Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Il SIM Carabinieri chiede lo sblocco immediato del porto d’armi senza licenza per le Forze di Polizia

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 settembre 2019

Il Sindacato Italiano Militari Carabinieri, a seguito di recenti fatti di cronaca che hanno, purtroppo, visto coinvolti militari dell’Arma (decesso del Brigadiere Cerciello Rega ed indagini sul Carabiniere Varriale, costretti a fare servizio disarmati a causa della difficoltà di occultare la pistola d’ordinanza sugli abiti civili), ha ritenuto opportuno proporre al Governo di autorizzare i Carabinieri (e gli appartenenti alle altre Forze di Polizia) al porto di armi corte diverse da quella d’ordinanza quando sono in abiti civili.La segreteria Nazionale, condividendo la segnalazione dei Commissari Regionali del SIM CC Veneto, Nicola d’Amico e Alberto Di Silvio, ha deliberato scrivendo al Governo proponendo di includere i Carabinieri (nonché Poliziotti e Finanzieri) tra i soggetti abilitati al porto d’armi senza licenza, ovvero di fargli rilasciare dai Prefetti la licenza di porto d’armi in esenzione di tassa o, quanto meno, a tassazione ridotta. In tale proposta si è evidenziato che il porto d’armi senza licenza è stato riconosciuto dalla Legge di Pubblica Sicurezza del 1931 e dal Regolamento attuativo del 1940 – risalenti al ventennio fascista – agli Ufficiali di P.S. (Questori, Commissari e Ufficiali dei Carabinieri) ed a Prefetti e Magistrati (persino quelli “fuori ruolo”). Ai primi perché all’epoca non venivano forniti della pistola d’ordinanza; agli altri per mere ragioni di status (fatta eccezione per i Magistrati delle Procure e del G.I.P.). Oggi che le Amministrazioni forniscono anche agli Ufficiali di P.S. la pistola d’ordinanza, come al resto del personale, tale norma non ha più senso e si è trasformata in un privilegio avulso dalla realtà. Gli interventi a tutela dei cittadini, infatti, sono realizzati, pressoché esclusivamente, dagli Agenti di P.S., siano essi Carabinieri, Poliziotti o Finanzieri, e non dagli Ufficiali di P.S.; appare quindi sensato, anche per mettere gli Agenti in condizione di potersi conformare alla Direttiva del Ministro dell’Interno del 2017 (di portarsi al seguito la pistola anche fuori servizio per fronteggiare ogni emergenza) , estendere a coloro i quali fanno la quasi totalità degli interventi, il diritto di portare armi senza licenza, o riconoscendogli il diritto di avere licenza gratuita o a tassa ridotta, come già è per le guardie giurate. Il caso dei Prefetti e dei Magistrati appare poi particolarmente eclatante: a costoro è ancora oggi attribuito il diritto di portare armi senza licenza, senza alcun controllo circa il possesso dei requisiti fisio-psico-attitudinali e senza alcun minimo addestramento all’uso ed al maneggio delle armi (all’epoca cui risalgono tali norme v’era l’obbligo del servizio militare, per cui il possesso di tali requisiti ed addestramento venivano presunti, ma oggi la situazione è completamente diversa), mentre, paradossalmente, ciò viene precluso a chi, Carabinieri e Forze di Polizia, invece, è a ciò formato ed è costantemente monitorato.
Si è evidenziato, altre sì, che le attuali pistole d’ordinanza (Beretta mod. 92) hanno dimensioni ragguardevoli, la qual cosa non è un problema quando si lavora in uniforme, mentre lo diviene quando si lavora in abiti civili, sotto i quali è difficile occultarla; ciò pone il personale, quando viene comandato di servizio in borghese, nella incresciosa condizione di dover scegliere tra essere facilmente riconosciuto per un appartenente alle Forze dell’Ordine, vanificando il servizio, oppure svolgere servizio disarmato, esponendosi a rischi per la propria incolumità (com’è accaduto al Brigadiere Cerciello Rega) oppure a procedimenti penali militari, nonché disciplinari (come sta accadendo al Carabiniere Varriale).

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

New mandate for MEPs to assess EU values in Member States

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 settembre 2019

The European Parliament’s Civil Liberties Committee has renewed and expanded the mandate of its working group on rule of law issues, which has been renamed the Democracy, Rule of Law and Fundamental Rights Monitoring Group. The new Group will continue on the work completed in the previous parliamentary term by the Rule of Law Monitoring Group. According to the new Group mission, its MEPs will have to focus on threats to democracy, the rule of law and fundamental rights, as well as the fight against corruption within the EU, across all Member States.
The working group will be able to recommend specific actions that Parliament can undertake in view of these objectives, such as meetings with stakeholders, hearings and missions, as well as to make suggestions for Civil Liberties Committee proposals for resolutions and reports. The Group’s mandate will remain in force until 31 December 2021, at which point a mid-term review will be carried out. Specific situations in one or more EU Member States will be addressed by the Group if deemed necessary by a majority of its Members, weighted according to the number of full Members of their group within the Civil Liberties committee. In case of objection by a political group, the Committee’s coordinators will decide on whether to take action.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The Royal House of Savoy

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 settembre 2019

London – The Royal House of Savoy will be offered for auction on 15 October, the latest chapter in Christie’s long held tradition of hosting Royal collection sales. This follows the highly successful auctions from The Collection of S.A.R. La Principessa Reale Maria Beatrice di Savoia in 2005 and S.A.R. La Principessa Reale Maria Gabriella di Savoia in 2007; Christie’s also offered the collections of H.R.H. The Princess Margaret in 2006 and the Kings of Greece in 2007. Comprising approximately 150 lots, this eclectic Royal collection presents a wealth of opportunities for collectors spanning some twenty-four centuries of artistic achievement: from Daunian pottery, circa 4th-6th century B.C., 16th century family portraits and rare manuscripts, to Chinese porcelain, cars and post-war works by artists such as Lichtenstein and Pomodoro, which were set against the striking architectural form and interior of a 1970s lake-side house. The Royal House of Savoy is expected to realise in excess of £1 million. Adrian Hume-Sayer, Director, Head of Sale, Private Collections, Christie’s London: “It is a great honour to have been entrusted with this fascinating Royal collection, The Royal House of Savoy. The breadth of this collection is astonishing. Ancient Daunian pottery sits alongside family paintings boldly juxtaposed with Lichtenstein prints and Pomodoro sculpture. This sale gives a unique glimpse of Royal collecting in our own time.”

Posted in Estero/world news, Lettere al direttore/Letters to the publisher, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

CommerceWest Bank Supported Caterina’s Club and Provided Warm Meals

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 settembre 2019

CommerceWest Bank (OTCBB: CWBK) supported Caterina’s Club and provided warm meals, affordable housing and job training assistance to low-income families throughout Southern California. Caterina’s Club “Feeding Kids in America” program feeds over 25,025 children a week. The “Welcome Home” program provides qualified families, living in the dark environment of a motel, with the necessary resources to move into the safety and stability of an apartment or condo.
Chef Bruno Serato commented, “It’s time to stop talking about it and do something about it.” He continued, “Thank you all so much for supporting Caterina’s Club, the children, and families we serve. This year’s gala wouldn’t be a success without grand supporters such as CommerceWest Bank. Thank you!” Ivo A. Tjan, Chairman and CEO of CommerceWest Bank, stated, “A lot of families take for granted how meaningful it is to sit down and have a nightly dinner. It is disheartening to think of, especially when thousands of children in our community go to bed hungry, without an adequate roof over their head.” He continued, “We are excited to be able to help Chef Bruno Serato provide warm meals and affordable housing to underprivileged children and low-income families in our community.” CommerceWest Bank is a California based full service commercial bank with a unique vision and culture of focusing exclusively on the business community. Founded in 2001 and headquartered in Irvine, California. The Bank serves businesses throughout the state with an emphasis on clients in Orange County, San Diego, Los Angeles, and Riverside Counties. We are a full service business bank and offer a wide range of commercial banking services, including concierge services, remote deposit solution, online banking, mobile banking, lines of credit, working capital loans, commercial real estate loans, SBA loans, and cash management services.
Mission Statement: CommerceWest Bank will create a complete banking experience for each client, catering to businesses and their specific banking needs, while accommodating our clients and providing them high-quality, low stress and personally tailored banking and financial services.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

New Zealand’s Largest News Site Partners with Brightcove to Launch ‘Play Stuff’

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 settembre 2019

Brightcove Inc. (NASDAQ: BCOV), the leading provider of cloud services for video, today announced that Stuff, New Zealand’s largest news publisher, has selected Brightcove to power Stuff’s new online video streaming streaming service Play Stuff, in conjunction with video app partner Accedo. The Play Stuff video streaming service is built on Brightcove’s OTT Flow, powered by Accedo, as part of Brightcove’s OTT experience portfolio. The service enables Kiwis to watch local and international video content across news, sports, entertainment and lifestyle programming from the likes of Reuters, Press Association, Tech Crunch, VICE, Red Bull, Bravo New Zealand, NZ On Screen and more. Stuff decided to move into the online video market to expand its audience and increase market share beyond the traditional news publisher model, while boosting new advertising streams and solidifying its position as the leading media destination in New Zealand.“Play Stuff fills a gap in New Zealand for curated news and entertainment content in a brand safe environment,” said Paddy Buckley, Head of Video Products and Strategy, Stuff Limited. ”There has been enormous growth in demand for online video over the past few years, particularly short-form, and working with best-of-breed partners like Brightcove and Accedo has allowed us to deliver on this growing interest quickly and easily.” Together, Brightcove and Accedo provided a holistic solution to support Play Stuff, with Brightcove technology acting as the backbone and Accedo providing the UX-optimised front-end. This includes providing a consistent UX on multiple platforms across desktop, mobile web, iOS, Android and with more device coverage coming soon.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Info-Tech Research Group Announces Exceptional Start to Member Acquisition in Australia and New Zealand

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 settembre 2019

Info-Tech Research Group, which launched operations in Australia and New Zealand (ANZ) in early 2019 with a new office opening in Sydney, has announced an exceptional start, with the launch of multiple client engagements and new member acquisitions in the region.Already serving more than 100 members in ANZ, Info-Tech Research Group is further solidifying its regional focus with a strong local presence, designed to cater to a mix of medium-sized and large enterprises. Some of Info-Tech Research Group’s ANZ members include Flight Centre Travel Group, Inchcape, Ports of Auckland and Toyota.Info-Tech Research Group is a fast-growing information technology research and advisory company, serving more than 30,000 IT professionals all over the world. With the launch of operations in ANZ, Info-Tech Research Group is now able to provide incisive insights that will help CIOs and IT leaders in ANZ to drive measurable results in the areas of IT strategy, data analytics, and network and communication infrastructure.In particular, Info-Tech Research Group’s unique offerings such as IT Workshops have proven successful in the ANZ region. The Workshops are an innovative approach to IT consulting, designed to help solve pressing IT problems and complete key initiatives over the course of just five working days. Workshops help organizations work through critical project deliverables using Info-Tech Research Group’s research analysts and experts. This learning-based approach has appealed to the inherently pragmatic, problem-solving approach adopted widely by many CIOs across the ANZ region.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dayforce: Ceridian’s flagship cloud HCM software

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 settembre 2019

Ceridian (NYSE:CDAY; TSX:CDAY), a global human capital management (HCM) company, announced today that Vocus Group Ltd (Vocus) has chosen Dayforce – Ceridian’s flagship cloud HCM software – to enhance their overall employee experience and streamline HR processes, including payroll, core HR, and talent and workforce management.Vocus is a specialist fibre and network solutions provider with a world-class telecommunications infrastructure platform across Australia and New Zealand. With more than 2,000 team members, Vocus selected Ceridian’s single, cloud-based HCM solution to deliver a superior employee experience, while managing an increasingly complex regulatory environment. “A big part of our culture at Vocus is ensuring we’re building environments that help our people thrive. We focus a lot of time and resources on creating opportunities where our people can grow, take ownership, and connect with each other,” said Amber Kristof, Head of People and Culture, Vocus. “With this in mind, integrating a next generation HCM solution was a natural next step for us, and we’re very excited about Dayforce’s ability to transform our processes and help us support our people, who are our difference at Vocus.”Today, Dayforce provides Australian companies with HR, payroll, workforce management, and talent management capabilities in a single, robust, real-time application, enabling companies to engage their people, simplify processes, and work smarter.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

WWE® Draft Set for FOX and USA Network

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 settembre 2019

The destiny of WWE’s Superstars will be determined during a two-night draft taking place live on Friday Night SmackDown® on October 11 at 8 pm ET on the FOX broadcast network and Monday Night Raw® on October 14 at 8 pm ET on USA Network. On both nights of the draft, Superstars from Raw and SmackDown will appear along with personalities from FOX and NBCUniversal programming who will announce select picks from each brand. The draft will determine the Superstars that compete for Raw and SmackDown, which feature distinct casts, unique storylines and dedicated writing teams.Friday Night SmackDown on October 11 will emanate from T-Mobile Arena in Las Vegas while Monday Night Raw on October 14 will take place at the Pepsi Center in Denver.Raw and SmackDown are the #1 and #2 longest-running weekly episodic television shows in U.S. primetime history. The programs have aired more original episodes than The Simpsons, Gunsmoke, Lassie and Monday Night Football.Raw will continue airing on USA Network while SmackDown moves to FOX beginning Friday, October 4.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il Parlamento europeo dà il via libera a Christine Lagarde nuova presidente BCE

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 settembre 2019

Christine Lagarde ha ottenuto martedì l’approvazione del Parlamento per essere la prossima Presidente della BCE.Nella votazione a scrutinio segreto, 394 deputati hanno votato a favore, 206 contro e 49 si sono astenuti per raccomandare Lagarde a capo della Banca centrale europea.
Il Parlamento esprime un parere non vincolante sull’idoneità o meno di un candidato a ricoprire il ruolo di Presidente della BCE, mentre la decisione finale spetta dal Consiglio europeo. Sostituirà l’attuale titolare, Mario Draghi, dal 1° novembre.Martedì, la plenaria ha anche tenuto una discussione sulla sua idoneità. La candidatura di Christine Lagarde sarà ora iscritta all’ordine del giorno del Consiglio europeo di ottobre.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Diversity & Governance: strategie e policy aziendali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 settembre 2019

Milano Giovedì 19 settembre 2019 – Piazza Borromeo 12, 17:00 – 19:00 Seminario. Il seminario si propone di approfondire il tema della diversity data analysis: come raccogliere i dati organizzativi, aggregarli e interpretarli per individuare criticità e opportunità di miglioramento in tema gender, LGBT, disabilità, età e multiculturalità.Sarà esaminato il contesto normativo e le prassi di riferimento, con focus specifico su recruiting, gestione del rapporto di lavoro e casistica in materia di discriminazione.Verranno inoltre delineate le best practice per la costruzione della diversity policy governance aziendale e analizzati i rating finanziari di riferimento.Interverranno:
Mariella Bruno, Founder – Diversity Opportunity
Andrea Gangemi, Socio – Portolano Cavallo, Responsabile area Labor & Employment
Federico Neri, Harman Tech Lead – Harman International
Patrizia Tomasicchio, HR Director Southern Europe – Pandora

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Governo. La politica estera italiana

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 settembre 2019

Nei prossimi giorni si svolgerà l’assemblea delle Nazioni Unite (ONU) e i dossier da affrontare riguardano la nostra posizione in Africa (Libia in particolare), America del Sud (Venezuela in particolare) e Asia (Iran in particolare).La politica europea è ormai appannaggio del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, del ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri e di quello agli Affari Europei, Enzo Amendola. Dunque, rimangono i dossier internazionali, dei quali, quello relativo alla Libia ci riguarda particolarmente, sia per i problemi energetici sia per quelli dell’immigrazione, seppur fortemente limitata a qualche migliaio di migranti, nonostante la forte esposizione mediatica, e per la situazione politica libica piuttosto complessa.Infatti, mentre il governo di unità nazionale libico, che ha sede a Tripoli, è riconosciuto dall’Onu, quindi anche dall’Italia, parte rilevante della Libia è in mano al generale Khalifa Haftar che intende inglobare il restante territorio libico.Ai contendenti libici si aggiunge l’interferenza di altri Paesi (Usa, Russia, Cina, Francia e vari Stati arabi). Ricordiamo che il nostro Paese gestisce un ospedale a Misurata, protetto da nostre forze armate.E l’Italia che fa? Quali proposte da sottoporre alla assemblea dell’Onu?
Domanda interessante, da rivolgere al Governo e, soprattutto, al ministro degli Esteri, Luigi Di Maio.Occorre, in via preliminare, spiegare al ministro Di Maio che il ministero degli Esteri non è la sede del M5S, dove riunire i ministri del proprio partito, ma è luogo dove si fa politica estera, in accordo con le altre istituzioni repubblicane.(Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Regione mediterranea a rischio di inaridimento

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 settembre 2019

Roma. Un nuovo studio internazionale, a cui ha preso parte un team tutto al femminile del Dipartimento di Biologia ambientale della Sapienza, ha ricostruito la storia dei cambiamenti climatici dell’area del Mediterraneo a partire dall’analisi dei fondali di uno dei laghi più antichi d’Europa (1 milione e 360 mila anni). Il team scientifico internazionale SCOPSCO (Scientific COllaboration on Past Spectation Conditions in lake Ohrid) ha pubblicato sulla rivista Nature i risultati di uno studio paleoambientale sul Lago Ocrida (Ohrid in inglese), il più antico d’Europa, situato al confine tra Albania e Macedonia del Nord, noto per la sua eccezionale biodiversità con oltre 300 specie animali e vegetali endemiche. Obiettivo della ricerca è studiare il clima della regione mediterranea afflitta da un progressivo inaridimento, probabilmente collegato all’andamento delle precipitazioni dalle quali dipende la disponibilità idrica e la qualità della vita di oltre 450 milioni di persone.In particolare lo studio ha descritto i cambiamenti ambientali del passato avvenuti in risposta all’alternanza di periodi glaciali e interglaciali. Le analisi geochimiche e polliniche hanno permesso di capire che durante i periodi caldi e a maggior contenuto di CO2 nell’atmosfera si osserva un aumento del contrasto stagionale con estati molto più aride e autunni con forti precipitazioni. Lo studio ha inoltre documentato importanti connessioni tra il sistema climatico mediterraneo e quello monsonico africano mettendo in evidenza la stretta relazione tra clima regionale e globale. Il confronto tra i dati e i modelli climatici sviluppati nell’articolo mostra un intensificarsi dei cicloni sul Mediterraneo occidentale, soprattutto in autunno. L’aumento della ciclogenesi sarebbe legato, secondo questa ricerca, al riscaldamento anomalo della superficie del mare durante l’estate. Effetti simili potrebbero derivare dal recente riscaldamento climatico di origine antropica, e in questo contesto, le ricerche sul Lago di Ocrida potranno essere utili per risolvere alcune delle incertezze presenti nel rapporto della commissione intergovernativa sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite (Intergovernmental Panel on Climate Change, IPCC) e migliorare le proiezioni future.Il lavoro di perforazione dei sedimenti del fondo del Lago Ocrida, effettuato grazie a uno dei progetti di maggior successo del consorzio ICDP (International Continental Scientific Drilling Program) e cofinanziato da enti di ricerca nazionali, tra cui, per l’Italia, l’Istituto di geofisica e vulcanologia (Ingv) e il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), ha raggiunto una profondità di 568 m e superando una colonna d’acqua di 245 m. Gli studiosi hanno impiegato cinque anni, tramite l’analisi delle diverse proprietà delle carote di sedimento recuperato, per rivelare che il lago si è originato 1,36 milioni di anni fa e che è esistito senza soluzione di continuità.Il team SCOPSCO, diretto da Bernd Wagner dell’Università di Colonia (Germania), coordinato per l’Italia da Giovanni Zanchetta dell’Università di Pisa, vede Laura Sadori del Dipartimento di Biologia ambientale come coordinatrice del gruppo di palinologia.Tra i dati ottenuti, di gran rilievo è quello del polline fossile, che è stato studiato da un gruppo internazionale di palinologi (SCOPSCO Polle Group, https://web.uniroma1.it/dip_dba302/ricerca/scopsco-pollen-group),primo a vedere un così alto numero di esperti lavorare in sinergia su un unico archivio. Per Sapienza ne fanno parte, oltre a Laura Sadori, Alessia Masi, data manager, e Gaia Sinopoli che ha svolto la sua ricerca su questo argomento nell’ambito del Dottorato in Scienze della Terra, curriculum in Ambiente e Beni Culturali.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mutui casa: quali gli effetti delle nuove politiche BCE?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 settembre 2019

Milano, settembre 2019. Nuovo Quantitative Easing, taglio dei tassi sui depositi presso l’Eurotower e aumento della durata delle Tltro; sono questi alcuni dei punti principali tracciati da Draghi relativamente al nuovo programma di politiche monetarie adottato dalla Banca Centrale. Ma quali i possibili effetti su mutuatari e aspiranti mutuatari italiani? Ecco l’analisi Facile.it e Mutui.it.L’annuncio di un nuovo Quantitative Easing per una durata indefinita, insieme alla volontà della BCE di mantenere i tassi “ai livelli attuali o più bassi” fino all’avvicinamento dell’obiettivo inflazionistico (2%) è una buona notizia per tutti coloro che hanno già sottoscritto un finanziamento. «Chi ha un mutuo variabile potrà continuare a godere delle condizioni estremamente favorevoli del mercato per un periodo ancora più lungo di quanto non ci si aspettasse anche solo qualche giorno fa», spiega Ivano Cresto, responsabile mutui di Facile.it. «Chi ha un mutuo a tasso fisso, invece, potrebbe approfittare di una nuova finestra per surrogare il proprio finanziamento e ridurre così il peso degli interessi. Guardando ai tassi attuali, chi ha sottoscritto un mutuo a gennaio 2019, surrogandolo oggi potrebbe risparmiare 500 euro l’anno di interessi». La volontà della BCE di continuare a iniettare denaro nel sistema e adottare una politica espansiva per un lungo periodo di tempo è una buona notizia anche per tutti coloro che stanno valutando l’acquisto di un immobile. Da un lato l’allungamento della durata delle Tltro, che potrebbe aumentare la capacità delle banche aderenti di finanziare l’economia reale; dall’altro il nuovo Quantitative Easing, che potrebbe contribuire ad abbassare il costo di finanziamento per le banche italiane e che, a loro volta, potrebbero scegliere di ridurre gli spread applicati ai nuovi mutui. Da questo punto di vista, un segnale incoraggiante è arrivato già ieri, dopo l’annuncio della BCE, con lo spread italiano sceso al di sotto dei 140 punti base; qualora i valori dovessero restare a lungo su livelli così bassi, questo potrebbe generare un effetto virtuoso con conseguenze positive per le tasche dei futuri mutuatari.Se da un lato le misure sono una buona notizia lato offerta, bisogna considerare che questo ulteriore taglio dei tassi nasce dall’esigenza di rilanciare un’economia europea considerata in difficoltà. Le misure annunciate dalla BCE potrebbero quindi non essere sufficienti a dare un nuovo impulso alla domanda di mutui in Italia. «In questa prima parte dell’anno i tassi dei mutui sono calati facendo segnare nuovi record storici eppure, secondo i dati ufficiali, le richieste di finanziamento sono diminuite», spiega Cresto. «Un segnale evidente – così come sottolineato dallo stesso Draghi – di come le politiche monetarie della BCE, da sole, non siano sufficienti a rilanciare la domanda e ora spetta alle politiche fiscali adottate dai singoli stati stimolare il mercato».

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pa: Fp Cgil, passi avanti in trattativa contratto dirigenti Stato

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 settembre 2019

“Registriamo passi in avanti e con soddisfazione una significativa accelerazione”. A farlo sapere è il segretario nazionale della Fp Cgil, Florindo Oliverio, al termine del confronto che dovrebbe riprendere la prossima settimana.L’Aran, riporta il dirigente sindacale, “ha presentato i punti di avanzamento rispetto alle proposte delle organizzazioni sindacali, rappresentando inoltre che ulteriori approfondimenti si stanno facendo per le questioni che ancora non vedono risposta. In particolare apprezziamo la disponibilità dell’Aran ad assicurare incrementi per i professionisti finalizzati a ridurre la forbice attualmente esistente tra i due livelli retributivi. L’abbassamento del numero di dirigenti e professionisti, necessario per l’istituzione dell’Organismo paritetico per l’innovazione, è una prima risposta che consideriamo ancora insufficiente a garantirne l’attivazione in tutte le Amministrazioni”. Inoltre, prosegue Oliverio, “attendiamo ancora risposte sul tema dell’orario per la dirigenza sanitaria del Ministero della Salute, della tutela dei dirigenti che svolgono attività sindacale, sulla completa definizione della clausola di salvaguardia. Così come attendiamo di conoscere nella sua completezza la proposta di parte economica. Ad ogni modo esprimiamo soddisfazione per la significativa accelerazione e per gli oggettivi passi di avvicinamento delle differenti posizioni che il presidente Naddeo ha impresso alla trattativa”, conclude.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Cercasi precario da graduatorie d’istituto

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 settembre 2019

Nella scuola primaria mancano ancora una volta le maestre al Nord: 2 mila tra posti comuni e sostegno soltanto tra Torino e Milano, mentre alcune continuano a essere licenziate o cancellate dalle ex graduatorie permanenti dopo il clamoroso cambio di orientamento della giustizia amministrativa. Pacifico (Anief): “Serve prorogare subito la norma del decreto Dignità sulla continuità didattica almeno per tutto il ciclo di studi per non lasciare i bambini soli, riaprire annualmente le Graduatorie a esaurimento provvedendo alle nomine entro luglio e reclutare da graduatorie di istituto provinciali aperte periodicamente”
Nel 2014 un decreto del presidente della Repubblica dichiara abilitante il diploma magistrale conseguito prima dell’attivazione dei corsi di laurea in Scienze della Formazione primaria, ai fini delle supplenze dalla seconda fascia delle graduatorie di istituto. A quel punto in cinquantamila ricorrono per inserirsi nelle ex graduatorie permanenti, chiuse dal 2012. Il Consiglio di Stato li ammette tutte con riserva e in 2 mila con otto sentenze passate in giudicato entrano nei ruoli definitivamente. Sempre il Consiglio di Stato continua ad ammettere nelle Gae le laureate in SFP che risultavano iscritte entro il 2011/2012.Poi arrivano due sentenze della Plenaria che cambiamo orientamento del Consiglio di Stato perché ritengono che si sarebbe dovuto ricorrere fin dalla prima esclusione operata a partire dal 2002, il giudicato si sarebbe formato soltanto per le parti attoree, il titolo non è abilitante per inserirsi nelle Gae.A quel punto, diverse sentenze del Tar rigettano i ricorsi ancora pendenti dei diplomati magistrale.Interviene il legislatore, la scorsa estate (decreto Dignità), e prevede: da una parte un concorso straordinario per poter reclutare le 7 mila maestre passibili di licenziamento, perché entrate di ruolo con riserva nonostante abbiano superato l’anno di prova ma con almeno da due anni di insegnamento, lasciando le altre fuori; dall’altra la proroga dei contratti in essere al 30 giugno 2019, in ragione della continuità didattica.Il mese scorso ancora molte graduatorie di merito del concorso straordinario non erano pronte per poter assegnare le immissioni in ruolo, mentre altre graduatorie di merito del concorso ordinario in altre regioni continuano a essere sature di vincitori e idonei cui è stata prorogata la vigenza ancora per un anno.Nel frattempo, giorno dopo giorno, si susseguono le pronunce negative del tribunale amministrativo e i licenziamenti o i depennamenti dalle Gae.Il risultato? Ad anno scolastico già iniziato mancano le maestre, anche su sostegno, nelle classi con i dirigenti scolastici costretti a ricorrere sempre più a chiamate fuori graduatoria dalle Messe a disposizioni di chi non vuole lo Stato reclutare. Mancano 2 mila maestre su posto comune o di sostegno soltanto nelle province di Milano e Torino.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: E’ l’anno del disastro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 settembre 2019

Il 65% dei posti in ruolo non viene assegnato (quasi 32 mila cattedre su poco più di 53 mila). Negli ultimi quattro anni lo Stato non ha trovato circa un insegnante su due da immettere in ruolo (quasi mila su circa 188 mila assunzioni autorizzate) nonostante un esercito di 500 mila tra abilitati e aspiranti docenti disseminati tra le tele delle graduatorie. E sarà record di supplenze: più di 211 mila, quasi il doppio rispetto a quattro anni fa, nonostante concorsi ordinari e straordinari. Pacifico (Anief): si riaprano subito annualmente le ex graduatorie permanenti e si assuma anche da graduatorie di istituto provinciali con prove suppletive per i laureati esclusi dall’ultimo concorso a cattedre e si facciano assunzioni di idonei e vincitori su scala nazionale, con la salvaguardia dei ruoli già assegnati.
Sulle assunzioni mancate i conti “parlano” chiaro. Nel 2016/17 sono andate perse 14 mila immissioni in ruolo: appena 9.300 effettuate, a fronte delle 25.300 autorizzate dal Mef. L’anno successivo, il dicastero dell’Economia dette il via libera a 51.770 assunzioni, ma se ne concretizzarono appena 31.270, con una mancata copertura di 20.500 posti. Lo scorso anno la situazione è precipitata: dinanzi a 57.320 richieste di immissioni in ruolo, solo 28.120 sono state portate a termine, con 29.200 cattedre finite a supplenza.
È evidente che da quando sono state chiuse le ex graduatorie ad esaurimento nel 2012 al personale docente che è stato abilitato dallo Stato e da quando queste sono state chiuse per diversi anni anche per il personale ivi inserito, il fine di eliminare il precariato ha acuito al contrario il problema della supplentite. Perché quando le ex graduatorie permanenti si aggiornavano ogni anno al personale abilitato, con il doppio canale di reclutamento, nonostante il blocco decennale dei concorsi, si garantiva la copertura totale delle immissioni in ruolo e delle supplenze entro il 31 agosto. Con la chiusura definitiva delle Gae, invece, oggi abbiamo pochi docenti da nominare in ruolo o come supplenti, la maggior parte è inserita con riserva prossima alla cancellazione, dopo il cambio di orientamento del tribunale amministrativo. Quindi, cattedre deserte nonostante due concorsi ordinari e due straordinari e nomine del doppio dei supplenti dalle graduatorie di istituto che vent’anni fa erano utilizzati soltanto per le supplenze brevi e saltuarie e oggi sono chiamati a coprire più di 210 mila supplenze.Ma le graduatorie di istituto non sono utilizzabili per il ruolo né utili per le supplenze, perché non sono provinciali ma segnate dalle scelte fortuite dei candidati (da dieci a venti scuole). Pertanto i presidi sono costretti a riesumare le domande di ;essa a disposizione, persino quelle presentate dai giovani studenti universitari.
Risultato: in quattro anni abbiamo avuto coperte la metà delle immissioni in ruolo autorizzate e il doppio delle supplenze assegnate, in un Paese che ha 500 mila aspiranti docenti, tra quelli nelle graduatorie di merito ordinarie e straordinarie, nelle graduatorie ad esaurimento, nelle graduatorie di istituto e fuori graduatoria tra docenti abilitati, diplomati, laureati, studenti universitari. Un paradosso tutto italiano che mina la continuità didattica.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il cinema popolare? Andrebbe fatto vedere a scuola

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 settembre 2019

Castiglione della Pescaia (Gr), 14 SETT – “Il cinema popolare andrebbe fatto vedere a scuola così i ragazzi saprebbero qualcosa sul nostro paese e invece non sanno nulla”. Così Enrico Vanzina, oggi, a Castiglione della Pescaia, in occasione della presentazione del libro “Mio fratello Carlo” (edito da HarperCollins) alla Festa del Cinema di Mare (rassegna cinematografica dedicata al rapporto tra l’uomo e il mare). Lo sceneggiatore romano, regista e autore di cinema si commuove parlando del fratello: “con Carlo abbiamo imparato tanto da maestri del cinema come Dino Risi, un regista che non se la tirava mai ed era sempre disponibile con i giovani autori”. “L’ho chiamato romanzo – prosegue l’autore – perché se dal nome Carlo Vanzina leviamo Vanzina è la storia di Carlo, una storia universale”. Vanzina, poi, racconta anche un aneddoto su Castiglione della Pescaia: “non venivo qui da 50 anni e venni, una volta, perché mi piaceva una ragazza e facemmo anche il bagno di mezzanotte. Mi venne la tosse e non ci combinai niente”. “È un libro che ho dovuto scrivere – ha detto Vanzina – scritto in 50 giorni. Mio fratello ha messo in scena tanti personaggi e attori e io scrivendo questa storia l’ho reso personaggio, come nei suoi film”. Cosa è per me questo libro? “È una grande storia d’amore fatta di esperienza e di amore per il cinema”. “Tra gli aneddoti che racconto nel libro – ha continuato Vanzina – è quando Carlo diceva che se fossimo stati americani, ‘Ghost’ lo avrebbero fatto girare a noi”. E tornato sulla commedia all’italiana dice: “la commedia italiana è stata un’esperienza fenomenale, ci siamo rimboccati le maniche per fare ridere il paese dopo la guerra”. (Fonte: Ufficio Stampa – PS Comunicazione) http://www.pscomunicazione.it

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Cercasi insegnante di sostegno

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 settembre 2019

In 30 mila sono specializzati ma non possono essere assunti. Soltanto un posto autorizzato su dieci è andato in ruolo e i presidi continuano a chiedere nuovi posti in deroga che non sono concessi. Nell’anno dei record, più che mai la parola passa dai Tribunali dove è ancora possibile richiedere il rispetto del diritto costituzionale all’istruzione con l’iniziativa di Anief #nonunoradimeno. Segui il webinar promosso da Anief ed Eurosofia, tenuto dall’avv. Walter Miceli.Negli ultimi quattro anni sono raddoppiati i posti in deroga, arrivando agli attuali 80 mila, mentre gli organici di diritto (100 mila) sono rimasti invariati dal 2017. Il tutto, nonostante l’aumento di 10 mila iscritti in più l’anno: oggi siamo alle soglie dei 300 mila, mentre nel 1997 gli alunni con disabilità accertata erano appena 123 mila. Solo in Sicilia, nell’ultimo lustro abbiamo assistito a un incremento di 5 mila alunni disabili certificati. L’unica risposta che è stata data a questa crescita impressionante di iscritti è stata la caccia al supplente senza specializzazione, tanto che tra il 2018 e il 2019 solo una cattedra su sei (5 mila) è stata assegnata a chi è fornito di titolo, a fronte di 30 mila docenti di sostegno specializzati dalle università che marciscono in graduatoria. E il nuovo TFA potrebbe non aprire le porte a tutti i candidati esclusi, perché i posti voluti dall’ex ministro Marco Bussetti sono sbagliati, mentre ancora una volta un posto su due in deroga chiesto dai presidi viene negato dal Miur che ha approvato una riforma anti-costituzionale che blocca gli organici. Marcello Pacifico (Anief): Bisogna subito adeguare l’organico di fatto a quello di diritto, come ci ha detto il Tar nei ricorsi vinti in Sicilia, specializzare subito altri 50 mila insegnanti e reclutare quelli specializzati dalle GaE o dalle graduatorie di istituto, modificando l’attuale riforma che prevede nuove inutili certificazioni.Nel frattempo, Anief si sta muovendo su più fronti: ha presentato ricorso contro lo schema di decreto ministeriale sugli organici sul sostegno agli alunni disabili.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Personale Ata, mancano 3 mila Dsga

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 settembre 2019

Piuttosto che stabilizzare i 600 assistenti amministrativi facenti funzione con più di 36 mesi di servizio o di consentire loro l’accesso diretto alle prove scritte dell’attuale concorso o ancora di indire il concorso per soli titoli previsto dalla legge sul 30% dei posti disponibili, ancora una volta si firma un accordo tampone senza prospettiva alcuna: è l’ennesimo segno dell’incapacità di entrambe le parti, pubblica e sindacale tradizionale, di risolvere l’emergenza che paralizza la normale attività, aggravata dell’impossibilità dei nuovi direttori generali di attuare l’intesa per le verifiche della Corte dei Conti sulle nomine volute da Bussetti. Intanto, Anief deposita il ricorso in tribunale per far partecipare agli scritti i facenti funzione, gli Ata con 5 anni di servizio e chi ha superato la prova pre-selettiva con la sufficienza.Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief: “Ancora una volta, ci ritroviamo a parlare di occasione mancata, come lo è stata l’intesa per il decreto salva scuola, che avrebbe stabilizzato soltanto 25 mila dei 200 mila docenti precari. Anche per il personale Ata, quest’anno scolastico si aprirà all’insegna della supplentite con 40 mila posti da coprire, di cui 3 mila DSGA. In pratica, tre scuole su cinque saranno senza direttori amministrativi con gravi ricadute sull’organizzazione di ogni attività. Ma rispetto a questo problema cosa fanno Miur e Sindacati firmatari di contratto? Piuttosto che stabilizzare i 600 facenti funzione, attivare subito i passaggi verticali, siglano un accordo per tamponare la situazione. Come? Chiamando gli Ata neo-assunti o precari a ricoprire il ruolo di nuovo facente funzione in un sistema che genera aspettative poi deluse, come nel caso dell’attuale concorso dove il ministro Bussetti non li ha neanche esonerati dalla prova pre-selettiva. Non si comprende, poi, perché la stabilizzazione del personale con 36 mesi, come ha chiesto di recente la Commissione europea, in questo nostro Paese si possa attuare soltanto per il personale delle cooperative private e non per il personale chiamato dallo Stato”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il 27 settembre è sciopero generale USB per il clima

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 settembre 2019

L’Unione Sindacale di Base, aderendo allo sciopero globale per il clima, ha proclamato lo sciopero nazionale generale di tutte le categorie ed invita i propri iscritti e tutti i lavoratori e le lavoratrici alla mobilitazione. Lo stato di emergenza nel quale il Pianeta Terra è entrato da diversi anni, a causa del surriscaldamento dovuto al crescente inquinamento atmosferico, non ha spinto finora ad invertire la rotta né su scala globale né a livello nazionale. I frequenti richiami di tanta parte della comunità scientifica rimangono inascoltati e vengono spesso accusati di allarmismo e catastrofismo. Ma l’intensificarsi di sempre maggiori catastrofi, solo apparentemente naturali, sta lì a dimostrarci che stiamo correndo verso il baratro e che le ripercussioni del crescente riscaldamento del pianeta sono destinate ad essere devastanti.Purtroppo la Terra è stata colonizzata dal capitalismo ed il sistema economico resta rigorosamente ancorato ad una logica di sfruttamento della natura e di progressiva concentrazione delle ricchezze nelle mani di sempre meno persone. La corsa forsennata al profitto, che ha portato alla creazione di una smisurata massa di capitale finanziario che agisce ormai al di fuori di qualsiasi logica di crescita equilibrata, è la causa fondamentale di una produzione inquinante ed incurante della salvaguardia degli equilibri del nostro ecosistema.Per millenni l’umanità ha vissuto in armonia con il proprio ambiente, ma dall’affermazione del capitalismo e poi del colonialismo e dell’imperialismo, il Pianeta è stato sottoposto ad una pressione crescente. Ora viviamo un’epoca di accelerazione geometrica del surriscaldamento.Il terzo sciopero globale è un grido d’allarme ma anche una chiamata ad agire. Aspettarsi che i governi, le grandi istituzioni finanziarie o le aziende multinazionali mettano in campo un cambiamento radicale del modello di sviluppo non ha senso. I lavoratori e le lavoratrici possono fare tanto. Fermare l’apparato produttivo del paese, interrompere l’attività economica, anche per un solo giorno, ma tutti assieme in tanta parte del Pianeta, con centinaia di migliaia di giovani e giovanissimi che hanno avuto il merito di cominciare la mobilitazione globale, rappresenta una secchiata d’acqua gelida per chi non si è accorto di quello che sta succedendo.Lo sciopero, però, è solo l’inizio. C’è un complesso di politiche ambientali e, contemporaneamente, di lotta alle disuguaglianze sociali, che vanno agite tutti i giorni e sulle quali sarà molto importante concentrarsi già da quest’autunno.
L’Esecutivo nazionale dell’USB invita i propri delegati e iscritti ad organizzare assemblee ed incontri sui posti di lavoro e sul territorio per promuovere lo sciopero generale del 27 settembre ed allargare la partecipazione nella mobilitazione contro i veri responsabili dei cambiamenti climatici.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »