Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Posts Tagged ‘acque marine’

Una legge speciale per il delta del Po invaso dalle acque marine

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 luglio 2022

Una normativa specifica, come una Legge Speciale, a tutela dei territori del delta del fiume Po che, dopo i danni della subsidenza innescata dalle trivellazioni in Alto Adriatico, si trovano ora a fronteggiare la risalita del cuneo salino, segnalata ormai a 30 chilometri dalla foce e che, dopo aver contaminato le risorse idriche costiere, sta pericolosamente avvicinandosi alle falde, che servono la città di Ferrara: è quanto chiede l’ANBI, che ha dedicato un workshop al tema, svoltosi nella polesana Mesola.“Serve un approccio, che superi la logica dello stato di calamità e degli interventi in emergenza, perché il Delta del Po è uno straordinario valore aggiunto del sistema Paese per l’agricoltura, l’ambiente e la storia di un territorio” afferma Massimo Gargano, Direttore Generale dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI).“L’impressione diffusa – aggiunge Francesco Vincenzi, Presidente di ANBI – è che non si stia percependo, ai livelli politici decisionali, la gravità di quanto sta accadendo tra le province di Rovigo e Ferrara, dove l’ingresso delle acque marine nell’entroterra, non solo sta inquinando gli attingimenti idrici anche per il potabile, ma sta cambiando l’habitat di un patrimonio universale di biodiversità, pregiudicando la vita delle comunità locali. Ritenere che quanto sta succedendo sia un problema meramente agricolo è una grave miopia, perché è una trasformazione dalle profonde implicazioni ambientali e sociali. Per questo serve uno strumento normativo eccezionale, atto ad attivare velocemente gli interventi necessari a mettere in sicurezza questi territori, ben sapendo che l’annunciato innalzamento dei mari, conseguenza dei cambiamenti climatici, porrà nuove e gravi problematiche di sopravvivenza a tutti i territori costieri, gran parte dei quali esistono grazie alla sicurezza idraulica, garantita da un sistema di oltre 800 centrali idrovore, che rischiano di diventare inadeguate di fronte alle evenienze, che gli scienziati stanno predicendo da anni. Servono finanziamenti adeguati alla trasformazione epocale, che ci attende – conclude il Presidente di ANBI – ma soprattutto urgono processi decisionali celeri, perché i cambiamenti climatici non rispettano le procedure burocratiche!”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Impiego di droni sullo stato delle acque marine

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 aprile 2022

“L’80% dei milioni di tonnellate di plastiche, che annualmente finiscono in mare, sono trasportate dai corsi d’acqua, che solcano la terraferma, vittime di una società incoerente, ad ogni livello, tra affermazioni di principio e scelte concrete”: ad affermarlo è Massimo Gargano, Direttore Generale di ANBI (Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione del Territorio e delle Acque Irrigue) che, intervenuto ad un webinar di ANCI Lazio sullo stato delle acque marine, ha indicato questa come una delle battaglie di civiltà, su cui sono impegnati i Consorzi di bonifica, gestori della rete idraulica minore, lunga oltre 200.000 chilometri.È stato proprio questo, uno dei problemi, cui sono state proposte soluzioni d’avanguardia nel corso della 2°edizione dell’Innovation Hub, organizzato da ANBI, mutuando l’esperienza dell’Urban Hub e del Consorzio di bonifica di Piacenza; l’idea di “Blu Eco Line” si chiama “River Cleaner” ed è un impianto per l’intercettazione di rifiuti flottanti in ambiente fluviale.Oltre a questa sono state altre sei, le esperienze di start-up, spin-off universitari e progetti di ricerca, selezionate in materie di competenza dei Consorzi di bonifica.Due i droni presentati : “Dart 242”, deputato al sorvolo, nonché al controllo degli argini e “Sinoptic”, originale drone galleggiante per la sorveglianza acquea.Altro tema di grande interesse è la produzione di energia rinnovabile; due le proposte innovative: il microeolico di “WindCity” ed i pannelli fotovoltaici galleggianti di “I-pergola”.Guardano, infine, al territorio le soluzioni ideate nel mondo universitario: “E3”, spin-off dell’Ateneo della Calabria, ha ideato un software per monitorare la produzione di sedimenti all’interno di un bacino; il progetto “Soil Bank”, nato dalla collaborazione fra Ateneo di Padova e Consorzio di bonifica Veneto Orientale, punta sperimentalmente ad individuare le opportune pratiche agronomiche per migliorare la qualità organica dei terreni.“L’Innovation Hub – conclude il DG di ANBI– è un tassello della vocazione alla ricerca applicata, presente nei Consorzi di bonifica, capaci di adattarsi alle trasformazioni della società, cavalcando soluzioni d’avanguardia. Quanto presentato oggi anticipa due proposte innovative, che illustreremo entro breve: l’avvio della certificazione “Goccia Verde” per la sostenibilità idrica ed i primi progetti del Piano Laghetti che, redatto con Coldiretti, punta a realizzare 10.000 bacini medio-piccoli entro il 2030.”

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »