Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 55

Posts Tagged ‘abusivismo’

Fisioterapisti alle prese con l’abusivismo

Posted by fidest press agency su martedì, 12 febbraio 2019

La questione dell’esercizio abusivo della professione e’ “un grossissimo problema che ci vede impegnati da sempre, anche a supporto delle autorita’ competenti, per mettere a posto una situazione molto, molto pericolosa per la salute dei cittadini. In questi giorni stiamo cercando nelle sedi ministeriali di far sviluppare nel miglior modo possibile lo strano ‘condono’ che e’ stato inserito nella legge di Bilancio appena approvata”. Cosi’ il presidente dell’Associazione Italiana Fisioterapisti, Mauro Tavarnelli, ai microfoni di Radio Cusano Campus. Il riferimento e’ ai commi 537-542 che prevedono una deroga per l’iscrizione agli Ordini per i professionisti sanitari senza titoli. “Il nostro e’ un impegno costante a difesa della cittadinanza”, come dimostra il sito dell’AIFI “che fornisce in modo trasparente l’elenco dei nostri iscritti validati e certificati come fisioterapisti abilitati all’esercizio della professione”.
Contro la norma salva-abusivi e’ sempre in piedi l’ipotesi di una protesta in piazza. “Noi, insieme alle altre professioni sanitarie, stiamo facendo tutto il possibile con il massimo senso di responsabilita’ istituzionale: speriamo di essere ascoltati e se cio’ non dovesse accadere saremo pronti a farci riconoscere in tutti i modi possibili, anche con una manifestazione”. Nel frattempo prosegue l’iter di istituzione dell’Ordine, ma “sulla questione c’e’ ancora bisogno di tempo perche’ la legge prevede dei passaggi e delle decisioni da assumere all’interno del futuro albo. Al momento abbiamo un ordine professionale insieme a tutte le altre professioni sanitarie e a brevissimo avremo un albo perche’ sono in dirittura d’arrivo i cosiddetti decreti attuativi. Ma- ha concluso Tavarnelli- la battaglia per la tutela dei diritti e’ assolutamente gia’ partita”.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Amministrazione capitolina contro illegalità e abusivismo”

Posted by fidest press agency su martedì, 5 settembre 2017

campidoglioRoma. “Apprendo con dispiacere che, a seguito di alcuni controlli effettuati dalla Polizia Locale sulle attività commerciali situate in Via Ripetta, una elevata percentuale risulta non in regola. Un quadro che desta preoccupazione e che non collima con la nostra idea di legalità, intollerante nei confronti delle occupazioni abusive di suolo pubblico, dell’inquinamento ambientale e di tutto quanto possa influire negativamente sul decoro urbano. Per converso, il nostro sostegno nei confronti delle attività virtuose e legali sarà sempre pieno e incondizionato. Il mio plauso va alla Task Force del Comando Generale di Via della Consolazione, la cui azione quotidiana contribuisce a favorire, in maniera determinante, il ripristino della legalità nel territorio di Roma Capitale”. Lo dichiara, in una nota stampa, il presidente della Commissione Turismo, Moda e Relazioni Internazionali Carola Penna.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: Lotta all’abusivismo commerciale

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 giugno 2017

bancarelleGli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale hanno scoperto e chiuso una ‘fabbrica del falso’ in zona Casalotti. L’operazione è stata possibile grazie ad un’ottima attività di intelligence che ha permesso di scovare un laboratorio illegale in cui venivano prodotti e assemblati capi di abbigliamento contraffatti. Questa è l’azione di lotta all’abusivismo commerciale che stiamo perseguendo ogni giorno. Sul campo contro i venditori abusivi, ma soprattutto all’origine, per recidere i canali che li riforniscono di merce contraffatta”. Lo dichiara in una nota l’assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro Adriano Meloni.“I vigili hanno individuato locali nei quali otto persone erano dedite al confezionamento di prodotti illegali. Dentro il magazzino c’erano attrezzature e circa 30.000 capi di abbigliamento pronti a finire nella rete del commercio illegale che si avvale della manovalanza di venditori abusivi. La merce è stata posta sotto sequestro” continua. “Ringrazio gli agenti di GSSU e SPE e il vicecomandante Lorenzo Botta che ha coordinato le operazioni. La linea della legalità va difesa, anche a tutela di chi svolge ogni giorno, dalla mattina alla sera e onestamente, il proprio lavoro nel commercio” conclude.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ambulantato. Palumbo (PD): “M5S costringe aula tour de Force aula per proteggere interessi consolidati e abusivismo”

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 giugno 2017

aula-giulio-cesare“Quella tracciata sull’ambulantato dal M5S è una incomprensibile linea gotica, un vallo atlantico a difesa delle bancarelle e dei camion bar. L’aula Giulio Cesare è stata costretta ad un assurdo ‘tour de force’ notturno su un provvedimento che ha ricevuto i pareri contrari degli uffici sulla regolarità contabile e tecnico amministrativo e a cui sui è aggiunta anche la bocciatura del I° municipio. Hanno scritto un nuovo regolamento sull’ambulantato all’interno del gruppo M5S e non nell’assessorato di riferimento, di fatto esautorando l’assessore Meloni. Si porta in aula un provvedimento su una materia controversa senza alcuna consultazione con le categorie del commercio e con le associazioni dei residenti che contestano il nuovo regolamento. Dopo un anno di immobilismo l’M5S schiera le truppe a mo’ di testuggine romana a difesa di privilegi monopolistici consolidati e dell’abusivismo. Quale emergenza per la città ha indotto i 5 stelle ad organizzare una furiosa battaglia d’aula che si è protratta fin oltre le sette del mattino senza esito e con costi ingenti di personale e vigilanza? Quale urgenza ha indotto il capogruppo M5S e la maggioranza a voler discutere un regolamento controverso e iniquo, emendato dallo stesso primo firmatario e che potrebbe finire sotto la lente d’ingrandimento della Corte dei Conti?Tanto attivismo comparato ad altrettanta opacità ingenera sospetti. Sospetti più che legittimi perché finora la giunta e la maggioranza su altre questioni spinose come l’emergenza rifiuti, il trasporto, il decoro e la riorganizzazione delle partecipate comunali continuano ad essere latitanti e continuano ad arrampicarsi sugli specchi con l’arroganza di chi non ascolta e non accetta confronti. E guai a chi prova ad avanzare critiche, allora scatta la lista di proscrizione come quella sui giornalisti rei di lesa maestà. Roma rischia di affondare nell’immobilismo e nelle inadeguatezze ma guai a toccare le bancarelle.” Così in una nota il consigliere del PD Capitolino Marco Palumbo.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Abusivismo commerciale a Roma

Posted by fidest press agency su sabato, 20 maggio 2017

Roma “La Polizia Locale sta portando avanti un lavoro costante di contrasto all’abusivismo commerciale. Nel mese di aprile sono stati conclusi 18.231 controlli che hanno condotto a 1.282 sequestri amministrativi, 82 sequestri penali e 506 sanzioni amministrative pari a 2,5 milioni di euro”. Lo dichiara l’assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro Adriano Meloni. “Risultati che rappresentano lo sforzo quotidiano degli agenti nell’assicurare la legalità e nel contrastare ogni forma di abusivismo, tra cui quelle che inquinano il commercio sano della città. Lo dimostrano gli interventi di questi giorni condotti dal Reparto amministrativo del V Gruppo che hanno interessato le aree di Tor Pignattara, via Tor De Schiavi, via Prenestina, via Casilina, con un sequestro di circa 28.000 articoli illegali e sanzioni a cosiddetti “itineranti” che vendevano in sede fissa contro le regole” continua. “Abbiamo incontrato i gruppi municipali e il Comandante Lorenzo Botta che guida le unità GSSU e SPE specializzate anche nel contrasto all’abusivismo commerciale. Sono state illustrate linee guida e di intervento in grado di garantire un’azione efficace rivolta ad aree di maggiore criticità, al centro e in periferia, e che coincidono spesso con quelle a più alta concentrazione di attività commerciali” prosegue.“E’ importante, infatti, colpire all’origine la rete che alimenta, con prodotti molto spesso contraffatti, i venditori abusivi presenti sul territorio, terminali di organizzazioni dedite alla contraffazione internazionale delle merci che vedono in Roma un mercato altamente appetibile” conclude.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio: prosegue contrasto abusivismo ricettivo, nel primo trimestre scovate 81 strutture irregolari

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 maggio 2017

campidoglio“Non si ferma l’azione di contrasto all’abusivismo ricettivo. Nell’ultima settimana gli agenti della Polizia Locale hanno chiuso e sanzionato numerose strutture ricettive abusive o che operavano irregolarmente. Grazie a controlli serrati e mirati solo nel primo trimestre del 2017 sono state individuate 81 attività irregolari rispetto alle 46 del primo trimestre 2015, con un incremento di circa l’80%”. Lo dichiara l’assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro Adriano Meloni. “Voglio ringraziare il Nucleo di Supporto Operativo al Gabinetto del Sindaco, reparto speciale della Polizia Locale operante contro l’abusivismo, per i controlli che hanno permesso di individuare durante gli interventi a Trastevere due hotel abusivi, altri due che effettuavano somministrazione alimentare senza averne titolo, un affittacamere irregolare. Inoltre, anche grazie ai controlli sulle autorizzazioni effettuati dal Dipartimento Turismo e all’intervento del gruppo XIV Monte Mario, è stata disposta la chiusura di un hotel tre stelle che operava senza le necessarie autorizzazioni”, continua. “Chi agisce illegalmente nel settore turistico fa male all’immagine di Roma e all’imprenditoria sana, che rappresenta la maggioranza degli operatori. Cittadini e turisti possono darci una mano, segnalando situazioni irregolari. Elevare la qualità del turismo significa operare sul campo, contro gli abusi, con decisione. Questa è la nostra direzione di marcia”, conclude.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma Abusivismo commerciale: Meloni, bene operazione vigili contro filiera del falso

Posted by fidest press agency su sabato, 11 febbraio 2017

Roma. “Grazie all’intervento degli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale coordinati dalla Direzione Sicurezza Urbana oggi è stato dato un duro colpo alla filiera che alimenta l’abusivismo commerciale. Gli agenti hanno condotto un blitz all’interno di un capannone logistico di via del Maggiolino, al Prenestino, che ha permesso di individuare oltre 20.000 pezzi di merce contraffatta, tra cui accessori per apparecchi informatici, e altri prodotti potenzialmente nocivi per la salute dei consumatori”. Lo dichiara l’assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro di Roma Capitale Adriano Meloni. “L’intervento di oggi, che si affianca a quelli condotti in strada, è tanto più importante perché grazie al lavoro di indagine delle forze dell’ordine si sta risalendo la filiera della contraffazione fin nei luoghi di produzione e stoccaggio” spiega. “La contraffazione produce un danno ingente all’economia: è un rischio per la sicurezza dei consumatori e distrugge posti di lavoro. L’Amministrazione sta già collaborando con le istituzioni europee e con le imprese per contrastare l’industria del falso anche con campagne di sensibilizzazione come quella di “Autenticittà” patrocinata da Roma Capitale. Un ringraziamento va alla Polizia Locale di Roma Capitale che opera quotidianamente per garantire il contrasto all’abusivismo”, conclude.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Abusivismo edilizio in Sicilia: Sanatoria?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 agosto 2016

Carrà Costruzioni sulla spiaggia 1931bis«Sentir parlare della possibilità che il Parlamento della regione Sicilia vari una sanatoria per le abitazioni costruite a meno di 150 metri dal mare è avvilente, oltre che anacronistico. Sarebbe un provvedimento folle sotto il profilo normativo, uno schiaffo a tutti i cittadini che rispettano le regole e l’ennesima prova che in Italia si può costruire in spregio della legge e del buon senso con la sicurezza di non doverne affrontare le conseguenze. Senza contare che, come ha certificato il dossier del Centro Studi Sogeea, solo prendendo in considerazione i capoluoghi di provincia e gli altri Comuni con oltre 20.000 abitanti risulta che gli amministratori siciliani devono ancora smaltire 220.000 domande di condono edilizio relative alle tre leggi nazionali del 1985, 1994 e 2003. Non c’è dubbio che in molti casi, si è preferito evitare di lavorare le pratiche per non essere costretti a dare i dinieghi e dover procedere, di conseguenza, alle demolizioni. Un malcostume che si aggiunge al danno erariale per oneri concessori, oblazioni, diritti di istruttoria e di segreteria e risarcimenti per danno ambientali che potrebbero essere riscossi portando a termine la lavorazione delle istanze».Lo dichiara l’ing. Sandro Simoncini, docente a contratto di Urbanistica e Legislazione Ambientale presso l’università Sapienza di Roma e presidente di Sogeea SpA.«La situazione che si sta verificando è sintomatica dello scempio perpetrato nei confronti del territorio italiano – prosegue Simoncini –. L’ultima analisi fatta dall’Ispra sullo stato delle nostre coste è impietosa: il 20% del suolo compreso fra 0 e 300 metri dal mare è impermeabilizzato e ormai irrimediabilmente perso. Tra l’altro, nel caso di Licata, non stiamo parlando di abitazioni di fortuna costruite per dare un tetto a famiglie in difficoltà, ma di secondo o terze case realizzate per trascorrervi le vacanze: un fatto inaccettabile non solo dal punto di vista legale, ma anche etico. Ci si vuole fare beffe dello Stato e degli amministratori locali, che in forza di provvedimenti giudiziari dovrebbero procedere senza indugi alle demolizioni, ma anche di tutti gli italiani che si comportano secondo le regole. Va anche sottolineato che a presentare uno degli emendamenti in cui si propone la sanatoria è stato un ex sindaco di Trapani, città che a distanza di più di trent’anni dalla prima legge sul condono deve ancora lavorare 3.500 istanze, più di un terzo di tutte quelle presentate, e incassare oltre 13 milioni di euro. Non certo un esempio di efficienza amministrativa»

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Contrastare l’abusivismo commerciale

Posted by fidest press agency su martedì, 4 agosto 2015

raffaele ioriaIn questi giorni molte imprese Associate a Fenailp Imprese Cotronei hanno voluto mettere in risalto un problema che oramai possiamo definire come un cancro: L’ABUSIVISMO COMMERCIALE. Questo fenomeno che colpisce tanti settore merceologici, estetisti, acconciatori, fotografi, commercianti di abbigliamento e commercianti del settore alimentare non può essere più trascurato. Con rabbia tutti questi operatori economici ci hanno voluto dire che sono disgustati da questa concorrenza sleale. Siamo in una fase molto delicata, in primis per la difficile situazione economica del paese, poi per il costante e incremento del carico fiscale e burocratico sulle nostre aziende, e ancora per la forte attenzione degli organi di controllo sia di natura amministrativa che fiscale sugli esercizi commerciali. In questo quadro, le imprese ci stanno giorno dopo giorno chiedendo come possano le istituzioni tollerare senza alcun cenno di intervento, l’abusivismo commerciale che in questi anni è cresciuto in modo esponenziale. SIAMO pienamente consapevoli di alcuni risvolti sociali del fenomeno ed è infatti lontano dalla nostra cultura ogni lettura qualunquistica o atteggiamento razzista. Comprendiamo la mancanza di lavoro, le difficoltà ad avviare un impresa, ma questa attenzione non deve impedirci di affermare che il rispetto delle regole è un valore fondamentale se è condiviso, rispettato, affermato verso tutti e non solo verso alcuni. Il fenomeno dell’abusivismo non è ormai più relegato a qualche venditore di borse e vestiti, ma a un numero importante di venditori abusivi di ogni tipo di merceologia.
La Fenailp si appella «alle istituzioni del territorio, al Comune competente in materia commerciale ma anche agli altri organi competenti con l’obiettivo concreto di ottenere almeno due risultati: un freno alla crescita del fenomeno in generale e una lotta senza deroghe all’abusivismo stanziale che può e deve essere impedito. Non a caso il sottoscritto unitamente al Presidente Fenailp Cotronei Giovanni Baffa chiederà un incontro al Sindaco Nicola Belcastro per avviare una campagna volta alla PREVENZIONE E AL CONTRASTO DEL FENOMENO. Non vogliamo far nascere una campagna di repressione, ma bensì di informazione preventiva, secondo noi è doveroso informarli, orientarli, agevolarli e tutelarli per favorirne l’accesso al mercato del lavoro, rendendoli coscienti dei diritti e dei doveri che li riguardano e soprattutto fargli capire perché è meglio non accettare o effettuare un lavoro in Nero. Imparare a muoversi nel mondo del lavoro contribuisce a conferire valore a ciò che si produce. Siamo sicuri che questo intervento possa portare dei vantaggi a tutti. La Fenailp non ha paura di trattare temi così delicati, ma nel contempo possiamo affermare con sicurezza che il silenzio e il menefreghismo alimentano tutti i problemi e il nostro territorio non può più permettersi di perdere strada. (foto: raffaele ioria)

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Concorrenza imprese straniere

Posted by fidest press agency su venerdì, 30 dicembre 2011

Non è solo la crisi a mettere in difficoltà le aziende italiane. Anche la concorrenza delle imprese condotte dagli stranieri rappresenta un ostacolo dal momento che il loro numero è sempre in ascesa: +5,7% nell’ultimo anno; ma il vero problema è rappresentato però dalle attività in nero e dall’abusivismo. A detta degli imprenditori italiani la sensazione è che le imprese gestite da immigrati non rispettino appieno le normative e che ci sia bisogno di maggiori controlli da parte degli organi preposti. Più colpiti dalla concorrenza sleale il settore del tessile e del commercio. Il 60% degli intervistati ritiene che comunque le attività abusive e in nero siano molto più dannose rispetto alla concorrenza degli stranieri sempre più presenti nel tessuto imprenditoriale italiano. Questi alcuni dei risultati di un’indagine condotta dalla Fondazione Leone Moressa su 600 imprenditori italiani ai quali è stato chiesto di pronunciarsi in merito alla percezione della concorrenza delle imprese gestite da immigrati.
I numeri dell’imprenditoria straniera. Si contano a giugno 2011 oltre 400mila imprenditori stranieri: questo significa che un imprenditore su dieci è nato all’estero. Ma se il numero di stranieri continua a crescere (+5,7% nell’ultimo anno), quello degli italiani cala (-1,4%). E’ ormai una tendenza consolidata negli ultimi anni: dal 2006 ad oggi la presenza degli immigrati nell’imprenditoria è aumentata del 38,6%, ma è calata quella degli italiani (-6,6%). Roma, Milano e Torino le province che raccolgono il maggior numero di imprenditori stranieri (rispettivamente l’8%, il 6,8% e il 5,1%). Il peso maggiore degli stranieri sul totale degli imprenditori è maggiore a Prato (dove un imprenditore su 4 è straniero), seguito da Trieste (16,9%), Firenze (15,2%) e Roma (14,8%).
La concorrenza con le imprese straniere: quanto percepita e quanto reale? Gli imprenditori italiani intervistati ritengono che la presenza nel tessuto imprenditoriale di aziende condotte da stranieri sia un problema abbastanza rilevante (specie se si tratta di imprese del commercio, meno per edilizia, produzione e servizi). I motivi vanno ritrovati nella concorrenza sleale legata alla vendita di prodotti e di servizi a minor prezzo (57,5%) e di bassa qualità (15,1%), che determinano una svalutazione dei prodotti Made in Italy (27,4%). Ma rispetto alla propria azienda la concorrenza diretta con imprese straniere non rappresenta un vero problema: infatti, il 55,9% degli intervistati non è per nulla coinvolto dalla competizione con gli imprenditori di origine straniera nel proprio mercato di riferimento. Tra coloro che lo ritengono invece un problema, il 36,9% dice di aver perso negli ultimi tre anni tra il 10% e il 25% di fatturato a causa della concorrenza di imprese straniere, il 31,3% oltre 1/4 del fatturato e infine il 29,2% meno del 10%. Il rispetto delle normative. A detta degli imprenditori intervistati, le aziende gestite da italiani rispettano di più di quelle straniere le normative nazionali: oltre il 70% delle prime infatti rispetterebbe le norme sulla sicurezza (76,5%), i contratti di lavoro (76,7%) e la normativa fiscale (71,4%). Si ricavano percentuali molto più basse se si considerano le imprese gestite dagli stranieri dove il valore non supera mai il 40%: in particolare, sempre a detta degli imprenditori italiani, appena il 37,5% degli stranieri rispetterebbe le norme sulla sicurezza, il 36,6% i contratti di lavoro e soltanto il 30,2% le normative fiscali. Per arginare questo problema andrebbero aumentati i controlli da parte degli organi competenti, specie sulla fiscalità e sulle condizioni di lavoro, addirittura proponendo di limitare le concessioni di permessi agli esercizi stranieri (13,8%). Tra tutti i settori di attività i più colpiti dalla concorrenza sleale sembrano essere il comparto del tessile (19,5%), del commercio (18,1%), i bar e i ristoranti (13,0%).
Il vero problema: l’abusivismo. Ma più della concorrenza degli imprenditori stranieri, il problema risulta essere l’abusivismo e le attività in nero. In particolare il 59,6% degli intervistati ritiene che tali attività siano dannose per la propria azienda, mentre la concorrenza straniera risulta problematica per appena il 10,1% del campione; il rimanente 30,3% li considera entrambi alla stessa stregua. Il fenomeno è abbastanza diffuso, dal momento che il 38,3% è a conoscenza (diretta e indiretta) di attività in nero o abusive, in particolare nell’edilizia (50,0%) e nel commercio (40,9%).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Abusivismo edilizio

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 maggio 2011

Continua l’azione di contrasto all’abusivismo edilizio da parte dell’Amministrazione Capitolina. Questa mattina, ad essere abbattuto è stato un degradato manufatto di 1200 metri cubi, utilizzato come abitazione privata (ne erano stati ricavati due appartamenti speculari), nell’VIII Municipio. A dirigere i lavori di demolizione l’ufficio anti-abusivismo guidato dal comandante dell’VIII gruppo della Polizia Municipale, Antonio Di Maggio. Durante la demolizioni, è stato effettuato un sopralluogo della zona che ha portato al sequestro di due costruzioni. «Come è evidente da questa demolizione, la macchina del Campidoglio per contrastare gli abusi edilizi è tutt’altro che ferma. A chi continua a tacciare l’Amministrazione Alemanno di immobilismo, mi sento di rispondere con i numeri che, sono convinto, valgono più di mille parole: in 3 anni abbiamo abbattuto più di 50 mila metri cubi. Cifre reali e dimostrabili, non certo sparate ad effetto come quelle dichiarate della sinistra che afferma di aver demolito un milione di metri cubi: mera fantascienza. È come se avessero demolito 1.500 villette o più dell’intero rione Ludovisi, via Veneto compresa!». Lo dichiara l’assessore all’Urbanistica di Roma Capitale Marco Corsini. «Contrastare l’abusivismo richiede grande impegno, un controllo capillare del territorio e risorse economiche che, per quanto possibile, mettiamo in campo ogni giorno. Uno sforzo enorme. La nostra battaglia, realmente seria e puntuale, è un segno di civiltà che deve stimolare le coscienze delle persone a vivere e comportarsi nel rispetto della legalità», conclude Corsini.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bossi ulula alla luna

Posted by fidest press agency su sabato, 14 maggio 2011

Contro la pretesa di Berlusconi di depenalizzare l’abusivismo, ma solo a Napoli, con una legge elettorale decisamente anticostituzionale e in odore di “voto di scambio”, ben sapendo di soddisfare le apparenze con la base della Lega, ma conscio che dovrà accettare tutte le imposizioni del cavaliere che è, in realtà, il solo e vero padrone della Lega, per essersela comprata unitamente allo stemma dello spadone e dello statuto, con tanto di rogito notarile, per 70 miliardi delle vecchie lire. L’affare avvenne quando la Lega attaccava Berlusconi accusandolo di essere mafioso, con una lunga serie di dettagliati articoli; ma era indebitata fino al collo per investimenti sbagliati fatti dall’incompetente Bossi. Fu così che Berlusconi salvò la lega dalla bancarotta, ma ne acquistò la dipendenza assoluta. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Abusivismo e contraffazione

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 febbraio 2011

Roma. Lotta alla contraffazione nelle strade del centro. Su iniziativa dell’Assessorato alle Attività Produttive e del Comandante della Polizia Municipale è stata avviata ieri la prima operazione congiunta contro il commercio illegale portata avanti dalla Polizia Municipale in stretta collaborazione con la Guardia di Finanza. Nel Centro storico le operazioni sono iniziate in mattinata e si sono prolungate fino al termine della giornata; le zone sottoposte a sorveglianza speciale sono state soprattutto le strade commerciali del Tridente. Un’analoga operazione è stata condotta ieri nelle zone a maggior vocazione commerciale del Litorale romano. In particolare, nel Centro storico un primo bilancio del lavoro svolto dal I Gruppo della Polizia Municipale e dagli agenti della Guardia di Finanza ha fatto registrare cento sequestri fra borse e occhiali contraffatti. Sono stati inoltre fermati, denunciati e portati in Questura per il fotosegnalamento tre cittadini extracomunitari, originari del Bangladesh e del Senegal, uno dei quali sottoposto a decreto di espulsione. La collaborazione tra le forze dell’ordine continuerà nei prossimi giorni con l’obiettivo di presidiare il territorio e prevenire e costituire un deterrente alle forme di abusivismo e illegalità. «Si tratta solo di una prima fase di lavoro che vedrà coinvolte Polizia municipale e Guardia di Finanza – spiega l’assessore alle Attività Produttive Davide Bordoni –  Ringrazio i comandanti del I Gruppo Caioni e del XIII Moretti per aver dato subito seguito alla direttiva che ho emanato per potenziare la lotta al commercio illegale. Ringrazio anche i baschi verdi per il più che valido supporto che stanno dando all’amministrazione. Rinnovo ancora una volta l’appello a cittadini e turisti a non acquistare prodotti contraffatti, aiutando così il lavoro delle forze dell’ordine» (controlli)

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mercato settimanale dell’abusivismo

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 febbraio 2011

Ramacca. E’ stata effettuata una visita a sorpresa dell’Assessore alle Attività Produttive, Commercio ed Artigianato Antonino Calì presso i luoghi del mercato settimanale di Ramacca. La prima impressione, subito dopo aver effettuato i primi passi, è stata quella di scorgere un panorama assolutamente confusionario, degradato e senza nessuna logica. << Nel mercato settimanale ramacchese – afferma l’Assessore Calì – non viene rispettata alcuna norma di sicurezza ed igienica, non viene applicato il regolamento, non esistono controlli e regna l’abusivismo assoluto. In caso di necessità o di urgenza, nessun operatore del medesimo mercato, nessun cittadino e nessuna unità di intervento potrebbe mai percorre le vie in cui vi sono ubicate le bancarelle ed i mezzi dei commercianti. Non è possibile che la merce esposta invada le strade e non lasci alcuno spazio sufficiente ai passanti o alle vetture di soccorso. Non vengono assolutamente rispettati nè i lotti assegnati nè le unità commerciali. In un posto assegnato ad un venditore posteggiano anche altri due suoi colleghi. Non esiste assolutamente alcuna ripartizione in settori merceologici e non viene rispettata alcuna disposizione igienica. Parlando con gli operatori del settore, nostro malgrado, si evidenzia anche l’assoluta assenza delle forze di Polizia Municipale nei luoghi di loro competenza. In riferimento a quanto constatato – continua l’Assessore – vi è la necessità di ridisegnare le aree destinate al mercato settimanale e sensibilizzare le forze di controllo a favorire la corretta e dovuta applicazione della legge >>.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Abusivismo edilizio

Posted by fidest press agency su domenica, 30 gennaio 2011

«La denuncia lanciata dal presidente della Corte d’Appello Giorgio Santacroce nel corso della cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario, in merito al fenomeno dell’abusivismo edilizio, purtroppo ha fondamento, ma viene da molto lontano. Se si tratta di procedimenti penali conclusi, come credo, non può che riferirsi al passato. Da sempre infatti è mancato sul nostro territorio un controllo capillare sul fenomeno e sanzioni certe per chi viola la legge. Tuttavia all’amministrazione Alemanno interessa il futuro. A confermarlo è la politica messa in campo per reprimere il fenomeno, fatta di controlli che spettano ai Municipi, e di interventi di demolizione che spettano al Comune. La nostra giunta vanta, fin dal suo insediamento, il più alto numero di operazioni di bonifica su fabbricati abusivi».  E’ quanto dichiara Marco Corsini, assessore all’urbanistica di Roma Capitale

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aumentano tariffe taxi

Posted by fidest press agency su martedì, 25 gennaio 2011

Roma «La Commissione di congruità ha finito ieri il suo lavoro e ha ufficialmente consegnato la relazione dichiarando le nuove tariffe taxi congrue».   È quanto dichiara l’assessore alle Politiche della Mobilità di Roma Capitale, Antonello Aurigemma. «Le nuove tariffe – ricorda l’Assessore – sono già state votate da una delibera consiliare a luglio del 2010 e sono state subordinate al vaglio di una commissione di tecnici per valutarne la congruità. Ora, così come stabilito dalla delibera consiliare, verranno avviate tutte le procedure per consentire la loro applicazione nella massima trasparenza. La stessa trasparenza con la quale il nuovo regolamento è stato portato, per la prima volta, in Assemblea capitolina e per la quale è stata istituita la Commissione di congruità». «Le nuove tariffe, che rispondono ad un adeguamento dovuto da maggio 2009 in base a quanto stabilito da una delibera del 2007 – sottolinea l’Assessore -, entreranno in vigore dopo essere state approvate dalla Giunta e non appena saranno espletate tutte le procedure necessarie al corretto funzionamento dei tassametri e alla dovuta comunicazione per l’utenza».  «Sarà la Giunta – conclude Aurigemma – a ratificare definitivamente il piano tariffario dando esecuzione al nuovo regolamento taxi. Oltre all’inasprimento delle sanzioni per chi non rispetti le regole, sino alla sospensione in alcuni casi  e alla revoca della stessa licenza, sono previsti anche importanti provvedimenti per il decoro, per la cortesia verso l’utenza e per la lotta contro l’abusivismo»

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: rischio smottamenti

Posted by fidest press agency su venerdì, 12 novembre 2010

“Anche a Roma c’è un pericolo inondazioni e smottamenti che non va minimamente sottovalutato. Migliaia di persone rischiano la vita.”– Lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, Presidente della Commissione sicurezza di Roma Capitale, preoccupato dalla situazione metereologica che investe la Capitale in questi giorni. “Appare quanto mai improcrastinabile la riqualificazione e la messa in sicurezza  di alcune zone periferiche quali Podere San Giusto, Podere Zara, Torresina e Quartaccio. E’ necessario che gli organi preposti intervengano immediatamente per porre fine a situazioni di pericolo e abusivismo che si protraggono oramai da troppo tempo e che mettono a repentaglio la salute e  la sicurezza dei residenti, soprattutto con l’arrivo del periodo invernale, quando le piogge sono più frequenti e l’area rischia di andare soggetta a smottamenti e allagamenti. Non si possono invocare tutte le volte le  calamità naturali come un paravento dietro al quale nascondere incuria e lassismo, se non addirittura incoscienza. E’ quanto mai improcrastinabile un intervento risolutivo nell’area prima che accada l’irreparabile” – spiega Santori.“I cantieri presenti nelle zone Podere San Giusto, in particolare in Via Virgilio Testa, Torresina e Consorzio Quarto Grande non risultano in regola per lo smaltimento delle acque chiare e nere, aggravando la situazione degli scoli, considerata l’assenza di una condotta che li convogli al vicino fosso delle Campanelle, il quale necessita di essere pulito e bonificato in quanto unico punto di raccolta delle acque meteoriche dell’intera area, per evitare che un eventuale smottamento distrugga le abitazioni sottostanti.  Prioritario appare anche il ripristino della gabbionatura sita alla fine di Via Andrea Barbato, indispensabile alla zona per il drenaggio dell’acqua, al fine di evitare frane ed allagamenti nelle abitazioni limitrofe, altro provvedimento che i residenti attendono da tempo”– conclude Santori.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: Abusivismo edilizio

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 ottobre 2010

Ottantanove sequestri, fra amministrativi e penali, per un totale di 1901 pezzi sequestrati; 132 controlli su attività commerciali con dieci violazioni accertate: sono questi i risultati ottenuti dagli uomini del Gruppo Centro Storico della Polizia Municipale di Roma nel fine settimana. Organizzati in presìdi fissi supportati da una forza di pronto intervento rapido, gli Agenti della Municipale hanno controllato in prevalenza Piazza di Spagna, Trinità de’ Monti, Colosseo e Via dei Fori Imperiali.  1743 articoli sottoposti a sequestro amministrativo – ombrelli, foulards e accessori vari – nonché 158 di rilevanza penale tra cui  borse, occhiali e orologi contraffatti. Nella notte di sabato, inoltre, dai controlli effettuati su centotrentadue attività commerciali, riguardanti pubblici esercizi, laboratori e vendita, centosette hanno avuto esito regolare, e 7 sono state le sanzioni elevate per aver protratto l’orario di chiusura, per aver somministrato alcoolici oltre l’orario consentito e per schiamazzi fuori dai locali.  Infine, sono stati 11 i controlli per le occupazioni di suolo pubblico: una è risultata completamente abusiva; una difforme a quanto autorizzato, mentre per due attività sono in corso i necessari accertamenti al fine di verificarne la regolarità.  «I sequestri effettuati dalla Municipale – afferma Giorgio Ciardi, delegato alla Sicurezza del sindaco Alemanno – dimostrano come sia importante l’attenzione costante dell’Amministrazione Alemanno rispetto al fenomeno dell’abusivismo commerciale che non solo crea disordine ma comporta anche un serio danno economico alle attività commerciali legali e oneste»

Posted in Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tassisti romani: abusivismo e concorrenza sleale

Posted by fidest press agency su venerdì, 16 luglio 2010

«Di là di polemiche di parte credo che la delibera che è stata approvata oggi dal Consiglio Comunale rappresenta un giusto compromesso tra le esigenze dei consumatori e quella della categoria dei tassisti. Per giungere ad una situazione migliore è necessario adesso concentrarsi nella lotta contro l’abusivismo e contro la concorrenza sleale che viene dagli Ncc che hanno licenze date  fuori Roma su cui le inchieste dei Carabinieri stanno gettando una luce inquietante. Mi auguro che in tal senso sia approvata presto una legge nazionale che consenta ai comuni di emettere delle normative vincolanti contro ogni forma di abusivismo e concorrenza sleale fra taxi e Ncc. Questa è la strada per offrire un servizio sempre più improntato a criteri di qualità ed economicità e per recuperare importanti risorse per il bilancio del Comune di Roma». È quanto dichiara il sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma invasa dai camion-bar abusivi

Posted by fidest press agency su martedì, 6 luglio 2010

Con l’arrivo del bel tempo e, conseguentemente, con l’incremento del numero di turisti, il centro storico della Capitale è stato invaso dai camion-bar abusivi: via dei Fori Imperiali, piazza San Marco, Fontana di Trevi, via della Conciliazione, sono solo alcune delle location scelte da guidatori di furgoncini stracolmi di cibo e lattine che, in barba a ogni concessione di tipo commerciale, riducono i luoghi più belli di Roma a una mangiatoia a cielo aperto. Il caso più eclatante è quello dell’Ara Pacis, dove un camion-bar appare e scompare con la puntualità di un orologio svizzero. L’ambulante è autorizzato alla vendita di cibo e bevande, ma non alla sosta di fronte al monumento, dove si ripresenta incurante delle numerose diffide ricevute.  “Quello dell’abusivismo nel centro storico – ha commentato Oscar Tortosa, vicesegretario laziale dell’Italia dei Valori – è un problema annoso. I regolamenti comunali ci sono, ma andrebbero fatti rispettare dai vigili. Delibere specifiche hanno stabilito che questi camion non possono sostare di fronte a determinate piazze od opere architettoniche, invece assistiamo a una vera e propria invasione da parte di chioschi ambulanti che tra l’altro non possiamo definire neanche una esigenza sociale, visti i prezzi che arrivano anche a 5 euro per una bottiglietta d’acqua. La domanda che pongo all’assessore al commercio è questa – incalza Tortosa –: non sarà il caso di prendere provvedimenti come la sospensione delle licenze o il ritiro delle stesse per coloro che perseverano? Se la pubblica amministrazione non applica in maniera seria il regolamento – conclude con una punta di polemica il rappresentante del partito guidato da Antonio Di Pietro – a volte ci si domanda quali interessi ci siano dietro a questa sbadataggine”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »