Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘accademia polacca’

Dalle interpretazioni artistiche al manifesto letterario

Posted by fidest press agency su martedì, 18 gennaio 2011

Roma 25 gennaio 2011, alle ore 18.30 presso la Biblioteca del Centro di Studi dell’Accademia Polacca delle Scienze, Vicolo Doria, 2 (Piazza Venezia) conferenza del Prof. Alessandro AJRES
dell’Università di Torino sul tema “Dalle interpretazioni artistiche al manifesto letterario.  Roma e Venezia nei racconti di Gustaw Herling-Grudzinski”
Alessandro Ajres – polonista, dal 2009 docente della lingua polacca all’Università di Torino, dottore di ricerca in “Slavistica”. E’ autore di varie pubblicazioni, soprattutto sull’avanguardia, letteratura contemporanea polacca, e in particolar modo quella di  Gustaw Herling-Grudzinski e i suoi rapporti con l’Italia.
Immaginando il martirio di Giordano Bruno nel suo racconto “Caravaggio: luce e ombra”, Herling crede di scorgere Caravaggio presso Campo de’ Fiori “seduto fino a sera nell’osteria all’angolo, sull’incrocio della strada che conduce a Palazzo Farnese, con il viso terribilmente alterato”, partecipe dell’evento. Lo scrittore polacco crea questa visione attraverso “gli occhi dell’immaginazione”, ovvero nella realtà artistica, quella dove si muove e che si sforza di tenere sempre tra verità e finzione, reale ed irreale. Quella di Herling è una poetica che scivola tra gli antipodi e che trova una delle sue espressioni più alte nel racconto “Ritratto veneziano”. La città sulla laguna è l’incarnazione stessa del confronto reale-irreale, fatta com’è di materia e di sogno allo stesso. tempo. Al suo interno dunque, lungo le sue calli e i suoi campi, Herling dissemina le tracce del proprio segreto di scrittore, teso anzitutto alla ricerca del confine tra bene e male.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fryderyk Chopin e George Sand

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2010

Roma 14 dicembre 2010, alle ore 18.30 presso la Biblioteca del Centro di Studi dell’Accademia Polacca delle Scienze,  Vicolo Doria, 2 (Piazza Venezia) interverrà la Prof.ssa Regina Bochenek-Franczak – professore di letteratura francese all’Istituto di Filologia Romanza dell’Università Jagellonica di Cracovia. Specializzata in campo di storia del romanzo del XVIII e XIX secolo, in particolare – dell’opera di George Sand (George Sand, Wroclaw-Warszawa-Kraków-Gdansk, 1981), e del romanzo epistolare (Le personnage dans le roman par lettres à voix multiples de “La nouvelle Héloise” aux “Liaisons dangereuses”, Kraków, 1996), nonché del romanzo nel periodo della Grande Rivoluzione Francese (Raconter la Revolution, Leuven, 2010).
Il legame, tra il compositore polacco e la scrittrice francese Aurora Dudevant, conosciuta sotto il suo nome d’arte maschile George Sand, durato diversi anni, è diventato l’oggetto di una di quelle storie sugli amanti famosi, che hanno fruttato di diverse interpretazioni e vissuto la propria vita. La conferenza disegnerà l’immagine della relazione che emerge dai saggi, dalle biografie e dalle opere letterarie scritte da autori polacchi e pubblicate in Polonia dal 1840 ai tempi nostri. I tratti più caratteristici che risultano da questa immagine sono, in primo luogo, il cambiamento nella percezione di George Sand – dalla figura di una scrittrice all’unico ruolo di amante di Chopin, a cui ha contribuito anche la mancanza di nuove traduzioni delle sue opere. In secondo luogo, malgrado alcune interpretazioni oggettive tra i biografi polacchi di Chopin, domina l’atteggiamento sfavorevole, anzi ostile nei confronti della scrittrice francese. L’atteggiamento che oscura il carattere complesso della relazione dei due grandi artisti.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Accademia polacca: presentazione volumi

Posted by fidest press agency su lunedì, 11 gennaio 2010

Roma 12 gennaio 2010, alle ore 18.00 presso la Biblioteca del Centro di Studi dell’Accademia Polacca delle Scienze,  vicolo Doria 2 (Piazza Venezia) incontro con Marina Ciccarini Professore dell’Università di Roma Tor Vergata e alla presentazione dei volumi: “Ultimi roghi. Fede e tolleranza alla fine del Seicento: il caso di Andrej Christoforovič Belobockij”  [Ostatnie stosy. Wiara i tolerancja przy końcu XVII wieku: przypadek Andreja Christoforowicza Biełobockiego], Armando Editore, Roma 2008, pp. 196 „Żart, inność, zbawienie. Studia z literatury i kultury polskiej” [Facezie, alterità, salvezza. Saggi di letteratura e cultura polacca], Wydawnictwo Neriton, Warszawa 2008, pp. 302 (tom XI serii wydawniczej: Nauka o literaturze polskiej za granicą). Interverranno: Prof. Giovanna Brogi Bercoff (Università di Milano) Prof. Luigi Marinelli (Università di Roma “Sapienza”) Nel primo dei due volumi viene pubblicato il testo polacco di Wyznanie wiary (Confessione di fede) di Jan Białobocki (Andriej Christoforowicz Biełobocki), redatto in Russia dall’erudito e nobile polacco per difendersi dall’accusa di eresia che gli era stata mossa dalle alte gerarchie della Chiesa moscovita nel 1681. Le idee e l’attività di Białobocki sono presentate nel vasto panorama dell’epoca, nel contesto delle complesse relazioni polacco-russe, alla vigilia della grande opera di ammodernamento e occidentalizzazione intrapresa da Pietro I. Il secondo volume contiene una raccolta di tredici studi di carattere storico-letterario che abbracciano il periodo fra il XVI e XX secolo. I saggi affrontano problemi e momenti diversi delle relazioni culturali fra Polonia ed Europa, e analizzano in chiave comparatistica alcuni temi  significativi che attraversano  le culture polacca, italiana, francese e russa, sullo sfondo degli eventi storici che le accompagnano.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Intellettuali toscani in Polonia e Lituania

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 dicembre 2009

Roma 15 dicembre 2009, alle ore 18.00  presso la Biblioteca del Centro di studi dell’Accademia Polacca delle Scienze vicolo Doria 2 (Piazza Venezia). Relatore Renato Risaliti è professore ordinario di Storia dell’Europa Orientale all’Università di Firenze. Nel campo storico è autore di numerose opere fra cui: Togliatti fra Gramsci e Nescaev (Omnia Minima Editrice, Prato 1995) e Gli Slavi e l’Italia (Cirvi, MoncalieriI 1996). È inoltre autore di saggi di argomento letterario fra i quali M. A. Bulgakov (Lito-offset Felici, Pisa 1972) e Storia del teatro russo (Toscana nuova, Firenze 1998-1999). Per la Bruno Mondadori ha pubblicato Storia della Russia. Dalle origini all’Ottocento (2005) e La Russia: dalle guerre coloniali alla disgregazione dell’URSS (2007). Il relatore parlerà degli argomenti presentati nel volume Intellettuali pistoiesi nell’impero russo. Uscito nel 2008  il libro contiene le lettere di Niccola Monti a Sebastiano Ciampi con la ristampa anastatica di parte della sua opera “poliantea” in cui riferisce dei suoi contatti coi Polacchi e “Le memorie inutili” in cui si parla di altri contatti. Il volume contiene inoltre le lettere di Luigi Cappelli a Sebastiano Ciampi in cui riferisce particolari estremamente interessanti sui suoi rapporti con Joachim Lelewel. Si intravedono sullo sfondo i legami con Luigi Cappelli. Inoltre da queste lettere emerge la figura di un altro intellettuale toscano, Luigi Chiarini, che è stato l’istitutore del grande poeta polacco Krasiński.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »