Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Posts Tagged ‘accolti’

Classifica dei comuni italiani con più migranti accolti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 ottobre 2015

immigrati a BudapestLa Fondazione Ismu, in base ai dati raccolti dal Ministero dell’Interno, ha scattato una fotografia del numero dei migranti accolti il giorno 6 agosto 2015 nei centri di primissima accoglienza (circa 10mila presenti nei Cara, Cda, Cpsa) e nelle strutture temporanee italiane (circa 61 mila presenti in centri d’accoglienza, associazioni, strutture della Caritas, oratori, alberghi, palestre, ex caserme, ecc., tutti centri che, in situazioni di emergenza, vengono destinati all’accoglienza dei migranti), sommandoli al numero degli stranieri ospitati nei centri della rete Sprar allo scorso 15 luglio (circa 21mila). In totale i migranti presenti in tali stutture nelle date indicate erano 91mila.
Tra le 100 città d’Italia più popolose, i comuni che ospitavano il maggior numero di migranti in valori assoluti sono Roma con 4.773 stranieri accolti (più ulteriori 222 posti Sprar assegnati in generale in provincia), seguita da Catania (3.303), Milano (1.459, più ulteriori 659 posti in strutture temporanee non convenzionate o ancora da collocare fra tutti i comuni della provincia), Bari (1.328), Bologna (908), Torino (814), Caltanissetta e Foggia (entrambi i comuni con 766 migranti accolti, ma Caltanissetta ha altri 50 migranti in rete Sprar assegnati in generale all’intera provincia), Marsala (761) e Bolzano (727).
Per quanto riguarda invece il rapporto tra migranti ospitati in strutture temporanee, centri Sprar e centri di primissima accoglienza e popolazione residente, in base alle elaborazioni della Fondazione Ismu su dati del Ministreo dell’Interno e dell’Istat, i comuni numericamente più “accoglienti” alle date sopra indicate erano Caltanissetta con un immigrato ogni 83 abitanti (uno ogni 78 se considerassimo associati al capoluogo quelli in generale riferibili all’intera provincia), Catania (un immigrato accolto ogni 96 abitanti), Marsala (uno ogni 109 abitanti), tutti in Sicilia. Seguono Bolzano (uno ogni 146), Como (uno ogni 156), Cremona (uno ogni 170), Trapani (uno ogni 171 abitanti), Foggia (uno ogni 199), Udine (uno ogni 223) e al decimo posto Bari (un migrante accolto ogni 247 abitanti).Tra i comuni maggiori (per le presenze a Catania e a Bari leggi il punto precedente), Bologna ospitava un migrante ogni 425 abitanti, Roma uno ogni 602 (o uno ogni 575 se considerassimo nel capoluogo quanti in rete Sprar assegnati alla provincia), Firenze un migrante ogni 726 abitante, Genova uno ogni 817, Milano uno ogni 916 (o uno ogni 631 considerando anche i migranti in strutture temporanee non definite tra i comuni della provincia), Torino uno ogni 1.102, Napoli uno ogni 2.718, infine Palermo con uno ogni 4.163. (Fonte: Elaborazioni Ismu su dati Ministero dell’Interno e Istat)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giustizia europea: accolti ricorsi italiani

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 dicembre 2010

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, con sentenza del 21.12.10 (sentenza Gaglione e altri), ha accolto 480 ricorsi presentati dal mio studio condannando il Governo italiano a risarcire i ricorrenti del danno patrimoniale e non patrimoniale subito per il tardivo pagamento delle sentenze di condanna per la durata eccessiva dei processi (legge Pinto). Il Governo italiano, in sostanza, dopo essere stato condannato dalla giustizia italiana con migliaia di sentenze nelle cause che il mio studio propone per ottenere il risarcimento dei danni per la durata eccessiva di processi civili o amministrativi, non paga queste sentenze, costringendoci – per cercare di indurlo a pagare, oltre che per ottenere i risarcimenti – a ricorrere a Strasburgo per i danni. Pendono a Strasburgo altri 3.180 miei ulteriori ricorsi analoghi che si può a questo punto ritenere verranno anch’essi accolti. Preciso che non sussiste alcuna prassi né recente né antica della Pubblica Amministrazione (PA) italiana a pagare alcun tipo di sentenze di condanna costringendo i creditori ad agire con pignoramenti che peraltro ostacola in tutte le maniere attraverso una continua produzione di norme ‘antipignoramento’. Pignoramenti del denaro della PA che, peraltro, fui proprio io, dopo un durissimo scontro giudiziario, a realizzare, per la prima volta, solo nel 1992, contro le Prefetture, all’epoca assurdamente competenti in materia di pensioni di invalidità. Competenza che persero e che passò all’INPS proprio in seguito a quella vicenda, con grandi vantaggi per la collettività degli invalidi, ai quali, una volta riconosciute le pensioni, venivano pagate con ritardi sovente decennali.  Pignoramenti però ancor oggi praticamente impossibili nei confronti dei Comuni e comunque difficilissimi nei confronti della PA in generale, che paga sistematicamente con gravi ritardi e difficilmente senza la ‘mediazione’ politico\clientelare di qualcuno: un potere di discriminare che è forse una delle ragioni dei mancati pagamenti spontanei. (Alfonso Luigi Marra)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »