Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Posts Tagged ‘anatomia patologica’

Al via la telepatologia

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 aprile 2011

Un sistema per collegare gli Ospedali di Lanciano e Vasto (Chieti) per la trasmissione a distanza delle immagini dei vetrini istologici, utile per formulare diagnosi più rapide e precise, avendo la possibilità di confrontare più pareri sui casi dubbi. E’ la novità dell’Anatomia Patologica che, grazie alle nuove connessioni attivate dal Servizio Informatico, ha inaugurato la “telepatologia”, che sfrutta la rete informatica per realizzare consulenze a distanza su preparati istologici.
«Consentire ai patologi di dialogare consente di ridurre al minimo le possibilità di errore sottoponendo il vetrino all’esame di più operatori – spiega Giuseppe Pizzicannella, direttore dell’Anatomia Patologica degli Ospedali di Lanciano e Vasto – che possono osservarlo in contemporanea. Si tratta di una conquista importante, utile soprattutto nei casi di malattie gravi come quelle neoplastiche, sia nella fase della diagnosi sia nel trattamento: si pensi, per esempio, agli interventi chirurgici, dove grazie al collegamento in rete il medico può disporre di una diagnosi precisa mentre il paziente è sul tavolo operatorio, e valutare nell’immediato la possibilità di ulteriori terapie». Ma, nelle intenzioni del dottor Pizzicannella, quello appena concretizzato è solo il primo step di un progetto ben più ambizioso, che grazie a una tecnologia sofisticata consente la visualizzazione dei vetrini a distanza senza richiedere la presenza in contemporanea degli operatori. Un salto di qualità, unico in Italia, che richiede un investimento di circa 400 mila euro.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In Abruzzo casi di melanoma

Posted by fidest press agency su sabato, 17 luglio 2010

Chieti 17 luglio, dalle ore 9 nell’Aula Magna delle Palazzine Sebi in via dei Vestini si parlerà di melanoma in occasione del primo Incontro abruzzese di Dermatologia promosso dalla Clinica Dermatologica dell’Ospedale teatino. Parteciperanno dermatologi, radiologi, medici di medicina generale, anatomopatologi che illustreranno l’epidemiologia del melanoma in Italia e in Abruzzo e le terapie più aggiornate in materia.
In Abruzzo ogni 100mila abitanti si registrano 14,1 casi di melanoma, tumore maligno che ha origine dai melanociti della cute e delle mucose: è quanto risulta dai dati di una ricerca epidemiologica, basata sui registri degli istituti di anatomia patologica, secondo la quale l’età media dei pazienti al momento della diagnosi è di 45 anni. Più colpite sono le donne (58,8%). Generalmente il tronco è la regione corporea interessata più di frequente (30.7%), seguita dagli arti inferiori (25.94%) e da viso e collo (16.42%). Il dato abruzzese è in linea con altre regioni del Centro, come la Toscana (15,8 casi ogni 100mila abitanti per gli uomini, 16,5 per le donne) e le Marche (12,4 per gli uomini e 16,8 per le donne), ma è superiore rispetto ad analoghe indagini effettuate in alcune province dell’Italia Meridionale, come Salerno (6,9 per gli uomini, 6,8 per le donne) e Napoli (rispettivamente 4,2 e 4,0). La Clinica Dermatologica di Chieti, diretta dal professor Antonello Tulli, dal 2004 a oggi ha effettuato 116 interventi per il linfonodo sentinella in pazienti affetti da melanoma. Si tratta di una tecnica fondamentale per la stadiazione del melanoma maligno avente uno spessore inferiore a un millimetro. L’eventuale positività del linfonodo sentinella, ovvero del primo linfonodo drenante dalla lesione tumorale cutanea, permette di effettuare l’asportazione precoce della catena linfonodale locoregionale con un netto miglioramento della prognosi a 5 anni.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »