Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 55

Posts Tagged ‘africa’

L’Africa che fa parlare di sé

Posted by fidest press agency su domenica, 16 febbraio 2020

Firenze Venerdì 21 febbraio, ore 18.00 Biblioteca delle Oblate – Via dell’Oriuolo 24 “Se il mare finisce”: Racconti Multimediali Migranti. Senza testimoni la verità si può manipolare e, infine, si perde. Un coro di undici storie compone una memoria collettiva in cui riconoscerci tutti umani, al di là delle frontiere. Sono le voci di uomini e donne che riscattano dall’oblio le loro vicende di migrazione e ce ne fanno dono. Presenta il volume Natalia Cangi. Interventi di: Bakary Jobe, coautore di “Se il mare finisce” Paolo Masini, MIBACT
Sandro Triulzi, Archivio Memorie Migranti Paule Roberta Yao, Vincitrice DIMMI 2019 Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Syria, Africa, Venezuela and US Middle East plan to be debated with Borrell

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 febbraio 2020

As a first item, MEPs will question EU Foreign Policy Chief Josep Borrell about Venezuelan politicians illegally entering into the EU, in a breach of sanctions decided by the European Council.The US Middle East plan aiming to find a solution to the Israeli-Palestinian conflict, foresees both a future Palestinian state and recognition of Israeli sovereignty over settlements in the occupied West Bank. It considers Jerusalem as Israel’s “undivided” capital, while permitting a future Palestinian capital to include parts of East Jerusalem.A number of key actors, including the Palestinian leadership, the Arab League and the Organisation of Islamic Cooperation (OIC) have rejected the plan in its entirety. EU Foreign Policy Chief Josep Borrell has also denounced it in a recent statement.The same day, the European Parliament will also take stock of the current security situation in Syria and debate the new comprehensive EU-Africa strategy.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Halo Provides Update to Operations in Lesotho, Africa

Posted by fidest press agency su sabato, 1 febbraio 2020

Toronto, Ontario. Halo Labs Inc. (“Halo” or the “Company”) (NEO: HALO, OTCQX: AGEEF, Germany: A9KN) is pleased to announce an update to ongoing business operations involving the Bophelo Biosciences & Wellness Ltd (“Bophelo”) in Lesotho, Africa.
Bophelo and Halo have also launched the Phase 1 expansion comprising 8 hoop houses and 1 Cravo greenhouse to grow multiple strains of potential medicinal cannabis exports from Lesotho. Halo expects to complete the 1.2 hectare build by the end March and anticipates harvesting half an acre of canopy from it in 2020. At full utilization, Phase 1 houses 3 acres of total canopy or approximately 120,000 square feet. The Company plans to put additional infrastructure into production to expand the canopy by year end.Met comments from Lesotho on the project, “We have started to roll out infrastructure that will enable us to deliver flower and biomass for oil production to international markets by July 1, 2020. Presently, we are sourcing materials required for the build out and readying the site for the Cravo Greenhouse including site prep, IT infrastructure, and more. We are building an experienced team to execute on Bophelo and Halo’s plan to export medicinal cannabis from Lesotho.” Met’s team onsite includes Roderick Teague, a seasoned agricultural project manager from the blueberry and tobacco industries. Teague has overseen largescale agriculture projects of up to 120 hectares that produced several metric tons of yield in countries such as Zimbabwe, Zambia, Mozambique and South Africa. Additionally, the team is comprised of professionals from the coffee industry with experience in international agricultural business.
Recently, Halo announced commencement for formal European Union Good Agricultural and Collection Practices (“EU GACP”) certification for growing medical cannabis in Lesotho that can be distributed to the United Kingdom. Utilizing Pharmaconsulta, Halo will meet all regulation standards to receive EU GACP certificates for Bophelo operations for medicinal plants as published by the European Medicines Agency and World Health Organization. Pharmaconsulta will also provide full audits on the agricultural and cultivation sites, implement a quality control system compliant with EU GACP standards while also providing full training to staff.Upon receipt of the EU GACP certification, Halo anticipates utilizing Canmart Limited (“Canmart”), a holder of wholesale distribution and special cannabis licenses in the United Kingdom, to import Cannabis Based Products for Medicinal use (“CBPMs”) into the UK. There are over 1.4 million people using CBPMs in the UK with a market expected to surpass $3 billion by 2024. Halo is in the process of acquiring Canmart to gain a foothold in the UK. The UK is expected to be the start of Halo’s plan to gain more distribution channels into European markets. Currently, the Company is reviewing opportunities in Malta, Israel and beyond.Halo anticipates garnering statutory central bank approvals in Lesotho and South Africa imminently and following the final closing of the Bophelo acquisition. Additionally, Louisa Mojela the Founder and Chairman of Wiphold Finance, a $250 million private equity fund, is leading active discussions with multiple commercial banks throughout the African region. This institutional and non-dilutive financing would be among the first of its kind in cannabis and would be used for further construction and buildout as well as provide working capital for the Company.Kiran Sidhu, Halo CEO and Co-Founder, comments, “We are excited to be finalizing the acquisition of Bophelo. Since initially announcing the partnership in December of 2018, our position has evolved to the anticipated acquisition of the company. The promise that the Kingdom of Lesotho offers in the cannabis industry and appointing Louisa Mojela to Halo Chairman places the Company in a strong position for global expansion.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Kuwait Invites Nominations for 2020 US1 Million Al-Sumait Prize For Education In Africa

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 gennaio 2020

Kuwait City.  Kuwait  invited nominations for Al-Sumait Prize for Education in Africa, the Sixth in the series of its annual prizes to be awarded for significant advances in the areas of food security, health and education in Africa. Open to individuals or institutions, the closing date for entries for the one million dollars Al-Sumait Prize for Education is June 30, 2020.The Prize is to be awarded to individuals or institutions who through their research projects or initiatives have made significant advancement within one or more of the following areas (or other related fields): Improving peoples access to basic education, vocational & training programs and/or higher education Improving literacy among all members of society.
Decreasing the dependence of children’s education on the socio-economic status of their parents. font: http://www.alsumaitprize.org/nominations

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Sochi il primo summit economico tra Russia e Africa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 novembre 2019

Dopo la Cina, anche la Russia ha organizzato alla fine di ottobre a Sochi il primo summit economico con tutti i 54 paesi dell’Africa e le sue più importanti organizzazioni regionali. Nel corso di due giorni di discussioni e di intensi negoziati tra le varie delegazioni e i ben 40 capi di Stato, sono stati siglati più di 500 importanti documenti, tra accordi, memorandum e contratti veri e propri per un ammontare di oltre 20 miliardi di euro. Attualmente l’interscambio commerciale tra Russia e Africa è di circa 20 miliardi di dollari, con un aumento del 17% nell’ultimo anno. Ancora molto lontano dai 170 miliardi dei commerci tra Cina e il continente africano. Il presidente Putin, però, ha annunciato l’intenzione di raddoppiare gli scambi entro 4-5 anni. Ha ricordato che in passato la Russia ha cancellato più di 20 miliardi di dollari di debiti che i paesi africani avevano accumulato durante il periodo sovietico. “Non solo per una ragione di generosità, ma anche come una manifestazione di pragmatismo, in quanto molti paesi africani non erano in grado di pagare gli interessi sui prestiti”, ha ricordato, e anche per dare inizio ad una nuova fase di fattiva cooperazione economica e politica basata sul principio dello “scambio del debito con lo sviluppo”. A differenza della Cina, che è in grado di offrire enormi prestiti a condizioni favorevoli in cambio, però, dell’accesso alle materie prime africane e alla costruzione e gestione delle grandi infrastrutture, come ferrovie, strade, porti e dighe, la Russia non ha grande bisogno di quelle materie prime poiché anch’essa ne possiede in grande abbondanza. Ciò vale anche per l’energia e le tante ambite “terre rare”, i materiali di importanza strategica per i delicati settori militari, delle comunicazioni e delle tecnologie più avanzate. Mosca intende rafforzare e valorizzare soprattutto i legami scientifici e culturali con il continente che, secondo le valutazioni di molti, promette di diventare un nuovo centro di opportunità e crescita dell’economia mondiale. Cosa che, purtroppo, spesso l’Europa preferisce ignorare. Una vecchia analisi dei rapporti in essere vorrebbe la Russia semplicemente come un grande fornitore di armi. In verità, molti armamenti provengono ancora da Mosca e personale qualificato riceve un training militare in Russia, ma la Russia è anche tra i primi 10 fornitori di cibo al mercato africano.
Ci sembra che l’intenzione russa sia strategica più che economica. S’intende creare un nuovo meccanismo per il dialogo e la partnership tra Russia e Africa, anche nell’ottica di un ordine politico internazionale multipolare. Quello di Sochi è stato il primo forum dei capi di Stato che dovrebbe ripetersi ogni tre anni, preparato con più frequenti incontri a livello ministeriale secondo le tematiche congiuntamente decise.
Putin, ovviamente, ha ricordato il sostegno russo alla lotta dei popoli africani contro il colonialismo, il razzismo e l’apartheid e ha rinnovato l’impegno per il rispetto e la difesa della loro indipendenza e della loro sovranità. Al riguardo oggi, oltre alla partecipazione nella costruzione delle infrastrutture, Mosca intende continuare l’impegno per il training professionale e scientifico di migliaia di giovani africani presso le università russe, dove già studiano 17.000 studenti africani, ma anche presso i nuovi centri di cultura e di qualificazione professionale che la Russia intende creare in molti paesi dell’Africa. E’ importante notare le nuove aree di cooperazione discusse a Sochi: oltre alle infrastrutture, le risorse energetiche rinnovabili e il nucleare per scopi pacifici, le tecnologie digitali, la sanità, l’information security, e le nuove frontiere dell’ingegneria. Un aspetto non secondario del Forum è stato l’impegno di favorire il rapporto tra l’Unione Economica Eurasiatica e gli stati africani, soprattutto con le sue organizzazioni, come l’Unione Africana. Ciò è ancora più importante se si considera che soltanto pochi mesi fa è stato siglato a Niamey, in Niger, l’accordo per un mercato africano libero dai dazi. Il presidente russo naturalmente ha polemizzato con “certi stati occidentali che stanno esercitando pressioni, intimidazioni e ricatti” nei confronti dell’Africa, dichiarando di volersi opporre a qualsiasi “gioco geopolitico” che coinvolga il continente. Come riportato nella dichiarazione finale, il Forum si è anche espressamente impegnato a “promuovere un rapporto più stretto e profondo di cooperazione e di partnership tra i paesi BRICS e l’Africa per rafforzare i meccanismi collettivi della governance globale all’interno di un sistema multipolare di relazioni internazionali”.Tutto ciò ci induce a chiedere:”Quando l’Unione europea, come istituzione, promuoverà incontri regolari con l’Unione Africana e tutti i capi di Stato dell’Africa per programmare insieme una continua e proficua iniziativa di cooperazione e di sviluppo tra i due continenti?” L’alternativa sono forme striscianti di neo colonialismo, come recentemente è stato stigmatizzato anche dal Presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte.Con rare eccezioni finora, purtroppo, la Francia preferisce un rapporto diretto e solitario con i paesi francofoni, l’Inghilterra fa lo steso con quelli anglofoni e gli altri paesi europei, come l’Italia, cercano di infilarsi nelle “fessure” lasciate ancora aperte e inserire le proprie imprese nei vari progetti di sviluppo. Spesso, però, tale comportamento crea soltanto tensioni e liti tra gli europei che minano ancora di più la credibilità dell’Unione europea. (By Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Africa & Middle East Modern Mobile Money Business Profiles 2019”

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 ottobre 2019

The research provides an analysis of 10 prominent African & Middle Eastern mobile money businesses. It includes players in the payments, banking, commerce, and retail markets in the region. The Research covers detailed company profiles, which include information on main offerings, key customers, investments, funding, growth trends, revenue, and subscriber data. This research can be helpful to executives looking to explore the range of mobile money offerings and their value proposition in Africa & Middle East markets.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Il contrasto all’immigrazione irregolare tra tutela della legalità e aiuti allo sviluppo economico dell’Africa”

Posted by fidest press agency su domenica, 22 settembre 2019

Roma Il 23 settembre p.v., presso l’aula del Senato dell’Istituto Santa Maria in Aquiro, a piazza Capranica 77 con inizio alle ore 15.00, è in previsione di svolgimento un importante convegno dal tema: “Il contrasto all’immigrazione irregolare tra tutela della legalità e aiuti allo sviluppo economico dell’Africa”. In pratica, istituzioni politiche, giudici e società civile si incontreranno per analizzare e porre rimedio a uno dei più grandi e tormentati problemi del secolo, che attendono soprattutto al nostro Paese che di fatto è meta e territorio di transito per le popolazioni migranti. “Le soluzioni ci sono” – spiega a il Presidente dell’associazione nazionale MigraZone, Cav. Dr. Franco Antonio Pinardi, per questo, l’associazione che presiedo è costituita da seri e qualificati professionisti che da oltre 15 anni operano sul territorio italiano mediando la soluzione dei problemi legati alla permanenza degli immigrati e dei loro famigliari con gli organi istituzionali preposti”.
“Serve” – continua il Presidente Pinardi – “una figura di riferimento qualificata e specializzata che si ponga come tratto d’unione certificato per snellire le procedure burocratiche, l’idoneità certa dei richiedenti, al fine di ottenere i visti e permessi richiesti da persone provenienti da altre nazioni che vogliono stabilirsi nel nostro Paese ricongiungendosi con le loro famiglie”. “La creazione di una sorta di Albo nazionale dei Consulenti all’immigrazione” – conclude Pinardi- “che verrà anche certificato da apposti master e titoli, potrà garantire anche il debellarsi di tutte quelle forme di sciacallaggio che, contando sull’ignoranza normativa e linguistica degli stranieri, speculano vergognosamente ai soli fini economici, lasciando spesso queste persone senza denari ma con crescenti ed irrisolti problemi. L’incontro in programma è di grande importanza, nella misura in cui pone a confronto politica, magistratura e operatori del settore in un auspicabile, concreto confronto”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Non ci sarà stabilità e sviluppo dell’Africa senza l’Europa

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 settembre 2019

E non ci sarà stabilità e sviluppo dell’Europa senza l’Africa. La voce del continente africano irrompe a Madrid, al convegno internazionale della Comunità di Sant’Egidio ‘Pace senza confini’. E’ quella di Faustin Archange Touadera, Presidente della Repubblica Centrafricana, un Paese che sembrava condannato alla frammentazione e alla violenza e che invece ha trovato la sua identità nel processo di pace.“Per quanto mi riguarda – ha sottolineato Touadera – voglio abolire la pena di morte. Sarebbe un segno di pacificazione, il segno di un Paese che entra definitivamente in una nuova fase storica”. Altre tre prospettive, avverte il Presidente, possono nel frattempo rendere più solida una visione “eurafricana”: il sostegno al disarmo (Touadera si è impegnato a “riabilitare” il suo Paese in questo senso), progetti contro il cambiamento climatico (altrimenti “le conseguenze saranno le guerre e le migrazioni”), il diritto alla salute con l’accesso alle cure mediche per tutti, fermare ovunque la pena di morte (“L’Europa ha una grande tradizione e il continente africano si sta muovendo sempre più nella giusta direzione”). Touadera ha infine ringraziato la Comunità di Sant’Egidio per come sta aiutando il processo di pace nel Paese e per la sua presenza con il centro DREAM per la cura dei malati di Aids in Africa.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A margine del viaggio di Papa Francesco in Africa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 settembre 2019

Di tanto in tanto ci pervengono riflessioni da parte di alcuni missionari che possiamo definire “di confine” per la loro opera condotta in luoghi dove la miseria è estrema e la morte falcidia giovani e meno giovani per fame e sete e malattie e là dove è difficile poter sostenere una idea di speranza che non vada a scontrarsi brutalmente con la disperazione e la rinuncia alla stessa vita. In quei luoghi insegnare ad aver fede, suscitare sentimenti di carità e risvegliare la speranza diventa un impegno estremo e gravoso. Si ha netta, in costoro, l’impressione che si stia vivendo una esperienza che ha risvolti molto amari per il genere umano. Vi è un divario enorme tra il bisogno ed il suo soddisfacimento e che questo bisogno non è lo stesso del povero in occidente. E’ di una “natura estrema”. E’ una miseria che uccide, falcidia senza remissione milioni di persone. Eppure sono per lo più i poveri che in occidente offrono un obolo ai fratelli più sofferenti, ma è pur sempre una goccia in un mare di necessità. Vorremmo che questi stessi missionari diventino testimoni della nostra cattiva coscienza, degli egoismi che non ci permettono di capire che la carità non ha più senso. Occorrono interventi che facciano giustizia di queste miserie, le riscattino in un piano di vaste proporzioni che partano dalla spontanea volontà di chi più dispone di lasciare una grossa fetta dei loro averi a chi averi non ha nemmeno per procurarsi un sorso d’acqua. Se riusciamo a renderci consapevoli di tutto ciò forse potremmo trovare nella speranza un barlume di certezza per il nostro futuro.

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Zoho Set to Expand in Africa

Posted by fidest press agency su sabato, 7 settembre 2019

The leading global cloud business software provider, Zoho, announced its plans to expand its footprints in the region in order to help African businesses in their digital transformation journey. The announcement was made on the sidelines of its first African user conference, Zoholics: South Africa, hosted in the city. Zoho’s product portfolio consists of more than 45 apps in nearly every major business category, including sales, marketing, customer experience and support, finance and back office operations, and an array of productivity and collaboration tools. Its most revolutionary offering is Zoho One, a single platform comprising 45+ products built on one technology stack that can run an entire business in the cloud, making it the operating system for business. Zoho One is lucratively priced at USD30 per employee/per month.“South Africa is quite high on cloud literacy. Unlike some of the other markets facing challenges with moving away from legacy systems and adopting cloud, South African businesses are already taking advantage of the cloud technology,” said Ali Shabdar, Business Development Director, MEA, Zoho Corp. “Even as the other parts of the world are inching away from multiple best-of-the-breed software towards pre-integrated suite of products, local businesses here are already choosing suites, thereby significantly lowering their IT costs and minimizing integration problems. This is why Zoho One, which goes one step further by creating a platform for running the whole business, is seeing rapid adoption in the country.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Allied Wallet Africa Announces New Office in Angola to Support African Entrepreneurs

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 agosto 2019

Allied Wallet Africa, a global FinTech company offering various payment solutions in 196 countries, recently announced a new office in Angola, Africa to support the growing opportunities for African entrepreneurs and business owners.
Millions of people are eager to engage in online commerce, but lack the proper support and functionality. South Africa has the largest e-commerce market in the continent with Nigeria and Kenya following closely, and people of the region are eager to trade and transact in the new digital space.“Africa deserves the opportunity to participate in e-commerce, they deserve advancement,” said Allied Wallet Africa CEO Andy Khawaja, “…and we are happy to be chosen for this opportunity. We are dedicated to helping these entrepreneurs and creating new opportunities in the region.” Allied Wallet Africa will bring new, “open API” online payment solutions along with mobile payment options, digital wallet solutions, and even solutions catered to utility and payroll functions.With a new office and a staff of about fifty employees, Allied Wallet Africa will accommodate the region and share new technology with a population 1.3 billion.Eshopworld.com reports that Africa has a growing middle class and a year on year increase of 265% in e-commerce growth. McKinsey Global Institute projected that e-commerce will be worth $75 billion in Africa’s leading economies by 2025.Allied Wallet Africa proudly announced their commitment to the region’s digital growth and its mission to improve Africa’s digital infrastructure and previously undeveloped payment processing system.Dr. Andy Khawaja added, “Africa is full of opportunity and smart entrepreneurs that deserve access to new e-commerce tools. It’s our goal to connect Africa – to further connect them as a continent and to further connect them to the world in our growing digital space.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Allied Wallet Africa Integrates with PrestaShop, Providing State-of-the-Art Payment Solutions

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 agosto 2019

Allied Wallet Africa, a global FinTech company offering various payment solutions in 196 countries, recently announced an integration with PrestaShop.PrestaShop offers e-commerce management solutions in over 150 countries. PrestaShop is translated in 41 different languages, active in over 115,000 stores, and stands as one of the world’s best e-commerce, shopping cart solutions.Merchants will enjoy a simple integration process that links more than 275 PrestaShop features with Allied Wallet Africa, enabling merchants to accept Visa, MasterCard, JCB, Discover, American Express, China UnionPay, Maestro, Diners Club, and much more.Allied Wallet Africa’s award-winning gateway and PrestaShop’s award-winning application function together seamlessly, enabling any PrestaShop merchant to run a dependable online store that will service sales and perpetuate profitability.PrestaShop users will find sales boosted while experiencing improved conversion rates with features like Allied Wallet Africa’s customizable fraud scrub technology and 24/7 customer support. Together, Allied Wallet Africa and PrestaShop will offer more opportunity to entrepreneurs all over the world.Andy Khawaja, CEO of Allied Wallet Africa, stated, “I am proud to partner with a company like PrestaShop. Together, we’ll offer merchants the top-of-the-line solution that they deserve.” The Allied Wallet Africa and PrestaShop integration is sure to shape the future of e-commerce solutions by offering the tools of today while simplifying the tasks of tomorrow.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Allied Wallet Africa Integrates with 3dcart to Support Global E-Commerce

Posted by fidest press agency su martedì, 13 agosto 2019

Allied Wallet Africa, a global FinTech company offering various payment solutions in 196 countries, recently announced an integration with 3dcart to provide a more comprehensive solution for merchants.3dcart’s software enables users to build, adjust, and maintain an online store without any programming or HTML knowledge. 3dcart can be used in conjunction with Allied Wallet Africa to streamline business online and shares their mission to simplify online retail for their customers.Allied Wallet Africa has taken note of the technical aspects involved with acquiring a payment solution and has taken steps to simplify the process. The service provider offers free integration upon the request of any prospective, online merchant for no additional charge; and amongst their varying initiatives, Allied Wallet Africa offers this free integration as another means to assist their merchants.“We want our merchants to be successful. We want them to be profitable and we’ll do what we can to perpetuate their success,” said Andy Khawaja, CEO of Allied Wallet Africa, “This partnership with 3dcart will simplify the process of starting an online business and we couldn’t be more excited for the things that are to come.” Allied Wallet Africa and 3dcart’s solutions collectively boast decades of experience; and in many areas, they have exerted overlapping focus.The integration of Allied Wallet Africa’s merchant services solutions with the 3dcart software will provide a smooth and seamless process and benefit business owners around the world.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fondo per la pace in Africa

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 luglio 2019

Nel corso della sua missione ad Addis Abeba (Etiopia) Neven Mimica, commissario responsabile per la Cooperazione internazionale e lo sviluppo, ha firmato con Moussa Faki Mahamat, presidente della Commissione dell’Unione africana (UA), un accordo con il quale l’Unione europea si impegna a stanziare 800 milioni di EUR supplementari per sostenere l’UA nei suoi sforzi volti a promuovere la pace, la sicurezza e la stabilità in Africa. Il commissario Mimica ha dichiarato: “L’Europa rimane il primo partner dell’Africa nel campo della pace e della sicurezza. Dal 2004 a oggi il Fondo per la pace in Africa ha fornito oltre 2,7 miliardi di EUR per finanziare soluzioni africane ai problemi africani. La quota più consistente della somma aggiuntiva di 800 milioni di EUR annunciata oggi sarà utilizzata per operazioni di sostegno della pace condotte dai nostri partner africani”. Grazie a tali finanziamenti supplementari l’Unione europea sosterrà il potenziamento delle strutture e dei meccanismi di prevenzione, gestione e risoluzione dei conflitti in un contesto di rispetto dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario. Il nuovo stanziamento permetterà inoltre all’UA di finanziare un meccanismo di reazione rapida (link is external) per iniziative di diplomazia preventiva e di mediazione, oltre allo svolgimento di operazioni di pace condotte sotto direzione africana.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Mal d’Africa”

Posted by fidest press agency su domenica, 21 luglio 2019

È il titolo della rivista San Francesco di luglio. Nelle pagine del mensile francescano la voglia di ritorno e la nostalgia del continente ripercorso nei viaggi di Papa Francesco in Africa. Il quarto in quattro anni. E dal 4 al 10 settembre sarà in Mozambico, Madagascar e Mauritius. Non è un mistero la predilezione di Bergoglio per il continente africano. In occasione del Giubileo straordinario della misericordia, scelse proprio la capitale della Repubblica Centrafricana per aprire la Porta Santa in anticipo di una settimana su quella di San Pietro. «Una Chiesa-famiglia che attende l’arrivo del Santo Padre come un balsamo per lenire le ferite. Il Nord del Paese – scrive il giornalista Riccardo Benotti – è ancora preso di mira da attacchi armati che provocano morti tra civili e forze di sicurezza. Chiese e cappelle cristiane sono oggetto di assalti e incendi».Il mensile dei frati di Assisi di luglio riporta anche un’esclusiva intervista al nuovo Ministro Generale dell’Ordine dei Frati Minori Conventuale, fra Carlos Trovarelli, su attualità, fede e carisma francescano: «Essere un degno successore del Santo di Assisi. Cosciente della grandezza di questa chiamata e della mia piccolezza, ho chiesto a San Francesco il suo spirito e la forza per compiere la missione affidatami. Trasmettere i valori francescani attraverso la riflessione e la formazione dei giovani frati; promuovere il rapporto con tutto il mondo laicale, uno stile di vita semplice e progetti eco sostenibili. Ma anche – conclude fra Carlos – l’importanza della comunicazione e i nuovi mezzi e temi legati al nostro carisma come la fraternità, la minorità e la testimonianza del Vangelo nella società».Il periodico francescano parte da un editoriale di padre Enzo Fortunato “I non voluti” che porta il lettore a fermarsi a riflettere su quanto sta accadendo nel mondo e sul «Perché abbiamo smarrito attenzione, compassione e umiltà verso i più fragili che non vogliamo e rifiutiamo». Nell’editoriale, il direttore della rivista San Francesco, parte dalla foto di Oscar e sua figlia, «morti avvinghiati in un inutile ultimo respiro nelle acque del Rio grande, al confine tra il nord e il sud, tra la prosperità e la miseria, nel desiderio di cercare una vita migliore per sé e per i propri figli».Ma anche eventi come il progetto “Percorsi Assisi” una settimana, dal 31 agosto all’8 settembre, full time tra economia, lavori di gruppo e passeggiate all’aria aperta alla ricerca della propria vocazione professionale. L’evento che si terrà al Sacro Convento è riservato a 50 studenti universitari e laureati under 35 che saranno i protagonisti di una settimana di lezioni sulle sfide dell’economia circolare, dell’etica di impresa e della comunicazione per accompagnare alle competenze scientifiche, considerazioni di tipo umanistico. http://www.percorsiassisi.it

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ms. Louisa Mojela Speaks on Cannabis in Africa

Posted by fidest press agency su giovedì, 27 giugno 2019

Ms. Louisa Mojela, Chairman of Bophelo Bioscience & Wellness speaks on the current state of cannabis in Africa with BBC Money Daily. Lesotho was the first country in Africa to legalize the cultivation and manufacturing of cannabis, creating a unique opportunity to capitalize on early entry. Halo Labs recently entered into an LOI with Bophelo to acquire the company and will appoint Ms. Mojela to Chairman upon closing of the acquisition. As one of Lesotho’s most prominent business figures and an extremely successful investment banker in Africa, Ms. Mojela is a valuable addition to the Halo team. Halo will be attending and presenting at European Cannabis Week along with the Ms. Mojela and the Deputy Prime Minister of Lesotho, Mr. Monyane Moleleki.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Migranti: in Africa 1 migrante su 4 è un bambino

Posted by fidest press agency su martedì, 12 febbraio 2019

Quasi un migrante su quattro in Africa è un bambino, più del doppio della media globale, e il 59% dei 6,8 milioni di rifugiati nei paesi africani sono bambini. Almeno 13,5 milioni di bambini sradicati in Africa – con 6,5 milioni di migranti internazionali (compresi 4 milioni di rifugiati) e 7 milioni di sfollati interni – necessitano di azioni nazionali rafforzate e di una cooperazione regionale e internazionale tra Stati per difendere i loro diritti, preservarli e aiutarli a realizzare il loro potenziale.In occasione del vertice dell’Unione africana (UA) di Addis Abeba, l’UNICEF esorta i leader dell’UA a lavorare insieme per affrontare i fattori negativi della migrazione irregolare e rispondere alle esigenze dei bambini sradicati in tutto il continente.”La maggior parte dei migranti africani si sposta all’interno dell’Africa, e mentre gran parte di questo movimento di persone è normale e regolare, le cause negative di fondo rimangono i principali fattori dell’immigrazione irregolare in tutto il continente”, ha detto Henrietta Fore, Direttore generale dell’UNICEF. “Ogni giorno, i bambini e le famiglie vittime di violenza, povertà o delle devastazioni del cambiamento climatico prendono la dolorosa decisione di lasciare le loro case in cerca di sicurezza e di un futuro più promettente. Affrontare queste cause alla radice contribuirà a ridurre la necessità di lasciare le famiglie e i bambini”. Oltre ad affrontare i fattori negativi della migrazione irregolare, l’UNICEF chiede ai governi africani di attuare politiche e programmi per proteggere, incoraggiare ed investire sui bambini rifugiati, migranti e sfollati.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

E se fosse l’Africa a chiudere i porti?

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 gennaio 2019

Meglio atei che cristiani ipocriti (Papa Francesco) Considerando il mio passato da criminale, forse non sono la persona più adatta per parlare di certi argomenti, ma la strage dell’altro giorno nel mare Mediterraneo mi ha fatto veramente stare male e non capisco perché, se questo accade a me che sono stato per quasi tutta la vita un poco di buono, non accada a certi politici incensurati che si definiscono cristiani. Questo mi fa pensare che si può essere culturalmente criminali e avere la fedina penale pulita, ma non la coscienza.
A volte mi capita di ascoltare delle discussioni forcaiole sugli emigranti e su chi commette reati che mi fanno amaramente sorridere. Credo che le persone la pensino in un certo modo non perché siano cattive, ma perché fondano le loro convinzioni su una cattiva informazione. D’altronde la gente ha voglia di sapere e dalle informazioni che riceve decide cosa pensare. I politici questo lo sanno bene e spesso usano i mass media per manipolare le coscienze. La strage degli emigranti in mare continua e continuano certe assurde dichiarazioni di alcuni politici: “I porti chiusi sono un deterrente per non farli partire.” “È colpa delle Organizzazioni Non Governative.” “Aiutiamoli a casa loro.” “È colpa degli scafisti”. “No! È colpa degli emigranti che preferiscono morire annegati che di fame e di stenti nel loro paese.” “È colpa dei trafficanti umani.” “È colpa dell’Europa.” “Se apriamo i porti i morti aumenteranno”.Alcuni politici hanno creato una fortuna elettorale con l’emergenza emigrazione e sicurezza. Credo che molti di loro ci rimarrebbero davvero male se fosse l’Africa, e non l’Europa, a chiudere i porti, perché l’occidente collasserebbe, sia per la mancanza di materie prime, sia perché da noi tutti vogliono fare gli avvocati, i giudici, gli architetti, i giornalisti, ecc… E chi ci pagherebbe le pensioni e chi farebbe i lavori umili? Credo che siano più gli europei ad avere bisogno degli africani, che loro di noi. Sì, è vero, non possiamo accogliere tutti, ma penso che abbiamo il dovere di salvarne più che possiamo dal mar Mediterraneo e poi creare le condizioni migliori di vivibilità nei loro paesi per non costringerli ad emigrare. Per secoli abbiamo sfruttato e rapinato gli africani e le loro terre: il benessere dell’ Occidente è frutto anche della cinica voracità dell’uomo bianco, potremmo almeno restituire loro qualcosa, o almeno salvare più vite che possiamo.
Concludo questa mia riflessione con le parole di Papa Francesco: “Penso alle 170 vittime del naufragio nel Mediterraneo. Cercavano un futuro per la loro vita. Vittime, forse, di trafficanti di esseri umani. Preghiamo per loro e per coloro che hanno la responsabilità di quello che è successo.” (Carmelo Musumeci)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dalla Basilicata al mondo: i macchinari di Cicoria arrivano in Africa e Sud America

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 dicembre 2018

SACE SIMEST, il Polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo CDP, ha assicurato le esportazioni in Africa e Sud America di Cicoria, azienda lucana specializzata nella produzione di macchinari agricoli.Attraverso tre diverse operazioni di assicurazione del credito, concluse direttamente online sul sito sacesimest.it per un valore complessivo di oltre 600 mila euro, l’azienda ha protetto le proprie vendite in Kenya, Tunisia e Costa Rica dai rischi di mancato pagamento per eventi di natura politica e commerciale.“I contratti stipulati con SACE ci hanno permesso di offrire dilazioni di pagamento ai nostri clienti, utilizzando tale strumento quale fattore competitivo di natura commerciale rispetto alle proposte provenienti da altri Paesi extra-europei o per permettere ai nostri partner commerciali di costruire uno stock di macchine più alto che nel passato” – ha dichiarato Marco Cicoria, amministratore delegato di Cicoria.Nata nel 1927, Cicoria è specializzata nella produzione e commercializzazione di macchine agricole per la raccolta di paglia e foraggio e per la trebbiatura di semi ad alto valore aggiunto. La costante attenzione allo sviluppo tecnologico e le elevate prestazioni dei suoi macchinari hanno permesso all’azienda di conquistare negli anni i mercati internazionali. Ad oggi, i macchinari targati Cicoria sono presenti in più di 50 Paesi di 4 diversi continenti.
La partnership con SACE SIMEST è ormai consolidata da anni. In passato l’azienda ha assicurato le sue esportazioni in geografie emergenti come Uzbekistan, Algeria, Ucraina e Argentina, dove il particolare contesto politico-economico rende necessario l’intervento assicurativo del Polo, al fine di garantire dilazioni di pagamento più vantaggiose ai clienti esteri.SACE SIMEST rinnova il suo impegno per le eccellenze del Mezzogiorno che intendono crescere sui mercati esteri. Nel solo 2017, ha mobilitato oltre 635 milioni di euro in favore di più di 3.000 aziende meridionali.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Africa: diritti negati e riconquistati

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 dicembre 2018

Roma Domenica 9 Dicembre 2018 (ore 12.30), a Più Libri Più Liberi (Sala Polaris – La Nuvola, Roma EUR – Viale Asia). L’evento è organizzato dalla casa editrice Paoline, in collaborazione con Amnesty International Italia e Amref Health Africa – Italia, in occasione del 5° Anniversario della morte di Nelson Mandela (5 dicembre) e del 70° Anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (10 dicembre).Prenderà spunto da alcuni volumi che, da diverse prospettive, affrontano questo complesso tema. In particolare: “Mai più schiavi. Biram Dah Abeid e la lotta pacifica per i diritti umani”, “Nelson Mandela. L’uomo, lo statista, il leader”, “Il coraggio della libertà. Una donna uscita dall’inferno della tratta”.Interverranno Riccardo Noury, Portavoce di Amnesty International Italia; Mario Raffaelli, Presidente di Amref Health Africa – Italia; Maria Tatsos, Autrice del libro “Mai più schiavi”, Danilo Campanella, Autore del libro ”Nelson Mandela”.Modera Romano Cappelletto, Ufficio Stampa Paoline.

Posted in Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »