Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Posts Tagged ‘anagrafe’

Italiani e migranti esclusi dall’anagrafe

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 luglio 2021

Giovedì 22 luglio alle ore 10.30 ActionAid lancia la campagna #DirittiInGiacenza per denunciare che troppo spesso nel nostro paese l’esclusione dalla residenza è discrezionale, illegittima e discriminatoria verso le persone più fragili, sia italiane che straniere. Per chiedere alla politica e alle amministrazioni di garantire l’iscrizione anagrafica, attiviste e attivisti invaderanno piazza Montecitorio a Roma con pacchi vuoti restati “in giacenza”, tornati al mittente per mancanza di indirizzo, simbolo dei diritti sospesi. Un’azione dal forte impatto visivo denuncia un problema sommerso e sconosciuto che accomuna italiani indigenti e migranti, la fascia della popolazione più fragile che spesso vive in condizioni abitative precarie e senza titoli di possesso delle proprie case e che subisce gli effetti più gravi della negazione di diritti fondamentali. All’azione prenderanno parte anche parlamentari di diversi schieramenti a cui ActionAid chiede di porre l’attenzione sulle discriminazioni collegate alla mancata registrazione all’anagrafe, rese ancora più gravi dalla pandemia.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Niente Bancomat niente certificati. Il Campidoglio ha già abolito la moneta”

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 gennaio 2019

Roma Anagrafe. Palumbo (PD): ” Niente Bancomat niente certificati. Il Campidoglio ha già abolito la moneta” “Niente certificati se non hai il bancomat. Questo è ciò che sta accadendo negli Uffici anagrafici della nostra Capitale. Il corso legale della moneta è stato abolito dal Campidoglio. Non è sufficiente avere con se pochi spicci serve la carta bancomat altrimenti viene rilasciato un foglietto che si chiama “reversale” con il quale ci si deve recare alla posta o presso qualche tabaccaio autorizzato, pagare quei pochi centesimi, tornare al Municipio e finalmente si potrà avere il prezioso certificato. Una volta si era soliti chiedere ai genitori in pensione di disbrigare le pratiche negli Uffici per evitare di prendere permessi di lavoro, oggi invece sta accadendo esattamente il contrario. Tutto questo perché la sindaca Raggi e la sua giunta non hanno rinnovato l’appalto al portavalori. Il perché non è dato sapere, risparmio? Ennesima dimenticanza? La risposta degli Uffici si sintetizza in un laconico inno alla trasparenza degli incassi. Quando la tecnologia facilità la vita del cittadino è sempre ben venuta, ma quando la si usa per complicare la vita che ci pare già abbastanza gravosa dei cittadini romani bisogna soffrire di una grave pulsione autolesionista. Anche per questo i cinque stelle si giustificheranno dicendo il solito: l’abbiamo ereditato dal passato??? Per ora la povera vecchietta è dovuta tornare a casa nella speranza che qualcuno munito di bancomat le faccia il favore di andare al Municipio al suo posto a ritirare l’agognato certificato.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Legge Cirinnà e Unioni civili

Posted by fidest press agency su mercoledì, 14 marzo 2018

Lo scorso 8 marzo è stato registrato presso l’anagrafe del Comune di Lecce il primo accordo di convivenza civile di cui all’articolo 1 comma 50 e seguenti della legge 76/2016, nota come legge Cirinnà, dal nome della prima firmataria e relatrice della proposta. L’accordo in questione è stato stipulato da una coppia di cittadini stranieri di diverso sesso da tempo conviventi e residenti nel Comune di Lecce che hanno inteso procedere a regolare la loro convivenza di fatto, unione da cui, peraltro, era nata due anni fa anche una bambina, non avendo, almeno per il momento, intenzione di procedere a contrarre matrimonio. Ad assistere i due giovani un avvocato dello “Sportello dei Diritti”, poiché la legge in questione impone per questo particolare nuovo tipo di contratto la forma scritta, a pena di nullità, con atto pubblico o scrittura privata autenticata da un notaio o da un avvocato, che ne attestano la conformità alle norme imperative e all’ordine pubblico. L’accordo di convivenza è un contratto atipico con il quale le parti che effettivamente risiedono e convivono sotto lo stesso tetto, possono autonomamente disciplinare i propri rapporti patrimoniali, non solo per il periodo della convivenza, ma anche per l’eventualità di cessazione della stessa. In particolare, possono in questo modo regolamentare:
1) l’indicazione della residenza;
2) le modalità di contribuzione alle necessità della vita in comune, in relazione alle sostanze di ciascuno e alla capacità di lavoro professionale o casalingo; il regime patrimoniale della comunione dei beni, che può essere modificato in qualunque momento nel corso della convivenza;
3) la designazione dell’altro quale proprio rappresentante, con poteri pieni o limitati, in caso di malattia che comporta incapacità di intendere e di volere, per le decisioni in materia di salute, ed in caso di morte, per quanto riguarda la donazione di organi, le modalità di trattamento del corpo e le celebrazioni funerarie;
4) l’indicazione del convivente come futuro tutore, curatore o amministratore di sostegno, in caso ne ricorrano i presupposti
È bene sottolineare, perché l’accordo di convivenza possa ritenersi pienamente valido ed efficace, che sussista un legame tra due persone maggiorenni – di diverso o dello stesso sesso – unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale, non vincolate da rapporti di parentela, affinità o adozione, da matrimonio o da un’unione civile. Gli aspetti che è possibile regolare, come già detto, sono solo quelli che attengono alle questioni patrimoniali ed economiche fra i componenti della coppia, ma non quelli che riguardano i loro rapporti personali o i reciproci doveri nei confronti degli eventuali figli nati dalla unione.
Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, il fatto che siano quasi passati due anni senza che alcuna coppia residente nel comune capoluogo della provincia di Lecce – prima di quella dei due cittadini stranieri che si sono rivolti all’associazione – abbia inteso procedere con la regolamentazione dei propri rapporti con questa nuova forma contrattuale, dimostra una non giustificata diffidenza verso questo tipo di strumenti procedimentali di tutela reciproca all’interno della coppia che siamo certi verrà presto messa da parte, ritenendo che sempre più cittadini conviventi sceglieranno queste forme di regolamentazione della propria vita di coppia, stante la facoltà di entrambi, anche unilateralmente, di potervi recedere in qualsiasi momento.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio: Unioni civili e iter da seguire

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 agosto 2016

campidoglioE’ già attiva la procedura per le Unioni Civili e da oggi, per maggiore comodità, l’iter viene pubblicato sul portale di Roma Capitale. La procedura è gratuita e molto semplice: per un primo appuntamento bisogna presentare domanda in carta libera all’Ufficio Unioni Civili dell’Anagrafe Centrale. L’ufficiale di Stato civile redigerà un verbale invitando le parti a comparire nuovamente dinanzi a sé, non prima di 15 giorni, per la costituzione vera e propria dell’Unione Civile. Il secondo appuntamento sarà
quello dedicato alla celebrazione vera e propria, che dovrà avvenire alla presenza di due testimoni. Dopo la firma del verbale, sottoscritto da tutti gli interessati, verrà iscritto nel registro di Stato Civile provvisorio l’atto di Unione Civile tra persone dello stesso sesso, che sarà così costituita e valida a tutti gli effetti di legge.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Anagrafe. certificati a 16 euro

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 gennaio 2012

“Le nuove norme per l’autocertificazione che dal 1 gennaio 2012 non consentono più agli uffici anagrafici di emettere certificati anagrafici e di stato civile diretti ad altre pubbliche amministrazioni e a privati gestori di servizi pubblici favoriscono senz’altro lo snellimento e la velocizzazione delle pratiche attraverso il sistema dell’autocertificazione ma in questi giorni è indubbio che stiano creando più di un problema a tanti cittadini romani”, così dichiara in una nota Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio XV.
“In particolare se è vero che i cittadini, in base all’art. 15 della legge n. 183/2011, possono utilizzare l’autocertificazione – prosegue Santori – attraverso una dichiarazione gratuita, sottoscritta dall’interessato, che sostituisce i certificati (es. residenza, stato di famiglia, etc.) o gli atti di notorietà, è pur vero che ad oggi non è più possibile ottenere un certificato in carta semplice, di fatto obbligando l’utente a richiedere uno stato di famiglia o di residenza in carta bollata provvedendo conseguentemente all’esborso di circa 16 euro in marche da bollo”.
“Le segnalazioni che arrivano alla nostra attenzione – prosegue ancora la nota di Santori – sono quelle relative all’INPS, alla Prefettura, alle compagnie di assicurazione, ai commissariati, che non permetterebbero autocertificazione e che quindi starebbero causando gravi malumori tra i cittadini, in particolare di quelli fortemente compromessi dall’attuale crisi economica. Infatti, sembrerebbe essersi creato un contesto di implicito aumento della pressione fiscale sul cittadino che per poter stipulare una polizza, o sbrigare una pratica pensionistica, o richiedere un passaporto rischia di dover pagare ulteriori 16 euro in valori bollati”.
“Spero che entro breve tutti gli enti interessati – conclude Santori – si adeguino rigorosamente alle norme previste dalla legge 183 e, in caso di mancanza, che la stessa Roma Capitale provveda ad integrare tutti i casi in cui è necessario venire incontro al cittadino, evitando casi di ultra-imposte che gravano sulle spalle dei cittadini, in primis giovani ed anziani”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

V° Rapporto migrantes “italiani nel mondo”

Posted by fidest press agency su giovedì, 2 dicembre 2010

Roma 2 dicembre, alle ore 10,30 (Auditorium Via Rieti, 11-13) V° edizione del “Rapporto Italiani nel Mondo” promosso dalla Fondazione Migrantes per raccontare l’emigrazione italiana. La nuova edizione  ha cercato di arricchirsi sempre più unendo l’attenzione all’attualità con la memoria del passato. Più di 50 capitoli, 60 autori, oltre 500 pagine che, partendo dai dati ufficiali dell’Anagrafe degli Italiani all’Estero (aprile 2010), completati da quelli di diverse altre fonti, presentano la situazione dei cittadini italiani che vivono all’estero. Il volume si divide in 5 sezioni: flussi e presenze tra storia e attualità; aspetti socio-culturali; aspetti religiosi-pastorali; aspetti socio-economici; approfondimenti tematici. Chiude il volume una ricca appendice statistica con schede regionali e provinciali e tabelle riassuntive che racchiudono le principali disaggregazioni disponibili.
Il Rapporto Migrantes – spiegano i promotori – nasce come manuale da consultare ma anche come sussidio per la sensibilizzazione al fine di favorire una migliore conoscenza dell’emigrazione italiana.  L’emigrazione italiana – spiegano i ricercatori – è stata, in prevalenza, un’epopea popolare, fatta di povera gente e a costo di notevoli sofferenze, ma complessivamente gli italiani sono riusciti a raggiungere un positivo e stabile inserimento sul posto e da ultimo è caratterizzata da flussi altamente qualificati. La Fondazione Migrantes conduce anche, annualmente, un’indagine sul campo incentrata sulle attuali condizioni dei connazionali residenti all’estero. Nel 2010 l’attenzione si è concentrata su cinque paesi (Canada, Francia, Regno Unito, Romania e Spagna) dove sono stati somministrati 649 questionari. Molte le curiosità e gli approfondimenti che questa edizione propone per conoscere meglio la nostra emigrazione italiana nel mondo. Tra i capitoli dei “focus” su Lombardia, Molise e Puglia e un approfondimento sui territori meridionali colpiti dal terremoto del 1980 a trent’anni di distanza. (Raffaele Iaria)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Forum nazionale giovani

Posted by fidest press agency su martedì, 23 novembre 2010

Roma 24 novembre 2010 alle ore 10.30 sede dell’ANCI di Via dei Prefetti, 46 conferenza per presentare la Campagna: “One Tree per Child”, che si pone l’obiettivo di sensibilizzare gli enti locali, affinché applichino una direttiva che prevede la piantumazione di un albero per ogni bambino/a registrato all’anagrafe. Perseguirlo significa contribuire, con la perseveranza di ogni realtà locale, alla lotta al surriscaldamento globale mediante una delle possibilità atte a farlo: la riforestazione del pianeta attraverso la piantumazione e/o la conservazione dei territori boschivi già esistenti; significa, inoltre dare un ruolo attivo all’educazione alla sostenibilità ambientale. Alla conferenza stampa Introduce:  Rafi Korn – Portavoce della Campagna Modera e conclude:  Gianluca Melillo – Consigliere Vicario Forum Nazionale dei Giovani Partecipano: Stefania Prestigiacomo, Ministro Ambiente*; Francesco Rutelli, Presidente Fondazione “Centro per un futuro sostenibile”; Guido Milana, Europarlamentare Giacomo Darrigo, Coordinatore Nazionale Anci Giovane; Giuseppe Porcaro, Segretario Generale European Youth Forum; sono stati invitati esponenti del Governo e tutti i Presidenti dei Gruppi Parlamentari di Camera e Senato.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Espulsione stranieri non iscritti all’anagrafe

Posted by fidest press agency su sabato, 30 ottobre 2010

Parma. In un recente comunicato il sindaco di Parma Pietro Vignali ha dichiarato che gli stranieri che soggiornano in città per più di tre mesi che risultano non  iscritti all’anagrafe comunale devono essere allontanati. Questa proposta avrebbe lo scopo di ridurre la prostituzione e i vari reati registratisi nel capoluogo.  “L’allontanamento forzato dal territorio non risulta essere compito dell’Amministrazione Comunale ma della Questura – così a tal riguardo dichiara Paolo Leporati, viceresponsabile per la provincia di Parma dell’Italia dei Diritti – Dobbiamo, per forza di cose, registrare questa proposta come un mero spot elettorale, in attesa delle elezioni dell’anno prossimo”. L’esponente del movimento fondato da Antonello De Pierro, sostiene inoltre che: “Chi viene eletto in una lista civica, deve mantenere fede al patto programmatico che lo ha espresso. Tali provvedimenti appaiono circondati da un fumo ideologico leghista e questo non va bene”. L’analisi di Leporati non dimentica di lanciare un appello a istituzioni e cittadinanza: “Bisogna superare i pregiudizi nei confronti di coloro i quali vengono nel nostro paese per sfuggire ad una vita di miseria e povertà. Quella italiana sta diventando sempre più una realtà multietnica per cui dobbiamo prendere spunto da nazioni quali la Francia e l’Inghilterra, dove il processo di integrazione si trova ad un livello più avanzato. In Italia le leggi, efficaci per intraprendere un percorso virtuoso esistono, basta metterle in pratica”.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Anagrafe parlamentare

Posted by fidest press agency su mercoledì, 22 settembre 2010

L’anagrafe patrimoniale dei deputati sta per diventare realtà.  L’Ufficio di Presidenza ha infatti deliberato la pubblicazione on line, previa liberatoria, dei dati patrimoniali dei deputati che lo vorranno. Più di un anno fa, i deputati Radicali erano riusciti a far approvare dalla Camera un ordine del giorno che impegna il Collegio dei questori  a rendere fruibili sul sito internet della Camera tutte le informazioni relative all’attività istituzionali e alla condizione economica e patrimoniale dei deputati. I Questori avevano però negato per non meglio precisati motivi di privacy la pubblicazione online. La radicale Rita Bernardini anziché arrendersi, insieme ai colleghi Giachetti e Della Vedova, aveva chiesto ai deputati di superare l’obiezione firmando una liberatoria. All’appello hanno risposto 72 deputati di tutti i gruppi che hanno subito visto schierato dalla loro parte il Presidente della Camera Gianfranco Fini. Dichiarazione di Rita Bernardini, deputata Radicale e Mario Staderini, Segretario di Radicali Italiani “E’ una prima vittoria per riformare la politica e restituire agli italiani la possibilità di conoscere i propri rappresentanti per quello che fanno, dentro e fuori dal Palazzo. Battere la casta, superarla, si può, basta volerlo. Abbiamo iniziato rendendo pubblici dopo sessant’anni di segreti gli elenchi di consulenti e fornitori della Camera, denunciando i veri e propri malaffari, specie immobiliari, che si sono ripetuti per decenni, con la complicità di partiti di ogni colore. Gli stessi che hanno tradito il popolo italiano con la truffa dei rimborsi elettorali dopo che un referendum aveva cancellato il finanziamento pubblico dei partiti.” Inizia oggi a Montecitorio la discussione del Conto consuntivo dell’anno precedente e il progetto di bilancio interno della Camera dei deputati. La delegazione radicale ha depositato un emendamento e numerosi ordini del giorno per “riformare” un’Amministrazione che per un sessantennio ha negato agli stessi deputati che si sono succeduti nelle sedici legislature il diritto di conoscere i tanti segreti dell’istituzione di cui erano – e sono per quella in corso – membri.”

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Corruzione: subito anagrafe pubblica

Posted by fidest press agency su giovedì, 6 Maggio 2010

Dichiarazione di Mario Staderini, Segretario di Radicali Italiani:  “Esiste una  soluzione per restituire moralità alla politica e per  non lasciare alla magistratura il ruolo di aspirapolvere del malaffare. Sono le riforme per la pubblicità della vita istituzionale che come Radicali proponiamo da tempo, a cominciare dall’anagrafe pubblica degli eletti e dei nominati. Se fosse già stata introdotta probabilmente avremmo sanato alcune delle ferite inferte alla democrazia ed evitato illegalità così diffuse. Noi Radicali abbiamo proposto l’anagrafe pubblica in tutte le sedi, locali e nazionali, riuscendo a fare approvare mozioni in tal senso dalla Camera dei deputati e vere e proprie delibere in decine di enti locali tra cui Comuni importanti come Roma, Torino, Napoli. Ad oggi, nessuna vera applicazione è stata però data a questi atti, e se gli italiani hanno potuto conoscere qualcosa è stato grazie ad iniziative come quella di Rita Bernardini che ha battuto il partito dell’omertà e reso pubblico l’elenco dei fornitori e delle spese della Camera. Rendere tutti gli eletti conoscibili e valutabili è, insieme all’abrogazione del finanziamento pubblico dei partiti, la priorità per il Paese, propedeutica ad una riforma del sistema elettorale fondata sul collegio uninominale che ponga al centro la persona ed avvicini l’eletto all’elettore.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma: Anagrafe degli eletti

Posted by fidest press agency su lunedì, 15 febbraio 2010

Dichiarazione di Riccardo Magi Segretario Radicali Roma: “Chiedere il rispetto delle regole è demagogia? Il presidente Pomarici dandoci dei demagoghi non si accorge che stiamo chiedendo proprio il rispetto anche del suo ruolo istituzionale.  Nel merito, per quanto riguarda i tempi tecnici per il reperimento dei dati di ogni amministratore ed eletto, che a dire di Pomarici ritarderebbero l’attuazione della delibera che istituisce l’Anagrafe pubblica degli amministratori, sfugge al presidente che i dati relativi alla situazione patrimoniale, ai redditi e alle spese elettorali, in base all’art. 17 dello statuto del comune di Roma e all’art. 14 del Regolamento, “sono depositati presso l’Ufficio di Presidenza del Consiglio Comunale e sono liberamente consultabili da chiunque”, come del resto disposto dal Testo Unico sugli Enti Locali. C’è poi la necessità di “ripristinare con effetto immediato” il servizio di ripresa video e trasmissione online delle sedute del consiglio, come previsto dall’emendamento approvato in materia.   Non vogliamo quindi “insinuare reticenze dell’amministrazione ad attuare la delibera” ma poichè tutto l’iter di discussione sull’Anagrafe pubblica degli eletti è stato connotato da molte deroghe e proroghe alla normativa, ci preme aiutare le istituzioni a realizzare questo strumento di trasparenza e di conoscenza per i cittadini magari prima delle imminenti elezioni regionali”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Trasparenza e massoneria

Posted by fidest press agency su sabato, 12 dicembre 2009

«Non nutro nessuna avversione nei confronti della Massoneria. Inviterò presto il Gran Maestro Raffi in Campidoglio per chiarire ogni equivoco e trovare una soluzione che garantisca la massima trasparenza sull’anagrafe degli eletti senza discriminare né offendere nessuna sensibilità e nessuna cultura».Lo dichiara il sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »