Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for the ‘Università/University’ Category

University

Stefano Allesina (University of Chicago) in visita all’Università di Parma

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 giugno 2019

Parma Venerdì 28 giugno Stefano Allesina, Direttore del programma di Dottorato in Ecologia e Biologia Evolutiva della University of Chicago, sarà in visita al Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale dell’Università di Parma. Alle 10.30 il prof. Allesina terrà il seminario “Predicting coexistence in experimental ecological communities”: l’appuntamento è nell’Aula 5 del Plesso di Biologia, al Campus Scienze e Tecnologie.Per il prof. Allesina si tratta di un ritorno, poiché la sua carriera scientifica ha mosso i primi passi proprio nell’allora Dipartimento di Scienze Ambientali dell’Università di Parma. Nato a Carpi nel 1976, Stefano Allesina si è laureato in Scienze Ambientali sotto la guida di Alessandro Zaccagnini, e ha poi conseguito il dottorato di ricerca in Ecologia lavorando su modelli matematici applicati all’ecologia, collaborando con il docente Antonio Bodini.Il prof. Allesina si è trasferito negli Stati Uniti dal 2004, dove ha svolto attività di ricerca prima alla University of Michigan, poi alla University of California a Santa Barbara. Dal 2009 lavora alla University of Chicago, dove nel 2014 è stato promosso a professore ordinario. Autore di più di 80 articoli scientifici e del libro “Computing Skills for Biologists” (con Madlen Wilmes, pubblicato da Princeton University Press nel 2019), è vice-direttore della rivista PLoS Computational Biology. Ha ricevuto il prestigioso CAREER Award dalla National Science Foundation nel 2012; nel 2018 è stato premiato come ricercatore dell’anno dalla divisione di biologia della University of Chicago.Nella sua ricerca si occupa di comunità ecologiche (gruppi di specie) ed ecosistemi, con spiccato interesse verso i meccanismi della coesistenza di specie, da sempre uno dei temi più rilevanti in ecologia con importantissimi sviluppi applicativi: basti pensare ai problemi posti dalla conservazione della biodiversità e al rischio di estinzioni massicce, di cui spesso si parla in questo periodo. I suoi contributi su questi temi sono notevoli, con soluzioni capaci di abbinare a una solida base quantitativa (matematico-statistica-ecologica) un’accentuata “creatività”. Ad esempio, per trovare la soluzione al problema della coesistenza di specie in competizione, che dai primi anni Settanta, da quando sir. Robert May se ne occupò, ha sempre perseguitato gli ecologi, il prof. Allesina si è ispirato al famoso gioco “Sasso, carta, forbice”. O ancora, nella ricerca delle specie che in un ecosistema sono importanti per la sopravvivenza delle altre (le cosiddette “specie chiave”), ha modificato, adattandolo alla realtà naturale e alle sue dinamiche, l’algoritmo “Page Rank” di Google, sfruttandone la capacità per selezionare le specie importanti in funzione dei legami (trofici) che puntano ad esse: un po’ lo stesso criterio con cui viene definita l’importanza dei siti web.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il professor Robson Capasso della Stanford University al Campus universitario di Forlì

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 giugno 2019

Forlì. Lunedì 24 giugno, dalle ore 15.00 alle ore 17.00, presso l’aula 13 del Teaching Hub del Campus Universitario Forlì, in via Corridoni 20, si terrà un incontro con Robson Capasso, Professore alla Stanford University School of Medicine, Department of Otolaryngology-Head & Neck Surgery, Faculty Fellow, Advisor, Byers Center for Biodesign.
L’incontro è organizzato dal Dipartimento Testa-Collo dell’Ausl Romagna, diretto dal prof. Claudio Vicini in collaborazione con il Campus di Forlì. Introdurranno l’incontro il prof. Claudio Vicini e il prof. Luca Mazzara, presidente del Campus di Forlì – Università degli Studi di Bologna.Il professor Capasso, esperto internazionale di apnee ostruttive del sonno, parlerà di “innovazione in medicina e del rapporto dell’Università di Stanford con le start-up della Silicon Valley nell’implementazione di nuove tecnologie in ambito di Healthcare Medicine”.
La formazione del prof. Capasso,ampia e davvero unica, include la scuola di medicina nel suo paese natale, il Brasile, e la formazione continua in Chirurgia Cervico-Facciale, Neuroscienze e Medicina del sonno negli Stati Uniti. Il dott. Capasso ha pubblicato numerosi capitoli di libri, articoli e documenti originali su riviste peer-reviewed. Il riconoscimento locale e internazionale del suo lavoro è spesso associato ad una delle sue attività: conferenze e scambi di conoscenza a livello nazionale e internazionale. È stato mentore o supervisore di centinaia di studenti di medicina, borsisti, o studiosi in visita da più di 35 paesi.Facendo parte del sistema salute-tecnologia nella Silicon Valley, è stato coinvolto come co-fondatore, consulente per start-up, aziende o investitori, in ruoli che includono l’identificazione e lo sviluppo di nuovi concetti, studi clinici, strutturazione, perfezionamento del piano aziendale.Capasso ha partecipato inoltre a diverse iniziative della Stanford Biodesign. Attualmente è docente di Global Biodesign e svolge attività di tutoraggio per gli studenti della San Francisco Bay Area, Giappone, Singapore, Hong Kong e Brasile.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Convegno Nazionale di Fisica Statistica e dei Sistemi Complessi

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 giugno 2019

Parma dal 24 al 26 giugno il XXIV Convegno Nazionale di Fisica Statistica e dei Sistemi Complessi, organizzato dal Dipartimento di Scienze Matematiche, Fisiche e Informatiche dell’Ateneo in collaborazione con il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Firenze, la Scuola IMT Alti Studi Lucca e l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN).Referente organizzativa per l’Università di Parma è Raffaella Burioni, docente di Fisica teorica.Il convegno sarà dedicato alle principali tematiche di interesse della Fisica statistica:
– Fisica statistica di equilibrio e non equilibrio
– Sistemi disordinati e sistemi complessi
– Transizioni di fase e fisica statistica dei sistemi quantistici
– Fisica statistica della materia soffice, attiva e biologica
– Machine Learning: teoria e applicazioni a Data Science
– Fisica statistica dei Networks
– Applicazioni interdisciplinari della fisica statistica.
Nella sessione pomeridiana del 25 giugno si svolgerà la prima Assemblea dei soci della Società Italiana di Fisica Statistica (SIFS), in cui si eleggeranno le cariche sociali previste dallo statuto. La partecipazione è gratuita.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Summer School: “La sfida umana nell’epoca della trasformazione digitale”

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 giugno 2019

Roma. La Summer School – Scuola estiva di Alta formazione culturale- promossa da Fondazione Prioritalia, congiuntamente con l’Istituto di Studi Superiori sulla Donna dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, nell’ambito del progetto Value@Work, offre l’opportunità di approfondire l’impatto dei paradigmi tecnologici e di meglio comprenderne la sfida umana, cercando di rispondere alle domande: “Come sta cambiando il lavoro da un punto di vista umano, etico, organizzativo ed economico con la trasformazione digitale? Quale il futuro del lavoro e il risvolto umano ed etico?”“L’istituto di Studi Superiori sulla Donna dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum – spiega la Direttrice Marta Rodriguez – ha investito molto, insieme al gruppo Value@Work (progetto dove sono presenti organizzazioni di rappresentanza datoriale, sindacale, imprese e professionisti) sulle evoluzioni del mondo del lavoro, cercando di mettere sempre la persona al centro e di cogliere i risvolti umani e etici di questi veloci e importanti cambiamenti, quasi una rivoluzione.L’idea è quella di aprire una scuola estiva di approfondimento, riflessione, scambio e formazione dove esperti e giovani si confrontano sulle nuove sfide dell’economia digitale, cercando di coglierne le criticità, i punti di forza e le opportunità. Si distruggerà o si creerà nuovo lavoro? E le competenze richieste quali sono e quali saranno? Nella spersonalizzazione del lavoro l’essere umano perde la sua forza, la sua identità e la sua eticità o può riacquistarla e valorizzarla? Saranno questi i quesiti che ci porremo e ci faremo aiutare da autorevoli studiosi per cercare le risposte”.“La generosità dei nostri partner permette di aprire in ottica inclusiva la Summer School – chiude la Direttrice – ci teniamo ad attrarre giovani studenti, ricercatori, dottorati o dottorandi italiani e stranieri interessati alla materia e con la voglia di approfondire, confrontarsi e innovare. Sarà per tutti noi una sfida“.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La morte di un giovane dentro La Sapienza diventa un caso politico

Posted by fidest press agency su domenica, 23 giugno 2019

Roma. “Tollerare l’illegalità significa anche questo. La morte terribile del giovane Francesco Ginese, il 26enne che scavalcando il cancello per partecipare a un rave abusivo dentro la Sapienza si è reciso l’arteria femorale, dimostra mancanza di controllo da parte del ministero dell’Interno che pure era stato allertato. Il rettore aveva più volte denunciato i ripetuti concerti non autorizzati organizzati da centri sociali che hanno trasformato la Sapienza nel loro auditorium a cielo aperto. Che cosa ha impedito alle forze di Polizia di intervenire per evitare che si ripetesse per l’ennesima volta questo appuntamento? Si tratta dell’Università più popolosa d’Europa che ogni giorno è frequentata da decine di migliaia di studenti, e luogo da sempre appetito ai centri sociali che ne fanno zona franca per le loro attività illegali e di negazione della vita e della democrazia. Sulla vicenda sono pronti un esposto alla Procura della Repubblica e un’interrogazione parlamentare a risposta immediata, chiediamo a Salvini di riferire alla Camera per dare spiegazione del tragico evento e del contesto nel quale si è consumato”.
È quanto dichiara il vicepresidente della Camera dei Deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo programma accademico d’italiano alla Morgan State University

Posted by fidest press agency su domenica, 23 giugno 2019

“Esprimo soddisfazione per creazione di un nuovo programma accademico d’italiano alla Morgan State University , una delle più grandi università statali dello Stato del Maryland (USA) e tra le più grandi università di denominazione Historically Black Colleges and Universities (HBCU) degli Stati Uniti. Questo nuovo programma d’italiano è stato messo a punto dal prof. Applauso con il sostegno della facoltà di World Languages and International Studies lo scorso autunno.Si tratta di un evento storico, nell’ambito dell’insegnamento della lingua italiana in USA, poiché è l’unico corso di italiano in programma presso un Historically Black College and University (HBCU), in tutti gli Stati Uniti.Pertanto mi congratulo con il Prof. Nicolino Applauso, ricercatore e storico di italianistica, che con professionalità ed impegno è riuscito a realizzare tale programma accademico: un punto di riferimento per la promozione della lingua italiana in USA!”
Lo ha dichiarato l’on. Fucsia Nissoli Fitzgerald, eletta nella Circoscrizione estero – Ripartizione Nord e Centro America.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Professioni del futuro: da Statale e Politecnico in arrivo il “genome data scientist”

Posted by fidest press agency su domenica, 23 giugno 2019

L’Università degli Studi di Milano e il Politecnico di Milano lanciano a partire dal prossimo anno accademico il corso di Laurea Magistrale in Bioinformatics for Computational Genomics, due anni di studio interamente in inglese per fornire avanzate competenze informatiche e ingegneristiche finalizzate all’organizzazione e all’analisi di dati genomici ottenuti attraverso lo studio della biologia cellulare, molecolare, genetica e biochimica.L’introduzione di nuove tecnologie di analisi genomica ed epigenomica, tra le quali spicca il sequenziamento di nuova generazione (NGS), ha infatti rivoluzionato le metodologie di analisi in tutti gli ambiti delle scienze della vita, aprendo ai ricercatori possibilità inimmaginabili fino a pochi anni fa. Grazie a queste tecnologie è possibile ottenere una enorme mole di dati molecolari, la cui gestione e analisi è una delle più grandi sfide nell’ambito big data che l’umanità abbia mai affrontato, di fondamentale importanza per rispondere a domande biologiche di crescente complessità e per comprendere i processi fondamentali alla base della vita, sia in condizioni normali sia patologiche.
“I laureati saranno in grado di affrontare autonomamente le problematiche derivanti dalle moderne scienze biomolecolari quali genomica, trascrittomica, epigenomica e biologia dei sistemi”, spiega Giulio Pavesi, docente di Bioinformatica al Dipartimento di Bioscienze dell’Università Statale e coordinatore del corso. “Una figura professionale di questo tipo è già attualmente molto richiesta nell’ambito della ricerca pubblica, privata, di base e applicata, e i nuovi laureati potranno soddisfare la domanda crescente prevista per i prossimi anni, anche alla luce delle realtà che saranno sviluppate nell’area di Milano, prima tra tutte lo Human Technopole”, conclude Pavesi.“Il Corso di Laurea Magistrale è aperto sia a laureati in discipline computazionali, tra cui i laureati triennali in Ingegneria, sia a laureati in discipline biologiche e biotecnologiche, con un primo semestre diversificato” spiega Marco Masseroli, docente di Bioinformatica del Politecnico di Milano. “Sarà il primo in Italia e uno dei pochissimi in Europa e nel mondo a formare ‘data scientists’ con un profilo realmente multidisciplinare, sempre più richiesti nel mondo del lavoro. Saranno capaci di utilizzare al meglio le più avanzate tecnologie dell’informazione e del ‘machine learning’ per gestire e analizzare i ‘big data’ prodotti dalle moderne biotecnologie. Potranno, tra l’altro, contribuire alla medicina di precisione, ovvero alla determinazione di trattamenti individualizzati in base al profilo genetico dei pazienti”.Ha commentato il Rettore della Statale Elio Franzini: “Questa laurea magistrale rappresenta molto felicemente quanto la strada della collaborazione tra discipline e competenze specialistiche di alto livello ma fino a pochi anni fa considerate lontanissime tra loro, sia preziosa per rispondere alle sfide del futuro, in uno scenario scientifico, medico e sociale in rapidissima evoluzione. In questo senso la partnership tra Università Statale e Politecnico di Milano segna un traguardo di grande rilievo, per i nostri studenti e per la nostra città.” “Non c’è dubbio che lo studio del genoma sia tra le più grandi scommesse di tutti i tempi. – aggiunge Ferruccio Resta, Rettore del Politecnico di Milano – L’uso dei big data e delle tecniche di machine learning consentono infatti un’importante accelerazione che, tuttavia, dobbiamo sapere gestire. Un’ampia quantità di informazioni non è necessariamente sinonimo di un vantaggio o di una risposta funzionale ai problemi. Per questo abbiamo bisogno di unire competenze diverse: quella del biologo, che traccia la direzione, e quelle dell’ingegnere, che conosce a fondo le tecniche computazionali. È solo adottando un approccio interdisciplinare che possiamo rispondere a domande di crescente complessità. Ed è per questo che il Politecnico di Milano e l’Università degli Studi di Milano hanno deciso di fare squadra, di unire le proprie eccellenze, di rivolgere lo sguardo in avanti ai bisogni della ricerca e alle richieste del mercato.”
Le lezioni si svolgeranno in Statale presso Città Studi e al Politecnico in piazza Leonardo da Vinci. Per l’anno 2019/2020 sono disponibili 50 posti (oltre ad altri 10 riservati a cittadini extra UE). Le domande di ammissione vanno presentate entro il 10 luglio, mentre la prova di ammissione si svolgerà il 16 luglio. Tutte le informazioni sono contenute nel bando e nel sito dedicato.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Università di Parma entra nella QS World University Rankings

Posted by fidest press agency su sabato, 22 giugno 2019

E’ la prestigiosa classifica che mette in fila gli atenei di tutto il mondo. Nell’edizione 2020, appena pubblicata sul sito QS Top Universities, Parma è una delle quattro “new entry” italiane, insieme a Udine, a Salerno e al Politecnico di Bari.L’Università di Parma si colloca al 33° posto tra gli Atenei italiani nella classifica generale, e nel mondo nella fascia 801-1000.Particolarmente significativo il risultato di Parma a proposito dell’indicatore “Citations per faculty”, che misura l’impatto della ricerca prodotta: in quest’ambito Parma è nella top 20 Italiana, e al 338° posto al mondo. Un risultato da sottolineare, e che testimonia l’alto livello della ricerca dell’Università di Parma: basti pensare ai numerosi studi internazionali, negli ambiti più diversi, nei quali l’Ateneo guida partnership di assoluto prestigio.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Antonino Fiumara chiude Note in Biblioteca della Iuc

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 giugno 2019

Roma venerdì 21 giugno 2019 alle 20.30 nella Biblioteca Villa Leopardi (via Makallé s.n.c., Il pianista Antonino Fiumara sarà il protagonista di questo incontro musicale, con la guida all’ascolto di Francesca Piccone, laureanda del corso magistrale in Musicologia della Sapienza. “Note in biblioteca” è organizzato dalla IUC – Istituzione Universitaria dei Concerti in collaborazione con Biblioteche di Roma.
Nato nel 1993, Antonino Fiumara è vincitore del Premio Abbado 2015 ed è stato premiato in vari concorsi nazionali. È artista in residenza della Società dei Concerti di Milano per la stagione 2018/2019. Sia come solista che come membro di gruppi da camera – tra cui il Quartetto Werther, di cui è fondatore – si è esibito per importanti enti musicali italiani ed europei come Unione Musicale di Torino, Società dei Concerti di Milano, Accademia Filarmonica Romana, Teatro La Fenice di Venezia, Maggio Musicale Fiorentino, Amici della Musica di Padova, Festival Pontino di Musica.Il programma scelto da Fiumara ruota interno al valzer, o piuttosto intorno a elaborazioni per il teatro e la sala da concerto di quelle musiche al cui ritmo ballava l‘intera Europa, dagli imperatori alla gente del popolo. Dopo il Valzer dell’opera “Faust” di Charles Gounod, nella geniale e virtuosistica elaborazione per pianoforte di Franz Liszt, si ascolterà “Soirée de Vienne”, ovvero “Serata di Vienna”: è un brano molto celebre, ma oggi pochi si ricordano del suo autore, Alfred Grünfeld, che la scrisse come omaggio alla città del valzer e a Johann Strauss. La stessa volontà di scrivere “una sorta di omaggio alla memoria del grande Strauss” spinse Maurice Ravel a comporre nel 1920 “La Valse”, uno dei suoi brani più famosi. Egli stesso descrisse quel suo “poema coreografico” con queste parole: «Nubi tempestose lasciano intravedere, a sprazzi, delle coppie che danzano il valzer: quando lentamente si diradano, si distingue un’immensa sala popolata da una folla volteggiante. La scena s’illumina progressivamente, finché, raggiunto il fortissimo, si accendono i grandi lampadari. La scena si svolge alla corte imperiale, verso il 1855». Non si immaginerebbe di trovare un valzer anche nella “Sonata n. 6 op. 82” di Sergej Prokof’ev. Fu composta nel 1939-1940 e per questo viene talvolta definita “Sonata di guerra”, ma non è sempre inquieta e drammatica come questa definizione potrebbe far pensare: il terzo movimento è infatti un valzer, ma lentissimo, senza la gioia di vivere del valzer viennese.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Luigi Allegri conferito il titolo di Professore Onorario

Posted by fidest press agency su domenica, 16 giugno 2019

Parma Il prof. Luigi Allegri, già docente ordinario dell’Università di Parma, è stato insignito del titolo di Professore onorario, con decreto del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti.L’onorificenza conferita al prof. Luigi Allegri, proposta dal Consiglio del Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali dell’Università di Parma, riconosce l’eccellenza dell’attività scientifica e accademica svolta ed è motivo di orgoglio per l’Ateneo.Il titolo di professore onorario è attribuito a docenti che hanno svolto almeno quindici anni di attività nell’Università nel ruolo di professori ordinari e che si sono distinti per aver contribuito in maniera particolarmente rilevante ed incisiva, con attività di ricerca di eccellenza, allo sviluppo del sapere e della conoscenza.Luigi Allegri è stato docente di Storia del teatro e dello spettacolo all’Università di Parma fino all’ottobre 2018. È stato Direttore di Master sullo spettacolo e sullo sport, Presidente di Corso di Laurea, Direttore di Dipartimento, membro del Senato Accademico, Presidente del Centro Studi e Archivio della comunicazione – CSAC e Delegato del Rettore in più occasioni. Ha fondato e diretto sino ad ora il Centro per le attività e le professioni delle arti e dello spettacolo – CAPAS e ha contribuito a fondare il nuovo Corso di Laurea in Comunicazione e media contemporanei per le industrie creative. Ha inoltre svolto attività didattica presso varie Università e centri di ricerca stranieri, tra cui l’Université de Paris III Sorbonne Nouvelle, l’Institut del Teatre de Barcellona e la Escuela Nacional de Teatro di Città del Messico.Per il periodo 1992-1995 è stato Presidente dell’Associazione che riunisce gli studiosi di teatro medievale di tutto il mondo, la Société Internazionale pour l’étude du Théâtre Médiéval – SITM. Dal giugno 1994 al giugno 1998 è stato Assessore alla Cultura del Comune di Parma. È stato membro dei Consigli di Amministrazione di Ater e della Fondazione Toscanini. Per il periodo 2004-2007 è stato Presidente della Consulta Universitaria Teatrale, l’Associazione dei docenti universitari italiani di discipline teatrali. Dal 2012 al 2015 è stato Presidente del Comitato Scientifico della Fondazione Umberto Artioli – Mantova Capitale Europea dello Spettacolo di Mantova. Dal settembre 2018 è Presidente della Fondazione Paese di Don Camillo e Peppone di Brescello.È membro del Comitato di direzione della rivista Il Castello di Elsinore. Dirige la serie “Nel laboratorio del teatro” e condirige la serie “Istituzioni dello spettacolo”, entrambe per l’Editore Laterza. Ha scritto numerosi saggi e volumi sul teatro medievale, il Teatro di Figura, la teoria e la storia dell’attore, la drammaturgia contemporanea, la teoria del teatro. Recentemente ha curato il volume Storia del teatro per Carocci.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tecnologia Ising

Posted by fidest press agency su domenica, 16 giugno 2019

Il team di ricerca del Dipartimento di Fisica della Sapienza e dell’Istituto dei Sistemi complessi del Cnr, costituito da Davide Pierangeli e Giulia Marcucci e coordinato da Claudio Conti, ha progettato e realizzato sperimentalmente la più grande macchina di Ising mai dimostrata prima. Il risultato, pubblicato sulla rivista Physical Review Letters, apre importanti prospettive per lo sviluppo di tecnologie future. I ricercatori hanno implementato nei laboratori di fotonica della Sapienza il primo dispositivo con un numero di spin potenzialmente illimitato: sono riusciti a codificare e processare decine di migliaia di variabili, utilizzando fasci ottici modulati spazialmente da display attivi. Il nuovo prototipo ottico si basa infatti sulla tecnologia dei display ad alta risoluzione e potrebbe permettere di affrontare problemi di ottimizzazione considerati come computazionalmente intrattabili, per esempio quello della determinazione della struttura proteica a partire dalla sequenza amminoacidica, della generazione di bit-coin o di password sicure.Il risultato apre importanti prospettive per lo sviluppo di tecnologie applicabili a numerosi ambiti disciplinari: dal sequenziamento genico, alla generazione di bit-coin e password sicure. Lo studio, condotto da un gruppo di ricerca del Dipartimento di Fisica della Sapienza e dell’Istituto dei Sistemi complessi del Cnr, è pubblicato sulla rivista Physical Review LettersTrovare il tragitto più corto che collega molte città, confrontando i numerosi e diversi percorsi, è un compito che diventa sempre più arduo al crescere del numero di città da visitare. Calcoli di ottimizzazione combinatoria, simili a questo, sono molto frequenti nella quotidianità, nella scienza e nell’ingegneria, ma sono difficilmente trattabili su larga scala dai computer tradizionali.Lo sviluppo di nuovi sistemi hardware che possano risolvere efficacemente complesse ottimizzazioni è una delle sfide della scienza moderna. Una direzione promettente è quella di codificare tali problemi in modelli di Ising, modelli fisico-matematici definiti da un insieme finito di variabili (spin), che possano essere risolti da specifici processori ottici, definite macchine di Ising. Queste macchine di calcolo codificano lo stato delle variabili e le loro connessioni nell’ampiezza e nella fase del campo elettromagnetico. Elaborando i dati alla velocità della luce attraverso diversi canali spaziali e di frequenze, promettono di essere estremamente più rapide di quelle elettroniche.
Lo studio, che dimostra un nuovo schema computazionale su grande scala, porta le macchine di Ising vicine alla risoluzione di problemi di ottimizzazione fondamentali per lo sviluppo economico e sociale e per la sua sostenibilità. Le sue applicazioni spaziano dalla realizzazione di processori ottici ultraveloci a dispositivi fotonici per l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le università italiane più presenti sui media

Posted by fidest press agency su sabato, 15 giugno 2019

“Politecnico di Milano” (3.005 citazioni), “La Sapienza” di Roma (2.221) e “Alma Mater” di Bologna (2.187) sono le università italiane di cui più si è parlato sui mezzi di informazione italiani nell’ultimo mese. A mettere in evidenza questi dati è il monitoraggio svolto da Mediamonitor.it su oltre 1.500 fonti d’informazione fra carta stampata (quotidiani nazionali, locali e periodici), siti di quotidiani, principali radio, tv e blog, utilizzando tecnologia e soluzioni sviluppate da Cedat 85, azienda attiva da oltre 30 anni nella fornitura dei contenuti provenienti dal parlato.
A spingere sui media il Politecnico di Milano ha contribuito il posizionamento della sua School of Management tra le migliori 80 al mondo, mentre de “La Sapienza” di Roma si è parlato molto per l’incontro organizzato con l’ex sindaco di Riace Mimmo Lucano, che un gruppo di sostenitori di Forza Nuova ha cercato di impedire.Nella top five delle università più presenti sui media c’è anche la “Federico II” di Napoli che nell’ultimo mese, secondo quanto rilevato da Mediamonitor.it, ha raccolto 1423 menzioni sui mezzi di informazione, circa il doppio rispetto alla Bocconi di Milano (885) che di recente ha ospitato la finale dei Campionati Internazionali di Giochi Matematici.
Al sesto posto della classifica elaborata da Mediamonitor.it c’è il Politecnico di Torino (708 citazioni), che ha avviato una collaborazione scientifica con il CNR per contrastare i cambiamenti climatici. A seguire la LUISS di Roma (546), dove durante un incontro il ministro Tria ha ribadito la necessità di investire nel capitale umano e sociale per “non amplificare la società della rabbia”.Completano la top ten degli istituti universitari più menzionati sui mezzi di informazione l’Università della Calabria (513 citazioni), l’Università “La Statale” di Milano (403) e l’Università Politecnica delle Marche (396).

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ancora importanti finanziamenti europei per la ricerca Unicam

Posted by fidest press agency su sabato, 15 giugno 2019

Due progetti di ricerca che vedono coinvolta nel partenariato anche l’Università di Camerino, in particolare l’unità di ricerca coordinata dalla prof.ssa Piera Di Martino della Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute, hanno ottenuto un importante finanziamento nell’ambito del primo pillar di Horizon2020 (Excellent Science), programma operativo Azioni MARIE SKŁODOWSKA-CURIE.Il programma finanzia progetti per la ricerca scientifica, la formazione di giovani ricercatori e la loro mobilità. Obiettivo delle azioni Marie Skłodowska-Curie è infatti quella di assicurare una formazione eccellente e innovativa alla ricerca e interessanti opportunità di carriera e di scambio di conoscenze attraverso la cooperazione transfrontaliera e la mobilità intersettoriale dei ricercatori.Il risultato ottenuto è ancora più eccezionale se si analizzano i numeri relativi al bando in oggetto: 1565 proposte presentate a livello europeo alla data della scadenza del bando, e cioè gennaio 2019, di cui solo 128 (8,17%) proposte finanziate (103 progetti in cui partecipano partner italiani). Nel complesso sono 1389 le organizzazioni coinvolte in 56 paesi diversi, con un budget totale di 470 milioni di euro; 1800 i dottorandi e giovani ricercatori che avranno l’opportunità di completare la loro formazione dottorale all’estero. I due progetti finanziati, della durata di 48 mesi ognuno, sono “Active Monitoring of Cancer As An Alternative To Surgery (CAST)” e “Novel Applications in 19F Magnetic Resonance Imaging (NOVA – MRI)”, vedono coinvolte 24 istituzioni di diversi Paesi europei ed hanno ottenuto un finanziamento complessivo di poco oltre gli 8 milioni di euro, di cui 523.000 euro vanno ad Unicam.“Con il primo progetto – ha sottolineato la prof.ssa Piera di Martino – svilupperemo delle nanoparticelle composte da biopolimeri biodegradabili capaci di “attaccare” il tumore solido con una elevata specificità, potenziando quindi l’azione di farmaci antitumorali immunoterapici, riducendo la loro tossicità e migliorando la vita del paziente sottoposto ad immunoterapia. Obiettivo del secondo progetto è invece di sviluppare sistemi diagnostici capaci di individuare in maniera precoce la formazione di tumori solidi, così da consentire una tempestiva azione antitumorale personalizzata per ogni singolo paziente.
Tra i partner europei che contribuiranno allo sviluppo dei due progetti e che lavoreranno in sinergia con Unicam ricordiamo il Leiden University Medical Center, le Università di Liverpool, Manchester, Cambridge, Edimburgh, e Duesseldorf, e alcuni partner privati che sono coinvolti nel trasferimento tecnologico delle tecnologie che verranno sviluppate durante il progetto.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Le ipersonnie di origine centrale: fisiopatologia, clinica, diagnosi e terapia”

Posted by fidest press agency su sabato, 15 giugno 2019

Parma Mercoledì 19 giugno, dalle ore 14.30 alle ore 17.30, nell’Aula 5 delle Aule Nuove del Plesso Ospedaliero-Universitario di via Gramsci, si terrà il convegno-corso di formazione “Le ipersonnie di origine centrale: fisiopatologia, clinica, diagnosi e terapia”. Tra i relatori, per l’Università di Parma, interverranno il prof. Liborio Parrino e il dott. Christian Franceschini. Il corso di formazione è aperto anche a professionisti non dipendenti del Servizio Sanitario dell’Emilia-Romagna. Sono stati richiesti 3 crediti ECM per medico-chirurgo e tutte le professioni sanitarie e psicologiche.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Partecipazione al Corso IDEA

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 giugno 2019

Parma. Scade il prossimo mercoledì 17 luglio il termine per i docenti delle scuole superiori per presentare domanda di partecipazione al Corso IDEA (corso di aggiornamento-formazione teorico e pratico di Matematica, Fisica, Chimica, Economia e Informatica) per l’a.a. 2019-20.È infatti attiva anche per il prossimo anno accademico la Convenzione tra l’Università di Parma e l’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna (Ambiti Territoriali di Parma, Piacenza e Reggio Emilia) per la realizzazione di un corso di aggiornamento-formazione teorico e pratico rivolto ai docenti delle scuole secondarie superiori di Matematica (43 posti), Fisica (13 posti), Chimica (7 posti), Informatica (1 posto) ed Economia (1 posto).Le domande devono pervenire entro mercoledì 17 luglio al Dipartimento di Scienze Matematiche, Fisiche e Informatiche dell’Università di Parma.
Il progetto IDEA nasce nel 1998. Nei suoi diciannove anni di attività ha permesso a numerosi docenti delle scuole superiori delle province di Parma, Reggio Emilia e Piacenza di partecipare alla didattica universitaria, effettuando un consistente e motivante aggiornamento professionale. D’altra parte, ha offerto agli studenti del primo anno dell’Ateneo di Parma la fruizione di esercitazioni di matematica, fisica, chimica, disegno, informatica ed economia.Tutte le informazioni e il fac-simile della domanda sono reperibili sulla pagina web del progetto IDEA (https://smfi.unipr.it/it/progetto-idea).

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Monitoraggio e diagnostica strutturale applicata ai ponti

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 giugno 2019

Torino. Ingegneri progettisti e ingegneri incaricati della direzione dei lavori, esperti di infrastrutture stradali e ferroviarie e amministratori locali a confronto sul monitoraggio e la diagnostica strutturale applicata ai ponti: è accaduto oggi nell’Aula Magna del Politecnico di Torino, che ha ospitato un convegno su di un tema molto sentito dall’opinione pubblica: la sicurezza delle infrastrutture stradali e le garanzie che un adeguato monitoraggio di tali infrastrutture può offrire all’utenza e agli Enti proprietari delle strade. L’iniziativa del Politecnico, del Centro Interdipartimentale per la Sicurezza di Infrastrutture e Costruzioni SISCON e dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Torino era patrocinata dalla Città Metropolitana di Torino, che ha partecipato con un saluto istituzionale affidato al Consigliere delegato ai lavori pubblici e infrastrutture, Antonino Iaria. “Il nostro Ente di area vasta non è certamente all’anno zero in tema di monitoraggio dei ponti. – ha sottolineato il Consigliere Iaria – Un centinaio dei mille ponti che sono presenti negli oltre 3.000 Km della rete stradale di nostra competenza ha unaluce superiore ai 90 metri. (con il temine “luce” nelle costruzioni civili si identifica la dimensione maggiore degli elementi strutturali portanti orizzontali, o leggermente inclinati – Nd.R.) Stiamo investendo risorse nella progettazione di nuove opere e nella diagnosi visiva e strumentale delle infrastrutture esistenti, utilizzando anche nuove tecnologie come i droni. Investiamo sulla professionalità dei nostri tecnici, con corsi di formazione e momenti di approfondimento. Con il Politecnico abbiamo in corso di attuazione un protocollo d’intesa per la valutazione statica e sismica di manufatti realizzati alcuni decenni orsono, come il cavalcavia di corso Grosseto a Torino”.
La giornata di studio e approfondimento tecnico è stata organizzata per porre a confronto le esperienze americane e italiane in tema di procedimenti operativi per il controllo e la diagnostica delle opere d’arte. La riflessione si è soffermata su come si è operato sinora e su come procedere in futuro, riqualificando e valorizzando le competenze tecniche di diversi soggetti professionali e istituzionali e facendole dialogare sempre più tra di loro.È un tema che interessa soprattutto le pubbliche amministrazioni che realizzano e gestiscono opere infrastrutturali e hanno la responsabilità della qualità della progettazione ed esecuzione dei lavori, del monitoraggio, della manutenzione delle opere esistenti e del loro miglioramento dal punto di vista statico e sismico. Nel convegno si è parlato di una prevenzione da attuare in fasi successive e della modulazione degli interventi in base alla disponibilità di risorse.Come ha sottolineato il professor Francesco Bellino, docente al Politecnico di Torino, un corretto monitoraggio può allungare la vita tecnica delle strutture, perché la manutenzione ordinaria non è sufficiente a rallentare il degrado delle infrastrutture. Occorre investire nella formazione e nell’aggiornamento dei tecnici, perché non basta posizionare sensori sui ponti: occorre sapere dove e come usarli e come elaborare ed interpretare i dati raccolti. L’ingegner Bruno Ifrigerio, coordinatore della Commissione strutture dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Torino, ha ricordato a sua volta che il Ministero delle Infrastrutture ha dato vita ad un gruppo di lavoro che elaborerà linee guida per il monitoraggio dei ponti. L’elaborazione di procedure standard non potrà però escludere una certa discrezionalità, affidata alla sensibilità dei tecnici.

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione del volume: “Sostenibilità e Capability Approach”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 giugno 2019

Roma Mercoledì 26 giugno 2019, dalle ore 15:30 alle ore 18:00, presso l’aula C. Volpi del Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi Roma TRE, sita in via del Castro Pretorio 20 la Prof.ssa Giuditta Alessandrini presenterà il volume “Sostenibilità e Capability Approach” pubblicato nella Collana di “Pedagogia del Lavoro” della casa editrice FrancoAngeli (Milano, 2019). E’ necessario iscriversi previa prenotazione.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nasce l’Executive Master Operations & Supply Chain Management di CUOA Business School

Posted by fidest press agency su martedì, 11 giugno 2019

Altavilla Vicentina (VI) CUOA Business School, da oltre 60 anni all’avanguardia nell’interpretare le esigenze di formazione delle imprese grandi e piccole, integra la propria offerta formativa con un nuovo executive master. In partenza il prossimo 20 settembre, l’Executive Master Operations & Supply Chain Management è rivolto a manager, responsabili di funzione e professionisti, che vogliono apprendere le strategie necessarie per rendere efficace la gestione della catena di costruzione del valore verso il cliente finale.
La globalizzazione non implica solo che i mercati di vendita siano sempre più internazionali, ma soprattutto che lo diventino i mercati di fornitura. La competitività va necessariamente cercata, quindi, a livello di global supply network. A ciò si deve aggiungere l’elemento della trasformazione digitale che agisce in tutti i processi coinvolti e che impatta sulle diverse strategie di produzione messe in atto dalle aziende del supply network.Il percorso proposto da CUOA è modulare, con il corso JobLeader Operations & Supply Chain Management, che ne costituisce asse portante, e prevede oltre 300 ore di attività d’aula. I percorsi specialistici, tra i quali i partecipanti potranno scegliere sulla base delle proprie esigenze, sono tre: Procurement, Supply Chain Planning & Control, Lean Transformation, e sono sempre integrati con un modulo dedicato allo sviluppo di soft skills.Fattori distintivi del master sono la centralità di metodi didattici esperienziali, quali visite aziendali, testimonianze di professionisti e manager, e l’utilizzo di una Faculty eterogenea, composta da docenti universitari, formatori esperti, manager, consulenti, che assicura concretezza e aderenza alle reali esigenze delle aziende e rappresenta un canale preferenziale per l’aggiornamento professionale dei partecipanti. Inoltre, ogni partecipante sarà seguito singolarmente da un coach durante il percorso. Le selezioni sono aperte fino al 13 settembre 2019.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Convegno Retail Design

Posted by fidest press agency su martedì, 11 giugno 2019

Roma giovedì 13 giugno al Plesso Aule delle Scienze del Campus Scienze e Tecnologie dell’Università di Parma, nel convegno Retail Design: Le dimensioni fisiche nell’era digitale, organizzato da RetaiLab con il Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali e con il patrocinio della Società Italiana di Marketing.Nel corso dell’appuntamento, che si aprirà alle 9.30 e sarà caratterizzato dalla presenza di diversi docenti dell’Università di Parma in veste di relatori (Silvia Bellini, Guido Cristini, Beatrice Luceri, Maria Grazia Cardinali, Davide Pellegrini, Edoardo Sabbadin, Tania Vergura, Cristina Ziliani del Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali), ci si confronterà su come l’architettura, il layout, i servizi, le persone e il packaging siano elementi fondamentali per influenzare la shopping experience.RetaiLab, laboratorio di ricerca nato dalla pluriennale esperienza dei ricercatori di marketing dell’Università di Parma, intende offrire un’occasione di confronto tra la comunità scientifica e la business community sui temi di frontiera che riguardano la relazione tra l’industria di marca e la distribuzione moderna: branding, neuromarketing, nutrition shopper marketing, digital law, retail design innovation e omnichannel retailing. https://www.retail-lab.it/workshop-2019/
Programma:
9.30 Welcome coffee e registrazione dei partecipanti
10.00 Saluti di apertura Gaetano Aiello, Accademia Italiana di Economia Aziendale
10.10 Presentazione di RetaiLAB e delle attività sviluppate Cristina Ziliani e Davide Pellegrini, Università di Parma
10.25 Introduzione ai temi dell’incontro e moderazione degli interventi Luigi Rubinelli, Retailwatch.it
10.30 Il punto vendita del futuro: costruire relazioni e valore con il design thinking
Sigurdur Thorsteinsson, Design Group Italia
10.50 Pack design: da emozioni a scelte di acquistoBeatrice Luceri e Tania Vergura, Università di Parma Discussant: Federico Casotto, Design Group Italia
11.30 La differenziazione d’Insegna attraverso i reparti del fresco: la comunicazione di packaging Guido Cristini e Silvia Bellini, Università di Parma Discussant: Vittorio Brinati, Esselunga, Francesco Mandolini, Esselunga
12.20 La Blockchain: uno strumento per rifondare la fiducia nei mercati Andrea Ausili, Gs1
12.45 Traiettorie evolutive del punto vendita: la dimensione della sostenibilitàDialogo tra Mariagrazia Cardinali, Università di Parma, e Chiara Faenza, Coop Italia
13.20 Considerazioni conclusive e lancio ricerca 2020 Edoardo Sabbadin, Università di Parma

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Seminario “Mediterraneo del futuro e le nuove vie della seta”

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 giugno 2019

Il prossimo 13 Giugno a Reggio Calabria, dalle 15 alle 19, presso l’Università eCampus (via Cavour 12) si terrà il seminario sul tema “”Mediterraneo del futuro e le nuove vie della seta”.Il seminario, organizzato dall’Università eCampus, è patrocinato dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Reggio Calabria, dall’Ordine degli Architetti pianificatori, paesaggisti, conservatori della Provincia di Reggio Calabria, dal Collegio Provinciale Geometri e Geometri laureati di Reggio Calabria e dal Comitato per la Macroregione Mediterranea Centro Occidentale (C-MMCO).
Il convegno è accreditato presso l’Ordine degli Ingegneri, l’Ordine degli Architetti P.P.C. ed il Collegio dei geometri di Reggio Calabria e verranno rilasciati i crediti formativi professionali.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »