Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Posts Tagged ‘accordi’

Fondi per gli accordi di filiera sul grano duro

Posted by fidest press agency su sabato, 28 marzo 2020

Altri 30 milioni di euro per gli anni 2020, 2021 e 2022 oltre ai residui di stanziamento relativi all’esercizio finanziario 2019 e pari a ulteriori 10 milioni di euro che si aggiungono ai fondi già previsti per il triennio precedente. È il contributo che il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali destina ai coltivatori di frumento duro che stipulano contratti di filiera con gli operatori della trasformazione e della commercializzazione dei prodotti cerealicoli e lattiero-caseari attraverso un decreto che sarà approvato dalla Conferenza Stato-Regioni nella riunione in videoconferenza di giovedì 26 marzo.“Incentivare questi contratti ci permette di rafforzare tutta la filiera – dichiara il Sottosegretario alle Politiche Agricole, Giuseppe L’Abbate – Se da un lato diamo una certezza economica ai produttori, che con questo decreto incentiviamo ulteriormente alla stipula, dall’altro miglioriamo la qualità del frumento duro italiano, anche attraverso l’utilizzo di sementi certificate, dando un valore aggiunto all’imprese agroalimentari di trasformazione – prosegue L’Abbate – Stiamo lavorando per accelerare i pagamenti degli scorsi anni sia attraverso procedure di Agea, l’ente incaricato per espletarli, sia attraverso modifiche normative per semplificare l’iter. Lo strumento dei contratti di filiera è il futuro del comparto agroalimentare italiano – conclude il Sottosegretario alle Politiche Agricole – e, pertanto, non dobbiamo far sì che i malumori nell’incasso dell’incentivo possano minarne la concreta realizzazione”.L’importo massimo del contribuito è fissato a 100 euro l’ettaro per una superficie coltivata a grano duro nel limite di 50 ettari a beneficiario ed è concesso nel regime degli aiuti “de minimis” del settore agricolo, ovvero entro un valore massimo di 20.000 euro nell’arco di tre esercizi finanziari.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Massimiliano Salini (FI/PPE) “Brexit: Bene l’accordo di oggi

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 ottobre 2019

“Dopo mesi di chiacchere inconcludenti oggi si è raggiunto un accordo sulla Brexit che però deve essere ratificato ancora dal parlamento Britannico e non sarebbe la prima volta che questo viene respinto. Per questo motivo prima di festeggiare bisogna aspettare. Questa resta una sconfitta per tutta l’Europa che deve capire che è arrivato il momento di cambiare prima di perdere ulteriori pezzi. Ora abbiamo di fronte due strade una riguarda la necessità di mantenere in vita i rapporti di libero scambio con Londra il secondo interessa direttamente i 700 mila italiani nel regno unito che devono essere salvaguardati”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cina: Accordi di SACE SIMEST (Gruppo CDP) con SINOSURE e SUMEC per sostenere l’export italiano

Posted by fidest press agency su domenica, 24 marzo 2019

L’accordo tra SACE SIMEST e SINOSURE, l’agenzia di credito all’esportazione cinese, ha l’obiettivo di rafforzare la cooperazione per accrescere e facilitare le opportunità di business per le imprese dei due Paesi, con un’attenzione particolare alle PMI.
Nello specifico, le Parti si impegnano a facilitare l’accesso delle imprese alle proprie soluzioni assicurativo finanziarie; condividere informazioni ed esplorare insieme opportunità di interventi congiunti su progetti di reciproco interesse anche in Paesi terzi; organizzare workshop, forum ed eventi di business matching dedicati alle imprese; condividere best practice in materia di valutazione, assunzione e gestione dei rischi, recupero crediti.
· Accordo tra SACE SIMEST e SUMEC Firmatari: Alessandro Decio, amministratore delegato di SACE e Lin Yang, General Manager SUMEC Financial Service
L’accordo tra SACE SIMEST e SUMEC, società che opera come import agent del Governo cinese, ha l’obiettivo di rafforzare la collaborazione per accrescere e facilitare le opportunità di business per le imprese italiane in Cina, con un’attenzione particolare alle PMI.
Nello specifico, le Parti si impegnano a facilitare l’assegnazione di contratti da parte di SUMEC a fornitori italiani, con il supporto assicurativo-finanziario di SACE SIMEST. L’accordo prevede inoltre la creazione di un team dedicato presso SUMEC per identificare e sostenere opportunità di business per le imprese italiane nelle diverse province cinesi dove la società opera, e l’utilizzo dell’Ufficio di SACE SIMEST a Shanghai come focal point per tutte le richieste di SUMEC. Le Parti infine si impegnano a organizzare workshop, forum ed eventi di business matching dedicati alle imprese.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Bene accordi commerciali Italia-Cina

Posted by fidest press agency su sabato, 23 marzo 2019

Gli accordi siglati tra il governo cinese e quello italiano – dichiara in una nota il presidente nazionale Confeuro, Andrea Michele Tiso – possono dare un nuovo slancio all’economia nostrana e supportare settori chiave come quello agricolo; ma è estremamente importante che all’interno di questo nuovo partenariato si predispongano azioni contro le contraffazioni dei prodotti enogastronomici nostrani e più in generale a tutela del brand “made in Italy”.L’origine dei prodotti e il know how e le competenze dietro la loro preparazione – prosegue Tiso – sono elementi chiave del senso stesso dell’italianità e vanno salvaguardati con la massima ortodossia. A tal proposito però, per quanto favorevoli alla natura dell’accordo Italia-Cina, non possiamo non sottolineare la politica dei due pesi e due misure usata dall’esecutivo sui temi di immigrazione e sovranità.Come Confeuro – conclude Tiso – ribadiamo la nostra soddisfazione per le nuove opportunità che derivano dall’aumento delle esportazioni dei prodotti agroalimentari, ma cogliamo l’occasione per ricordare anche che la difesa del made in Italy deve essere parte integrante di una strategia di sviluppo sul medio-lungo termine e che per questo va considerata un punto imprescindibile di ogni azione politica.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Via libera agli accordi commerciali UE-Singapore

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 febbraio 2019

Bruxelles. L’accordo di libero scambio, che può rappresentare il modello per un ulteriore cooperazione con il Sud-Est asiatico, è stato approvato dal Parlamento con 425 voti favorevoli, 186 contrari e 41 astensioni.L’accordo eliminerà virtualmente tutte le tariffe doganali tra le due parti entro cinque anni, consentendo il libero scambio di servizi, inclusi i servizi bancari al dettaglio, proteggendo i prodotti europei unici e aprendo il mercato degli appalti di Singapore alle imprese dell’UE che operano, ad esempio, nel settore ferroviario.In dettaglio, l’accordo tutelerà circa 190 indicazioni geografiche dell’UE, il 25% delle quali italiane. Tra le etichette tutelate nel settore alimentare ci sono l’Aceto balsamico di Modena, la Mortadella di Bologna, il Prosciutto di Parma e quello di S. Daniele, il Gorgonzola, il Grana Padano, la Mozzarella di Bufala Campana, il Pecorino Romano, l’Arancia Rossa di Sicilia, la Lenticchia di Castelluccio di Norcia e il Pomodoro di Pachino. Tra quelle del settore delle bevande, invece, la Grappa, il Chianti, il Prosecco e il Montepulciano d’Abruzzo, solo per citarne alcune.L’accordo include inoltre il rafforzamento dei diritti dei lavoratori e la tutela dell’ambiente, tema particolarmente importante per il Parlamento.
In quanto primo accordo commerciale bilaterale tra l’UE e un paese membro dell’Associazione delle nazioni del Sud-Est asiatico (ASEAN), l’accordo può servire da trampolino di lancio per ulteriori accordi di libero scambio tra le due regioni. L’accordo arriva in un momento in cui l’UE non può più fare affidamento sugli Stati Uniti come partner commerciale, come indicato nella risoluzione che accompagna la decisione, approvata con 431 voti favorevoli, 189 contrari e 52 astensioni.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli accordi della Santa Sede con gli Stati

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 febbraio 2019

Roma dal 28 febbraio al 1° marzo 2019 presso la Pontificia Università Gregoriana (prima giornata) e l’Ecole française de Rome (seconda giornata). La prolusione è stata affidata al Segretario di Stato, Card. Pietro Parolin.Il congresso – con la direzione scientifica di Fabrice Jesné (École française de Rome), Marie Levant (LabEx EHNE / Sorbonne Université) e Roberto Regoli (Pontificia Università Gregoriana) – si focalizzerà sugli accordi di diritto internazionale firmati tra la Santa Sede e gli Stati che hanno assunto la forma di concordati e convenzioni analoghe, esaminati alla luce delle dinamiche diplomatiche e degli aspetti politico-religiosi dei secoli XIX-XXI. Un’attenzione particolare sarà rivolta ai modelli di relazione tra la Chiesa, lo Stato e la società che questi accordi veicolano, così come ai cambiamenti storici che hanno portato ad una evoluzione caratterizzata dal passaggio dagli Stati confessionali, o comunque impegnati in una particolare relazione con la Chiesa cattolica, a un nuovo approccio bilaterale fondato sul concetto di libertà religiosa. L’ “esplosione concordataria” dopo il 1945 e in particolare dopo il Concilio Vaticano II è d’altronde caratterizzata da un’estensione geografica significativa.Aperto alle varie discipline delle scienze umane e sociali, il congresso vuole far incrociare gli approcci storici, giuridici, sociologici e politologici. Piuttosto che sui singoli accordi, ci si concentrerà sulle evoluzioni della pratica e delle conseguenze degli accordi della Santa Sede con gli Stati sul medio e lungo periodo. Le intese bilaterali garantiscono nella maggior parte dei casi una forma di laicità, con un’attenzione particolare, rivendicata da entrambe le parti contraenti, al diritto alla libertà religiosa. In tal modo, il congresso intende contribuire agli attuali dibattiti sulla secolarizzazione/de-secolarizzazione, sulle declinazioni geografiche di questi fenomeni, come anche sulle forme della coabitazione religiosa e del governo del pluralismo religioso.
Interverranno: Liliosa Azara, Anna Barańska, Friedrich Bechina, Jacques-Olivier Boudon, Fabrice Bouthillon, Settimio Carmignani Caridi, Andrea Ciampani, Edouard Coquet, Giuseppe Dalla Torre, Nicholas Doublet, Carlo Fantappiè, András Fejérdy, Consolación Fernández Mellén, Enrico Galavotti, Cécile Gonçalvez, François Jankowiak, Marie Levant, Anthony O’Mahony, Vicente Cárcel Ortí, Laura Pettinaroli, Roberto Regoli, Melanie Rosenbaum, Olivier Sibre, Rita Tolomeo, Paolo Valvo.Programma & iscrizioni – http://bit.ly/UniGre26
Accrediti stampa entro il 26 febbraio.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Accordo di Parigi: il Parlamento adotta nuovi limiti CO2 e discute il ritiro degli USA

Posted by fidest press agency su venerdì, 16 giugno 2017

clima nel mondo1I nove obiettivi obbligatori paese per paese di riduzione delle emissioni di gas serra, in linea con l’accordo di Parigi, sono stati adottati mercoledì dai deputati, dopo un dibattito sul ritiro degli Stati Uniti.Tali riduzioni consentiranno di raggiungere l’obiettivo generale dell’UE: un taglio del 40% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2030. L’UE si impegna a effettuare questi tagli in linea con l’accordo di Parigi.La legislazione ripartisce l’obiettivo UE in obiettivi vincolanti nazionali per i settori non coperti dal mercato UE del carbonio (ETS) quali l’agricoltura, i trasporti, l’edilizia e i rifiuti, che rappresentano il 60% delle emissioni di gas a effetto serra dell’Unione europea.Ogni Stato membro dovrà seguire un percorso di riduzione delle emissioni, calcolato a partire da un punto di partenza nel 2018, anziché nel 2020 come proposto dalla Commissione, al fine di evitare un aumento delle emissioni nei primi anni o un rinvio delle riduzioni.Per l’Italia, l’obiettivo è meno 33% sul 2030.Analisi approfondita della proposta, compresi gli obiettivi di riduzione nazionali e la flessibilità massima annuale (EN)Per garantire la prevedibilità a lungo termine, i deputati hanno anche fissato un obiettivo per il 2050 per un livello di emissioni inferiore dell’80% rispetto ai livelli del 2005.I deputati hanno modificato la proposta inziale della Commissione per poter premiare gli Stati membri, con un PIL pro-capite inferiore alla media UE che hanno adottato o adotteranno prima del 2020 le misure necessarie, con una maggiore flessibilità durante la parte successiva del programma di riduzione.Per aiutare gli Stati membri a raggiungere i loro obiettivi, il regolamento consente loro di “prendere in prestito” fino al 10% dell’indennità dell’anno successivo, riducendo così quella dell’anno in corso. La relazione legislativa è stata approvata con 534 voti favorevoli, 88 contrari e 56 astensioni.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Accordo di Parigi: La decisione di Trump di uscire dall’Accordo è ideologica

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 giugno 2017

trump11Uscire dagli Accordi di Parigi è una decisione ideologica che si ritorcerà contro gli interessi USA. Questo è quanto afferma Gianni Silvestrini, direttore scientifico di Kyoto Club, che insiste: “prevedo che si allargherà un altro fronte di resistenza come non si vedeva dai tempi della guerra del Vietnam”. La posizione di Kyoto Club sulla dichiarazione del Presidente Trump. “La decisione di Trump è ideologica e si ritorcerà contro gli interessi Usa. Prevedo che si allargherà un largo fronte di resistenza, come non si vedeva dai tempi della guerra del Vietnam.Gli altri paesi, ad iniziare da Cina e India, numero uno e tre per emissioni prodotte, stanno facendo molto di più di quanto promesso a Parigi. L’Europa adesso deve alzare il livello dell’impegno di riduzione al 2030 delle emissioni climalteranti passando dal 40 al 45% rispetto al 1990”. È quanto dichiara Gianni Silvestrini, direttore scientifico di Kyoto Club, commentando la decisione del Presidente Donald Trump.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Greenpeace: Il G7 può essere la Caporetto degli accordi di Parigi

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 maggio 2017

taorminaTaormina (Sicilia) A pochi giorni dal vertice del G7 che si terrà a Taormina (26 e 27 maggio), la Direttrice Esecutiva di Greenpeace International Jennifer Morgan ha incontrato l’ambasciatore Raffaele Trombetta, responsabile del processo preparatorio e della negoziazione tra i Capi di stato del G7. Durante l’incontro i rappresentanti dell’organizzazione ambientalista hanno consegnato un appello al Presidente Gentiloni.“In queste ore l’amministrazione USA sta decidendo se abbandonare l’Accordo sul Clima di Parigi. Questo G7 rischia di passare alla storia come il culmine del fallimento della diplomazia internazionale” – recita la lettera indirizzata al Presidente del Consiglio.
“Questo è il momento in cui la comunità internazionale deve mostrarsi compatta ed è il momento in cui la Presidenza del G7 deve assumerne la leadership. Il vertice di Taormina potrà risolversi in un fenomenale disastro o in un successo inatteso. Ci appelliamo al Presidente del Consiglio come garante dello spirito di cooperazione tra i Paesi del G7 perché adesso si faccia di tutto per convincere il Presidente Trump a non seguire la logica “America first”, ma piuttosto “Planet Earth first”.Abbiamo sia le tecnologie che le risorse finanziarie per prevenire le peggiori conseguenze del cambiamento climatico. Quello che non abbiamo è tempo da perdere: le decisioni della Presidenza USA rischiano di ritardare un’azione urgente. Proprio oggi è stato ufficializzato il nuovo massimo storico della concentrazione di CO2 in atmosfera (410 ppm). Rallentare o fermare la svolta di Parigi per una azione decisa a tutela del clima è un atto immorale gravido di nefaste conseguenze.È necessario che il G7 non azzeri o indebolisca gli obiettivi climatici con un accordo al ribasso, ma mantenga alta l’ambizione per una rapida ed efficace applicazione dell’Accordo di Parigi, mettendo in campo da subito azioni concrete, anche poiché questo è uno degli aspetti chiave per prevenire conflitti, minacce alla sicurezza internazionale e migrazioni.Il miglior modo per mettere in primo piano gli interessi dei cittadini è rafforzare la cooperazione internazionale e affrontare in modo efficace problemi globali, come i cambiamenti climatici.Se gli Stati Uniti dovessero abbandonare o indebolire il negoziato globale sul clima devono sapere che si isoleranno pericolosamente dalla Comunità Internazionale, contro la storia e gli interessi di tutti. Anche dei cittadini americani.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Accordi energetici con Paesi terzi: approvate norme per aiuto della Commissione

Posted by fidest press agency su domenica, 5 marzo 2017

european commissionLe norme che impongono agli Stati membri UE di informare la Commissione europea della loro intenzione di negoziare accordi di fornitura di energia con Paesi terzi sono state approvate giovedì. Si tratta del primo elemento del pacchetto legislativo “Unione dell’energia” ad essere completato.”Questa legge garantirà la sicurezza energetica degli Stati membri, la creazione di meccanismi efficaci ex ante per la Commissione europea per verificare progetti di accordi sulle forniture di gas e petrolio nonché la loro conformità sia con il diritto dell’Unione europea sia con le esigenze di sicurezza energetica”, ha affermato il relatore Zdzisław Krasnodębski (ECR, PL), il cui testo è stato approvato con 542 voti in favore, 87 voti contrati e 19 astensioni.”Una clausola nel testo finale consente l’inserimento di meccanismi di verifica ex ante per gli accordi per l’energia elettrica, quando la legislazione sarà rivista”, ha aggiunto.
Concludendo il suo intervento, Krasnodębski ha chiesto alla Commissione “di essere coerente e di agire con determinazione per quanto riguarda le decisioni sul gasdotto OPAL e il controverso progetto Nord Stream 2”.
Un accordo informale, raggiunto da Parlamento e Consiglio nel dicembre 2016, stabilisce che uno Stato membro, quando decide di avviare negoziati con un Paese terzo al fine di modificare o di concludere un accordo intergovernativo sull’energia, debba informarne la Commissione europea per iscritto prima dell’inizio dei colloqui.Allo stato attuale, gli Stati membri sono tenuti a presentare tali accordi alla Commissione solo dopo la loro firma.
Secondo le nuove norme, la Commissione può rispondere alla comunicazione da parte di uno Stato membro fornendo un parere su come garantire che l’accordo da negoziare sia compatibile con il diritto dell’Unione, comprese le clausole modello opzionali e le linee guida che la Commissione elaborerà, in consultazione con gli Stati membri.Su richiesta di un paese, o qualora lo ritenga necessario, la Commissione può partecipare, o chiedere di partecipare, ai negoziati in qualità di osservatore. Tuttavia, la sua partecipazione sarà soggetta al consenso scritto dello Stato membro in questione.
La Commissione disporrà di cinque settimane per informare il paese UE in questione dei dubbi sull’accordo in corso di negoziazione e di dodici ulteriori settimane per esprimere un parere sulla compatibilità del contratto con il diritto comunitario, in particolare per quanto attiene la normativa sul mercato interno dell’energia e sulla concorrenza.
Se uno Stato membro non dovesse tener conto del parere della Commissione nella versione ratificata dell’accordo, dovrà spiegare senza indugi e per iscritto i motivi della propria decisione.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Accordi internazionali: Intervento dell’on. Fucsia Nissoli FitzGerald

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 gennaio 2017

fucsia-nissoli-fitzgeraldL’on. Fucsia Nissoli FitzGerald (DS-CD) è intervenuta nell’Aula di Montecitorio, a nome del suo Gruppo parlamentare, per dichiarazioni di voto su 3 leggi di ratifica di altrettanti importanti accordi internazionali. Tali dichiarazioni sono state tutte favorevoli alla ratifica.
In particolare, si tratta della ratifica dell’Accordo di cooperazione nel settore della difesa tra il Governo della Repubblica italiana e l’Esecutivo della Repubblica dell’Angola, della ratifica dell’Accordo sulla cooperazione e mutua assistenza amministrativa in materia doganale tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica socialista del Vietnam e della ratifica del Protocollo al Trattato del Nord Atlantico sull’adesione del Montenegro. Quest’ultimo, come ha detto l’on. Nissoli, è “strategico per la gestione della sicurezza in Europa” ma allo stesso tempo non deve rappresentare un gesto ostile verso la Russia. Infatti, l’on. Nissoli ha ricordato: “ allo stesso tempo, ritengo opportuno un dialogo franco con la Federazione Russa tesa a dimostrare la non ostilità di tale operazione”. (foto: Fucsia Nissoli FitzGerald)

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ratifiche di Accordi internazionali

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2016

Fucsia FitzGerald NissoliL’on. Fucsia FitzGerald Nissoli (Circoscrizione estera – Nord e Centro America) è intervenuta nell’Aula di Montecitorio per dichiarazioni di voto, tutte favorevoli, su sette provvedimenti di ratifiche di Accordi internazionali a nome del suo Gruppo parlamentare.
Nello specifico, l’on. Nissoli è intervenuta sull’Accordo in materia di cooperazione culturale tra l’Italia ed il Tagikistan, sugli accordi in materia giudiziaria con il Marocco, sull’Accordo sullo scambio di informazioni fiscali con il Turkmenistan, sulla Convenzione per l’Istituzione dell’Organizzazione congiunta per la cooperazione in materia di armamenti OCCAR, sull’Accordo fiscale con le Bermuda, sottolineando che esso si inserisce nell’ambito delle politiche del Governo per una trasparenza fiscale internazionale adeguata agli standard OCSE, sul Trattato di estradizione con il Cile, sull’Accordo di cooperazione amministrativa nel settore doganale, sempre tra Italia e Cile. Infine, l’on. Nissoli è intervenuta sulla Convenzione tra l’Italia ed il Cile per eliminare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e per prevenire le evasioni e le elusioni fiscali, richiamando l’importanza di arrivare presto anche alla ratifica dell’Accordo sulla sicurezza sociale che l’Italia ha siglato con questo Paese nel 1998. (foto: Fucsia FitzGerald Nissoli)

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Centro destra: Berlusconi e gli accordi inesistenti

Posted by fidest press agency su martedì, 10 maggio 2016

giorgia meloni«Berlusconi parla di accordi inesistenti su un futuribile governo nazionale di centrodestra per cercare di far dimenticare che nelle ultime settimane le scelte compiute dal suo partito vanno in tutt’altra direzione, cioè in quella di un rinverdito patto con Matteo Renzi e il suo pessimo Governo. È un modo come un altro per provare a recuperare un elettorato di FI che non capisce perché Berlusconi si sia rifiutato di sostenere la candidatura di un suo storico alleato. E queste dichiarazioni dimostrano che la ragione è tutt’altro che nei contenuti. Infatti, se a Roma FdI rappresenta una politica dalla quale prendere le distanze, non si capisce perché a livello nazionale sia invece cosa buona e giusta un’alleanza con noi». Lo dichiara il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: Principali temi all’ordine del giorno

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 aprile 2016

parlamento europeoMigrazione: dibattito sull’accordo UE-Turchia L’attuazione dell’accordo UE-Turchia in materia di migrazione sarà discussa giovedì mattina dalle 8.30 dai deputati, dal primo vicepresidente della Commissione Frans Timmermans e dal ministro olandese per l’immigrazione Klaas Dijkhoff. I deputati hanno espresso preoccupazioni circa la conformità dell’accordo con il diritto comunitario e internazionale, così come le difficoltà nell’attuarlo.
Rimuovere gli ostacoli tecnici per creare uno spazio ferroviario unico nell’UE. Il progetto di regolamento per ridurre gli ostacoli tecnici e burocratici dovuti alle diverse procedure ferroviarie nazionali sarà discusso e votato giovedì. La prima parte del cosiddetto “quarto pacchetto ferroviario”, che comprende norme sull’interoperabilità, la sicurezza e il ruolo dell’Agenzia ferroviaria europea (ERA), è stato concordato con il Consiglio nel giugno 2015.
Benchmark finanziari: nuove regole su affidabilità e conflitti d’interesse. I tassi interbancari “critici”, come il LIBOR (London Interbank Offered Rate) e l’EURIBOR (Euro Interbank Offered Rate), capaci di influenzare gli strumenti finanziari e i contratti con un valore medio pari ad almeno 500 miliardi di euro, dovrebbero diventare più affidabili, secondo il progetto di regolamento in votazione giovedì.
Diritto di famiglia: proteggere l’interesse dei minori nei casi di custodia transfrontalieri. Le misure per meglio proteggere gli interessi dei bambini nelle controversie transfrontaliere per la loro custodia, per le adozioni e per le sottrazioni di minori da parte dei genitori saranno i temi della discussione di mercoledì tra i deputati, il Commissario Vera Jourová e la rappresentante per la Presidenza del Consiglio, Jeanine Hennis-Plasschaert. Giovedì si procederà poi con il voto di una risoluzione non vincolante.
I deputati chiedono una supervisione del PE sulla Banca europea degli investimenti. È in fase di approvazione un accordo interistituzionale tra il Parlamento europeo e la Banca europea per gli investimenti (BEI) al fine di intensificare la cooperazione e consentire un maggiore controllo parlamentare sull’attività della BEI. Il dibattito con il Presidente della BEI Werner Hoyer si terrà mercoledì alle ore 15.00, mentre il voto è previsto per giovedì.
Il PE si pronuncia sulla gestione del bilancio UE del 2014. Con la votazione di giovedì, il Parlamento si esprimerà sulla gestione dei fondi UE da parte delle Istituzioni europee e delle agenzie comunitarie nel 2014. Lo scorso 4 aprile, la commissione per il controllo dei bilanci ha chiesto al Parlamento di rinviare l’approvazione del bilancio per tre partnership private nel settore della tecnologia, per il Consiglio dei ministri UE e per il Consiglio europeo, poiché devono ancora fornire i documenti e le informazioni aggiuntive richieste.
Lavoratori domestici e badanti: il PE chiede il riconoscimento di uno status giuridico europeo Ai lavoratori domestici e ai prestatori di assistenza, la maggior parte dei quali sono donne migranti, dovrebbe essere garantito uno status giuridico comunitario in materia di diritto del lavoro, per scoraggiare il traffico di esseri umani, il lavoro forzato e lo sfruttamento. Lo chiedono i deputati in un progetto di risoluzione non vincolante al voto giovedì.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Italia: ratifica del parlamento agli accordi internazionali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 marzo 2016

camera deputati2L’On. FitzGerald Nissoli, nell’Aula di Montecitorio, è intervenuta per dichiarazioni di voto favorevoli su alcune importanti ratifiche di accordi internazionali.
Nello specifico sono state approvate, dalla Camera dei Deputati, le ratifiche concernenti: l’accordo di associazione tra Unione europea ed i suoi Stati membri, e l’America Centrale; il Trattato di “assistenza giudiziaria in materia penale tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica del Panama”; il “Memorandum d’intesa tra il Governo della Repubblica italiana e il Consiglio dei Ministri della Bosnia ed Erzegovina sulla cooperazione nel settore della difesa” e l’accordo sul “reciproco riconoscimento dei titoli attestanti studi universitari o di livello universitario rilasciati nella Repubblica italiana e nella Repubblica popolare cinese”.
In particolare, l’On. Nissoli, per quanto concerne l’accordo di associazione tra la Ue e l’America Centrale, ha rilevato l’azione dell’Ue “tesa a contribuire lo sviluppo e la riduzione della povertà in America Centrale, in linea con gli obiettivi dell’Onu, rafforzando al contempo la lotta al terrorismo”. “Un accordo di particolare importanza – ha detto l’On. Nissoli – per il suo rilievo strategico, sia in termini politici ed economici”.
Sempre rimanendo nel quadrante latino americano, sull’accordo di cooperazione giudiziaria tra l’Italia e Panama, l’On. Nissoli ha sottolineato che la cooperazione giudiziaria può “essere una buona premessa per migliorare i rapporti tra i due Paesi ed intensificare, di conseguenza, le relazioni economiche e culturali, in un clima di fiducia dei rispettivi ordinamenti”.
Invece per quanto riguarda l’intesa fra l’Italia e Bosnia, l’On. Nissoli ha rilevato che la cooperazione militare tra i due Paesi sarà utile per “aumentare la sicurezza e la stabilità nell’area balcanica”.
Infine, l’On. Nissoli ha dichiarato il voto favorevole del suo Gruppo parlamentare sulla ratifica dell’accodo sul riconoscimento dei titoli di studio fra l’Italia e la Cina, precisando che tale accordo favorirà lo studio dell’italiano presso le scuole secondarie cinesi in modo da facilitare l’accesso alle Università italiane. Per tanto rappresenta un passo indirettamente significativo “per la promozione dell’italiano in Cina”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ComoNexT diventa internazionale

Posted by fidest press agency su sabato, 24 ottobre 2015

Un deciso, ulteriore passo verso l’internazionalizzazione: è quello compiuto nei giorni scorsi da ComoNExT con la firma di due accordi con altrettanti parchi tecnologici moscoviti, il Technopark STROGINO e Zelenograd Innovative Cluster.
All’atto della firma, avvenuta nel Padiglione della Russia ad Expo, erano presenti Maria Cristina Porta, responsabile Incubatore e Start up di ComoNExT, Sergey Teplov, direttore generale SE Technopark STROGINO, e Vladimir Zaytsev, direttore generale MCE Zelenograd Development Corporation.”Siamo molto soddisfatti di essere arrivati alla firma di questi accordi – commenta Stefano Poretta, direttore di ComoNExT – Durante la visita che i referenti di questi parchi tecnologici hanno fatto a ComoNExT la scorsa settimana abbiamo potuto mettere le basi per la partecipazione congiunta a progetti anche finanziati dalla Comunità Europea, basi che poi sono state formalizzate con la firma degli accordi”.
L’accordo con il Technopark STROGINO prevede l’avvio di una collaborazione di lungo termine per lo sviluppo di modelli e meccanismi di interazione con ComoNExT, con l’obiettivo di aumentare i contatti di lavoro e il trasferimento di conoscenza.In quest’ottica, ComoNExT si impegnerà a fornire assistenza nella creazione di contatti commerciali tra le sue imprese innovative e quelle connesse a Strogino e al Distretto Amministrativo nord-occidentale di Mosca. L’accordo con Zelonograd Innovative Cluster intende sviluppare iniziative per il rafforzamento reciproco, condividendo sforzi ed esperienze e implementando competenze e ricerca attraverso una importante cooperazione nelle aree educazione, R&D, trasferimento tecnologico, sviluppo. Tra gli altri obiettivi, rafforzare la competitività internazionale dell’industria nelle rispettive regioni, introdurre obiettivi strategici nel dibattito pubblico riguardanti il futuro delle regioni come centri fiorenti di industrie tecnologicamente innovative, e informare gli attori politici e gli opinion leader sull’importanza strategica dell’industria high tech.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

All’ombra del Colosseo 2015: Dal 5 all’11 agosto

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 agosto 2015

luciano lemboantonello costaSul palco de All’Ombra del Colosseo via di San Gregorio ritorna, mercoledì 5 agosto alle 21.45, lo show di Dado. Nuovo di zecca, mostra le sue sei facce: attore, autore, cantante, padre, marito e mutuatario. Ma è soprattutto di figli che trattano le serate dell’artista. Tra un “Non mi capisci” e un “Che c’hai 5 euro?” scorrono a ritmo esilarante le disavventure di un padre alle prese con la figlia e il suo complicatissimo mondo adolescenziale. Ce la farà il nostro eroe a farla franca? O dovrà arrendersi a linguaggi criptati fatti di tvb, selfie e velocissime comunicazioni “extratecnologiche”, sconosciute alle vecchie generazioni? E come affrontare il problema se non a suon di canzoni irriverenti? Quello di Dado è un intreccio d’accordi e risate che metteranno a nudo le situazioni e i tabù con cui ogni padre è costretto a fare i conti. (Biglietti: I settore € 20,00 – II settore € 15,00)
Giovedì 6 agosto, alle 21.45, è la volta dello spettacolo di Antonello Costa “Kitmancula World Tour 2015”. Uno spettacolo frizzante, divertente, coinvolgente e assolutamente da non perdere, adatto a tutte le fasce di pubblico. In queste quattro date l’artista sarà affiancato da sua sorella Annalisa (soubrette e coreografa) e il suo corpo di ballo, per presentare “il meglio o il peggio del suo repertorio di varietà”, spettacolo che porterà quest’estate in tour nelle più importanti piazze e manifestazioni italiane. Non mancheranno, ovviamente, i “più richiesti” e “gli ultimi arrivi”. A rendere unico Antonello nel panorama dello spettacolo italiano è la sua poliedricità: è lui stesso, infatti, a creare i personaggi, a comporre e arrangiare le sue canzoni, a scrivere e a dirigere la sua compagnia da anni, come solo i grandi capo-comici sanno fare. È ormai considerato un esponente di spicco dell’avanspettacolo, in grado di rinnovare e rinnovarsi con maestria senza mai tradire le proprie radici artistiche. (Biglietti: I settore € 18,00 – II settore € 13,00)
Venerdì 7 agosto, alle 21.45, arriva lo spettacolo dello showman romano Luciano Lembo. Il comico, ormai noto al grande pubblico per le sue partecipazioni prima a Colorado Cafè e poi a Comedy Central, sbarca sul palco del Colosseo con uno show travolgente, un contenitore di gag ispirate alla vita di tutti i giorni. Fra battute e un pizzico di riflessione, Lembo riesce a rendere comico ogni lato umano, caratteristica che lo ha reso in poco tempo uno dei comici più amati del momento. (Biglietti: I settore € 20,00 – II settore € 15,00)
Sabato 8 agosto, alle 21.45, Andrea Perroni presenta “Siete tutti invitati”. Molto più di uno spettacolo, lo show di Perroni è prima di tutto un gioco. Il protagonista interpreta se stesso ad un party in cui incontra i più svariati personaggi che gli permettono di mostrarci il bello e il brutto dell’Italia. Una serie di gag irresistibili unite a un indiscusso talento nell’incarnare vizi e virtù dei suoi personaggi, fanno dello show di Perroni uno degli appuntamenti imperdibili del cartellone di quest’anno. (Biglietti: I settore € 18,00 – II settore € 13,00)
Domenica 9 agosto, alle 21.45, torna a All’Ombra del Colosseo il ciclone Dario Cassini. Questa volta indosserà i panni del professor Rimorchio, un grande luminare dei sentimenti di coppia, il vero guru del rapporto uomo/donna. Dal suo studio, infatti, sono passati moltissimi pazienti famosi: da Putin ad Obama, da Mario Balotelli a George Clooney. Inandrea perronidario cassini particolare il professor Rimorchio ci rivelerà come sopravvivere ad una donna e restarle accanto per tutta la vita senza farsene accorgere. Un vademecum, una sorta di decalogo per convivere con l’altra metà del cielo… dove, di solito, piove! Dario Cassini analizzerà quattro fasi, secondo lui decisive del rapporto di coppia: sotto al portone con lei, al ristorante con lei, lo shopping con lei, a letto con lei.Naturalmente, non mancherà anche la classica analisi iniziale sull’attualità, che il pubblico del comico romano d’adozione ha imparato a conoscere bene. (Biglietti: I settore € 18,00 – II settore € 13,00)
Martedì 11 agosto, alle 21.45, ritorna sul palco del Colosseo lo spettacolo del Comic Ring Show.Un’ora e mezza di spettacolo in cui comici di lunga esperienza accanto a giovani promesse della risata intratterranno il pubblico con tutti gli ingredienti del buon umore: monologhi, parodie, imitazioni, magia comica, personaggi ed improbabili disturbatori. Lo spettacolo, scritto e diretto da Stefano Fabrizi, proporrà ogni martedì un nutrito cast di comici provenienti da diversi programmi televisivi come “Zelig”, “Made in Sud” e “Colorado”: Marco Capretti, Alessandro Serra, Antonio Covatta, Paolo Arcuri, Oscar Biglia, Marco Passiglia, Andrea & Simone, Marina Marchione, Fabio Parisella, Mario Barletta, Marco e Mattia, Mago Lupis, Felice Capello, João Turchi, Denise Sicignano, Giuseppe De Siato, Stefania Pellegrino, Davide Silvestri, Michela Fontana e Lucrezia Petracca. (Biglietti: Posto unico € 12,00) Tutte le serate dei comici e dei concerti jazz avranno inizio alle 21.45 I concerti dell’Opera alle 21.00 Orari Botteghino Arena: 20:00 – 22:30. Ingresso diversamente abili, sedie a rotelle e passeggini: viale Parco del Celio (foto: luciano lembo, antonello costa, andrea perroni, dario cassini)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Norvegia: campagna EveryOne

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 dicembre 2011

English: The Royal Palace in Oslo in summer 2003

Image via Wikipedia

L’Alta Corte di Oslo ha respinto la richiesta di asilo politico di Azad Hassan Rasol, un 33enne iracheno che vive in Norvegia con il proprio compagno. Secondo l’Alta Corte, nel nord dell’Iraq, di etnia curda, i gay non vengono assassinati, come nel resto del paese, ma subiscono pene meno gravi. La corte, di conseguenza, ha invitato il giovane omosessuale a non manifestare pubblicamente la propria inclinazione sessuale, una volta deportato: in tal modo, secondo i giudici, eviterà qualsiasi forma di persecuzione. “La Norvegia, ha un passato esemplare nel campo dei diritti umani,” commentano Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Piccciau, co-presidenti del Gruppo EveryOne, “ma da qualche anno commette gravi violazioni nei confronti delle persone Lgbt che chiedono asilo politico dopo essere fuggite da paesi in cui gay e lesbiche sono perseguitati e spesso uccisi. Il governo e la magistratura norvegese giustificano le deportazioni affermando che ‘se un gay si comporta con discrezione, i suoi rischi diminuiscono’. E’ una menzogna,” spiegano gli attivisti, “perché se è vero che il governo iracheno ha decriminalizzato l’omosessualità, di fatto i gay vengono perseguitati in base alle leggi islamiche e spesso vengono arrestati in seguito a denunce di parenti o vicini di casa, pur se non manifestano pubblicamente le loro scelte”. Il Gruppo EveryOne ha dimostrato la grave persecuzione dei gay in atto in Iraq citando il report di Iraqi LGBT, un’organizzazione per i diritti di gay e lesbiche con sede a Londra, che documenta aggressioni, torture e omicidi di gay che si sono verificati sia presso la comunità sunnita che presso quella curda. “Dal 2003 a oggi almeno 600 omosessuali sono stati aggrediti e assassinati,” proseguono i rappresentanti di EveryOne, “spesso dopo atroci torture, fra cui quella che prevede che ai gay venga incollato l’ano con una potente colla e subito dopo sia somministrato loro un lassativo, con la conseguenza di una morte fra atroci tormenti. Le organizzazioni internazionali per i diritti LGBT considerano oggi l’Iraq come uno dei luoghi in cui la persecuzione dei gay e delle lesbiche raggiunge i livelli più diffusi ed efferati”. Il Gruppo EveryOne ha lanciato un appello urgente al Re di Norvegia Harald V, al Governo norvegese e al Comitato del Premio Nobel per la pace di Oslo affinché, in base alle evidenze della persecuzione dei gay in Iraq, lo Stato ritorni sulle proprie decisioni e rispetti la Convenzione di Ginevra sui Rifugiati, accordando asilo politico ad Azad Hassan Rasol. “Abbiamo trasmesso l’appello urgente anche agli Alti Commissari Onu per i Rifugiati e i Diritti Umani e al Commissario Ue per i Diritti Umani affinché si eviti la deportazione del giovane omosessuale, e se l’atteggiamento ostile al ragazzo e lesivo del suo diritto alla libertà e alla vita dovesse essere mantenuto dalle autorità norvegesi, chiediamo che si mettano in atto procedure umanitarie affinché venga accolto in un altro paese dell’Unione europea, in deroga umanitaria agli accordi di Dublino. In ogni caso, è vitale che il giovane non sia inviato verso un destino di umiliazione, sofferenze, emarginazione, violenze e probabilmente morte nella Repubblica Irachena, dove la casistica relativa a persecuzione ed esecuzioni sommarie di persone Lgbt è una delle più tragiche del mondo contemporaneo”.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Progetto D’Alema: velleitario

Posted by fidest press agency su sabato, 18 giugno 2011

“Il Pd non è un’alternativa credibile al centrodestra e pure con D’Alema immagina di vincere non solo le prossime elezioni in Italia ma persino quelle in Francia e in Germania. Mi sembra un progetto curioso e piuttosto velleitario”. Lo dichiara il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli. “Come si può pensare che il Pd – aggiunge – che non riesce a risolvere le sue antiche contraddizioni interne, che è sopraffatto dalla sinistra radicale, che non trova accordi con il centro, possa immaginare di vincere le prossime elezioni in Italia e persino in Francia e in Germania per dare una svolta progressista in Europa?”

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crisi libica: imprese ferme

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 aprile 2011

Le internazionalizzazioni di grandi e PMI nazionali fanno dell’Italia il primo Paese europeo investitore in Libia. La scelta interventista del Governo ha avuto come diretta ed immediata conseguenza il sostanziale blocco di ogni tipo di attività pianificata in seguito ad accordi intercorsi con il Governo Gheddafi. Il danno al sistema-Italia, comprensivo del blocco dell’import/export, è oggi stimabile in oltre 100 miliardi di euro. Almeno 130 le imprese italiane che in Libia hanno fermato le proprie attività: appaiono gravi i rischi occupazionali e negative le inevitabili ripercussioni sul vasto ed articolato sistema industriale ed imprenditoriale dell’indotto in Italia”, affema l’ing. Alfredo Cestari, presidente della Camera di Commercio ItalAfrica Centrale-Unioncamere. “La conferma arriva dai nostri tanti associati che ci raccontano le loro enormi difficoltà nell’operare non solo in Libia ma in tutta l’Africa: quasi tutti i governi degli Stati di quel continente, dal Maghreb alla fascia sub sahariana, oggi vedono nell’Italia un Paese ostile, dalle posizioni opposte a quelle di Unione Africana, Lega Araba e Brics. In simili situazioni a pagare lo scotto più pesante sono le aziende italiane, piccole e grandi, che vedono sparire le commesse ed annullare i contratti. Le scelte in materia di politica estera stanno mettendo in serie difficoltà centinaia di onesti imprenditori italiani a cui, a fronte di scelte governative che ne avrebbero condizionato i rapporti, non è stata offerta nessuna sostanziale opportunità di salvataggio delle proprie attività. Il danno è già enorme. Cestari fa riferimento al recente rapporto ICE: “Le grandi imprese italiane presenti in Libia operano soprattutto nei settori del petrolio e gas (Eni, Snam Progetti, Edison, Tecnimont, Saipem), delle costruzioni ed opere civili (Impregilo e Bonatti, poi Garboli-Conicos, Maltauro, Enterprise), della ingegneria (Techint e Technip), dei trasporti (Iveco, Calabrese, Tarros, gruppo Messina, Grimaldi, Alitalia), delle telecomunicazioni (Sirti e Telecom Italia), dei mangimi (Martini Silos e Mangimi); della meccanica industriale (Technofrigo – impianti refrigerazione e OCRIM – mulini); delle centrali termiche (Enel Power); dell’impiantistica (Tecnimont, Techint, Snam Progetti, Edison, Ava, Cosmi, Chimec, Technip, Gemmo). Sono presenti inoltre Telecom, Prismian Cables (ex Pirelli Cavi).   In assoluto il maggiore investitore nel Paese è L’Eni, presente in Libia sin dal 1959 con le società Eni Oil e Eni Gas ed altre del gruppo operanti nel settore degli idrocarburi come Saipem, Snam Progetti (acquistata dalla prima). L’Eni aveva inoltre sottoscritto con il Governo-Gheddafi accordi per il rinnovo delle concessioni fino al 2045. Altro importante investitore è l’Iveco (gruppo Fiat) presente con una società mista ed un impianto di assemblaggio di veicoli industriali”.   Investimenti e commesse ad aziende italiane a forte rischio. Nello specifico:la Finaset (trading edil procurement) attraversola CO.GE.L. aveva ottenuto un contratto di alcune centinaia di milioni di euro per la ristrutturazione al centro di Tripoli di diverse costruzioni di origine italiana, di parte della Medina e del vecchio Monopolio dei tabacchi ela Italflex. La Sirti, con la francese Alcatel, aveva chiuso un contratto per la fornitura e messa in opera di oltre7.000 km di cavi di fibre ottiche per un importo globale di 161 milioni di euro (di cui 68 per Sirti).La Prysmian Cables & Systems di Milano (ex Pirelli Cavi) un contratto da 35 milioni di euro per la fornitura e posa di cavi a larga banda nella rete del Libya General Post and Telecommunications Company (GPTC).La Augusta-Westland aveva ottenuto il contratto per la fornitura di 10 elicotteri con relativi corsi di formazione ed assistenza post-vendita.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »