyen e Frans Timmermans. Dopo la recente dichiarazione del Parlamento europeo sull’emergenza climatica, la Presidente della Commissione von der Leyen ha presentato, mercoledì in Plenaria a Bruxelles, le proposte dell’Esecutivo UE per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050.I leader dei gruppi politici del Parlamento hanno esposto le loro opinioni su come garantire che la futura “legge europea sul clima” sia finanziata e attuata in maniera economicamente e socialmente equilibrata. A conclusione del dibattito di due ore, il Commissario responsabile del Green Deal, il vicepresidente esecutivo Frans Timmermans, ha risposto ad alcune delle domande più urgenti dei deputati, in particolare sulle modalità di finanziamento della transizione energetica negli Stati membri centrali e orientali e su come garantire che le industrie europee e dei paesi terzi possano competere secondo regole simili.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Istituto serafico di Assisi premiato per essersi distinto in ambito sociale

Posted by fidest press agency su sabato, 14 dicembre 2019

L’Istituto Serafico di Assisi è stato premiato dalla direttrice del giornale Agnese Pini e dalla vicedirettrice Laura Pacciani, per la lodevole attività di assistenza e cura nei confronti dei bambini e ragazzi con disabilità fisiche, psichiche e sensoriali. A ritirare il premio per l’Istituto Serafico è stata la Presidente Francesca Di Maolo. L’iniziativa si è svolta nello storico e prestigioso Cenacolo di Santa Croce, a Firenze.
Oltre all’Istituto Serafico, i riconoscimenti dedicati alle Associazioni che si sono distinte nell’ultimo anno in ambito sociale sono andati al Comitato Autonomo per la lotta contro i tumori (Calcit) di Arezzo, all’associazione Mirco Ungaretti Onlus di Lucca, alla Croce Rossa di La Spezia e al comando provinciale dei vigili del fuoco di Firenze. L’evento si è concluso con il concerto dei Pueri Cantores, il coro della Cattedrale di Santa Maria del Fiore.
Dal 1871 il Serafico si prende cura e custodisce la vita delle persone con disabilità plurime; si adegua continuamente ai cambiamenti socio-culturali e alle nuove e complesse forme di disabilità, restando sempre fedele al suo principio ispiratore: rispettare il valore e la dignità della vita di ogni singola persona, in una visione dell’uomo attenta a tutte le sue dimensioni esistenziali. Al Serafico, il prendersi cura è realizzato non solo sulla base di elevate competenze e di ampie conoscenza di tecniche e di procedure, ma anche attraverso la capacità di esprimere e mettere in atto sintonia ed empatia, relazione e reciprocità, sensibilità e calore; questi elementi, tutt’altro che scontati, fanno parte del “capitale di umanità” di ogni operatore, che sa coniugare principi etici, esperienza clinica ed evidenze scientifiche. Il Serafico è una casa che abbraccia la vita, dove il prendersi cura della persona ha un significato che discende direttamente dal richiamo al “custodire la vita”.

Posted in Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

TRACY CHEVALIER, La ricamatrice di Winchester

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 dicembre 2019

Winchester, 1932. A trentotto anni Violet Speedwell sembra ormai inesorabilmente destinata a un’esistenza da zitella. La Grande Guerra ha preteso il suo tributo: il suo fidanzato, Laurence, è caduto a Passchendaele insieme a migliaia di altri soldati, e ora le «donne in eccedenza» come lei, donne rimaste nubili e con scarse probabilità di convolare a nozze, sono ritenute una minaccia, se non una vera e propria tragedia per una società basata sul matrimonio.
Dopo essersi lasciata alle spalle la casa di famiglia di Southampton, e le lamentele della sua soffocante madre, ferma all’idea che dovere di una figlia non sposata sia quello di servire e riverire i genitori, Violet è più che mai intenzionata a vivere contando sulle proprie forze.
A Winchester riesce in breve tempo a trovare lavoro come dattilografa per una compagnia di assicurazione, e ad aver accesso a un’istituzione rinomata in città: l’associazione delle ricamatrici della cattedrale.
Fondata dalla signorina Louisa Pesel e diretta con pugno di ferro dall’implacabile signora Biggins, l’associazione, ispirata a una gilda medievale, si richiama a un’antica tradizione: il ricamo di cuscini per i fedeli, vere e proprie opere d’arte destinate a durare nei secoli. Sebbene la Grande Guerra abbia mostrato a Violet come ogni cosa sia effimera, l’idea di creare con le proprie mani qualcosa che sopravviva allo scorrere del tempo rappresenta, per lei, una tentazione irresistibile.
Mentre impara la difficile arte del ricamo, Violet stringe amicizia con l’esuberante Gilda, i capelli tagliati alla maschietta, la parlantina svelta e un segreto ben celato dietro i modi affabili, e fa la conoscenza di Arthur, il campanaro dagli occhi azzurri e luminosi come schegge di vetro. Due incontri capaci di risvegliare in lei la consapevolezza che ogni destino può essere sovvertito se si ha il coraggio di sfidare i pregiudizi del tempo. Due incontri che insegnano anche che basta a volte un solo filo per cambiare l’intera trama di una vita.
A vent’anni dalla pubblicazione de La ragazza con l’orecchino di perla, Tracy Chevalier torna con un impeccabile romanzo, capace di evocare meravigliosamente l’atmosfera dell’Inghilterra degli anni Trenta e di offrire al lettore una storia senza tempo che «renderebbe orgogliosa Jane Austen» (USA Today). Traduzione di Massimo Ortelio Euro 18,00 288 pagine. Neri Pozza editore.
Tracy Chevalier è nata a Washington nel 1962. Nel 1984 si è trasferita in Inghilterra, dove ha lavorato a lungo come editor. Il suo primo romanzo è La Vergine azzurra (Neri Pozza, 2004, BEAT 2011, 2015). Con La ragazza con l’orecchino di perla (Neri Pozza, 2000, 2013) ha ottenuto, nei numerosi paesi in cui il libro è apparso, un grandissimo successo di pubblico e di critica. Bestseller internazionali sono stati anche i suoi romanzi successivi: Quando cadono gli angeli (Neri Pozza, 2002, BEAT 2012), La dama e l’unicorno (Neri Pozza, 2003, BEAT, 2014), L’innocenza (Neri Pozza, 2007, 2015), Strane creature (Neri Pozza, 2009, 2014) e L’ultima fuggitiva (Neri Pozza, 2013, 2014).

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Dati Ocse sui docenti italiani: pagati poco, precari a vita e demotivati

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

Emerge un quadro drammatico dal più recente studio dell’Organizzazione per la Cooperazione e per lo Sviluppo Economico. Pacifico (Anief): “Età media altissima, professione usurante. Bisogna aumentare gli stipendi e permettere ai docenti di andare in pensione prima”
Un quadro realistico e sconfortante. Non ci sono solo gli alunni nei dati Ocse – Pisa 2018 sugli apprendimenti in Italia. La stampa specializzata riporta anche il focus realizzato dall’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico sugli insegnanti di casa nostra, che sono risultati “demotivati, con stipendi tra i più bassi d’Europa, precari emigrati e con poco entusiasmo nel lavoro. Infatti, gli studenti di 15 anni alla domanda se durante le lezioni i docenti erano sembrati entusiasti e divertiti del loro lavoro hanno risposto negativamente”. Secondo quanto si legge su Orizzonte Scuola: “Tra i paesi in cui si riscontra lo stesso grado di “entusiasmo” troviamo paesi come l’Albania, Kosovo e Korea”. Sui 76 Paesi considerati l’Italia occupa il 58° posto. Una classifica non entusiasmante, dati preoccupanti per il ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, “non perché siano diversi da quelli di un anno fa ma perché sono molto peggio rispetto a quelli di 20 anni fa”. Le cause del poco entusiasmo e della poca motivazione, secondo il giovane sindacato rappresentativo, sono da ricercare anche nelle retribuzioni insoddisfacenti, nel perenne precariato e nell’uscita tardiva dal lavoro, che caratterizza il cammino professionale dei docenti italiani. Gli stipendi del personale scolastico, come quello di tutta la pubblica amministrazione, rimangono di una decina di punti sotto al costo della vita e distante da quelli dei colleghi UE. Per il giovane sindacato è necessario ancorare i compensi al costo della vita come è avvenuto ed è stato siglato per i lavoratori nel privato. Serve ben altro rispetto a quanto viene pronosticato dalla politica. Anche in tal senso Anief rispetto alla Legge di Bilancio, AS 1586, ha suggerito 40 emendamenti. Altri recenti dati OCSE hanno sentenziato altre statistiche incontrovertibili e che dovrebbero destare scandalo: i nostri docenti sono i più anziani tra i Paesi sviluppati rispetto all’Europa ma anche a tutto il mondo: ben il 58% dei docenti italiani, tra elementari e superiori, ha più di 50 anni, contro una media OCSE del 34%.

Posted in scuola/school, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Governo aumenta Ires su redditi imprese concessionarie

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 dicembre 2019

“Il governo continua a penalizzare pesantemente le aziende che cercano di proseguire la loro attività. E’ infatti di poche ore fa la presentazione di un emendamento che aumenta del 3 per cento la tassa Ires sui redditi delle imprese concessionarie per le acque minerali. Insieme alla tassa sulla plastica, questo ulteriore balzello alla manovra creerà un binomio perfetto per dare un ulteriore mazzata alle tante società di questo settore. La cosa è ancora più grave per il fatto che queste aziende hanno la loro attività nelle zone montane e spesso rappresentano una delle poche, se non l’unica attività industriale locale. Tutto ciò, sommato anche all’idea di eliminare le agevolazioni sulle accise del gasolio per il trasporto, farà lievitare i costi, che inevitabilmente si riverbereranno sui consumatori, con la conseguenza di vedere diminuiti gli introiti e sancire la definitiva crisi di queste aziende e di questi territori. Fratelli D’Italia è fortemente contraria a tutto ciò che può indebolire il nostro tessuto economico, per questo chiediamo l’abolizione della tassa sulla plastica e dell’aumento delle tasse sulle concessioni delle acque minerali”. E’ quanto dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Patrizio La Pietra.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Web tax, Mollicone (FdI): “Governo non tutela il mercato digitale italiano

Posted by fidest press agency su sabato, 7 dicembre 2019

“Il governo non tassa le multinazionali del digitale adeguatamente con la web tax e non tutela il mercato digitale italiano specificando che la tassazione debba essere applicata esclusivamente sui ricavi da servizi digitali, ma in compenso sembrerebbe intenzionato ad aumentare le tasse sul circuito degli operatori radio e tv, come apprendiamo dal Sole24Ore. Lo riteniamo inaccettabile e, se così dovesse essere, daremo battaglia alla Camera per la difesa della sovranità digitale italiana. ” E’ quanto dichiara Federico Mollicone, deputato FDI capogruppo in commissione Cultura ed Editoria, componente della Commissione parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi e responsabile Innovazione del partito.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il momento delle sardine veneziane è giunto

Posted by fidest press agency su sabato, 7 dicembre 2019

La risposta delle prime piazze Venete (Verona, Treviso, Rovigo e l’odierna Padova) ha ridato in noi moltissima fiducia, e la gente ha finalmente ritrovato la passione di tornare in piazza. Ci siamo riscoperti comunità, ed il fatto di non essere soli ci scalda il cuore e ci da ancora più coraggio. Queste piazze hanno dimostrato che i partiti politici antitetici alle nostre posizioni, quei partiti che soffiano sul sempre ardente e pericoloso fuoco dell’odio e dell’intolleranza, non hanno il monopolio della rappresentanza.Oggi vogliamo dimostrare, una volta per tutte, che il Veneto è una regione piena di persone di ogni età che amano la nostra bella carta costituzionale, persone vicine alla tradizionale apertura culturale di una realtà storicamente cosmopolita come Venezia.Oggi più che mai, affermiamo con orgoglio che siamo in tantissimi a credere nei valori della nostra Repubblica e, stretti come un banco di sardine, saremo in almeno 6000 a cantare e mostrare pacificamente che Venezia, ed il Veneto, non sono accecate dalla retorica populista. Tocca a noi, quindi, riempire il piazzale di fronte alla Stazione di Venezia S. Lucia alle ore 19 di venerdì 13 dicembre. Vogliamo infatti favorire la partecipazione degli abitanti di tutto il territorio veneziano, aspettandoci, inoltre, tante presenze da tutta la Regione.La data non è stata scelta a caso: fungeremo da preludio e passeremo il testimone non solo alla manifestazione nazionale di Roma, ma anche a tutte le piazze europee e non (ricordiamo che si svolgeranno manifestazioni persino negli Stati Uniti) che si svolgeranno Sabato 14 Dicembre.La nostra piazza sarà allegra e spensierata, piena di cartelli, musica, arte e creatività: d’altronde cioè che caratterizza gli amanti della libertà è la bellezza. Allo stesso modo il rispetto è alla base dei nostri valori, ecco perché ci impegniamo a mantenere l’odio e gli insulti lontani dal nostro flashmob; altresì ci impegniamo a mantenere decoroso e pulito il luogo che ospiterà la nostra azione pacifica.Invitiamo tutti coloro che si riconoscono nella libertà e nell’uguaglianza dei valori della nostra repubblica ad affollare con noi la piazza: questa non è una piazza partitica. È proprio per questo motivo che invitiamo le “sardine” a non esibire bandiere e simboli di partiti, associazioni e comitati.

Posted in Cronaca/News, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Il fine della politica nella fine della politica”: lectio magistralis del filosofo Salvatore Natoli

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 dicembre 2019

Bologna Martedì 17 dicembre, ore 17.00 Oratorio di San Filippo Neri – via Manzoni 5 nell’ambito della consueta “Lettura Dossetti 2019” organizzata dalla Fondazione per le scienze religiose Giovanni XXIII (Fscire), il filosofo Salvatore Natoli terrà la lectio magistralis “Il fine della politica nella fine della politica”. La categoria di éschaton ha perso oggi di significato: dalla fine dei tempi si è passati a un tempo senza fine. Dal “definitivo compimento” all’idea di progresso: in questa impresa si è consumata l’“iperpolitica”, che oggi è divenuta “fine delle ideologie”. Il futuro resta però ineliminabile: per operare sensatamente per esso è necessario assumere una misura. Quale? Le generazioni. Non l’umanità, nozione astratta, ma i venturi. La generazione presente è vincolata a preservare il futuro per loro e, magari, a lasciare un mondo migliore di quand’essa vi è entrata. Se si può dire, dall’utopia all’eutopia.La lectio sarà preceduta dai saluti dell’arcivescovo di Bologna Matteo card. Zuppi e di Alessandro Pajno, presidente Fscire.
Salvatore Natoli è docente di Filosofia teoretica presso l’Università di Milano-Bicocca. Tra le sue numerose pubblicazioni citiamo L’animo degli offesi e il contagio del male (2018), La felicità. Saggio di teoria degli affetti (2017), Dizionario dei vizi e delle virtù (2017), Il rischio di fidarsi (2016), L’esperienza del dolore. Le forme del patire nella cultura occidentale (2016), Il buon uso del mondo. Agire nell’età del rischio (2015), L’edificazione di sé. Istruzioni sulla vita interiore (2015), Nietzsche e il teatro della filosofia (2011), Soggetto e fondamento. Il sapere dell’origine e la scientificità della filosofia (2010), Stare al mondo. Escursioni nel tempo presente (2008) e La salvezza senza fede (2008). Per Bollati Boringhieri ha pubblicato Giovanni Gentile filosofo europeo (1989) e Il fine della politica. Dalla «teologia del regno» al «governo della contingenza» (2019).
Per ricordare la morte del suo fondatore, Giuseppe Dossetti, avvenuta il 15 dicembre 1996, la Fondazione annualmente offre alla città di Bologna una conferenza sui grandi temi a lui cari. Negli anni sono intervenuti, tra gli altri, Tullio Gregory sui concili e la chiesa, Romano Prodi e Michel van Parys sui conflitti in medio oriente e le comunità cristiane, Giorgio Agamben e Paolo Prodi su Ivan Illich, Graziano Del Rio sull’attesa della povera gente.La Fondazione per le scienze religiose (Fscire) è un istituto di ricerca, presieduto da Alessandro Pajno e diretto da Alberto Melloni (segretario della Fondazione) che ha sede a Bologna e dal 2014 è riconosciuta come infrastruttura di ricerca nazionale per le scienze religiose. Pubblica, sviluppa, fornisce, organizza, approfondisce e diffonde la ricerca nell’ambito delle scienze religiose studiando in particolare il cristianesimo e i suoi rapporti con le altre confessioni e dal 2018 ha aperto una Biblioteca e un centro di ricerca a Palermo – intitolati a Giorgio La Pira – dedicati alle dottrine e alla storia degli Islam.La Fondazione prosegue il percorso di studio e di ricerca iniziato nel 1953 da un’idea di Giuseppe Dossetti e sviluppata dall’impegno di Giuseppe Alberigo, che ne fu per quasi mezzo secolo animatore e segretario, con il proposito di approfondire la conoscenza delle discipline storico-religiose. La scelta di un percorso storico comparativo delle religioni vuole essere lo stimolo per una partecipazione culturale e spirituale plurale capace di rispondere al grande interesse del mondo contemporaneo per le problematiche religiose. Ingresso libero.

Posted in Cronaca/News, Uncategorized, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Samsung e MIUR LetsApp – Solve for Tomorrow Edition

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 dicembre 2019

La nuova edizione di LetsApp è un progetto parte del laboratorio creativo studentesco “IoStudioLAB”, avviato da “IoStudio – la Carta dello Studente”, e punta a valorizzare i lavori di gruppo e stimolare maggiormente il pensiero critico e la creatività degli studenti. “Solve for Tomorrow”, traducibile con «soluzioni per il domani», sottolinea l’obiettivo principale dell’iniziativa di quest’anno, ovvero provare a rispondere alle sfide di oggi per cercare di migliorare il domani. In particolare, la terza edizione di LetsApp si propone di avvicinare gli studenti alle discipline STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics) e di aiutarli a sviluppare l’attitudine creativa a risolvere problemi incoraggiandoli a elaborare, grazie alla tecnologia, idee e soluzioni che affrontino questioni sociali che li coinvolgono direttamente.
La partecipazione al programma è anche un’occasione per acquisire competenze e maggiore consapevolezza delle proprie attitudini, grazie al confronto con i concetti di progettualità e di learn by doing. Parte integrante della formazione sono le cosiddette “Soft Skills”, competenze trasversali essenziali per un inserimento efficace nel mondo del lavoro, sempre più apprezzate e richieste perché consentono alle aziende di avere risorse in grado di adattarsi con flessibilità e velocità ai cambiamenti del mercato. Obiettivo non secondario del progetto è quello di fornire agli studenti delle conoscenze di base sull’imprenditorialità, sul marketing e sulla comunicazione e di offrire una panoramica su come la tecnologia produca innovazione creativa. Come per la scorsa edizione verranno coinvolti maggiormente anche gli insegnanti attraverso un’apposita area dedicata in modo da poter approfondire gli argomenti anche durante le normali ore di lezione.
Anche per l’edizione 2019-20, LetsApp si concretizzerà in un programma di mentoring e avvicinamento alle nuove tecnologie dedicato agli studenti italiani i quali, attraverso una piattaforma di e-learning, hanno la possibilità di acquisire competenze utili a realizzare un progetto digitale comprensivo di sito web o di un’applicazione per sistemi operativi Android. LetsApp offrirà anche a coloro che non hanno specifiche competenze tecniche la possibilità di cimentarsi in una sfida creativa in un contesto stimolante e altamente qualificante.Diviso in 4 fasi, il corso è strutturato in 7 diversi moduli – per una durata totale di circa 25 ore – che alternano nozioni teoriche a demo pratiche; ogni modulo si conclude con un test.Tutti gli studenti che completeranno con successo il corso riceveranno un certificato di frequenza, che potrà essere utilizzato per il riconoscimento dei relativi crediti formativi da parte del Consiglio di classe.Al termine del percorso formativo gli studenti verranno invitati a costituire dei gruppi di lavoro composti da un minimo di 2 e fino ad un massimo di 5 studenti – coordinati da un docente-tutor – per applicare le nozioni acquisite durante il percorso e sviluppare una soluzione a un problema comunitario, raccontarlo attraverso un video e partecipare a un hackathon, previsto per maggio 2020.
Il gruppo vincitore dell’hackathon finale verrà accompagnato in un viaggio a Dubai entro il mese di dicembre 2020 in occasione di Expo 2020 dove riceverà ulteriori 5 giorni di formazione incentrati sul tema dell’Esposizione Universale «Connecting Minds, Creating the Future», declinato sui sotto-temi sostenibilità, mobilità e opportunità.Le scuole dei 9 migliori progetti riceveranno da parte del MIUR e di Samsung un attestato di eccellenza per la qualità dei progetti ideati e realizzati dai propri studenti. I docenti tutor dei gruppi vincitori riceveranno uno specifico attestato di premialità per il supporto fornito al lavoro svolto.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rischio cardiovascolare, risultati incoraggianti dal congresso Aha 2019. Le novità

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 dicembre 2019

In occasione del congresso dell’American Heart Association (AHA) svoltosi a Philadelphia sono stati presentati i risultati di 2 analisi combinate di 4 studi clinici di fase 3 sull’acido bempedoico, indicato per le persone con ipercolesterolemia e alto rischio cardiovascolare (CV) che non raggiungono livelli target di colesterolo LDL (C-LDL). Il farmaco, la cui richiesta all’immissione in commercio è in corso di valutazione, aggiunto alla massima dose tollerata di statine, ha ridotto il C-LDL e, nei pazienti diabetici trattati per 12 settimane, ha ridotto l’emoglobina A1c rispetto al trattamento con placebo.«Ci sono evidenze che dimostrano che alcuni trattamenti ipolipemizzanti possano aumentare il rischio di diabete, quindi è incoraggiante per noi osservare che l’acido bempedoico, in aggiunta a terapie preesistenti, riduce il colesterolo senza tuttavia influenzare negativamente il controllo glicemico» ha affermato Wolfgang Zierhut, della Daiichi Sankyo Europa. Nel corso di un’altra presentazione, che ha riguardato un’analisi dello studio FOURIER, sono stati mostrati i vantaggi del trattamento con evolocumab nei pazienti colpiti da infarto nell’anno precedente, che sono a rischio di successivo evento CV maggiore rispetto a quelli colpiti tempo prima. Il farmaco, approvato in più di 70 paesi, ha ridotto il rischio in misura maggiore nei pazienti con infarto recente. Inoltre, non ha avuto ripercussioni sulla funzione cognitiva riportata dai pazienti con malattia CV stabile anche se con livelli di C-LDL molto bassi. Nuove analisi anche per lo studio di fase III PARAGON-HF condotto su pazienti affetti da insufficienza cardiaca con frazione di eiezione preservata (HFpEF). Alcuni sottogruppi potrebbero trarre benefici dal trattamento con sacubitril/valsartan, approvato per l’insufficienza cardiaca con ridotta frazione di eiezione, rispetto al solo valsartan. È stata osservata una riduzione del rischio del numero di ricoveri ospedalieri per insufficienza cardiaca e mortalità da cause CV soprattutto nelle donne e nei pazienti sottoposti a screening durante il ricovero o entro 30 giorni dopo. L’analisi aggregata dei dati di PARAGON-HF e di PARADIGM-HF mostra benefici massimi in caso di pazienti con valori frazione di eiezione ventricolare sinistra inferiore al 60%. «I dati aiutano a capire meglio la natura eterogenea della HFpEF e il potenziale beneficio di sacubitril/valsartan per chi ha ancora bisogno di un’opzione terapeutica» ha dichiarato Scott Solomon del Brigham and Women’s Hospital negli Stati Uniti. (fonte doctor33)
In occasione del congresso dell’American Heart Association (AHA) svoltosi a Philadelphia sono stati presentati i risultati di 2 analisi combinate di 4 studi clinici di fase 3 sull’acido bempedoico, indicato per le persone con ipercolesterolemia e alto rischio cardiovascolare (CV) che non raggiungono livelli target di colesterolo LDL (C-LDL). Il farmaco, la cui richiesta all’immissione in commercio è in corso di valutazione, aggiunto alla massima dose tollerata di statine, ha ridotto il C-LDL e, nei pazienti diabetici trattati per 12 settimane, ha ridotto l’emoglobina A1c rispetto al trattamento con placebo.«Ci sono evidenze che dimostrano che alcuni trattamenti ipolipemizzanti possano aumentare il rischio di diabete, quindi è incoraggiante per noi osservare che l’acido bempedoico, in aggiunta a terapie preesistenti, riduce il colesterolo senza tuttavia influenzare negativamente il controllo glicemico» ha affermato Wolfgang Zierhut, della Daiichi Sankyo Europa. Nel corso di un’altra presentazione, che ha riguardato un’analisi dello studio FOURIER, sono stati mostrati i vantaggi del trattamento con evolocumab nei pazienti colpiti da infarto nell’anno precedente, che sono a rischio di successivo evento CV maggiore rispetto a quelli colpiti tempo prima. Il farmaco, approvato in più di 70 paesi, ha ridotto il rischio in misura maggiore nei pazienti con infarto recente. Inoltre, non ha avuto ripercussioni sulla funzione cognitiva riportata dai pazienti con malattia CV stabile anche se con livelli di C-LDL molto bassi. Nuove analisi anche per lo studio di fase III PARAGON-HF condotto su pazienti affetti da insufficienza cardiaca con frazione di eiezione preservata (HFpEF). Alcuni sottogruppi potrebbero trarre benefici dal trattamento con sacubitril/valsartan, approvato per l’insufficienza cardiaca con ridotta frazione di eiezione, rispetto al solo valsartan. È stata osservata una riduzione del rischio del numero di ricoveri ospedalieri per insufficienza cardiaca e mortalità da cause CV soprattutto nelle donne e nei pazienti sottoposti a screening durante il ricovero o entro 30 giorni dopo. L’analisi aggregata dei dati di PARAGON-HF e di PARADIGM-HF mostra benefici massimi in caso di pazienti con valori frazione di eiezione ventricolare sinistra inferiore al 60%. «I dati aiutano a capire meglio la natura eterogenea della HFpEF e il potenziale beneficio di sacubitril/valsartan per chi ha ancora bisogno di un’opzione terapeutica» ha dichiarato Scott Solomon del Brigham and Women’s Hospital negli Stati Uniti. (fonte doctor33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Global Medical Marijuana Market 2020-2024

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 dicembre 2019

Technavio has been monitoring the global medical marijuana market since 2018 and the market is poised to grow by USD 22.33 billion during 2020-2024 at a CAGR of over 24% during the forecast period. The market is driven by plans to boost the production and availability of medical marijuana by governments. In addition, the increase in funding for research and production of medical marijuana is anticipated to further boost the growth of the medical marijuana market.The increasing demand for marijuana from dispensaries and patients for medical applications is encouraging marijuana growers and government organizations to improve the access to legal marijuana for medical research. This is encouraging various governments such as the US government to issue plans to legalize the production of marijuana and expand the number of entities that are certified to grow marijuana plants. This will allow users to place orders for medical marijuana products. Thus, the plans to increase production and availability of medical marijuana by governments is expected to drive market growth during the forecast period.

Posted in Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Governo Alitalia: Che fare?

Posted by fidest press agency su martedì, 3 dicembre 2019

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a proposito della crisi di Alitalia, ha dichiarato: “Non c’è una soluzione di mercato”. Amara conclusione dopo quasi un anno e mezzo di governo Conte 1 e 2. E’ lui che ha governato, insieme a Luigi Di Maio, ministro dello Sviluppo Economico, responsabile del dossier Alitalia, cui è succeduto Stefano Patuanelli (M5S).Se non c’è una soluzione di mercato, che cosa si intende fare? Irizzarla, cioè nazionalizzarla, come proposto da Patuanelli, cioè accollare la gestione e i debiti al contribuente italiano, già oberato di tasse? L’Alitalia ha un problema di gestione e di costi che non sono compatibili con il mondo del trasporto aereo. Una delle soluzioni prospettate è quelle di liquidare Alitalia, vendere gli asset (aerei, slot, manutenzione, gestione, ecc.), altra è quella di proporre un nuovo piano industriale, ma occorre trovare soci disposti a metterci i capitali e, dopo le esperienze passate e quel che è successo con la Arcelor Mittal (cambiare le regole del gioco a gioco iniziato), la fiducia degli imprenditori e del mercato è piuttosto scarsa. Infine, c’è quella della nazionalizzazione priva di certezza, visti i trascorsi, che Alitalia diventi una compagnia aerea in grado di volare mettendo la mani nelle tasche dei contribuenti italiani. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Collaboration to Explore Potential Spray-On Treatment of Genetically Modified Cells for Epidermolysis Bullosa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 novembre 2019

AVITA Medical (ASX: AVH, NASDAQ: RCEL), a regenerative medicine company with a technology platform positioned to address unmet medical needs in therapeutic skin restoration, and scientists at the Gates Center for Regenerative Medicine at the University of Colorado School of Medicine announced today a preclinical research collaboration to establish proof-of-concept and explore further development of a spray-on treatment of genetically modified cells for patients with epidermolysis bullosa (EB), with potential applicability to other genetic skin disorders.The partnership will pair AVITA Medical’s patented and proprietary Spray-On Skin™ Cells technology and expertise with the Gates Center’s innovative, patent-pending combined reprogramming and gene-editing technology to allow cells to function properly. Under the terms of the Sponsored Research Agreement (SRA), AVITA Medical retains the option to exclusively license technologies emerging from the partnership for further development and commercialization. The Gates Center team is further supported by the EB Research Partnership in New York, the Los Angeles-based EB Medical Research Foundation, the London-based Cure EB Charity, and government grants in a collaborative effort to rapidly develop and translate this technology to the clinic for meaningful impact on patient lives.“The Gates Center is a leader in developing therapeutic approaches for genetic skin diseases. Researchers at the Gates Center have developed a powerful new approach for treating genetic skin disorders and improving the lives of patients with epidermolysis bullosa,” said Dr. Mike Perry, Chief Executive Officer of AVITA Medical and adjunct professor at the Gates Center for Regenerative Medicine. “We look forward to collaborating with the team at the Gates Center on the expanded use of our technology. This agreement marks an important milestone in AVITA’s mission to harness the potential of regenerative medicine to address unmet medical needs across a broad range of dermatological indications, including genetic disorders of the skin.” Epidermolysis bullosa is a group of rare and incurable skin disorders caused by mutations in genes encoding structural proteins resulting in skin fragility and blistering, leading to chronic wounds and, in some sub-types, an increased risk of squamous cell carcinoma or death. There are no approved curative therapies, and current treatment is palliative—focused primarily on pain and nutritional management, itching relief, wound care, and bandaging.“It’s very exciting to partner with AVITA Medical to help advance our epidermolysis bullosa program,” said Director of the Gates Center for Regenerative Medicine Dr. Dennis Roop. “We’re looking forward to exploring a novel approach to delivering gene-edited skin cells to patients that addresses current treatment challenges.”“We believe that Spray-On Skin™ Cells technology combined with our genetically corrected cells has the potential to be game changing in the treatment of this disease. This combination could reduce time to treatment, lower manufacturing complexity, reduce costs, and improve patient outcomes,” said Dr. Ganna Bilousova, assistant professor of dermatology, who is a co-principal investigator on this research program.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gen Z and Millennials: All About the Benefits, Not Just the Benjamins

Posted by fidest press agency su domenica, 24 novembre 2019

Competition for employees is fierce, but if employers are trying to attract Gen Z to their workforce by focusing on perks like free avocado toast and ping-pong tables, they’re going about it all wrong. A recent study from Lincoln Financial Group (NYSE: LNC) and the Center for Generational Kinetics shows that traditional benefits like retirement plans and insurance are most important for attracting and retaining Gen Z and Millennials. The oldest members of Gen Z are 23 years old and are joining Millennials, who are the largest generation in the workforce2, in the working world. Both generations are all about the benefits, not just the Benjamins.
Both Millennials and Gen Z rank salary as most influential when making job decisions, but 60% of Gen Z workers say they would accept a 10% lower starting salary in return for a better benefits package, while 65% of Millennials would take a job that paid 10% less but offered much better benefits.“The recession in 2008 was a formative experience for many Millennials and Gen Z-ers. Many either watched their parents face the challenges it created, or they experienced it themselves during their early years in the workforce,” said Jamie Ohl, Executive Vice President, President Retirement Plan Services, Lincoln Financial Group. “These are generations who now focus on what their employer can offer to help them save for retirement and protect their financial future.” Gen Z ranked perks as the least important factor when they’re considering a job, and 62% said the benefits offered by a potential employer are very or extremely influential to their decision to accept a job offer. And 44% of Millennials have turned down a job because it didn’t offer the benefits they wanted.
Strong benefits packages — including retirement plans and insurance offerings beyond health insurance, such as dental, vision, life, disability, accident and critical illness insurance — don’t just get younger generations in the door. They keep them there.
Many Gen Z-ers are just now taking their first full-time positions, but 91% say that being offered a great employee benefits package would make them work longer at that first gig.After salary (73%), Millennials said that benefits most influence keeping them at their job (51%), and 57% have stayed at a job longer than they wanted to — even though they didn’t like the job — because the job offered good benefits.“Gen Z and Millennials aren’t just thinking about the now — they’re thinking about tomorrow,” said Eric Reisenwitz, SVP and Chief Operating Officer, Group Protection, Lincoln Financial Group. “Benefits have to meet the needs people have today, but also what they are looking for three to five years from now.”Millennials say the benefits that will be more important to them in three to five years are a retirement savings plan, long-term disability insurance and life insurance. “These generations are focused on the substantive offerings an employer provides,” said Reisenwitz. “They are looking for employers that will help them achieve their financial goals, and protect their financial futures.”

Posted in Estero/world news, Uncategorized | Leave a Comment »

Francesca Valtorta ospite d’onore alla seconda preview al Macro

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 novembre 2019

Roma giovedì 21 novembre alle ore 17.15 al MACRO – Museo di arte contemporanea di Roma, in via Nizza 138 ospitaFrancesca Valtorta per la seconda preview della GDD Fashion Week. Protagonista del grande e del piccolo schermo con “Baciami ancora”, “Immaturi 2”, “Sacrificio d’amore”, “Squadra antimafia”, “Braccialetti rossi” e “Il paradiso delle signore” ha interpretato personaggi sempre differenti, mostrandosi a proprio agio in ogni situazione. Adora la moda e si definisce una “shopping addicted”, ritrovandosi spesso con gli armadi stracolmi. Troverà il “mood” giusto tra gli stilisti che si contendono l’accesso alla fase finale del contest? Molto Probabile. Del resto sono nove i fashion designer pronti a contendersi la vittoria: Eletta Palestini, Jessica Sciarra, Laura Frigerio, Rosa Allocca, Valentina Versace, Flavia Mardi, Barbara Iacobucci, Alessandra Selvi e Lara Compagnoni. Con i loro outfit si contenderanno l’accesso alla fase finale dell’evento. Gli stilisti che parteciperanno al contest gareggeranno sia per la borsa di studio da 2 mila euro, sia per il premio della stampa, decretato dal noto magazine “La mia Boutique”. Esso consiste nella pubblicazione di un servizio fotografico corredato da un’intervista approfondita e dettagliata dello stilista. Essere parte integrante della GDD Fashion Week significa relazionarsi con la creatività, entrare a pieno titolo nell’art e nel fashion-system, generando networking con alcuni dei principali stakeholder del settore.
Non mancheranno poi le collezioni degli stilisti ospiti che renderanno l’evento ancora più interessante ed attraente: da Antonella Cuppari, vincitrice della GDD Fashion Week nel 2010, ad Ina Bordonaro che ha trionfato nel 2018, da Steven Heats con i suoi cappelli all’eleganza di Giuseppe Cupelli. La fase preview, collocata interamente a Roma, si concluderà nel mese di dicembre con la terza preview già programmata al Macro per giovedì 19 dicembre; spazio poi all’iter organizzativo della fase finale che resta ancorata in Calabria dove la GDD è nata e cresciuta, tra il 31 luglio ed il 2 agosto 2020 è previsto lo svolgimento della sedicesima edizione.
Sul sito http://www.gddfashionweek.it è già stato pubblicato il bando per la partecipazione alla fase finale. La GDD Fashion Week invita i fashion designer a presentare i propri progetti sul tema guida di questa edizione: “LA MODA TRA DIECI ANNI. Forme, materiali e toni per la donna del domani”.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Studenti universitari e nuove tecnologie

Posted by fidest press agency su domenica, 17 novembre 2019

Gli studenti di Scienze Politiche e Ingegneria sono consapevoli dei cambiamenti apportati dalle nuove tecnologie alla società? Sono pronti per diventare i decision maker di domani? A che punto è la formazione universitaria su questi temi? Su un campione di 300 studenti (58% donne e 42% uomini) con età media di 23 anni, provenienti principalmente dalle facoltà di Scienze Politiche e Ingegneria di diverse università italiane, risulta che il 56% non ha mai sentito parlare di “democrazia digitale” ad esclusione da chi proviene da facoltà giuridico-economiche, dove la percentuale si abbassa sensibilmente. Interessanti i dati relativi al grado di coinvolgimento degli studenti nelle decisioni politiche, da cui emerge che a livello europeo il 36% non si sente per nulla coinvolto, mentre a livello nazionale il dato scende al 25%, fino ad arrivare a livello locale con la misura del 22%.L’indagine realizzata da Adl Consulting, nasce con l’obiettivo di indagare a che punto è la formazione in Italia rispetto a tematiche come blockchain, intelligenza artificiale e democrazia digitale, e se le Istituzioni e le Università hanno saputo trasferire alle future gene­razioni la portata e le potenzialità dell’impatto dell’era digitale sul rapporto tra istitu­zioni pubbliche e comunità, imprese e rappresentanti d’interesse.
Come evidenziato dal Ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, nella prefazione alla ricer­ca: “comprendere le percezioni degli studenti di Ingegneria e di Scienze politiche diventa necessario al fine di anticipare i cambiamenti e disporre di una classe dirigente all’altezza”.A sorprendere è l’insufficiente conoscenza e l’inadeguata comprensione delle tecnologie che stanno cambiando gli attuali paradigmi della società. Dalle risposte raccolte risulta che il 75% non ha mai letto libri sulla blockchain, mentre solo il 61% è entrato in contatto con articoli e libri sull’intelligenza artificiale. Nonostante questi dati piuttosto allarmanti, gli studenti vedono in modo entusiasta l’applicazione della tecnologia nei diversi ambiti della società (84%).Pubblicata all’interno della ricerca “L’era della democrazia digitale, una sfida per cittadini, imprese e politica”, l’indagine ha coinvolto le università Sapienza di Roma, LUISS Guido Carli, Università di Cassino, Università degli Studi di Milano, Università di Padova, Università di Parma e Università di Trento.
“Gli studenti sono un target “speciale” in quanto rivestono il doppio ruolo di cittadini e futuri professionisti e, in molti casi, di ambassador tecnologici nel contesto familiare e accademico. La scelta di intervistare giovani universitari provenienti da percorsi differenti ci ha permesso di riflettere su target che presentano caratteristiche distinte per tipologia di studi e caratteristiche di apprendimento” afferma Claudio Di Mario, Founding Partner & CEO di Adl Consulting, società di consulenza strategica, public affairs e comunicazione istituzionale specializzata in attività di digital lobbying e advocacy. Ne L’era della democrazia digitale, una sfida per cittadini, imprese e politica, come scrivono gli autori nell’introduzione alla ricerca, si indaga come a fronte di un’innovazione digitale che ha cambiato quasi ogni aspetto della nostra vita privata, la democrazia e le sue pratiche (in primis in termini di legislazione e di governo) siano ancora fortemente ancorate al modello tradizionale della democrazia rappresentativa costituzionale classica; tuttavia, il potenziale innovativo della rivoluzione digitale ha già iniziato a cambiare fortemente la relazione tra istituzioni e cittadini (per esempio attraverso l’uso di piattaforme di partecipazione), così come la modalità in cui gli stessi cittadini, le imprese o i rappresentanti di interessi stanno ripensando il dialogo con i decisori pubblici (per esempio attraverso il cosiddetto digital lobbying).

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

61st American Society of Hematology Annual Meeting

Posted by fidest press agency su domenica, 17 novembre 2019

ALX Oncology, a clinical-stage immuno-oncology company developing therapies to block the CD47 checkpoint mechanism, today announced that ALX148 clinical results have been selected for presentation at the 61st ASH Annual Meeting & Exposition, December 7 – 10, 2019, Orange County Convention Center, Orlando, FL.“This year’s ASH meeting will be an opportunity to provide important clinical updates on our CD47 program in hematologic malignancies,” said Sophia Randolph M.D., Ph.D., Chief Medical Officer of ALX Oncology. “We are excited to share the first clinical efficacy data from the combination of ALX148 with rituximab, showing that ALX148 maximizes clinical activity with a best-in-class safety profile. We are committed to further development of this agent with the potential to transform standards-of-care for patients with cancer.”

Posted in Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Botticelli: “La Madonna della Loggia”

Posted by fidest press agency su sabato, 16 novembre 2019

MadonnaLoggiaBotticelliMuseo Statale Ermitage, San Pietroburgo dal 17 novembre al 16 febbraio 2020. Sarà esposta per la prima volta all’Ermitage di San Pietroburgo, inquadrandosi nella serie “Capolavori dei Musei del Mondo all’Ermitage”. L’esposizione dell’opera è stata l’evento centrale del programma culturale del V Eastern Economic Forum di Vladivostok e ora lo sarà anche del VIII Forum internazionale della Cultura di San Pietroburgo, unendo tutta l’Europa da Firenze a Vladivostok. Le diverse tappe della mostra, patrocinate e sostenute dall’Ambasciata d’Italia a Mosca, sono organizzate dalle Gallerie degli Uffizi, con la collaborazione delle diverse sedi ospitanti: il Museo Statale Ermitage e la Galleria Nazionale Primorye di Vladivostok, insieme con MondoMostre, e sono rese possibili grazie al sostegno di Sberbank. Su iniziativa del Partner Generale del progetto, Pao Sberbank, anche le persone non vedenti e ipovedenti avranno accesso al capolavoro: insieme all’opera originale sarà esposta una copia tattile del quadro con l’apposita audioguida.
Come afferma l’Ambasciatore d’Italia a Mosca, Pasquale Terracciano: “L’esposizione della Madonna della Loggia di Sandro Botticelli, in occasione della prima partecipazione dell’Italia al Forum economico orientale di Vladivostok, ha costituito una preziosa occasione per presentare la straordinaria bellezza dell’arte italiana nell’Estremo Oriente russo, dove in passato l’Ambasciata d’Italia a Mosca non aveva mai organizzato mostre con le eccellenze della nostra arte pittorica. L’opera, esposta a settembre alla Galleria Nazionale Primorye di Vladivostok, sarà dal prossimo 17 novembre al Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo, compiendo un suggestivo percorso ideale lungo tutto il territorio della Federazione. Si tratta quindi di un evento unico, dal grande valore simbolico, che risponde all’intento di portare la nostra cultura anche nelle regioni più distanti, rendendo la nostra arte più accessibile ai moltissimi amanti dell’Italia in tutta la Federazione”. La Madonna della Loggia sarà esposta nella sala di Leonardo da Vinci in assenza dei capolavori del Maestro. Nell’anno delle celebrazioni di Leonardo l’Ermitage ha infatti prestato ai musei italiani per delle mostre temporanee entrambi i capolavori di Leonardo – Madonna Benois e Madonna Litta. Nella collezione dell’Ermitage sono conservate due opere del tardo Botticelli San Geronimo e San Domenico. Il dipinto Madonna della Loggia appartiene alle sue opere giovanili. L’esile Madonna, assorta e pensosa, con il capo lievemente reclinato e gli occhi abbassati, stringe teneramente a sé il Bambino che le abbraccia il collo. Per tutta la vita Botticelli resterà il cantore della bellezza femminile, il paladino della Madonna – bionda, mesta, con i grandi occhi dolenti. Nelle sue creazioni echeggia sempre una nota lirica. Proprio nel dipinto degli Uffizi si possono rilevare gli elementi riscontrabili poi nelle opere più famose dell’artista: la dolcezza, lo straordinario senso del ritmo, l’espressività del tratto sottile, agile. L’armonia compositiva, che si avverte qui nel susseguirsi degli archi, è un’altra caratteristica dell’arte del maestro. Agili contorni delineano le figure dei personaggi, predominando sul modellato dei volumi. Fin dall’inizio lo stile di Botticelli è incline a un particolare decorativismo, che nel nostro caso si avverte nella resa del panneggio e dei nimbi. Per l’artista, in quanto esponente della scuola fiorentina, il colore non riveste un ruolo determinante, ma cede il passo al disegno. Il tradizionale accostamento di blu e rosso per le vesti di Maria ottiene un potente effetto di volumi e masse.
Botticelli segue la tipologia iconografica bizantina nota come «Madre di Dio Eleousa», o della «Tenerezza». E non è un caso: si tratta del tipo di raffigurazione mariana più intima e densa di sentimento fra tutte quelle esistenti. Nella pittura russa di icone l’esempio più fulgido di tale raffigurazione è la celebre «Madre di Dio di Vladimir».Insieme al dipinto di Botticelli, nella sala di Leonardo è esposta un’icona greca che appartiene alla stessa tipologia iconografica. L’Ermitage presenta per la prima volta l’icona «Madre di Dio Eleousa (della Tenerezza)», della seconda metà del XV secolo. La mostra ci parla, in tal modo, di due diverse linee di sviluppo della pittura, presentando due correnti parallele, la maniera greca e la maniera latina. Questi termini, che indicano icone dipinte secondo la maniera rigorosamente greca o quella latina moderna, apparvero nel XV secolo negli ambienti professionali di artisti e antiquari. L’icona dell’Ermitage è un chiaro esempio di maniera greca.I teologi bizantini vedevano nell’iconografia della «Madre di Dio Eleousa» l’immagine dell’Amore sconfinato, la prefigurazione del sacrificio della Croce di Gesù Cristo, in quanto suprema espressione dell’amore di Dio per gli uomini. Inoltre, il tema dell’amore tra madre e figlio incarnato nell’immagine dell’Eleousa era estremamente prossimo e comprensibile ai fedeli per il suo accento profondamente umano. Tutto ciò condusse a un’ampia diffusione delle icone appartenenti a questa iconografia nell’area bizantina, fino a giungere nell’Antica Rus’.
Da parte dell’Ermitage la mostra è curata da Tatiana Kustodieva e Zoya Kuptsova del dipartamento dell’arte figurativa occidentale dell’Ermitage. I saggi in catalogo sono a cura di Maria Sframeli, Daniela Parenti e Tatiana Kustodieva.
PAO Sberbank è la banca principale della Federazione Russa, una delle istituzioni finanziarie leader a livello internazionale. Sberbank conta oltre 97,8 milioni di clienti attivi in 21 paesi del mondo e possiede di un’ampia rete di filiali – oltre 15 mila punti di servizio in Russia. La banca, attenta allo sviluppo dell’arte sostiene annualmente i più grandi progetti espositivi della Federazione Russia, quali le mostre alla Galleria Tretyakov, al Museo Statale di Belli Arti “A.S.Pushkin”, all’Ermitage e altri musei. È inoltre attiva nella conservazione dei beni culturali ed ha sostenuto il restauro del dipinto Ivan il Terribile e suo figlio Ivan il 16 novembre 1581 di Ilya Repin. Negli ultimi anni, grazie alla collaborazione della banca, nei musei del paese sono stati presentati progetti di grande rilevanza come L’arte di conservare, che consente ai visitatori l’accesso gratuito alle mostre, nonché l’esposizione inclusiva To See the Unseen, mirata ai visitatori ipovedenti e non vedenti per far conoscere i capolavori dell’arte mondiale. Uno degli obiettivi principali della politica culturale di Sberbank è rendere l’arte accessibile a tutti. ( Foto madonna del Botticelli. Copyright:Gabinetto fotografico delle Gallerie degli Uffizi)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cortical.io Announces the First Application of Real-time Semantic Supercomputing

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 novembre 2019

 

Cortical.io, a leader in AI-based Natural Language Understanding (NLU) solutions, today announced the debut of a new class of high-performance enterprise applications based on “Semantic Supercomputing.” Semantic Supercomputing combines Cortical.io AI-based NLU software inspired by neuroscience with hardware acceleration to create new solutions to understand and process streams of natural language content at massive scale in real time.
The first application of Semantic Supercomputing, a Messaging Classification Appliance that can filter, classify and route streams of messages in real time by understanding the semantic content – the meaning and intent of the messages – was unveiled today at Xilinx Developer Forum (XDF) Europe keynote session at the Xilinx, Inc. developer conference held November 12-13 in The Hague. Building on the strategic relationship announced with Xilinx at last month’s at XDF Americas in San Jose, Cortical.io is developing this first of a series of FPGA-based appliances powered by Xilinx Alveo accelerator cards. Cortical.io also announced it is partnering with Supermicro (SMCI), a global leader in enterprise computing, storage, networking solutions and green computing technology, to deliver the email solution on a pre-loaded server. The appliance will enable enterprises to filter and route massive volumes of email messages in real time with high precision and recall based on the meaning of the message. The product will be available in Q1 2020.
Enterprise system administrators will be able to train the system and customize the filtering and routing based on a small number of sample emails. Once trained, the appliance works across multiple languages (English, Spanish, German, Portuguese, Cantonese, Arabic, French, Italian, Mandarin Chinese, Dutch).
The unique Cortical.io approach to NLU is inspired by the latest findings on the way the brain processes information. This approach provides advantages over traditional machine learning methods and helps businesses solve many open NLU challenges like meaning-based filtering of terabytes of unstructured text data, real-time topic detection in social media, or semantic search over millions of documents across languages.

Posted in Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conferenza Nazionale Confeuro 2019

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 novembre 2019

Roma, 21 novembre 2019 9.30-16.30 Hotel Holiday Inn, Viale Castello della Magliana, 65 Trasformare alla radice il sistema Italia affinché diventi davvero sostenibile. il settore primario è chiamato a giocare un ruolo determinante per realizzare il Green New Deal annunciato dal Governo. Occorrono per questo misure lungimiranti e adeguate. In un momento decisivo per la riforma della Politica Agricola Comune, giunta ormai al temine del periodo 2014-2020, la Conferenza nazionale Confeuro intende promuovere una discussione aperta sui temi chiave per il settore agroalimentare: dalla nuova Pac alle produzioni ecosostenibili; dall’Agenda 2030 per lo sviluppo al contrasto delle agromafie.Grazie agli interventi di esperti, rappresentanti di istituzioni e organizzazioni non governative internazionali, nel corso della Conferenza si cercherà di capire come l’agricoltura può contribuire alla riconversione verde del sistema economico, sociale e culturale per un vero Green New Deal. Nella convinzione che uno sviluppo duraturo si può ottenere soltanto garantendo un’agricoltura rispettosa della biodiversità e dell’ambiente.L’appuntamento si propone inoltre di offrire la prospettiva che nasce dal contatto diretto con il territorio, dando voce agli operatori che raccolgono esigenze e proposte di chi la terra la vive ogni giorno.La Conferenza sarà suddivisa in una sessione mattutina (9.30-13.30), dedicata agli interventi istituzionali, e in una sessione pomeridiana (15.00-16.30) organizzata in forma di talk.

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »