Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 349

Posts Tagged ‘amatrice’

Tornano ad Amatrice gli studenti dell’Università Europea di Roma e i giovani del Regnum Christi

Posted by fidest press agency su giovedì, 1 novembre 2018

Un gruppo di studenti dell’Università Europea di Roma, dopo l’esperienza della missione estiva, è tornata a trovare la gente di Amatrice da ieri e fino al 4 novembre 2018.
L’iniziativa è promossa da Gioventù Missionaria, apostolato del Movimento Regnum Christi, che aveva già organizzato una missione nei luoghi del terremoto nel mese di luglio, insieme al Centro di Pastorale dell’Università Europea di Roma.
Trenta giovani visiteranno nuovamente i luoghi del terremoto per incontrare le persone della zona, portando conforto, amore e speranza. Saranno accompagnati da due sacerdoti Legionari di Cristo e da alcune consacrate e collaboratrici del Regnum Christi.
“Avevamo promesso di tornare ad Amatrice, dopo la missione di luglio”, spiega Cecilia Bayón, consacrata del Regnum Christi. “Vogliamo mantenere un legame di amicizia con le persone che abbiamo conosciuto e che stanno vivendo un percorso di rinascita, dopo la tragedia del terremoto. La missione si svolgerà in un periodo dell’anno significativo. Sarà anche un’occasione per trascorrere insieme la Festa dei Santi e la Commemorazione dei defunti, condividendo momenti di raccoglimento e di preghiera”.
La missione ad Amatrice è una delle attività sociali a cui partecipano gli studenti nel corso dell’anno. L’Università Europea di Roma, infatti, ha tra i suoi obiettivi principali la formazione della persona. Una formazione che consenta non solo l’acquisizione di competenze professionali, ma che orienti i giovani ad una crescita personale e sviluppi uno spirito di servizio per gli altri.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

RomaAdottaAmatrice

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 aprile 2018

Ad Amatrice, Accumoli, Norcia ed Arquata del Tronto presto diventeranno realtà i quattro progetti finanziati con i circa 313mila euro raccolti attraverso l’iniziativa #RomaAdottaAmatrice, lanciata da Roma Capitale per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto del 24 agosto 2016.
I fondi, suddivisi equamente, contribuiranno a realizzare i progetti che sono stati indicati e proposti dalle Amministrazioni dei relativi Comuni.
“Sin dai primi giorni dopo il terribile sisma, Roma e i romani sono stati vicini ai territori colpiti con una grande testimonianza di solidarietà. Con #RomaAdottaAmatrice, abbiamo voluto dare una direzione precisa a questo nostro impegno, con una raccolta fondi per sostenere la realizzazione di progetti ed iniziative concrete e durature, individuate coinvolgendo direttamente i cittadini e le amministrazioni comunali. Un piccolo aiuto per far rinascere queste zone, le loro attività produttive e culturali, una rinnovata speranza per le popolazioni di Amatrice, Accumoli, Norcia e Arquata del Tronto”, afferma la sindaca di Roma Virginia Raggi.
Ad Amatrice, in particolare, si procederà alla delocalizzazione temporanea nell’area PIP delle imprese artigianali distrutte dal sisma. Si tratta di un contributo di solidarietà finalizzato, nello specifico, all’acquisto di beni, attrezzature ed impianti ritenuti indispensabili e necessari all’avvio delle attività.
Attraverso l’Università degli Studi della Tuscia, ad Accumoli nascerà un Centro di Eccellenza e formazione per gli Studi ecosistemici e l’Economia Circolare (C.E.S.E.E.C.), per la promozione, progettazione ed attuazione di programmi d’innovazione e trasferimento tecnologico, di ricerca industriale e sviluppo sperimentale e di alta formazione. Unendo gli aspetti della tradizione tipici dell’ambiente montano ad un sistema tecnologico avanzato, saranno creati “laboratori diffusi” con l’obiettivo di produrre green job nel settore dell’agricoltura, della conservazione della natura e dei servizi ambientali.
A Norcia, invece, sarà realizzata una struttura adibita in parte a foresteria ed in parte a centro congressi dove potranno essere ospitati convegni, master universitari ed eventi culturali.
Nella frazione Faete di Arquata del Tronto, sorgerà il Centro di Aggregazione Sociale, un edificio che avrà la funzione di primo ricovero e punto di ritrovo per la popolazione in caso di sisma, centro socio culturale adiacente al nuovo insediamento dei moduli abitativi di emergenza SAE, e ricovero per opere d’arte, come antichi quadri, portali in pietra e sculture, oggi conservate in magazzini al di fuori del territorio comunale, ma che fanno parte della memoria storica della popolazione.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ad Amatrice con aiuti concreti

Posted by fidest press agency su domenica, 27 agosto 2017

amatrice3WeWorld, Organizzazione non Governativa che da quasi vent’anni si occupa di difendere i diritti delle donne e dei bambini in Italia e nel mondo, a un anno dal terremoto che ha sconvolto il centro Italia e le cittadine di Amatrice e Accumoli, fa il punto della situazione.Nella città di Amatrice WeWorld Onlus ha dato vita al progetto “Aiuto diretto” per fornire un contributo in denaro che consentisse alle persone la ripresa di attività sociali ed economiche, in modo da accelerare, per quanto possibile, il ritorno alla normalità. Una forma di sostegno innovativa che dà fiducia e responsabilizza le persone.“260.000 euro di donazioni, 120 beneficiari diretti e 200 indiretti: sono questi i numeri dell’azione messa in campo da WeWorld già all’indomani del terremoto” – ha dichiarato Marco Chiesara, Presidente WeWorld Onlus – “chiunque sia stato colpito dal sisma vuole tornare nel minor tempo possibile a una vita normale; per questo abbiamo deciso di ascoltare e lavorare al fianco dei cittadini di Amatrice”. Un’auto, un pc, un telaio, una ricamatrice e corsi di perfezionamento: gli aiuti forniti da WeWorld Onlus sono risultati essenziali in un panorama ancora difficile per tutti i Comuni colpiti dal terremoto. Strumenti utili per ripartire e riprendere le attività economiche, sociali e lavorative.
“Sono ancora 2,3 milioni le tonnellate di macerie che invadono le strade di Amatrice e Accumuli – ha dichiarato Marco Chiesara – vi sono ritardi nell’assegnazione delle unità abitative, nella valutazione dello stato degli immobili, mentre i piani commerciali, che stentano a decollare, rallentano inevitabilmente la ricostruzione, ma nelle persone raggiunte dall’Aiuto Diretto di WeWorld Onlus abbiamo visto la voglia di tornare a progettare e sperare in un futuro più sereno”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Amatrice: American Organization Sheroes United meets mayor Pirozzi

Posted by fidest press agency su martedì, 22 novembre 2016

amatrice2Amatrice. A delegation from the American Organization SHEROES UNITED, as part of a round of institutional meetings in Italy, will visit Amatrice and they will meet with the Mayor Sergio Pirozzi. The purpose of visit is mainly the delivery of several hundred postcards with messages of solidarity and affection written by American children to children affected by the earthquake in central Italy. The delegation also discuss with Mayor possibilities/opportunities for fundraising among Americans and Italian Americans in support of the reconstruction of the Amatrice became the symbol of earthquake with its 298 victims.Leading the delegation will be the founder, President and Commander Celeste Gleave, USAF Honorary General and recent winner of the “Global Leaders Peace Award”, Executive Director Bridget Cook-Burch, writer and business coach, twice New York Times best-selling , Project Manager Jennifer Wright, coach and specialist in Neurokinesis and brain injuries, Karen Sabourin, CEO and co-founder of Prolympian International, Inc., Julie Forbes, Program Manager, Prolympian International, Inc.As part of SHEROES United’s commitment to addressing domestic violence and the dark culture of rape in everyday society of Congolese women, the non-profit is delighted to bring a new partner; an award-winning Canadian company, Prolympian International, Inc., which has developed a technique that drastically reduces or eliminates the effects of trauma and PTSD by using neurokinesis, without the use of drugs or medications. This powerful intervention, more effective than therapy, aligns with SHEROES United’s mission to support the building up of women from the inside-out. The SHEROES UNITED organizzation since several years deals to strengthen social inclusion policies, to promote active citizenship, and to enhance women’s leadeship in the world, operating in all countries of the world.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sisma: ad Amatrice emergenza minori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 31 agosto 2016

Auscultazione spalle bambino

543060306

«Assistenza farmaceutica a carico della regione anche nel Lazio dopo il terremoto? Sarebbe auspicabile. In particolare ad Amatrice a differenza che nelle altre località segnate dal sisma, c’è una popolazione di almeno 30 bambini sfollati negli accampamenti, più un’altra trentina rimasti nelle case, in condizioni spesso di precarietà o parziale inagibilità degli immobili». Antonio Masetti colonnello e pediatra vicepresidente dell’Associazione Pediatria per l’Emergenza Onlus, di fronte a una precisa domanda di DoctorNews, dice la sua da pediatra, al termine di una disamina degli sforzi compiuti dai pediatri di libera scelta sui due fronti del sisma. Le Marche hanno sospeso fino al 30 novembre la compartecipazione dei residenti nelle zone colpite alla spesa farmaceutica (consistente nella differenza tra prezzo del farmaco branded e del generico equivalente) e dietro presentazione di ricetta erogheranno a proprio carico anche i medicinali di fascia C che in tempi “normali” i cittadini pagano di tasca propria. Inoltre sospendono la richiesta di verificare l’autorizzazione per i bambini celiaci le cui famiglie acquistino alimenti speciali.
«Proprio quest’ultima iniziativa sarebbe auspicabilissima nell’immediato ad Amatrice dove, ripeto, i minori sono tanti», spiega Masetti. «È difficile che una famiglia accampata abbia la disponibilità delle cartellette con le esenzioni, e gli alimenti per celiaci andrebbero in questa fase di emergenza resi disponibili previa autocertificazione a voce». Masetti, laziale, è peraltro cosciente della difficoltà, anche burocratica, della sua regione in piano di rientro a derogare anche su limitati capitoli di spesa come invece hanno fatto le Marche. Si limita a sottolineare come le Marche siano all’avanguardia in molti campi: «Per esempio, sono una delle pochissime regioni insieme a Veneto e qualcun’altra a pagare il sostituto al medico che si rechi a titolo volontario ad aiutare le popolazioni colpite da catastrofi, agendo nell’ambito di associazioni coordinate dalla Protezione Civile. Per dire, i pediatri di libera scelta laziali pagano il sostituto di tasca loro. Comunque – ribadisce Masetti – eccoci pronti, in entrambi versanti dell’Appennino i pediatri si sono attivati per stilare un elenco di disponibilità ampio». L’associazione Pediatria per l’Emergenza Onlus guidata da Masetti, con cui la Federazione Italiana Medici Pediatri ha un rapporto di collaborazione (molti medici Fimp sono “pilastri” della Onlus) mette a disposizione della Protezione Civile circa 60 iscritti, prioritariamente per prestare assistenza nei Pass, i posti di assistenza sociosanitaria, cioè i poliambulatori allestiti nelle tendopoli. «Occorre distinguere due fasi nell’intervento sanitario post-terremoto», sottolinea Masetti. «La prima è l’emergenza, le 48-72 ore successive all’evento principale. In questa fase ci siamo attivati con la Croce Rossa Italiana, che ha scarsa disponibilità di pediatri, per dare assistenza a chi si presentava. Ci voleva un pediatra di supporto 24 ore su 24 in aggiunta alla pediatra locale, anche lei colpita dal crollo (ma poi rimasta in prima linea!) che ci ha indicato le famiglie dove potevano verificarsi emergenze. Ad Amatrice ad esempio c’era anche una neonata di 14 giorni che abbiamo reperito e assistito a domicilio. Poi c’è la fase post-emergenza: per questa l’Asl di Rieti ha programmato l’invio di pediatri dell’area provinciale, uno al giorno. Questi colleghi però hanno anche la loro popolazione da assistere e nel caso vi fossero difficoltà di reperimento di pediatri siamo pronti a garantire nostri volontari ove necessario». In modo analogo funziona l’assistenza dei medici di famiglia. In merito, ci viene innanzi tutto segnalata la grande disponibilità dimostrata dal medico di Arquata del Tronto che ha operato sia sul campo sia in reperibilità per la protezione civile e praticamente chiunque lo chiamasse per informazioni o aiuto. Per i Mmg dell’area è in prima linea, coordinata con la Protezione Civile, l’Associazione Nazionale Medici di Famiglia Volontari per le Emergenze-Amfe guidata da Domenico Barbati e da Vito Albano, responsabile della centrale operativa. Sono a disposizione per eventuali sostituzioni otto medici volontari posti a garantire la continuità dell’assistenza soprattutto ad anziani e malati cronici. (Mauro Miserendino – fonte doctor33) (foto: Auscultazione spalle bambino)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Terremoto in centro Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 24 agosto 2016

amatrice1Ancora siamo impegnati negli incendi boschivi, con le alluvioni di questi giorni che hanno colpito il nostro paese, con l’emergenza a Palinuro e con il soccorso quotidiano – circa 2100 interventi al giorno- e da questa notte con il terremoto si riparte per salvare vite umane.Le prime colonne mobili dei vigili del fuoco di tutta Italia si sono mosse questa notte e continuano a partire da tutte le città del paese.I primi soccorsi sono stati prestati dai comandi provinciali limitrofi alla zona dell’epicentro del sisma anche se non manca qualche eccezione come il comando provinciale di Terni che ha atteso fino alle ore 7,00 di questa mattina prima di far partire la colonna mobile ed organizzare bene i soccorsi, ha ragione il sindaco di Accumoli che ha visto i primi soccorsi dopo tre ore.Ma queste sono responsabilità che dovranno essere affrontate nei prossimi giorni all’interno del dipartimento VV.F.
Per il momento possiamo solo dire che la macchina dei soccorsi dei VV.F è in moto: si scava per recuperare altri corpi, famiglie intere e abbiamo sentore di bambini che mancano all’appello.La USB, senza essere “irriverente “ in questo particolare momento, vuole solo denunciare ciò che da anni va dicendo sulla necessità di un sistema di protezione civile efficiente con mezzi e uomini adeguati, necessari a salvare vite umane.In una epoca super tecnologica come questa, non si può certo cominciare ad organizzare il soccorso con le telefonate personali per allertare il personale libero dal servizio e farlo rientrare e non sapere nemmeno quanto tempo dovrà stare fuori dalle proprie residenze.Questa situazione non è che la ovvia conseguenza dei pesanti tagli delle risorse per i Vigili del Fuoco, tagli operati senza distinzione da tutti i governi dal 2.000 ad oggi cui va aggiunta la vera e propria privatizzazione del soccorso con la Riforma della Protezione Civile che il Governo Monti decise nel 2011 e fatta propria dai successivi governi Letta e Renzi. Riforma che è tutt’ora vigente. Lo stesso Governo Renzi con la Legge Stabilità approvata lo scorso dicembre 2015 ha deciso ulteriori tagli e il blocco delle assunzioni.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »