Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 55

Posts Tagged ‘alpini’

I novant’anni del locale Gruppo Alpini

Posted by fidest press agency su sabato, 9 giugno 2018

A Poirino domenica 17 giugno si festeggeranno i novant’anni del locale Gruppo Alpini, che dipende della Sezione A.N.A. di Torino, i cui dirigenti hanno deciso di tenere proprio a Poirino l’annuale raduno sezionale. I poirinesi sono riconoscenti agli Alpini, per la loro costante presenza e collaborazione in occasione di manifestazioni pubbliche e, soprattutto, per i soccorsi prestati alla popolazione locale in occasione dell’alluvione del 1994.
Sabato 16 giugno alle 16 sono in programma l’omaggio al Campo della Gloria e al monumento alla “Madona di solda”. Dalle 16,30 in poi sulla Passeggiata Marconi si potrà visitare la Cittadella della Protezione Civile della sezione A.N.A. di Torino, a cui sarà presente anche il Gruppo Cinofili. Alle 21 la “Serata Alpina” nel salone Italia proporrà il coro “Stella alpina” di Alba, le voci della Filarmonica di Poirino e lo chansonnier Franco Marocco.
Domenica 17 alle 8,30 sono in programma il ritrovo dei partecipanti in piazza Reggimenti Alpini e la colazione alpina, alle 9,30 la cerimonia dell’alzabandiera, alle 9,45 la sfilata con la Fanfara Montenero e con la Filarmonica di Poirino, alle 10,15 l’omaggio al monumento ai Caduti, alle 10,30 i discorsi delle autorità e la premiazione dell’Alpino dell’anno, alle 11 la Messa, alle 12 la benedizione del nuovo vessillo sezionale e la cerimonia del “Passaggio della stecca” al Gruppo Alpini di Balangero e infine alle 13 il pranzo in piazza Reggimenti Alpini.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Servizio civile obbligatorio? Lasciate perdere signora ministra e signor militare… non vi compete e sareste liberticidi

Posted by fidest press agency su martedì, 16 maggio 2017

Roberta PinottiC’era la festa degli Alpini e la ministra della Difesa, Roberta Pinotti, forse per non doversi limitare a svolgere il proprio ruolo istituzionale per ricordare la cosiddette gloriose presenze puniche degli Alpini nel secolo scorso, ha pensato che fosse bene dare un proprio contributo politico ed umano: il servizio civile obbligatorio. E le ha fatto eco il capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale Claudio Graziano. Scartata, per il momento, una qualche voglia di ritorno al servizio militare obbligatorio, voglia che, invece, non e’ marginale in alcuni nostri partner europei.
Domanda: ma perche’ un giovane dovrebbe sottoporsi a questa obbligatorieta’? Secondo ministra e generale la vita di un giovane che ha appena finto la scuola dell’obbligo, sarebbe dello Stato.
A noi sembra balzana l’idea che a proporre questo obbligo siano istituzioni militari e non civili… forse e’ un servizio civile che serve ai miliari o che li sostituisce in qualche loro funzione? C’e’ qualcosa che non ci torna, oppure non abbiamo capito niente del servizio civile, mentre per le nostre istituzioni militari continua, come era nel secolo scorso fino alla fine dell’obbligo del servizio militare, un’alternativa alla ferma obbligatoria, alternativa gestita dalle stesse strutture militari. Comunque, non crediamo che siamo rimasti indietro o disinformati, ma solo che Pinotti e Graziano abbiamo solo espresso opinioni al di fuori del loro ambito di competenza, senza accorgersene perche’ probabilmente sono rimasti con la testa al secolo scorso.
Ma siamo sicuri che la vita di un giovane appartenga allo Stato? Era cosi’ quando c’era l’obbligo del servizio militare anche negli Stati democratici, e’ cosi’ e’ in quegli Stati che hanno sistemi democratici traballanti o discutibili rispetto al nostro (cosiddetto Occidente) modello. Nelle democrazie moderne il principio base e’ la liberta’ del cittadino individuo, lo Stato servizio, l’economia di mercato. Se invece leviamo questa liberta’ di scelta, torniamo allo Stato nazione, alla patria; e di conseguenza: economia nazionale e monopolista, identita’ etnica e razziale come pilastro… cioe’ tutto quello che ha distrutto il mondo nei secoli scorsi e che ha avuto la massima espressione nel nazismo e nel fascismo del secolo scorso.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Carlo Fettarappa Sandri: La guerra sotto le stelle

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 aprile 2012

Ortler Massiv

Ortler Massiv (Photo credit: Stocki's Bikes)

Episodi di guerra alpina: Stelvio, Ortler, Cevedale, San Matteo 1915-1918 a cura di Luciano Viazzi Dalla viva voce dei protagonisti il racconto delle operazioni che si sono svolte nella regione dell’Ortler, il fronte più elevato e più difficile dove si sia mai combattuto. Gli alpini che vi hanno partecipato, scalando montagne impervie e ghiacciai desolati, testimoniano la vita in trincea di fronte a un nemico implacabile, sotto l’incessante tormento del fuoco avversario e in condizioni fisiche, ambientali e meteorologiche fino ad allora ritenute impossibili. Pagine 164 (testo: 152 + inserto: 1/12) Euro 15,00 Codice 14331X EAN 978-88-425-4983-3 Mursia editore

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il partito democratico con gli alpini

Posted by fidest press agency su martedì, 21 giugno 2011

Una delegazione di Parlamentari del Partito Democratico, composta dai Senatori Mauro DEL VECCHIO e Magda NEGRI e dai Deputati Mario LOVELLI e Giorgio MERLO, ha trascorso ieri una giornata con gli alpini del Comando della Brigata Taurinense e del dipendente 3° Reggimento, nelle loro storiche sedi di Torino e Pinerolo. “La Brigata Taurinense è una preziosa risorsa delle nostre Forze Armate e dell’Italia, perché sa esprimere grande capacità operativa, grazie alla spiccata professionalità, alla forte tenacia ed all’elevatissimo senso del dovere del personale militare che la compone” hanno dichiarato al termine della visita i Parlamentari del PD.
Il Senatore Mauro DEL VECCHIO, che ha operato più volte all’estero con gli alpini del Comando della Brigata Taurinense e del 3° Reggimento, ha aggiunto che “l’impegno di questi nostri soldati nelle operazioni per la pace nelle aree di crisi è sempre stato pienamente apprezzato dalla Comunità internazionale e dalle popolazioni che li hanno visti operare con spirito di solidarietà e grande equilibrio. Gli alpini della Taurinense hanno sempre rappresentato l’Italia in maniera estremamente positiva ” La Senatrice Magda NEGRI ed i Deputati Mario LOVELLI e Giorgio MERLO, eletti nelle circoscrizioni del Piemonte e quindi interessati ai rapporti tra le diverse componenti della Regione, hanno sottolineato a loro volta come “la simpatia e la vicinanza, che in ogni circostanza gli Italiani manifestano nei riguardi dei soldati della Taurinense, testimoni i sentimenti di affetto e di fiducia che la gente nutre verso questa Unità militare ed i Reggimenti in cui si articola. La presenza degli alpini in Piemonte è fortemente gradita alla popolazione della Regione, come ancora una volta ha dimostrato la corale partecipazione di cittadini piemontesi al recente Raduno Nazionale degli alpini a Torino”. Le visite a Torino e successivamente a Pinerolo hanno consentito ai Parlamentari del Partito Democratico di approfondire le problematiche del comparto della Difesa e di recepire le aspettative dei militari e dei civili che operano nei Reparti visitati. Le visite si sono concluse con gli incontri di tutto il personale delle strutture visitate, durante il quale i Senatori ed i Deputati hanno espresso vivo apprezzamento per i successi della Brigata Taurinense e del 3° Reggimento alpini e grande riconoscenza per l’impegno sempre assolto con efficacia ed in silenzio, anche a costo di grandi sacrifici e talvolta, purtroppo, di tragiche perdite di vite umane.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rudyard Kipling: La guerra nelle montagne

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 maggio 2011

Impressioni dal fronte italiano A cura di Massimo Zamorani «Per un lavoro speciale, ci vogliono gli specialisti; ma per ogni lavoro, ci vogliono soprattutto i giovani! La sezione del fronte italiano dove gli uomini devono essere pratici di alpinismo e di arrampicata è difesa dai reggimenti degli Alpini». È un appassionato, persino affettuoso ritratto quello che Rudyard Kipling ha dedicato alle nostre Penne Nere impegnate sul fronte durante la prima guerra mondiale. L’autore del Libro della Giungla arrivò in Italia nel 1917 e viaggiò come inviato lungo tutto il fronte: sul fiume Isonzo, il monte Podgora, il monte Nero, Gorizia, Cortina, le Alpi Carniche. Da quel «corpo di giovani scapestrati, con il carattere tosto, l’aspetto curato e lo sguardo inflessibile», Kipling rimarrà letteralmente affascinato regalando agli Alpini pagine straordinarie pubblicate dai giornali dell’epoca e raccolte in questo volume – completato una breve storia del corpo militare – a cura di Massimo Zamorani. Pagine 128 Euro 12,00 Codice 14262V EAN 978-88-425-4803-4 Mursia editore.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Talamo trasportato a spalla dagli alpini

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 aprile 2011

Il Talamo trasportato a spalla dagli Alpini, che raffigurava l’ostia consacrata del Miracolo Eucaristico di Lanciano, ha concluso stamattinala Sagradei Talami di Orsogna (Chieti), dando vita a un ideale e originale gemellaggio tra due delle espressioni più significative della devozione religiosa in Abruzzo. I sette quadri biblici viventi, interpretati da attori immobili su un palco con il fondale dipinto, sono sfilati tra le vie del paese tra una folla di turisti e orsognesi. Talami molto eleganti, particolarmente curati nell’allestimento scenografico e nei costumi, hanno dato vita a una delle edizioni più belle degli ultimi anni. Dal balcone del Municipio, durante la sfilata finale, l’Arcivescovo di Lanciano-Ortona, Monsignor Emidio Cipollone, ha commentato i passi del Vecchio e Nuovo Testamento al quale si sono ispirati i singoli carri. E’ stata l’occasione, tra l’altro, per ricordare l’origine del Miracolo Eucaristico e la vicenda delle reliquie conservate nella Chiesa di San Francesco. I carri, preceduti dai giovanissimi musicisti dell’Orchestra “Domenico Ceccarossi”, composta dagli alunni dell’Istituto comprensivo di Orsogna, sono il frutto del lavoro di settimane di artisti e volontari, coordinati dall’Associazione culturale Talami. Questi i titoli delle scene rappresentate lungo le strade del paese: I Talamo, “Il sacrificio di Melchisedek” (realizzato da Tommaso Bucci); II Talamo, “Il sacrificio di Isacco” (Maria Antonietta Zumbo); III Talamo, “L’agnello pasquale” (Anna Maria D’Ancona); IV Talamo, “La moltiplicazione dei pani” (a cura degli alunni della Scuola Media di Orsogna coordinati dall’insegnante Graziella Gentile); V Talamo, “L’ultima cena” (Roccomaria Ciancio e Samuel Di Domenica); VI Talamo, “La cena di Emmaus” (Annamaria Cavaliere); VII Talamo, “Il pane del cielo” (realizzato dall’Associazione Talami e trasportato dal Gruppo Alpini Orsogna). Il filo conduttore dei sette carri è «Signore, da chi andremo? L’Eucarestia per la vita quotidiana», lo stesso del Congresso eucaristico nazionale che si terrà a settembre ad Ancona. Da segnalare la presenza in paese di una delegazione di York, la città inglese che ospita i Mystery Plays, rappresentazione religiosa molto simile ai Talami. Il prossimo appuntamento è ora per la sera di Ferragosto, quando i quadri biblici viventi sfileranno in notturna lungo piazza Mazzini.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Aiuto diretto nella bolla di Bala Murghab

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 marzo 2011

Derwish e Ghandab sono due villaggi da poco entrati nella bolla di sicurezza di Ala Murghab sotto la responsabilità della Task Force North. Villaggi bisognosi di tutto, ridotti in miseria dalla presenza ostile dell’area. Grazie ai fondi italiani per la cooperazione civile-militare, gli alpini della Task Force North hanno operato, nei giorni passati, per dare anche a questi cittadini nuove aspettative per il futuro. L’accesso ai fondi unito alla generosità dell’Associazione Regina Elena di Palmanova, che collabora da tempo con reggimento che opera al confine con il Turkmenistan, ha portato alla donazione di quanto necessario: cibo, vestiti, giocattoli, medicinali. Nei giorni scorsi, alla presenza dei capi villaggi, sono stati distribuiti riso farina e olio insieme a vestiti e calzature oltre a numerosi giocattoli. 300 famiglie hanno beneficiato della donazione. Nell’occasione si è provveduto a sviluppare il programma di sostegno all’attività sanitaria afgana, in cui il Ten. Trivisani (dottore della Task Force North) ha collaborato con personale sanitario locale nel visitare oltre 200 pazienti e nel distribuire medicinali. Ora l’impegno della Task Force North si focalizzerà nello sviluppo del settore educativo dell’area, sostenendo progetti che mirino a realizzare nuovi edifici scolastici oltre a fornire indispensabili materiali didattici.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Afghanistan: funerali ai 4 alpini a Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 12 ottobre 2010

Roma, 12 ottobre 2010. Nella basilica di Santa Maria degli Angeli alle 10.30 saranno celebrati i funerali delle quattro vittime italiane in Afganistan. Alla cerimonia l’Italia dei Valori sarà presente a rendere omaggio, l’on. Antonio Razzi e moltissimi altri esponenti   tra cui il Presidente Di Pietro.   «Memoria, riconoscenza, affetto, dolore e solidarietà per le famiglie di queste vittime innocenti uccise vigliaccamente nell’atto di compiere il proprio dovere. Anch’io ho due figli maschi della stessa età e non oso immaginare il dolore dei genitori che se li son visti togliere agli affetti così violentemente- ha detto in una nota Razzi- ma pervade nella coscienza di ciascuno di noi anche il senso di colpa per non aver potuto evitare l’irreparabile».

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli alpini sfilano in piazza a Orsogna

Posted by fidest press agency su domenica, 18 luglio 2010

Centinaia di alpini sfileranno domenica 18 luglio – per le strade di Orsogna (Chieti) in occasione del gemellaggio che unirà i gruppi di L’Aquila, Leonessa, Orsogna e Penne. I momenti istituzionali, come sempre, si coniugheranno a luculliane degustazioni. Gli alpini stanno già arrivando in paese dove, nel pomeriggio di oggi (sabato 17 luglio), sono in programma un convegno sulla Protezione civile con la presentazione della Farmacia mobile della Sezione Abruzzi; l’alzabandiera e la deposizione di una corona d’alloro presso il Cimitero dei Caduti della Grande Guerra dedicato a Raffaele Paolucci, cui seguirà l’inaugurazione di un cippo in ricordo della manifestazione; in serata l’esibizione del coro degli Alpini di San Salvo e del coro La Figlia di Jorio di Orsogna, in contemporanea con l’apertura di stand gastronomici che, tra l’altro, offriranno l’asado argentino.
Alle ore 8.30 sarà celebrata la Santa Messa nella Chiesa di San Nicola di Bari. Alle 9.45 ci sarà un rinfresco preparato dal gruppo di Orsogna presso la sede di via Achille Rosica. Alle 10.30 sarà deposta una corona presso il Monumento ai caduti civili della Seconda Guerra Mondiale. Alle 11 comincerà la sfilata degli alpini per le vie di Orsogna. A mezzogiorno in piazza Mazzini sarà ufficializzato il gemellaggio tra i gruppi di L’Aquila, Leonessa, Orsogna e Penne. Alle 13 rancio alpino in piazza con menu popolare. Alle 16 ci sarà il concerto di una fanfara, alle 17.30 si chiuderà con l’ammaina bandiera presso il Cimitero dei Caduti della Grande Guerra.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diario di guerra

Posted by fidest press agency su martedì, 30 marzo 2010

Con gli alpini in Montenegro 1941-1943 di Vito Mantia. Un alpino ventenne, partito per il Montenegro con il battaglione «Feltre» nell’ottobre del 1941, annota su un taccuino le cronache di quei lunghi mesi di sofferenze. Mesi di guerriglia senza fronti e senza orari, tormentati da atrocità tali da indurre le autorità a un lungo, colpevole silenzio riguardo al fronte balcanico. Nel suo diario – completo di documentazione fotografica – Vito Mantia con grande sensibilità testimonia l’orrore di una guerra quasi dimenticata, ispirato non solo dagli eventi bellici in sé, ma anche e soprattutto dal vivo desiderio di dimostrare lo spirito con il quale gli alpini li hanno affrontati: senso del dovere, fratellanza, solidarietà vera, amor di patria. (Pagine 102 Euro 9,00 Codice 14147W ISBN 978-88-425-4438-8)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »