Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘ambulatori’

Cronicità, Senior Italia FederAnziani: mancano i DPI per riaprire gli ambulatori

Posted by fidest press agency su sabato, 30 Maggio 2020

«Mettere subito gli ambulatori specialistici territoriali in condizione di riaprire e riprendere le loro attività di presa in carico di pazienti cronici e di attività diagnostica, anche attraverso un’adeguata dotazione di dispositivi di protezione individuale, la cui mancanza è spesso la causa dell’impossibilità di riaprire anche in quelle Regioni dove le linee guida sono già pronte. Questo l’appello lanciato dalle società scientifiche e dalle organizzazioni di medici riunite nell’Advisory Board di Senior Italia FederAnziani che ha promosso la tavola rotonda virtuale “Il problema delle cronicità al tempo del COVID -19” nella quale medici e pazienti hanno presentato le proprie criticità al Vice Ministro della Salute Pierpaolo Sileri.Tra le proposte chiave dei medici c’è il rafforzamento del numero di specialisti negli ambulatori e la valorizzazione del lavoro multidisciplinare, e della telemedicina e del telemonitoraggio, della medicina personalizzata, la somministrazione delle terapie a domicilio, ove possibile, anche prevedendo, come accade in oncologia, la consegna dei farmaci a domicilio o nella farmacia di prossimità. Occorre rafforzare il rapporto tra centri ospedalieri, poliambulatori specialistici territoriali e la medicina generale. Puntare cioè sull’integrazione e il ricongiungimento del dato tra medicina del territorio (medicina generale e specialistica ambulatoriale) e specialistica ospedaliera, attraverso una grande accelerazione sul fascicolo sanitario che dovrebbe essere impressa a livello centrale. Mantenere un canale aperto tra decisori e società scientifiche e sindacali in modo che collaborazione basata su evidenze scientifiche sia quanto più fattiva possibile. Sono 16 milioni in Italia i pazienti ipertesi che, a meno che non abbiano avuto un problema acuto, in questo periodo non sono stati visitati. Anche l’oculistica si è fermata, tanto più che data la prossimità nelle visite tra medico e pazienti in assenza di DPI è impossibile lavorare in sicurezza. Tutta la macchina deve ripartire con urgenza.
Il Vice Ministro Sileri ha annunciato la presentazione al Comitato Tecnico Scientifico del dossier elaborato dalle società scientifiche, dalle organizzazioni dei medici e da Senior Italia ed ha annunciato l’apertura di un tavolo che coinvolga i soggetti interessati in una discussione sulla nuova fase.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ambulatori, il vademecum per la gestione in sicurezza degli studi medici alla riapertura

Posted by fidest press agency su lunedì, 11 Maggio 2020

Spazio di 2 metri quadri per persona nelle sale d’attesa, il personale di segreteria dovrà indossare mascherine chirurgiche e i bagni dovranno essere attrezzati solo con materiale monouso. Queste solo alcune delle indicazioni contro il rischio di contagio stilate in un vademecum dall’Ordine dei medici (Omceo) di Roma rivolto agli operatori sanitari. Il documento, «in attesa di provvedimenti del Governo sulle regole da seguire per la gestione in sicurezza di studi, ambulatori e poliambulatori», contiene linee precise e dettagliate per l’organizzazione delle sale d’attesa, delle aree cliniche dove il paziente viene trattato, l’ingresso delle persone che hanno bisogno di essere accompagnate e le aree dove possono lasciare gli oggetti personali, l’utilizzo dei bagni. In particolare, sulle prestazioni medico-odontoiatriche viene indicato di fornire al paziente tutte le informazioni utili, invitandolo a contattare il professionista per qualsiasi nuova sintomatologia non evidenziabile al momento della visita, imputabile ad una possibile infezione da Sars-CoV2.
Il vademecum prevede l’eliminazione di riviste e giocattoli per bambini, schermi protettivi alla reception, penne non riutilizzabili per le firme. Il paziente deve riporre gli oggetti personali come borse e cellulari in un apposito contenitore personale monouso che va consegnato prima di entrare nell’area clinica. I bagni dovranno essere attrezzati solo con materiale monouso. Il personale di segreteria dovrà indossare mascherine chirurgiche e provvedere alla disinfezione delle mani o indossare guanti monouso. Per quanto riguarda le aree cliniche, se il paziente può mantenere la mascherina durante la visita, allora l’operatore indosserà una mascherina Ffp2, se invece il paziente non può indossare la mascherina (come dal dentista o dall’otorino, per esempio) l’operatore indosserà visiere/schermi, occhiali protettivi e mascherine con capacità filtrante Ffp2 o superiore. Il vademecum specifica che tutte le attività che vengono svolte per il singolo paziente devono essere precedute da una opportuna preparazione dello strumentario su piani di lavoro disinfettati; gli strumenti che generano aerosol devono essere sostituiti, devono essere utilizzati sistemi di aspirazione che riducano la dispersione di aerosol nell’ambiente circostante.L’Omceo, inoltre, precisa che, dove possibile, va l’ingresso ad accompagnatori, che in ogni caso devono essere anch’essi sottoposti a triage, come i pazienti. Mascherine adeguate verranno fornite dall’ambulatorio a chi ne è sprovvisto. Per ridurre il consumo improprio ed eccessivo di Dpi – scrive l’Ordine dei medici – è opportuno che gli operatori evitino di uscire dalle aree cliniche durante visite e trattamento dei pazienti. Nelle aree che sono ad esclusivo uso degli operatori sanitari, bisognerà portare sempre la mascherina se ci sono più persone e non si può rispettare la distanza di sicurezza, le divise da lavoro non devono essere portate a casa ma lavate all’interno del presidio sanitario o consegnate a una ditta specializzata. La consegna di materiale e dispositivi medici deve avvenire ad orari concordati, su appuntamento e in prossimità dell’ingresso. (by Anna Capasso fonte: Doctor33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: Chiudono cinque ambulatori per poveri

Posted by fidest press agency su martedì, 18 luglio 2017

regione lazioIl mancato rinnovo della convenzione con Medicina solidale è un affronto al mondo della solidarietà che non possiamo tollerare. Apprendere che per banali motivi burocratici e rimpalli di responsabilità tra il presidente Zingaretti e la Direzione del Policlinico Tor Vergata sul riconoscimento delle attività di questa Onlus, si chiudano 5 ambulatori su territori difficili e si metta a rischio un servizio che ogni anno garantisce servizi sanitari a migliaia di persone altrimenti impossibilitate ad accedere a medicinali e cure, è non solo illogico ma insopportabile. Presenteremo un’interrogazione urgente al presidente Zingaretti e invieremo una nota alla Dottssa Frittelli direttore generale del Ptv per capire cosa sta accadendo e quali sono i motivi di questa assurda situazione che speriamo possa essere sanata il prima possibile. Inoltre non comprendiamo come ad oggi l’atto aziendale del Policlinico continui a mietere vittime senza che sia stato condiviso con il Consiglio regionale e la commissione salute competente. Nell’esprimere solidarietà a tutti i medici e al personale volontario che si impegna con Medicina solidale da anni per i più poveri, ricordiamo che il loro non è solo un lavoro prezioso ma un fondamentale ruolo di vigilanza e prevenzione sulla diffusione di possibili epidemie che potrebbero diffondersi tra la popolazione e, dunque, anche tra i romani. Un avamposto imprescindibile a garanzia della salute pubblica che deve essere garantito e incentivato in ogni modo.E’ quanto dichiara Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lazio, aprono ambulatori Med per codici bianchi e verdi

Posted by fidest press agency su lunedì, 7 Maggio 2012

Semaforo verde nel Lazio per gli ambulatori Med, le strutture della medicina di famiglia che dovranno sgravare i pronto soccorso dagli accessi impropri. Nei giorni scorsi, infatti, hanno iniziato ad aprire i battenti i 13 ambulatori previsti dall’accordo firmato nelle settimane scorse da Regione e sindacati della Mg. In base all’intesa, che scadrà nell’aprile del 2013, i centri Med “Percorso Veloce Codici Bianchi e Verdi” resteranno aperti sette giorni su sette, dalle 8 alle 20, e l’accesso sarà regolato dal triage del Ps (al contrario degli ambulatori blu, altra esperienza imperniata sulla Mg e chiusa recentemente con buoni risultati, dove l’accesso era solo spontaneo). In più, dal 26 aprile è in funzione negli stessi orari una centrale operativa (al numero 06.58702464) dalla quale una squadra di medici di famiglia offre assistenza “on call” su eventuali urgenze e sulle Ucp (Unità di cure primarie) disponibili in zona. Dei 13 ambulatori Med già aperti o in via di apertura sette sono collocati in aziende ospedaliere romane e gli altri ad Anzio, Civitavecchia, Latina, Frosinone, Cassino e Viterbo. «Con queste strutture» spiega il segretario regionale della Fimmg, Pierluigi Bartoletti «si compie un altro passo verso quella rete “hub&spoke” di ambulatori diagnostici h12 e Ucp che rappresenta la nostra proposta di riorganizzazione regionale delle cure territoriali. Dopo gli ambulatori blu, il programma Med ci dà il tempo di lavorare all’integrazione ospedale-territorio ed educare i cittadini a un uso appropriato degli studi di Mg da un lato e dei Ps dall’altro». I medici di Mg in servizio percepiscono 35 euro all’ora per un massimo di due turni di quattro ore ciascuno.(fonte doctornews33)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma ospedale Fatebenefratelli isola Tiberina: inaugurazione nuovi ambulatori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 7 marzo 2012

English: Western end of Isola Tiberina. Note t...

Image via Wikipedia

Roma Renata Polverini, giovedì 8 marzo, ore 9:30, per l’inaugurazione dei 40 nuovi ambulatori specialistici dell’Ospedale San Giovanni Calibita (Fatebenefratelli – Isola Tiberina) presso il palazzo di Lungotevere de’ Cenci 5, realizzati anche con il contributo della Regione.
Neonatologia, ginecologia, medicina, chirurgia, endocrinologia, ortopedia, otorinolaringoiatria, oculistica, dermatologia, anestesiologia, psicologia, cardiologia, neurologia: queste le specialità a disposizione dei cittadini nei nuovi locali al secondo piano del Centro San Benedetto Menni, inaugurato lo scorso anno per accogliere gli uffici amministrativi. I nuovi ambienti di circa 1500 mq distribuiti su un piano, ospiteranno anche sei box per ecografie, due riuniti odontoiatrici, una sezione toracica, due ambulatori per le attività di preospedalizzazione e lo Sportello per offrire assistenza socio-sanitaria a donne vittime di violenza, da anni già operativo nell’Ospedale e gestito in collaborazione con l’Associazione Doppia Difesa.
La cerimonia d’inaugurazione alla quale prenderanno parte il Vicepresidente Operativo dell’Ospedale, Fra Rudolf Knopp, il Direttore Generale, Carlo Maria Cellucci e il Priore, Fra Benigno Ramos, coincide con la Solennità di San Giovanni di Dio, Fondatore dell’Ordine Ospedaliero dei Fatebenefratelli.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Protesi mammarie e rischi

Posted by fidest press agency su lunedì, 2 gennaio 2012

Secondo i dati diffusi dall’Afssaps, l’agenzia francese per la sicurezza dei farmaci, il numero delle nuove vittime delle protesi PIP difettose è pesante. Nell’ultimo comunicato diramato ieri da questa istituzione, ha aggiunto che sono stati segnalati 20 casi di cancro in donne con questi impianti. Per il momento comunque, non è provato il nesso tra protesi e queste patologie. In dettaglio, sono 3 casi di linfoma, quindici casi di adenocarcinoma mammario (la forma più comune di cancro al seno), un caso di adenocarcinoma polmonare e uno di leucemia mieloide acuta.
L’Afssaps ha così identificato, in totale, sedici casi di tumori maligni del seno, tra cui un caso di linfoma del seno estremamente raro e quattro casi di tumori maligni che non pregiudicano il seno. Secondo questo nuovo bollettino, sono stati segnalati all’agenzia 1.143 interruzioni di impianti, nonché 495 casi di reazioni infiammatorie. Espiantate 672 protesi, di cui ventitré fallimenti sono stati scoperti nell’espianto oltre quattordici casi di “traspirazione” del gel. Colpite tra 400.000 e 500.000 donne. In totale, circa 30.000 donne avevano in Francia degli impianti del var Poly Implant protesi (PIP), società che utilizzava fraudolentemente gel di silicone non autorizzato. E’ probabile che queste protesi sono state vendute anche all’estero, a volte sotto un’altra marca e tra 400.000 e 500.000 donne sarebbero coinvolti nel mondo, tra cui da 40.000 a 50.000 nel Regno Unito, mentre secondo le prime stime sarebbero tra i 4.000 ed i 4.300 gli impianti di questo tipo effettuati in Italia.. Secondo Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti” in Italia il vero problema è, ora, quello di riuscire a risalire a tutte le donne con tale impianto. La difficoltà deriva principalmente dalla mancanza di un Registro nazionale degli impianti protesici, anche se un ddl per la sua istituzione è attualmente all’esame del Senato. Essendo le Pip protesi “a basso costo”, é inoltre ‘‘probabile che siano state utilizzate per scopi di chirurgia estetica specie in strutture non altamente qualificate o ambulatori chirurgici che non rilasciavano cartelle cliniche. Ma, rilevano gli esperti del Consiglio Superiore di Sanità, c‘è la possibilità che siano state impiantate anche in centri del Sistema sanitario nazionale per la ricostruzione mammaria a seguito di cancro.

Posted in Diritti/Human rights, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Croce rossa: si va verso la privatizzazione?

Posted by fidest press agency su sabato, 5 febbraio 2011

Roma, lunedì 7 febbraio Ambulatorio di Via Verrio Flacco 60 (L.go Preneste)  – ore 10.00 Assemblea pubblica. La chiusura dello storico ambulatorio della Croce Rossa Italiana in via Verrio Flacco 60 a Roma, determina per i cittadini del V° e VI° Municipio un ennesimo colpo nel già precario stato della sanità nella capitale. Questa unilaterale decisione assunta dagli attuali vertici della C.R.I., che si aggiunge alla chiusura degli altri ambulatori romani di via Luigi Cesana (quartiere Tiburtino) e via Pacinotti (zona Marconi), è solo l’ultimo tassello di un disegno volto alla dismissione dei servizi socio-sanitari erogati dalla C.R.I. ed alla privatizzazione definitiva dell’ente. Secondo l’Unione Sindacale di base, tale disegno va contrastato e combattuto a tutela dei soggetti più deboli (anziani, immigrati ed infermi) e dei lavoratori, i quali sono sottoposti ormai da tempo ad una mobilità forzata e selvaggia. USB invita pertanto tutti i lavoratori della C.R.I. e tutta la cittadinanza del V° e VI° Municipio a prendere parte all’assemblea pubblica che si terrà lunedì 7 febbraio, presso lo stesso ambulatorio di via Verrio Flacco 60 (l.go Preneste), per discutere e concordare le iniziative da intraprendere a difesa della salute e del lavoro.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lazio: apertura domenicale ambulatori medici

Posted by fidest press agency su giovedì, 20 gennaio 2011

Non poche polemiche ha suscitato il progetto denominato “Porte aperte al cittadino”, promosso della Regione Lazio per attivare anche di domenica gli ambulatori ospedalieri che nei giorni feriali spesso restano chiusi. Un iniziativa che purtroppo però non pone rimedio alla situazione di collasso all’interno dei reparti di Pronto soccorso, di Rianimazione e di Terapia intensiva di molti ospedali della Capitale, dovuta alla carenza di personale medico. “Ottima idea – afferma con sarcasmo Vittorio Marinelli, responsabile per il Lazio dell’Italia dei Diritti, in merito alla questione –, solo che l’unico ambulatorio che dovrebbe essere aperto è quello del Cim, altresì detto Centro di Igiene Mentale. La Polverini peraltro appartiene a quella generazione di baby boomer che da bambini cantavano a squarcia gola la canzoncina ‘Via dei matti numero zero’, mentre nella realtà si smantellano presidi di pronto soccorso che dovrebbero essere aperti, quelli sì, ventiquattro ore su ventiquattro, sette giorni alla settimana”.  L’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro continua imperterrito: “Ora si  adotta un provvedimento che per di più va a dispetto anche del papa sovrano. Scorda la Polverini le genuflessioni ultime passate del sindaco ‘Aledanno’, che ha presentato appunto l’ultimo danno, ossia la nuova giunta al pontefice romano. Scorda la collega della Pisana-Via dei Matti, la stessa deferenza avuta in campagna elettorale oltre Tevere. Scorda soprattutto che il settimo giorno anche il Signore si sia riposato, quello che vorrebbero fare i romani e i laziali di domenica, anziché assistere all’ottimo sfarzo della sanità pubblica a favore del privato”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La C.R.I. smobilita?

Posted by fidest press agency su venerdì, 31 dicembre 2010

Il Commissario straordinario della Croce Rossa Italiana, Avv. Francesco Rocca, in questi giorni sta dando una forte accelerazione al processo di smantellamento dell’Ente Pubblico C.R.I.. Con l’avallo della Direzione Generale e di numerosi Direttori di Comitato, il Commissario sta concretizzando una serie di licenziamenti che mirano a colpire i soggetti più indifesi a livello contrattuale, ovvero quei precari che da decenni lavorano con la C.R.I. e che proprio per questo motivo sono titolari di un processo di stabilizzazione mai avviato. Nella città di Roma sta poi chiudendo alcuni ambulatori pubblici (Via Luigi Cesana nel quartiere Tiburtino; Largo Preneste al Pigneto, Via del Porto Fluviale in zona Marconi) che da più di 50 anni fornivano servizi gratuiti alla cittadinanza. Inoltre il Commissario non rispetta le prerogative previste dalla Legge 104/92; mette in atto la mobilità selvaggia dei lavoratori senza preventivo accordo con le parti sociali; non applica gli accordi e viola le relazioni sindacali; non applica e viola costantemente le previsioni del T.U. 81/2008 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei posti di lavoro e ultimo, ma non per importanza, vorrebbe mettere il bavaglio ai lavoratori ed ai soci della C.R.I. attraverso l’adozione di un inaccettabile Codice Etico. Tale situazione sta portando all’esasperazione i lavoratori e i soci della C.R.I., che protestano a gran voce contro questo Commissariamento assolutamente fallimentare. L’Unione Sindacale di Base, stanca di questo atteggiamento dispotico, preannuncia una giornata di sciopero, che coinvolga tutte le realtà di Croce Rossa, al fine di restituire dignità e regole certe ai lavoratori e ai soci di questo Ente/Associazione.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le missioni di Regnum Christi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 28 luglio 2010

Negli Stati di Querétaro, Quintana Roo e Estado de Mexico dal 28 luglio al 20 agosto 2010 un gruppo di volontari italiani si recherà, come tradizione, per svolgere la sua missione Quest’anno circa cinquanta persone, tra famiglie e giovani tra i 17 e i 28 anni, dedicheranno la propria estate al servizio delle persone più bisognose. Le missioni si svolgeranno presso alcuni villaggi rurali che presentano situazioni di grande disagio e povertà. I missionari agiranno su più fronti: donando cibo, vestiti, beni di prima necessità, costruendo case e piccole infrastrutture ed offrendo attività di formazione umana e cristiana per i giovani, le famiglie, gli anziani e giochi per i bambini. Un’equipe di medici, infermieri e studenti di medicina allestiranno ambulatori in cui offriranno visite, interventi e assistenza sanitaria gratuita.
Gioventù e Famiglia Missionaria è un’organizzazione internazionale promossa dal Movimento Regnum Christi, presente in più di 20 Paesi. Ogni anno, nei mesi di luglio e agosto, Gioventù e Famiglia Missionaria organizza missioni umanitarie, mediche e di evangelizzazione in varie parti del mondo, radunando centinaia di giovani e famiglie in un grande sforzo al servizio degli altri. E’ possibile avere maggiori informazioni sulle missioni organizzate da Gioventù e Famiglia Missionaria visitando il sito http://www.demisiones.com/italia

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crisi, aumentano disturbi psicosomatici

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 Maggio 2009

Aumentano i disturbi psicosomatici ‘da crisi’, che ormai incidono sul 20-30% dell’attività quotidiana dei medici di famiglia, con differenze notevoli nelle diverse aree del Paese. Sempre più pazienti, infatti, si presentano dal camice bianco con forme d’ansia che si manifestano con mal di testa, dolori allo stomaco, colite o altri disturbi fisici. “Problemi che colpiscono di più i pazienti della classe media che in passato si rivolgevano meno al medico di famiglia ma che ora sono tra i più assidui frequentatori degli ambulatori”, spiega Stefano Nobili, medico di famiglia e portavoce del Sindacato nazionale autonomo medici italiani (Snami) riunito a Torre San Giovanni Ugento (Lecce), dove è in corso il 28esimo Congresso nazionale. “Ansia e inquietudine sono sentimenti che ‘diagnostichiamo’ sempre più spesso – sottolinea – tra i nostri pazienti che, tra l’altro, reagiscono con molta più preoccupazione ai problemi di salute rispetto al passato”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »