Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 229

Posts Tagged ‘acquisti’

Tonno in scatola. Consigli per gli acquisti

Posted by fidest press agency su sabato, 9 luglio 2011

Praticissima, una scatola di tonno puo’ risolvere il problema di una cena estiva, di ritorno dal mare o dalla montagna, quando manca il tempo e, soprattutto, la voglia di preparare la cena. Gia’, ma quale tonno? I piu’ pensano che il tonno che consumiamo arrivi dai nostri mari, pescato nelle tonnare e prontamente inscatolato. Non e’ cosi’ perche’ la maggior parte del tonno “nostrano”, cioe’ il tonno rosso, viene acquistata dai giapponesi che ne sono estimatori e a noi non rimane che consumare il tonno giallo, o meglio a pinna gialla, pescato nei mari tropicali (magari dagli stessi giapponesi). Anche nel tonno ci sono parti piu’ o meno pregiate, come puo’ essere il filetto e la spalla per il bovino, ma questa informazione non e’ riportata nell’etichetta della maggior parte dei prodotti. La parte piu’ pregiata e’ quella ventrale, detta ventresca, poi quella dorsale, chiamata tonnina, e quella caudale e pinnale, indicata come busonaglia. Il tonno dovrebbe essere a trance intere perche’ quello sminuzzato proviene da rimanenze di lavorazione. Tutto il tonno è cotto a vapore e l’aggiunta di oli di varia natura e’ un indice di qualita’: l’olio extra vergine, l’olio di oliva, l’olio di semi rappresentano le scale, a scendere, della bonta’, a nostro avviso, del prodotto. In sintesi riassumiamo i consigli per acquistare il tonno in scatola (non tutte queste indicazioni sono riportate in etichetta):
Tonno rosso
Ventresca
Olio extra vergine d’oliva
Trance intere
Quattro semplici informazioni da tener presente nell’acquisto. Non rimane poi che assaggiarlo, ma sui gusti personali non mettiamo bocca. (Primo Mastrantoni, segretario dell’Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli acquisti verdi crescono

Posted by fidest press agency su martedì, 28 giugno 2011

Torino Martedì 28 giugno alle 11,30, presso la Sala Copenaghen dell’Environment Park di, in via Livorno 58, avrà luogo la sottoscrizione del protocollo d’intesa 2011 per la promozione degli acquisti pubblici ecologici. Saranno resi noti, oltre ai nuovi firmatari, le categorie di prodotti che entrano da quest’anno a far parte del progetto e i dati sugli acquisti di beni e servizi “verdi” effettuati nella nostra provincia nel corso del 2010, che evidenziano un significativo incremento rispetto all’anno precedente. Il progetto Acquisti pubblici ecologici (APE) è stato varato dalla Provincia di Torino, in collaborazione con Arpa Piemonte, nel 2003. L’obiettivo, definito sia nell’Agenda 21 provinciale che nel Piano strategico provinciale per la sostenibilità, è quello di promuovere la diffusione di prodotti e metodi di produzione improntati a criteri ecologici. I soggetti che aderiscono al progetto APE si impegnano a utilizzare criteri ecocompatibili nell’acquisto di diversi beni e servizi per i propri uffici. La sottoscrizione dell’accordo avverrà nell’ambito della conferenza europea “Appalti Pubblici Innovativi”, organizzata con la collaborazione della Provincia di Torino, che si terrà nella Sala Kyoto dell’Environment Park di Torino il 27 e il 28 giugno.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Monete celebrative unità d’Italia

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 maggio 2011

Disponibili dal 6 maggio 2011 nella versione fior di conio le monete celebrative dei 150 anni dell’Unità d?Italia. Si tratta delle monete da 2 euro a circolazione ordinaria e quelle da 5 euro previste per i soli collezionisti, entrambe in corso legale a partire dal 15 marzo 2011 e le cui caratteristiche sono definite nei rispettivi decreti del 2 marzo 2011. Gli enti, le associazioni ed i privati interessati all’acquisto possono farne richiesta all’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato via fax oppure attraverso i moduli presenti sul sito internet entro il 7 novembre 2011. Le caratteristiche artistiche delle monete da 2 euro a circolazione ordinaria, millesimo 2011, celebrative del «150° Anniversario dell’Unita’ d’Italia», sono sul dritto: al centro, tre bandiere tricolore che sventolano, a rappresentare i tre giubilei del 1911, 1961, 2011, in un collegamento ideale tra le generazioni: logo del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia. Nella parte superiore, ad arco, la scritta «150° dell’unita’ d’italia»; in campo, a destra, il monogramma «ri» della Repubblica italiana; in basso, le date «1861 2011»; sotto, al centro, «r» e a destra, la sigla dell’incisore Ettore Lorenzo Frapiccini «elf inc.»; intorno le dodici stelle dell’Unione europea. Dossier Le monete celebrative del 150° anniversario dell’Unità d’Italia

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Acquisti uova di Pasqua

Posted by fidest press agency su sabato, 9 aprile 2011

“E’ questo il momento giusto per comprare l’uovo di Pasqua”. E’ quanto afferma Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC), che spiega: “Per risparmiare bisogna evitare l’acquisto dell’ultimo minuto quando i prezzi tendono ad aumentare: conviene, invece, muoversi per tempo, approfittando delle offerte della grande distribuzione o anche dei piccoli punti vendita, controllando però sempre con molta attenzione la data di scadenza”. “Per scegliere poi l’uovo di cioccolata -prosegue Dona- è fondamentale leggere l’etichetta, vera e propria carta d’identità del prodotto. Occhio allora alla dizione ‘cioccolato puro’ che è riservata a quello non contenente oli tropicali o altri grassi vegetali, ricordando che in caso contrario deve essere obbligatoriamente riportata la dicitura, ben visibile e chiaramente leggibile, ‘contiene altri grassi vegetali oltre al burro di cacao’ “. “Se poi nella denominazione vengono usati aggettivi che danno al consumatore un’idea di maggiore qualità -continua Massimiliano Dona- le caratteristiche devono essere migliori: ad esempio, il cioccolato ‘finissimo’ o ‘superiore’ deve avere almeno il 43% di cacao (e non il 35%)”. “Esaminando le etichette -conclude il Segretario generale- si possono anche avere delle indicazioni utili sul prezzo adeguato del prodotto. Considerato che il contenuto in cacao della cioccolata è inferiore al 50% e valutati i costi di produzione, quelli per la confezione ed anche quelli della sorpresa, un prezzo ragionevole dovrebbe aggirarsi intorno ai 30-40 euro al Kg”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Acquisti on-line più sicuri

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 marzo 2011

Il Parlamento ha approvato giovedì una serie di emendamenti alla legislazione comunitaria per meglio proteggere i consumatori europei che acquistano su internet e aumentare la fiducia nel commercio transfrontaliero. Il testo torna ora in commissione parlamentare per lasciare la porta aperta a un accordo in prima lettura col Consiglio.I deputati vogliono che un consumatore che fa un acquisto online o tramite catalogo sappia con chiarezza cosa sta per comprare e il costo finale della transazione, oltre a identità e indirizzo del venditore. La spedizione del prodotto acquistato è la fase della transazione più problematica. Secondo le regole approvate dal Parlamento, ogni spedizione di un acquisto effettuato a distanza deve avvenire entro 30 giorni, limite dopo il quale il consumatore può cancellare l’ordine. Il commerciante è responsabile di qualsiasi danno o perdita avvenuti durante la spedizione.Le nuove regole approvate dal Parlamento prevedono un diritto di recesso per le vendite a distanza (quando l’acquirente non può prendere visione diretta del prodotto) valido fino a 14 giorni dopo l’acquisto, grazie al quale il consumatore può restituire il bene, per qualsiasi motivo, e ottenere il rimborso entro i successivi 14 giorni. Nel caso di un prodotto che costi più di 40 euro, il commerciante ha anche il dovere di pagare la spedizione, in caso di restituzione. Il diritto di recesso è applicato anche alle vendite all’asta effettuate online, sempre più frequenti, diritto che si applicherebbe tuttavia solo nel caso di acquisti presso un venditore professionista e non un cittadino privato.Per evitare di creare un peso burocratico eccessivo per il droghiere sotto casa o l’artigiano che si occupa di riparazioni domestiche, il Parlamento ha approvato un’esenzione dalle nuove regole sull’informazione al consumatore per le cosiddette “transazioni quotidiane”, cioè quando il bene è consegnato immediatamente. Per i “contratti misti”, che includono beni e servizi, entro i 200 euro, come, ad esempio, un vetraio che sostituisce una finestra rotta, l’informazione può essere data oralmente, secondo un emendamento approvato dai deputati.  Per le riparazioni urgenti, come lo scoppio di una tubatura dell’acqua, il diritto di recesso di 14 giorni non si dovrebbe applicare, essendo inutile, afferma il Parlamento.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La spesa online per l’Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 gennaio 2011

Il settore delle vendite online è uno dei mercati in più rapida crescita in Europa. Con un valore pari a 121 miliardi di euro nel 2008, è cresciuto del 42% raggiungendo i 171,9 miliardi lo scorso anno. Nel 2010 le vendite provenienti dall’e-commerce hanno continuato a registrare ottimi risultati, crescendo del 19,4% anno su anno a rappresentare il 5,9% delle vendite al dettaglio complessive in Europa. Il mercato online europeo è cresciuto in modo significativo nell’ultimo decennio e questo trend continuerà anche nel 2011, dal momento che si prevede che gli acquisti online in Europa aumenteranno del 18% per raggiungere i 202,86 miliardi di Euro alla fine dell’anno. (spesa online)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Terzo polo: campagna acquisti

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 dicembre 2010

«Con l’avvio della collaborazione dei gruppi parlamentari di Fli, Udc e ApI – dichiara l’on. Gianni Vernetti – si apre una nuova fase della politica italiana. Il Nuovo polo che sta nascendo è la risposta liberale e popolare a un bipolarismo in forte crisi.   L’Italia merita di meglio  – continua l’esponete di Alleanza per l’Italia – del continuo scontro tra il populismo di Bossi e Berlusconi da un parte e a un partito Democratico sempre più confinato nello spazio politico della sinistra tradizionale e spesso alla rincorsa del giustizialismo di Di Pietro. E ora necessario unire le migliori energie del Paese e le porte del nuovo Polo sono aperte a tutti quei liberali e popolari che sono oggi a disagio nel Pd e nel Pdl e che vogliono impegnarsi – conclude Vernetti – in una nuova stagione di riforme per far ripartire il Paese».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Forum Internazionale degli Acquisti Verdi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 settembre 2010

Milano 30 settembre, ore 14.30 presso la sede della Regione Lombardia, sala Eventi (via Filzi, 22) presentazione di Compraverde-Buygreen Forum Internazionale degli Acquisti Verdi alla sua quarta edizione.  E’ l’innovativa mostra-convegno dedicata a politiche, progetti, beni e servizi di Green Procurement pubblico e privato, che avrà luogo alla Fiera di Cremona dal 7 all’8 ottobre 2010. All’incontro con la stampa interverranno: Marcello Raimondi, assessore all’Ambiente, energia, reti della Regione Lombardia Massimiliano Salini, presidente della Provincia di Cremona Gianluca Pinotti, assessore all’Agricoltura e all’Ambiente della Provincia di Cremona Franco Picco, direttore della Direzione generale Ambiente, energia, reti della Regione Lombardia  Antonietta Volonnino, Centrale regionale acquisti della Regione Lombardia  Francesco Bordi, assessore alle Politiche Ambientali e Agenda 21 del Comune di Cremona  Maria Pia Marini, direttore della Direzione Promozione del territorio di Unioncamere Lombardia  Massimo Valdati, assessore allo sviluppo sostenibile del Comune di Pavia e membro del Consiglio direttivo del Coordinamento Agende 21 locali italiane.
“Compraverde-Buygreen” promuove e valorizza politiche, progetti, beni e servizi di Green Procurement pubblico e privato, alimentando il confronto e le relazioni tra enti, imprese e realtà del non profit, e favorendo la produzione e il mercato green.
“Comprare verde” significa scegliere servizi e beni sostenibili ed ecocompatibili, valutandone prima dell’acquisto l’impatto ambientale nella produzione, nell’utilizzo e, infine, nello smaltimento: insomma tenendo in considerazione il loro ciclo di vita complessivo. Prodotti e servizi di ambiti molteplici: cancelleria e carta, arredamento, edilizia, prodotti tessili, alimenti e ristorazione, attrezzature elettriche e informatiche, gestione manutenzione e ristrutturazione degli edifici, pulizia, servizi urbani e al territorio (verde pubblico, arredo urbano), gestione dei rifiuti, servizi energetici, trasporti, organizzazione di eventi…
CompraVerde-BuyGreen è promosso da Provincia di Cremona, Coordinamento Agende 21 Locali Italiane, Regione Lombardia, Ecosistemi e Adescoop-Agenzia dell’Economia Sociale.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Italiani e acquisti prodotti salutistici

Posted by fidest press agency su sabato, 25 settembre 2010

L’Italia affronta una vera e propria rivoluzione salutistica o si tratta solo di una moda passeggera? Con un mercato degli integratori alimentari e dei prodotti salutistici in continua crescita da anni, infatti, FederSalus, la Federazione Nazionale Produttori di Prodotti Salutistici, ha provato a sciogliere i dubbi su un fenomeno oramai divenuto di massa coinvolgendo istituzioni come Nielsen, Universita’ degli Studi di Milano e Universita’ Iulm nel convegno “Integratori e Consumatore – Scenario competitivo e Processi di acquisto” svoltosi oggi a Milano. Al centro del dibattito il consumatore finale che diventa il vero protagonista del nuovo modo di intendere un sano stile di vita dall’utilizzo degli integratori alimentari. Ma FederSalus, si è già adoperata per approfondire gli aspetti del consumo di integratori alimentari in maniera funzionale per un sano stile di vita. L’impegno dell’associazione, infatti, è duplice: se da un lato è quello di rappresentare gli interessi delle imprese associate sul mercato nazionale e internazionale, favorendone lo sviluppo e illustrando le opportunità e le insidie del settore stesso, dall’altro e’ far si’ che al consumatore finale venga garantita la massima qualità dei prodotti e una comunicazione chiara, comprensibile ed efficace. E con questo obiettivo, FederSalus ha dato vita ad un vero e proprio portale (www.sanostiledivita.it) per incentivare la conoscenza e la consapevolezza delle buone abitudini da seguire, avvalendosi del parere dei piu’ autorevoli esperti anche attraverso newsletter, campagne ed eventi.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tonno in scatola: Consigli per gli acquisti

Posted by fidest press agency su sabato, 21 agosto 2010

Praticissima, una scatola di tonno puo’ risolvere il problema di una cena estiva, di ritorno dal mare o dalla montagna, quando manca il tempo e, soprattutto, la voglia di preparare la cena. Gia’, ma quale tonno? I piu’ pensano che il tonno che consumiamo arrivi dai nostri mari, pescato nelle tonnare e prontamente inscatolato. Non e’ cosi’ perche’ la maggior parte del tonno “nostrano”, cioe’ il tonno rosso, viene acquistata dai giapponesi che ne sono estimatori e a noi non rimane che consumare il tonno giallo, o meglio a pinna gialla, pescato negli oceani (magari dagli stessi giapponesi). Anche nel tonno ci sono parti piu’ o meno pregiate, come puo’ essere il filetto e la spalla per il bovino, ma questa informazione non e’ riportata nell’etichetta della maggior parte dei prodotti. La parte piu’ pregiata e’ quella ventrale, detta ventresca, poi quella dorsale, chiamata tonnina, e quella caudale e pinnale, indicata come busonaglia. Il tonno dovrebbe essere
a trance intere perche’ quello sminuzzato  puo’ provenire  da rimanenze di lavorazione. Tutto il tonno è cotto a vapore e l’aggiunta di oli di varia natura e’ un indice di qualita’: l’olio extra vergine, l’olio di oliva, l’olio di semi rappresentano le scale, a scendere, della bonta’, a nostro parere, del prodotto. In sintesi riassumiamo i consigli per acquistare il tonno in scatola (non tutte queste indicazioni sono riportate in etichetta): * Tonno rosso * Ventresca * Olio extra vergine d’ oliva * Trance intere Quattro semplici informazioni da tener presente nell’acquisto. Non rimane poi che assaggiarlo, ma sui gusti personali non mettiamo bocca. Primo Mastrantoni, segretario dell’Aduc

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Acquisti online

Posted by fidest press agency su domenica, 20 giugno 2010

Maximiles, leader europeo della fidelizzazione online, ha realizzato un sondaggio sulle abitudini di acquisto via web in Italia, Spagna, Francia, Germania e Regno Unito. I risultati di questa ricerca hanno messo in luce l’importanza dei programmi di fidelizzazione nelle scelte d’acquisto via Internet: in Italia il 62% dei consumatori online è disposto a ripetere l’esperienza d’acquisto in un determinato negozio se questo offre anche un programma fedeltà. A tal riguardo la classifica europea che scaturisce dalla ricerca di Maximiles mostra che gli italiani risultano secondi solo agli spagnoli, che occupano primo posto con il 25%. Seguono poi i francesi (17%), gli inglesi (13%) e all’ultimo posto i tedeschi (6%) che sembrano i meno interessati a questo tipo di promozione.  A seconda del loro comportamento le tipologie di cliente online sono principalmente due:
a)  Cliente ricorrente: il consumatore trova non solo il prezzo migliore ma scopre che il negozio scelto offre un programma di raccolta punti o altro strumento di fidelizzazione. La probabilità che torni per il prossimo acquisto è molto alta.
b) Cliente one shot: il consumatore non trova il prezzo più conveniente e il negozio non offre nessun programma di fidelizzazione. La probabilità che in futuro torni a fare acquisti in quel negozio è molto bassa.
Un dato veramente paradossale è che, sebbene italiani e spagnoli siano i consumatori online più fedeli d’Europa, sono anche quelli che hanno acquistato meno online negli ultimi 12 mesi. Solo il 36% degli italiani e il 32% degli spagnoli ha infatti dichiarato di aver effettuato più di 5 acquisti via Internet nell’ultimo anno, contro il 60% di francesi e tedeschi e l’81% degli inglesi. La ricerca evidenzia poi che i prodotti maggiormente acquistati online dagli italiani sono relativi a cultura, tempo libero e viaggi – ad esempio DVD, libri, voli aerei, soggiorni in albergo – a dimostrazione che internet ha ancora ampi spazi di sviluppo.
Alcuni dati importanti del mercato italiano:
L’86% degli italiani si dichiara soddisfatto dell’esperienza avuta con i programmi di fidelizzazione.
Il 44% dei consumatori italiani partecipa a 1 o 2 programmi fedeltà.
Gli sconti (35%) rappresentano in Italia lo strumento di promozione più efficace, seguiti dai buoni acquisto (22%) e dall’assenza di costi di spedizione (19%). Il 3X2 risulta invece essere lo strumento meno amato.
Quasi il 70% degli intervistati dichiara che la percentuale di acquisti effettuati online cresce anno dopo anno.
Negli ultimi dodici mesi, a causa della crisi, il 70% degli italiani ha cambiato il proprio comportamento d’acquisto diventando molto più attento alla spesa.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Condizionatori: consigli per gli acquisti

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 giugno 2010

Come previsto e’ arrivato il caldo e, con esso, la corsa all’acquisto dei condizionatori e dei ventilatori. Come sceglierli? Occorre, come sempre, dare uno sguardo al portafoglio, alle dimensioni della casa e al razionale utilizzo degli strumenti. Sostanzialmente i condizionatori si dividono in due categorie: fissi e mobili. I primi sono costituiti da due parti (una interna e una esterna), necessitano di lavori di installazione, sono piu’ cari, piu’ efficienti e meno rumorosi di quelli mobili; possono essere dotati di una pompa di calore che consente anche di riscaldare nei periodi freddi. I condizionatori mobili non hanno spese di installazione, sono piu’ rumorosi, costano meno e possono essere trasportati nelle stanze in relazione all’uso. E’ importante ricordare che la sensazione di disagio ‘da caldo’ e’ data dalla temperatura, ma soprattutto dall’umidita’ che limita la traspirazione, per questo e’ opportuno che i condizionatori siano dotati di un deumidificatore.
Chi desidera purificare l’aria da smog, polline, polvere e quanto altro e’ bene che aggiunga un apposito purificatore e comunque tenga puliti i filtri in dotazione. Per evitare inutili consumi di energia e’ necessario che non vi siano barriere (tende, poltrone, mobili) che impediscano il flusso di aria; e’ consigliato inoltre l’uso di persiane, tapparelle e tende durante le ore piu’ calde (sembra ovvio, ma…). Da tener presente, inoltre, che la capacita’ refrigerante del condizionatore e’ in relazione alle dimensioni delle stanze, alla loro esposizione e al piano di abitazione. Quindi, oltre a chiedere consigli ai negozianti, è bene leggere le indicazioni scritte sulla confezione. Non sono rare le promesse idilliache di venditori ‘questo condizionatore raffredda anche un capannone’, che poi cozzano con la realta’, non riuscendo a refrigerare neppure una sala da pranzo(*).
Avvertenza per non prendere i famigerati raffreddori o bronchiti da condizionatore: la differenza fra la temperatura esterna e quell’interna deve essere di 5-7 gradi centigradi, oltre si rischia.
Anche i ventilatori elettrici possono dare qualche sollievo e, oltretutto, costano poco. Si possono scegliere quelli da mobile o a piantana (la capacita’ di muovere l’aria dipende dalle dimensioni delle pale e dalla loro velocita’), fissi o ruotanti su se stessi e con inclinazione rispetto all’asse verticale. Ovviamente maggiore e’ la possibilita’ di utilizzo migliore e’ la capacita’ di dare sollievo evitando, cosi’, le pericolose contratture muscolari (il “torcicollo” e’ sempre in agguato). Attenzione alle grate protettive: devono essere a maglie strette, per evitare che i bambini possano infilarci le dita. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Controller: professione del futuro

Posted by fidest press agency su martedì, 1 giugno 2010

Il controller è quella figura che sta a metà  fra la contabilità, da cui trae parte dei suoi numeri, necessari per ogni forma di analisi, e il resto dell’azienda, dalla produzione alla logistica alle vendite. E proprio per questa sua centralità, ma anche trasversalità di interlocutori, nella produzione di informazioni sulle quali il management e la proprietà prendono decisioni strategiche, che la caratterizzano come la professione del futuro. “Dato che si sente sempre più parlare dell’importanza di questa figura, abbiamo pensato che la costituzione di un’associazione di professionisti avrebbe potuto dare una marcia in più a tutti quei controller che oggi si trovano a navigare a vista, fra dirigenti che sono convinti che si debbano occupare solo di acquisti, venditori che non accettano di sentirsi in discussione, e operations che non vogliono che nessuno metta il naso in reparto” sottolinea Cinciripini. “Vogliamo essere il punto di incontro tra professionisti e esperti del settore, favorendo lo scambio di esperienze. In questo modo potremo essere di stimolo allo studio ed alla ricerca nelle tematiche tecnico professionali, ed essere forza aggregante con organizzazioni, associazioni, enti e singole professionalità.” L’associazione si occuperà di promuovere la formazione continua e realizzare appositi corsi post-laurea, definire un codice etico della professione e condividere, all’interno ed all’esterno della associazione, le best practices della funzione del Controller, quale sintesi del know how della professione. Il nostro socio potrà, nell’area dedicata del sito, porre domande specifiche, e ricevere consigli e soluzioni. Nata ufficialmente il 12 gennaio 2010, Assocontroller grazie alla volontà di dieci soci fondatori, sta lavorando al progetto Intelligenze in Rete.Un’ottima idea, viene da dire, specialmente considerato che più del 30% delle ricerche in ambito finance riguarda posizioni relative al controllo di gestione, da un’indagine condotta nel 2009 da Robert Half. In termini retributivi, un junior controller alla prima esperienza riceve una busta paga di circa 15.000 euro lordi all’anno, che salgono a 25.000 dopo un paio di anni di esperienza, e fino a 40-45.000 dopo sei o sette anni. L’associazione, inoltre, si occuperà di favorire l’incontro tra i soci ed il mercato del lavoro, mediante occasioni di confronto con i principali cacciatori di teste.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stagione saldi

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 dicembre 2009

“Il 75% dei consumatori aspetterà la fine dei saldi per fare acquisti, quando i negozianti, applicheranno uno sconto di almeno il 50%”  Secondo le stime rese note da Contribuenti.it – Associazione Contribuenti Italiani, le vendite scontate di almeno il 50% sono attese soprattutto al Mezzogiorno (83%) seguito dal centro (78%) e dal Nord (74%). Per quanto riguarda il budget acquisti, il 66% è orientato a spendere fino a 150 euro, il 12% più di 200 euro, mentre il restante 22% ha dichiarato di non sapere se potrà avvalersi dei saldi. I saldi sono graditi particolarmente alle donne, con il 71%: acquistano principalmente scarpe (31%), borse (27%) e abbigliamento (25%). «E’ importante scontare subito tutti i prodotti di almeno il 50% per incoraggiare gli acquisti – afferma Vittorio Carlomagno Presidente di Contribuenti.it Associazione Contribuen ti Italiani – Se i consumi non ripartono, non potrà ripartire l’intera economia. Molti consumatori hanno rinunciato da tempo ad acquistare, preferendo riciclare tutto ciò che hanno negli armadi». Contribuenti.it – Associazione Contribuenti Italiani

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tartufi. Consigli per gli acquisti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 novembre 2009

Prezzo elevatissimo, scarso potere alimentare, “profumo” intenso. Sono queste le caratteristiche dei tartufo, un fungo sotterraneo che si sviluppa in corrispondenza delle radici degli alberi (es. quercia) e che puo’ essere individuato grazie all’utilizzo di cani addestrati. Anticamente gli venivano attribuite proprieta’ afrodisiache, tant’e’ che era stato dedicato a Venere. Quello piu’ pregiato e’ quello bianco di Alba (Cuneo) ma ce ne sono di varieta’ meno costose (es. nero di Norcia – Perugia). Il prezzo elevato, anche 3.000 euro al chilo, induce i disonesti a truffare i consumatori. Ci sono tartufi provenienti dall’Asia senza alcuna particolare qualita’ organolettica, che non sanno di nulla e non profumano ma che vengono commercializzati come nostrani; i prezzi di importazione sono, ovviamente, stracciati rispetto a quelli di vendita nel nostro Paese. Difficile, per i profani, distinguere l’uno dall’altro anche perche’, furbescamente, si uniscono a quelli italiani per farne assumere l’odore. A volte si aggiungono pietruzze nelle screpolature per aumentarne il peso o si incollano quelli piccolissimi tra loro (il tartufo piu’ grande e’ piu’ costoso) o si mescolano specie piu’ e meno pregiate. Insomma, attenzione alle truffe che, in questo caso, sono particolarmente onerose; individuare un venditore di fiducia ci pare cosa utile. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Verso l’ebook?

Posted by fidest press agency su sabato, 19 settembre 2009

E-book sì, ma i numeri sono ancora piccoli e – al momento – i contenuti più adatti sembrano quelli legati allo studio e al lavoro: è quanto emerge dalla terza indagine per l’Osservatorio permanente contenuti digitali, presentata oggi a Milano, che ha fotografato in modo trasversale i diversi modi in cui il pubblico accede ai contenuti digitali attraverso le tecnologie in base a uno studio qualitativo etnografico e quantitativo su un campione di 8.500 individui del paner consumer di Nielsen rappresentativo della popolazione italiana (la sintesi dell’indagine è in allegato, così come le curiosità).  Solo un italiano su dieci (il 10%) pensa che in futuro i libri elettronici (da leggere su uno schermo) si affiancheranno con successo a quelli tradizionali. I contenuti più adatti sembrano quelli legati allo studio e al lavoro: il 14% di chi possiede un Pc sembrerebbe propenso a utilizzarlo per leggere un libro di studio/lavoro. Questa percentuale scende al 6% se si parla di contenuti di svago/intrattenimento. Più limitato il gradimento per l’e-book sul cellulare (4% per studio e lavoro, 2% per libri di svago). Un italiano su tre afferma che potrebbe fare tranquillamente a meno di leggere libri (è il 34%, stabile rispetto al 2008). I giovani che la pensano così sono anche di più: il 37% (erano il 32% nel 2008). Non è però solo un problema di libri, farebbero a meno di praticamente di tutti i contenuti culturali. Nel 2007 la ricerca su Google di “forum letteratura” produceva 1.680.000 risultati, oggi 1.470.000. Alle stesse date i risultati per “forum calcio” sono passati da 1.940.000 a 4.850.000. Diminuiscono i lettori e diminuiscono anche gli acquirenti – I lettori di un libro nei 12 mesi precedenti sono il 56% degli italiani (con più di 14 anni – pari a 29 milioni di individui). Erano nel 2008 il 60% (31 milioni di individui). Le cose non vanno meglio sul fronte acquisti: solo il 45% (era il 48% nel 2008) ha acquistato almeno un libro nel corso dell’anno.
L’Osservatorio permanente sui contenuti digitali è stato creato nel 2007 da AIDRO, AIE, ANICA, FIMI, PMI, UNIVIDEO, principali Associazioni che operano nella produzione e gestione dei contenuti, e Cinecittà Luce, in collaborazione con la società Nielsen.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Declassamento alberghiero

Posted by fidest press agency su martedì, 30 giugno 2009

Si ripropone un annoso problema per l’industria alberghiera, relativo al turismo d’affari e ai rapporti con la clientela corporate. È alto infatti il numero degli hotel di classificazione superiore a quattro stelle cui è precluso il business degli eventi medico-scientifici sponsorizzati dalle aziende farmaceutiche: esse infatti, in ottemperanza al Codice deontologico di Farmindustria, non possono utilizzare alberghi superiori a quattro stelle per ospitare operatori sanitari italiani invitati a convegni e congressi. A ciò si aggiungono i numerosi uffici acquisti di importanti società che, nell’ottica di un contenimento dei costi, escludono a priori l’approvvigionamento di servizi di housing da strutture superiori alle quattro stelle. Per far fronte a questo stato di cose, la sola prospettiva sembra quella di un declassamento degli esercizi alberghieri, a garanzia della continuità del periodo di attività e a salvaguardia dei posti di lavoro. In diversi casi, l’alternativa obbligata è la chiusura stagionale, cui molti dei più prestigiosi alberghi del nostro Paese sono desueti. È un problema reale da affrontare e risolvere tutti insieme: il declassamento – allo stato attuale l’unica forma di difesa per gli alberghi di lusso in difficoltà – è uno spettro da scongiurare con tutte le forze, perché depaupererebbe drammaticamente la nostra hotellerie soprattutto di fronte al pubblico straniero. Federcongressi ha una proposta in merito: sostituire questa norma del Codice con un’altra che ponga alle aziende un vincolo non di stelle bensì di spesa. Ciò raggiungerebbe lo stesso obiettivo della normativa attuale, cioè impedirebbe alle aziende farmaceutiche di ospitare medici in strutture dal costo ritenuto eccessivo, ma coglierebbe questo scopo con un criterio più adeguato all’odierna realtà operativa e attraverso un “paletto” più aderente a un panorama alberghiero assai poco uniforme e non sempre attendibile nelle classificazioni». http://www.federcongressi.it! Federcongressi è la federazione delle associazioni della meeting & incentive industry operanti in Italia. È organizzazione senza fine di lucro che nasce nel 2004 per dare voce e rappresentanza unitaria a un settore che ha rilevante importanza economica in termini di fatturato, di posti di lavoro e di indotto generato. La compongono le seguenti associazioni: AIMP (Associazione italiana meeting planner – Professionisti dei convegni), Apicef (Associazione professionisti e imprese congressi e fiere), Italcongressi-PCO Italia (Associazione nazionale imprese dell’industria congressuale), Meet in Italy (network delle località congressuali italiane meglio attrezzate), MPI Italia (capitolo italiano di Meeting Professionals International, la più grande community mondiale di professionisti degli eventi) e SITE Italy (capitolo italiano della Society of Incentive Travel Executives, l’unica associazione internazionale dedicata alla motivation by events). Federcongressi si propone di rappresentare la meeting & incentive industry italiana presso le istituzioni, nonché di studiare forme di promozione dell’Italia congressuale all’estero, favorire una nuova normativa di settore, sostenere la qualificazione delle risorse professionali e patrocinare studi

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

3 italiani su 4 cercano prodotti scontati del 50%

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 giugno 2009

In Italia, Napoli, Aosta, Bologna, Catania, Roma, Pescara, Udine, Verona, Prato e Bari sono le città dove è più conveniente acquistare durante il periodo dei saldi, con sconti mediamente del 50%, mentre Milano, Imperia, Roma, Genova, Firenze, Terni, Rieti, Salerno, Potenza e Venezia sono tra le città meno propense allo sconto, dove lo stesso non supera mediamente il 30%. Lo affermano i dati statistici 2004-2009 resi noti da Contribuenti.it – Associazione Contribuenti Italiani che con Lo Sportello delle Contribuente monitora costantemente il fenomeno della crisi economica in Italia. In Europa, durante i saldi, conviene fare shopping a Londra dove si registrano sconti fino al 75%. Parigi, Oslo, Copenaghen, Zurigo e Ginevra sono le città meno convenienti dove lo sconto non supera il 30%. Ottimi affari si fanno anche sul web dove è possibile acquistare prodotti inediti con sconti che vanno dal 45% al 70%. “Con i saldi estivi si registrerà una lieve ma significativa ripresa dei consumi + 0,9% rispetto all’anno scorso – sostiene Vittorio Carlomagno, Presidente Contribuenti.it – La spesa per famiglia dovrebbe attestarsi intorno 210 euro, in quanto solo il 52% dei consumatori potrà permettersi di usufruire degli sconti stagionali. La gran parte dei prodotti scontati – spiega Carlomagno – non sarà comunque accessibile alle famiglie medie, anche a causa prosciugamento dei propri fondi per pagare le imposte e del proliferare dei giochi d’azzardo. Il 75% dei consumatori aspetterà comunque la fine dei saldi per fare acquisti, quando lo sconto sarà superiore al 50%” Secondo i dati di Contribuenti.it – Associazione Contribuenti Italiani, i saldi sono attesi soprattutto al Mezzogiorno (81%) seguito dal centro (78%) e dal Nord (76%). Per quanto riguarda il budget acquisti, il 65% è orientato a spendere fino a 200 euro, il 13% più di 250 euro, mentre il restante 22% ha dichiarato di non sapere se potrà avvalersi dei saldi. I saldi sono graditi particolarmente alle donne, con il 71%: acquistano principalmente scarpe (31%), borse (27%) e abbigliamento (25%). «E’ importante scontare tutti i prodotti subito di almeno il 50% per incoraggiare gli acquisti – continua Carlomagno – Se i consumi non ripartono, non potrà ripartire l’intera economia. Molti consumatori hanno rinunciato da tempo ad acquistare, preferendo riciclare tutto ciò che hanno negli armadi».

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Condizionatori d’aria. Consigli per gli acquisti

Posted by fidest press agency su sabato, 23 maggio 2009

Da giorni è iniziato il caldo e c’è la corsa all’acquisto dei condizionatori, che ormai si stanno diffondendo anche nelle abitazioni, probabilmente fra qualche anno saranno presenti in tutte le case, al pari dei termosifoni. Ma come sceglierli? Occorre, come sempre, dare uno sguardo al portafoglio, alle dimensioni della casa e al razionale utilizzo del condizionatore. Sostanzialmente i condizionatori si dividono in due categorie: fissi e mobili. I primi sono costituiti da due parti (una interna e una esterna), necessitano di lavori di installazione, sono piu’ cari, piu’ efficienti e meno rumorosi di quelli mobili; possono essere dotati di una pompa di calore che riduce i consumi e consente anche di riscaldare nei periodi freddi. I condizionatori mobili non hanno spese di installazione, sono piu’ rumorosi, costano meno e possono essere trasportati nelle stanze in relazione all’uso. Come e’ noto la sensazione di disagio e’ data dalla temperatura ma soprattutto dall’umidita’ chelimita la traspirazione, per questo e’ opportuno che i condizionatori siano dotati di un deumidificatore (ormai lo sono quasi tutti ma attenti ai residui di magazzino!). Chi desidera purificare l’aria da smog, polline, polvere e quanto altro e’ bene che aggiunga un apposito purificatore o tenga puliti i filtri in dotazione. Per evitare inutili consumi di energia e’ necessario che non vi siano barriere (tende, poltrone, mobili) che impediscano il flusso di aria; e’ consigliato inoltre l’uso di persiane, tapparelle e tende durante le ore piu’ calde (sembra ovvio, ma…). Un’ultima avvertenza per non prendere i famigerati raffreddori o bronchiti da condizionatore: la differenza fra la temperatura esterna e quella interna deve essere di 5-7 gradi centigradi, oltre si rischia. (fonte Associazione per i diritti degli utenti e consumatori)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »