Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘allarmismi’

Nuovo coronavirus, no agli allarmismi

Posted by fidest press agency su venerdì, 31 gennaio 2020

Milano. Gli ultimi dati comunicati questa mattina dalla Commissione Sanitaria Nazionale cinese parlano di circa 6.000 casi accertati e 132 decessi: i numeri del nuovo coronavirus 2019 n-CoV destano preoccupazione nell’opinione pubblica, ma vanno letti e analizzati con attenzione. Per capire quanto sia aggressivo questo nuovo virus è necessario mettere i dati a confronto con quelli di altri due coronavirus che hanno causato epidemie diffuse nel recente passato: quello della SARS del 2003 e quello della sindrome respiratoria mediorientale (MERS) tra il 2013 e il 2019. La SARS ha provocato 813 decessi su 8.400 casi, con una mortalità quindi del 10% circa, mentre la MERS ha colpito 2.500 persone causando 858 decessi, con un indice di letalità del 30%. Stando ai numeri attuali – che vanno comunque considerati con la dovuta cautela perché al momento l’unica fonte di informazione sono i media e le istituzioni cinesi – il tasso di mortalità del coronavirus 2019 n-CoV si attesterebbe poco sopra al 2%.«Stiamo assistendo a numeri limitati, con sporadici casi di trasmissione interumana al di fuori della Cina, soprattutto se li paragoniamo all’epidemia di un qualsiasi virus influenzale nel nostro Paese, con milioni di casi da dicembre ad oggi – dichiara Matteo Bassetti, Professore ordinario di Malattie Infettive e Direttore della Clinica Malattie Infettive, Ospedale San Martino di Genova, Presidente della SITA – oppure se consideriamo l’impatto delle polmoniti che curiamo nei nostri ospedali. È opportuno ricordare che la polmonite batterica, prima causa di morte per malattie infettive nei Paesi occidentali, provoca ogni anno 11.000 decessi solo in Italia e che nel nostro Paese ogni anno circa 5.000 persone muoiono a causa di complicanze respiratorie da influenza».«La situazione va vigilata attentamente ed è bene tenere alta la guardia sugli eventuali casi sospetti provenienti dalle aree epidemiche, ma non bisogna creare allarmismi – spiega Matteo Bassetti – Il rischio vero è quello di dare troppa enfasi a qualcosa che in realtà è molto lontano da noi e poco o per nulla pericoloso, sottovalutando problemi veri e tangibili come l’epidemia influenzale, che non è ancora del tutto passata e rappresenta, questa sì, un vero pericolo per le categorie a rischio».

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Coronavirus: Urge intensificare la prevenzione senza allarmismi

Posted by fidest press agency su domenica, 26 gennaio 2020

Cosi l’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) e l’Unione Medica Euro Mediterranea (UMEM) lanciano il loro appello al Governo Italiano di sostenere la Cina con fornitura di mascherine che sono scarseggianti in Cina oltre il fatto che non si trovano facilmente e il loro prezzo è triplicato come ci riferiscono i nostri colleghi cinesi dell’Amsi.
“Non si devono commettere gli sbagli del passato dove si è creato molto allarmismo dove non c’era bisogno. Invece in altre situazioni è stata trascurata e quasi nascosta all’inizio per problemi politici. Urge informare la popolazione della reale situazione ,senza nascondere la realtà come ha fatto in passato la Cina e intensificare la collaborazione e l’informazione interprofessionale e interistituzionale con tutte le caratteristiche,i sintomi e modalità di contagio sia in Italia che a livello internazionale per l’interesse di tutti senza creare psicosi . *Dichiara il Presidente dell’Amsi ,Umem Membro del Gdl Salute Globale e registro esperti della Fnomceo Foad Aodi* che è in contatto con tutti i nostri rappresentanti nei paesi Euro Mediterranei dell’UMEM dove si registrano situazioni di psicosi per mancanza di informazioni e consigli per la prevenzione come in Francia dove i ristoranti cinesi iniziano ad essere deserti e in particolare nei paesi dove c’è tanta povertà,mancanza di igiene ,di acqua potabile ,corrente elettrica ,medici ,ospedali e nei paesi dove ci sono conflitti come Siria ,Iraq ,Libia ,Yemen ,Sudan ,Somalia e paesi africani che sono paesi a rischio nel caso di emergenza internazionale perché mancano tutti gli strumenti per affrontare una epidemia anche dal punto di vista dell’informazione.
“Noi diamo la nostra disponibilità per qualsiasi forma di collaborazione per dare più informazioni e comunicazioni in tutte le lingue come abbiamo già fatto quando c’è stata l’emergenza Sars nel 2002 . Conclude Aodi auspicando che la macchina dell’informazione e prevenzione in Europa collabori direttamente con la Cina e sostenere la popolazione cinese e straniera in questo momento molto difficile anche dal punto di vista psicologico.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: “Nessuna crisi su conti del Comune e su Atac, basta con gli inutili allarmismi”

Posted by fidest press agency su martedì, 29 agosto 2017

campidoglioRoma. “Non c’è nessuna crisi sui conti del Campidoglio e chi specula sulla pelle dei romani vuole solo creare inutili allarmismi. I debiti del Comune sono stati creati da una vecchia gestione incapace di tenere i conti in ordine, cosa che noi stiamo invece facendo attenendoci alle prescrizioni suggerite dall’organo di revisione. Quest’ultimo, è bene ricordarlo, nell’anno in corso ha più volte approvato con parere favorevole le nostre manovre, nel rispetto di un piano di risanamento e rigore dei conti che lo stesso Oref ci ha riconosciuto.Su Atac in 20 anni le precedenti amministrazioni hanno creato una voragine di debiti, precisamente 1,3 miliardi di euro. Quelli che dicono di avere una cura brillante per l’azienda in realtà in tutto questo tempo non sono riusciti a fare nulla, sono solo stati capaci di affossare l’azienda. Stiamo pagando lo scotto di anni di gestione incoerente e inefficaci e ora si creano inutili allarmismi”. Lo dichiara, in una nota stampa, il presidente della Commissione Bilancio di Roma Capitale Marco Terranova.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Uso irrazionale dei farmaci

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 marzo 2011

La catastrofe che ha colpito il Giappone è un evento che ha commosso e impressionato, ma che non deve suscitare panico e allarmismi per la salute della popolazione italiana a causa di una possibile esposizione a elementi radioattivi trasportati dalle correnti aeree. E’ il caso di sottolinearlo perché ci sono state segnalate dai colleghi che operano nelle farmacie di comunità numerose richieste di farmaci da usare in funzione di profilassi contro l’esposizione a radiazioni, in particolare prodotti a base di ioduro di potassio” dice il presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani, Andrea Mandelli. “In Italia non esiste un pericolo di esposizione a radiazioni, e l’assunzione di farmaci al di fuori dell’indicazione del medico è da considerarsi irrazionale e pericolosa”. “Questa corsa ai medicinali in funzione di profilassi contro le radiazioni non si è registrata soltanto in Italia” prosegue Mandelli. “In Francia la Farmacia centrale delle Forze armate ha ricevuto centinaia di richieste per preparati a base di iodio, ma anche lì le autorità sanitarie preposte alla radioprotezione hanno ribadito ieri che questi medicinali, nella situazione europea, sono inutili e caso mai dannosi anche per chi fosse di ritorno dal Giappone. Come farmacisti, inoltre, mettiamo in guardia i cittadini dal cercare di procurarsi questi o altri farmaci attraverso l’e-commerce, come accadde per gli antivirali ai tempi della pandemia influenzale. Non solo si rischia di essere truffati, o di pagare cifre molto superiori al valore di mercato del farmaco, ma ci si espone al rischio del contatto con farmaci contraffatti. Alla luce della situazione attuale è  bene mantenere la calma e, come sempre, rivolgersi al medico e al farmacista prima di assumere qualsiasi medicinale”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Modello nucleare francese

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 ottobre 2009

La visita della Commissione industria del Senato al cantiere della centrale nucleare di Flamanville in Francia conferma l’elevato grado di sicurezza e di standard tecnologici degli impianti nucleari di terza generazione.  L’esperienza francese può essere per l’Italia di esempio sulle buone pratiche di comunicazione, di informazione e di trasparenza verso i cittadini da attivare per evitare gli allarmismi e le strumentalizzazioni sul riavvio del nucleare nel nostro paese.  È infatti importante dare all’opinione pubblica un’informazione corretta e trasparente sull’energia nucleare che elimini dubbi e ingiustificate paure sulla sicurezza delle centrali anche perché l’elettronucleare è un’energia che tutela l’ambiente e non produce inquinanti chimico fisici né CO2. Un corretto mix energetico che riduca i combustibili fossili al 50%, porti il nucleare al 25% ed incrementi le rinnovabili al 25% è l’unico modo che l’Italia ha per aumentare l’indipendenza energetica, ridurre i costi per cittadini ed imprese e rispettare gli impegni internazionali in tema di ambiente. La presenza di 32 imprese italiane sul sito francese è inoltre la più diretta dimostrazione di come gli il ritorno al nucleare e gli accordi con la Francia e gli Stati Uniti promossi dal Governo italiano diano la concreta possibilità alle imprese italiane di acquisire ulteriore nuovo know how per competere sui mercati internazionali creando nuove opportunità di lavoro qualificato.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Febbre e sintomi respiratori, come comportarsi

Posted by fidest press agency su sabato, 3 ottobre 2009

Già cominciamo ad avvertire i primi segnali dell’autunno che si approssima e con essi si manifestano, come ogni anno, i primi casi di malattie infettive respiratorie, dai semplici raffreddori alle sindromi parainfluenzali, fino alle vere forme influenzali il cui picco è comunque atteso per l’inizio dell’inverno. Per fronteggiare adeguatamente tali condizioni, senza cadere in eccessivi allarmismi indotti dal timore della possibile pandemia da virus A/H1N1, l’unità operativa di Igiene e sanità pubblica dell’Asl 11 riporta alcune semplici indicazioni da seguire in presenza di un soggetto con febbre e sintomi respiratori quali tosse, raffreddore, mal di gola. Rivolgersi telefonicamente al proprio medico per spiegare la situazione e seguire le sue indicazioni. Sarà il medico curante a valutare la necessità di una visita (a domicilio o in ambulatorio) e a fornire indicazioni sulle cure necessarie. Nella maggior parte dei casi è, infatti, sufficiente assumere comuni antipiretici e restare a riposo. L’utilizzo di altri farmaci quali antibiotici o antivirali deve in ogni caso essere valutato dal medico; evitare di recarsi direttamente al pronto soccorso: la stragrande maggioranza dei casi è trattabile a domicilio e l’eventuale necessità di cure ospedaliere deve essere valutata dal proprio medico curante o dalla guardia medica in orario notturno e festivo; in presenza di febbre, evitare di andare al lavoro o a scuola, per non rischiare di aggravare il proprio stato di salute e di trasmettere l’infezione agli altri; attendere almeno 24 ore dalla completa guarigione prima di riprendere le normali attività e tornare a scuola o al lavoro; seguire le comuni norme igieniche, in particolare: lavarsi le mani più volte al giorno ed in particolare dopo aver tossito, starnutito od essersi soffiati il naso; utilizzare un fazzoletto di carta davanti al naso e alla bocca in caso di starnuti o colpi di tosse; arieggiare spesso i luoghi di vita e di lavoro. Per il lavaggio delle mani basta utilizzare acqua e sapone. I detergenti a base di     alcool sono utili soprattutto in situazioni di mancanza di acqua; il ricorso ai test diagnostici per la diagnosi virologica (tampone nasale o orofaringeo) è assolutamente inutile in quanto: i test rapidi in commercio non hanno elevati livelli di sensibilità; un eventuale test positivo non cambia in alcun modo le indicazioni terapeutiche e comportamentali e, in ogni caso, l’influenza A/H1N1 non determina maggiori complicanze rispetto agli altri virus influenzali; in presenza di sintomi un test negativo non evita di mettere comunque in atto tutte le indicazioni sopra riportate poiché anche altri germi potrebbero determinare complicanze; il test di conferma è attualmente indicato, soprattutto per fini epidemiologici, nei rari casi gravi ospedalizzati e in tali casi deve essere effettuato nei centri specializzati di riferimento regionale.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »