Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 330

Posts Tagged ‘aids’

23rd International AIDS Conference

Posted by fidest press agency su sabato, 28 settembre 2019

San Francisco Monday, September 30, 2019 at 10:00 a.m. PT Henry J. Kaiser Family Foundation – 185 Berry Street, Lobby 1, Suite 2000, , CAThe 23rd International AIDS Conference (AIDS 2020) organizers will convene public officials and community leaders on Monday, September 30th to shine a spotlight on stories of resilience that have shaped the HIV response. The event will also focus on what to expect at AIDS 2020 and the unique and large-scale collaborative effort that took place between San Francisco and Oakland to secure the bid to host the world’s largest conference on HIV and AIDS.
The first AIDS conference to be hosted in two cities concurrently, AIDS 2020 is returning to the Bay Area three decades after it was first held in San Francisco. More than 20,000 participants from 170 countries are expected to attend the event which will be held in both San Francisco and Oakland, July 6-10, 2020.Established in 1985 with a focus on the intersection of science, advocacy and human rights, AIDS 2020 is the largest conference of its kind. The biennial event will bring together scientists, policy makers, healthcare professionals, people living with HIV, funders, media, and community to share the latest knowledge and advocate for effective action to address HIV and related epidemics.As the core theme of the conference, organizers will share an overview of the AIDS 2020 Profiles in Resilience campaign. Bay Area artists have been commissioned to create works that will feature the unique stories of people from around the world who are living with HIV and AIDS, and those affected by the epidemic, such as clinicians, activists and community members.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

AHF Applauds U.S. Government Investment for Women and Girls, Urges Others to Follow

Posted by fidest press agency su domenica, 9 giugno 2019

AIDS Healthcare Foundation (AHF) applauds the U.S. Government for its recent commitment to allocate nearly $2 billion for women and girls worldwide through the U.S. President’s Emergency Plan for AIDS Relief (PEPFAR) program and urges other nations to follow this much needed and long overdue example. Every week, approximately 7,000 women ages 15-24 become infected with HIV around the world, and in sub-Saharan Africa, adolescent girls ages 15-19 account for 75% of new HIV infections. These disproportionate statistics are exacerbated by widespread inequality, threats of gender-based violence, and decreased access to healthcare and education.
“We welcome the U.S. Government’s generous allocation for one of the most marginalized groups across the globe—and particularly in developing countries,” said AHF President Michael Weinstein. “AHF has worked for years to highlight the inequality, stigma, discrimination and violence that women and girls face on a daily basis. Our Girls Act! campaign was created to empower those who have no voice and to help ensure women and girls get the support they need to protect themselves from HIV, so they may thrive and pursue their dreams—we hope other countries will follow the United States’ lead and boost their own contributions toward this vital goal.”The world’s wealthiest nations will have a chance to do just that at the Sixth Replenishment of the Global Fund to Fight AIDS, Tuberculosis and Malaria, which is set to convene in France in October of this year. Along with PEPFAR, the Global Fund has proven itself as the world’s best mechanism to fight our most deadly infectious diseases. But for it to effectively continue its lifesaving work, the Global Fund needs to raise at least $18 billion at this year’s Replenishment Conference—a substantially higher amount than the $14 billion fundraising goal it has set for itself.AHF urges world leaders to build on the momentum created by the United States to ensure women and girls have all they need to succeed in leading healthy and productive lives. To see the results of what increased resources can achieve, we invite you to watch a short AHF-produced documentary film titled “Girls Act!” to experience how young women everywhere are winning their battles against HIV and succeeding with confidence, empowerment and knowledge.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

AHF Thanks Judge for Putting Brakes on CVS-Aetna Merger

Posted by fidest press agency su sabato, 8 dicembre 2018

AIDS Healthcare Foundation (AHF) thanked Judge Richard Leon of the U.S. District Court for the District of Columbia for insisting on deliberate judicial review of the integration and its potential anticompetitive effects. AHF believes the merger is particularly bad for HIV patients. “Allowing one company to control both ends of the service spectrum for a person with HIV interferes with patients’ control over their treatment, eliminates choice by reducing competition, and will likely increase prices,” said Donna Tempesta, CPA, Vice President – Northern Region and Finance for AIDS Healthcare Foundation.According to Modern Healthcare, Judge Leon announced that CVS and Aetna have until December 14 to show him why they shouldn’t hold off on their consolidation, and he will hold a hearing on December 18 to consider the parties’ arguments. He rightfully expressed distaste for what he called the parties’ “rubber-stamp approach” to his role, insofar as the parties and Department of Justice appear to be proceeding as if the court’s sign-off were a done deal. As noted by Modern Healthcare “Courts have to oversee Justice Department settlements in cases like these to make sure they are in the public interest and not the result of sweetheart deals with the administration in power.” Congress has amended federal law “to strengthen the judiciary’s oversight of the executive branch’s anti-trust decrees.”
“This merger raised many red flags,” said Michael Weinstein, President of AHF, “which state and federal regulators glossed over in granting approval. We thank Judge Leon for putting the brakes on this deal that will harm patients and the public to allow for the Court’s careful review of the anticompetitive aspects of the deal.”Last week, AHF sharply criticized the merger of CVS Health and Aetna, (CVS-Aetna Merger Expected to Go Forward This Week After Securing Final Approval from New York Regulators, Kaiser Health News 11/27/18), noting that it would be particularly bad for HIV/AIDS patients and other individuals with chronic health conditions. In October, at a hearing held by New York regulators on the CVS-Aetna merger, AHF expressed its objections to the merger. Last month, AHF also sent a letter outlining five (5) specific areas of concern to the merger to the New Jersey Department of Banking and Insurance’s Office of Solvency Regulation.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

AHF Echoes Call for UNAIDS to Release Report on Sexual Harassment Before Dec 11th Geneva Meeting

Posted by fidest press agency su venerdì, 7 dicembre 2018

AIDS Healthcare Foundation (AHF) today called on the governing board of UNAIDS to publicly release the report it commissioned in response to credible claims of sexual abuse among its staff and the senior management cover-up that followed.On December 11, the UNAIDS Programme Coordinating Board will meet in Geneva to review the report. In a desperate attempt to suppress the report’s findings, UNAIDS has refused to publicly release the report after it said it would make it public.The so-called “independent expert panel” is supposed to present the report at the UNAIDS board meeting; however, the staff at UNAIDS is doing all it can to make sure it doesn’t see the light of day.”Sunshine is the best disinfectant, and UNAIDS needs to be disinfected from a culture that encourages sex abuse and the promotion of predators. AHF calls on the representatives of UN member states represented on the UNAIDS board which have access to the report to immediately release it prior to its next board meeting,” said Michael Weinstein, president of AIDS Healthcare Foundation. “This cover-up has lasted long enough.”The Code Blue Campaign, a group working to end impunity for sexual abuse by UN personnel, offered this on the background of the twin scandals of sexual abuse and the subsequent cover-up by UN officials:“The sexual assault investigation and cover-up that provoked public outcry about UNAIDS leadership remain outstanding. In April, Secretary-General Guterres, who appointed the top managers of UNAIDS, announced that the UN would undertake a new investigation into Luiz Loures, who has since retired. Nothing further has been heard about that reopened investigation in the more than half-year since.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giornata Mondiale contro l’AIDS

Posted by fidest press agency su martedì, 4 dicembre 2018

“L’infezione da HIV è un esempio perfetto di come la ricerca farmacologica possa mutare radicalmente il destino del paziente. Oggi la sopravvivenza ha raggiunto traguardi impensabili, e con una buona qualità della vita, trasformando l’HIV in una malattia cronica” dice il presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani, Andrea Mandelli, alla vigilia della giornata Mondiale contro l’AIDS. “A questo aspetto positivo si affianca purtroppo il dato, finora incomprimibile, di 3.500 – 4000 nuovi casi l’anno in Italia. Non solo: come ricordato nei giorni scorsi dall’infettivologo Matteo Bassetti, spesso sono diagnosi tardive”. Le stime concordano sul fatto che a livello mondiale, e quindi anche nel nostro paese, dal 30 al 35% delle persone colpite ignora la sua condizione. “Resta forte il bisogno di grandi campagne mirate alla prevenzione e agli screening, ma anche di un’opera costante e quotidiana di informazione, sia per contrastare lo stigma che ancora accompagna questa malattia sia per divulgare i progressi operati in campo diagnostico e terapeutico. I farmacisti sono a disposizione della collettività per offrire consiglio e indicazioni anche sul tema, importantissimo, delle interazioni tra le terapie antiretrovirali e gli altri farmaci di uso comune. Credo però che se, fortunatamente, l’HIV è divenuto una malattia cronica, si debba mettere in condizione l’assistenza territoriale di farsi carico anche di questi pazienti, soprattutto considerando quale peso abbia qui l’aderenza alla terapia, anche per ridurre al minimo le possibilità di contagio accidentale”.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The free concert World AIDS Day concert

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 dicembre 2017

World AIDS DayHosted by comedian Aida Rodriguez and featuring Grammy-nominated artist and actress Sheila E., Latin Grammy Award-winning reggae artist Yandel and hot, new singer-songwriter Becky G., the event featured a special presentation by the Honorable Carmen Yulin Cruz, Mayor of San Juan, Puerto Rico. Mayor Cruz gave a moving update on post-hurricane Puerto Rico, sharing the current needs for recovery on the island and issued a ‘call to action’ for further community support. In addition, Miami’s newly-elected homegrown Mayor Francis Suarez also came out to support the event.AHF Southern Bureau Chief Michael Kahane and members of the AHF Board of Directors also presented Mayor Cruz with AHF’s 2017 Humanitarian Award for her ongoing courageous and heroic leadership following the recent tragedies that devastated the island as a result of Hurricane Maria.“This was a terrific night and just a wonderful concert with amazing artists joining us to celebrate AHF’s thirty years of service to the community to address the growing HIV/AIDS epidemic, especially here in Miami-Dade and Broward counties,” said AHF Southern Bureau Chief Michael Kahane. “We are humbled that San Juan Mayor, Carmen Yulin Cruz also joined us, as we both honored her for her courageous leadership and allowed her a platform to put the critical needs of the people of Puerto Rico back front and center before the media. The cameras may have all gone away in Puerto Rico, but the needs of the island continue to grow. AHF is committed to continue to lead the charge in keeping the community engaged in supporting our fellow America citizens by raising awareness & funds for our Power2PR relief campaign.”
The free concert World AIDS Day concert (observed December 1st) and AHF 30th Anniversary Celebration in Miami was part of a series of events and concerts across the world to continue to spread awareness about HIV and AIDS. The activities include free concerts in Haiti, Mexico City, Russia and the United States as well as free awareness and testing events throughout the U.S., Africa, Latin America, the Caribbean, Eastern Europe and Asia. (photo: World AIDS Day)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La European AIDS Conference chiude facendo il punto sulle sfide epidemiologiche in Europa

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 ottobre 2017

BruxellesBruxelles. L’ultima giornata della 16a edizione della European AIDS Conference ha posto il proprio focus sulle sfide epidemiologiche che sembrano mostrare un quadro invariato nell’Unione Europea e nell’Area Economica Europea, con 29.747 nuovi casi di HIV nel 2015 (6,3 persone su 100.000, rispetto alle 6,6 del 2006). “Osservando i dati, notiamo come i diversi Paesi applichino i vari strumenti di prevenzione e trattamento in modo molto differente, dalla diagnosi in poi. Il risultato è che la prevenzione e l’incidenza dell’HIV nella regione europea variano ampiamente: questa disomogeneità rappresenta la vera sfida per la futura risposta globale europea all’HIV”, dichiara Anastasia Pharris esperta dell’ HIV dell’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC). “Per ridurre il numero delle nuove infezioni, l’Europa deve concentrare tutti i suoi sforzi in tre aree principali: dare priorità ai programmi di prevenzione, facilitare la diffusione del test dell’HIV e, naturalmente, agevolare l’accesso al trattamento per chi è stato diagnosticato”, ha aggiunto la Pharris.
L’HIV “Secondo i più recenti dati sul continuum of care, che l’ECDC sta monitorando in Europa e in Asia Centrale, 1,2 milioni di persone vivono con l’HIV, e solo il 75% di queste ha ricevuto una diagnosi”, spiega Teymur Noori, esperto di HIV dell’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC). “Tra questi casi diagnosticati, circa uno su quattro non sta ricevendo alcun trattamento. Sebbene il trattamento per l’HIV sia efficace, due persone su cinque con HIV non hanno raggiunto la soppressione virale. Questo significa che una percentuale significativa di persone in Europa e in Asia Centrale non beneficia dei trattamenti altamente efficaci per l’HIV, e che la trasmissione dell’HIV continua, soprattutto tra le popolazioni chiave”. Anche l’eradicazione dell’epatite C è stata oggetto di particolare attenzione: si stima infatti che, a livello mondiale, 2,3 milioni di pazienti siano coinfetti da HIV ed HCV. La maggior parte di loro ha una storia di uso di droghe con siringa. Con l’avvento degli antivirali per il trattamento dell’epatite C, l’eliminazione dell’HCV è diventata un obiettivo raggiungibile, nonostante questo la percentuale di persone che raggiungono risposte virologiche dopo la terapia HCV in Europa continua a rimanere bassa, evidenziando gli ostacoli all’accesso alle cure per l’HCV e una forte necessità di miglioramento in quest’area.La prossima European AIDS Conference si terrà a Basilea, in Svizzera nel 2019

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

UNICEF: Giornata mondiale di lotta contro l’AIDS

Posted by fidest press agency su venerdì, 2 dicembre 2016

unicefSecondo un nuovo rapporto dell’UNICEF se entro il 2030 non verranno effettuati ulteriori progressi per raggiungere gli adolescenti, i nuovi casi di contagio da HIV per questa fascia di età aumenteranno fino a 400.000 ogni anno, rispetto ai 250.000 del 2015. L’AIDS rimane una delle cause principali di morte fra gli adolescenti: nel 2015 ha causato 41.000 vittime fra gli adolescenti (tra i 10 e i 19 anni), secondo il settimo rapporto sui bambini e l’AIDS, For Every Child: End AIDS Nel rapporto viene sottolineato che:
Sono stati fatti considerevoli progressi nella prevenzione della trasmissione materno infantile dell’HIV. Nel mondo, fra il 2000 e il 2015, sono stati evitati 1,6 milioni di nuovi contagi fra i bambini.
Nel 2015 sono state colpite 1,1 milioni di persone fra bambini, adolescenti e donne.
I bambini fra 0 e 4 anni che convivono con l’HIV, rispetto a tutti gli altri gruppi di età, vanno incontro ai maggiori rischi di morte causata dall’AIDS, e questi casi sono spesso diagnosticati e curati troppo tardi. Solo alla metà dei bambini nati da madri sieropositive viene effettuato un test per l’HIV nei primi due mesi di vita, e in Africa Subsahariana l’età media dei bambini, che cominciano a ricevere cure e ai quali le madri hanno trasmesso il virus dell’HIV, è di circa 4 anni.
Nel 2015 nel mondo erano circa 2 milioni gli adolescenti fra i 10 e i 19 anni che convivevano con l’HIV. Nell’Africa Subsahariana, la regione maggiormente colpita, 3 nuovi casi su 4 registrati fra gli adolescenti dai 15 ai 19 anni hanno colpito le ragazze.
“Il mondo ha fatto enormi progressi per porre fine all’AIDS, ma la battaglia è ancora lontana dall’essere conclusa, soprattutto per quanto riguarda i bambini e gli adolescenti”, ha dichiarato il Direttore generale dell’UNICEF Anthony Lake. “Ogni due minuti un adolescente – con molte più probabilità una ragazza – contrae l’HIV. Se vogliamo sconfiggere l’AIDS, abbiamo bisogno di restituire al problema l’urgenza che merita e raddoppiare gli sforzi per raggiungere ogni bambino e ogni adolescente.” Il rapporto propone alcune strategie per accelerare il progresso nella prevenzione dell’HIV fra gli adolescenti e per garantire cure a coloro che ne sono già stati colpiti: Investire in innovazione, includendo soluzioni prodotte a livello locale.
Rafforzare la raccolta di dati.
Porre fine alle discriminazioni di genere, inclusa la violenza di genere, contrastando la stigmatizzazione.
Dare priorità agli sforzi per fronteggiare le vulnerabilità degli adolescenti, garantendo sistemi di prevenzione, fra cui la profilassi pre-esposizione, supporto economico e un’educazione sessuale completa.
Secondo l’UNICEF, nonostante i progressi effettuati per prevenire nuovi casi e ridurre i decessi, dal 2014 il finanziamento per contrastare l’AIDS è diminuito.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giornata mondiale contro l’Aids

Posted by fidest press agency su martedì, 29 novembre 2016

milanodavedereMilano. Il 1 dicembre 2016, in occasione della Giornata Mondiale contro l’AIDS, COOPI organizza il convegno “L’impegno dell’Italia nella lotta globale contro l’AIDS”, alle ore 10.30 presso la Sala Verdi del Palazzo delle Stelline, a Milano, con la collaborazione dell’Osservatorio Italiano per la Lotta contro l’AIDS e del Fondo Globale per la Lotta contro AIDS, Tubercolosi e Malaria, e con il patrocinio del Comune di Milano. Dal 1981 l’AIDS ha ucciso oltre 25 milioni di persone, diventando una delle epidemie più distruttive che la storia ricordi. In questi anni grazie ai progressi della medicina le persone sieropositive o affette da AIDS hanno avuto nuove speranze per la loro prospettiva di vita. Purtroppo, invece, nelle zone più povere del nostro pianeta, AIDS, tubercolosi e malaria continuano a essere malattie ancora letali. In queste regioni interviene il Fondo Globale, di cui anche l’Italia è membro. Il Fondo è uno dei principali partenariati internazionali ed è riuscito a unire diverse realtà quali governi, istituzioni e società civile. Riflettere sul ruolo che i governi, in modo particolare quello italiano, possono giocare in questa lotta globale è lo scopo del convegno. L’occasione è giusta per presentare anche a Milano il Policy Paper “Il Fondo Globale: un’opportunità per l’Italia, una risorsa per le future generazioni”. L’evento, moderato da Luca Mattiucci, giornalista del Corriere della Sera e responsabile Corriere Sociale, si apre con i saluti di Pierfrancesco Majorino, Assessore Politiche Sociali del Comune di Milano, e del Presidente di COOPI, Claudio Ceravolo. Una presentazione del rapporto è fornita da Stefania Burbo, Focal Point dell’Osservatorio Italiano sull’Azione Globale contro l’AIDS, Massimo Galli, Prof. Ordinario Malattie Infettive Università di Milano e Vicepresidente ANLAIDS Lombardia e Sara Faroni, Associate Specialist, Global Fund External Relations.Le vite salvate nei paesi in cui il Fondo Globale opera dal 2002 al 2014 sono state più di 17 milioni e fanno ben sperare sulle possibilità di debellare AIDS, tubercolosi e malaria. Tale speranza è viva anche attraverso le buone pratiche portate avanti dalle Ong che hanno realizzato i loro progetti contro l’AIDS e le altre pandemie nelle zone del mondo più povere. Nel corso del convegno, i rappresentanti di COOPI – Cooperazione Internazionale, CUAMM Medici con l’Africa e Comitato Collaborazione Medica (CCM), raccontano le esperienze sul campo in Somalia, Tanzania e Angola . “La lotta contro la tubercolosi è stata una delle prime attività svolte da COOPI nel territorio somalo.” – precisa Claudio Ceravolo, Presidente di COOPI – “La nostra presenza è costante dal 1981 e dal 2003, grazie alla collaborazione con il Fondo Globale, siamo intervenuti in diverse strutture sanitarie.”Chiudono il convegno gli interventi di Lia Quartapelle, Deputata e Membro della Commissione Esteri alla Camera e del Senatore Roberto Cociancich*, sull’impegno che l’Italia sta assumendo nella lotta contro l’AIDS. Il nostro Paese è tornato negli ultimi anni ad investire nel Fondo Globale e nel corso della Quinta Conferenza di Rifinanziamento del Fondo, tenutasi il 16 settembre, a Montréal-Québec in Canada, ha annunciato un impegno di 140 milioni di euro per il triennio 2017-2019. “È una promessa molto importante perché l’Italia ha un ruolo fondamentale da giocare per la sua esperienza e le sue capacità”, conclude Stefania Burbo, focal point dell’Osservatorio Italiano per la lotta all’AIDS.L’ingresso al convegno è gratuito.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

1° dicembre Convegno AIDS – Milano

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 novembre 2016

Piazzale Carlo Magno milanoMilano Il 1 dicembre 2016, in occasione della Giornata Mondiale contro l’AIDS, COOPI organizza il convegno “L’impegno dell’Italia nella lotta globale contro l’AIDS”, alle ore 10.30 presso la Sala Verdi del Palazzo delle Stelline, a Milano, con la collaborazione dell’Osservatorio Italiano per la Lotta contro l’AIDS e del Fondo Globale per la Lotta contro AIDS, Tubercolosi e Malaria, e con il patrocinio del Comune di Milano.
Dal 1981 l’AIDS ha ucciso oltre 25 milioni di persone, diventando una delle epidemie più distruttive che la storia ricordi. In questi anni grazie ai progressi della medicina le persone sieropositive o affette da AIDS hanno avuto nuove speranze per la loro prospettiva di vita. Purtroppo, invece, nelle zone più povere del nostro pianeta, AIDS, tubercolosi e malaria continuano a essere malattie ancora letali. In queste regioni interviene il Fondo Globale, di cui anche l’Italia è membro. Il Fondo è uno dei principali partenariati internazionali ed è riuscito a unire diverse realtà quali governi, istituzioni e società civile. Riflettere sul ruolo che i governi, in modo particolare quello italiano, possono giocare in questa lotta globale è lo scopo del convegno. L’occasione è giusta per presentare anche a Milano il Policy Paper “Il Fondo Globale: un’opportunità per l’Italia, una risorsa per le future generazioni”. L’evento, moderato da Luca Mattiucci, giornalista del Corriere della Sera e responsabile Corriere Sociale, si apre con i saluti di Pierfrancesco Majorino, Assessore Politiche Sociali del Comune di Milano, e del Presidente di COOPI, Claudio Ceravolo. Una presentazione del rapporto è fornita da Stefania Burbo, Focal Point dell’Osservatorio Italiano sull’Azione Globale contro l’AIDS, Massimo Galli, Prof. Ordinario Malattie Infettive Università di Milano e Vicepresidente ANLAIDS Lombardia e Sara Faroni, Associate Specialist, Global Fund External Relations.Le vite salvate nei paesi in cui il Fondo Globale opera dal 2002 al 2014 sono state più di 17 milioni e fanno ben sperare sulle possibilità di debellare AIDS, tubercolosi e malaria. Tale speranza è viva anche attraverso le buone pratiche portate avanti dalle Ong che hanno realizzato i loro progetti contro l’AIDS e le altre pandemie nelle zone del mondo più povere. Nel corso del convegno, i rappresentanti di COOPI – Cooperazione Internazionale, CUAMM Medici con l’Africa e Comitato Collaborazione Medica (CCM), raccontano le esperienze sul campo in Somalia, Tanzania e Angola . “La lotta contro la tubercolosi è stata una delle prime attività svolte da COOPI nel territorio somalo.” – precisa Claudio Ceravolo, Presidente di COOPI – “La nostra presenza è costante dal 1981 e dal 2003, grazie alla collaborazione con il Fondo Globale, siamo intervenuti in diverse strutture sanitarie.” Chiudono il convegno gli interventi di Lia Quartapelle, Deputata e Membro della Commissione Esteri alla Camera e del Senatore Roberto Cociancich*, sull’impegno che l’Italia sta assumendo nella lotta contro l’AIDS. Il nostro Paese è tornato negli ultimi anni ad investire nel Fondo Globale e nel corso della Quinta Conferenza di Rifinanziamento del Fondo, tenutasi il 16 settembre, a Montréal-Québec in Canada, ha annunciato un impegno di 140 milioni di euro per il triennio 2017-2019. “È una promessa molto importante perché l’Italia ha un ruolo fondamentale da giocare per la sua esperienza e le sue capacità”, conclude Stefania Burbo, focal point dell’Osservatorio Italiano per la lotta all’AIDS. L’ingresso al convegno è gratuito.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Convegno in occasione della Giornata Mondiale contro l’AIDS

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

porta nuova milanoMilano. Il 1 dicembre 2016, in occasione della Giornata Mondiale contro l’AIDS, COOPI organizza il convegno “L’impegno dell’Italia nella lotta globale contro l’AIDS”, alle ore 10.30 presso la Sala Verdi del Palazzo delle Stelline, a Milano, con la collaborazione dell’Osservatorio Italiano per la Lotta contro l’AIDS e del Fondo Globale per la Lotta contro AIDS, Tubercolosi e Malaria, e con il patrocinio del Comune di Milano.Dal 1981 l’AIDS ha ucciso oltre 25 milioni di persone, diventando una delle epidemie più distruttive che la storia ricordi. In questi anni grazie ai progressi della medicina le persone sieropositive o affette da AIDS hanno avuto nuove speranze per la loro prospettiva di vita. Purtroppo, invece, nelle zone più povere del nostro pianeta, AIDS, tubercolosi e malaria continuano a essere malattie ancora letali. In queste regioni interviene il Fondo Globale, di cui anche l’Italia è membro. Il Fondo è uno dei principali partenariati internazionali ed è riuscito a unire diverse realtà quali governi, istituzioni e società civile. Riflettere sul ruolo che i governi, in modo particolare quello italiano, possono giocare in questa lotta globale è lo scopo del convegno. L’occasione è giusta per presentare anche a Milano il Policy Paper “Il Fondo Globale: un’opportunità per l’Italia, una risorsa per le future generazioni”. L’evento, moderato da Luca Mattiucci, giornalista del Corriere della Sera e responsabile Corriere Sociale, si apre con i saluti del Sindaco di Milano, Beppe Sala*, di Pierfrancesco Majorino, Assessore Politiche Sociali del Comune di Milano, e del Presidente di COOPI, Claudio Ceravolo. Una presentazione del rapporto è fornita da Stefania Burbo, Focal Point dell’Osservatorio Italiano sull’Azione Globale contro l’AIDS, Massimo Galli, Prof. Ordinario Malattie Infettive Università di Milano e Vicepresidente ANLAIDS Lombardia e Sara Faroni, Associate Specialist, Global Fund External Relations. Le vite salvate nei paesi in cui il Fondo Globale opera dal 2002 al 2014 sono state più di 17 milioni e fanno ben sperare sulle possibilità di debellare AIDS, tubercolosi e malaria. Tale speranza è viva anche attraverso le buone pratiche portate avanti dalle Ong che hanno realizzato i loro progetti contro l’AIDS e le altre pandemie nelle zone del mondo più povere. Nel corso del convegno, i rappresentanti di COOPI – Cooperazione Internazionale, CUAMM Medici con l’Africa e Comitato Collaborazione Medica (CCM), raccontano le esperienze sul campo in Somalia, Tanzania e Angola . “La lotta contro la tubercolosi è stata una delle prime attività svolte da COOPI nel territorio somalo.” – precisa Claudio Ceravolo, Presidente di COOPI – “La nostra presenza è costante dal 1981 e dal 2003, grazie alla collaborazione con il Fondo Globale, siamo intervenuti in diverse strutture sanitarie.” Chiudono il convegno gli interventi di Lia Quartapelle, Deputata e Membro della Commissione Esteri alla Camera e del Senatore Roberto Cociancich*, sull’impegno che l’Italia sta assumendo nella lotta contro l’AIDS. Il nostro Paese è tornato negli ultimi anni ad investire nel Fondo Globale e nel corso della Quinta Conferenza di Rifinanziamento del Fondo, tenutasi il 16 settembre, a Montréal-Québec in Canada, ha annunciato un impegno di 140 milioni di euro per il triennio 2017-2019. “È una promessa molto importante perché l’Italia ha un ruolo fondamentale da giocare per la sua esperienza e le sue capacità”, conclude Stefania Burbo, focal point dell’Osservatorio Italiano per la lotta all’AIDS. L’ingresso al convegno è gratuito.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il nostro sogno è di un’Africa libera dall’AIDS

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 novembre 2016

dreamQuesta settimana vogliamo parlare di DREAM, il programma di cura e prevenzione dell’AIDS della Comunità di Sant’Egidio, completamente gratuito e attivo in 10 paesi africani.DREAM nasce dal sogno di rendere accessibile la terapia antiretrovirale anche in Africa, laddove non era mai arrivata, allo stesso livello di qualità e di eccellenza che c’è nei paesi ricchi. DREAM è un sogno che si può realizzare: ce lo dicono i 300.000 pazienti sieropositivi che hanno potuto beneficiare dei trattamenti, ce lo confermano i 63.000 bambini che grazie al programma sono nati sani da madre malata di AIDS.E’ così che l’11 novembre l’Accademia Nazionale dei Lincei ha conferito a DREAM il premio Antonio Feltrinelli per “un’impresa eccezionale e di alto valore morale e umanitario”. Siamo orgogliosi e grati per questo riconoscimento, che andrà a sostenere il nuovo Centro di salute di Zimpeto, in Mozambico, che ha l’ambizione di diventare un riferimento per la cura delle donne e i bambini per l’intero paese.Per questo siamo grati ai tanti che hanno sostenuto DREAM, e che ci aiutano a realizzare il sogno di salvare la vita e restituire un futuro a tante donne e bambini in Africa. (foto: dream)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Quinta conferenza per il rifinanziamento del Fondo Globale per la Lotta contro AIDS

Posted by fidest press agency su domenica, 18 settembre 2016

montrealMontreal (Canada) Si è aperta la quinta conferenza per il rifinanziamento del Fondo Globale per la Lotta contro AIDS, tubercolosi e malaria; l’Italia torna a ricoprire un ruolo fondamentale nel combattere queste malattie grazie all’aumento del 30% del suo contributo, portato a 130 milioni di euro per il triennio 2017-19.
Aids, tubercolosi e malaria possono essere debellate, i numeri non lasciano dubbi: dal 2002 al 2014, nei paesi in cui, fra l’altro, opera il Fondo Globale per la Lotta contro Aids, Tubercolosi e Malaria, sono state salvate più di 20 milioni di vite ed è stata riscontrata la diminuzione di un terzo dei decessi per Hiv, Tbc e malaria: oltre 9 milioni le persone che hanno beneficiato del trattamento antiretrovirale (Art), oltre 15 milioni quelle che hanno ricevuto cure per la Tbc e 659 milioni le zanzariere, impregnate di insetticida, distribuite attraverso i programmi di lotta contro la malaria.
In vista della Quinta Conferenza di Rifinanziamento del Fondo che si apre oggi, 16 settembre, a Montréal-Québec in Canada, la società civile internazionale ha messo in campo in questi mesi diverse iniziative per sollecitare l’impegno dei governi. L’Italia ha già annunciato un aumento del 30% del suo contributo, portandolo a 130 milioni di euro per il triennio 2017-19, e l’impegno assunto dal Governo va nella direzione della promessa fatta dal Presidente del consiglio, Matteo Renzi, di far tornare l’Italia ad essere un paese leader nel panorama dei donatori internazionali.La società civile italiana auspica che l’impegno del nostro Paese continui ad aumentare, anche per raggiungere l’obiettivo minimo di 13 miliardi di dollari che collettivamente i donatori del Fondo dovrebbero versare nel prossimo triennio.L’Osservatorio italiano sull’azione globale contro l’Aids chiede, inoltre, che il Fondo Globale potenzi le attività di monitoraggio durante l’esecuzione dei propri interventi, al fine di massimizzarne l’efficacia, e favorisca soprattutto il rafforzamento della società civile, per consentirne ilpieno coinvolgimento nei processi decisionali dei programmi di lotta contro le epidemie.The ONE Campaign ricorda che: “Oltre 17.000 ragazze contraggono l’Hiv ogni settimana. Questa non è una coincidenza – la povertà è sessista. Sappiamo che il Primo Ministro Renzi è personalmente impegnato nella lotta contro la povertà estrema. Assicurandosi che l’Italia giochi la sua parte nel finanziamento del Fondo Globale in Canada, saranno gettate le basi per un’audace agenda della presidenza italiana del G7 il prossimo anno, che ponga al centro donne e bambine”. Per questo Action global health advocacy partnership auspica che il governo italiano mantenga l’impegno di diventare nel 2017 il quarto paese donatore del G7, orientando i finanziamenti alla cooperazione allo sviluppo verso progetti bilaterali e fondi multilaterali come il Fondo globale, la cui efficacia è comprovata.
Malaria No More, da anni attiva per sconfiggere una malattia che ancora oggi uccide un bambino ogni due minuti e oltre 430mila persone all’anno, è in prima linea nel sostegno al Fondo Globale, grazie al cui impegno sarà possibile raggiungere un obiettivo ambizioso ma realizzabile: eradicare dal mondo la malaria come già accaduto, nel 2015, dall’Europa.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

UNICEF/ HIV e AIDS: Nel 2015, ogni ora 29 nuovi contagi da HIV erano tra giovani

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

africa7Per l’UNICEF un numero allarmante di adolescenti sta morendo per AIDS. “Dopo tutte le vite salvate grazie a prevenzione, cure e trattamenti, dopo tutte le battaglie vinte contro il pregiudizio e l’ignoranza verso questa malattia, dopo tutti i grandi traguardi raggiunti, a livello globale l’AIDS è ancora la seconda causa di morte per tutte le persone tra i 10 e i 19 anni – la prima in Africa”, ha dichiarato Anthony Lake, Direttore generale dell’UNICEF.Dal 2000, Il numero di morti di adolescenti tra i 15 e i 19 anni collegate all’AIDS è molto più che duplicato. A livello globale nel 2015, ci sono state in media ogni ora 29 nuovi contagi tra giovani in questa fascia di età. Anche se i tassi di nuovi contagi tra gli adolescenti si sono stabilizzate, l’UNICEF teme che possano tornare ad aumentare nei prossimi anni, il che significherebbe un incremento generale del numero di contagi.
Le ragazze sono particolarmente vulnerabili, rappresentando a livello globale il 65% di nuovi contagi tra gli adolescenti. In Africa Sub Sahariana, in cui si trova il 70% delle persone che nel mondo vivono con HIV, 3 su 5 dei nuovi contagiati tra gli adolescenti nel 2015 sono state ragazze.La paura di fare il test tiene molti adolescenti all’oscuro del proprio status. Tra gli adolescenti, solo il 13% delle ragazze e il 9% dei ragazzi l’anno scorso hanno fatto il test. Una nuova indagine condotta su U-report, strumento dell’UNICEF basato su tecnologia mobile, mostra che circa il 68% dei 52.000 giovani a cui è stato somministrato il questionario in 16 paesi hanno detto di non voler fare il test perché spaventati da un risultato positivo all’HIV e dallo stigma sociale.
Dal 2000 sono diminuite drasticamente (del 70%) le nuove infezioni tra i bambini dovute alla trasmissione materno infantile alla nascita o durante l’allattamento. L’UNICEF continua a chiedere di predisporre nuovi impegni per eliminare la trasmissione materno infantile del virus dell’HIV. A livello globale, dal 2000, attraverso azioni mirate per prevenire la trasmissione materno infantile nei paesi con alto tasso di contagi da HIV/AIDS, il tasso di trasmissione del virus è diminuito di circa il 70%. In questo dato è compresa anche l’Africa Sub Sahariana, la regione con il più alto tasso di contagi e morte a causa dell’HIV/AIDS. A livello globale, negli ultimi 15 anni, il programma per prevenire la trasmissione materno infantile del virus ha evitato circa 1,6 milioni di nuovi contagi da HIV tra i bambini, mentre attraverso la distribuzione di cure antiretrovirali sono state salvate le vite di 8,8 milioni di persone.Alla vigilia della 21° Conferenza Internazionale sull’AIDS che avrà luogo a Durban questa settimana, l’UNICEF ricorda che nonostante i grandi progressi realizzati nell’affrontare la pandemia dell’HIV/AIDS, c’è ancora tanto lavoro da svolgere per proteggere i bambini e gli adolescenti dall’infezione, dalle malattie e dalla morte.
A seguito di una visita presso il Prince Mshiyeni Memorial Hospital nella provincia di Kwa Zulu Natal, in Sud Africa, Lake ha ribadito che sono necessarie politiche innovative per raggiungere i bambini che sono ancora lasciati indietro. Nel 2015, la metà delle nuove infezioni di bambini e giovani tra 0 e 14 anni è avvenuta in solo 6 paesi: Nigeria, india, Kenya, Mozambico, Tanzania e Sud Africa.“I progressi fatti negli ultimi 30 anni non significano che la nostra lotta sia terminata,” ha continuato Lake. “La battaglia contro l’AIDS non sarà terminata fino a quando non rinnoveremo gli impegni per la prevenzione e le cure, fino a quando non raggiungeremo tutti i giovani che non possono ricevere i benefici a cui milioni di persone prima di loro hanno avuto accesso, fino a quando lo stigma sociale e la paura non saranno stati eliminati affinché molti più giovani vorranno finalmente sottoporsi al test.”

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

AIDS, Sant’Egidio oggi all’Onu con il programma Dream Un modello efficace contro l’HIV in Africa

Posted by fidest press agency su giovedì, 9 giugno 2016

Onu palaceNew York. Si terrà oggi, nell’ambito della “UN High Level Meeting on HIV/AIDS” in corso a New York presso le Nazioni Unite, il Side Event intitolato “Efficient and Effective Responses to AIDS: the Role of (NEW) Donors, CSOs and Partners for Sustainable Treatments”. L’iniziativa, promossa dalla Comunità di Sant’Egidio, vedrà la partecipazione dei ministri della Salute della Germania e del Kenya, del ministro degli Affari Esteri del Malawi e del Viceministro degli Esteri italiano Giro. Diversi i temi che verranno sviluppati durante la conferenza:
– Efficacia ed efficienza degli interventi per affrontare l’epidemia da HIV/AIDS:Dopo 20 anni di impegno della comunità internazionale, la battaglia contro l’HIV/AIDS è ad un punto di svolta e deve identificare interventi più efficaci e meno dispendiosi. Il tema della sostenibilità è centrale: sebbene manchino ancorasoluzioni immediate, sono incoraggianti i risultati ottenuti da nuove strategie che verranno illustrati;
– Partnership tra diversi attori:Il coinvolgimento di diversi attori, istituzionali e non, è la chiave per raggiungere risultati sostenibili. Il Global Fund e altre iniziative sono basate su una stretta partnership tra paesi donatori e riceventi, società civile e settore privato. Per vincere la sfida dell’HIV/AIDS è necessario il contributo di tutti: bisogna, dunque, evitare la marginalizzazione degli attori locali, ma anche coordinare l’impiego delle risorse per ridurre gli sprechi;
– Mobilizzazione delle risorse:Porre fine all’AIDS richiede nuove risorse, quindi nuovi aiuti e nuovi donatori. Come evitare la stanchezza dei vecchi donatori o considerare questa battaglia un “business senza fine”? L’evento presenterà anche l’esperienza e la best practice del programma DREAM, implementato in 10 paesi africani dalla Comunità di Sant’Egidio (dream.santegidio.org). Grazie al contributo di donatori pubblici e privati, DREAM continua a fornire cure di eccellenza e gratuite a più di 300.000 malati africani e, con la somministrazione della terapia alle donne in gravidanza, previene il contagio nei bambini.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Global Fund Named as Leader in Aid Transparency

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 aprile 2016

Geneva, SwitzerlandGENEVA – The Global Fund to Fight AIDS, Tuberculosis and Malaria was ranked among the top five organizations and nations that are major donors of global aid for its transparency and accountability, a report published on Wednesday showed. Released by the non-profit Publish What You Fund, the AID Transparency Index also showed that the Global Fund ranked first in three of the operational categories – performance, related documents, and basic information.Mark Dybul, Executive Director of the Global Fund, said the results of the report underlined the organization’s unwavering commitment to transparency and accountability as it pursues its mandate to end AIDS, TB and malaria as epidemics.“Transparency is essential for any organization that invests public money for the public good,” said Dr. Dybul. “It is in the bedrock of our founding principles, and absolutely crucial to our effectiveness.” Health investments made through the Global Fund partnership have saved 17 million lives, expanding opportunity and achieving greater social justice for families and communities worldwide.“The Global Fund partnership has made exceptional progress towards the global goal of eliminating the three diseases as epidemics by 2030, but we are not there yet. We need every dollar to get the job done. And this is where efficiency and transparency play a vital role,” Dr. Dybul said.Dr. Dybul said transparency was both a commitment towards donors to make sure development aid is spent effectively, particularly at a time of fiscal constraint, and a moral obligation towards the people we serve.“Transparency and accountability mean life-saving commodities are procured and delivered on time and in a cost-effective way. It also means that our programs are reaching the people who need them the most – adolescent girls and women, people in poor communities with little access to health care, men who have sex with men, people who inject drugs, and prisoners. It means we continue promoting and protecting human rights, promoting gender equality, and making sure health investments are helping countries build resilient and sustainable systems for health.”As a partnership between governments, civil society, the private sector and people affected by the diseases, the Global Fund mobilizes and invests nearly US$4 billion a year to support programs run by local experts in more than 100 countries. The Global Fund’s operating costs are just 2.3 percent of grants under management, reflecting an exceptionally high degree of efficiency.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Non toccate i consultori

Posted by fidest press agency su sabato, 27 febbraio 2016

africadi Guglielmo Micucci Direttore generale Amref Health Africa – Italia. Avevo meno di vent’anni. Era la seconda metà degli anni Novanta e vivevo a Taranto, con il suo mare e i suoi tanti problemi. Ligabue prendeva piede e Vasco era già una grande star. Si ascoltavano i Pink Floyd e si pensava di essere alternativi. The wall era un must. Le siringhe per la strada erano la norma e la paura del contagio era tanta. Alcuni grandi divi dello sport si ammalavano mentre altri incitavano all’uso del preservativo. Erano gli anni in cui noi ci affacciavamo al consultorio pubblico con timore e vergogna. I manifesti sulla prevenzione dell’AIDS erano ovunque cosi come le campagna di sensibilizzazione per l’uso dei profilattici. Si pensava che l’HIV fosse ovunque. Il consultorio era un luogo obbligato. Non sarei mai potuto andare dal mio medico di famiglia e non ne avrei mai parlato né con i miei famigliari e ne con gli amici. Troppa vergogna. Al consultorio invece sì. Non conoscevi nessuno li e nessuno ti conosceva. Era un luogo protetto. Ha funzionato. Mi rassicurarono e mi insegnarono la prevenzione. Molto di più dell’outing che fece Magic Johnson e che sconvolse il mondo (comunque utilissimo per tanti).Poi è successo qualcosa. Sono cresciuto e forse la politica ha deciso che il bene pubblico più importante (la sanità) non fosse più così importante. Si poteva andare dal ginecologo privato. Dal dermatologo privato. Dal pediatra privato. Non era importante il tipo di dottore. L’importante era l’aggettivo. Privato significava di valore, professionale e di qualità. Pubblico è stato trasformato in povero. Di bassa qualità.Sono passati 20 anni. Io sono diventato padre da poco e quasi per caso abbiamo deciso di visitare il consultorio di quartiere dove vivo con la mia compagna a Roma. Ero certo che avrei trovato dipendenti stanchi, arrabbiati e senza risorse. Che l’avrei trovato chiuso. Che se fosse stato aperto, gli operatori non sarebbero stati aggiornati. Abbiamo trovato gente grintosa in un posto semplicemente bello. Aggiornati e molto più vicini alle nostre idee rispetto a diversi privati ormai contaminati dalle aziende farmaceutiche. Abbiamo incontrato dottori in linea con gli standard internazionali e consapevoli del loro ruolo di sentinelle del territorio per tutte quelle persone che, in una grande città come Roma, non hanno un rete sociale consolidata. Sostengono il biologico e l’allattamento esclusivo al seno. Mio figlio ogni settimana incontra altri bimbi e gioca con loro solamente perché fa bene.Contemporaneamente con Amref stiamo studiando un progetto sui consultori italiani per rafforzare il sistema sanitario nazionale. E la regione Lazio sta rilanciando l’importanza di questi luoghi come luoghi di confine dove le persone posso trovare conforto, comunità e informazioni. Insomma, sono fiero. Del mio pubblico. Lo dico con orgoglio perché di questo penso ci sia veramente bisogno. Essere fieri di un servizio pubblico che ancora c’è, è vivo e combatte ogni giorno per dare risposte concrete. Il pubblico non è gratis. Il pubblico lo pago con le mie tasse. Andateci. Ne vale la pena. (foto: africa)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’AIDS è cambiata, ma il problema non è risolto

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 novembre 2015

Ospedale Spallanzani, RomaRoma Venerdì 27 Novembre 2015 – Ore 10.30 Centro Multimediale INMI “L. Spallanzani” Via Portuense, 292 circa 6.000 persone con infezione da HIV ogni anno vengono curate presso l’Istituto Nazionale Malattie Infettive “L. Spallanzani” e circa il 90% di loro riceve un trattamento antiretrovirale in regime ambulatoriale. Ogni anno si registrano oltre 1.000 ricoveri ospedalieri per pazienti affetti da HIV. Un approccio efficace e sostenibile per il trattamento e la cura di HIV richiede sempre un forte coordinamento e la piena collaborazione tra i pazienti e le loro famiglie, gli operatori sanitari e gli interventi a livello di comunità.
Gli esperti si confronteranno su questi temi:
Qual è lo stato dell’arte ad oggi a livello di prevenzione, ricerca, assistenza e terapia?
I grandi progressi nella clinica e nella terapia sono efficaci per il controllo della malattia?
Riguardo la continuità delle cure : quali i problemi e i fattori che la compromettono?
Quali patologie collaterali e nel lungo tempo prevedere ?
Come sensibilizzare e “agganciare” le persone inconsapevoli di aver contratto l’HIV?
Come lavorare insieme alle associazioni perché la rete di alleanze sia sempre più capillare?

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Aids, sì Fda a pillola preventiva. In Italia si apre il dibattito

Posted by fidest press agency su martedì, 15 Mag 2012

Fa discutere il sì espresso da un panel di esperti statunitensi in rappresentanza dell’Fda sull’utilizzo della prima pillola in grado di prevenire l’infezione da Hiv in soggetti sani. Il farmaco, in realtà due principi attivi tenofovir ed emtricitabina combinati assieme in un’unica compressa, è già in uso come trattamento per l’Hiv, ma non per la prevenzione e secondo le nuove indicazioni statunitensi sarebbe destinata a soggetti sani ad alto rischio, come omosessuali o partner di persone sieropositive. Secondo lo studio internazionale condotto in sei paesi e i cui risultati sono stati pubblicati nel 2010 sulla rivista The New England Journal of Medicine, l’utilizzo del farmaco a fini preventivi ha, infatti, dimostrato un minore rischio del 44-73% di contrarre l’infezione. «Penso» ha detto alla Bbc Robert Grant, del Gladstone Institutes of Virology and Immunology di San Francisco «che siamo nell’era che vedrà la fine dell’epidemia mondiale di Aids». Più cauti gli esperti italiani e se Stefano Vella, direttore del Dipartimento del farmaco dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss), parla «di un’arma di prevenzione in più per le categorie altamente a rischio che non può essereconsiderata una soluzione», Mauro Moroni, vicepresidente di Anlaids sottolinea come «il profilattico possa svolgere la stessa azione preventiva sulle categorie a rischio, senza possibili effetti collaterali e senza costi enormi per l’Ssn e per i pazienti». Oggi negli Usa il trattamento con il farmaco costa da 11mila a 14 mila dollari l’anno, un costo da considerare, se il farmaco anche in Europa avesse un’indicazione di questo tipo, con il rischio che fondi siano distolti da opzioni terapeutiche che presentano una maggiore convenienza in termini di rapporto costi-benefici. Altri timori riguardano la possibilità che si sviluppino varianti del virus Hiv resistenti al farmaco «L’uso preventivo a vita di questo farmaco» secondo l’immunologo Ferdinando Aiuti «potrebbe portare a problemi di tossicità cumulativa, a un’inevitabile insorgenza di resistenze e quindi successiva inefficacia del farmaco stesso nei confronti del virus Hiv».(Marco Malagutti – fonte doctornews33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Copenaghen si è conclusa la Conference HIV in Europe

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 marzo 2012

OraQuick HIV test

OraQuick HIV test (Photo credit: Wikipedia)

Clinici ed esperti da tutta Europa si sono riuniti per fare il punto sullo stato dell’arte della malattia AIDS, dopo la recente richiesta fatta dall’Unione Europea, che faceva seguito ad una precedente del Luglio 2008, ad ogni Stato affiliato di intervenire per regolamentare e redigere delle proprie Linee Guida sull’HIV. L’Italia è il primo Stato membro dell’Unione Europea ad aver da poco redatto una propria legislazione che ha riguardato la riaffermazione della necessità di eseguire il test, proposto specifiche modalità di erogazione del test e della consegna dei risultati sul territorio nazionale e individuato i destinatari sensibili ai quali rivolgere l’offerta del test: infatti circa un terzo delle persone in Italia non sa di essere sieropositivo. Il ‘Documento di consenso sulle politiche di offerta e le modalità di esecuzione del test per HIV in Italia’ è stato redatto dalla Commissione Nazionale per i diritti di lotta contro l’AIDS con il contributo di tutti i livelli Politico-istituzionali, Società Scientifiche e soprattutto delle Associazioni di Pazienti. La realizzazione del Documento, ora che è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni, sarà obbligatoria per le Regioni. Questo Documento, che è il maggiore risultato per un ‘Progetto’ portato avanti dai pazienti in prima persona, è stato avviato grazie all’impegno del Parlamento Italiano che ha approvato all’unanimità una serie di mozioni in soli 2 mesi, quando di norma in Italia, per redigere documentazioni del genere c’è bisogno di iter burocratici di almeno 18 mesi.
Rosaria Iardino, Presidente Onorario Network Persone Sieropositive (NPS) ha spiegato: “L’Italia è stato il primo Paese europeo nel fare un passo importante su come e quando incentivare l’esecuzione del test HIV: partendo dal presupposto che sono sempre gli Ospedali pubblici i luoghi naturalmente adibiti per l’offerta di un servizio di sanità pubblica e ovviamente l’HIV ne è ‘regina’. L’unico aspetto che noi non condividiamo, e lo abbiamo fatto presente alla Commissione AIDS e all’ex Ministro della Salute il Professor Ferruccio Fazio, è la questione dei grandi minori: cioè quei ragazzi che vanno dai 16 ai 18 anni. Oggi il Documento non permette di poter accedere al test a questa fascia di età senza il consenso dei genitori, mentre prima era previsto solo dai 16 anni in giù. In questo modo andremo a perdere una delle fasce più fragili e che ha una percezione dell’HIV del tutto irreale dei numeri e delle problematiche.” “Sull’HIV in Italia c’è una situazione di sommerso estremamente importante (pari al 25%) sovrapponibile a molti altri Paesi europei e simile a quella degli Stati Uniti, che favorisce il perpetuarsi della trasmissione del virus. L’implementazione di politiche per l’offerta del test sono estremamente importanti (in questo senso l’Italia si sta facendo e si è fatta parte attiva), anche nell’ottica, come recenti studi hanno evidenziato, di come a seguito del riscontro di positività l’offerta e l’esecuzione del test sia ad oggi il miglior mezzo di prevenzione contro la diffusione del virus dell’HIV.” Ha detto Giuliano Rizzardini, Direttore Dipartimento Malattie Infettive, Azienda Ospedaliera Luigi Sacco di Milano.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »