Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Posts Tagged ‘agricoltori’

La Val di Pejo dedica una settimana ai suoi agricoltori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 agosto 2019

Peio (TN) Mercati contadini, fattorie didattiche, gare tradizionali, sfilate di mucche fra le vie del borgo, pranzi e cene a tema, visite guidate. Chi vive nei centri urbani sottovaluta troppo spesso quanto sia cruciale l’apporto del mondo contadino per mantenere vivi i territori montani ed evitarne, oltre allo spopolamento, anche la perdita di biodiversità, dei saperi tradizionali e il dissesto idrogeologico. E quanto dalla vitalità nei campi delle aree montane dipenda anche la produzione di molte delle materie prime che finiscono nelle nostre tavole.Per questo, il Comune di Peio in collaborazione con il Consorzio Turistico Pejo 3000 e l’Azienda per il Turismo della Val di Sole, Peio e Rabbi ha deciso di organizzare anche quest’anno dall’8 al 15 settembre prossimi la Festa dell’Agricoltura, inserita nel più ampio Cheese FestiVal di Sole.Il programma che comporrà l’edizione 2019 è davvero fitto: oltre 30 appuntamenti in 7 giorni. “A fare da filo conduttore – spiega Angelo Dalpez, sindaco di Peio – è la volontà di celebrare, nelle forme più diverse, i tradizionali mestieri di montagna. Vogliamo riuscire a trasmettere ai nostri ospiti la cultura e i valori delle nostre genti, attraverso colori, sapori e profumi”.Ogni giorno sono ad esempio previste escursioni fra le malghe alla scoperta sia dei saperi che i contadini si tramandano da generazioni per costruire il corretto rapporto tra uomo e natura, sia dei segreti dell’attività agricola montana: dalla mungitura degli animali alle proprietà delle erbe di alta quota.Due saranno poi gli appuntamenti assolutamente da non perdere. Entrambi nel borgo di Cogolo, nel pomeriggio del 15 settembre: alle 14.30 si terrà la tradizionale Desmalgada. Un appuntamento quasi sacro per le comunità locali perché celebra il ritorno nelle stalle delle mucche, al termine dell’estate. Gli animali vengono quindi fatti sfilare lungo le strade del paese, agghindati a festa con corone di fiori e foglie, accompagnati dalle musiche dal Corpo Bandistico della Val di Pejo.Al termine della sfilata, verrà dato il via al Palio delle Frazioni: appuntamento da non perdere perché permette di scoprire, sotto forma di gioco, la tradizionale vita nelle valli alpine. Nel palio, i concorrenti sfideranno le loro abilità nello svolgere gli antichi mestieri montani: sfalcio dei prati, corsa con i sacchi, segagione e pelatura dei tronchi, palo della cuccagna, tiro alla fune, mungitura delle vacche.Il programma completo della Festa dell’Agricoltura è disponibile sul sito http://www.visitvaldipejo.it/

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Un piano di rilancio per gli agricoltori italiani

Posted by fidest press agency su sabato, 26 gennaio 2019

E’ giunto il momento di dar vita ad una strategia nazionale che, tenendo conto della Pac e del quadro europeo nel quale si muove il comparto agroalimentare, si dia il compito di rilanciare l’agricoltura italiana partendo proprio dalle esigenze degli operatori del settore. Tra gli interventi urgenti – dichiara in una nota il presidente nazionale Confeuro, Andrea Mchele Tiso – vi è senza dubbio quello di ridurre i costi di produzione a carico degli agricoltori (cresciuti del 5,4% nel 2018 – dati ISTAT), ma anche l’elaborazione di quelli utili a sostenere il loro reddito. Come Confeuro rimaniamo convinti della necessità di un piano di rilancio che abbia al centro proprio chi lavora quotidianamente la terra; ed è per questo che insistiamo nel chiedere l’adozione di misure ad hoc e il coinvolgimento dei principali attori del primario nelle scelte politiche. L’agricoltura – conclude Tiso – è stato il comparto che più di tutti ha fatto grande l’Italia, ed è su di essa che bisogna puntare per riportare il Paese lì dov’era un tempo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Codici: gli agricoltori non vengano lasciati soli da governo ed Unione Europea

Posted by fidest press agency su domenica, 9 luglio 2017

agricolturaFar parte dell’Unione Europea si sa, cela “onori ed oneri”, ma quando i secondi superano di gran lunga i primi a danno dei nostri coltivatori ed allevatori e del marchio “Made in Italy” per i prodotti nostrani, allora ecco che si danneggia in modo irreparabile un settore fondamentale dell’economia italiana come quello alimentare, frodando inoltre il consumatore a livello mondiale, essendo destinatario delle nostre esportazioni.
Il CETA, Trattato di libero scambio tra Unione Europea e Canada, sostanzialmente legittimerebbe le imitazioni dei prodotti tipici italiani, ma non solo, autorizzerebbe in Europa anche l’entrata di grano duro e carne a dazio zero.
Esempio eclatante, il Parmigiano italiano esportato in Canada che si troverebbe a competere con l’imitazione, legittimata dal Trattato, del prodotto canadese denominato “Parmesan”.Amara ironia, il loro Parmesan potrà successivamente venire esportato in Italia.Questo è l’intento dei nostri accordi commerciali, mettere in ginocchio una parte della produzione ed economia basata sul settore primario? Coldiretti ha lanciato l’allarme sulla pirateria alimentare contro i nostri prodotti, facendo presente come le denominazioni e traduzioni dei nomi, traggano in inganno il consumatore che pensa di acquistare un prodotto italiano. Si tratta di concorrenza sleale a tutti gli effetti.
Secondo il Dossier della Coldiretti, ben 250 denominazioni di origine (Dop/Igp) italiane riconosciute dall’Unione Europea, non godranno di alcuna tutela sul territorio canadese. I prodotti italiani sono realizzati sulla base di una produzione che viene sottoposta ad un rigido sistema di controllo e rischia di essere invasa da prodotti legittimati ad esserne una imitazione, è un paradosso assurdo.Il rischio è che, qualora questo Trattato venga ratificato dal governo italiano, crei un precedente anche per altri Paesi extra UE, amplificando il danno per i produttori nostrani, senza possibilità di arginarlo.
Italia ed Unione Europea hanno il dovere di difendere prodotti e produzioni uniche al mondo, in quanto non riproducibili, ma solamente imitabili.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Si ai mercati dei piccoli agricoltori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 febbraio 2017

circo-massimoRoma sabato scorso, i piccoli agricoltori del mercato di Campagna Amica del Circo Massimo a Roma hanno dovuto sospendere la loro attività per ordine degli uffici del comune di Roma. I consumatori presenti al mercato hanno inscenato una forte protesta e il vicesindaco di Roma Bergamo è arrivato al mercato rammaricandosi con i cittadini presenti e impegnandosi per una soluzione rapida che consenta di far riprendere la vendita diretta degli agricoltori. «Non riesco a credere – dichiara Alfonso Pecoraro Scanio, già Ministro dell’Agricoltura – che sotto un’Amministrazione a 5 stelle si possa interrompere un’attività amica dei consumatori e alternativa all’agricoltura delle multinazionali degli Ogm. Ho deciso così di lanciare, insieme a Elio Lannutti, presidente Adusbef, e di Rosario Trefiletti, presidente Federconsumatori, una petizione su Change.org per chiedere al Sindaco di Roma un rapido intervento che consenta di evitare questa ingiustizia e scongiurare appetiti e rischi speculativi sulla zona del mercato».«Il presidio – continua Pecoraro Scanio – di un’agricoltura NoOGM, a km zero, amica dell’ambiente e della biodiversità, di vendita diretta dai produttori ai consumatori senza ricarichi speculativi, alternativa alle multinazionali del cibo, rischia di sparire per cavilli burocratici. Un parere legale, firmato dal magistrato Ferdinando Imposimato e depositato in tempo utile, chiariva come le attività dei piccoli agricoltori, che si svolgono solo il sabato e domenica, potessero proseguire anche durante possibili lavori di manutenzione al locale realizzabile nei giorni feriali».
«Il Mercato è una sorta di “monumento dell’agroalimentare” – conclude Alfonso Pecoraro Scanio -. Ha un valore culturale importante per difendere la biodiversità dell’agroalimentare italiano. È un patrimonio storico, fatto di racconti, esperienza e vita vissuta nelle nostre campagne, trasferito ai cittadini, che non può sparire».

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Agenda sindaco di Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 21 dicembre 2010

Roma 20/12/2010 Ore 9.30: Auditorium Parco della Musica, viale Pietro de Coubertin 30 Il sindaco, Gianni ALEMANNO, interviene all’Assemblea nazionale della Confederazione Italiana Agricoltori.
Ore 11: Palazzo dei Congressi, piazzale J. F. Kennedy 1 (Eur) Il sindaco, Gianni ALEMANNO, interviene al I Congresso nazionale del Sindacato Nazionale Forestale.
Ore 12.30: Sala Pietro da Cortona – Musei Capitolini, Campidoglio Il sindaco, Gianni ALEMANNO, insieme all’assessore alle Politiche Educative Scolastiche, della Famiglia e della Gioventù, Laura MARSILIO, interviene alla conferenza stampa di presentazione della XVII edizione del Premio Roma per la Pace e l’Azione Umanitaria, che sarà conferito a Khady KOITA, per il suo impegno in favore della lotta alle mutilazioni genitali femminili. Intervengono Gianluigi DE PALO, presidente del Forum delle Associazioni Familiari del Lazio, Bruno CAGLI, presidente dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Fulvio CONTI, amministratore delegato Enel. Conduce Iole CISNETTO, presidente Fondazione InSé Onlus.
Ore 13: Sala delle Bandiere, Campidoglio Il sindaco, Gianni ALEMANNO, interviene alla presentazione del volume “50 anni di Virtus Roma”, scritto da Gianfranco TOBIA e Luigi FERRAIOLO, in occasione del 50° anniversario della squadra di basket. All’incontro, oltre agli autori, sono presenti anche l’ing. Claudio TOTI, presidente della Virtus; il presidente del Coni, Gianni PETRUCCI; il coach della squadra, Matteo BONICIOLLI; il direttore tecnico, Bogdan TANJEVIC; una rappresentanza della Virtus; giocatori, allenatori e dirigenti del passato.
Ore 15: Sede Ama, via di Porta Cavalleggeri 5 Il sindaco, Gianni ALEMANNO, partecipa alla inaugurazione del Presepe dei Netturbini. Presenti, fra gli altri, il presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, S.E. Card. Gianfranco RAVASI, l’assessore all’Ambiente, Fabio DE LILLO, il presidente dell’Ama, Marco Daniele CLARKE,  e l’amministratore delegato Franco PANZIRONI.
Ore 16.30: Sala Quaroni, Eur Spa – via Ciro il Grande 16 Il sindaco, Gianni ALEMANNO, incontra i Comitati dei cittadini dell’Eur.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Convegno “Agricoltura ed Agricoltori”

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2010

Ramacca (CT).  24 ottobre a partire dalle ore 18.00, presso l’Auditorium del Centro Policulturale Comunale si terrà il convegno “Agricoltura e agricoltori”, Le problematiche presenti e future dell’agricoltura meridionale”. Ci sarà, inoltre, la presentazione, in anteprima, di AlimenTiAmo 1° Salone Agroalimentare del Mezzogiorno. Si prevede la partecipazione dell’Assessore Regionale alle Risorse Agricole e Alimentari, dirigenti di confederazioni agricole, Sindaci e Assessori al ramo dei Comuni di Ramacca, Palagonia, Scordia, Mineo e Castel di Iudica, del Direttore della Coldiretti Catania, del Vice-Presidente della Cia Catania, professionisti nel settore agroalimentare e della psicologia del lavoro, dei Presidenti Provinciali e locali delle Associazioni di categoria e alcuni dirigenti delle Aziende presenti nel territorio (quali Oranfrizer, Zappala’, Latte Sole, Pavoni, Rapisarda, etc..
L’iniziativa è promossa dal Movimento per il Sud. E’ un’associazione socio-culturale presente in Sicilia, Calabria, Puglia e Roma città che, attraverso un’intensa attività sociale e culturale radicata nel territorio, mira ad edificare progetti concreti di sviluppo per poi presentarli alle istituzioni (od eseguirli se in seno alle istituzioni vi sono rappresentanti del movimento stesso). Noi – precisano i responsabili del Movimento –  non siamo nè di destra, nè di centro, nè di sinistra. Noi siamo del Sud.  Il Movimento per il Sud promuove e sostiene le istanze e le necessità del popolo meridionale in tutte le sedi ed in tutte le forme idonee (culturali, sociali, politiche); in nome della Costituzione italiana e del principio di uguaglianza.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Agricoltori-panettieri

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 settembre 2010

In genere quando un’associazione di categoria fa sentire il proprio dissenso contro l’apertura della professione ad altri soggetti, storciamo il naso e sentiamo odore di corporativismo, cioe’ difesa di rendite di posizione, di privilegi contro chi si affaccia nuovo a quel tipo di attivita’ e che minerebbe prezzi e qualita’ imposti dalla medesima corporazione. Non e’ cosi’, invece, per la contestazione della Fippa (Federazione italiana panificatori) che ha chiesto al ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, di modificare il decreto da poco firmato che consente agli agricoltori di produrre e vendere pane fresco. Gli agricoltori -come fanno sapere dalla Fippa- hanno un regime fiscale forfettario che si ferma al 15% mentre nella panificazione artigianale, tra imposte dirette e indirette si arriva al 52% di tasse sul reddito trasformato. A noi sembra un obbrobrio, un privilegio che mina la base di qualunque economia di mercato: l’uguaglianza davanti allo Stato e al Fisco.
Per questo ci affianchiamo alla Fippa nel chiedere ai competenti ministeri di ristabilire l’ordine delle cose in modo che il mercato non sia condizionato a danno di qualcuno. Ovviamente, siccome siamo per lo “Stato minimo” e facciamo gli interessi di consumatori che vogliono sempre spendere meno ed avere una migliore qualità, auspichiamo che sia presa in considerazione l’equiparazione fiscale dei panificatori agli agricoltori e non viceversa. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cresce il malcontento degli agricoltori pordenonesi

Posted by fidest press agency su sabato, 3 aprile 2010

Problemi e disagi dalle zone Sic e Zps, direttiva nitrati e oneri burocratici, crollo dei prezzi dei prodotti agricoli, nuove tasse sanitarie, accesso al credito sempre più difficile, ritardi nei pagamenti Agea, Programma di sviluppo rurale senza risorse. È lungo l’elenco delle tematiche con cui si scontrano quotidianamente gli imprenditori agricoli di Pordenone che, tra l’altro, si sentono esclusi dalle rappresentanze provinciali e regionali. Un calo di attenzione che sta provocando la chiusura di molte aziende e che ha trovato la giusta eco durante un affollato incontro tenutosi recentemente a San Quirino. Ad ascoltare e dibattere con gli imprenditori agricoli dell’area, c’erano il presidente regionale della Cia, Ennio Benedetti e il direttore della Cia di Pordenone, Davide Vignandel. Il tema della serata era senz’altro esplicativo: “Continuando così la nostra agricoltura provinciale chiude”, e tutti gli intervenuti (oltre che da San Quirino, c’erano anche i coltivatori arrivati da Cordenons e Vivaro) hanno dato il loro contributo. Dall’analisi della situazione assai pesante che interessa l’agricoltura provinciale, si è passati alle richieste e alle proposte necessarie a riportare l’agricoltura provinciale, oggi abbandonata a sé stessa, al centro dell’agenda politica. «Abbiamo programmato un giro di incontri sul territorio – ha commentato Benedetti – per parlare senza filtri a tutti gli agricoltori e raccogliere le loro istanze. Fra un paio di settimane predisporremo un documento completo da sottoporre ai responsabili politici provinciali e regionali». «Vogliamo ridare una dignità a questi imprenditori – ha concluso Vignandel -, che tutti i giorni lavorano e fanno i conti con i propri bilanci che si aggravano sempre di più. Saremo al loro fianco per tutelarli e, se necessario, intraprendere iniziative puntuali per far sentire forte la loro voce».

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il potere contrattuale degli agricoltori

Posted by fidest press agency su venerdì, 16 ottobre 2009

“L’attuale basso potere contrattuale dell’agricoltura, la scarsa presenza nella grande distribuzione di prodotti realizzati direttamente dagli agricoltori italiani ed il meccanismo perverso dei bassi prezzi, che provoca effetti devastanti sul tessuto imprenditoriale e sul potere d’acquisto dei consumatori, possono essere contrastati se andrà in porto la costruzione di una filiera agricola tutta italiana ‘firmata’ dagli stessi agricoltori. Una filiera, quest’ultima, in grado di trasferire i nostri valori distintivi fino al consumatore. Italiana fino in fondo, perché tutti i processi devono avvenire in Italia, dalla produzione agricola alla trasformazione, finanche alla distribuzione, almeno per la parte relativa ai farmers’ market e alle vendite dirette delle cooperative”. E’ questo, in sintesi, il contenuto del documento che l’Ascat-Unci ha presentato ieri pomeriggio durante l’Audizione presso la Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati sulle questioni riguardanti il settore agricolo, nel corso della quale è intervenuto Mauro Tonello, Presidente del Comitato di Commissariamento dell’Associazione Nazionale delle Cooperative Agricole e di Trasformazione Agroindustriale, nonché Vice Presidente Coldiretti, accompagnato da Carlo Catanossi e Fabio Paduano. “Una filiera ‘firmata’ – ha spiegato Tonello – nel senso che renda visibile e riconoscibile ‘l’italianità’ nei confronti del consumatore finale, attraverso la creazione, per l’appunto, di una ‘firma’ che distingua l’intero prodotto agricolo autenticamente Made in Italy, basandosi sulla trasparenza della filiera, sull’indicazione dell’origine in etichetta e sul legame del prodotto con il territorio di riferimento.In questo quadro, le cooperative agricole rappresentano i soggetti fondamentali per la costruzione della filiera agricola tutta italiana, con particolare riguardo all’aggregazione dell’offerta, alla trasformazione del prodotto italiano ed alla valorizzazione delle imprese agricole. Infine, queste le richieste avanzate dall’Ascat-Unci nel corso dell’Audizione in Commissione: dare priorità agli investimenti strutturali, infrastrutturali e logistici della politica di coesione unitaria (Fondi strutturali e Fas) e della politica di sviluppo rurale; rivolgere una rinnovata attenzione ai Consorzi agrari; utilizzare la leva fiscale per i soggetti della filiera Made in Italy; attuare una politica di promozione dei prodotti del vero Made in Italy in Italia e all’estero; ribadire e perseguire sulla strada della tutela della proprietà intellettuale e della lotta alla contraffazione ed all’agro-pirateria; promuovere la ricerca e l’innovazione; favorire l’impiego di fonti energetiche rinnovabili; un maggiore impegno per l’applicazione della legge sulla etichettatura obbligatoria dell’origine su tutti i prodotti agricoli; aumentare i controlli lungo tutta la filiera; garantire certezze alle imprese agricole che investono nella filiera agricola tutta italiana, mediante un’attenzione particolare all’accesso al credito, alle assicurazioni agevolate ed al costo del lavoro; contrastare lo strapotere della grande distribuzione commerciale e regolamentare le vendite sottocosto che danneggiano le imprese.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crisi del latte

Posted by fidest press agency su martedì, 15 settembre 2009

I deputati europei voteranno sulla proposta della Commissione di procrastinare gli aiuti pubblici per comprare il burro e il latte in polvere fino al febbraio 2010, piuttosto che porre fine a questo sostegno dal 31 agosto. La Commissione per l’agricoltura ha inoltre chiesto che le misure per l’ammasso privato di burro siano estese per includere anche il formaggio.  Il calo dei prezzi del latte e la più generale emergenza nel mercato lattiero-caseario, soprattutto conseguenza della crisi economica, sono una fonte di preoccupazione in tutta Europa. Le Istituzioni dell’UE stanno attualmente discutendo il modo migliore per aiutare gli agricoltori, senza però ostacolare la ristrutturazione a lungo termine del settore agricolo europeo.  I deputati presenteranno inoltre un’interrogazione alla Commissione sugli sviluppi del mercato lattiero-caseario, per poi votare una risoluzione politica per proporre eventuali ed ulteriori interventi (dibattito e votazione giovedì).

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La politica agricola comune (Pac)

Posted by fidest press agency su domenica, 23 agosto 2009

Essa rappresenta a tutt’oggi quasi il 50% del bilancio comunitario. L’agricoltura e la silvicoltura nell’U.E. rappresentano il 75% dell’uso del suolo; le coltivazioni dipendono largamente dall’uso delle risorse naturali per la produzione del cibo. Le recenti riforme del Pac, afferma Margot Wallström, membro della Commissione europea, hanno maggiormente posto l’accento su una agricoltura multifunzionale, che risulti  competitiva ma che risponda anche a più ampie finalità sociali ed ambientali. Occorre, tuttavia, prendere atto di talune tendenze. In primo luogo, abbiamo assistito, sottolinea la Wallström ad una forte diminuzione del numero degli agricoltori, che sono ora soltanto la metà rispetto a 25 anni fa. Allo stesso tempo, nell’ultimo cinquantennio si è assistito ad un aumento dei fattori di produzione agricola: gli agricoltori comunitari usano più del triplo di concimi inorganici e 320.000 tonnellate di pesticidi all’anno, vale a dire circa 2 Kg per ettaro coltivato. Va da sé che questo andazzo ci porta sia l’intensificazione della produzione agricola ma anche l’inquinamento idrico da nitrati (basti pensare che nell’U.E. i livelli di nitrati sono superiori alla soglia critica di 50 parti per milione). Tutto ciò diventa una fonte di problemi anche per la biodiversità, il paesaggio ed il suolo. Basti pensare alla diminuzione degli uccelli nelle aree rurali. Dobbiamo poi aggiungere, osserva Wallström la marginalizzazione e l’abbandono delle attività agricole esse provocano, non da ultimo, la perdita di importanti caratteristiche del paesaggio quali la coltivazione a terrazze, molto efficace nel controllo dell’erosione e delle inondazioni, e una riduzione della biodiversità connessa alle pratiche agricole. Resta, non certo ultima, la sicurezza e la qualità degli alimenti. I cittadini, sottolinea Wallström, manifestano a ragione crescenti preoccupazioni riguardo  alle modalità di produzione degli alimenti. La Commissione per porvi in qualche modo riparo propone ora l’applicazione di un quadro legislativo di condizionalità ambientale che comporta il rispetto di requisiti di gestione e l’obbligo a conservare in buone condizioni i terreni agricoli.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Hillary Clinton in sette paesi africani

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 agosto 2009

«Speriamo che la visita di Hillary Clinton in sette paesi africani segni l’avvio di una nuova politica in favore delle persone svantaggiate dei paesi in via di sviluppo», auspica ActionAid, l’organizzazione non governativa che lotta contro la povertà. Va riconosciuta all’amministrazione Obama una rinnovata attenzione verso il tema della cooperazione e della lotta alla fame, ma, affinché gli effetti sulle popolazioni africane povere ed emarginate siano concreti e positivi, si devono ancora registrare alcuni cambiamenti. «’Aid For Trade’, il programma dell’amministrazione Obama che prevede l’entrata dei più poveri nel mercato grazie all’African Growth and Opportunity Act (AGOA), è destinato a fallire se negli USA i grandi agricoltori continueranno a ricevere forti sussidi e se non verranno rimossi i dazi imposti ai prodotti importati dai paesi africani», sostiene ActionAid. Valga ad esempio il caso del Kenya, il primo paese a essere visitato da Hillary Clinton. Dal 2003 ad oggi, l’esportazione del prodotto tessile di questo paese nel mercato USA ha registrato una caduta di oltre il 20%, gettando quella che era una nazione emergente in stato di difficoltà. Ancora, dal 1994 – anno in cui Nelson Mandela assumeva la presidenza del paese – gli USA hanno iniziato a incrementare la loro relazione con il Sudafrica, per diventare, dal 2001, il loro maggior partner commerciale. «Hillary Clinton arriva in Sudafrica in un momento molto difficile per il paese, in cui violenza e povertà sono a livelli molto alti – segnala ActionAid –  e gli Stati Uniti devono impegnarsi ad aiutare il paese a uscire da questa difficile situazione». Importante è inoltre, secondo ActionAid, che gli Stati Uniti supportino il progetto per una buona governance portato avanti dall’Unione Africana, di modo che i governi africani siano maggiormente responsabili e trasparenti nell’assicurare ai cittadini poveri i servizi di base e il rispetto dei diritti fondamentali.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »