Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘ambiguità’

Commento BCE: Quando l’ambiguità è necessaria

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 gennaio 2021

A cura di Pasquale Diana, Senior Macro Economist di AcomeA SGR. In linea con le attese del mercato, la BCE ha deciso di lasciare i tassi invariati e di non annunciare nessuna nuova iniziativa. Nel comunicato la BCE conferma che continuerà gli acquisti nel PEPP fino almeno a marzo 2022, e, in ogni caso, finché sarà necessario. Il comunicato menziona che il PEPP non deve necessariamente essere usato per intero. Questa osservazione non è però del tutto nuova, essendo già stata fatta dalla BCE in dicembre. In ogni caso, la Banca Centrale Europea aggiunge che il PEPP può essere aumentato, se necessario. Nel corso della conferenza stampa, la Lagarde ha parlato di continui rischi al ribasso per la crescita, nonostante la conclusione della Brexit e l’inizio del processo di vaccinazione. In generale, gli sviluppi macroeconomici sono, tutto sommato, in linea con le aspettative di dicembre. L’inflazione rimane “estremamente bassa”, destinata a salire per questioni statistiche nei mesi a venire ma, in sostanza, ancora molto debole. Ricordiamo che nelle previsioni di dicembre la BCE aveva previsto un’inflazione dell’1% nel 2021, 1.1% nel 2022 e 1.4% nel 2023, in lieve flessione rispetto alle previsioni di settembre. In termini di inflazione sottostante (core), la BCE vede una risalita fino ad appena l’1.2% nel 2023. In parole povere, con i tassi allo zero e un’espansione di liquidità senza precedenti, la BCE vede l’inflazione core a poco più della metà del suo obiettivo nel medio periodo.Nel comunicato, la BCE si riferisce alla necessità di preservare “condizioni finanziare favorevoli”, lasciando un linguaggio molto vago. Nella conferenza stampa, alla Lagarde è stato chiesto di definire con più precisione in cosa consistano queste “condizioni finanziarie” e di esprimersi sul fatto che il PEPP aiuti a comprimere il rischio Paese anche laddove questo sia legato a questioni politiche, non pandemiche (il riferimento all’Italia era esplicito). In un capolavoro di eloquenza ambigua, la Lagarde ha risposto a queste domande dicendo che il suo approccio alle condizioni finanziarie è di tipo olistico, e include rendimenti governativi, corporativi, condizioni creditizie. In sostanza, la BCE non guarda un singolo indicatore. Per questa ragione la Lagarde non ritiene né opportuno né necessario commentare sugli spreads di un Paese in particolare (l’Italia). Questo set di indicatori rappresenta la “bussola” che la BCE usa per navigare. L’”ancora” rimane, come sempre, l’inflazione. Al di là delle metafore marinare, sembrerebbe facile criticare la BCE per una possibile mancanza di trasparenza. Quanto peso si dà a ogni componente delle condizioni finanziarie? Ed è vero o no che la BCE sta di fatto già adottando una politica di controllo della curva dei tassi (Yield Curve Control)? Con ogni probabilità, la Lagarde non risponde perché non vuole, ma anche e soprattutto perché non può. Questo perché l’urgenza pandemica ha creato una forte unità di intenti all’interno del consiglio BCE nel corso del 2020, ma probabilmente rimangono importanti divergenze tra i vari membri sull’orizzonte temporale degli acquisti e sulle condizioni di uscita dal PEPP. Finché l’inflazione rimane bassa e le economie deboli, questa ambiguità non rappresenta un problema. Al contrario, offre alla BCE tempo prezioso per risolvere internamente queste tensioni, probabilmente usando la strategy review. Nel frattempo, il controllo della curva dei rendimenti (implicito o esplicito) tramite la promessa di acquisti su scala massiccia rimane il modus operandi della BCE al fine di finanziare una politica fiscale espansiva. http://www.acomea.it

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Nella politica c’è un problema di legalità

Posted by fidest press agency su sabato, 24 ottobre 2015

legge-e-giustiziaOramai è evidente. Si può continuare a cercare di nasconderlo, ma la sostanza non cambia: nella politica italiana – dichiara il Sindacato Labor – c’è un problema di legalità. Per molto tempo si è creduto, o forse sperato, che si trattasse di mele marce all’interno di un meccanismo complesso, ma la verità è ormai venuta a galla e quelle mele merce non sono più dei casi episodici ma parte di un sistema ampiamente contaminato ed estraneo alle funzioni alle quali dovrebbe invece adempiere. Ovviamente – continua l’organizzazione – la politica non è la sola a doversi interrogare su questi temi; anche le strutture sindacali “tradizionali”, colpite di recente da numerosi scandali, dovrebbero dimostrare la reale intenzione di sgomberare il campo da ogni ambiguità. La verità però – conclude il Sindacato Labor –, e va detta, è che il disonestà, la corruzione e l’immoralità hanno ormai conquistato diversi campi della vita pubblica del Paese. Per sconfiggerle non si può attendere che la moralizzazione avvenga da parte di coloro che hanno già scelta di abbandonare il sentiero della legalità, ma serve un’aria nuova: soprattutto all’interno delle istituzioni.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Leggi che non tutelano i diritti

Posted by fidest press agency su giovedì, 22 marzo 2012

The Palace of Justice in Rome, Italy, seat of ...

The Palace of Justice in Rome, Italy, seat of the Supreme Court of Cassation. View from the opposite side of Umberto I bridge Français : Le Palais de Justice en Rome, Italie, siège de la Court de Cassation, vue de Pont Umberto I Deutsch: Die Justizpalast in Rom, die Oberster Kassationsgerichtshofs Palast Italiano: Il Palazzo di Giustizia, anche noto come Palazzaccio, sede della Corte di Cassazione, a Roma, visto dalla mezzeria di ponte Umberto I (Photo credit: Wikipedia)

I grandi geni della politica pidiellina Gasparri e Giovanardi, con la loro lettera al Capo dello Stato, in qualità di Presidente del Csm, lamentano che il Giudice della Cassazione Salvatore Di Palma con la sentenza della Corte di Cassazione n. 4184 del 15 marzo 2012, sui diritti delle coppie gay, ha “espresso opinioni del tutto personali su come il Parlamento dovrebbe operare in futuro”. Lorsignori, per farsi belli davanti al
cardinale o monsignore di turno, dimenticano che anche la Corte Costituzionale con la sentenza 138/2010 ha detto in modo chiaro e netto che la classe politica deve dare riconoscimento alle coppie conviventi che hanno rilevanza costituzionale. Entrambe le sentenze chiariscono definitivamente che i diritti non riconosciuti per l’immobilismo della classe politica possono anche essere fondato motivo per ricorsi legali delle coppie che con queste leggi subiscono ingiuste discriminazioni. E’ evidente che il loro nervosismo è dovuto al fatto che ormai in Italia, l’opinione pubblica, è sempre più consapevole della necessità di riconoscere le unioni e il matrimonio civile anche tra persone dello stesso sesso e le stesse forze politiche, pur con timidezze e ambiguità di ogni genere, dovranno prima o poi affrontare la questione.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Formigoni: caso Gheddafi

Posted by fidest press agency su martedì, 29 marzo 2011

Amico Gheddafi

Image by francesco elisei LI via Flickr

“Come sto cercando di spiegare da 3 anni, il Governo italiano, con la ratifica del Trattato di “amicizia” con la Libia si è impegnato a non far usare le basi sul nostro territorio per interventi armati considerati “ostili” dalla Libia. Dietro le dichiarazioni di oggi di Formigoni – che esce finalmente allo scoperto come favceva ai tempi del suo sostegno esplicito al criminale Saddam Hussein – si capisce che c’è una parte del Governo e della maggioranza che è contraria all’intervento militare per fermare il regime di Gheddafi. Dietro il rifiuto di sospendere formalmente il Trattato con la Libia – che mi dispiace UDC e FLI non abbiano compreso – sta questa ambiguità di fondo che conferma il fallimento della politica estera di Berlusconi che, non a caso, ieri sera clamorosamente escluso dal colloquio tra Obama, Sarkozy, Cameron e Merkel sulla crisi libica. Il Governo farebbe bene a chiarire urgentemente se oggi sostiene Gheddafi come Formigoni ha fatto quando sosteneva il regime di Saddam Hussein”. (fonte radicali)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Scismi e Michael Jones

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 settembre 2010

Nel Suo articolo “Il peccato contro la carità” apparso sulla rivista nordamericana “Culture Wars” e pubblicato in italiano dal sito Effedieffe.com, Michael Jones afferma che il problema del Concilio Vaticano II non è dottrinale ma soltanto disciplinare e che la volontà di non accettarlo da parte dei tradizionalisti li porterebbe allo scisma, il quale è un “peccato contro la carità”.  Ora vari teologi non “tradizionalisti” in senso stretto hanno constatato recentemente che gli errori e le ambiguità si trovano nella lettera dei Documenti conciliari e non solo nella interpretazione o spirito del Concilio, datane da alcuni teologi ultra progressisti (Küng, Schillebeeckx, Rahner e Metz).  Perciò il cattolico non è obbligato ad accettare le ‘novità’ del Vaticano II e può restare perfettamente cattolico, senza correre verso lo scisma.  A sua volta mons. Brunero Gherardini, direttore della rivista “Divinitas” della Città del Vaticano, ha scritto “Concilio Ecumenico Vaticano II. Un discorso da fare” (Frigento, 2009), in cui espone le contraddizioni tra dottrina cattolica tradizionale e innovazioni conciliari e chiede rispettosamente e fermamente al Papa di rispondere e dirimere la questione impegnando l’infallibilità, tramite un insegnamento dogmatico che definisca e obblighi a credere come divinamente rivelato quanto insegnato.  Non ha ricevuto alcuna risposta, ma neppure nessun rimbrotto o accusa di peccato contro la carità o di spirito scismatico. Lo stesso Gherardini ha scritto un secondo volume nel 2010 “La Tradizione. Vita e giovinezza della Chiesa” (Frigento), in cui ritorna sulle ‘novità’ conciliari e le mette a confronto col concetto cattolico, definito a Trento, di Tradizione divina e divino-apostolica. Idem ut supra: né risposta né reprimenda.
Nel passato prossimo Romano Amerio in Iota unum (Milano-Napoli, 1984) sviscerò le anomalie e le innovazioni della dottrina conciliare rispetto a quella cattolica tradizionale. Anche qui nessuna risposta ufficiale e nessuna censura.
Nel mese di dicembre del 2010 si terrà a Roma, vicino Piazza del S. Uffizio, un incontro teologico di tre giorni per discutere sul significato di “pastoralità” del Vaticano II e per chiedere al Papa una risposta chiara che definisca tale concetto e le sue conseguenze giuridico-morali-dogmatiche, le quali sono ancora molto vaghe.  Vi parteciperanno anche numerosi vescovi con Diocesi o cariche in Curia romana oltre a qualificati teologi. Come si vede la questione del Vaticano II e della sua obbligatorietà è ancora dibattuta ufficialmente in seno alla Chiesa romana.
Se un cronista, un polemista, un politologo o un “filosofo-politico” si mette a fare teologia, che è la più alta e difficile delle scienze in quanto ha come oggetto Dio sub ratione deitatis, rischia i prendere “lucciole per lanterne”, soprattutto se non esprime dubbi, domande, opinioni, ma emette censure irrevocabili e certe, poiché non ha studiato in maniera sistematica e scientifica filosofia e teologia scolastica e non sa esattamente di cosa stia parlando, pur essendo animato da ottime intenzioni. http://www.doncurzionitoglia.com/scismi_e_michael_jones.htm (D. Curzio Nitoglia) (in sintesi)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Coisp condanna quanto accaduto a Berlusconi

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 dicembre 2009

“La condanna per quanto accaduto a Milano ai danni del Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, deve essere univoca e senza ambiguità”. A dirlo è Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp –  il Sindacato Indipendente di Polizia. “E probabilmente – dice Maccari – l’episodio resterà isolato. Ciò che deve preoccupare invece sono i toni troppo alti  utilizzati da tutte le parti. Da parte di una politica che ha fatto dell’avversario il nemico da combattere, ingenerando, in chi non è capace di decodificare alcuni messaggi, un germe di odio che ha precedenti pericolosi nella storia di questo Paese. Ma alti sono anche i toni di coloro i quali nascondendosi dietro lo schermo della rete, per tutta la serata hanno lanciato messaggi inneggianti il gesto della persona che ha ferito il Presidente del Consiglio”. “Sono queste le situazioni che è necessario arginare – continua il Segretario Generale del Coisp – che è indispensabile monitorare perché i germi della violenza sociale, che possono sfociare in gesti estremi, messi in atto anche in maniera isolata ma da qualcuno di certamente fortemente condizionabile, nel 2000 prendono le moderne strade della comunicazione con un effetto moltiplicatore che può essere devastante”.  “La politica – conclude Franco Maccari – così come la società sono chiamate a un supplemento di responsabilità perché l’Italia non sia chiamata a vivere momenti tragici di cui resterà solo il sangue di vittime innocenti”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nature Morte

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 ottobre 2009

natura mortaRoma fino al 31/10/2009 alle 18.30 Via Velletri 30, Smac a cura di Graziano Menolascina  Un percorso attraverso l’opera fotografica di Matteo Basile’, le installazioni di Robert Gligorov e la scultura di Franco Menolascina.  Le opere fotografiche di Matteo Basile’, le installazioni di Robert Gligorov e le sculture di Franco Menolascina si mescolano nell’allestimento curato da Graziano Menolascina per costruire un racconto ideale sull’uomo contemporaneo e l’ambiente che lo circonda, sempre piu’ estraniante ed estraniato.  I tre artisti, attraverso una ventina di opere in tutto, interpretano il tema delle -Nature morte- da tre punti di vista: Matteo Basile’, importante protagonista della giovane scena italiana, reduce dalla recente Biennale di Venezia 2009, sonda il disagio dell’essere umano, l’ambiguità del diverso, il terrore dell’uomo anziano trasformato dal tempo che passa; con i suoi lavori Basile’ mette in scena il grottesco, una geografia umana alla ricerca di una identità come principesse decadute, vecchi che urlano tappandosi le orecchie, travestiti.  Franco Menolascina con le sue sculture di bronzo, ferro e ottone, intitolate -Trappole-, delinea la natura stravolta dall’uomo, l’ambiente riadattato e mutato da millenni di convivenza con l’essere umano.  Robert Gligorov, il provocatorio e spiazzante artista macedone, crea un -ponte- tra le due visioni del mondo: con i suoi artifici affronta l’universo del fantastico; le sue installazioni scioccanti innescano un corto circuito tra reale e immaginario; il suo obiettivo e’ svegliare l’osservatore da uno stato letargico utilizzando estreme forme di comunicazione. (nature morte)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il sistema Stato ed il sistema Paese

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2009

Esso è investito direttamente  dai prepotenti fattori culturali di mutazione globale. Ciò che ci interessa è la sicura interconnessione di questi due “mondi” calati nella triplice dimensione locale, nazionale e globale e sempre più riducibile alle due uniche polarità locale e globale, dando oramai per scontato che gli elementi strutturali di sussidiarietà e responsabilità, avendo raccorciato, e in moltissimi casi eliminato, la vecchia verticalità burocratica e centralista, finiscono il produrre identità fra il piano di responsabilità nazionale e gli ambiti propri delle azioni di governo locale vuoi comunale, provinciale o regionale. Governo locale e pubblica amministrazione locale finiscono con il costituire uno snodo culturale importante ed un punto privilegiato di osservazione della mutazione. Non tutto, però, è così lineare. Vi coabitano  parecchie ambiguità sostanziali, progettuali e funzionali che originano dal piano concettuale, investono a cascata il piano costituzionale, giuridico, regolamentare e sono pienamente avvertire a livello operativo locale da funzionari e decisori pubblici intermedi, e tendono sempre più a configgere proprio con gli emergenti scenari-macro di livello europeo.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Annullato il forum «sanità futura» di Cernobbio

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 Maggio 2009

Avrebbe dovuto aprirsi lunedì prossimo, 25 maggio, e protrarsi sino a tutto mercoledì 27 il forum Sanità Futura 2009, organizzato sotto la direzione scientifica del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, in programma a Villa Erba di Cernobbio. L’evento era quanto mai atteso perché, al di là dell’avere in scaletta tutti i principali temi della Sanità nazionale (nuova governance, ricerca biomedica, partnership pubblico-privato e molto altro), nella fattispecie della normativa ECM (Educazione Continua in Medicina) doveva esprimere linee-guida sicure per mandare a regime una fase di sperimentazione troppo reiterata e sin qui foriera più che altro di ambiguità e incertezze. Doveva. Perché con una decisione repentina e del tutto inattesa il Viceministro della Salute Ferruccio Fazio ha annullato il forum, rinviandolo sine die. Almeno per ora, dunque, si perde l’occasione per discutere di argomenti-chiave anche per gli organizzatori di eventi formativi medico-scientifici. Erano previsti: 1) un approfondimento sulle nuove regole ECM; 2) innovazione e opportunità di sperimentazione nel settore, con speciale riguardo ai criteri di accreditamento per i provider pubblici e privati, i provider FAD (Formazione a distanza) e il conflitto di interessi, alle modalità di sperimentazione per le nuove tipologie formative nel settore FAD, alla formazione sul campo, al Continuing Professional Development (CPD) e alla presentazione del primo Bando di finanziamento per sperimentazioni nel settore ECM; 3) le attività ECM nel nuovo sistema di formazione continua; 4) una sessione formativa sulle nuove procedure di accreditamento dei provider ECM: percorsi, modalità e tempi.Per il Presidente Federcongressi Paolo Zona «La federazione pone massimo rilievo alle attività concernenti l’Educazione Continua in Medicina, e da anni implementa azioni specifiche affinché questa fase di sperimentazione, ostinatamente iterata, con le inevitabili ripercussioni sulla capacità progettuale degli operatori e sulla certezza del lavoro, si traduca in una normativa certa e definitiva che rispetti i diritti e le esigenze di tutte le parti in causa: personale sanitario, pazienti, industrie farmaceutiche e organizzatori professionisti, da noi  appresentati. Ebbene, proprio per questo esprimo meraviglia e rammarico per una decisione tanto improvvisa quanto intempestiva, che annullando un evento di così grande valore informativo mette in grosse difficoltà tutti gli operatori, tra i quali gli organizzatori professionisti, che hanno bisogno primario di idee chiare sulla normativa per costruire strategie e creare posti di lavoro. In quest’ottica, a lasciarmi perplesso, più dello stesso rinvio, è l’improvvida tempistica: non si annulla un evento a soli cinque giorni dall’inaugurazione se non per ragioni veramente gravi, che ancora non sono state rese note e che ci attendiamo di conoscere quanto prima».www.federcongressi.it
Federcongressi è la federazione delle associazioni della meeting & incentive industry operanti in Italia. È organizzazione senza fine di lucro che nasce nel 2004 per dare voce e rappresentanza unitaria a un settore che ha rilevante importanza economica in termini di fatturato, di posti di lavoro e di indotto generato. La compongono le seguenti associazioni: AIMP (Associazione italiana meeting planner – Professionisti dei convegni), Apicef (Associazione professionisti e imprese congressi e fiere), Italcongressi-PCO Italia (Associazione nazionale imprese dell’industria congressuale), Meet in Italy (network delle località congressuali italiane meglio attrezzate), MPI Italia (capitolo italiano di Meeting Professionals International, la più grande community mondiale di professionisti degli eventi) e SITE Italy (capitolo italiano della Society of Incentive Travel Executives, l’unica associazione internazionale dedicata alla motivation by events). Federcongressi si propone di rappresentare la meeting & incentive industry italiana presso le istituzioni, nonché di studiare forme di promozione dell’Italia congressuale all’estero, favorire una nuova normativa di settore, sostenere la qualificazione delle risorse professionali e patrocinare studi e analisi di comparto, divulgando in tal modo nozioni sugli aspetti giuridici, normativi e organizzativi relativi alle professioni della filiera.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Testamento biologico

Posted by fidest press agency su venerdì, 27 marzo 2009

“Riteniamo la legge sul testamento biologico un grave attacco alla professione medica, in quanto mina profondamente le basi della deontologia professionale, ponendo in essere la possibilità di non rispettare le volontà del paziente e attaccando l’autonomia professionale”, così Rita Chiavoni della RdB-CUB Medici, sul provvedimento in discussione al Senato.  “Il principio base della professione, l’agire in scienza e coscienza – precisa Chiavoni –  viene reso subalterno a possibili variabili burocratiche che potrebbero condurre il medico ad azioni contrarie a tale principio. Di fatto la legge introduce una forte ambiguità nel rapporto medico paziente, non più regolato dalla fiducia reciproca nel rispetto delle convinzioni etiche e religiose della persona malata e della libertà di autodeterminazione, e rappresenta un incitamento grave al non rispetto delle norme costituzionali”.  “Questo è solamente l’ultimo dei gravi attacchi realizzati dal governo nei confronti degli operatori sanitari, che si tenta di condurre verso l’asservimento ad una visione più di controllo che di cura come nel caso dell’ignobile denuncia degli immigrati irregolari. La RdB-CUB Medici invita pertanto tutti medici e i cittadini ad attivare forme di contrasto contro questi attacchi e contro lo smantellamento della Servizio Sanitario nazionale, e sollecita alla partecipazione alla manifestazione nazionale indetta dal Patto di Base per il prossimo 28 marzo a Roma”, conclude la rappresentante RdB-CUB.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »