Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘acli’

Roberto Rossini: “Più giusto. Cattolici e nuove questioni sociali”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 marzo 2020

Roma i 5 marzo alle 17.30, presso la sede dell’Arciconfraternita dei Bergamaschi in via di Pietra 78 presentazione del libro di Roberto Rossini: “Più giusto. Cattolici e nuove questioni sociali”. Interverranno come relatori Annamaria Furlan, segretario generale Cisl; Fabrizio Barca, coordinatore Forum Disuguaglianze e Diversità; Ermete Realacci, presidente Symbola; Antonio Spadaro, direttore “La Civiltà Cattolica”, un incontro moderato dalla giornalista Maria Latella.
Bresciano, classe 1964, presidente nazionale delle Acli particolarmente attento all’impatto delle nuove tecnologie e ben convinto che le Acli siano essenzialmente un movimento di pedagogia sociale, Roberto Rossini delinea in queste pagine il compito speciale dei cattolici. Ovvero: ritrovare l’universale per salvare l’umano e rinnovare un patto di convivenza a partire da alcuni punti comuni; ricostruire la comunità; ridare centralità al lavoro (e ai lavoratori), come pure all’ambiente; lottare contro la povertà investendo in istruzione e formazione, per insegnare il futuro. “L’affrancamento dalla povertà e dalla fragilità sociale è una storia lunga, è una storia popolare, che ha percorso la storia d’Europa, da quella antica a quella contemporanea. È una vicenda che si è spesso tradotta in una serie di organizzazioni e movimenti più o meno fortunati, che hanno contestato il potere per un miglior benessere”, scrive a questo proposito l’autore di “Più giusto”.
E aggiunge: “La contestazione verso il potere è avvenuta in modo violento – come nelle rivoluzioni e nelle rivolte – oppure in modo moderato, come nei grandi periodi riformisti. Il principale soggetto di questa storia assume diversi volti: del povero, del proletario, del lavoratore, fino ad arrivare a quei volti che Papa Francesco gli ’scarti’. Il principale soggetto di questa storia sta nella parte bassa della piramide. E generalmente chiede più uguaglianza”. (Scholé – Morcelliana, pp. 112, euro 10)

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Immigrazione albanese e sicurezza sociale

Posted by fidest press agency su lunedì, 8 febbraio 2010

“Costituire una Commissione di studio sulla legislazione previdenziale albanese ed italiana, nella prospettiva di predisporre una Convenzione bilaterale di sicurezza sociale che tenga conto degli ambiti delle prestazioni, dei costi e delle materie complessivamente oggetto della possibile Convenzione, coinvolgendo tecnici qualificati designati dall’Inps e dai patronati operanti in Albania.”: questa la proposta contenuta in un’Interrogazione rivolta al Governo da parte dei VicePresidenti della Commissione Lavoro della Camera, gli On. Luigi BOBBA (PD) e  Giuliano CAZZOLA (PDL).  L’Interrogazione muove dal fatto che il 15 gennaio 2010 il presidente nazionale del patronato Acli e il direttore generale dell’Istituto delle assicurazioni sociali d’Albania (ISSH) hanno sottoscritto a Roma un protocollo d’intesa.  L’ISSH ha il diritto di collaborare e stipulare accordi in materia di assicurazioni sociali con le organizzazioni non governative internazionali, mentre il patronato Acli in collaborazione con l’IPSIA (Istituto pace sviluppo innovazione Acli) ha promosso l’apertura di uno sportello per migranti a Scutari e a Tirana.
Spiega l’On. Luigi Bobba: “Con il protocollo siglato a gennaio Acli e ISSH attivano una collaborazione nella quale il patronato Acli è riconosciuto come soggetto abilitato a rappresentare i lavoratori albanesi nella richiesta relativa alla verifica della posizione assicurativa per la contribuzione versata in Albania. Le attività del patronato Acli consisteranno nell’instaurazione di un dialogo, mediante anche mezzi informatici, con l’ISSH per dare concrete risposte alle domande sociali dei lavoratori albanesi che abbiano prestato lavoro in Italia o che intendano migrare verso l’Italia. In particolare, è previsto l’avvio presso le sedi dell’ISSH di uno sportello informativo per i migranti di ritorno che abbiano versato contribuzione in Italia ed in altri Paesi ove il patronato Acli ha proprie sedi. Nella stessa prospettiva il patronato Acli aprirà in Italia due sportelli informativi, in zone ad alta densità di immigrazione albanese, con operatori di cittadinanza albanese che fungeranno da punto di riferimento sperimentale nel territorio italiano nell’attuazione del protocollo”.
“Si  tratta di una collaborazione importante – aggiunge l’On. Luigi Bobba – se si tiene conto che al 31 dicembre 2009 erano oltre 450.000 gli albanesi presenti in Italia, costituendo in tal modo la seconda comunità straniera presente nel nostro Paese”.

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »