Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘Allergan’

Edema Maculare Diabetico

Posted by fidest press agency su sabato, 14 aprile 2018

In Italia, sono circa 200 mila le persone affette da edema maculare diabetico (EMD), la più diffusa complicanza oculare legata al diabete e la principale causa di perdita della vista nella popolazione adulta(tra i 20 e i 64 anni). Una condizione che, per gravità ed impatto, rappresenta una vera e propria patologia. Se n’è parlato oggi a Milano, durante l’incontro “Edema Maculare Diabetico: quando una complicanza diventa patologia” promosso da Allergan, in vista del IV OCT & RETINA FORUM (13 e 14 aprile, Fondazione Cariplo), importante appuntamento scientifico dedicato alla ricerca e alla pratica clinica nell’ambito delle patologie della retina.“L’edema maculare diabetico si manifesta con un calo progressivo della vista e una visione deformata (immagini ondulate, aree sfocate, macchie scure, alterazione dei colori), che impediscono lo svolgimento delle principali attività quotidiane – spiega il Prof. Francesco Bandello, Direttore Clinica Oculistica Università Vita-Salute, Istituto Scientifico San Raffaele, Milano e Responsabile Scientifico del Congresso – Una patologia sottostimata se si considera che oggi molti pazienti con diabete non sanno di avere questa complicanza e non sono pertanto stati diagnosticati”.
Il diabete, oltre a danneggiare i vasi sanguigni di maggior calibro, aumentando quindi il rischio cardiovascolare del paziente, può causare danni anche ai piccoli vasi sanguigni della retina. Tra le varie patologie che il diabete di tipo 1 e di tipo 2 è in grado di determinare alla vista, l’edema maculare diabetico (EMD) all’inizio può essere asintomatico o può causare solo lievi problemi di visione; tuttavia, è una delle complicanze più invalidanti che nel tempo può determinare cecità. E’ ormai noto che il 30% circa della popolazione diabetica ha problemi alla retina[4], quindi la retinopatia diabetica risulta una complicanza prevedibile e prevenibile. La prevenzione e una corretta gestione del diabete sono, dunque, di primaria importanza per evitare l’insorgenza di complicanze anche gravi.
“L’edema maculare diabetico si aggiunge all’onere già molto elevato della patologia – precisa il Prof. Massimo Porta, Direttore struttura complessa di Medicina Interna 1U e Responsabile del Centro Retinopatia Diabetica, AOU Città della Salute e della Scienza, Torino – Ogni paziente diabetico, in particolare quelli di tipo2, dovrebbe sottoporsi regolarmente, almeno ogni due anni, a screening per valutare la presenza di retinopatia diabetica e, in caso affermativo, intervenire tempestivamente. Questo allo scopo di trattare questa patologia nei primi stadi di sviluppo, quando la vista non è stata ancora compromessa, indirizzando così il paziente allo specialista di riferimento”. L’edema maculare diabetico, infatti, si aggiunge all’onere già molto elevato della patologia diabetica: nell’arco di 6 mesi più della metà dei pazienti con EMD ha in media 19 appuntamenti con specialisti diversi, della durata di 4 ore e mezza ciascuno e il 37% necessita di più di 2 giorni di assenza dal lavoro[7], con notevoli costi diretti e indiretti correlati. Esiste inoltre un significativo impatto psicologico: circa l’80% delle persone teme la perdita della vista, tra tutte le disabilità, più della perdita di un arto[8],[9]; il 75% dei pazienti riferisce ansia prima di ricevere l’iniezione, il 54% riferisce ansia per più di 2 giorni prima del trattamento. A fronte di questa fotografia, emergono fra i principali bisogni insoddisfatti dei pazienti con edema maculare diabetico: avere meno iniezioni (42%) e meno appuntamenti a parità di risultati (22%). Per quanto riguarda il trattamento dell’EMD, per molti anni il laser è stato l’unica cura disponibile. Oggi esistono terapie farmacologiche, inizialmente utilizzate per trattare la degenerazione maculare, che tengono sotto controllo l’edema e sono somministrate tramite ripetute iniezioni intravitreali (farmaci anti-VEGF), in media con cadenza mensile, almeno durante i primi cicli di trattamento. L’infiammazione gioca un ruolo importante nella patogenesi dell’edema maculare diabetico e, di recente, la disponibilità di desametasone, un trattamento specifico per EMD che agisce in maniera mirata sull’infiammazione, ha inciso significativamente sia sulla frequenza delle somministrazioni sia su compliance e qualità di vita dei pazienti.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pfizer and Allergan merger makes sense in an industry forcing a race for scale

Posted by fidest press agency su martedì, 24 novembre 2015

Expert comment on the newly announced merger between Pfizer and Allergan, John Colley, Professor of Practice at Warwick Business School and an expert on large-scale mergers, has made the following comments:”Botox producer Allergan has been acquired for $160Bn by Pfizer to make it the world’s largest pharmaceutical business. This deal follows a pattern in which the pharmaceutical industry has seen acquisitions totalling over $600Bn this year as the industry consolidates. “Industry valuations increase as industry players become concerned at being left behind in the race for scale. In the instance of Pfizer it is also pursuing greater growth as its own established products are losing patent protection at a greater rate than it can produce innovative products. “Allergan’s drug portfolio has greater potential for growth. In addition the lure of tax advantages from a Dublin Head Office has been a significant factor in driving this deal. The threat of succumbing to US tax rates has meant that Pfizer has been desperate for a deal outside the U.S. The failure of the AstraZeneca bid in a consolidating industry has driven the substantial price paid for Allergan.”In a year in which low interest rates, relatively benign markets, reasonable growth prospects and institutions awash with cash there is likely to be a record number of deals exceeding the previous record of $4.6 Trillion in 2007. “Most deals this year have been consolidations within an industry which have a clear strategic logic and as a consequence slightly lower risk. AB InBev and SAB Miller, Dell and EMC, Holcim and Lafarge are designed to exploit greater market power through size and generate substantial cost savings through scale and scope economies. Head Office and Regional management are generally key targets.”Both institutions and businesses draw confidence from ‘strength in numbers’ which encourages more deals. Despite the enormous risks associated with acquisitions in which over half destroy value and 60 to 80% materially fail to deliver expected benefits the rush goes on. “Research shows that the biggest reason for acquisitions failing to deliver benefits is simply paying too much! One wonders how many of the 2015 deals will ultimately fail to deliver value. My money is on more than half.”
Warwick Business School, located in central England, is the largest department of the University of Warwick and the UK’s fastest rising business school according the Financial Times. WBS is triple accredited by the leading global business education associations and was the first in the UK to attain this accreditation. Offering the full portfolio of business education courses, from undergraduate through to MBAs, and with a strong Doctoral Programme, WBS is the complete business school. Students at WBS currently number around 6,500, and come from 125 countries. Just under half of faculty are non-UK, or have worked abroad. WBS Dean, Professor Mark P Taylor, is among the most highly-cited scholars in the world and was previously Managing Director at BlackRock, the world’s largest asset manager.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il botulino in Italia

Posted by fidest press agency su venerdì, 14 novembre 2014

A 10 anni dall’approvazione in Italia per i trattamenti estetici, la tossina botulinica registra crescite a doppia cifra: nel periodo 2011-2013 il mercato della tossina botulinica è cresciuto del 18% passando da 15 milioni di euro a oltre 17,7 milioni; solamente nel periodo 2012-2013 è aumentato del 13%. Il trend di crescita viene confermato anche nel primo trimestre del 2014: +11% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. L’Italia si conferma il quarto mercato in Europa alle spalle di Regno Unito, Germania e Francia, e davanti alla Spagna (fonte: ricerca MR:E&Y consortium data, commissionata da Allergan).I trattamenti con scopi estetici effettuati nell’ultimo anno in Italia vengono stimati intorno ai 250.000, interessando oltre 100.000 pazienti. Un dato in crescita come confermato dall’indagine condotta da AITEB.Nel campo della medicina estetica, i filler si confermano più amati dagli italiani, anche se il loro mercato ha avuto un andamento altalenante negli ultimi tre anni passando da 31 milioni 350mila euro a 27,7 e a 31,2. Il rapporto con il botulino è passato da 1 a 2 nel 2011 ad 1 a 1,7 nel 2013, rappresentando un leggero cambio di trend. La stessa tendenza viene confermata anche nel primo trimestre 2014. In Europa, l’Italia si conferma il secondo mercato per i filler alle spalle della Francia, davanti a Germania, Regno Unito e Spagna. L’Europa continentale preferisce i filler alla tossina botulinica; non così nei paesi anglosassoni come il Regno Unito dove il rapporto è di 3 a 4 in favore della tossina (eclatante il dato USA dove il botulino rappresenta il doppio dei filler).
trattamenti esteticiDall’indagine che AITEB ha condotto tra i medici (medici estetici, chirurgi plastici, dermatologi) che utilizzano la tossina botulinica è emerso un quadro delle persone che fanno ricorso al botulino. Il paziente tipo è prevalentemente donna (93-95%) e ha un’età che va dai 46 ai 55 anni (60%). Si reca dal chirurgo plastico periodicamente per i trattamenti, che durano in media da 4 a 6 mesi. Gli uomini rappresentano una quota piuttosto ridotta (5-7%) e hanno in media 50 anni. Tendenzialmente il ricorso alla tossina inizia intorno ai 35 anni.Decisamente elevata la soddisfazione dichiarata dai pazienti sottoposti a trattamento estetico con tossina botulinica: nel 72% dei casi viene indicata come “soddisfazione alta”, nel 26% la soddisfazione è “estremamente alta”. Anche sul fronte dei medici che praticano il trattamento, la soddisfazione del risultato viene indicata come “alta” nel 68% dei casi, “estremamente alta” nel 17% e “media” nel 14%.Spesso il trattamento con botulino è il primo approccio che il paziente ha con il settore della medicina e della chirurgia estetica. Dai primi trattamenti, si passa negli anni successivi ai filler o alla chirurgia plastica. Dall’indagine è emerso infatti che i pazienti che vengono trattati con tossina botulinica per la prima volta tornano a sottoporsi a trattamenti di tossina botulinica nell’87% dei casi. Il botulino è anche un traino per altri interventi, sia di medicina sia di chirurgia plastica nell’85% dei casi.Secondo il 90% degli intervistati, il numero di pazienti che utilizzando la tossina è aumentato negli ultimi anni. Il botulino viene prevalentemente utilizzato nella correzione delle zampe di galline, delle rughe glabellari e per attenuare le rughe della fronte. Più rari gli usi nella zona periorale, nella regione del naso, del mento e del collo. La zona d’elezione per il trattamento di botulino resta il terzo superiore del volto.
Le proiezioni sul medio periodo, vedono il mercato della tossina botulinica in Italia tendenzialmente in crescita. Tre le novità che arrivano per la medicina estetica: innanzitutto una sempre maggiore sinergia tra il botulino ed i filler. Non certo seconde, le recenti evidenze della ricerca che illustrano il potenziale anti-photoaging del botulino sulla cute. Infine dall’industria arrivano importanti novità di prodotto che presto saranno immesse sul mercato.
AITEB (www.aiteb.it). L’Associazione Italiana Terapia Estetica Botulino è il primo sodalizio di medici chirurghi nato con lo specifico obiettivo di sviluppare le conoscenze in merito all’uso della tossina botulinica in medicina estetica.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Allergan Launches First EU Public Awareness & Education Campaign on the Importance of Quality in Medical Aesthetics

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 maggio 2012

Marlow, England, (PRNewswire) Allergan today announces the European launch of their landmark public awareness and education initiative highlighting the importance of quality in medical aesthetics. In the aftermath of the recent Poly Implant Prothèse (PIP) breast implant scandal, consumers and healthcare practitioners have taken an increased interest in manufacturing standards and product safety within the medical aesthetics industry. As the leading manufacturer of breast implants and facial injectable products, Allergan has taken the initiative to develop this first-of-its-kind communications campaign designed to educate both consumers and healthcare practitioners about the importance of quality when making choices in medical aesthetics. The ‘Quality is Key’ campaign will be rolled out across eight European countries, with the aim of guiding over 150,000 conversations between consumers interested in medical aesthetics procedures and their healthcare practitioner.The ‘Quality is Key’ campaign consists of a variety of tools and resources for consumers interested in medical aesthetics, including five key questions to drive informed conversations with healthcare practitioners. By seeking answers to these questions from their chosen consultant, patients can feel more confident that they are choosing the best quality procedures and products. Simultaneously, Allergan are working with healthcare practitioners across Europe to provide them with the facts, information and tools they need to confidently address patients’ concerns.Dr Nigel Mercer, former President of BAAPS (The British Association of Aesthetic Plastic Surgeons) says “I believe this campaign has come at a crucial time, and I strongly feel that a good quality consultation is the foundation of every successful medical aesthetic procedure. The tools being put together for this campaign are a welcome aid to help patients ask the right questions of their healthcare practitioner are better able to have a meaningful conversation about so that together they can make a confident, informed choice.”
Allergan, along with experts from the medical aesthetics industry, have prepared five questions that are designed to highlight whether a company producing medical aesthetics products is committed to quality. These questions have been structured to help a consumer understand more about the products and how they are manufactured, what sort of investment the company has made to understanding these products, and what level of commitment the company has to quality control, as well as research and development.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »