Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘adebuamento’

Ex specializzandi 1994-2006 tornano a vincere in appello, valido l’adeguamento della borsa di studio

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 aprile 2018

Gli ex specializzandi della classe 1994-2006 hanno diritto all’adeguamento della borsa di studio da loro richiesto. Non è infatti vero che sussista un blocco degli adeguamenti integrale. È il filo logico seguito dalla Corte d’Appello di Roma sezione civile nella sentenza del 7 aprile 2018, che ha confermato precedenti sentenze del Tribunale di Roma e orientamenti della Corte di Cassazione che in questi mesi erano stati rivisti con esiti sfavorevoli per i ricorrenti. La sentenza si riferisce ad ex specializzandi che pur percependo la borsa da 11 mila euro annui non ebbero i contributi e l’assicurazione previsti nel contratto da 26 mila euro annui intervenuto dall’anno accademico 2006/07. E secondo gli Avvocati Francesco Caronia e Giuseppe Pinelli, specialisti della vertenza e coordinatori del network legale ELEGALNET «riprende autorevolmente l’ampio filone della giurisprudenza della Cassazione che fino ad ora ha riconosciuto il risarcimento e l’adeguamento del trattamento economico». I legali ricordano che la Cassazione di recente ha fatto dietro front su precedenti orientamenti favorevoli rispetto a questa classe di specializzandi. Tutto è avvenuto dopo che la Corte di Giustizia Europea, con la sentenza del 24/01/2018, ha stabilito tre punti​, validi per analogia anche per gli specializzandi del periodo 94/06:primo, il diritto a conseguire la borsa di studio intera decorre dal 1983; secondo, il quantum da corrispondere è pari a quanto fissato da ciascuno stato membro nella “normativa di trasposizione” della direttiva UE, che in questo caso è il decreto 257/91 il quale prevede una borsa di lire 21,5 milioni annui (euro 11.103,94) più interessi e rivalutazione monetaria; terzo principio, la prescrizione decennale non decorre in mancanza di attuazione della direttiva.
Subito dopo la sentenza di Bruxelles, quasi in risposta all’orientamento Ue, che per lo stato italiano comporta esborsi sicuri e ingenti, la Cassazione con sentenza 4449 del 23 febbraio scorso ha negato l’adeguamento agli specializzandi 94/06 sulla base di una lettura normativa secondo cui la remunerazione introdotta nel ’99 con decreto 368 sia stata applicata in Italia ai medici iscritti alle scuole di specialità solo a partire dall’anno accademico 2006-07 “non determina una irragionevole disparità di trattamento rispetto ai medici iscritti in precedenza.” «Tale sentenza -argomentano i legali Pinelli e Caronia- risulta del tutto isolata tra le numerose che la Cassazione ha emesso in favore del riconoscimento dei diritti degli specializzandi 94/2006, sia di risarcimento del danno da inesatta attuazione di normativa comunitaria sia di adeguamento del trattamento economico».Per tutta risposta, la sentenza della Corte d’appello di Roma riconosce​l’adeguamento e quindi l’assenza di blocco al riguardo. O meglio, «la normativa nazionale che prevedeva l’adeguamento del trattamento economico era in vigore almeno dal 1995», sottolineano i legali di Elegalnet. «Infatti, il meccanismo di adeguamento legato alla contrattazione collettiva dei medici dipendenti SSN non è stato oggetto delle normative di blocco che invece hanno colpito la parte del meccanismo di adeguamento legata alla variazione Istat del costo della vita. Il meccanismo di adeguamento, introdotto al fine di rispettare il principio comunitario della adeguata remunerazione, come introdotto in Italia dal D.lgs. 257/1991, si è fondato su un duplice sistema: indicizzazione annuale della borsa secondo indice ISTAT della variazione del costo della vita, e rideterminazione triennale della borsa in funzione degli incrementi minimi della contrattazione collettiva dei medici dipendenti di prima nomina SSN. Mentre il primo meccanismo è stato “bloccato” con numerosi provvedimenti legislativi, il secondo legato alla contrattazione è stato bloccato solo nel 1992/1993, e poi tutt’al più nel periodo 1998/2000, restando invece pienamente in vigore nel restante periodo. (Mauro Miserendino fonte: doctor33)

Posted in Diritti/Human rights, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »