Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 289

Posts Tagged ‘agriturismo’

Agricoltura: esenzione rata Imu per l’agriturismo

Posted by fidest press agency su lunedì, 15 giugno 2020

Tra i settori più colpiti dalle misure di contrasto all’epidemia Covid-19 c’è indubbiamente quello turistico-ricettivo, dove sono ricompresi i servizi agrituristici. Un settore sempre in crescita che conta secondo l’ISTAT (2018) 23.615 aziende agrituristiche, con un giro d’affari di 1.393 milioni di euro correnti (+2,5% rispetto al 2017), ma che, a causa dell’emergenza Covid-19, ha subìto un forte calo di prenotazioni, specie da parte degli stranieri (la cui domanda corrisponde al 59% dei pernottamenti complessivi), tanto che le stime ISMEA evidenziano, per il 2020, una perdita complessiva per il settore di circa 970 milioni di euro, pari al 65% del fatturato. Tra le misure messe in atto per il contrasto della crisi economica generata dal virus COVID-19 nel settore agricolo, il Ministero delle Politiche agricole si è attivato per sostenere queste attività connesse al comparto primario.
Accanto a questo strumento, per frenare l’impatto negativo generato dalla contrazione generale dei turisti “è prevista una TAX credit vacanze (art.176), mediante un credito massimo di 500 euro per nucleo familiare (ridotto a 300 euro per i nuclei di due persone e a 150 euro per i nuclei di una sola persona), utilizzabile dal 1° luglio fino al 31 dicembre 2020, in favore delle famiglie con un reddito ISEE non superiore a 40.000 che intendano trascorrere le vacanze – spiega il Sottosegretario alle Politiche Agricole – presso le strutture turistico-ricettive, inclusi gli agriturismo. Il bonus è fruibile, d’intesa con il fornitore del servizio, nella misura dell’80%, come sconto sul corrispettivo dovuto e per il restante 20% come detrazione di imposta. Sempre con il Decreto Rilancio, abbiamo predisposto lo stanziamento di un Fondo per la promozione turistica (art.179) con una dotazione di 20 milioni di euro per il 2020, allo scopo di favorire la ripresa dei flussi turistici in ambito nazionale. Infine – conclude Giuseppe L’Abbate – ai soggetti esercenti attività d’impresa spetta anche un credito d’imposta in misura del 60% dell’ammontare mensile del canone di locazione di immobili a uso non abitativo (art.28), bonus che per le strutture alberghiere e agrituristiche è riconosciuto indipendentemente dal volume di affari registrato nel periodo d’imposta precedente”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riaprire agriturismo

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 aprile 2020

“Chiediamo al governo la riapertura di tutti gli agriturismo che possiedono grandi spazi e che quindi possano garantire l’applicazione delle attuali misure di distanziamento anticontagio. Gli agriturismo, perfetto esempio di multifunzionalità dell’impresa agricola e spesso un prezioso reddito integrativo per la stessa, oggi sono ad entrata zero. In particolar dove non è possibile l’agricoltura estensiva, queste attività costituiscono una fonte di reddito importante per gli imprenditori agricoli. Per questo motivo chiediamo che tutti gli agriturismo dove sussistano i requisti anticontagio possano riaprire il prima possibile”.È quanto ha dichiarato il deputato di Fratelli d’Italia responsabile del settore eccellenze italiane, Luca De Carlo.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Agriturismi: +7% in un anno la domanda per l’estate

Posted by fidest press agency su domenica, 7 luglio 2019

Agriturismo.it ha analizzato i dati relativi all’andamento delle prenotazioni nel periodo estivo, scoprendo che la domanda di queste strutture nella stagione calda è in aumento del 7% rispetto all’anno scorso. Il 54% delle richieste di soggiorni proviene dagli utenti italiani, mentre il restante 46% della domanda arriva dall’estero.La Toscana è la regione preferita da chi sceglie di trascorrere l’estate in agriturismo. E si conferma anche la più cara: un soggiorno in una delle strutture di questo territorio per quattro persone costa in media 121 euro a notte, contro i 72 euro della media nazionale. Guardando alle preferenze esclusivamente dell’utenza straniera, oltre alla Toscana sono richiestissime anche Trentino Alto Adige e Veneto, mentre spicca il crescente interesse dei turisti inglesi per la Sicilia.In estate, periodo di soggiorni più lunghi rispetto al resto dell’anno, gli agriturismi diventano non solo luogo di relax, dove godersi natura e buon cibo, ma strutture dove cimentarsi anche in sport estremi e attività per tutta la famiglia.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Agriturismo: vacanze all’insegna della natura?

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 giugno 2018

La vacanza in agriturismo evoca momenti lontani dalla vita frenetica di tutti i giorni, in armonia con la natura e distanti da ogni fonte di stress. Eppure, da un’indagine condotta da Agriturismo.it (https://www.agriturismo.it), portale leader in Italia per questo settore ricettivo, è emerso che gli italiani si confermano iperconnessi persino in vacanza.
La ricerca è partita con l’obiettivo di indagare le abitudini degli ospiti in agriturismo e oltre il 46% dei gestori ha dichiarato che sono proprio gli italiani quelli che trascorrono la maggior parte del tempo a lavorare al pc durante il soggiorno. Al secondo posto, ma ben distanti da questa percentuale, con il 18% delle risposte sono i tedeschi i secondi sul podio degli stakanovisti in vacanza, seguiti dagli americani (16%). Chi invece riesce a staccare la spina dagli impegni lavorativi sono gli spagnoli e i francesi, indicati come quelli che trascorrono meno tempo di tutti al pc.
L’analisi ha confermato che gli italiani sono anche i più cellulare-dipendenti, opinione condivisa da oltre il 76% dei proprietari degli agriturismi che vedono sempre i nostri connazionali a capo chino sui loro device mobili. In vacanza sono invece spagnoli, inglesi e francesi i turisti che abbandonano i cellulari per dedicarsi all’esperienza in agriturismo.E non solo gli italiani sono quelli che trascorrono più tempo al computer o con il loro smartphone, i gestori che hanno risposto all’indagine li hanno indicati anche come i più pigri: il 58% dei rispondenti ha dichiarato che sono proprio loro quelli che richiedono più spesso di avere la colazione oltre gli orari indicati dal servizio. Di contro sono gli americani i più mattinieri seguiti, a sorpresa, dagli spagnoli e, a pari merito, dagli inglesi.
Spesso chi prenota una vacanza in agriturismo approfitta dell’immersione nella natura per fare sport all’aria aperta, grazie ai lunghi sentieri per le camminate, alle piscine o agli spazi esterni dedicati a yoga e ginnastica. L’indagine ha chiesto ai proprietari degli agriturismi la nazionalità dei loro ospiti più sportivi e oltre il 63% di loro ha indicato i tedeschi, seguiti dagli italiani (14%) e dagli americani (5%).
Ma la vacanza in agriturismo non è solo campagna, relax e sport… uno degli elementi più importanti che la caratterizzano è infatti il cibo. Secondo gli oltre 200 proprietari intervistati, sono i tedeschi i turisti più interessati a conoscere le tradizioni culinarie della zona in cui si trovano (38%), insieme agli americani (23%) e agli italiani che, con il 20% delle risposte si confermano delle buone forchette. I tedeschi sono anche gli ospiti che trascorrono più tempo nelle strutture: secondo il 47% dei gestori infatti chi arriva dalla Germania non sceglie l’agriturismo come semplice punto d’appoggio per la propria vacanza in Italia, ma ama trascorrervi le giornate, nelle sale comuni, in piscina o partecipando alla vita della campagna. Di contro, sono i francesi quelli che utilizzano la struttura come base per la sola notte e che si allontanano più spesso, alla scoperta di altre attrazioni al di fuori dell’agriturismo.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Agriturismo. Attenzione alle fregature!

Posted by fidest press agency su domenica, 22 aprile 2018

L’agriturismo torna auge in occasione dei prossimi “ponti”, ma attenzione alle fregature! I furbi, come al solito, non sono pochi e sotto le mentite spoglie di una struttura agrituristica si cela il semplice ristorante in campagna. Vediamo di capire.
L’agriturismo e’ un’attivita’ complementare rispetto a quella propriamente agricola, vale a dire che l’agricoltore integra le entrate derivanti dalla propria attivita’ di conduzione del fondo (che deve essere preminente, a differenza di quella relativa al turismo rurale e all’ecoturismo che non prevedono tale obbligo) con l’offerta di vitto e/o alloggio. La ristorazione prevede la somministrazione di pasti e bevande ricavati prevalentemente dalle materie prime dell’azienda e della zona. Un’ottima iniziativa, prevista dalla normativa nazionale e da quelle attuative regionali, che ha lo scopo di valorizzare i prodotti locali e nel contempo fornire un’ulteriore fonte di reddito per l’agricoltore. Per questo, oltre ai tradizionali sostegni all’agricoltura, le aziende agrituristiche ricevono finanziamenti pubblici aggiuntivi e facilitazioni (deroghe urbanistiche e sanitarie, formazione, promozione, ecc.), destinati a sostenere questa benemerita attivita’. Insomma il consumatore nel
momento in cui siede a tavola ha gia’ dato un contributo, con le proprie tasse, allo sviluppo dell’azienda agrituristica e vorrebbe tranquillamente gustare i “prodotti del contadino”. Succede a volte che le materie prime non siano “prevalentemente ricavate2 dall’attivita’ del podere. Come distinguere dunque un agriturismo vero da uno fasullo? Qui di seguito alcune domande da fare prima di prenotare.
* chiedere l’estensione della azienda: un agriturismo non puo’ avere, per esempio, un solo ettaro di terra per fornire i propri alimenti.
* chiedere quanti posti ci sono nel ristorante: un agriturismo non puo’ avere 200 coperti!
* chiedere quali materie prime produce l’azienda: se c’e’ solo l’orto, di proprio al massimo possono fornire il rosmarino!
* chiedere se nelle vicinanze esistono impianti industriali, autostrade o grandi citta’: l’aria pulita dovrebbe essere una condizione essenziale da esigere.
* chiedere il prezzo: come gia’ detto, un contributo con le nostre tasse l’abbiamo dato. Riteniamo equo un costo medio di 40 euro a persona a notte, compresa la prima colazione (con prodotti locali e non con i dolci industriali!).
* chiedere un depliant dell’azienda o visitarne il sito internet: sapere dove si va evita delusioni! (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Natale in agriturismo

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 dicembre 2016

agriturismoCostante anche nel 2016 il trend in positivo del settore dell’agriturismo registrato negli ultimi anni, sia per il numero di strutture sia per le presenze (fonte ISTAT ottobre 2016). Le aziende agrituristiche italiane autorizzate nel 2016 sono state 22.238, 494 in più rispetto all’anno precedente (+2,3%).Le presenze dei clienti negli agriturismi italiani ammonta a 11,3 milioni (+4,9% rispetto al 2014), come emerge dall’indagine Istat sul movimento dei clienti negli esercizi ricettivi. Viene confermata anche nel 2016 la tendenza a diversificare i servizi proponendo pacchetti turistici integrati: 8.162 aziende svolgono contemporaneamente attività di alloggio e ristorazione, 10.440 offrono oltre all’alloggio altre attività agrituristiche e 1.707 svolgono tutte le tipologie di attività agrituristiche autorizzate (alloggio, ristorazione, degustazione, ecc.). L’83,9% delle aziende agrituristiche è situato in aree montane e collinari, il restante 16,1% è localizzato in pianura.La crescita del numero di agriturismi è più vivace nel Centro del Paese (+5,1%) rispetto al Nord (+1,7%), mentre nel Mezzogiorno si registra un calo (-1,1%). Più di un’azienda agrituristica su tre (36,1%), è a conduzione femminile.
Ma venendo alla Lombardia, secondo una indagine di Agriturist Lombardia, basata sul monitoraggio dei visitatori del proprio portale internet, dal 15 ottobre al 15 dicembre, la domanda di agriturismo per il periodo di Capodanno (30 dicembre 2016 – 2 gennaio 2017), si è presentata in crescita del 12% rispetto all’anno scorso. Questi i numeri delle aziende agrituristiche lombarde che offrono alloggio: circa 12.000 ospiti soprattutto per due o tre notti, e circa 60.000 a tavola per il cenone di San Silvestro.Si tratta di un risultato senz’altro positivo – commenta Gianluigi Vimercati, presidente di Agriturist Lombardia – che dimostra come l’accoglienza negli agriturismi, grazie al calore, alla tradizione e alla qualità dei prodotti e dei servizi offerti, siano la chiave vincente per un’attività in costante crescita. Invitiamo pertanto tutti a trascorrere il Capodanno in agriturismo, per cogliere questi aspetti e per riscoprire il sapore della famiglia e dei sapori di qualità”.La corsa alla prenotazione dell’agriturismo per Capodanno, secondo i dati rilevati sempre dal portale, è cominciata a metà ottobre, con un mese di anticipo rispetto allo scorso anno. Fra le richieste registrate, nettamente prevalente la scelta di aziende con ristorante che preparano il tradizionale cenone di San Silvestro, e di soluzioni di ospitalità particolarmente economiche, soprattutto per gruppi che vogliono avere a disposizione un intero casolare e cucinare da sé. E’ tuttavia crescente anche la domanda di agriturismi “di charme”, più costosi, con accoglienza in edifici storici, e di agriturismi che organizzano escursioni a cavallo.
I prezzi non hanno subito significative variazioni rispetto allo scorso anno: tre notti con servizio di mezza pensione, incluso cenone, vanno generalmente dai 210 ai 360 euro a persona. Il solo alloggio con prima colazione varia, in media, dai 50 ai 70 euro a persona per notte. Condizioni più favorevoli per gli appartamenti autonomi di grandi dimensioni, ideali per accogliere gruppi di 8-12 persone.
Punto di forza dell’agriturismo per Capodanno è stata indubbiamente l’offerta enogastronomica, caratterizzata da una straordinaria varietà di ricette locali, e addirittura familiari, spesso inedite, preparate con abbondante impiego di prodotti propri o tipici della zona. (foto: agriturismo)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

In Italia i 5 milioni di agrituristi valgono oltre un miliardo di euro

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 dicembre 2015

agriturismoMilano sabato 23 e domenica 24 gennaio ore 10-19 Parco esposizioni Novegro è a pagamento – Prevendita on line € 6 – Scaricando il Buono Sconto dal sito Internet € 7 – Prezzo intero € 10. L’ingresso è gratuito per i bambini da 0 a 10 anni. http://www.agriturismoinfiera.it. In Italia gli agrituristi valgono più di un miliardo di euro, sono oltre 5 milioni e la maggior parte di loro sceglie la struttura per l’ospitalità familiare (45,2%) e la buona cucina (24,2%). L’agriturista tipo ha tra i 35 e i 65 anni, è sposato (l’87%) e parte o in coppia o in famiglia (il 75,8% ha uno o più figli). In Italia oggi sono presenti oltre 21 mila agriturismi (21744), il 4,1% in più rispetto al 2013.
I dati sono forniti da Agriturismo.it, dalla ricerca di Nextplora e dall’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo.L’agriturista cosa cerca? Ama rilassarsi e degustare i prodotti tipici ma allo stesso tempo visitare attrazioni naturalistiche o storiche nei dintorni. Tre milioni e 500 mila hanno soggiornato negli ultimi 12 mesi e tra questi, dato importante, l’86% si ritiene soddisfatto e vuole ripetere l’esperienza. La regione italiana più ambita sia per l’italiano che per lo straniero rimane la Toscana con il 54%, seguita dall’Umbria con il 34%, poi troviamo il Veneto e la Sicilia con il 20% e il Friuli Venezia Giulia con il 14%.L’87% degli agrituristi provengono dall’Europa, tra cui il 35% dalla Germania, il 12% dal Belgio e dall’Olanda e l’8% dal Regno Unito.
Dato certo è che l’italiano ama molto viaggiare in Italia scegliendo una vacanza sicura, vicino casa, in una zona tranquilla tra il mare, la montagna, la collina alla ricerca della sobrietà e della tranquillità.Per quanto riguarda la crisi, il 61% degli agrituristi italiani dichiara di aver sentito l’influenza negativa sulle loro vacanze, contro il 68% del 2014.Tutt’altro scenario per gli agrituristi stranieri: ben l’80% dichiara che la crisi non ha inciso in alcun modo sulle loro vacanze.Secondo l’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo 2015, tra gli strumenti digitali più usati per poter scegliere la vacanza giusta, si trovano le recensioni, i commenti letti online e gli articoli specializzati in viaggi. Per quanto riguarda l’ispirazione offline invece sono molto influenti i consigli di amici e parenti e la nostalgia delle vacanze passate.E’ su questi dati che sta per aprire i battenti la quarta edizione di Agriturismoinfiera, la rassegna dedicata alle aziende agrituristiche italiane che si terrà a Milano il 24 e il 25 gennaio 2016 presso il Parco delle Esposizioni di Novegro.
Oltre 300 strutture provenienti da tutte le regioni si raduneranno per mettere in mostra la propria offerta, e non si tratterà solo di ricezione turistica ma si assaporerà la campagna con tutti i suoi sapori e profumi. Oltre alle attività ludo-didattiche per i giovani visitatori sono previste vere e proprie full immersion nel mondo della vita a tutto green.
Per i più grandi l’imperdibile opportunità di trascorrere giornate immersi interamente nella natura, di assaggiare e acquistare i prodotti tipici regionali, scoprire segreti e bellezze delle terre del nostro territorio. Il tutto tra cucina, sapori tradizionali e tanto divertimento. Agriturismoinfiera è un’opportunità da non perdere per tutta la famiglia, conoscere e scegliere il soggiorno giusto per chi vuole staccare dalla vita frenetica della città e calarsi nella tranquillità di casolari circondati dal verde delle regioni più belle d’Italia.
L’esperienza di vivere due giorni in campagna: un tuffo nella vita semplice a contatto con la natura, circondati da terra fertile che aspetta solo di essere seminata, frutta da cogliere, odori e sapori genuini dei cibi fatti in casa, suoni così diversi da quelli cittadini. Un rapporto diverso e “vero” anche con gli animali che vanno nutriti, curati, accuditi e scegliere direttamente i servizi di oltre 300 agriturismi per poter così pianificare la prossima vacanza. Scopo della manifestazione è quello di valorizzare il territorio nazionale, le strutture agrituristiche ad esso connesse e il rapporto con l’ambiente e la natura. I proprietari degli agriturismi che espongono possono trasmettere di persona ai visitatori l’amore e la passione che impegnano nel curare le loro strutture e invitarli a trascorrere una vacanza presso il loro agriturismo.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

“Tancré sotto le stelle”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 luglio 2015

TancréPalermo in via Falzone (piazza Inserra), sfida la canicola serale venerdì 24 luglio alle 20,30 nel corso del nuovo appuntamento con la rassegna “Tancrè sotto le stelle”. Il pubblico potrà visitare lo spazio grande tre ettari, vedendo le stalle con gli animali e trascorrendo la serata sotto i secolari alberi d’ulivo, godendo dei sapori dell’aperitivo a base di pesce e pane di Tumminia macinato a pietra. La serata sarà inoltre allietata dall’accompagnamento musicale di un dj che alternerà brani rock e jazz dagli anni Settanta a oggi. Gli eventi del Tancrè continueranno anche nei venerdì successivi.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“In agriturismo con Le Morgane”

Posted by fidest press agency su martedì, 14 luglio 2015

le morganePalermo venerdì 17 luglio alle 20,30 all’agriturismo e bed and breakfast Al Tancrè in via Gaetano Falzone a Palermo. Un concerto che inaugura il ciclo di serate del venerdì del locale intitolate “Tancré sotto le stelle”. Alessandra Ponente, Cinzia Gargano e Barbara Tutrone, accompagnate dal chitarrista Piero Compagno, snoccioleranno un gran numero di canzoni italiane e straniere sfoggiando la particolarità delle loro voci in sincrono, con tanto di beatbox abbinata alla capacità di tenere il ritmo con strumenti come le marakas e il kazoo. L’ingresso è gratuito. (foto Le morgane)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Agriturismo. attenzione alle fregature!

Posted by fidest press agency su domenica, 29 aprile 2012

Italiano: agriturismo English: agritourism

Italiano: agriturismo English: agritourism (Photo credit: Wikipedia)

L’agriturismo torna in auge per questi ponti primaverili ma attenzione alle fregature! I furbi, come al solito, non sono pochi e sotto le mentite spoglie di una struttura agrituristica si cela il semplice ristorante in campagna. Vediamo di capire.
L’agriturismo e’ un’ attivita’ complementare rispetto a quella propriamente agricola, vale a dire che l’agricoltore integra le entrate derivanti dalla propria attivita’ di conduzione del fondo (che deve essere preminente, a differenza di quella relativa al turismo rurale e all’ecoturismo che non prevedono tale obbligo) con l’offerta di vitto e/o alloggio. La ristorazione prevede la somministrazione di pasti e bevande ricavati prevalentemente dalle materie prime dell’azienda e della zona. Un’ottima iniziativa, prevista dalla normativa nazionale e da quelle attuative regionali, che ha lo scopo di valorizzare i prodotti locali e nel contempo fornire un’ulteriore fonte di reddito per l’agricoltore. Per questo, oltre ai tradizionali sostegni all’agricoltura, le aziende agrituristiche ricevono finanziamenti pubblici aggiuntivi e facilitazioni (deroghe urbanistiche e sanitarie, formazione, promozione, ecc.), destinati a sostenere questa benemerita attivita’. Insomma il consumatore nel momento in cui siede a tavola ha gia’ dato un contributo, con le proprie tasse, allo sviluppo dell’azienda agrituristica e vorrebbe tranquillamente gustare i “prodotti del contadino”. Succede a volte che le materie prime non siano… “prevalentemente ricavate” dall’attivita’ del podere. Come distinguere dunque un agriturismo vero da uno fasullo? Qui di seguito alcune domande da fare prima di prenotare.
* chiedere l’estensione della azienda: un agriturismo non puo’ avere, per esempio, un solo ettaro di terra per fornire i propri alimenti.
* chiedere quanti posti ci sono nel ristorante: un agriturismo non puo’ avere 200 coperti!
* chiedere quali materie prime produce l’azienda: se c’e’ solo l’orto, di proprio al massimo possono fornire il rosmarino!
* chiedere se nelle vicinanze esistono impianti industriali, autostrade o grandi citta’: l’aria pulita dovrebbe essere una condizione essenziale da esigere.
* chiedere il prezzo: come gia’ detto, un contributo con le nostre tasse l’abbiamo dato. Riteniamo equo un costo medio di 40 euro a persona a notte, compresa la prima colazione (con prodotti locali e non con i dolci industriali!).
* chiedere un depliant dell’azienda o visitarne il sito Internet: sapere dove si va evita delusioni! (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tra la gastronomia del Fino e le note di Gershwin

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 luglio 2011

Città Sant’Angelo (Pe) 14 luglio una delle consuete cene a tema di Ekk Ristorante Cantina Santangelo proporrà una formula un po’ particolare. Per “A tavola con la gastronomia tipica dell’alta valle del Fino” saranno infatti coinvolte quattro realtà del Teramano: l’agriturismo “La loggia antica” di Arsita, il ristorante “L’amicizia” e l’agriturismo “Villa Chiara” di Bisenti ed Ezio Centini, il noto cioccolatiere di Bisenti. Insieme proporranno, a partire dalle 20,30, le specialità dell’alta valle del Fino, come peperoni con le uova e crostino con il tartufo estivo, fegatini di agnello, coatto di pecora, la Molinara, le fregnacce, l’agnello porchettato con le patate e la pizza dolce. In abbinamento non potevano mancare i vini Montonico, Montepulciano e vino cotto (info e prenotazioni 085-9153083).
Lunedì 18 luglio invece sarà ripetuta la formula vincente dell’evento nel Garden, già inaugurata sabato scorso: un “Concerto tra fiori e stelle” ad ingresso libero accoglierà tutti nel vivaio di Febo Garden a partire dalle 21. I pianisti Roberto Rega e Gennaro Partenza, con Michele Ciamponi alle percussioni, eseguiranno le famose Rapsodia in blu e il Concerto in Fa del compositore e pianista George Gershwin tra stelle, fiori e candele.
Città Sant’Angelo è un comune italiano di 14.196 abitanti della provincia di Pescara in Abruzzo. Appartiene al club dei Borghi più belli d’Italia

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Ponte” in agriturismo

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 giugno 2011

Non saranno solo gli italiani a festeggiare il 2 giugno, giornata della Repubblica, e ad affollare gli agriturismi delle due province di Novara e Vco per il lungo “ponte” che durerà fino a domenica: le strutture presenti sul territorio (in particolare nella zona dei laghi e delle alpi) attendono infatti anche una nutrita affluenza della vicina Svizzera, che il 2 giugno (giovedì) festeggiano con un giorno di vacanza l’Ascensione (in tutti i cantoni della Confederazione Elvetica) e che, domenica 5, si concederanno il tradizionale pranzo per la locale “festa del papà”. A confortare le aspettative sono anche i dati nazionali che preannunciano una crescita complessiva degli italiani in vacanza del 3 per cento rispetto allo scorso anno, quando la festa era collocata a metà settimana. In totale, le previsioni agrituristiche di Terranostra, stimano in 375mila le presenze negli agriturismi del Bel Paese per il ponte del 2 giugno, con un aumento del 20 per cento rispetto allo scorso anno. I diciannovemila agriturismi italiani beneficiano della crescita del turismo verde nei parchi, oasi e nelle campagna dove – sottolinea la Coldiretti – sono peraltro particolarmente apprezzate le offerte enogastronomiche. Se infatti la buona tavola è una delle ragioni principali per scegliere l’agriturismo, sono sempre più spesso offerti programmi ricreativi come l’equitazione, il tiro con l’arco, il trekking mentre in quasi la metà – continua la Coldiretti – ma non mancano attività culturali come la visita di percorsi archeologici o naturalistici. Quasi la metà degli agriturismi inoltre viene incontro anche alle esigenze di chi ama portare con sè gli animali in vacanza. Su un totale di 19.019 aziende agrituristiche 15.681 offrono alloggio, 9.335 ristorazione, 3.400 degustazioni e ben 10.583 altre attività tra le quali prevalgono quelle escursionistiche, quelle sportive, corsi di degustazione, centri benessere, osservazioni naturalistiche, equitazione trekking e mountain bike. La novità dell’estate 2011 è la presenza di moltissime fattorie didattiche che aderiscono al progetto “Educazione alla Campagna Amica” riconosciute dalle regioni e censite dalla Coldiretti (13 sono presenti anche nel territorio delle nostre due province, dalla pianura novarese fino alle alpi ossolane) che possono offrire lezioni in campagna ad oltre un milione di bambini, a partire dalle semine di primavera fino alla vendemmia dell’autunno. Un boom di richieste si sta registrando per questa nuova esperienza delle “gite” in campagna nelle fattorie didattiche, ma anche per quella dei campi scuola e delle vacanze verdi per i più piccoli.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Piemonte: nuova legge agriturismo

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 marzo 2011

Nelle due province di Novara e del Vco le attività agrituristiche costituiscono un’importante forma di sviluppo dell’agricoltura e rappresentano altresì un’importante valore aggiunto per un territorio naturalmente vocato verso un turismo che sposa natura, ambiente e storia”. Con queste premesse, il direttore della Coldiretti interprovinciale Francesco Renzoni evidenzia “con quanta attenzione il nostro comprensorio rurale guarda alle proposte per una nuova legge regionale sugli agriturismi, in merito alla quale si distingue il fondamentale contributo propositivo da parte di Terranostra, la realtà che si occupa di agriturismo in seno alla Coldiretti”. E proprio a riguardo della legge che interesserà gli agriturismi, si è svolto nei giorni scorsi un nuovo incontro in Regione con il presidente della terza Commissione Consiliare Lavoro e attività produttive, Gian Luca Vignale, incaricato dai diversi assessorati competenti per la prima stesura del documento. Per Terranostra Coldiretti, erano presenti il presidente regionale Franco Pigino e il segretario regionale Paolo Marengo.  Dall’incontro, è emerso un dato particolarmente significativo, ovvero che la legge regionale non sarà esclusivamente dedicata all’attività agrituristica, ma interesserà anche le attività connesse all’agricoltura. Conclude il presidente piemontese di Terranostra Pigino: “Riteniamo positivo l’incontro in Regione, per la buona disponibilità con cui sono state accolte le istanze elaborate e proposte dal Consiglio Regionale di Terranostra. Ora bisognerà trarre le ultime conclusioni e poi attendere il vaglio degli assessorati competenti, dopodiché proseguirà l’iter per l’approvazione della legge”.  Una legge che toccherà molto da vicino un territorio come quello del Novarese e del Vico in cui l’agricoltura ed il turismo si devono rapportare sempre più con uno scenario internazionale turistico in cui cresce l’attenzione per la terra e i prodotti di tradizione.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Agriturismo di successo

Posted by fidest press agency su lunedì, 31 gennaio 2011

Un  fenomeno tutto italiano che offre ospitalità di pregio attraverso ventimila aziende monitorate dall’Osservatorio nazionale dell’agriturismo. Un miliardo di euro il fatturato del settore in costante crescita che punta all’estero per acquisire nuove fette di mercato.
La domanda europea di “turismo in campagna” è in crescita e sono necessarie risposte organizzative da parte dei sistemi turistici a livello nazionale e locale per sviluppare ulteriormente un comparto che si basa sull’offerta di ventimila aziende agricole che offrono ospitalità e soggiorni di pregio in tutta Italia.
L’iniziativa, promossa da AgrieTour aveva come obiettivo quello di riflettere sulle prospettive di un settore importante che può compiere importanti investimenti in attrezzature di pregio esposte nell’ambito del salone che, oltre al comparto della balneazione ospita anche quelli dell’outdoor  e del termalismo.
È un modello di turismo unico, che interessa tutta l’Italia e che è destinato ad essera apprezzato anche all’estero se la cosiddetta vacanza rurale sarà offerta in strutture che rispondono ad una precisa classificazione che permette di definire la qualità dei servizi dei singoli agriturismi e dell’ospitalità che ciascuno è in grado di offrire, come ha sostenuto Carlo Hausmann dell’Osservatorio nazionale dell’agriturismo, che ha parlato delle dinamiche dell’offerta dell’agriturismo italiano ormai orientato verso la qualità da dimostrare un metodo di classificazione nazionale già adottato per gli alberghi.
L’intervento che ha caratterizzato l’appuntamento per l’ufficialità delle informazioni fornite, è stato quello di Nicola De Felice, dirigente del Ministero delle politiche agricole e forestali ( al quale fanno capo le strutture classificate come Agriturismo) il quale ha anticipato che, già nei prossimi mesi, il ministero, in attuazione alla normativa che dovrebbe essere licenziata a breve dalla Conferenza Stato regioni realizzerà un data base che conterrà le informazioni di tutte le strutture italiane che operano nel settore.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Voglia di agriturismo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 luglio 2010

La voglia di natura, di aria pulita e di cibi genuini ha conquistato gli italiani, e non solo, e ha fatto decollare una formula che incontra sempre piu’ successo. I dati 2009 parlano chiaro: 19mila aziende agrituristiche, 192mila posti letto e 2,7 milioni di arrivi. Tutto bene dunque? Ci permettiamo qualche dubbio per i servizi e soprattutto per la ristorazione. L’agriturismo e’ un’ attivita’ complementare rispetto a quella propriamente agricola, vale a dire che l’agricoltore integra le entrate derivanti dalla propria attività di conduzione del podere con l’offerta di  vitto e/o alloggio. La ristorazione prevede la somministrazione di pasti e bevande ricavati prevalentemente dalle materie prime dell’azienda e da prodotti di aziende agricole della zona. Un’ottima iniziativa, prevista dalla normativa nazionale  e da quelle attuative regionali, che ha lo scopo di valorizzare i prodotti locali e nel contempo fornire un’ulteriore fonte di reddito per l’agricoltore. Per questo, oltre ai tradizionali sostegni all’agricoltura, le aziende agrituristiche ricevono finanziamenti pubblici aggiuntivi e facilitazioni (deroghe urbanistiche e sanitarie, formazione, promozione, ecc.), destinati a sostenere questa benemerita attivita’. Insomma il consumatore nel momento in cui siede a tavola ha gia’ dato un contributo, con le proprie tasse, allo sviluppo dell’azienda agrituristica e vorrebbe tranquillamente gustare i “prodotti del contadino”. Succede, a volte, che le materie prime non siano… “prevalentemente ricavate” dall’attivita’ del podere e di quelli di zona e che ci si trovi di fronte ad un comune ristorante di campagna. Al consumatore consigliamo di chiedere informazioni sui “prodotti del contadino” e alle Regioni e Province, che hanno compiti in materia, una verifica dell’attivita’ delle aziende agrituristiche per evitare che un promettente settore venga travolto, tra qualche anno, dai soliti scandali dei soliti furbi. (Primo Mastrantoni, segretario dell’Aduc)

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’agriturismo regionale in 118 pagine

Posted by fidest press agency su domenica, 29 novembre 2009

Udine Presentata alla Cciaa la 2a edizione della guida “Agriturismo Vino e Sapori”, realizzata da Agriturist Fvg con la collaborazione di Confagricoltura Udine Centodiciotto pagine, ricche di notizie e fotografie su una sessantina di aziende agricole e agrituristiche dislocate in tutto il territorio regionale. È un vero e proprio viaggio alla scoperta del turismo rurale la seconda edizione di “Agriturismo Vino e Sapori”, la guida tascabile realizzata da Agriturist Fvg grazie al partenariato e al sostegno della Camera di Commercio di Udine e della Provincia e presentata stamattina (giovedì 26 novembre) nella sede dell’ente camerale. Tradotto anche in inglese e tedesco, il pratico e accattivante vademecum accompagna il lettore lungo un percorso attraverso gli agriturismi e le aziende agricole che vendono vino e prodotti tipici in provincia di Udine (45 realtà recensite), Gorizia (8) e Pordenone (6). Le aziende raccolte nella guida sono «strutture dalla lunga e affermata storia – ha spiegato Alessandra da Porto, presidente di Agriturist Fvg, evidenziando i contenuti del volume e alcuni dati sull’andamento dei flussi turistici negli agriturismi regionali (oltre 31mila arrivi, corrispondenti a 90mila presenze al 31 agosto 2009, secondo i dati di Turismo Fvg) –, ma anche piccole aziende familiari nate da poco, accomunate dallo stesso denominatore, la qualità dell’accoglienza e la passione dei gestori. Grazie alle schede dettagliate, inoltre, è possibile avere informazioni sui tanti servizi offerti: il tutto, corredato da una mappa del Friuli Venezia Giulia, che rende più immediata l’individuazione delle strutture». Nel 2009, la prima edizione di “Agriturismo Vino e Sapori” (ristampata due volte per complessive 25mila copie) è stata distribuita in oltre 20 eventi fieristici nazionali ed esteri, grazie alla collaborazione con l’Agenzia Turismo Fvg.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vita di campagna

Posted by fidest press agency su domenica, 16 agosto 2009

L’agriturismo tra il vecchio ed il nuovo di Riccardo Alfonso, edizioni Fidest. Scrive il cittadino Mauriac pensando alla campagna: “Ciò che spaventa della vita in campagna è quell’essere esposti senza riparo alla pioggia, al fango, alla neve, alla notte. La vita di città sfugge ai fenomeni atmosferici. Il suo ritmo non dipende dalla meteorologia. In campagna, preda del maltempo, il cittadino scopre di essere un animale inadatto a vivere. Come vivere? Come potrà resistere il pensiero, diciamo la coscienza, su questo globo inondato, ghiacciato, tenebroso?” Sono parole che, qualche anno fa, faceva sorridere ai cittadini che si tuffavano nella vita di campagna, quindici giorni all’anno e d’estate o al più a giugno o a settembre. Ora un po’ meno considerato che l’agriturismo ha avuto una certa evoluzione recettiva ed incomincia ad adattarsi alle comodità cittadine: piscine, campi di tennis, sauna ecc. E’ un peccato. Bernardelli ci ricorda che il tempo della campagna è quella della vita nascosta: ci ha insegnato a crescere, ci ha insegnato a conoscere noi stessi. Nella nostra anima di adolescenti segregati, mortificati, pensosi ha ammesso il senso misterioso della durata, il fremito inavvertito dei grandi paesaggi, la delicatezza della meditazione e ci ha preparati a morire.” E’ la memoria – per Bernardelli – il sussurro della cima di un albero, un’ombra di nuvole nel cielo del mattino, è lo struggimento di quell’esistenza di allora, piena di affanno, di desiderio, di rinuncia. La campagna è come una malattia, isola il fanciullo e l’artista in una solitudine miracolosa. Dobbiamo avere anche di questa “percezione” un amaro rimpianto?

Posted in Fidest - interviste/by Fidest | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nati sull’Isola tiberina

Posted by fidest press agency su lunedì, 20 luglio 2009

Roma 20 luglio un grande evento in onore dei “Nati sull’Isola tiberina” ospite d’eccezione il regista Enrico Vanzina  con una serata speciale pensata per celebrare tutti coloro che sono nati sull’Isola di Roma, “Nati sull’Isola – Io sono nato dove è nata Roma”.  Alle 21.00 il pubblico verrà accolto da un breve concerto a cura della Banda della  Polizia Municipale di Roma. Al termine, dopo il saluto degli ospiti, tra i “nati sull’Isola Tiberina” presenti verrà estratto a sorte  un premio speciale offerto da Turicam, un week end per due persone nell’Agriturismo Selvicolle a Macerata nelle Marche.  Per l’occasione, alle 22.15 circa, verrà proiettato il film cult di Steno che in oltre 30 anni ha generato centinaia di migliaia di fan, Febbre da cavallo con Gigi Proietti, Enrico Montesano, Francesco De Rosa, Adolfo Celi, Catherine Spaak, Mario Carotenuto, Gigi Ballista ed Ennio Antonelli. Ospite d’onore della serata il regista Enrico Vanzina figlio dell’indimenticato regista e coautore del film insieme ad Alfredo Giannetti.  http://www.isoladelcinema.com

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Agriturismo: sarà vero?

Posted by fidest press agency su sabato, 11 aprile 2009

Un vero e proprio boom per l’agriturismo soprattutto in queste vacanze pasquali. La voglia di natura, di aria pulita e di cibi genuini ha conquistato gli italiani, e non solo, e ha fatto decollare una formula che incontra sempre piu’ successo. I dati 2009 parlano chiaro: 18mila aziende agrituristiche, 190mila posti letto; previste 160mila persone per il pernottamento e 900mila pasti. Tutto bene dunque? Ci permettiamo qualche dubbio  per i servizi e soprattutto per la ristorazione. L’agriturismo e’ un’ attivita’ complementare rispetto a quella propriamente agricola, vale a dire che l’agricoltore integra le entrate derivanti dalla propria attivita’ di conduzione del fondo (che deve essere preminente, a differenza di quella relativa al turismo rurale e all’ecoturismo che non prevedono tale obbligo) con l’offerta di  vitto e/o alloggio. La ristorazione prevede la somministrazione di pasti e bevande ricavati prevalentemente dalle materie prime dell’azienda. Un’ottima iniziativa, previstadalla normativa nazionale e da quelle attuative regionali, che ha lo scopo di valorizzare i prodotti locali e nel contempo fornire un’ulteriore fonte di reddito per l’agricoltore. Per questo, oltre ai tradizionali sostegni all’agricoltura, le aziende agrituristiche ricevono finanziamenti pubblici aggiuntivi e facilitazioni (deroghe urbanistiche e sanitarie, formazione, promozione, ecc.), destinati a sostenere questa benemerita attivita’. Insomma il consumatore nel momento in cui siede a tavola ha gia’ dato un contributo, con le proprie tasse, allo sviluppo dell’azienda agrituristica e vorrebbe tranquillamente gustare i “prodotti del contadino”. Succede a volte che le materie prime non siano “prevalentemente ricavate” dall’attivita’ del podere e che ci si trovi di fronte ad un comune ristorante di campagna. Al consumatore consigliamo di chiedere informazioni sui “prodotti del contadino” e alle Regioni e Province, che hanno compiti in materia, una verifica dell’attivita’ delle aziende agrituristiche per evitare che un promettente settore venga travolto, tra qualche anno, dai soliti scandali dei soliti furbi.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Salone della Nuova Agricoltura

Posted by fidest press agency su sabato, 14 marzo 2009

Torino 26 al 29 marzo debutta al Lingotto Fiere “Campus”, il Salone della Nuova Agricoltura, un evento che intende presentare gli aspetti più innovativi del settore, offrendo alle aziende e agli operatori gli strumenti per affrontare i mercati del futuro e, al grande pubblico, la possibilità di scoprire la realtà dinamica dell’agricoltura di oggi e di domani. Molte le iniziative e gli eventi che faranno da cornice al Salone. Fra i temi di punta le energie alternative, il riutilizzo degli scarti, l’agricoltura multifunzionale, l’agriturismo, le fattorie didattiche, l’arredo urbano improntato alla bioarchitettura, la sostenibilità ambientale dei prodotti utilizzati nel florovivaismo (come, ad esempio, un nuovo ammendante che permette un risparmio del 50% nell’irrigazione e nella manutenzione dei giardini). La Provincia di Torino non mancherà all’appuntamento e, in uno spazio espositivo del padiglione 1,  inviterà i visitatori a scoprire le peculiarità dell’agricoltura torinese. Percorrendo i 160 metri quadrato dello stand si potranno conoscere le attività della Provincia a sostegno del settore primario, ma soprattutto i progetti che l’Ente ha sviluppato negli ultimi anni. Uno spazio sarà dedicato all’attività di ricerca e sperimentazione condotta dal C.R.A.B. (Centro di Riferimento per l’Agricoltura Biologica) di Bibiana. Nell’area-incontri, si alterneranno esperti del settore, che metteranno a disposizione dei partecipanti le proprie conoscenze.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »