Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘abitativa’

Save the Children: emergenza abitativa

Posted by fidest press agency su domenica, 13 gennaio 2019

Un bambino su 7 (il 14%) in Italia, anche quest’anno affronta l’inverno in una condizione di grave disagio abitativo e il 15,2% delle famiglie non riuscirà a riscaldare adeguatamente la propria abitazione, con un picco del 27,8% tra le famiglie con figli minori in povertà relativa.È l’allarme che Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro, lancia in questi giorni di emergenza gelo su tutto il territorio nazionale per sollecitare interventi urgenti ed adeguati per contrastare la grave condizione di povertà abitativa che spesso pregiudica la crescita di molti bambini ed adolescenti.In un Paese dove ben 1.2 milioni di minori e 702.000 famiglie con figli minorenni (10,9% della popolazione), vivono in povertà assoluta, quasi 1 minore su 6 (il 15,4% di bambini e adolescenti), vive in case con problemi strutturali quali umidità, tracce di muffa alle pareti, soffitti gocciolanti, infissi rotti, contro una media Ue del 14,3%.Sempre in merito al disagio abitativo, sono ben 650mila le famiglie iscritte da anni alle graduatorie per ottenere un alloggio di residenza pubblica e altrettanti nuclei familiari che versano in situazioni di estremo bisogno o che sono da tempo sotto sfratto. Nel solo 2017, il 90% delle quasi 60mila sentenze di sfratto aveva come motivazione la “morosità incolpevole” e in 32mila sfratti è intervenuta la forza pubblica. Sono moltissimi i bambini che, tra sfratti e sgomberi, hanno vissuto il trauma dell’allontanamento da casa, alla ricerca di un rifugio da parenti o in alloggi di fortuna, separati a volte da uno dei genitori, dagli amici, dalla scuola, dai giochi.Una situazione talmente critica da sollecitare l’intervento della Garante per l’infanzia e l’adolescenza Filomena Albano, che recentemente ha raccomandato che fosse garantito a bambini e ragazzi il diritto all’unità familiare, alla sicurezza sociale, legata alla disponibilità di un’abitazione alternativa adeguata, alla tutela della loro salute e del loro interesse alla continuità scolastica.Save the Children sottolinea anche, come le politiche abitative in Italia assorbano appena lo 0,1% della spesa sociale (rispetto al 2,1% della Germania e al 2,6% della Francia), un investimento troppo basso che non potrà sollevare una situazione di profonda sofferenza sociale che, da Nord a Sud, compromette le opportunità di crescita di migliaia di bambini e adolescenti.“Nei giorni scorsi è giustamente stato sollevato il problema delle scuole dove i bambini e i ragazzi sono lasciati al freddo. È bene ricordare che, per alcuni di loro, il problema della mancanza di riscaldamento riguarda anche la casa, con conseguenze gravi per la salute, le performance scolastiche, le relazioni familiari e sociali, influendo negativamente sulla loro crescita” sottolinea Raffaela Milano, Direttrice dei programmi Italia Europa di Save the Children. “È necessario attuare misure di sostegno abitativo a favore, in primo luogo, di famiglie con minori e soggetti vulnerabili, come ad esempio rendere disponibili alloggi sfitti o inutilizzati, investire nella manutenzione, nella gestione e assegnazione delle case di edilizia pubblica, riutilizzo a fini abitativi del patrimonio immobiliare demaniale, fondo sociale per aiutare gli inquilini in affanno per pagare l’affitto. È inoltre indispensabile garantire l’accesso ai servizi sociali, sanitari ed educativi a tutti i bambini e la fornitura delle utenze quali acqua ed energia elettrica” conclude Raffaela Milano.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio: operativo da settimane ampio e articolato piano per emergenza abitativa

Posted by fidest press agency su lunedì, 28 agosto 2017

casa-vivaL’amministrazione capitolina ha messo a punto un ampio e articolato piano per superare il disagio abitativo. Al contrario dell’amministrazione regionale, non si è limitata a prevedere uno stanziamento di risorse, ma ha messo in campo una serie di interventi mirati. In quest’ottica i 40 milioni stanziati dalla giunta regionale del Lazio rappresentano una delle varie fonti di finanziamento del piano. L’obiettivo è fornire assistenza a circa 6.000 famiglie entro il 2019.
Si tratta di un risultato raggiungibile con una serie di strumenti diversificati, che prevedono un sostegno economico per la locazione sul mercato privato o l’assegnazione di nuove abitazioni: Buono casa e sostegno fragilità: 1.400 famiglie; Scorrimento graduatorie Erp: 1.200 assegnazioni; Frazionamenti immobili Erp: 1.200 alloggi; Contributo all’affitto: 1.000 nuclei familiari; Nuove abitazioni: acquisizione di 600 unità; autorecupero: 400 alloggi; beni sequestrati e confiscati alla criminalità: 300 abitazioni
Il piano, già approvato e operativo, anche il nuovo Servizio di assistenza e sostegno socio alloggiativo temporaneo (Sassat) per il diritto all’abitare delle persone in condizione di fragilità sociale. La sua attivazione è legata all’attuazione del Piano generale assistenziale alternativo ai Caat (Centri di assistenza alloggiativa temporanea) e si fonda sull’impiego economico dei risparmi derivanti proprio dalla loro chiusura, che ammontano a 12 milioni di euro già disponibili.
Viene, inoltre, istituita una Cabina di regia con i Dipartimenti coinvolti e i Municipi interessati si occuperà dell’attuazione e del monitoraggio del Piano. Grande attenzione sarà rivolta alla possibilità di utilizzare immobili del patrimonio disponibile e indisponibile di Roma Capitale e beni confiscati alla criminalità: entro il 30 ottobre 2017 si dovrà predisporre una mappatura degli immobili, con le stime economiche degli interventi manutentivi necessari a renderli abitabili.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Emergenza abitativa a Roma

Posted by fidest press agency su sabato, 1 aprile 2017

soldi e casaRoma. “Considerato l’aumento emergenziale dei bisogni abitativi per le persone in fascia economica svantaggiata e la scarsità dell’ offerta di alloggi in affitto agevolato, dovuta sia alla rigidità del mercato che al concomitante venir meno dell’esperienza dei C.A.A.T, il PD ha presento quest’oggi in Assemblea Capitolina una mozione, di cui sono il primo firmatario insieme ai consiglieri Baglio- Piccolo- Pelonzi, per definire un nuovo strumento di intervento sulle politiche abitative. Chiediamo in sostanza il superamento dei C.A.A.T e l’istituzione di un’Agenzia Sociale della Locazione a Roma. Tale istituzione, attraverso la verifica puntuale dell’offerta di alloggi disponibili da parte dei piccoli proprietari, deve far incontrare l’offerta di chi intende mettere a disposizione il proprio alloggio tutelato anche da un fondo di garanzia, con l’esigenza abitativa dei cittadini economicamente svantaggiati a loro volta sostenuti dall’erogazione dei buoni casa. A tal proposito sarà necessario anche costituire un Tavolo inter-istituzionale per far si che anche tutti gli enti pubblici, come ad esempio le IPAB, mettano a disposizione i propri immobili. E’ quanto dichiara in una nota il consigliere del gruppo PD Assemblea Capitolina Marco Palumbo – primo firmatario della mozione.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Risanamento ed efficienza abitativa

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2011

Weissensee (Carinzia) Austria 10 e venerdì 11 marzo 2011  “Risanamento ad elevata efficienza energetica di abitazioni vecchie”:  sarà  questo il tema centrale attorno  a  cui  ruoterà  la  terza  edizione  di  tri  Alpe  Adria  2011, simposio  internazionale  dedicato all’efficienza energetica, diventato punto d’incontro per  tutti gli esperti del settore che operano nella regione Alpe Adria. Il  convegno,  che  si  svolgerà  come  per  le  precedenti  edizioni,  nella pittoresca  cornice  del  lago Weissensee  in  Carinzia,  intende  offrire  una  panoramica  sul   concetto  del  costruire  nel  rispetto  degli standard dell’eco-building, analizzando sia le tematiche di tipo generale sia quelle più tecniche legate al mondo dell’edilizia sostenibile degli edifici.Occorre quindi investire molto nella formazione continua. Sono stati invitati illustri docenti e rinomati professionisti  europei, che attraverso  interventi  mirati  forniranno  utili  informazioni sulle  forme di consumo energetico più  responsabili e meno energivore.  Non mancherà,  come  di consueto, il tour on the  road, grazie al quale i partecipanti potranno toccare con mano e vedere alcuni edifici restaurati secondo i più recenti standard della casa passiva, che saranno presentati in loco dagli architetti autori dei singoli progetti.” Riparare  e mettere mano  al tessuto  edilizio  esistente  per  adeguarlo  ai  nuovi  standard  di  efficienza  e prestazione  energetica  è  l’obiettivo  comune  per  il  benessere  abitativo  del prossimo  futuro.  E’ interessante  notare,  come  in  molte  regioni  dell’area Alpe  Adria,  la  richiesta  di  ristrutturazioni  ha registrato una forte crescita persino in un periodo di crisi come quello del 2009. I potenziali di risparmio sono enormi:  rinnovando  un  edificio  secondo  criteri  di  elevato  rendimento energetico,  non  di  rado  si possono  ridurre i  costi fino  all’80%. Si tratta  di un’argomentazione  di indubbia  efficacia,  soprattutto in vista dell’incerto andamento dei prezzi delle materie prime, e del conseguente futuro rialzo dei costi del riscaldamento. L’efficienza energetica  può  diventare  la  bandiera  per il  rilancio  economico  della regione  Alpe  Adria.   E’  una  sfida  che  può essere  affrontata  con  successo  solo  creando  sinergie  alivello transfrontaliero tra le imprese,   gli addetti ai lavori, il mondo della ricerca e gli enti pubblici. http://www.weissensee.com

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Condizione abitativa a Roma

Posted by fidest press agency su sabato, 17 luglio 2010

Lettera al direttore Abbiamo appena appreso, dal TG Regionale, con molto piacere che oggi Alemanno insieme a Corsini e Antoniozzi hanno dato il via a due appalti per la costruzione di un totale di circa 3000 e rotti nuovi alloggi – che verranno affittati a circa 6,… euro mq – da destinare a chi non percepisce alcun reddito (?), ai precari, alle giovani coppie, alle famigle con portatori di handicap etc. etc. A conti fatti una casa di circa 60 mq, ha detto la giornalista del TG regionale, costerà all’inquilino intorno ai 400/500 euro; il tutto per un impiego ha detto Alemanno di circa un miliardo di euro; dice Alemanno che questo fantastico progetto sarà senz’altro ripreso da molte altre amministrazioni e allora perché Sig. Primo Cittadino di Roma questi poveracci degli  inquilini degli Enti, Casse e Fondazioni con la Sua consapevolezza e con il Suo placet vengono perseguitati da mesi? Sta dando il via alla costruzione di 3000 nuovi alloggi, una goccia nel mare del disastro abitativo di Roma, con tanto clamore e a noi “INVISIBILI” che oggi stiamo perdendo la casa l’unica certezza per gente che rientra a tutti gli effetti in quelle stesse categorie che sta decidendo di proteggere quando saremo sfrattati dove ci metterà?
Se di edilizia popolare parliamo, ma maggiormente di giustizia, sarebbe fantastico la personalizzazione del canone d’affitto, fatto salvo il diritto alla casa. Non potendo raggiungere questo utopico traguardo, secondo me, non si dovrebbero superare le 300-400€/mese. Faccio un esempio, tra noi disperati: se da uno stipendio medio/basso mettiamo pure di 1.700€ togliamo al mese: – 20€ per la luce – 100€ per il gas domestico – 80€ per il telefono – 200€ per la macchina – 200€ per vestiario, scuola, etc. ed infine metti anche 400€ per l’affitto, rimangono all’incirca 700€/mese per mangiare e per tutto il resto. Non devi mangiare più di tanto e in particolare prodotti di marca, devi pregare Dio che non ti serve un dottore, che non ti si rompe un elettrodomestico o la macchina, devi rinunciare alle vacanze come pure ad una pizza ogni tanto in trattoria, o ad un film al cinema, per non parlare di un cappuccino al Bar o di chi fuma. (lettera firmata)

Posted in Lettere al direttore/Letters to the publisher | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »