Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 25

Posts Tagged ‘agricoltori’

Gli agricoltori sono sempre più minacciati dal cambiamento climatico

Posted by fidest press agency su domenica, 31 ottobre 2021

L’impatto dei cambiamenti climatici sta minacciando sempre più seriamente le condizioni di vita degli agricoltori in tutto il mondo: lo dice un nuovo studio commissionato da Fairtrade International e condotto da ricercatori della Libera Università di Amsterdam e dell’Università di Berna delle Scienze Applicate, diffuso a pochi giorni dall’inizio della Conferenza delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico, anche nota come COP 26. Lo studio sottolinea che maggiori investimenti nell’adattamento climatico e in altre misure di resilienza saranno cruciali per impedire il crollo del reddito degli agricoltori.Un’ombra sul futuro delle commodities. Banane, caffè, cacao sono alcuni tra i beni più commercializzati a livello globale; la ricerca analizza come regioni diverse del pianeta saranno colpite in modo differente dagli schemi metereologici generati dal cambiamento climatico.I produttori di banane del Centro e Latino America, ad esempio, dovranno affrontare stagioni meno piovose e temperature più estreme, mentre quelli del Sud-est asiatico e dell’Oceania un aumento del rischio di cicloni. I produttori di caffè del Brasile, America Centrale e sud dell’India registreranno presto degli aumenti dei picchi delle temperature insieme a siccità, con conseguenze sulla produzione di caffè Fairtrade. In Repubblica Dominicana e Perù, come in altre regioni dell’Africa Occidentale, i coltivatori di cacao dovranno affrontare periodi di caldo e siccità, mentre in Ghana orientale e Costa d’Avorio subiranno piogge più intense.L’effetto dei cambiamenti climatici sulle produzioni agricole è abbastanza riconosciuto, e i rischi per il futuro di commodities di grande interesse commerciale come il caffè, sono abbastanza noti. Studi suggeriscono che entro il 2050 metà delle aree agricole attualmente utilizzate per la coltivazione del caffè potrebbero non poterle più ospitare. Ma solo raramente si considera un collegamento ovvio, cioè quello tra il cambiamento climatico e le condizioni di vita di migliaia di contadini e lavoratori del settore agricolo.Negli ultimi anni Fairtrade ha rafforzato i requisiti dei propri Standard, aumentando il focus sui temi ambientali e sul cambiamento climatico, ad esempio attraverso le Accademie per il Clima e progetti dedicati con gli agricoltori. La dimensione che sta acquisendo la crisi tuttavia richiede partnership sempre più larghe per sostenere le comunità agricole affinché possano affrontare Ie enormi sfide che hanno davanti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Biologico: Cia, appello a mobilitazione agricoltori

Posted by fidest press agency su martedì, 14 settembre 2021

“E’ finito il tempo dei dibattiti sterili nel mondo della rappresentanza. La legge sul biologico venga ora approvata definitivamente alla Camera dopo il consenso vastissimo raccolto da tutto l’arco costituzionale, con un unico voto contrario in Senato”. Il presidente di Cia-Agricoltori Italiani, Dino Scanavino, lancia un appello alla mobilitazione di tutti gli agricoltori per stimolare la politica a fare un passo decisivo in merito alla norma sulle “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”. Scanavino chiede, dunque, la tempestiva approvazione della legge, visto l’ok al provvedimento a fine luglio in Commissione Agricoltura, che non ha apportato alcuna modifica al testo del Senato.Una legge nazionale sul biologico rappresenta il pilastro fondamentale per la costruzione del futuro agricolo del Paese, come indicato dal Green Deal Ue, che vede proprio nel biologico uno dei driver principali per la transizione del sistema agroalimentare verso la sostenibilità. L’Italia è, attualmente, leader del comparto in Europa con 80mila operatori e 2 mln di ettari coltivati. Secondo i dati dell’Osservatorio SANA, in corso in questi giorni a Bologna Fiere, i consumi interni sono cresciuti del 5% rispetto al 2020 e il carrello della spesa bio degli italiani si è attestato su 4,6 miliardi di euro. Ma anche nell’export, l’Italia è la seconda nazione al mondo (la prima in Ue) e il biologico rappresenta il 6% delle nostre esportazioni nell’agroalimentare. La rivoluzione bio è, dunque, già in atto ma il settore non può rischiare un arretramento rispetto ai Paesi competitor europei, sempre più agguerriti. Tocca ora alla politica rendere pienamente applicabili i principi dell’agroecologia per consentire al biologico italiano di continuare a produrre valore per il Paese, recependo le esigenze dei cittadini e in coerenza con le diverse strategie Ue.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Incendi: Cia, per difesa boschi agricoltori pronti a prevenzione e gestione

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 agosto 2021

Gli agricoltori vogliono rendersi parte attiva nella battaglia per la prevenzione e la riduzione del rischio incendi, candidandosi a “sentinelle” del territorio. Grazie alla loro attività, infatti, i produttori agricoli possono giocare un ruolo primario nel contrastare la piaga dei roghi, incentivando la loro capacità di presidiare i boschi, con azioni di controllo e soprattutto di gestione del patrimonio verde nazionale. Così Cia-Agricoltori Italiani, dopo la nuova ondata di incendi, spesso di origine dolosa, soprattutto al Sud Italia, dalla Sardegna alla Sicilia fino a Calabria, Puglia e Abruzzo. Il patrimonio boschivo italiano si estende su tutta la penisola e supera gli 11 milioni di ettari di superficie, oltre un terzo dell’intero territorio nazionale. Si tratta di un’immensa risorsa di biodiversità che non va assolutamente dispersa e ridotta in cenere, tanto più che gli effetti per l’equilibrio naturale sono davvero devastanti e i tempi per il riassetto dell’ecosistema molto lunghi e costosi -ricorda Cia-. Senza contare che un solo ettaro di superficie coperta di alberi è in grado di assorbire mediamente 2 tonnellate l’anno di anidride carbonica, liberando una tonnellata di ossigeno.Un capitale verde che va necessariamente tutelato, quindi, prima di tutto dai roghi. Per questo è sempre più necessario programmare, valorizzare e incrementare le attività selvicolturali, con gli agricoltori protagonisti e utilizzando parte dei fondi del PNRR -evidenzia Cia-. Solo con una gestione attenta, efficiente e capillare, è possibile salvaguardare i boschi italiani dal rischio incendi, valorizzare al meglio biodiversità e paesaggio dal punto di vista economico e ambientale e garantire la stabilità idrogeologica del territorio.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

I piccoli agricoltori come elemento chiave della trasformazione dei sistemi alimentari

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 luglio 2021

Per realizzare un futuro in cui ogni persona abbia accesso a un’alimentazione sana a un costo abbordabile, in cui la produzione degli alimenti avvenga nella salvaguardia dell’ambiente e della biodiversità e in cui le persone che producono il nostro cibo siano pagate adeguatamente per il loro lavoro, i sistemi alimentari devono cambiare radicalmente e le necessità delle popolazioni rurali devono essere considerate una priorità.In occasione del pre-Vertice delle Nazioni Unite sui sistemi alimentari, il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) rivolge un appello ai leader del settore affinché rettifichino le carenze di sistemi alimentari che lasciano centinaia di milioni di persone affamate e in povertà.Durante i tre giorni del Vertice, leader politici, agricoltori, esperti ed esponenti della società civile si confronteranno su come rendere i sistemi alimentari più sostenibili ed equi. L’IFAD investe sulle popolazioni rurali, mettendole in condizione di ridurre la povertà, aumentare la sicurezza alimentare, migliorare la qualità dell’alimentazione e rafforzare la loro capacità di resilienza. Dal 1978, abbiamo investito 23,2 miliardi di dollari in donazioni e prestiti a tassi agevolati per finanziare progetti di cui hanno beneficiato circa 518 milioni di persone. L’IFAD è un’istituzione finanziaria internazionale e un’agenzia specializzata delle Nazioni Unite con sede a Roma – il polo delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vendita diretta: Cia, sempre più famiglie comprano dagli agricoltori

Posted by fidest press agency su venerdì, 16 aprile 2021

A un anno dalla pandemia è più costante e stretto il rapporto tra agricoltori e cittadini. Legame rinsaldato, per effetto delle restrizioni, nei mercati contadini e nelle botteghe di prossimità, ma anche online dove l’e-commerce funziona se mette sempre al centro il contatto diretto. Così, negli ultimi 12 mesi, sono aumentate del 5% le aziende agricole entrate nella vendita diretta, terzo canale scelto dagli agricoltori nel 2020, e del 10% le famiglie che la prediligono. A fare il punto sul settore è Cia-Agricoltori Italiani con la sua Associazione per la promozione della vendita diretta, la Spesa in Campagna, in occasione del webinar sul ruolo chiave del mercato contadino.In Veneto, c’è l’esempio forte di Padova – con la Spesa in Campagna-Cia sono 9 i mercati contadini (4 solo in città) – che durante tutta l’emergenza Covid, in accordo con il Comune e nel pieno rispetto delle regole anti-contagio, è riuscita ad assicurare banchi sempre aperti. In regione, il mercato contadino ha registrato in media, subito dopo il primo lockdown, un +14%.Scendendo verso il Centro Italia, la Toscana di Firenze, Prato e Pistoia conta con la Spesa in Campagna-Cia, 10 mercati settimanali, 7 solo in provincia di Firenze, coinvolgendo complessivamente oltre 100 aziende. Qui le chiusure ci sono state, soprattutto lo scorso anno, ma poi i mercati sono tornati operativi anche in zona rossa. A compensare durante il blocco, la consegna a domicilio che sul portale dedicato Cia, in sei mesi dall’attivazione, ha avuto l’adesione di oltre mille aziende agricole. Sul territorio è cresciuto del 10% l’interesse degli agricoltori per un banco di vendita e soprattutto a Firenze, dove per un singolo mercato si calcola un giro d’affari pari a circa 300 mila euro l’anno. Al Sud, Palermo è re del mercato. La Spesa in Campagna-Cia ne conta 3 solo in città e per un totale di 75 espositori agricoli. Il canale è in grande espansione e spinge a fare sistema tra i produttori di tutta la regione. Quanto alle vendite, dopo il boom della scorsa primavera, ora la situazione è stabile e con fatturato, in due mesi, sui 50/60 mila euro a mercato.Oggi l’Italia conta in totale circa 1200 mercati contadini e danno linfa a piccole e medie imprese agricole, rappresentando un punto di riferimento unico per i cittadini. La Spesa in Campagna-Cia ha in tutto il Paese, circa 6 mila aziende impegnate nella vendita diretta, canale che a livello nazionale nel 2020 ha fatturato più di 6,5 mld. E’ forte di produttori di olio, vino e ortaggi, frutta, latticini e salumi, marmellate e composte. Prelibatezze che arrivano anche nelle botteghe e stanno spopolando online dove nel 2020 si è registrato un +134% dell’acquisto di generi alimentari. Il trend potrebbe raggiungere un +62% entro il 2021, sempre se saprà tutelare, anche sul digitale, la relazione tra cittadini e aziende. Principio base della piattaforma Cia dalcampoallatavola.it, primo e-commerce con protagonisti gli agricoltori italiani. “Con le aziende lavoriamo per tutelare la qualità dei nostri mercati contadini -ha dichiarato il presidente de la Spesa in Campagna-Cia, Matteo Antonelli-. La fiducia consolidata in questo periodo, porta lontano solo continuando a garantire ai consumatori produzioni proprie, stagionalità delle materie prime e il monitoraggio costante di questi requisiti. Allo stesso tempo -ha aggiunto- i mercati contadini contribuiscono alla sostenibilità delle aziende delle aree rurali d’Italia e alla promozione del territorio, tra i punti chiave della ripresa turistica dei prossimi mesi”.“La vendita diretta è un’occasione importante per il reddito degli imprenditori agricoli -ha aggiunto Claudia Merlino, direttore generale di Cia-Agricoltori Italiani- e l’intervento de la Spesa in Campagna sul territorio con i mercati contadini, è cruciale per la promozione tra i cittadini dell’agricoltura e dell’agroalimentare italiano, fatto di qualità e autenticità. La valorizzazione del Made in Italy, della Dieta Mediterranea e delle tipicità regionali, passano per un costante dialogo tra chi produce e chi porta in tavola”. Il webinar sul mercato contadino è il primo di tre incontri online promossi da la Spesa in Campagna-Cia. I prossimi due appuntamenti, saranno dedicati a botteghe ed e-commerce. http://www.cia.it

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Europa favorisce lobby e multinazionali, è questa Unione che nuoce alla salute degli agricoltori

Posted by fidest press agency su sabato, 6 febbraio 2021

“Si conferma una preoccupante tendenza europea a penalizzare i prodotti naturali a favore delle lobby delle multinazionali. L’agricoltura è un nostro valore nazionale da difendere contro i burocrati di questa Europa: è questa burocrazia, questa Unione amica delle lobby, a essere dannosa per la salute, di certo non i nostri prodotti che sanno di natura, di qualità e di storia”.Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Luca De Carlo, responsabile nazione del Dipartimento Agricoltura di Fratelli d’Italia, che critica duramente l’annunciata etichettatura europea con avvertenze per la salute su prodotti alimentari come il vino, i salumi e le carni rosse.
“L’Italia vede discriminata i suoi prodotti – sottolinea De Carlo – per i quali i nostri agricoltori e allevatori lavorano duramente ogni giorno da generazioni: evidentemente il loro lavoro non piace ad alcune nazioni europee, visto che veniamo costantemente penalizzati da iniziative come questa, come il semaforo alimentare o, ancora, come il Nutriscore. Tutti gli stati europei tutelano le proprie produzioni, in Italia, invece, quella parte politica vicina agli interessi delle multinazionali accetta passivamente questi attacchi e critica invece chi vuole difendere il lavoro e i prodotti italiani. Per loro, evidentemente, difendere la nostra cultura, la nostra storia, i nostri agricoltori è un fatto gravissimo e da condannare. Invece che dedicarsi a queste pensate, perché in Europa non lavorano a un miglioramento delle normative attuali, ad esempio quella sulla concorrenza sleale? Il solo ‘Italian sounding’ (l’uso di nomi e immagini sulle confezioni che richiamano l’Italia, ma che di italiano non hanno né gli ingredienti né il luogo di produzione) vale oltre 100 miliardi di euro, ma nulla si muove su questo fronte”.“I burocrati europei – conclude De Carlo – oggi sguazzano nell’incertezza politica italiana: è questa Unione Europea a nuocere gravemente alla salute, è contro questi provvedimenti insensati che tutti i cittadini di buon senso dovrebbero lottare. Da anni, i governi italiani sono supini a Francia e Germania, non contrastando iniziative come queste; con un governo di centrodestra, troverebbero pane per i loro denti e non ci sarebbe spazio per una simile guerra ai prodotti italiani”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un aiuto concreto agli agricoltori italiani

Posted by fidest press agency su sabato, 26 dicembre 2020

Con l’inserimento nel decreto Milleproroghe delle misure proposte dal ministero per le Politiche agricole, il Governo fornisce un aiuto concreto e immediato ai coltivatori italiani – dichiara Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. Tra le varie agevolazioni previste, ci sono la certificazione dei vini Dop e Igp, la presentazione della documentazione antimafia e il versamento dei contributi dei lavoratori autonomi. Grazie al via libera del Consiglio dei ministri, numerose scadenze amministrative e adempimenti sono così sospesi per via del perdurare della crisi. Come sottolineato dalla ministra Bellanova, si tratta di provvedimenti necessari per le imprese agricole e le filiere che devono affrontare l’emergenza Covid. Nel corso di questo difficile anno, il Governo ha saputo adottare con tempismo i provvedimenti più urgenti per il nostro settore – Continua Tiso. L’azione dell’esecutivo si è però rivelata deficitaria quando è stato necessario passare dai bisogni più immediati alla pianificazione del futuro.La convocazione dell’annunciato tavolo per una discussione allargata sul Piano Strategico Nazionale della nuova Pac non è ancora avvenuta, mentre sulla transizione ecologica del settore primario arrivano segnali contrastanti sia da Roma che da Bruxelles. Per temi di questa portata non può venire in aiuto la decretazione d‘urgenza, ma è necessario giocare d’anticipo, coinvolgendo tutti gli attori interessati e prevedendo tempistiche adeguate con l’obiettivo di giungere a un accordo quadro che possa orientare l’azione di Governo nella giusta direzione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Agricoltori ancora sottopagati

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 dicembre 2020

Il settore agroalimentare procede in controtendenza rispetto all’andamento dei prezzi a livello nazionale, ma agricoltori e allevatori non riescono a raccogliere i frutti del loro lavoro – dichiara Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. Mentre i prezzi di frutta (+5,5%) e verdura (+8,7%) registrano incrementi considerevoli, i produttori continuano a essere sottopagati. Molte aziende stanno addirittura subendo tagli ai loro compensi che le mettono in seria difficoltà, proprio quando il mercato dovrebbe premiarli.Gli ultimi dati diffusi dall’Istat confermano l’inflazione negativa per l’economia italiana nel suo complesso, stimando un – 0,2% per il mese di novembre. Il comparto agroalimentare si distingue come una felice eccezione in questi mesi di emergenza, con incrementi dei prezzi che superano quelli degli altri beni inseriti nel carrello della spesa – continua Tiso. A trarne vantaggio non sono però gli agricoltori e gli allevatori, ma esclusivamente i grandi operatori della catena di approvvigionamento e distribuzione.Così com’è, la filiera agroalimentare è completamente sbilanciata e non riesce a garantire il giusto profitto ai piccoli e medi produttori. La stessa Commissione europea riconosce che questa asimmetria nelle posizioni negoziali rende difficile per gli agricoltori difendere i loro interessi. E’ per questo indispensabile rafforzare l’organizzazione e la concentrazione dell’offerta agricola, sviluppando le Organizzazioni dei produttori che consentono a questi ultimi di acquisire maggiore potere contrattuale. L’aggregazione dei produttori può inoltre favorire un migliore accesso alle nuove tecnologie di coltivazione, tra cui le nuove soluzioni digitali per l’agricoltura 4.0.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Con Decreto flussi maggiori certezze per gli agricoltori

Posted by fidest press agency su domenica, 18 ottobre 2020

Il Decreto Flussi 2020 permette agli agricoltori italiani di pianificare la stagione autunnale dei raccolti con rinnovata fiducia e maggiori certezze – dichiara Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. Il provvedimento apre le porte a 18mila stagionali extracomunitari, provenienti dall’est Europa, dall’Asia e dall’Africa. Dopo le restrizioni dovute all’emergenza sanitaria, l’ingresso di nuova forza lavoro è una necessità condivisa dalle nostre aziende, in modo particolare quelle impegnate nella vendemmia e nella raccolta di olive e frutta.A causa delle misure di sicurezza dei mesi scorsi, le ore totali di lavoro in agricoltura sono diminuite del 7%. Molte imprese hanno avuto grandi difficoltà nel reperire braccianti agricoli, rischiando così di perdere i raccolti in un momento in cui assicurare le forniture alimentari era essenziale – continua Tiso. L’emergenza ha fatto capire anche agli italiani quanto sia importante l’agricoltura per la vita del Paese. Per migliorare il sostegno alle aziende e offrire nuove opportunità di lavoro, chiediamo ora al Governo di facilitare anche l’impiego di manodopera italiana, attraverso procedure semplificate che accorcino i tempi per l’ingresso dei nuovi braccianti. A questo fine, si può contemplare anche l’utilizzo dei voucher, a patto che non se ne faccia un utilizzo distorto. L’obiettivo è coniugare una burocrazia più semplice con le indispensabili garanzie dovute ai lavoratori.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pensioni agricoltori

Posted by fidest press agency su sabato, 12 settembre 2020

Le pensioni degli agricoltori sono ancora le più basse, ferme a 515 euro, mentre la sentenza della Consulta, la 152 del 22 luglio scorso, parla chiaro e, oltre a imporre l’incremento a sostegno degli invalidi civili totali, ha innescato la revisione anche delle minime. Governo ne tenga conto, interviene Anp, l’Associazione nazionale pensionati di Cia-Agricoltori Italiani pur soddisfatta per l’applicazione della sentenza nel Dl Agosto per quel che riguarda le pensioni d’invalidità, portate a 651,51 euro.
Anp-Cia plaude alla decisione del Governo su questa materia che consente di superare una situazione da molti anni segnalata come fonte d’ingiustizia e disagio sociale, ma non può che evidenziare, ancora una volta, anche le condizioni dei pensionati al minimo, costretti a vivere con un assegno che non consente di provvedere ai bisogni fondamentali e a una vita dignitosa. In questo senso la sentenza della Corte Costituzionale si esprime anche per le pensioni minime, ferme a 515,07 euro.Inoltre, Anp-Cia, ricorda che la Carta Sociale Europea individua in 650 euro il livello minimo degli assegni da erogare. Oltre a essere, dunque, un problema di giustizia sociale, è anche un riconoscimento del valore di tanti lavoratori. E vale soprattutto per gli agricoltori che hanno svolto un’opera fondamentale per il Paese, assicurando beni essenziali come il cibo e la tutela del territorio. Ora, sottolinea Anp-Cia, si ritrovano tra i più poveri e, in molti casi, costretti a lavorare anche in età avanzata con tutti i rischi per l’incolumità e la salute che questo comporta.“Il tema delle pensioni minime deve essere affrontato con serietà e rigore nella prossima legge di Bilancio 2021 -interviene il presidente nazionale di Anp-Cia, Alessandro Del Carlo- nella quale risulterà senz’altro possibile rintracciare le risorse necessarie”. “La cosiddetta pensione di cittadinanza -aggiunge Del Carlo- non ha dato soluzione a questo problema, in quanto la stragrande maggioranza dei pensionati non ha potuto accedervi a causa dei previsti criteri restrittivi, mentre l’epidemia del Covid-19 ne ha aggravato notevolmente le condizioni. Continueremo a batterci per i pensionati e gli anziani -conclude il presidente nazionale di Anp-Cia, Del Carlo- affinché vengano loro riconosciuti assegni dignitosi e servizi sociosanitari adeguati, soprattutto nelle aree interne e rurali d’Italia”.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

COVID-19: Aiuti a favore degli agricoltori dal fondo di sviluppo rurale dell’UE

Posted by fidest press agency su domenica, 21 giugno 2020

Bruxelles. Venerdì, i deputati hanno incrementato il sostegno finanziario del fondo di sviluppo rurale UE, per permettere ai Paesi UE di aiutare agricoltori e PMI agroalimentari a uscire dalla crisi.La misura d’emergenza, approvata dal Parlamento con 636 voti favorevoli a 21 contrari, con 8 astensioni, permetterà agli Stati membri dell’UE di utilizzare i fondi UE, rimanenti dai programmi esistenti di sviluppo rurale, per pagare una somma forfettaria una tantum, a titolo di compensazione, agli agricoltori e alle piccole imprese rurali particolarmente colpite dalla crisi COVID-19. Questo sostegno di liquidità mirato da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) dovrebbe aiutarli a rimanere in attività.L’indennizzo da versare agli agricoltori più colpiti può arrivare fino a 7.000 euro, ovvero 2.000 euro in più rispetto a quanto proposto dalla Commissione europea. Il tetto massimo per il sostegno alle PMI agroalimentari dovrebbe è stato confermato a 50.000 euro, in linea con la proposta originaria.L’importo per finanziare la misura di sostegno alla liquidità è stata portata al 2% della dotazione UE per i programmi di sviluppo rurale in ogni Stato membro, rispetto all’1% inizialmente proposto dalla Commissione UE.I deputati hanno anche deciso di dare agli Stati membri più tempo per sbloccare il sostegno. Hanno infatti prorogato la scadenza del 31 dicembre 2020 per i pagamenti fino al 30 giugno 2021, ma le domande di sostegno dovranno essere approvate dalle autorità competenti prima del 31 dicembre 2020.”Accolgo con molto favore i risultati della votazione plenaria di oggi. Questo dimostra ancora una volta che il Consiglio e il Parlamento possono lavorare insieme in stretta e rapida collaborazione quando l’agricoltura dell’UE ha urgente bisogno di aiuto. Abbiamo ora dato ai Paesi dell’UE un altro strumento per aiutare finanziariamente gli agricoltori durante la crisi del coronavirus. I miei ringraziamenti vanno anche alla Presidenza del Consiglio croata per la loro proficua e diretta collaborazione”, ha detto il relatore e presidente della Commissione Agricoltura Norbert Lins (PPE, DE).La bozza di regolamento, così come approvata dai deputati e, in via informale, dai rappresentanti degli Stati membri, sarà ora sottoposta al Consiglio UE per l’approvazione finale. Una voltaapprovata, la nuova legge UE sarà pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’UE. Entrerà in vigore immediatamente dopo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Sostegno ministeriale per gli agricoltori italiani

Posted by fidest press agency su sabato, 6 giugno 2020

“Con l’applicazione congiunta delle premialità derivanti dall’‘Accordo Quadro per il mais da granella di filiera italiana certificata’ e dall’incentivo previsto dal Ministero delle Politiche agricole, da questa campagna di commercializzazione, i produttori italiani di mais potranno percepire premialità aggiuntive rispetto al normale prezzo di mercato per il prodotto raccolto”. Lo sottolineano le organizzazioni firmatarie e promotrici dell’Accordo Quadro, pienamente operativo e siglato dalla filiera maidicola nazionale composta da Assalzoo in rappresentanza dell’industria mangimistica italiana, AMI, Cia-Agricoltori italiani, Confagricoltura e Copagri per i produttori agricoli, Alleanza delle Cooperative Agroalimentari per il mondo cooperativo, Compag e AIRES per gli stoccatori e per gli essiccatori, Assosementi per le ditte sementiere, e Origin Italia per i Consorzi di Indicazioni Geografiche.
“L’Accordo è nato per favorire la stipula di contratti di filiera per il mais destinato all’alimentazione animale per le prossime tre campagne maidicole, con l’obiettivo di risollevare una produzione divenuta insufficiente per le esigenze dell’allevamento italiano, la cui importanza è fondamentale per le produzioni zootecniche e per il Made in Italy agroalimentare. L’intesa prevede, a beneficio degli agricoltori, l’applicazione di specifiche premialità per la granella di origine certificata e, qualora concordata tra le parti, per la sostenibilità e/o per specifiche caratteristiche qualitative del mais raccolto, che vanno ad aggiungersi al prezzo di acquisto che le parti potranno decidere di fissare in base a due diverse opzioni, scegliendo di legarlo all’andamento delle quotazioni delle borse merci oppure fissando un prezzo definito”, ricordano Assalzoo, AMI, Cia, Confagricoltura, Copagri, Alleanza Cooperative Agroalimentari, Compag, Aires, Assosementi e Origin Italia.“Si tratta di una grande opportunità, che consente ai produttori italiani di mais di recuperare margini di competitività, con lo scopo di favorire una ripresa della produzione italiana di questo cereale, indispensabile per garantire una alimentazione di qualità agli allevamenti nazionali da latte e da carne e, soprattutto, per garantire i circuiti di eccellenza, per i quali il mais di origine italiana è una materia prima ad oggi irrinunciabile”, aggiungono le organizzazioni firmatarie e promotrici dell’Accordo Quadro.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rinnovo del bonus per giovani agricoltori nella legge di Bilancio 2020

Posted by fidest press agency su martedì, 24 dicembre 2019

E’ una decisione lungimirante che mette al centro le nuove generazioni e può contribuire ad aprire nuove prospettive per chi decide di investire nel settore primario – dichiara il presidente nazionale Confeuro Andrea Michele Tiso.Grazie agli sgravi, i coltivatori diretti e gli imprenditori con meno di 40 anni che si iscrivono per la prima volta alla gestione agricola potranno beneficiare di un esonero contributivo di due anni. Si tratta di un incentivo importante, che può dare nuovo slancio al settore primario se collocato all’interno di un pacchetto coerente di misure – spiega Tiso.Anche in agricoltura i giovani sono chiamati ad affrontare le sfide lasciate in eredità dalle precedenti generazioni. Proprio in questi giorni, il Consiglio europeo dei giovani agricoltori (Ceja) ha diffuso un documento programmatico per definire gli obiettivi da perseguire con lo scopo di “partecipare a un dibattito cruciale per il rinnovamento generazionale e la sopravvivenza del settore agricolo”. In particolare, i giovani agricoltori europei dichiarano di voler essere innovativi per adattarsi al cambiamento climatico, ridurre le emissioni di gas a effetto serra e contribuire alla capacità dei terreni agricoli di sequestrare il carbonio producendo alimenti sicuri e sani per una popolazione in crescita. Senza ricambio generazionale la nostra agricoltura non ha futuro. E’ indispensabile rendere protagonisti i più giovani, quelli che ora preferiscono cercare un impiego nel settore secondario o terziario piuttosto che investire tempo, energie e idee nella cura della terra.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Agricoltori: azzeramento Irpef

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 ottobre 2019

L’azzeramento dell’Irpef per gli agricoltori è un buon segnale e una misura concreta che permetterà alle aziende di disporre di circa 200 milioni da investire in sviluppo tecnologico e sostenibilità – dichiara il presidente nazionale Confeuro Andrea Michele Tiso. Dopo la conferma delle agevolazioni sul gasolio agricolo e la recente azione di contrasto al caporalato, il Governo sembra procedere in modo coerente sulla strada che può portare a un reale rilancio della nostra agricoltura.Ci auguriamo che ora si avvii una discussione costruttiva sul disegno di legge collegato sull’agricoltura – prosegue Tiso. Il provvedimento deve ancora prendere forma, ma le priorità messe nero su bianco nella nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza sono un buon punto di partenza. Secondo le indicazioni del ministro delle Politiche agricole Teresa Bellanova, il disegno avrà tra i suoi obiettivi la semplificazione della vita delle imprese agricole, alle prese con procedure burocratiche che sottraggono troppo tempo e risorse; la valorizzazione del Made in Italy e del patrimonio paesaggistico e produttivo; la sostenibilità ambientale e la lotta al caporalato.Siamo solo all’inizio del lavoro, perché si tratta di problemi che gravano da decenni sulla nostra agricoltura. Per tradurre queste priorità in provvedimenti efficaci sarà indispensabile il coinvolgimento e l’ascolto di tutte le parti sociali e delle organizzazioni attive sul territorio. Sarà inoltre essenziale assicurare risorse sufficienti per un’agricoltura ecosostenibile e per investire sui giovani agricoltori.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Val di Pejo dedica una settimana ai suoi agricoltori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 agosto 2019

Peio (TN) Mercati contadini, fattorie didattiche, gare tradizionali, sfilate di mucche fra le vie del borgo, pranzi e cene a tema, visite guidate. Chi vive nei centri urbani sottovaluta troppo spesso quanto sia cruciale l’apporto del mondo contadino per mantenere vivi i territori montani ed evitarne, oltre allo spopolamento, anche la perdita di biodiversità, dei saperi tradizionali e il dissesto idrogeologico. E quanto dalla vitalità nei campi delle aree montane dipenda anche la produzione di molte delle materie prime che finiscono nelle nostre tavole.Per questo, il Comune di Peio in collaborazione con il Consorzio Turistico Pejo 3000 e l’Azienda per il Turismo della Val di Sole, Peio e Rabbi ha deciso di organizzare anche quest’anno dall’8 al 15 settembre prossimi la Festa dell’Agricoltura, inserita nel più ampio Cheese FestiVal di Sole.Il programma che comporrà l’edizione 2019 è davvero fitto: oltre 30 appuntamenti in 7 giorni. “A fare da filo conduttore – spiega Angelo Dalpez, sindaco di Peio – è la volontà di celebrare, nelle forme più diverse, i tradizionali mestieri di montagna. Vogliamo riuscire a trasmettere ai nostri ospiti la cultura e i valori delle nostre genti, attraverso colori, sapori e profumi”.Ogni giorno sono ad esempio previste escursioni fra le malghe alla scoperta sia dei saperi che i contadini si tramandano da generazioni per costruire il corretto rapporto tra uomo e natura, sia dei segreti dell’attività agricola montana: dalla mungitura degli animali alle proprietà delle erbe di alta quota.Due saranno poi gli appuntamenti assolutamente da non perdere. Entrambi nel borgo di Cogolo, nel pomeriggio del 15 settembre: alle 14.30 si terrà la tradizionale Desmalgada. Un appuntamento quasi sacro per le comunità locali perché celebra il ritorno nelle stalle delle mucche, al termine dell’estate. Gli animali vengono quindi fatti sfilare lungo le strade del paese, agghindati a festa con corone di fiori e foglie, accompagnati dalle musiche dal Corpo Bandistico della Val di Pejo.Al termine della sfilata, verrà dato il via al Palio delle Frazioni: appuntamento da non perdere perché permette di scoprire, sotto forma di gioco, la tradizionale vita nelle valli alpine. Nel palio, i concorrenti sfideranno le loro abilità nello svolgere gli antichi mestieri montani: sfalcio dei prati, corsa con i sacchi, segagione e pelatura dei tronchi, palo della cuccagna, tiro alla fune, mungitura delle vacche.Il programma completo della Festa dell’Agricoltura è disponibile sul sito http://www.visitvaldipejo.it/

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Un piano di rilancio per gli agricoltori italiani

Posted by fidest press agency su sabato, 26 gennaio 2019

E’ giunto il momento di dar vita ad una strategia nazionale che, tenendo conto della Pac e del quadro europeo nel quale si muove il comparto agroalimentare, si dia il compito di rilanciare l’agricoltura italiana partendo proprio dalle esigenze degli operatori del settore. Tra gli interventi urgenti – dichiara in una nota il presidente nazionale Confeuro, Andrea Mchele Tiso – vi è senza dubbio quello di ridurre i costi di produzione a carico degli agricoltori (cresciuti del 5,4% nel 2018 – dati ISTAT), ma anche l’elaborazione di quelli utili a sostenere il loro reddito. Come Confeuro rimaniamo convinti della necessità di un piano di rilancio che abbia al centro proprio chi lavora quotidianamente la terra; ed è per questo che insistiamo nel chiedere l’adozione di misure ad hoc e il coinvolgimento dei principali attori del primario nelle scelte politiche. L’agricoltura – conclude Tiso – è stato il comparto che più di tutti ha fatto grande l’Italia, ed è su di essa che bisogna puntare per riportare il Paese lì dov’era un tempo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Codici: gli agricoltori non vengano lasciati soli da governo ed Unione Europea

Posted by fidest press agency su domenica, 9 luglio 2017

agricolturaFar parte dell’Unione Europea si sa, cela “onori ed oneri”, ma quando i secondi superano di gran lunga i primi a danno dei nostri coltivatori ed allevatori e del marchio “Made in Italy” per i prodotti nostrani, allora ecco che si danneggia in modo irreparabile un settore fondamentale dell’economia italiana come quello alimentare, frodando inoltre il consumatore a livello mondiale, essendo destinatario delle nostre esportazioni.
Il CETA, Trattato di libero scambio tra Unione Europea e Canada, sostanzialmente legittimerebbe le imitazioni dei prodotti tipici italiani, ma non solo, autorizzerebbe in Europa anche l’entrata di grano duro e carne a dazio zero.
Esempio eclatante, il Parmigiano italiano esportato in Canada che si troverebbe a competere con l’imitazione, legittimata dal Trattato, del prodotto canadese denominato “Parmesan”.Amara ironia, il loro Parmesan potrà successivamente venire esportato in Italia.Questo è l’intento dei nostri accordi commerciali, mettere in ginocchio una parte della produzione ed economia basata sul settore primario? Coldiretti ha lanciato l’allarme sulla pirateria alimentare contro i nostri prodotti, facendo presente come le denominazioni e traduzioni dei nomi, traggano in inganno il consumatore che pensa di acquistare un prodotto italiano. Si tratta di concorrenza sleale a tutti gli effetti.
Secondo il Dossier della Coldiretti, ben 250 denominazioni di origine (Dop/Igp) italiane riconosciute dall’Unione Europea, non godranno di alcuna tutela sul territorio canadese. I prodotti italiani sono realizzati sulla base di una produzione che viene sottoposta ad un rigido sistema di controllo e rischia di essere invasa da prodotti legittimati ad esserne una imitazione, è un paradosso assurdo.Il rischio è che, qualora questo Trattato venga ratificato dal governo italiano, crei un precedente anche per altri Paesi extra UE, amplificando il danno per i produttori nostrani, senza possibilità di arginarlo.
Italia ed Unione Europea hanno il dovere di difendere prodotti e produzioni uniche al mondo, in quanto non riproducibili, ma solamente imitabili.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Si ai mercati dei piccoli agricoltori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 febbraio 2017

circo-massimoRoma sabato scorso, i piccoli agricoltori del mercato di Campagna Amica del Circo Massimo a Roma hanno dovuto sospendere la loro attività per ordine degli uffici del comune di Roma. I consumatori presenti al mercato hanno inscenato una forte protesta e il vicesindaco di Roma Bergamo è arrivato al mercato rammaricandosi con i cittadini presenti e impegnandosi per una soluzione rapida che consenta di far riprendere la vendita diretta degli agricoltori. «Non riesco a credere – dichiara Alfonso Pecoraro Scanio, già Ministro dell’Agricoltura – che sotto un’Amministrazione a 5 stelle si possa interrompere un’attività amica dei consumatori e alternativa all’agricoltura delle multinazionali degli Ogm. Ho deciso così di lanciare, insieme a Elio Lannutti, presidente Adusbef, e di Rosario Trefiletti, presidente Federconsumatori, una petizione su Change.org per chiedere al Sindaco di Roma un rapido intervento che consenta di evitare questa ingiustizia e scongiurare appetiti e rischi speculativi sulla zona del mercato».«Il presidio – continua Pecoraro Scanio – di un’agricoltura NoOGM, a km zero, amica dell’ambiente e della biodiversità, di vendita diretta dai produttori ai consumatori senza ricarichi speculativi, alternativa alle multinazionali del cibo, rischia di sparire per cavilli burocratici. Un parere legale, firmato dal magistrato Ferdinando Imposimato e depositato in tempo utile, chiariva come le attività dei piccoli agricoltori, che si svolgono solo il sabato e domenica, potessero proseguire anche durante possibili lavori di manutenzione al locale realizzabile nei giorni feriali».
«Il Mercato è una sorta di “monumento dell’agroalimentare” – conclude Alfonso Pecoraro Scanio -. Ha un valore culturale importante per difendere la biodiversità dell’agroalimentare italiano. È un patrimonio storico, fatto di racconti, esperienza e vita vissuta nelle nostre campagne, trasferito ai cittadini, che non può sparire».

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Agenda sindaco di Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 21 dicembre 2010

Roma 20/12/2010 Ore 9.30: Auditorium Parco della Musica, viale Pietro de Coubertin 30 Il sindaco, Gianni ALEMANNO, interviene all’Assemblea nazionale della Confederazione Italiana Agricoltori.
Ore 11: Palazzo dei Congressi, piazzale J. F. Kennedy 1 (Eur) Il sindaco, Gianni ALEMANNO, interviene al I Congresso nazionale del Sindacato Nazionale Forestale.
Ore 12.30: Sala Pietro da Cortona – Musei Capitolini, Campidoglio Il sindaco, Gianni ALEMANNO, insieme all’assessore alle Politiche Educative Scolastiche, della Famiglia e della Gioventù, Laura MARSILIO, interviene alla conferenza stampa di presentazione della XVII edizione del Premio Roma per la Pace e l’Azione Umanitaria, che sarà conferito a Khady KOITA, per il suo impegno in favore della lotta alle mutilazioni genitali femminili. Intervengono Gianluigi DE PALO, presidente del Forum delle Associazioni Familiari del Lazio, Bruno CAGLI, presidente dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Fulvio CONTI, amministratore delegato Enel. Conduce Iole CISNETTO, presidente Fondazione InSé Onlus.
Ore 13: Sala delle Bandiere, Campidoglio Il sindaco, Gianni ALEMANNO, interviene alla presentazione del volume “50 anni di Virtus Roma”, scritto da Gianfranco TOBIA e Luigi FERRAIOLO, in occasione del 50° anniversario della squadra di basket. All’incontro, oltre agli autori, sono presenti anche l’ing. Claudio TOTI, presidente della Virtus; il presidente del Coni, Gianni PETRUCCI; il coach della squadra, Matteo BONICIOLLI; il direttore tecnico, Bogdan TANJEVIC; una rappresentanza della Virtus; giocatori, allenatori e dirigenti del passato.
Ore 15: Sede Ama, via di Porta Cavalleggeri 5 Il sindaco, Gianni ALEMANNO, partecipa alla inaugurazione del Presepe dei Netturbini. Presenti, fra gli altri, il presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, S.E. Card. Gianfranco RAVASI, l’assessore all’Ambiente, Fabio DE LILLO, il presidente dell’Ama, Marco Daniele CLARKE,  e l’amministratore delegato Franco PANZIRONI.
Ore 16.30: Sala Quaroni, Eur Spa – via Ciro il Grande 16 Il sindaco, Gianni ALEMANNO, incontra i Comitati dei cittadini dell’Eur.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Convegno “Agricoltura ed Agricoltori”

Posted by fidest press agency su domenica, 10 ottobre 2010

Ramacca (CT).  24 ottobre a partire dalle ore 18.00, presso l’Auditorium del Centro Policulturale Comunale si terrà il convegno “Agricoltura e agricoltori”, Le problematiche presenti e future dell’agricoltura meridionale”. Ci sarà, inoltre, la presentazione, in anteprima, di AlimenTiAmo 1° Salone Agroalimentare del Mezzogiorno. Si prevede la partecipazione dell’Assessore Regionale alle Risorse Agricole e Alimentari, dirigenti di confederazioni agricole, Sindaci e Assessori al ramo dei Comuni di Ramacca, Palagonia, Scordia, Mineo e Castel di Iudica, del Direttore della Coldiretti Catania, del Vice-Presidente della Cia Catania, professionisti nel settore agroalimentare e della psicologia del lavoro, dei Presidenti Provinciali e locali delle Associazioni di categoria e alcuni dirigenti delle Aziende presenti nel territorio (quali Oranfrizer, Zappala’, Latte Sole, Pavoni, Rapisarda, etc..
L’iniziativa è promossa dal Movimento per il Sud. E’ un’associazione socio-culturale presente in Sicilia, Calabria, Puglia e Roma città che, attraverso un’intensa attività sociale e culturale radicata nel territorio, mira ad edificare progetti concreti di sviluppo per poi presentarli alle istituzioni (od eseguirli se in seno alle istituzioni vi sono rappresentanti del movimento stesso). Noi – precisano i responsabili del Movimento –  non siamo nè di destra, nè di centro, nè di sinistra. Noi siamo del Sud.  Il Movimento per il Sud promuove e sostiene le istanze e le necessità del popolo meridionale in tutte le sedi ed in tutte le forme idonee (culturali, sociali, politiche); in nome della Costituzione italiana e del principio di uguaglianza.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »