Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘aggressione’

Sanità: Fp Cgil, al via campagna contro aggressioni a personale

Posted by fidest press agency su sabato, 11 maggio 2019

Contro un fenomeno, quello delle aggressioni al personale sanitario e non solo, in costante aumento, parte una campagna straordinaria della Fp Cgil di sostegno ai lavoratori per contrastare e gestire il fenomeno. A farlo sapere è la stessa categoria della confederazione di corso d’Italia, nel ricordare, attraverso i numeri dell’Inail, la gravità del fenomeno: “Ogni anno in Italia si contano 1.200 atti di aggressione ai danni dei lavoratori della sanità, nel 70% dei casi le vittime delle aggressioni sono donne”.
I luoghi maggiormente colpiti dalla violenza, ricorda sempre il sindacato, “sono i Pronto soccorsi con 456 aggressioni, seguono i reparti di degenza con 400, gli ambulatori con 320, i Servizi Psichiatrici di Diagnosi e Cura con 72 atti di violenza, le terapie intensive con 62, le aggressioni al 118 sono state 41, 37 invece quelle nell’ambito dell’assistenza domiciliare, 20 nelle case di riposo e, infine, 11 nei penitenziari. Passando alla tipologia di violenza: il 60% sono minacce, il 20% percosse, il 10% violenza a mano armata e il restante 10% vandalismo. Ma chi commette violenza? Il 49% sono i pazienti, il 30% i familiari, l’11% i parenti e un 8% sono gli utenti in generale”.Alla luce di questi dati, “fenomeno che riguarda tanta parte del mondo del lavoro che rappresentiamo, non solo la sanità ma anche servizi sociali e di accoglienza e integrazione”, la Fp Cgil promuove “un percorso di sostegno ai lavoratori e alle lavoratrice per contrastare e gestire le aggressioni in sanità realizzando, tra l’altro, un vademecum con indicazioni pratiche e di comportamento per poter gestire le aggressioni e un corso Ecm Fad da 15,6 crediti gratuito per gli iscritti ‘Al lavoro sicuri!’.Parallelamente il sindacato segue l’iter del dll, in discussione al Senato, su ‘Disposizioni in materia di sicurezza per gli esercenti le professioni sanitarie nell’esercizio delle loro funzioni’: “Abbiamo elaborato un documento – spiega Barbara Francavilla, segretaria nazionale della Fp Cgil – con alcune proposte di emendamenti aggiuntivi al disegno di legge, fatti propri da alcuni senatori, quali ad esempio: la costituzione di parte civile da parte delle aziende pubbliche e private nei processi di aggressione al personale, la predisposizione di un team con personale dedicato a gestire situazioni critiche e mediazioni dei conflitti, l’installazione di impianti di allarme nei luoghi a rischio più elevato”.Per queste ragioni, “contro il fenomeno delle aggressioni in continuo aumento nei confronti dei lavoratori, non solo della Sanità ma anche nei servizi sociali, comunali, di accoglienza e integrazione, e che sta assumendo una dimensione preoccupante”, la Fp Cgil, conclude Francavilla, “mette in campo quindi una strategia più organica con l’assunzione di iniziative per la riduzione del rischio clinico, l’umanizzazione delle cure, il benessere organizzativo delle strutture sanitarie sia pubbliche che private”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Aggressione carcere Prato

Posted by fidest press agency su domenica, 2 settembre 2018

«Prato: detenuto aggredisce alla gola con una lametta 4 agenti della Polizia Penitenziaria. Uno di loro è grave. A nome di Fratelli d’Italia piena vicinanza agli agenti feriti e a tutto il corpo della Polizia Penitenziaria, costretto ormai da troppo tempo a lavorare in condizioni disumane. Chiediamo al governo di tenere Fede agli impegni presi in campagna elettorale dalla sua maggioranza verso questi autentici eroi, intervenendo tempestivamente con aumenti degli organici e degli stipendi e con dotazioni adeguate a una Nazione come la nostra. Fratelli d’Italia ha già presentato le sue proposte in materia ed è pronta a garantire il suo sostegno al governo se, come speriamo, vorrà intervenire quanto prima». Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Forze dell’Ordine aggredite con allarmante frequenza

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 giugno 2018

“Appena iniziata la nuova avventura in questa grande famiglia Sindacale ed è subito ora di schierarsi, a muso duro, in difesa degli Appartenenti alle Forze dell’Ordine di questo Paese. E’ ora, come lo era ieri e come speriamo non debba essere domani, di pretendere rispetto per gli individui, donne e uomini, che vestono la divisa, tutela della loro incolumità, garanzie per i loro diritti, di pretendere che vengano messi in condizione di operare come necessario nell’interesse dei cittadini e delle Istituzioni. I nuovi dati dell’Osservatorio Asaps, i commenti che da alcuni sono seguiti, e la proposta di legge di un gruppo di Senatori parlano, purtroppo, dei ‘soliti’ numeri che ben conosciamo: oltre 700 aggressioni fisiche ad Operatori della sicurezza nei soli primi quattro mesi del 2017. Un dato impressionante che, però, non fa ‘saltare’ sulla sedia proprio nessuno. E questa è la cosa più grave. L’inedia e l’insostenibile superficialità, per non dire il menefreghismo, con cui tutti si fanno scivolare addosso le ferite, i danni, le costrizioni, i sacrifici di migliaia di Servitori dello Stato che hanno votato la loro vita a quel dovere che non può e non deve significare essere per questo mandati bovinamente al macello. E mentre da una parte si addossano l’uno sull’altro centinaia di feriti e non pochi morti a causa del dovere, dall’altra parte ascoltiamo attoniti alle sentenze che assegnano risarcimenti da nababbi a delinquenti che hanno subìto conseguenze fisiche a causa delle loro stesse azioni delinquenziali ad opera di Appartenenti alle Forze dell’Ordine intervenuti per servizio che,allo stato, per come è concepita ancora la legge, ben potrebbero uscire dalle sole tasche del povero Poliziotto di turno. Pare incredibile ma siamo a questo. E non può continuare ad essere così. Ben venga allora, e finalmente, anzitutto la recente proposta da parte di un gruppo di Senatori della Repubblica di modificare il codice penale ed inasprire severamente le pene per chi aggredisce gli Operatori della sicurezza, nella speranza che possano esserci conseguenze reali e concrete per chi compie questi gravissimi reati riuscendo al momento a passarla liscia o, tutt’al più, ad avere condanne ridicole. Già dimostrare che la vita e la salute di un Appartenente alle Forze dell’Ordine valgono più di uno straccio vecchio sarebbe una prima svolta epocale. Sulla stessa linea e per il medesimo motivo, poi, è indispensabile che chi delinque ed a causa di ciò subisca un danno non debba essere ‘ristorato’ da un Stato che non può con ciò dimostrare, nei fatti, che considera un disvalore l’azione di un Servitore dello Stato che svolge un servizio e non il comportamento di chi compie scientemente un reato. E’ ora che in un ‘mondo assurdamente rovesciato’ tutto torni al posto giusto, e che si consenta agli Appartenenti alle Forze dell’Ordine di poter fare ciò che viene chiesto loro”. Così Franco Maccari, neo Vice Presidente Nazionale dell’FSP – Polizia di Stato.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ispettore di Polizia grave dopo aggressione, già libero uno dei responsabili

Posted by fidest press agency su martedì, 22 agosto 2017

pianeseQuanto ci segnala il sindacato di polizia Coisp è molto grave. Si tratta “della feroce aggressione avvenuta a Sanremo dove un ispettore di polizia ed una collega sono stati gravemente feriti nel corso di un intervento richiesto dai cittadini del luogo per la presenza di tre magrebini ubriachi e molesti. Presi selvaggiamente a calci e pugni, la poliziotta ha avuto 5 giorni di prognosi in ospedale, mentre l’ispettore è stato sottoposto a intervento chirurgico per l’asportazione della milza, spappolata dai colpi ricevuti. Nonostante l’aggressione i due sono riusciti ad arrestare uno dei tre aggressori, mentre un secondo è stato fermato dopo poche ore. A stretto giro, però, il primo degli arrestati, processato, è stato condannato a 10 mesi e rimesso in libertà con il solo obbligo di firma.
“Bisogna comprendere – conclude secco Pianese – l’assurdità di chiedere a donne e uomini della Polizia di Stato di farsi ammazzare di botte ‘gratis’; dovendo persino temere il fatto di provare a difendersi per non finire in guai peggiori, senza poter contare su un vago ristoro per tutto ciò, senza poter sperare in un contratto di lavoro che tenga almeno conto dei rischi enormi che corriamo ogni istante di ogni giorno, e senza poter sognare neppure un minimo di giustizia. E’ ingiusto e indegno di un paese civile che possa davvero dire di voler garantire la sicurezza alla propria gente”. Non significa di certo essere considerati dei razzisti o quanto altro se si resta sconcertati dal modo come sono costretti ad operare i poliziotti e i rischi che corrono per poi ritrovare le stesse persone in libertà il giorno dopo, come è accaduto a Roma, a “beffeggiarli”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Aggrediti a Milano poliziotto e militari

Posted by fidest press agency su domenica, 21 maggio 2017

milanodavedere“Nell’esprimere la massima solidarietà al collega ed al militare rimasti feriti durante l’aggressione avvenuta a Milano ci rendiamo conto che, nostro malgrado, non proviamo alcuna meraviglia e non siamo certo colti di sorpresa da una notizia che sta scatenando – fortunatamente per certi versi – un forte dibattito, ma che non suona assolutamente nuova o ‘straordinaria’. Non è consentito ammettere che a certe cose ci si debba abituare, e però è anche assurdo e vigliacco che ce ne si occupi solo quando la notizia è funzionale agli interessi mediatici. Sono fatti gravissimi, tutti, nessuno escluso, compresi i tanti di cui non frega assolutamente niente a nessuno. E provoca grande sbigottimento l’ipocrisia e l’ignoranza di chi non si rende conto che episodi del genere accadono ogni santo giorno in ogni angolo d’Italia. Ed ancora più rabbia genera chi su certi fatti specula, e chi, poi, in completa mala fede si spinge ad emettere giudizi che fanno sicuramente più male delle coltellate, specie si tratta di qualche scienziato che addirittura veste la divisa. Qualcuno ha addirittura osato criticare i feriti o spingersi al limite dello sberleffo, e noi non possiamo che rispondere a muso duro che prima di osare aprire bocca dovrebbero tutti guardarsi allo specchio e chiedersi se davvero hanno idea di cosa significhi andare per strada ogni giorno contro l’ignoto, e finire in ospedale dopo un servizio di apparente banale routine”.
Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia reagisce alle polemiche scoppiate dopo l’aggressione ai danni di un Agente e due Militari avvenuto a Milano e conclusosi con l’accoltellamento del Poliziotto e di uno dei due soldati, finiti entrambi in ospedale dopo l’arresto dell’aggressore. Solidarietà da parte di molti, ma anche commenti a dir poco ingenerosi e malevoli verso i colleghi hanno costellato la rete, dove qualcuno ha addirittura espresso dubbi sulla possibilità che “il ragazzino ben ammanettato e imbavagliato” potesse essere lui vittima dei militari.
“Lo sconcerto che proviamo di fronte a tanta ottusa malignità non è descrivibile – si infuria Maccari -, e tutto questo, associato alle vere difficoltà cui dobbiamo far fronte, alle abissali carenze con cui facciamo i conti, alla schizofrenica azione di continua tortura cui siamo esposti sempre e comunque qualunque cosa facciamo o non facciamo, non fa che tradursi davvero in un vera e propria fortissima spinta a girarsi dall’altra parte!”. (n.r. E’ un episodio che va oltre il fatto in sè e denota un crescendo di aggressività conseguente allo svilimento del ruolo della polizia derivante da una filiera giustizia che continua a perdere credibilità e rispetto).

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: Aggressione al Colosseo

Posted by fidest press agency su martedì, 14 luglio 2015

Colosseo (interno)“Vorremo fare un grosso plauso alle forze dell’Ordine per l’intervento tempestivo che ha evitato il peggio, quando nel tardo pomeriggio di oggi un nordafricano armato di coltello ha minacciato una ragazza e terrorizzato i turisti davanti al Colosseo.” Così Cinzia Pellegrino, Referente dell’Area tutela Vittime della Violenza di Roma Capitale per FDI AN, nel commentare l’aggressione.
“Pur supponendo che si tratti del gesto isolato di uno squilibrato, non possiamo esimerci dal constatare ancora una volta in quali condizioni versino i nostri quartieri, dove non è più sicuro neanche passeggiare per le vie del centro in pieno giorno. A contribuire alla bassa percezione di insicurezza sono sicuramente le posizioni confuse di questa Giunta, che su immigrazione ed accoglienza dei rifugiati non ha mai avuto le idee chiare e invece prosegue a creare sacche di emarginazione in tutta la Capitale, da via Cupa al Casilino. Il legame tra migrazione e sicurezza – conclude la Pellegrino – è tutt’altro che scontato.”

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il “Bolscevico” su Napolitano

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 gennaio 2012

“Il Bolscevico”, organo del PMLI ha scritto un commento al discorso di fine anno del presidente della repubblica molto critico che non condividiamo nella forma e in alcuni suoi passi dove l’ideologia trascende nell’aggressione, ma comprendiamo la sostanza. In altri termini si rimprovera al Presidente della Repubblica di aver voluto sacrificare i lavoratori “per far uscire il capitalismo della crisi”. In effetti non si può difendere ad oltranza una manovra così palesemente sbilanciata che penalizza i redditi medio-bassi e tutela quelli alti anche se, tanto per gradire, si da ad essi una certa “spolveratina”. E’, come dire, che se togliere 100 euro al mese ad un pensionato o ad un lavoratore dipendente o autonomo che percepiscono 1000/1200 vuol dire qualcosa non lo è di certo per coloro che incassano cifre di gran lunga superiori. E si percepisce nello stesso invito del Presidente ai sindacati di “essere responsabili” un tentativo di coinvolgerli in misure inique con l’alibi della ragione di Stato. Ma vi è anche un altro timore è che, ad un certo punto, la “rabbia popolare” si faccia sentire e allora tutto il sistema andrebbe in crisi, ma questa volta sarebbero i ceti benestanti e ricchi a subirne le conseguenze maggiori. E la situazione diventa ancora più odiosa se si pensa che siamo al cospetto di 70 miliardi di sprechi annuali (secondo i dati della Corte dei conti) e il governo non fa nulla. Si acquistano aerei militari da combattimento come se il paese fosse minacciato da una guerra imminente e si spendono 13 miliardi di euro, non si fa nulla per contenere i costi della politica e perdiamo altri 9 miliardi di euro, abbiamo un’evasione fiscale che viaggia sui 200 miliardi di euro e quel che sappiamo fare di meglio è mandare 80 ispettori del fisco a Capodanno a Cortina d’Ampezzo per scoprire i ricchi italiani come se da tempo non li conoscessimo. E allora mi chiedo se il Presidente della Repubblica queste cose le conosce o no. Se le conosce avrebbe dovuto evitare di parlare di sacrifici doverosi dato che i soli sprechi recuperati avrebbero potuto evitare i salassi in atto. Se non li conosce è davvero una triste cosa. (Riccardo Alfonso http://www.fidest.it)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lesbica pestata a Milano

Posted by fidest press agency su sabato, 10 settembre 2011

Piazza Farnese,Roma: 50.000 per i diritti

Image by Hedrok via Flickr

Rasato, tatuato, palestrato, sui 35 anni: è l’identikit dell’uomo che la sera del 7 settembre, intorno alle 23, ha pestato una donna lesbica di 29 anni, in un ristorante di via Raffaello Sanzio, a Milano. “E’ l’ennesimo caso di violenza omofobica,” spiegano Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau, co-presidenti del Gruppo EveryOne, “un fenomeno gravissimo che nasce da un rifiorire, in Italia, della cultura dell’intolleranza. La donna è stata insultata e coperta di pugni al volto, senza che nessuno dei clienti del ristorante intervenisse, salvo alcune amiche della vittima. Questo drammatico episodio va sommato alle violenze e intimidazioni che colpiscono nel nostro paese migranti, Rom ed ebrei. Basta effettuare una rapida ricerca su google per comprendere la frequenza e la gravità delle aggressioni”. La vittima è stata curata in ospedale, quindi ha presentato denuncia in questura. “In Italia mancano programmi che educhino i giovani e tutta la popolazione al rispetto delle minoranze e alla tolleranza reciproca,” proseguono gli attivisti, “mentre politici e personaggi pubblici continuano a diffondere ideologie omofobe e razziste, ignorando le leggi nazionali ed europee che proteggono le minoranze e promuovono l’uguaglianza. A cosa servono le parole del Commissario europeo per i Diritti Umani Thomas Hammarberg, che nel rapporto sull’Italia diffuso alcuni giorni fa ha denunciato il clima di intolleranza e le violenze causate dal pregiudizio, se non si attuano piani istituzionali per combattere tale escalation di odio razziale e di genere?” Il Gruppo EveryOne ha inoltre trasmesso una raccomandazione alla Procura della Repubblica di Milano e alle autorità che indagano sull’aggressione della donna lesbica: “Alcune sue amiche hanno potuto seguire l’aggressore fino alla fermata della metropolitana Buonarroti, che è videosorvegliata. Chiediamo agli inquirenti di analizzare senza indugi le riprese successive alle 23.30 della sera dell’evento. Considerate le descrizioni dell’energumeno, non sarà difficile identificarlo e rintracciarlo, evitando che colpisca ancora, spinto da un’omofobia che sembra non conoscere limiti”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: Aggressione autisti Atac

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 dicembre 2010

“Cinque casi negli ultimi dieci giorni non vanno assolutamente sottovalutati. E’ tempo di sbarrare la strada alla violenza perpetrata da bulli e violenti e di rendere prioritaria  la tutela degli utenti e dei lavoratori del trasporto pubblico” – lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, presidente della Commissione sicurezza di Roma Capitale, in merito ai due autisti costretti a deviare la corsa e ad un terzo aggredito con uno spray che si vanno ad aggiungere alle altre due aggressioni verificatesi negli ultimi giorni sul 786 da parte di alcuni ragazzi poco più che maggiorenni e sull’870 che ha visto coinvolto una autista donna. “E’ necessario concludere quanto prima il cronoprogramma per la messa in sicurezza del trasporto pubblico locale predisposto dall’Atac su indicazione dell’assessorato alla Mobilità, dotando gli autobus di cabine antintrusione per il conducente, telecamere sui mezzi più a rischio e pulsanti che consentano di dare l’allarme direttamente alle sale operative delle forze dell’ordine, al fine di tutelare i conducenti spesso vittime di aggressioni. Non bisogna, infatti, agire sulle emergenze, ma sulla prevenzione, prosegue Santori. Verificheremo a che punto è l’obiettivo di arrivare a 252 autobus con cabina antintrusione per il conducente e quanti autobus della flotta, dei 300 previsti, sono stati montati delle telecamere sulle tratte a maggior rischio. Nel frattempo auspichiamo che sia terminato il collaudo dei 409 mezzi del deposito Grottarossa montati con il sistema di rilevamento avm e attrezzati con un pedale di soccorso direttamente collegato con la sala sistema per il pronto intervento. Da troppo si parla invano di sicurezza degli utenti e dei lavoratori del Tpl romano. E’ ora di passare dalle parole ai fatti”.

Posted in Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

C’è chi cerca lo scontro

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 ottobre 2010

I fatti di queste ultime ore, dall’attacco alla sede nazionale della Cisl alle scritte apparse ad Ivrea, dovrebbero far riflettere tutti sul crescendo di tensione e di conflittualità nel nostro Paese. E’ necessario far prevalere il senso di responsabilità e difendere i valori del confronto e del rispetto.
La scelta di alcuni esponenti della Fiom di partecipare a un dibattito organizzato dal centro sociale Askatasuna non va purtroppo in questa direzione, perché finisce con dare spazio a chi ha organizzato l’aggressione a Raffaele Bonanni e al PD in occasione della Festa Democratica, nonché numerosi altri atti violenti e intolleranti a Torino e in Valle di Susa.  Chi cerca sistematicamente lo scontro e il conflitto non può essere riconosciuto come interlocutore.  (Gianfranco Morgando  Segretario Regionale PD Piemonte)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: aggressione barista

Posted by fidest press agency su domenica, 26 settembre 2010

Roma – Magliana. “Desidero ringraziare i Carabinieri del Nucleo Investigativo per l’arresto dei tre cittadini di nazionalità romena responsabili dell’aggressione del 7 settembre scorso a Magliana ai danni di un uomo di 63 anni”, così dichiara in una nota Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio XV. “Alla Magliana c’è ancora tanto da fare – insiste Santori – per restituire un soddisfacente grado di serenità e sicurezza ai residenti, anzitutto sarebbe più che necessario un immediato potenziamento della stazione dei Carabinieri di Villa Bonelli, da tempo sotto organico e con un territorio di competenza vastissimo, che partendo dalla Magliana e passando per il Trullo e i Colli Portuensi arriva fino a Corviale. Naturalmente stesso auspicio riguarda la stazione della Polizia di Stato San Paolo, ove note sono anche qui le carenze di organico che, nel tempo, si sono però manifestate con maggior gravità, a danno della sicurezza di tutti i cittadini del Municipio XV. Per quel che concerne la Polizia Municipale, invece, in orari notturni esiste la disponibilità di una sola macchina, tra l’altro impiegata prioritariamente nell’infortunistica stradale”.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Politica: Prendere le distanze dalla violenza

Posted by fidest press agency su domenica, 12 settembre 2010

Replica dell’Associazione lettiana al quotidiano comunista. E per il PD un monito: “Questa è l’ora della verità”.  “C’è qualcosa che chi ha a cuore una reale alternativa per questo Paese deve ricordare ai giornalisti del Manifesto e a quanti in questi giorni hanno fatto fatica a prendere le distanze in maniera netta e inequivocabile dall’aggressione al segretario della CISL. Chi usa le parole, in politica come sui media, senza rendersi conto di quanto sia oggi fragile la società italiana oltre che un irresponsabile, è – direbbe Capitini – un vile”. Risponde così Francesco Russo, segretario generale di TrecentoSessanta, l’Associazione che fa riferimento a Enrico Letta, alla posizione assunta in questi giorni dal quotidiano Il Manifesto sull’aggressione al segretario della CISL Raffaele Bonanni.  “Per questo – prosegue l’articolo di Russo pubblicato sul web magazine del think tank lettiano – ha fatto bene Enrico Letta a sbattere la porta in faccia a chi non ha nulla a che fare con il centrosinistra. Il coraggio è, oggi, quello di chi non risponde alla mancanza di rispetto per leggi e magistratura da parte di Berlusconi con altrettanta accondiscendenza per l’illegalità ‘buona’ dei centri sociali, ma di chi compie la fatica di formulare proposte credibili e di ricucire gli strappi di un tessuto sociale che nessuno dovrebbe aver interesse a fare a brandelli”. “E questa, se ci è permesso – conclude Russo – è anche l’ora della verità per il Partito democratico e il Nuovo Ulivo rilanciato da Pierluigi Bersani. Sono sul tavolo alcune grandi scelte di campo che ne definiranno la reale identità, dopo la fase della “convivenza” delle culture di Margherita e Ds. Mai più in mezzo. I Democrat dovranno scegliere nettamente fra i professionisti della provocazione e i riformisti dialoganti, fra l’utopia “contro” di Vendola e quella inclusiva di Obama, fra chi vorrebbe costruire un’alternativa di governo con tutti gli attori di buona volontà e chi preferisce le rendite di posizione della minoranza”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Video aggressione alla camera dei deputati

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 luglio 2010

Lettera aperta al Presidente della Camera.“Gentile Presidente, oggi in Aula è accaduto un fatto di una gravità che non ha precedenti. Come potrà verificare dai resoconti dell’Aula, a seguito di un intervento dell’On Barbato che non aveva alcun contenuto offensivo o lesivo della onorabilità di alcuno, si è verificata una vera e propria aggressione fisica e violenta da parte di un numeroso drappello di parlamentari della PdL, che pur trattenuti dagli assistenti parlamentari si sono letteralmente avventati contro l’On. Barbato, calpestando persone e cose e in particolare uno di questi parlamentari ha volutamente colpito con un pugno l’onorevole in pieno volto” è quanto si legge nella lettera che il presidente dei deputati di IDV Massimo Donadi, ha inviato al presidente della Camera Gianfranco Fini. “Non conosco o non ricordo precedenti, non solo in questo Parlamento ma neanche in quelli di altre grandi democrazie europee, in cui un parlamentare debba subire una violenza fisica per la sola colpa di aver espresso una critica politica. Per questa ragione Le chiedo di voler convocare un’immediata riunione dell’Ufficio di Presidenza della Camera, acquisendo altresì tutte le registrazioni video dell’accaduto e provvedendo con opportuna e adeguata severità a sanzionare tali inconcepibili comportamenti” si legge nella lettera. “Le rappresento, inoltre, l’apprezzamento che il mio Gruppo avrebbe qualora Lei ritenesse di rendere di pubblico dominio e quindi accessibili alla pubblica informazione suddette registrazioni video, in quanto riteniamo che questi fatti non possano essere sottratti alla conoscenza della pubblica opinione” si legge nella lettera.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Teatro: Il Sogno di Ipazia

Posted by fidest press agency su martedì, 6 aprile 2010

Roma dall’8 al 25 aprile Teatro Belli – piazza Sant’Apollonia, 11a – (trastevere)  dal martedì al sabato alle 21,00 – domenica alle 17,30 Diritto & Rovescio – Teatro Belli Opere Festival 2009 – Ipazia Preveggenza Tecnologica presentano Il Sogno di Ipazia di Massimo Vincenzi con Francesca Bianco voce fuori campo di Stefano Molinari musiche di Francesco Verdinelli regia di Carlo Emilio Lerici Lo spettacolo racconta l’ultimo giorno di Ipazia. Dal suo risveglio al mattino, seguito dall’uscita di casa per recarsi alla sua scuola, sino all’aggressione e alla morte.
La narrazione è intervallata dal ricordo di una delle imprese “disperate” tentate dalla protagonista: salvare la biblioteca di Alessandria. Impresa che abbiamo preso come simbolo della sua intera vita.  A questo ricordo si alterna la voce sempre più veemente, e progressivamente più violenta, dell’autorità politica e religiosa. Partendo dal primo editto di Teodosio del 380 d.c. per arrivare ai veri e propri anatemi del vescovo Cirillo. Per la parte relativa ad Ipazia la narrazione, pur fedele alla documentazione storica, è stata in gran parte liberamente reinventata. Per la parte relativa all’autorità politica i testi sono tratti dai quattro editti teodosiani. Per la parte relativa al vescovo Cirillo sono stati utilizzati frammenti dei suoi discorsi liberamente riadattati, tenendo come guida le testimonianze storiche che ci sono arrivate. (Ipazia)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aggressione a Roma alla guardia medica

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 marzo 2010

Roma. Il servizio di Continuità Assistenziale (ex guardia medica), “registra” un ennesimo episodio di aggressione. E’ accaduto  intorno alle 16 a Roma, nella postazione di via delle Pispole (Tor Bella Monaca) dove, Flora G., dottoressa di turno nella sede romana, si è dovuta barricare in una stanza della struttura sanitaria, per difendersi dalle minacce di morte da parte di un malvivente che ha fatto irruzione nella postazione. Tutto è iniziato telefonicamente. L’uomo, infatti, ha contattato in primis il servizio di Continuità Assistenziale che, com’è noto, viene filtrato dalla Centrale di Ascolto. E, proprio da un operatore della Centrale di Ascolto, Flora G. ha ricevuto la segnalazione della chiamata del paziente, che necessitava della prescrizione di un antibiotico. Come da prassi, la dottoressa ha quindi richiamato l’uomo, spiegandogli che avrebbe dovuto recarsi in ambulatorio per ritirare la ricetta medica. Un servizio che, invece, l’utente pretendeva direttamente a domicilio. Così, quando si è sentito negare la possibilità di ottenere la prescrizione direttamente a casa, è andato su tutte le furie, iniziando ad inveire contro la professionista. Una rabbia che, di lì a poco, lo ha spinto a recarsi direttamente nella postazione di Continuità Assistenziale dove, un collega di Flora G., di fronte al perpetrarsi delle minacce, ha cercato di tutelare l’incolumità della donna, impedendo all’aggressore di entrare nella struttura. Ma, vedendosi negare l’accesso, l’uomo ha finto un malore, inscenando uno svenimento. I medici sono quindi intervenuti, cercando di soccorrerlo, ma dandogli anche la possibilità di accedere nei locali. Una volta dentro, il malvivente si è scagliato nuovamente contro la dottoressa che è riuscita a rifugiarsi in una stanza della struttura, bloccando ulteriormente la porta con il peso di alcuni mobili. Solo allora Flora G. ha potuto chiamare i carabinieri, che sono intervenuti sul posto. La dottoressa è stata portata in ospedale per accertamenti e in stato di shock.
“Siamo arrabbiati e sconcertai di fronte all’ennesimo episodio di aggressione nei confronti dei medici di continuità assistenziale – dichiara Pina Onotri, segretario organizzativo del Sindacato dei Medici Italiani del Lazio (SMI) – E, in particolare, ai danni della collega, che non è nuova a questo tipo di esperienza, in quanto lavora in una delle zone più disagiate della Capitale.Con rammarico bisogna sottolineare che, nonostante lo Smi-Lazio abbia presentato un protocollo sulla sicurezza delle Guardie Mediche all’Assessorato delle Pari Opportunità del Comune di Roma, offrendo la più totale collaborazione, lo stesso documento è rimasto ‘lettera morta’.Dobbiamo aspettare il prossimo stupro o il prossimo omicidio affinchè qualcosa venga fatto?”

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aggressione figlio sindaco Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 16 marzo 2010

“Voglio esprimere la mia ferma condanna e la mia piena solidarietà a Manfredi Alemanno e ai suoi amici vittime di un’aggressione che si è compiuta a Piazza Euclide. Purtroppo è stato uno scambio di persone e alla base di questa aggressione non vi è nessuna motivazione politica o razziale, certo però colpisce il fatto che una banda di adolescenti, in questi caso figli di immigrati, giri per la città nel tentativo di saldare i propri conti e aggredisce in questa maniera due giovani che hanno avuto l’unica sfortuna di trovarsi in quel momento a Piazza Euclide”. Dichiara Federico Rocca Consigliere Comunale del PdL. “Sarà forse per questo motivo che tutta la sinistra ancora non ha detto una parola su questa vicenda? Hanno forse qualche problema ad esprimere la propria solidarietà e condanna dell’aggressione? Non credo che ci sia differenza se viene aggredito un immigrato da una banda di italiani o al contrario se ci sono degli italiani aggrediti da una banda di immigrati perchè se qualcuno dovesse fare questa distinzione vuol dire che la situazione è decisamente preoccupante di quanto si possa pensare. Voglio augurarmi di no, anzi, come ho avuto modo di dire ieri intervendo al presidio della comunità bengalese alla Magliana, la politica si deve ritrovare unita e compatta senza distinzione alcuna per condannare e combattare ogni forma di violenza, intollerenza e razzismo. In questo momento particolarmente teso e con un clima che mi piace poco, invito tutti ad usare la testa e il senso di responsabilità che dovrebbe appartenere soprattutto a chi ha dei ruoli istituzionali. Gettare benzina sul fuoco non serve a nessuno, non sarà alimentando odio e tensioni tra le parti politiche o tra cittadini italiani e stranieri che riusciremo a migliorare la situazione. Spero che a breve il mondo politica dica la sua anche su questa vicenda ma non per polemizzare ma per dire basta, per dire collaboriamo insieme per garantire la sicurezza a tutti e per favorire l’integrazione dei cittadini immigrati nel nostro paese, al tempo stesso – conclude Rocca – sono convinto che quanto accaduto alla Magliana e a Piazza Euclide sia frutto anche di un disagio sociale e di un degrado valoriale che colpisce alcune fasce della nostra società”.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

La morte di Enzo Fragalà

Posted by fidest press agency su domenica, 28 febbraio 2010

L’avvocato palermitano, come è noto, è stato vittima di un’aggressione selvaggia da uno sconosciuto che ha poi fatto perdere le sue tracce. Per tre giorni è rimasto in agonia. Gli Indipendentisti FNS nel rendere gli onori dovuti alla figura di gentiluomo e al ruolo di giurista svolto da Enzo Fragalà nella politica e nella professione, ribadiscono “l’esigenza che le indagini per individuare l’assassino (o gli assassini) vengano svolte a 360 gradi, anche con l’apporto dei Servizi Segreti, se necessario. La verità va cercata e trovata ad ogni costo”. “Quello di Enzo Fragalà – si precisa in una nota del Fns – è stato, infatti, un omicidio che offende e colpisce, oltre che i familiari, tutto il Popolo Siciliano ed anche tutta la Società civile. Un delitto efferato che, se dovesse rimanere impunito, aprirebbe la porta a tutta una serie di barbarie e di violenze intollerabili. E’ uno di quei delitti, questo, in cui la giustizia dovrebbe avere anche il requisito della esemplarità. A sua volta il Ministro Altero Matteoli ha rilasciato la seguente dichiarazione: ““Ci ha lasciato un galantuomo, un professionista stimato, un politico apprezzato che ha servito con passione gli ideali e i valori della destra politica”. “Auspico – aggiunge Matteoli – che la magistratura  e le forze dell’ordine riescano rapidamente ad assicurare alla giustizia il responsabile di questo incredibile assassinio. Alla moglie  e ai figli desidero far giungere le più sentite condoglianze e i sentimenti di vicinanza al loro dolore”. L’on.le Aldo Di Biagio dichiara: ““Enzo Fragala’ si è spento e la notizia ci ha colti  con profondo dolore. In questo momento terribile sono vicino alla famiglia, alla quale esprimo il mio sincero cordoglio”. Lo ha dichiarato Aldo Di Biagio, deputato del PdL. “Il rammarico assume dei toni ancora più forti ed insopportabili perché la tragedia di questo uomo è figlia della barbarie perpetrata da infami. L’auspicio è che gli inquirenti facciano luce su quanto accaduto e scovino i reali responsabili dell’accaduto dando giustizia ad una famiglia lacerata dal dolore”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aggressione a sindacalista

Posted by fidest press agency su domenica, 21 febbraio 2010

La Fillea Cgil Roma e Lazio informa: “Siamo in presenza di un nuovo episodio di intolleranza, non solo verbale, ma anche fisica, nei confronti di un nostro funzionario mentre svolgeva la sua normale attività sindacale nei cantieri edili della capitale. Il fatto avvenuto in Via Grotte di Gregna, nel territorio del V Municipio, in un appalto del Comune di Roma per la realizzazione di un parcheggio sotterraneo. Il committente la Soc. LORUS e limpresa esecutrice il Consorzio Intesa Cooperativo che ha affidato il lavoro alla Adok System Societa Cooperativa, alle cui dipendenze ci sono 9 lavoratori egiziani. Lintervento del funzionario della Fillea Cgil era prevalentemente rivolto ai problemi di sicurezza, viste le precarie condizioni in cui i lavoratori stavano lavorando; inoltre la stessa azienda risultava non essere iscritta n alla Cassa Edile di Roma n alla Edilcassa, enti che certificano la regolarit dellimpresa e del lavoro. Questi sono stati i motivi scatenanti che hanno visto la reazione violenta del capocantiere. Solo il senso di responsabilità del nostro funzionario ed il successivo intervento della Polizia di Stato e dei Vigili Urbani hanno impedito che questa degenerasse con conseguenze gravi. Tutto questo dovrebbe essere da monito alle Amministrazioni Appaltanti e alle Associazioni di rappresentanza, a tutela della regolarità e della difesa del lavoro e del territorio. Riscontriamo e denunciamo da tempo, con sempre pi crescente preoccupazione, scarsa sensibilit e attenzione ai fenomeni negativi descritti da parte di sempre pi ditte ed invece molta pi attenzione, come i recenti fatti di cronaca hanno dimostrato, ad escamotages o a pratiche sleali e fuori legge. A quando una seria assunzione di responsabilità su questa questione?”

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Processi in Iran

Posted by fidest press agency su mercoledì, 3 febbraio 2010

La Baha’i International Community ha emesso una dichiarazione che condanna il processo di 16 persone ieri in Iran come «una violazione degli standard del giusto processo accettati da tutte le nazioni».  La dichiarazione spiega che nel processo gli imputati non avevano la rappresentanza legale prevista e sono state usate «confessioni» inattendibili. Una delle 16 persone processate è baha’i. «L’uso di “confessioni estorte” e il rifiuto di concedere una rappresentanza legale adeguata rispecchia la crescente aggressione contro i diritti umani da parte delle autorità iraniane», ha detto Bani Dugal, la principale rappresentante della Baha’i International Community presso le Nazioni Unite.  La Baha’i International Community non conosce i fatti per quanto riguarda 15 degli imputati, ma può confermare che una persona, identificata nei rapporti governativi con la sigla «P.F.» è baha’i. Si afferma che le sessioni dei processi sono aperte, ma la data delle sessioni non è notificata neppure alle famiglie degli imputati. La persona identificata come P.F., come altri nove baha’i arrestati il 3 gennaio Teheran, non ha potuto mettersi in contatto con la famiglia, gli è stato negato di consultare un legale o di scegliere la propria rappresentanza legale. Il legale d’ufficio che lo ha rappresentato non ha fatto altro che accettare la «confessione» del suo cliente e presentare una formale istanza di clemenza.  Il governo iraniano sa bene che uno dei principi fondamentali della Fede baha’i prescrive che i suoi seguaci si astengano rigorosamente da qualsiasi partecipazione alla politica delle parti, locale, nazionale o internazionale. Di conseguenza l’arresto dei dieci baha’i il 3 gennaio, oltre una settimana dopo le dimostrazioni di Ashura, e l’affermazione che i baha’i sono «dietro» i recenti tumulti antigovernativi sono state una grande sorpresa per la comunità baha’i. È chiaro che queste false accuse non riguardano i baha’i che avrebbero partecipato alle dimostrazioni di Ashura. Tutto fa pensare a un espediente inscenato dalle autorità per giustificare l’imposizione di ulteriori restrizioni sulle attività della comunità baha’i. Questa non è che una nuova tattica nella sistematica campagna di persecuzione in atto che cerca di eliminare la comunità baha’i come entità vitale nel paese. Si chiede ai governi e alle persone giuste di tutto il mondo di unirsi alla protesta contro le flagranti violazioni dei diritti umani in Iran, delle quali il processo tenutosi in questi giorni è stato solo il più recente esempio.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Egitto: aggressione mortale a Copti

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 gennaio 2010

In seguito all’aggressione mortale a membri della comunità copta in Egitto, l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) chiede ai governi europei di impegnarsi maggiormente presso il governo egiziano per una migliore ed efficace tutela della minoranza cristiana nel paese. A Nag Hammadi, nella provincia di Kena a 650 km dal Cairo, nella notte tra mercoledì e giovedì scorso sconosciuti hanno aperto il fuoco contro un gruppo di fedeli copti usciti dalla messa di mezzanotte del Natale copto uccidendo sette persone, tra cui una guardia musulmana, e ferendone altre dieci.L’APM protesta per le dichiarazioni rilasciate da un portavoce del Ministero degli Interni del governo egiziano, secondo cui l’attentato potrebbe essere una reazione al presunto stupro avvenuto in novembre di una ragazza musulmana da parte di un Copto. Invece di divulgare notizie date per certe ma tutt’altro che accertate e contribuire così alla diffamazione e all’istigazione all’odio contro la minoranza copta, il governo del Cairo farebbe bene a impegnarsi seriamente per un’efficace tutela della minoranza copta e lasciare alle forze dell’ordine le indagini e conclusioni su presunti crimini commessi da chicchessia. Da diversi anni l’APM documenta con regolarità le aggressioni avvenute in Egitto contro i fedeli copti. Con i suoi 8-10 milioni di fedeli, la comunità cristiana d’Egitto costituisce circa l’8% dei 79 milioni di cittadini egiziani. La maggioranza dei Cristiani d’Egitto è di fede copta, per lo più ortodossi d’Oriente, ma vi sono anche piccole comunità di Cattolici copti, di Cristiani greco-ortodossi, greco-cattolici e di arabi protestanti. Nel parlamento egiziano i Copti occupano solo 4 seggi su 440.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »