Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 106

Posts Tagged ‘anap’

Pensioni e pensionati autonomi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 4 febbraio 2015

pensionati“Dieci euro e ventuno centesimi al mese è l’importo che un pensionato autonomo percepisce per ogni familiare a carico. Una cifra modestissima con la quale si può comprare circa mezzo chilo di carne”, dichiara il presidente ANAP Giampaolo Palazzi. “Non solo tale importo è rimasto invariato dal 1988 a oggi, ma vi è una eclatante discriminazione rispetto ai pensionati del lavoro dipendente.”
La legge 153 del 1988, istituendo l’assegno per il nucleo familiare, ne ha circoscritto l’applicazione ai soli pensionati provenienti dal lavoro dipendente. Per i pensionati provenienti dal lavoro autonomo (ex artigiani, ex commercianti, ex coltivatori diretti) è rimasta invece in vigore la vecchia normativa e i trattamenti di famiglia a loro erogati, quando ne hanno diritto, si chiamano “quote di maggiorazione della pensione” per carichi familiari.“Tale discriminazione è particolarmente odiosa – evidenzia Palazzi – dal momento che si parla di famiglie di pensionati con redditi molto bassi. L’ANAP e le altre organizzazioni dei pensionati del mondo del lavoro autonomo, anche attraverso il CUPLA, si battono da tempo per far approvare dal Parlamento una modifica della legislazione esistente che parifichi tutti i pensionati, indipendentemente dall’attività professionale svolta nella vita attiva. Tale azione proseguirà anche se, finora, si è ottenuto solamente la presentazione di proposte di legge che poi non sono giunte all’approvazione conclusiva”.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nasce “Persone Società”

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 maggio 2011

A giorni, nelle case di circa 200 mila soci dell’Associazione nazionale anziani e pensionati (Anap) di Confartigianato, verrà recapitata la nuova rivista “Persone Società”. La pubblicazione avrà frequenza quadrimestrale e 32 pagine che si occuperanno di attualità, cultura, economia, benessere, filtrate però attraverso le esigenze delle generazioni più mature, che hanno speso nel lavoro e nell’impresa le energie migliori della loro vita. Giampaolo Palazzi, nuovo presidente dell’Anap, spiega le ragioni della rivista, nata da esigenze avvertite durante la dirigenza dell’ex presidente Enzo Ciccarelli: «In un mondo che diventa sempre più complesso e difficile da comprendere sul piano economico e sociale abbiamo voluto fornire ai nostri associati uno strumento utile e, auspichiamo, di piacevole lettura: un punto di riferimento da cui aspettarsi informazioni precise e indicazioni univoche sulle normative in vigore. Da tempo l’Anap immaginava di poter raggiungere i propri associati istaurando con loro un rapporto più costante e diretto. Per questo abbiamo pensato a questa rivista, che recapiteremo a domicilio ad ogni associato, oltre che ad istituzioni e associazioni». Il primo numero dedica la copertina ai 150 anni dell’Unità d’Italia e agli artigiani, che con il proprio lavoro e il patriottismo, hanno contribuito durante il Risorgimento all’unità politica dell’Italia e, oggi, al benessere economico del Paese. “Persone Società” di maggio – che non vuole essere solo una rivista corporativa, ma che, come si legge nell’Editoriale, «induca a riflettere e che offra opportunità di conoscenza» – contiene rubriche dedicate ai “Grandi temi”, come la riforma del fisco, e all’”Attualità”, con un lungo e approfondito servizio sulla Giornata nazionale per la prevenzione e predizione dell’Alzheimer. Inoltre, spazio agli “Appunti di viaggio”, con un servizio su Bellaria (meta della prossima Festa del socio Anap), e alle interviste a personaggi della cultura e del lavoro. In questo numero “Persone Società” intervista il regista bolognese Pupi Avati, autore della recente pellicola “Una sconfinata giovinezza”, dedicata alla malattia d’Alzheimer e alle sue ripercussioni negli affetti e nella vita sociale. Nelle pagine centrali della rivista, infine, l’inserto dedicato a “La Vita associativa”, con una Guida pratica al modello 730 e il questionario per la prevenzione dell’Alzheimer, che ogni socio Anap potrà compilare e spedire alla stessa Associazione, contribuendo alle ricerche medico-statistiche del Dipartimento di Scienze dell’invecchiamento dell’Università La Sapienza di Roma.

Posted in Recensioni/Reviews, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata nazionale di prevenzione dell’Alzheimer

Posted by fidest press agency su domenica, 3 aprile 2011

Ieri in Piazza della Resistenza a Crotone, organizzata da Anap e Ancos Confartigianato Persone, si è svolta la quarta edizione della Campagna nazionale di prevenzione dell’Alzheimer ‘Senza ricordi non hai futuro, non permettere all’Alzheimer di cancellare il tuo domani’ promossa dall’ANAP (l’Associazione nazionale anziani e pensionati di Confartigianato) e da Ancos Confartigianato Persone. Un contributo importante allo realizzazione di questo evento è stato dato dalla Delegazione Provinciale di Crotone della Croce Rossa Italiana che puntualmente, ogni anno, con personale e mezzi, è presente in modo determinante  e tiene viva l’attenzione su questa patologia degenerativa che procura tanti guasti nella nostra società. Nel  punto informativo organizzato in Piazza della Resistenza è stato consegnato materiale divulgativo sulla malattia e compilati  dei questionari con domande sulle proprie abitudini nutrizionali, su aspetti sociali e psicologici, ma anche ricevuto informazioni sulle forme di assistenza a chi è già affetto da Alzheimer o sui comportamenti più efficaci per prevenire la malattia. ”I questionari raccolti nella giornata di ieri, spiega Federico Valente,  presidente dell’Anap provinciale di Crotone che conta  oltre 1500 iscritti, saranno inviati all’Università “Sapienza” di Roma, che collabora con noi in questo progetto scientifico.  L’Università, ha sottolineato Valente, provvederà ad inserire questi dati in un data base e poi eleborerà uno studio medico statistico sui principali fattori di rischio  che favoriscono l’insorgere dell’Alzheimer”. Il Presidente  Valente  ha anche sottolineato che oltre a promuovere la campagna ‘Senza ricordi non hai futuro non permettere all’Alzheimer di cancellare il tuo domani’, Anap e Ancos Confartigianato Persone concorrono a finanziare dottorati di ricerca presso il Dipartimento di Scienze dell’invecchiamento dell’Università ‘Sapienza’.  Per chi volesse comunque ritirare materiale divulgativo, avere contatti con esperti della materia, Valente ha ribadito che la Confartigianato continuerà a dedicare attenzione alla problematica non solo oggi ma quotidianamente nel contatto diretto con i tanti  anziani e pensionati che giornalmente si recano in associazione.  Inoltre vuole invitare le altre associazioni di volontariato ad organizzare congiuntamente  altre giornate di raccolta dei questionari anche negli altri centri della provincia  per poter inviare all’Universita “Sapienza” un numero più consistente di quesiti che serviranno ad avere una base statistica più verosimile.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata nazionale contro Alzheimer

Posted by fidest press agency su mercoledì, 30 marzo 2011

2 aprile, in tutte le principali piazze del Paese, tornano infatti i gazebo informativi contro la malattia che ogni anno colpisce circa 450 mila persone. Ad allestirli saranno i gruppi territoriali dell’Associazione nazionale anziani e pensionati (Anap) e dell’Associazione nazionale comunità sociali e sportive (Ancos) di Confartigianato Persone che daranno così vita alla quarta campagna nazionale “Senza ricordi non hai futuro, non permettere all’Alzheimer di cancellare il tuo domani”. All’interno dei gazebo, chi lo vorrà potrà compilare questionari con domande sulle proprie abitudini nutrizionali, su aspetti sociali e psicologici, ma anche semplicemente ricevere informazioni sulle forme di assistenza a chi è già affetto da Alzheimer o sui comportamenti più efficaci per prevenire la malattia. «I questionari che raccoglieremo nella giornata del 2 aprile – spiega Enzo Ciccarelli, presidente dell’Anap – saranno aggiunti a quelli compilati dai nostri soci, cui spediremo presto il questionario, tramite le nuova rivista di Anap, ³Persone Società². Tutti i questionari compilatisaranno poi inviati all’Università La Sapienza, che collabora con noi in questo progetto scientifico, che provvederà ad inserirli in un apposito data base e poi ad elaborare uno studio medico-statistico sui principali fattori di rischio che favoriscono l’insorgere dell’Alzheimer». Ma scopo principale della Giornata nazionale per la prevenzione dell’Alzheimer è soprattutto sensibilizzare sulla cura della propria salute.L’iniziativa nazionale di Anap e Ancos è organizzata in collaborazione con la Croce rossa italiana, con il Dipartimento di Scienze cardiovascolari, respiratorie, nefrologiche e geriatriche della “Sapienza” Università di Roma, con la Federazione italiana medici geriatri (Fimeg), con la testata giornalistica “Vita”, con la Novartis e, a livello territoriale, con numerose altre associazioni di volontariato. http://www.anap.it.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La burocrazia negli enti di assistenza sanitaria

Posted by fidest press agency su mercoledì, 29 dicembre 2010

Negli ultimi dieci anni il costo della macchina amministrativa locale è aumentato del 34,5% rispetto alla spesa effettiva per la protezione sociale degli stessi enti». Il dato rilevato dalle analisi del dottor Enrico Quintavalle, responsabile dell’Ufficio studi di Confartigianato, è stato commentato da Fabio Menicacci, segretario nazionale di Anap Confartigianato Persone. La “burocrazia mangiasoldi” è solo una delle disfunzioni emerse dallo studio di Confartigianato che, nella spesa per il sistema del welfare, si propone proprio di individuare le possibili voci di risparmio e di indicare quelle verso cui deviare i fondi risparmiati, anche a fronte del cambiamento demografico della società italiana che – dopo quella giapponese – ha il tasso più elevato di “over 65” (il 19,5% della popolazione totale, per una spesa sanitaria pubblica pari al 44,2%). «Nel nostro sistema assistenziale c’è qualcosa che non va – ha proseguito Menicacci – se l’Italia possiede il triplo delle apparecchiature diagnostiche che ci sono in Francia, il doppio di quelle in Germania e Spagna e, paradossalmente, le lunghe liste d’attesa per una Tac costringono poi 4 anziani su 10 a rivolgersi a strutture private!». Le proporzioni di un sistema che spreca risorse sono ben esemplificate dai dati sulla diffusione del parto cesareo in Italia. «Nel 2004 i bambini nati in Italia sono stati 562.599 – ha detto Menicacci -, il 37,8% è nato con il parto cesareo, laddove l’Organizzazione mondiale della Sanità raccomanda una percentuale del 15%! Il parto cesareo costa il 60,1% in più rispetto ad un parto naturale. Se riuscissimo ad avvicinarci al dato del Friuli Venezia Giulia, dove solo il 23,1% dei bambini nasce con il cesareo, il sistema sanitario pubblico risparmierebbe 73,7 milioni di euro che potrebbero essere dirottati altrove».Sono gli stessi “assistiti anziani” ad aver indicato, in diverse ricerche tra cui l’ Osservatorio nazionale Anap Confartigianato sulla terza età, la direzione verso cui dirigere gli sforzi per rendere più efficiente il sistema. «Circa la metà degli anziani intervistati – ha sottolineato Menicacci – ritiene prioritario favorire l’assistenza domiciliare integrata. Un terzo chiede di incentivare case di riposo, case albergo e comunità alloggio, mentre un quinto si è dichiarato a favore della creazione e diffusione degli ospedali a domicilio». Anche la distribuzione diretta dei farmaci, dicono le statistiche, permetterebbe un notevole risparmio di risorse. «Se le Aziende Sanitarie e ospedaliere avessero adottato il metodo previsto dalla legge ed applicato dalla Asl 1 di Imperia– ha commentato Menicacci -, solo nel 2006 avremmo avuto un risparmio di ben 456 milioni di euro». La via da percorrere è stata indicata anche dal Procuratore Generale presso la Corte dei Conti (Memoria pp. 235-236 diffusa nel 2007), dal cui intervento può essere ricavato un vero e proprio Vademecum: «Strutture sanitarie incompiute oppure completate ma mai entrate in funzione; attrezzature, spesso di alta e sofisticata tecnologia, rimaste inutilizzate; farmaci sospettati di essere assolutamente inutili e tuttavia posti in commercio, prestazioni diagnostiche inutili ma particolarmente costose, ecc. A tutto questo – ha concluso Menicacci – si aggiunge la disfunzione di un paese in cui il 30% dei pensionati di vecchiaia ha meno di 65 anni. Per riequilibrare il sistema dovremmo coscientemente ragionare sull’età di accesso alla pensione tenendo presente i lavori realmente usuranti sia nel settore privato che in quello autonomo».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »