Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 29 n° 175

Cefalee croniche con abuso di farmaci e controllo dei maker dello stress

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

stresaStresa. Fra le relazioni conclusive del congresso di Stresa terminato ieri, quella del professor Frank Andrasik dell’Università di Memphis sulla correlazione anatomica fra emozioni e dolore è certamente degna di nota per la sua originalità.Partendo dagli studi di Nancy Eisenberg dell’Arizona State University, Andrasik ha indicato come già il semplice rifiuto sociale sia letteralmente in grado di attivare le vie nervose del dolore e ha confermato che, sotto la guida del medico, le pratiche di mindulness, il cosiddetto vuoto mentale, hanno un’efficacia comparabile ai farmaci convenzionali che talora può essere addirittura superiore perché la mente comanda sul dolore e non è il dolore che comanda sulla mente.
Se si riesce a svuotarla come gli yoghi, si tacita anche il dolore, perché i circuiti nervosi sono gli stessi.
Il segreto potrebbe risiedere nella capacità di ridurre i marker dello stress che sono coinvolti nei meccanismi di scatenamento del dolore.
Le prime avvisaglie di questo tipo di effetto erano emerse a settembre all’ultimo congresso dell’American Academy of Neurology di Vancouver da uno studio presentato in collaborazione con Licia Grazzi del Centro Cefalee del Besta di Milano secondo cui nell’emicrania cronica le tecniche di mindfulness, cioè di vuoto mentale hanno un’efficacia pari a quella dei farmaci comunemente impiegati per la prevenzione degli attacchi in situazione di abuso. Queste tecniche stanno sempre più emergendo nel trattamento del dolore, ma fino allo studio della Grazzi non erano mai state provate nell’emicrania e in quella cronica in particolare. Nell’arco di sei settimane il miglioramento nel numero mensile di giorni con mal di testa era del 45,2% in chi praticava la mindfulness e del 41,8 in chi usava i farmaci.
Confrontando il ricorso mensile ai farmaci, si osservava uno scarto del 13,4% a sfavore dei farmaci: nei pazienti che praticavano la mindfulness scendeva al 38,3%, mentre negli altri restava al 51,7%. Inizialmente i pazienti studiati avevano in media mal di testa per 20 giorni al mese e usavano farmaci praticamente tutti i giorni.
Dopo aver sospeso per 5 giorni le loro usuali terapie in regime di day hospital, i pazienti sono stati sottoposti a un training di mindfulness con sessioni settimanali di 45 minuti, ricevendo le istruzioni per poi praticarlo tutti i giorni a casa, con indicazioni su un più sano stile di vita come per esempio regolari esercizi aerobici.
In sei mesi è stata ottenuta una migliorata capacità sia di gestione del dolore sia nella necessità di ricorrere ai farmaci. Poiché dopo la sospensione di un trattamento in cui si è instaurato abuso, i pazienti tendono in genere a migliorare nel breve periodo, per poi tornare ai livelli di sofferenza precedenti, a Vancouver la Grazzi si era premurata di sottolineare che avrebbe tenutò sotto osservazione i suoi pazienti per verificare se a distanza di un anno la mindfulness avrebbe mantenuto le promesse. I risultati esposti a Stresa non solo hanno ne hanno confermato l’efficacia, ma addirittura indicano che può essere superiore ai trattamenti farmacologici forse grazie alla capacità di ridurre quegli indici infiammatori che aumentano nelle situazioni di stress come l’interlukina-6 che notoriamente gioca un importante ruolo nel controllo del dolore.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Inaugurata a Guiyang la China International Big Data Expo 2017

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

GuiyangGUIYANG, Cina /PRNewswire/ La China International Big Data Expo 2017 ha aperto i battenti venerdì a Guiyang, capitale della Provincia sud-occidentale cinese di Guizhou. Il Premier cinese Li Keqiang ha inviato una lettera di congratulazioni, mentre il Vicepremier Ma Kai ha presieduto la cerimonia inaugurale. Il Premier Li ha sottolineato come l’economia digitale stia trasformando il modo di vivere e produrre dell’uomo e stia alimentando in forma sempre più incisiva la crescita economica. La Provincia di Guizhou non è rimasta indietro, facendosi pioniera di un processo che l’ha portata a raccogliere notevoli frutti. La Cina è pronta a collaborare con altri paesi per promuovere l’innovazione e la cooperazione nell’economia digitale. I dati sono oggi diventati una risorsa strategica e fondamentale e la Cina desidera sostenere sempre di più l’applicazione innovativa dei big data, per velocizzare la trasformazione del settore manifatturiero, ha ribadito Ma Kai. Ispirata al tema “La nuova crescita determinata dall’economia digitale”, l’Expo di quest’anno prevede due summit, una fiera e un concorso. Nel corso dell’Expo, saranno presentati un totale di 78 forum e 15 altre attività.Durante i summit si terranno cinque conferenze di prestigio su argomenti quali intelligenza artificiale, intelligenza delle macchine, produzione smart, e-commerce e blockchain. Prima fiera al mondo incentrata sulla tematica dei big data, la Big Data Expo di Guiyang ha visto due edizioni in due anni. Le manifestazioni precedenti hanno attirato nella Provincia di Guizhou investimenti per 58,9 miliardi di yuan (8,6 miliardi di dollari USA) e l’Expo è diventata un evento di portata nazionale nel 2016. Con oltre 50.000 domande di partecipazione da 23 paesi, più di 1.000 prodotti, tecnologie e soluzioni all’avanguardia saranno presentati da 316 espositori dei mercati nazionale e internazionale. Sono state allestite sei sale espositive, in quelle dalla 1 alla 5 si trovano innovazioni, risultati e prodotti high-tech relativi ai big data presentati da rinomate aziende Internet mondiali quali Oracle, Alibaba, Huawei, SAP, Foxconn e JD.com, mentre la sala 6 è dedicata all’esperienza di VR, AR e AI.Giovedì, nella sala espositiva sono state svelate una serie di tecnologie futuristiche quali il sistema di condizionamento centralizzato “Driverless Magnetic Unit” inventato da Haier, la busta rossa AR di Tencent e la tecnologia di lettura labiale di Hydata. Giovedì sono stati registrati 10.000 visitatori.Il governo provinciale di Guizhou ha messo in atto una strategia di sviluppo per i big data nel 2014, e il settore delle informazioni digitali ha segnato una crescita del 62% nei mercati rispetto all’anno precedente. Il PIL di Guizhou ha raggiunto oltre 900 miliardi di yuan nel 2014, rispettando la crescita target stabilita nel 12° Piano quinquennale dell’anno precedente.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pablo Picasso’s ‘Femme écrivant will be a leading highlight of Christie’s Impressionist & Modern Art Evening Sale

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

Femme écrivantLondon – Pablo Picasso’s tender portrait Femme écrivant (Marie-Thérèse) (1934, estimate: £25,000,000-40,000,000) will be a leading highlight of Christie’s Impressionist & Modern Art Evening Sale, in London on 27 June 2017 as part of 20th Century at Christie’s, a series of sales that take place from 17 to 30 June 2017. Painted on 26 March 1934, Pablo Picasso’s Femme écrivant (Marie-Thérèse) is a joyous, colour-filled and deeply personal portrayal of Marie-Thérèse Walter, the young, blond-haired woman who, when she entered the artist’s life in January 1927, influenced the course of his art in an unprecedented manner. Femme écrivant is one of the greatest portraits of Marie-Thérèse, a radiant and intimate depiction of Picasso’s lover, which, along with the preceding paintings of the early 1930s, epitomises one of the finest phases in the artist’s career. The painting will be on view in Hong Kong from 5 to 9 of June 2017 before being exhibited in London from 17 to 27 June 2017.Giovanna Bertazzoni, Deputy Chairman, Impressionist & Modern Art, Christie’s: “Femme écrivant (Marie-Thérèse) was created in 1934 at the height of Picasso’s admiration for his youthful and captivating muse Marie Thérèse. The impact she had on his creative process began when they first met but truly took hold of his heart and hand in the portraits he executed in his studio in Boisgeloup. This portrait remained in the artist’s collection until 1961, demonstrating the deep affection he held towards Marie Thérèse and the emotional significance it had for the artist. Picasso’s portraits of his muses capture the imagination and attention of collectors worldwide, now more than ever. Picasso represents a truly global phenomenon in the present art market, attracting buyers from Europe, America and Asia. Mainland Chinese collectors are, in particular, very aware of the power of his revolutionary style, and the significant role he occupies in the canon of modern Western Art. It’s an exciting time to offer such a strong, iconic and private painting by Picasso on the open market, and we are eager to see how it will touch and move collectors around the world in the forthcoming weeks ahead of the auction.” (photo: Femme écrivant)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Smart City a Palermo: Powart lancia la rivoluzione energetica

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

Smart CityDa pochi giorni a Palermo si sono conclusi i lavori di Smart City Palermo, un progetto che prevede un appuntamento annuale per un bilancio della città e per rintracciare quelle energie creative ed innovative che possano trasformare Palermo in un luogo intelligente e a misura d’uomo. Al convegno di presentazione molti gli interventi, studiosi come il Prof. Maurizio Carta ma anche figure istituzionali come Fabrizio Micari Rettore dell’Università di Palermo, il sindaco Leoluca Orlando, Simona Vicari Sottosegretario al Ministero dei Trasporti e soprattutto molte aziende. Tra le imprese innovative, brilla Powart, una realtà costruita col contributo di creativi ed artisti che sta trasformando l’energia in un valore sociale e culturale. Il suo rappresentante, in un breve intervento, ha illustrato tutti i progetti creativi concepiti durante l’ultimo anno di attività che vedono insieme cultura ed energia: il programma di tutela “Energia Agevolata” per commercianti ed imprenditori in crisi, l’Energy Art, il marchio EnergiPASS e una nuova partnership commerciale che vede Powart distributore a Palermo di un nuovo modo di acquistare energia. Perché il mondo dell’energia deve proprio cambiare, tra grandi speculazioni, bollette incomprensibili e contratti telefonici, forse bisogna ripartire proprio dalla piccola impresa, quella fatta da persone. (foto: smart city)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Contributo dell’Unione europea al lavoro salvavita del WFP in Sud Sudan

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

sud sudanJUBA – La Commissione europea ha riconfermato il suo impegno salvavita nei confronti delle persone colpite dal conflitto in Sud Sudan sostenendo con 12,9 milioni di dollari (11,9 milioni di euro) l’operazione d’emergenza dell’agenzia delle Nazioni Unite, World Food Programme (WFP). Questa donazione si aggiunge al contributo di 32 milioni di dollari (30,4 milioni di euro) già confermato per il 2017. Il contributo proveniente dalla Direzione generale per gli Aiuti umanitari e la protezione civile della Commissione europea (ECHO) destinato al WFP in Sud Sudan, garantirà assistenza alimentare e nutrizionale d’emergenza a circa 890.000 persone che, a causa del conflitto e dell’insicurezza alimentare stagionale, soffrono la fame. Di questi, 165.000 sono bambini sotto i cinque anni e donne incinte e che allattano. Questa donazione sta consentendo al WFP di acquistare circa 4.000 tonnellate di cereali, 500 tonnellate di fagioli, 800 tonnellate di olio e 1.000 tonnellate di speciali alimenti nutritivi (CSB++).
La Commissione Europea ha, inoltre, donato 5,4 milioni di dollari a sostegno del Servizio Aereo Umanitario delle Nazioni Unite (UNHAS) e del cluster logistico, gestiti entrambi dal WFP e messi a disposizione della comunità umanitaria al fine di poter raggiungere le persone bisognose.“Questo è un supporto vitale ai nostri continui sforzi nel rispondere alla fame che, quest’anno, ha raggiunto in Sud Sudan un livello senza precedenti”, ha dichiarato Joyce Luma, Rappresentante e Direttrice WFP in Sud Sudan. “Il paese ha bisogno di un sostegno internazionale continuo che, associato a un accesso senza impedimenti alla popolazione, contribuirà ad evitare l’ulteriore espandersi di una catastrofe già dilagante”. Il Sud Sudan sta assistendo ai peggiori livelli di insicurezza alimentare mai vissuti dall’indipendenza, con quasi 5,5 milioni di persone che soffrono la fame. Nel febbraio 2017, lo stato di carestia è stata dichiarato in alcune aree dell’ex stato di Unity, nelle contee di Leer e Mayendit, con 100.000 persone colpite. Tuttavia, l’adeguatezza e la tempestività dell’assistenza umanitaria fornita negli ultimi mesi ha avuto un impatto positivo e la sicurezza alimentare in queste aree sembra essere migliorata.La sicurezza alimentare nel resto dello stato, in particolare in alcune aree del Bahr el Ghazal settentrionale e occidentale, Upper Nile e Jonglei, è invece ulteriormente peggiorata a causa dei flussi continui di sfollati. In alcune zone i tassi di malnutrizione acuta hanno già raggiunto livelli allarmanti. Questa situazione si aggraverà maggiormente durante la stagione di magra, quando le famiglie avranno esaurito le riserve alimentari dell’ultimo raccolto.”Siamo estremamente grati per il generoso contributo della Commissione europea, che ha permesso di rispondere alle esigenze delle persone più vulnerabili del Sud Sudan”, ha aggiunto Luma.Nel 2016 il contributo di 22,6 milioni di dollari della Commissione europea permise al WFP di fornire assistenza alimentare a 300.000 sfollati, ospiti nei siti di Protezione dei Civili (PoC) delle Nazioni Unite e in altre località delle aree colpite dai conflitti, oltre che alle popolazioni locali fiaccati da tre anni di conflitto e da prolungati periodi di mancanza di cibo nel paese. In aggiunta, 84.000 bambini piccoli e 35.000 madri incinte e che allattano hanno ricevuto alimenti nutritivi specializzati e un ulteriore contributo di 5 milioni di dollari della Commissione europea venne destinato al Servizio Aereo Umanitario delle Nazioni Unite (UNHAS) e al cluster logistico. Dall’inizio di quest’anno, il WFP ha fornito assistenza alimentare e nutrizionale a 2,8 milioni di persone in Sud Sudan e prevede di raggiungerne 4,1 milioni entro la fine dell’anno.Il sostegno di donatori come: Commissione europea, Australia, Brasile, Canada, Cina, Danimarca, Isole Faroe, Finlandia, Germania, Giappone, Lituania, Norvegia, Nuova Zelanda, Regno Unito, Stati Uniti, Svizzera e quello dei donatori privati, è stato di vitale importanza per la risposta finora fornita. Tuttavia, servono ancora urgentemente 139 milioni di dollari al WFP per le proprie operazioni nei prossimi sei mesi.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Norma “Tagliabusiness” immigrati

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

meloni“Con l’approvazione della norma ‘Tagliabusiness’ l’Italia colloca finalmente un importante ostacolo al business dell’immigrazione. Grazie a Fratelli d’Italia e Giorgia Meloni chi lucra sull’invasione dovrà finalmente dimostrare come spende i soldi pubblici ricevuti. E’ stata una battaglia lunga otto mesi, abbiamo vinto”. Giovanni Donzelli, coordinatore dell’esecutivo nazionale di Fratelli d’Italia e promotore dell’iniziativa sulla “Tagliabusiness” commenta con soddisfazione l’approvazione in commissione alla Camera dell’emendamento presentato dal leader del partito. “Abbiamo raccolto lo spunto di alcune associazioni no-profit che si occupano in modo serio e responsabile dell’accoglienza immigrati e mal sopportano, dunque, una normativa che premia i furbi e penalizza chi è trasparente – sottolinea Donzelli – un sistema che fino ad oggi ha consentito alle cooperative e agli altri soggetti di incassare fiumi di denaro pubblici, senza il bisogno di alcuna rendicontazione, che ha prodotto un meccanismo senza scrupoli per lo sfruttamento della tratta degli esseri umani”. “Dopo il lancio avvenuto a settembre in Toscana con una proposta parlamentare di iniziativa regionale – spiega Donzelli – abbiamo portato la proposta in tutta Italia, depositandola in quasi tutte le Regioni. Giorgia Meloni instancabilmente l’ha presentata sotto ogni possibile forma alla Camera, mentre decine di migliaia di italiani la firmavano sul sito http://www.leggeimmigrati.it”.”Non siamo urlatori irresponsabili che soffiano sulle paure – prosegue l’esponente di Fratelli d’Italia – abbiamo dimostrato che siamo gli unici capaci di lavorare per portare ad un cambiamento tangibile. Dopo la sua approvazione finale in aula vigileremo perché al provvedimento venga data concreta attuazione e per scongiurare ogni scappatoia – conclude Donzelli – siamo convinti che fermare il business dell’accoglienza potrebbe rallentare anche la corsa delle navi Ong all’importazione di clandestini in Italia”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riccardo Muti: un concerto fuori programma per LuganoMusica

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

mutiLugano Domenica 4 giugno alle 20.30 LuganoMusica propone al LAC di Lugano un concerto fuori programma con uno dei più grandi direttori al mondo: Riccardo Muti. In modo inatteso ma con grande gioia, LuganoMusica è riuscita infatti a intercettare una data nel fitto calendario del Maestro, che dopo molti anni di assenza ritornerà in concerto a Lugano. Vent’anni di direzione musicale alla Scala – la più lunga nella storia del glorioso teatro milanese -, quasi mezzo secolo di frequentazione del Festival di Salisburgo, dove ha riportato alla luce i tesori del Settecento napoletano; gli incarichi prestigiosi alla testa delle orchestre di Philadelphia e Chicago, la liaison con i Wiener Philharmoniker…. Nella sua lunga carriera, Muti ha anche riservato uno spazio importante a progetti segnati da un profondo impegno civile, portando la musica in luoghi simbolo, da Beirut a Gerusalemme, da Sarajevo a Damasco. Autentico anche il suo interesse per le giovani generazioni, concretizzato a Ravenna nella realizzazione della Riccardo Muti Italian Opera Academy per giovani direttori d’orchestra, maestri collaboratori e cantanti e, fin dal 2004 , nella fondazione dell’Orchestra Giovanile “Luigi Cherubini”, con cui si esibirà proprio a LuganoMusica. Il programma, dal grande impatto tecnico ed emotivo, è incentrato sul repertorio che ha visto Muti affermarsi su scala internazionale. Da un lato la grande tradizione operistica italiana – con la celebre Sinfonia che apre il Nabucco di Giuseppe Verdi, un autore cui Muti ha dedicato un lunghissimo lavoro di ricerca, contribuendo al recupero in tempi moderni di titoli ingiustamente considerati minori. Dall’altro la forma sinfonica classica con due intense pagine del Romanticismo: la Sinfonia n. 4 Tragica di Franz Schubert e la Sinfonia n. 5 in mi minore di Pëtr Il’ič Čajkovskij. Opera giovanile di Schubert, la Quarta Sinfonia risente, fin dalla scelta della tonalità di do minore, dell’ammirazione del suo autore verso il modello titanico della Quinta beethoveniana, e può essere considerata l’emblema di un Romanticismo ancora in boccio, laddove la Quinta Sinfonia di Čajkovskij, datata 1888, rappresenta un frutto maturo della stessa stagione artistica.
orchestraAccanto a Muti saliranno sul palco del LAC i giovani strumentisti dell’Orchestra “Luigi Cherubini”, una delle creature più riuscite del maestro. Fondata nel 2004 con il preciso scopo di raccogliere attorno a sé i migliori talenti sotto i trent’anni, la “Cherubini” riunisce intorno ai suoi leggii rappresentanti di tutte le regioni italiane, e prevede un turn over triennale, in modo da permettere a giovani sempre diversi di accedere ad un percorso formativo di altissimo livello, che funge poi spesso da trampolino di lancio verso altre prestigiose realtà orchestrali, per coloro che hanno terminato il triennio. Protagonista di progetti musicali di ampio respiro in Italia e nel mondo, la “Cherubini” è davvero un regalo del maestro Muti ai giovani, per trasmettere la sua sterminata esperienza ma soprattutto per condividere la gioia del far musica. (Biglietti: Fr 152-./20-, lunedì chiuso / nel caso di concerti serali apertura della biglietteria 90 minuti prima dell’inizio dello spettacolo Riduzioni per studenti e apprendisti; liceali e studenti del Conservatorio della Svizzera italiana hanno l’ingresso gratuito la sera del concerto, a seconda della disponibilità. Per gli spettatori con disabilità o mobilità ridotta è consigliata la prenotazione dei biglietti almeno 24 ore prima dell’inizio dello spettacolo.) (foto: muti, orchestra)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Workshop “Mi Ambiento – Comunicazione, imprese, responsabilità sociale – Più eco alla sostenibilità”

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

campidoglioRoma Mercoledì 31 maggio, dalle 9.30, avrà luogo presso la Sala Pietro da Cortona dei Musei Capitolini, in Piazza del Campidoglio 1, workshop “Mi Ambiento – Comunicazione, imprese, responsabilità sociale – Più eco alla sostenibilità”.Saranno presenti, insieme ai promotori dell’iniziativa Massimiliano Pontillo (Presidente Pentapolis Onlus), Alfonso Pecoraro Scanio (Presidente Fondazione UniVerde) ed Enrico Giovannini (Portavoce ASviS): Marcello De Vito (Presidente Assemblea Capitolina Roma Capitale) e Pinuccia Montanari (Assessore sostenibilità ambientale Roma Capitale), Serena Pellegrino (Vice Presidente Commissione Ambiente Camera dei Deputati), Claudia De Stefanis (Capo Settore Comunicazione della Rappresentanza Italiana Commissione Europea), Francesco La Camera (Direttore generale per lo sviluppo sostenibile Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare), Andrea Caretta (Presidente Osservatorio di Pavia), Rossella Sobrero (Consigliere nazionale Ferpi), Sauro Pellerucci (Presidente PagineSì!), Elena Cadel (Barilla Center for Food & Nutrition), Gianni Todini (Askanews).L’incontro tematico, che rientra tra le iniziative del 1° Festival Italiano dello Sviluppo Sostenibile, promosso da ASviS, avrà l’obiettivo di disegnare alcuni possibili scenari e azioni da intraprendere nel breve-medio periodo e di sottolineare l’importanza di ciascun cittadino, a tutti i livelli, nel diventare protagonista della riconversione ecologica dell’intero sistema.
Nel corso della mattinata verranno presentati i risultati della ricerca: “La sostenibilità nei media”.Ai partecipanti verrà consegnata una copia di MI AMBIENTO – Il Libro dei fatti green (2017)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Allerta della FAO per un virus letale che colpisce i diffusi pesci tilapia

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

Fao-RomaUna malattia altamente contagiosa si sta diffondendo tra i pesci tilapia, sia selvatici che d’allevamento, una categoria di pesci tra le più importanti al mondo per il consumo umano. L’epidemia dovrebbe essere trattata con grande attenzione e i paesi che importano tilapia dovrebbero adottare adeguate misure di gestione del rischio – intensificando i test diagnostici, attuando certificati sanitari, implementando misure di quarantena e sviluppando piani di emergenza – secondo l’Allerta Speciale rilasciata oggi dal Sistema mondiale d’informazione e preavviso rapido nei settori agricolo e alimentare della FAO (GIEWS).Il Tilapia Lake Virus (TiLV) è stato adesso riscontrato sinora in cinque paesi in tre continenti: Colombia, Ecuador, Egitto, Israele e Tailandia. Mentre l’agente patogeno non presenta pericoli per la salute pubblica, può decimare le popolazioni di pesci infette. Nel 2015 la produzione di tilapia mondiale, sia d’acquacoltura che di cattura, è stata di 6,4 milioni di tonnellate, con un valore stimato di 9,8 miliardi di dollari, e il commercio mondiale è stato stimato in 1,8 miliardi di dollari. Questa categoria di pesce è un pilastro della sicurezza alimentare e dell’alimentazione globale, si legge nell’allerta del GIEWS. I paesi produttori di Tilapia devono essere vigili e seguire i protocolli del codice fitosanitario per la salute degli animali dell’Organizzazione Mondiale per la Salute Animale (OIE). Dovrebbero avviare un programma attivo di sorveglianza per determinare la presenza o l’assenza di TiLV, l’estensione geografica dell’infezione e identificare i fattori di rischio che possono contribuire a contenerlo. I paesi sono anche incoraggiati a lanciare campagne pubbliche d’informazione per dare indicazioni agli acquacolturisti – molti dei quali piccoli proprietari – dei segni clinici del TiLV, dei rischi economici e sociali che esso rappresenta e della necessità di segnalarne lea mortalità su larga scala alle autorità di biosicurezza.Allo stato attuale, la vigilanza sul TiLV è attivamente in corso in Cina, in India, in Indonesia e si prevede di iniziare nelle Filippine. In Israele, si prevede un’indagine epidemiologica retrospettiva che determini i fattori che influenzano i bassi tassi di sopravvivenza e mortalità complessiva, ed anche la relativa importanza del TiLV. Inoltre, una società privata sta attualmente lavorando allo sviluppo di un vaccino.Al momento non si sa se la malattia possa essere trasmessa anche tramite prodotti di tilapia congelati, ma “è probabile che il TiLV possa avere una distribuzione più ampia di quanto oggi conosciamo e che la sua minaccia sull’allevamento di tilapia a livello globale sia significativa”, si legge nell’allerta lanciata dal GIEWS.La FAO continuerà a monitorare il TiLV, a lavorare con i governi e i partner allo sviluppo e a cercare risorse al fine di aiutare i paesi membri a trattare il TiLV, come richiesto e necessario.
La malattia mostra una mortalità molto variabile, con focolai in Tailandia che hanno causato la morte i fino al 90% delle scorte. I pesci infetti spesso mostrano una perdita dell’appetito, movimenti lenti, lesioni cutanee e ulcere, anomalie oculari e opacità della visione. Dal momento che è disponibile una prova diagnostica affidabile per il TiLV, essa dovrebbe essere applicata per escludere il TiLV come agente causale di mortalità inspiegabili.Il TiLV appartiene alla famiglia dei virus di Orthomyxoviridae, che è anche la stessa famiglia a cui appartiene il virus del salmone infettivo, che ha causato grandi danni all’industria della produzione di salmoni.
Le Tilapias sono la seconda specie di acquacoltura più importante in termini di volume, e forniscono cibo, posti di lavoro e guadagni a livello nazionale e da esportazioni a milioni di persone, tra cui molti piccoli proprietari.Il loro prezzo accessibile, la tolleranza ai metodi di allevamento ad alta densità e solitamente una forte resistenza alla malattia li rende un’importante fonte di proteine, specialmente nei paesi in via di sviluppo e per i consumatori più poveri.Cina, Indonesia ed Egitto sono i tre principali produttori di tilapia d’allevamento, un pesce che per altro sembra avere un grande potenziale di espansione nell’Africa sub-sahariana. (SOURCE Food and Agriculture Organization delle Nazioni Unite FAO)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Introduzione al Buddismo Tibetano

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

buddhismo tibetanoArcidosso (GR) 3 Giugno 2017 Ore 18,00 Castello Aldobrandesco Sala Conferenze Dopo l’ampia partecipazione e l’ottimo riscontro di pubblico delle conferenze di maggio, Fabian Sanders, professore di lingua e letteratura tibetana all’università Ca’ Foscari di Venezia, autore di vari articoli e di un volume sulla lingua tibetana classica, torna ad Arcidosso, presso la sala conferenze del Castello Aldobrandesco, per illustrare alcuni dei tratti salienti del mondo buddhista tibetano, presentando in modo sintetico le varie scuole, il mondo monastico, la tradizione laica e alcuni aspetti della ‘religione popolare’ che maggiormente lo caratterizzano. Quando il Buddhismo si è diffuso fuori dall’India, sua terra d’origine, ha assunto connotazioni assai diverse a seconda dei luoghi dove si è insediato in Asia centrale e Orientale. La particolare forma che ha preso in Tibet è dovuta al periodo storico in cui vi si è instaurato e alla inclusione di elementi peculiari della cosmologia, della simbologia e dell’espressività diffuse nell’ampio territorio himalayano. Oggi il buddismo è la terza religione praticata in Italia, contando più di 100 mila credenti. Tra questi sempre in crescita la percentuale degli italiani. La globalizzazione ha contribuito ad accorciare le distanze tra oriente e occidente, ma nel caso del buddismo c’è molto di più. (foto: buddhismo tibetano)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: I test in classe bocciati dai prof universitari di tutto il mondo, ma l’Italia punta dritto sui quiz

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

ministero-pubblica-istruzioneL’approvazione della riforma Renzi-Giannini e dei decreti attuativi pubblicati in G.U. nei giorni scorso vanno nella direzione opposta a quanto indicato da ottanta accademici di tutto il mondo, secondo i quali la quantificazione continua dei risultati è imperfetta e non può guidare le politiche scolastiche: perché ‘i risultati Ocse-Pisa, mettendo l’accento così forte su quello che è misurabile, rendono invisibile ciò che misurabile non è. A scuola sono importanti anche lo sviluppo fisico, morale, civico e artistico di ogni ragazzo. E per queste discipline non esiste, sostengono i docenti, un test che certifichi la crescita del ragazzo’. Si conferma in pieno, quindi, la linea indicata da tempo dal sindacato: per certificare le competenze degli studenti, come indicato dalle più moderne teorie docimologiche, non ha alcuna utilità l’uso di un semplice test a crocette. Laddove il quadro socio-culturale è arretrato, infatti, semplificare porta a risultati errati. Servono, invece, delle adeguate tecniche e strategie d’insegnamento di tipo attivo. Come i giochi di simulazione, le cooperative learning and serving, il peer education e il flipped classroom. Per questo, investire sulle prove standardizzate, è una pratica che condurrà a una scuola sempre più ‘piatta’.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): oggi i test Invalsi hanno ripercussioni dirette sul Rav, il rapporto di autovalutazione scolastico, e anche sulla valutazione diretta dei singoli docenti, senza che si dia un peso adeguato al tessuto sociale: le zone ad alto tasso migratorio, le scuole isolate dal resto del territorio, quelle ad alta criminalità, dove il tasso di abbandono è sopra la media, necessitano di uscire dalla logica della somministrazione in classe delle fredde schede. Questa logica dell’uniformità a tutti i costi va sostituita con quella della verifica qualitativa, caso per caso, istituto per istituto. Andando a verificare le indicazioni dei Ptof e delle classi. E a rivedere il decreto legislativo della L.107/15 su valutazione e certificazione delle competenze nel primo ciclo ed esami di Stato, nella parte in cui alle superiori rende i test Invalsi decisivi ai fini dell’ammissione agli Esami e fa ammettere gli studenti anche con un’insufficienza in una disciplina.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Taxi e Uber: Nuova sentenza Tribunale, nuova incertezza, chi vince?

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

tribunaleIl tribunale di Roma ha emesso una sentenza diametralmente opposta a quella che in precedenza, stessa sezione in composizione diversa, aveva bloccato i taxi di Uber. La prima parlava di concorrenza sleale che aggirava i vincoli, la seconda prende atto della sospensione di questi vincoli da parte del decreto milleproroghe. Entrambe le sentenze auspicano un cambiamento dell’attuale normativa (21/1992). Contenti e scontenti si sono scambiati opinioni e veleni e uno solo giace sconfitto nell’angolo in attesa che i suoi medici e allevatori decidano di continuare ad alimentarlo: lo Stato di Diritto.
A noi, ovviamente, piace poter chiamare un taxi in qualunque momento e dovunque a prezzi contenuti. Cosi’ come ci piace il fatto che anche questo mercato sia liberalizzato e che, concedendo l’accesso a nuovi imprenditori e lavoratori, porti beneficio anche ai consumatori e all’economia in generale. Ma ci piacerebbe che questo avvenisse in un ambito di regole, semplici e di facile accesso, dove non valgano le rendite di posizione. Per questo abbiamo ritenuto valida la posizione dell’Antitrust che ha sollecitato il legislatore ad esser tale, considerando forme di indennizzo per le “vittime” dell’attuale sistema corporativo, i taxisti che hanno pagato anche centinaia di migliaia di euro (spesso “a nero”) una licenza.
Ma cosi’ non e’. Oggi una nuova sentenza opposta a quella precedente si aggiunge alla giurisprudenza che governa al posto delle leggi. E niente ci dice che domani non potra’ esserci una nuova sentenza che dice il contrario del contrario, e cosi’ via.
Ci domandiamo: ma siamo noi estremisti o il nostro legislatore e’ interessato solo a galleggiare? Forse siamo noi anche incapaci dell’arte del governare? E’ evidente che qualunque decisione venga presa, lascera’ sul terreno degli scontenti. La direzione verso cui deve andare questa decisione e’ solo una, liberalizzazione (almeno fino a che nel nostro Paese c’e’ una maggioranza parlamentare e un governo che si rifanno alle direttive dell’Unione Europea), e prima o poi andra’ presa. Temporeggiare e’ solo alimentazione di sfiducia e disinteressamento sul potere delle istituzioni. A chi giova? Probabilmente a qualcuno che continuera’ a conservare poltrone grazie a questo galleggiamento, ma il Paese? Facciamo appello a coloro che nelle poltrone di siedono per servir le istituzioni e il Paese, perche’ abbiamo un guizzo di iniziativa e di buon senso. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fiducia dei consumatori: Governo galleggia e opposizione insegue chimere

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

Palazzo chigi1“L’indice del clima di fiducia dei consumatori e l’indice composito del clima di fiducia delle imprese diminuiscono passando rispettivamente da 107,4 a 105,4 e da 106,8 a 106,2”. E’ quanto afferma l’Istat il che, oltre alla valutazione sul “sentimento”, fa scattare un campanello d’allarme, che dovrebbe mettere sull’avviso chi ci governa. I depositi bancari sono aumentati di ben 54,5 miliardi di euro rispetto ad aprile dello scorso anno, segno evidente che i consumatori hanno un atteggiamento diffidente e preferiscono tenere i propri risparmi in banca, invece di spenderli e innescare un circolo virtuoso di spesa e produzione di beni e servizi. Il governo galleggia, l’opposizione insegue chimere, la maggioranza e la minoranza in Parlamento fanno a gara nell’offrire ricette demagogiche (ultima è la proposta sui vitalizi che avrà effetti devastanti sulle pensioni ordinarie), mentre il Paese attende politiche che offrano una prospettiva concreta per il futuro.
Insomma, si sta in palude in attesa di non si sa cosa. (Primo Mastrantoni, Segretario Nazionale Aduc)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Papa Francesco e la dignità del lavoro

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

papa francescoLe parole, i concetti e gli insegnamenti che Papa ha pronunciato nell’incontro del 27 maggio agli operai dell’ILVA di Genova, non possono essere commentate, né null’altro c’è da aggiungere. Ma non basta ascoltare le Parole e applaudire, se non si fanno proprie le indicazioni che sono state descritte se non appare prioritariamente la volontà di fare proprie quelle indicazioni e applicarle. Così non si tratta di aggiungere qualcosa, ma di condividere, con concetti che Papa Francesco ha “sottinteso”, poiché si rivolgeva sia agli operai che agli imprenditori. L’odierna dialettica in campo economico-finanziario risulta contraddittoria tra le classi interessate alla dinamica del lavoro, dove la fa da padrona la convinzione vincente della priorità del mercato, frutto di un capitalismo arrogante e egoista. Emerge con prepotenza il vetusto scontro tra capitale e lavoro, quindi, detta in soldoni, tra il più forte e il più debole; se ne conosce già l’esito, sancito ormai da secoli. Fin quando la classe operaia e gli imprenditori illuminati non prenderanno coscienza di essere i soli gestori del lavoro, senza egoismi, senza scontro di classe, convinti di possedere le sorti delle grandi potenzialità del lavoro, in perfetta sintesi e collaborazione fra le classi stesse, non potrà esserci progresso e sviluppo per tutti.
Il capitale-denaro e il capitale-lavoro hanno (e dovranno avere) un destino comune, che serva ad equilibrare adeguatamente il rapporto, con conseguente reciprocità di dignità.
L’uomo-capitalista e l’uomo-lavoratore hanno questo comune denominatore, essere uomini, che li assimila, ma vengono tenuti separati da interessi corporativi che nulla hanno a che vedere con le reali esigenze delle parti.La finanza creativa inventata da governi assoggettati alla logica capitalistica, unitamente alla programmazione liberista, fatta per dividere e non per unire, ha fornito tutti i mezzi possibili alla finanza improduttiva e parassitaria, mortificando il lavoro con la precarietà. Ha generato una ignobile “asta pubblica” del lavoro, ma al ribasso, per sfruttare ulteriormente lo stato di necessità, che impone e obbliga di accettare le condizioni più vessatorie, pur di poter lavorare.La collaborazione tra le classi non deve restare nel limbo delle intenzioni o delle ipotesi astratte, ma deve diventare la sola meta da perseguire: l’umanesimo del lavoro.
La Democrazia trova nella società civile e democratica la fonte della sua convinzione che il lavoro costituisce una fondamentale dimensione dell’esistenza umana. Oggi più che mai lavorare è un lavorare con gli altri e un lavorare per gli altri: è un fare qualcosa per qualcuno. Il lavoro è tanto più fecondo e produttivo, quanto più l’uomo è capace di conoscere le sue potenzialità produttive e di leggere in profondità i bisogni dell’altro uomo, per il quale il lavoro è fatto.L’attività umana individuale e collettiva, ossia quell’ingente sforzo col quale gli uomini nel corso dei secoli hanno cercato di migliorare le proprie condizioni di vita corrisponde al disegno dell’uomo, alla sua storia, al suo destino. L’uomo deve soggiogare i mezzi di produzione e non restarne soggiogato, deve dominare il progresso, perché non arrivi a contrastare lo sviluppo. Come persona, l’uomo è quindi soggetto del lavoro. Come persona egli lavora, compie varie azioni appartenenti al processo del lavoro; esse, indipendentemente dal loro contenuto oggettivo, devono servire tutte alla realizzazione della sua umanità, al compimento della vocazione ad essere persona, che gli è propria a motivo della stessa umanità.
L’uomo deve lavorare per riguardo agli altri uomini, specialmente per riguardo alla propria famiglia, ma anche alla società, alla quale appartiene, alla nazione, della quale è figlio, all’intera società umana, di cui è membro, essendo erede del lavoro di generazioni e insieme co-artefice del futuro di coloro che verranno dopo di lui nel succedersi della storia.Tutto ciò costituisce l’obbligo morale del lavoro, inteso nella sua ampia accezione. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Inaugurazione della nuova stagione estiva di Villa Filippina

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

estate in musicaPalermo mercoledì 31 maggio alle 19,30 in piazza San Francesco Di Paola 18 inaugurazione della nuova stagione estiva di Villa Filippina. Chi vorrà potrà cenare gustando l’innovativo apericassetta curato dal Dorian, che da sempre si è distinto per la bontà e l’accuratezza del cibo proposto per i suoi aperitivi. Alle 21,45 parte il concerto tributo a Lucio Battisti dei Non Dire no che, guidati da Daniele Davì, festeggeranno il loro duecentesimo concerto e porteranno il pubblico a navigare in una serata all’insegna della nostalgia e dell’allegria fatta di musica made in Battisti. A fare parte di questa avventura: Francesco Vannini e Francesco Ribaudo alle chitarre, Simone Esposito al basso e Daniele Zimmardi alla batteria.A loro si sommeranno numerosi ospiti, che accompagneranno la stagione estiva di Villa Filippina: Marcello Mandreucci, Claudio Terzo, Ivano Ivaskrello, Sergio Ciulla e tanti altri. E nei giorni a seguire? Giovedì 1 giugno sarà Beatles day, con il festeggiamento del cinquantenario del disco “Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band”, il 3 giugno sarà proiettata la finale della partita di Champions tra Juventus e Real Madrid. Il 9 aprile concerto tributo a Ligabue con gli Acquario Palude. (foto: estate in musica)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Passeggiando … in Via Margutta

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

via marguttavia margutta1Roma. Nuovo ed interessante appuntamento, quello che è andato in scena, nell’approssimarsi di un suggestivo tramonto su Via Margutta. Da un’idea di Grazia Marino, titolare della P&G Events nasce il progetto “Passeggiando … in Via Margutta” un itinerario culturale sulla mitica “Strada” alla scoperta dei luoghi e dei protagonisti del ‘900.
Vari appuntamenti, per piccoli gruppi di persone interessate a scoprire uno dei luoghi di maggior fascino e suggestione, della Roma barocca. Una piccola Montmartre nel cuore della città, che ha conservato un carattere di separatezza e riserbo, l’atmosfera magica, e ancora intatta, che permea questa antica strada – originariamente a confine fra la città e la campagna – ha letteralmente stregato molti grandi artisti, cineasti e intellettuali del Novecento che la scelsero come personale e privato “buen retiro”: da Federico Fellini e Giulietta Masina ad Anna Magnani, passando per scrittori come Guido Ceronetti e Gianni Rodari, per scultori come Leonardo Bistolfi, Duilio Cambellotti, Pericle Fazzini e Umberto Mastroianni.Storia, aneddoti e ricordi di Via Margutta, vengono narrati e illustrati dallo storico dell’arte Mirko Baldassarre, che durante il suo percorso, è solito soffermarsi nei cortili dove erano presenti gli atelier dei principali pittori del periodo: Afro, Carla Accardi, Giacomo Balla, Nino Costa, Giorgio De Chirico, Renato Guttuso, Mino Maccari, Novella Parigini, Giulio Turcato e Renzo Vespignani. Non solo arte e cultura nelle passeggiate di Via Margutta, ma anche tanta via margutta5via margutta4creatività con gli “Aperitivi Moda” organizzati all’Hotel Art, da Grazia Marino in collaborazione con l’Ufficio Stampa Together eventi comunicazione di Antonio Falanga. Ospite del primo appuntamento la stilista Annamaria Patronella, che negli spazi dell’antico collegio ora sede di uno degli hotel design più prestigiosi della capitale, ha presentato la Collezione Couture 2018 “Sognando Parigi” una libera interpretazione in chiave moderna degli abiti che Gertrude Bell, regina del deserto, avrebbe indossato oggi durante un suo soggiorno a Parigi. Tre quadri moda per proposte sartoriali per la moda mattina, cocktail e la gran sera.“Passeggiando … in Via Margutta” afferma Grazia Marino, che oltre ad essere la promotrice dell’iniziativa, ricopre anche la carica di Vice Presidente dell’Associazione Internazionale di Via via margutta2Margutta, fa presente che la strada sta rivivendo un nuovo fermento e non vuole vivere di solo memorie e ricordi stratificati. Grazie alle botteghe artigiane, alle gallerie d’arte e antiquarie che operano oggi sulla mitica via, è sempre più uno dei fulcri pulsanti della vita culturale romana”.Molti e prestigiosi gli ospiti intervenuti alla passeggiata su Via Margutta, fra questi il Dott. Gino Tozzi Senior Private Banker FinecoBank, Francesca Carnevale Personal Financial Advisor FinecoBank‎, l’astrologo Stefano Giovanardi con la moglie Camilla Colozza, il Dott. Gaeta Emanuele e la moglie Avv. Luisa Durazzano, la design di gioielli Gaia Caramazza.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Melanomi, le differenze contano”

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

università bresciaBrescia lunedì 29 maggio alle ore 18.30 presso Aula Magna S. Faustino dell’Università degli Studi di Brescia, Facoltà di Economia, con il patrocinio di IMI – Intergruppo Melanoma Italiano. Un tumore maligno della cute con un’incidenza in continua crescita, addirittura raddoppiata negli ultimi 10 anni, che nel nostro Paese si stima presenti 13.800 nuovi casi l’anno. L’iniziativa, patrocinata da IMI (Intergruppo Melanoma Italiano), partita da Genova a luglio dello scorso anno, sta proseguendo anche quest’anno nei principali centri ospedalieri italiani.
“Fino a pochi anni fa il melanoma era considerato una neoplasia rara, oggi è in crescita costante in tutto il mondo. Nelle Regioni settentrionali i tassi arrivano fino a 12 casi ogni 100.000 persone, in quelle meridionali si attestano intorno ai 6-7 casi ogni 100.000 abitanti.– afferma il Prof. Alfredo Berruti, Professore Ordinario di Oncologia Medica presso l’Università degli Studi di Brescia – Il melanoma è quindi una malattia per la quale è necessaria un’attività continua di sensibilizzazione e di prevenzione. Inoltre, nuove strategie terapeutiche hanno sensibilmente migliorato le possibilità di cura e questo è importante per tutti coloro che si ammalano di questa patologia.”Negli ultimi anni, grazie ai progressi della ricerca scientifica, sono migliorate le conoscenze sui diversi tipi di melanoma ed è oggi possibile caratterizzare questa malattia a livello molecolare, ovvero a partire dal DNA. Si è scoperto così che i melanomi non sono tutti uguali, ma ne esistono di diversi tipi, ciascuno con caratteristiche diverse che lo identificano permettendo una cura mirata e specifica. Sono state identificate le mutazioni genetiche più frequenti che all’interno della cellula tumorale, ne regolano la crescita cellulare, come ad esempio la mutazione a carico del gene BRAF, che riguarda circa il 50% dei melanomi e che permette un trattamento a bersaglio molecolare diretto verso la mutazione specifica.In questi casi l’approccio terapeutico è radicalmente diverso, non più chemioterapia, ma farmaci intelligenti che, utilizzando i bersagli molecolari specifici, hanno dimostrato di essere efficaci nei pazienti che presentano quella specifica mutazione.“L’incontro di Brescia, aperto alla popolazione e ai pazienti, ha lo scopo di fare il punto sulle misure preventive: la prevenzione primaria, che agisce sui fattori di rischio e la prevenzione secondaria, che attraverso la diagnosi precoce, ha lo scopo di ridurre la mortalità per questa malattia. – prosegue il Prof. Alfredo Berruti – Inoltre si darà ampio spazio alle possibilità di cura: le nuove strategie terapeutiche basate sulla terapia a bersaglio molecolare e l’immunoterapia e alla gestione degli effetti collaterali. Infine si tratteranno gli aspetti emozionali di fronte alla diagnosi e durante il percorso terapeutico e il ruolo dell’alimentazione come prevenzione e nel percorso di cura. Dermatologi, oncologi medici, dietiste e psicologhe e le associazioni dei pazienti animeranno l’incontro”.
Le necessità informative dei pazienti sono quindi molte e le occasioni di confronto con i medici, insieme all’attività svolta dalle Associazioni pazienti presenti sul territorio nazionale (Melanoma Italia Onlus e AIMaMe), aiutano l’accesso ad informazioni corrette e aggiornate e nel contempo favoriscono la formazione di una comunità forte e strutturata che possa operare per una sempre migliore gestione del paziente con melanoma. Affrontare oggi il melanoma significa, per il paziente e il familiare, avere molte domande. Il Progetto Melanomi nasce proprio con l’intento di dare una risposta a questa necessità informativa e associativa dei pazienti. “La diagnosi precoce rappresenta lo strumento più efficace per il controllo clinico-prognostico del tumore cutaneo. Per questo motivo è molto importante che i nostri pazienti, e la popolazione in generale, siano adeguatamente informati sulla malattia e sulle sue potenziali conseguenze. L’esperienza ci ha insegnato che se vogliamo veramente sensibilizzare in un ambito difficile come questo, dobbiamo essere i primi a fornire servizi utili e supporto ai pazienti e alle loro famiglie, coinvolgendo la comunità allargata, nonché le istituzioni” dichiara la dott.ssa Giovanna Niero, Vice Presidente di A.I.Ma.Me.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Attentato in Egitto – Monteduro: La presidenza di Al-Sisi va sostenuta

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

attentato egittoL’attentato di oggi colpisce la comunità cristiana copta nell’esercizio della fede, esattamente come è accaduto prima di Natale e prima di Pasqua. Allora si sono attaccate le chiese nel corso delle celebrazioni della Santa Messa, oggi si attaccano dei fedeli impegnati in un pellegrinaggio. I Cristiani in Egitto, tuttavia, sono bersaglio dell’estremismo islamico non solo per odio verso una Fede diversa da quella dei terroristi, ma anche perché accusati di aver contribuito in modo decisivo alla destituzione nel 2012 del presidente Morsi, leader dei Fratelli Musulmani, e anche come conseguenza delle scosse telluriche di assestamento che la disarticolazione bellica dell’Isis in Iraq e Siria sta provocando in Medio Oriente. I terroristi stanno scappando, da Mosul in primis, trovando per ora rifugio e solidarietà tra i jihadisti locali, nel nord del Sinai e in alcune zone della Siria stessa. In Egitto la repressione dell’estremismo e del terrorismo sta dimostrando di funzionare, se consideriamo che il 22 maggio sono stati rinviati a giudizio 48 affiliati ad Isis accusati di aver collaborato nelle stragi nelle chiese. E’ ovvio che non è sufficiente. Dalla leadership del Presidente Al-Sisi tutti attendiamo passi ancora più decisi per prevenire l’orrore e proteggere i suoi compatrioti cristiani. I quali chiedono a noi, Occidente tutto, di sostenere la presidenza Al-Sisi, dalla quale comunque hanno ricevuto concreti segnali di vicinanza. E ci chiedono di non restare vittime di un processo di assuefazione. Manchester o Stoccolma e Minya distano da Roma più o meno allo stesso modo. I pellegrini oggi trucidati, per usare le parole pronunciate da Papa Francesco a proposito dei copti sgozzati sulla spiaggia della Libia, non erano probabilmente dottori in teologia, ma certamente dottori in coerenza cristiana.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lake Como School su nanotecnologie e metodi innovativi di dispersione

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

villa del grumelloComo Dal 29 maggio al 2 giugno a Villa del Grumello si terrà “To.Sca.Lake 2.0: Total Scattering for Nanotechnology on the Como Lake”, quarta scuola della Lake Como School of advanced studies 2017, l’iniziativa promossa dalla Fondazione Alessandro Volta di Como che realizza attività di formazione post universitaria rivolte soprattutto a giovani ricercatori nel campo delle teorie dei sistemi complessi. Raggi x, neutroni, elettroni e le tecniche di dispersione di luce visibile stanno diventando uno strumento fondamentale per indagare i nanomateriali di importanza tecnologica su diverse scale di lunghezza: dalla dimensione subnanometrica fino alla submillimetrica, coprendo così quasi 6 ordini di lunghezza all’interno di un approccio unificato. Questa scuola, che estende idealmente gli argomenti trattati durante To.Sca.Lake Summer School del maggio 2015 a Villa Olmo, fornirà lezioni introduttive sui nanomateriali inorganici, organici e ibridi, presentazioni su metodi innovativi di dispersione (sia sugli aspetti teorici che sperimentali), lezioni su un nuovo software (con esercitazioni e sessioni pratiche), nonché una tavola rotonda finale per discutere sui futuri sviluppi del campo. Direttori della scuola sono Norberto Masciocchi (Dipartimento di Scienza e Alta Tecnologia and To.Sca.Lab, Università dell’Insubria) e Antonietta Guagliardi(Istituto di Cristallografia and To.Sca.Lab, Consiglio Nazionale delle Ricerche).

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

SACE (Gruppo CDP) e Boeing: accordo da 1,25 miliardi di dollari a sostegno di forniture italiane

Posted by fidest press agency su domenica, 28 maggio 2017

boeingSACE (Gruppo CDP) e Boeing annunciano un importante accordo destinato a supportare l’export italiano del settore aeronautico e l’ampio indotto di imprese nazionali che operano nel comparto. Con questa intesa, che crea una piattaforma di condivisione per facilitare il finanziamento di operazioni di mutuo interesse, SACE si impegna a
garantire fino a 1,25 miliardi di dollari di linee di credito per la vendita di aerei Boeing, a fronte di contratti di fornitura e subfornitura assegnati ad aziende italiane specializzate nellacomponentistica di precisione per l’aeronautica. Un impegno che potrà essere incrementato di anno in anno in base alle forniture che Boeing assegnerà a imprese italiane. “L’accordo che annunciamo oggi rafforza la collaborazione con un colosso internazionale del settore aerospaziale che ha fatto dell’Italia uno dei suoi principali partner. L’aeronautica è da sempre un comparto strategico per la nostra economia in cui possiamo essere ancora più incisivi, guadagnando sempre maggiore competitività nei mercati internazionali – ha dichiarato Alessandro Decio, Amministratore Delegato di SACE –. Questo accordo rappresenta per noi un impegno per dare impulso a nuove opportunità di export per le eccellenze italiane del settore, con impatti positivi su crescita e occupazione per l’ampio indotto di PMI subfornitrici”. Solo nel biennio 2015-2016, Boeing ha acquistato 2,5 miliardi di dollari di forniture da aziende italiane e, grazie a un solido legame con il tessuto imprenditoriale nazionale, negli anni ha contribuito a generare 12 mila posti di lavoro lungo tutta la filiera. Cuore del business di Boeing in Italia è il programma 787 Dreamliner, l’innovativo aereo in fibra di carbonio di cui la Divisione Aerostrutture di Leonardo costruisce il 14%. L’impianto di produzione di Leonardo appositamente costruito a Grottaglie (nei pressi di Taranto) si occupa della costruzione delle sezioni centrale e posteriore della fusoliera, mentre lo stabilizzatore orizzontale è costruito a Foggia. Boeing in Italia ha circa 150 dipendenti diretti – dislocati tra Roma, Napoli, Foggia, Grottaglie (Taranto), Viterbo, Milano e Sigonella (Siracusa) – che lavorano nella gestione dei rapporti con partner e fornitori, nei servizi operativi, nelle attività commerciali, nel marketing e nella comunicazione. La collaborazione si realizzerà, inoltre, attraverso l’organizzazione di eventi commerciali destinati ad allargare la platea di potenziali fornitori italiani interessati alle opportunità offerte da Boeing. (foto: boeing)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »