Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Posts Tagged ‘accoglimento’

Class action. E’ la volta buona?

Posted by fidest press agency su venerdì, 19 giugno 2015

universita_degli_studi_di_trentoNon esistono ad oggi statistiche ministeriali che aiutino a tracciare la storia della class action dalla sua introduzione ad oggi. I dati sui quali ci basiamo sono quindi esclusivamente quelli dei quali siamo riusciti a venire in possesso, senza pretesa di esaustivita’. Stando alle statistiche dell’Osservatorio antitrust dell’Università degli Studi di Trento, al 17 giugno 2014 erano state incardinate in Italia 40 azioni di classe. Di queste, 16 sono state dichiarate inammissibili, 9 sono state ammesse, 22 sono ancora in corso e solo tre azioni sono state accolte con sentenza di accertamento/risarcimento/restituzione (il sito pero’ non specifica se le tre accolte siano gia’ divenute definitive o se pendano appello/ricorso in Cassazione).Solo 40 incardinate e solo 3 accolte. Un flop. L’azione di classe, come attualmente disciplinata, non fa nessuna paura alle aziende, non e’ assolutamente idonea a metterle sotto pressione economica e psicologica, non le stimola a maggior correttezza nei confronti dei consumatori nel timore di una condanna severa (economicamente parlando) se questi consumatori si unissero in una class action contro di loro.La proposta di legge passata alla Camera (disegno di legge C.1335, ora al Senato S.1950) e’ sicuramente migliorativa dell’attuale sistema perche’ smantella quell’apparato di “punizioni economiche” per il proponente, che facevano si’ che l’azione venisse scoraggiata (spese legali decisamente superiori rispetto a quelle di una causa individuale, rischio di condanna alle spese e al risarcimento dei danni per lite temeraria in caso di inammissibilita’ della domanda, spese di pubblicita’ dell’azione). Tali punizioni economiche vengono “spostate” sull’azienda, che sara’ tenuta a pagare le spese di eventuali consulenze tecniche, i compensi del “rappresentante comune degli aderenti”, in misura percentuale tenendo conto del numero dei componenti la classe secondo scaglioni predeterminati dalla legge stessa, le spese legali dell’attore maggiorate in ragione delle somme dovute agli aderenti. In caso poi l’azienda condannata non paghi spontaneamente sara’ possibile una esecuzione forzata “collettiva”. La pubblicita’ dell’azione, che nella legge attuale e’ a carico del proponente, verra’ effettuata dalla cancelleria del Tribunale sul sito del ministero della Giustizia. L’azione potra’ essere intrapresa – da un’associazione, un comitato o un singolo componente della classe – per la tutela di “diritti individuali omogenei”, cioe’ per accertare la responsabilita’ di condotte lesive tenute da imprese e enti gestori di servizi pubblici o di pubblica utilita’ e per ottenere la condanna al risarcimento del danno. La disciplina si apre quindi a qualsiasi “diritto individuale omogeneo” mentre finora l’azione di classe e’ stata possibile solo per limitate categorie di diritti (consumeristici e interessi collettivi) e solo in determinati ambiti. Il giudizio si strutturera’, stando al testo attualmente al vaglio del Parlamento, in tre fasi: vaglio del Tribunale sulla ammissibilita’ dell’azione; decisione nel merito; in caso di accoglimento, liquidazione delle somme dovute.
Il potenziale aderente non avra’ bisogno di farsi assistere da un avvocato e potra’ aderire all’azione anche dopo la sentenza di accoglimento (nella terza fase) entro un termine stabilito dal Tribunale.Sara’ inoltre possibile anche proporre una azione collettiva inibitoria per ottenere l’ordine di cessazione o il divieto di reiterazione della condotta, che potrebbe rivelarsi molto utile in ottica “preventiva”, per evitare che una determinata condotta sia protratta cagionando ulteriori danni. In questo caso il Tribunale potra’ avvalersi, ai fini della prova, anche di “dati statistici e di presunzioni semplici”.Si tratta di un disegno di legge sicuramente migliorativo della disciplina attuale, che e’ pero’ ancora solo a meta’ dell’iter parlamentare, e contro il quale le imprese hanno gia’ iniziato una strenua opposizione, che ha gia’ portato il ministro Boschi a “prendere le distanze” (4) dal disegno di legge.Vedremo se il Senato lo confermera’, migliorera’ (dal nostro punto di vista) o lo snaturera’ facendosi condizionare dalla strenua opposizione di Confindustria e dai sostenitori di queste posizioni in Parlamento. (Emmanuela Bertucci, legale Aduc)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riforma universitaria

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 ottobre 2010

“L’ipotesi che il ddl Gelmini, che riforma il sistema dei concorsi e introduce strumenti di valutazione didattica e amministrativa, attualmente prevista per il 14 Ottobre possa essere rinviata non è scelta felice e –affermano in una nota congiunta i neo eletti di Azione Universitaria al CNSU Erio Buceti, Claudio Borgia, Mimmo Paternoster e Francesco Sgura- “ l’obiettivo che bisogna assolutamente raggiungere è quello di lanciare il provvedimento in seconda lettura alla Camera entro la fine di questa  settimana così da completare il terzo e definitivo passaggio al Senato entro la fine dell’anno. Siamo soddisfatti per l’accoglimento delle ultime modifiche che la Commissione Istruzione ha approvato la scorsa settimana come l’emendamento salva-ricercatori che mette sul piatto 9000 posti da associato tra il 2011  e il 2016, con un finanziamento ad hoc e per l’emendamento proposto da Azione Universitaria riguardante gli studenti meritevoli in base al quale chi ha preso il massimo in sede di laurea dopo un percorso regolare non dovrà restituire eventuali prestiti d’onore richiesti. Questa è la strada giusta per il rilancio dell’Università italiana, l’approvazione della riforma necessita di priorità assoluta”. (Andrea Volpi)

Posted in Politica/Politics, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Eleggibilità governatore Lombardia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 giugno 2010

Milano 3 luglio 2010, ore 11.00  Presso “Il Caffe'” – Via San Barnaba, 39 (Ang. Manara) conferenza stampa indetta dal MoVimento 5 Stelle  nel corso della quale, insieme all’avv. Giuseppe Enrico Berti del Foro di Milano, saranno spiegati i dettagli del ricorso e le conseguenze politiche e istituzionali in caso di accoglimento.
L’8 luglio 2010 alle ore 11.30 presso la II sezione civile del Tribunale di Milano, si terrà l’udienza relativa al ricorso presentato dal MoVimento 5 Stelle contro Roberto Formigoni, volto ad ottenerne la declaratoria di decadenza per ineleggibilità ai sensi dell’art. 2 comma 1 lett. f) della legge 165/2004.  La sentenza sarà emessa immediatamente dopo l’udienza.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Incentivi

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 marzo 2010

Dal 6 aprile bonus per elettrodomestici, motorini, cucine e nautica A beneficiarne saranno a circa il 2-3% famiglie, cioè circa 500.000 Il meccanismo del “rubinetto” previsto per la concessione del bonus creerà molti problemi. È prevedibile, infatti, che nei primi giorni si concentreranno migliaia di domande di bonus per avere la certezza di rientrare nei fondi previsti. E’ prevedibile anche che i commercianti utilizzeranno questi incentivi in modo pubblicitario. Il rischio è che il consumatore acquisti il bene con la promessa del bonus, per poi scoprire, ad acquisto effettuato, che non è rientrato nei benefici. Per questo Adiconsum raccomanda prudenza e consiglia di prenotare il bene che si intende acquistare, confermando l’acquisto solo dopo aver accertato l’accoglimento della domanda di bonus da parte di Poste Italiane, incaricate di gestire i fondi. Adiconsum invita, inoltre, i commercianti a tenere un comportamento corretto e trasparente. In caso contrario non mancheremo di segnalare all’Autorità Antitrust, l’eventuale pratica commerciale scorretta, pesantemente sanzionata dalla normativa di legge. Per le famiglie i bonus previsti riguardano: • cucine componibili complete di elettrodomestici: bonus 10% contributo max di 1000 euro media bonus: 500 euro beneficiari: circa 120.000 famiglie• elettrodomestici (lavastoviglie, cucine, forni elettrici, scaldacqua a pompa di calore, stufe): bonus 20% contributo max di 500 euro media bonus: 150 euro beneficiari: circa 330.000 famiglie • motocicli: bonus 10% (20% per motocicli elettrici) contributo max di 750 euro (1500 euro per quelli elettrici) media bonus: 300 euro beneficiari: circa 40.000 consumatori• nautica da diporto: bonus 20% contributo max di 1000 euro media bonus: circa 600 euro beneficiari: circa 33.000 consumatori Focus su acquisto nuovi immobili ad alta efficienza energetica Adiconsum vede di difficile attuazione questo contributo pari a 116 euro/mq per un importo max di 7.000 euro per le abitazioni di classe A e di 83 euro/mq per quelle di classe B, perché il patrimonio immobiliare anche quello di recente costruzione è oggi classificato per oltre l’80% nelle categorie E, F, G. Si tratta, ad avviso di Adiconsum, di un contributo che rischia di finanziare costruzioni già efficienti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Regionali Lombardia: esclusione Roberto Formigoni

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 marzo 2010

Milano 1/3/2010. Oggi alle ore 15.45 all’ingresso del Tribunale di Milano (in Corso di Porta Vittoria) Marco Cappato e Lorenzo Lipparini hanno tenuto una conferenza stampa sull’accoglimento da parte dell’Ufficio centrale Regionale presso la Corte d’Appello di Milano del ricorso della Lista Bonino-Pannella in Lombardia per l’esclusione della lista di Roberto Formigoni dalla elezioni regionali.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »