Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘al qaeda’

The European Solidarity front for Syria

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 novembre 2013

Photo taken during a demonstration in Montreal...

Photo taken during a demonstration in Montreal in solidarity with the people of Syria, March 27. (Photo credit: Wikipedia)

The European Solidarity front for Syria and the Syrian community in Italy join to an European fundraising promoted by Sol.Id, to buy strictly necessary goods affecting especially the weaker groups of syrian population, like children, elderly, and war invalids.
Syrian people are torment from 32 months of terrorist war, that hit and destroyed large part of industries on the territory, completely self-contained before hostilities’ start; so with this solidarity campaign will be purchased those goods that today Syria is forced to import, such as milk powder, wheelchairs for the disabled and medicine, of this drugs for the treatment of cancer are now subject to the embargo
The campaign of fundraising will culminate with a solidarity mission in next year, for which Europeans volunteers will deliver directly to Syria the bare necessities. The European Solidarity Front for Syria invite all to participate at this solidarity fundraising.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

French troops in Mali

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 gennaio 2013

The Mali Empire at its height under Mansa Musa.

The Mali Empire at its height under Mansa Musa. (Photo credit: Wikipedia)

French troops are moving north Wednesday for their first major ground operation in Mali alongside Malian troops, in an attempt to stop rebels, believed to be associated with the terrorist group al-Queda, from dominating a region that some fear could become an extremist hot spot and a launching pad for terrorist attacks. The insurgents have moved north into southern Algeria, where they kidnapped several people including Japanese nationals as well as other foreigners. (Sources: BBC, AP, New York Times)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Obama about the way forward in Afghanistan

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 giugno 2011

Tonight, President Obama addressed the nation from the East Room of the White House about the way forward in Afghanistan and his plan to remove 10,000 American troops from Afghanistan by the end of this year, and a total of 33,000 by next summer. The President reflected on the difficult decision he made in December of 2009 to order 30,000 additional troops into Afghanistan, and keeping his commitment to begin the drawdown of troops this summer: By the time I took office, the war in Afghanistan had entered its seventh year. But al Qaeda’s leaders had escaped into Pakistan and were plotting new attacks, while the Taliban had regrouped and gone on the offensive. Without a new strategy and decisive action, our military commanders warned that we could face a resurgent al Qaeda and a Taliban taking over large parts of Afghanistan. For this reason, in one of the most difficult decisions that I’ve made as President, I ordered an additional 30,000 American troops into Afghanistan. When I announced this surge at West Point, we set clear objectives: to refocus on al Qaeda, to reverse the Taliban’s momentum, and train Afghan security forces to defend their own country. I also made it clear that our commitment would not be open-ended, and that we would begin to draw down our forces this July. Tonight, I can tell you that we are fulfilling that commitment. Thanks to our extraordinary men and women in uniform, our civilian personnel, and our many coalition partners, we are meeting our goals. As a result, starting next month, we will be able to remove 10,000 of our troops from Afghanistan by the end of this year, and we will bring home a total of 33,000 troops by next summer, fully recovering the surge I announced at West Point. After this initial reduction, our troops will continue coming home at a steady pace as Afghan security forces move into the lead. Our mission will change from combat to support. By 2014, this process of transition will be complete, and the Afghan people will be responsible for their own security. President Obama also discussed the importance of focusing on nation building here at home, while upholding the beliefs and principles on which our nation was founded abroad:
In all that we do, we must remember that what sets America apart is not solely our power -– it is the principles upon which our union was founded. We’re a nation that brings our enemies to justice while adhering to the rule of law, and respecting the rights of all our citizens. We protect our own freedom and prosperity by extending it to others. We stand not for empire, but for self-determination. That is why we have a stake in the democratic aspirations that are now washing across the Arab world. We will support those revolutions with fidelity to our ideals, with the power of our example, and with an unwavering belief that all human beings deserve to live with freedom and dignity.
Above all, we are a nation whose strength abroad has been anchored in opportunity for our citizens here at home. Over the last decade, we have spent a trillion dollars on war, at a time of rising debt and hard economic times. Now, we must invest in America’s greatest resource –- our people. We must unleash innovation that creates new jobs and industries, while living within our means. We must rebuild our infrastructure and find new and clean sources of energy. And most of all, after a decade of passionate debate, we must recapture the common purpose that we shared at the beginning of this time of war. For our nation draws strength from our differences, and when our union is strong no hill is too steep, no horizon is beyond our reach. America, it is time to focus on nation building here at home. In this effort, we draw inspiration from our fellow Americans who have sacrificed so much on our behalf. To our troops, our veterans and their families, I speak for all Americans when I say that we will keep our sacred trust with you, and provide you with the care and benefits and opportunity that you deserve.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Egitto: Rastrellamenti a El Gorah

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 gennaio 2011

E’ di questi minuti la notizia, proveniente da fonti militari, confermate anche dall’Ambasciata egiziana in Italia a Reporter TV e Azzurra Network, secondo cui il Ministero della Difesa egiziano ha dato l’ordine poco fa alle forze di polizia di rastrellare il territorio di El Gorah, città nel nord-est del Sinai, al confine con Israele. Ieri in serata, infatti, il Gruppo EveryOne aveva richiesto alle massime autorità egiziane, nonché alle nazioni che fanno parte dell’MFO, Multinational Force and Observers, (in primis, oltre all’Egitto, Israele e Stati Uniti), alle Nazioni Unite e alle istituzioni Ue, di attivare i loro strumenti diplomatici per sollecitare un intervento urgente per la liberazione di un gruppo di 38 migranti, tra cui 8 donne, con cui EveryOne è in contatto, che sarebbero detenuti dai trafficanti, incatenati mani e piedi, all’interno di cointainer metallici in un frutteto nei pressi dell’aeroporto utilizzato come base aerea proprio dalla forza multinazionale dell’MFO.  “Nei pressi dell’aeroporto di El Gorah” spiegano Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau, co-presidenti del Gruppo, “ci sono alcune proprietà dei beduini, già al centro di indagini legate al traffico di esseri umani: El Gorah è di fatto un feudo della criminalità organizzata che ha il suo centro nella vicina Al Arish, capitale del governatorato del nord del Sinai, controllata da boss palestinesi nati in Egitto insieme a membri della tribù Al Tarabin. Recenti operazioni di polizia” proseguono, “hanno dimostrato la loro appartenenza ad Al Qaeda e i legami dei trafficanti con Hamas e Fatah. Ci auguriamo che queste operazioni militari colpiscano duramente il sistema di traffico di esseri umani nel territorio del Sinai del Nord, portando all’immediata liberazione degli ostaggi. Auspichiamo anche che le autorità egiziane tutelino il diritto fondamentale alla protezione internazionale dei migranti coinvolti, permettendo ai funzionari dell’UNHCR (Alto Commissario ONU per i Rifugiati) di incontrarli e assisterli nelle procedure di richiesta asilo, come impongono la Convenzione di Ginevra e le Carte internazionali sui diritti umani”.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ostaggi europei nelle mani di Al Qaeda

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 dicembre 2010

A tre mesi dal rapimento di sette collaboratori di imprese nucleari francesi da parte di Al-Qaeda Maghreb le popolazioni Tuareg subiscono sempre più la crescente militarizzazione del Sahara. In seguito al rapimento avvenuto lo scorso 16 settembre ad Arlit nel Niger settentrionale la cosiddetta lotta al terrorismo è stata massicciamente rafforzata in tutta la regione. La paura di violenze e ulteriori rapimenti ha causato il crollo del settore turistico che finora costituiva la principale fonte di introiti per le popolazioni Tuareg del deserto. I documenti recentemente pubblicati da Wikileaks chiariscono la natura della cooperazione alla sicurezza tra l’Algeria e gli Stati Uniti. Nonostante il governo algerino rifiuti ufficialmente qualsiasi intervento militare straniero nel Sahara ha comunque concesso ai velivoli ricognitori statunitensi il diritto a sorvolare la zona. Sempre secondo i documenti di Wikileaks, i voli statunitensi dovrebbero contribuire a scoprire i nascondigli di Al-Qaeda Maghreb (AQMI). I sette ostaggi – cinque francesi, un cittadino del Madagascar e uno del Togo – molto probabilmente vengono trattenuti nella regione montagnosa di Timétrine, nel Mali nordoccidentale. Per la loro liberazione i rapitori chiedono trattative dirette tra la Francia e Osama Bin Laden e il ritiro delle truppe francesi dall’Afghanistan. Il dramma dei rapimenti ha conseguenze drammatiche anche per le popolazioni Tuareg. Non solo ha causato la distruzione della loro base economica ma comporta anche una drastica limitazione della libertà di movimento per questa popolazione di semi-nomadi e commercianti. Con il sostegno degli eserciti statunitense e francese, gli eserciti della Mauritania e del Mali hanno massicciamente rafforzato i pattugliamenti, i blocchi stradali e le azioni militari nella regione. Ciò nonostante la conclusione del drammatico rapimento sembra purtroppo essere ancora lontana. Ma anche quando la vicenda sarà risolta, la situazione nel Sahara non tornerà mai più come prima: il deserto del Sahara si profila ormai come una delle regioni centrali della lotta internazionale al terrorismo. In questo scenario l’unica cosa certa è che i Tuareg, qualunque cosa accada, saranno le prime vittime del nuovo sviluppo internazionale. L’APM comunque non crede che la comunità internazionale possa battere AQMI sul piano militare. Troppi sono gli interessi dei paesi confinanti affinché la regione continui ad essere instabile. L’Algeria ad esempio mira ad essere riconosciuta come nuova potenza regionale mentre in Mali e in Niger gli alti ranghi militari approfittano della situazione per arricchirsi con il traffico illegale di persone e stupefacenti. Entrambi i paesi temono una nuova ribellione dei Tuareg impoveriti – ribellioni che in tempi di guerra al terrorismo non avrebbe alcuna speranze di successo.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Afghanistan: Solidarietà ad emergency

Posted by fidest press agency su lunedì, 12 aprile 2010

Il coordinatore di Italia dei Valori provincia di Firenze, Alessandro Cresci,  e i referenti cittadini IdV Firenze, Cinzia Niccolai e Mario Rizzuti, esprimono solidarietà a Emergency, a Gino Strada e alle famiglie dei membri dello staff, arrestati con l’accusa di collaborazione con i talebani per un attentato contro il governatore Goulab Mangal. La pretestuosa e infamante accusa di legami con i terroristi di al Qaeda, confermata da una successiva falsa confessione dei nostri tre connazionali e del resto degli arrestati , è un ignobile attacco ad una associazione indipendente che si batte per salvare le vittime della guerra. Dal 1999 ad oggi Emergency ha curato gratuitamente oltre 2.500.000 cittadini afgani e costruito tre ospedali, un centro di maternità e una rete di 28 posti di primo soccorso senza mai avere altro scopo, dimostato, che non l’amore per la vita umana, a rischio della propria vita. Al governo afgano chiediamo di liberare, senza indugio, lo staff di Emergency, al ministro Frattini di spendersi tentando tutte le strade possibili affinchè ciò avvenga e le false accuse siano ritirate.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »