Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 220

Posts Tagged ‘anima’

Ludmila Ulitskaya: Il corpo dell’anima

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 maggio 2020

Collana Oceani, trad. Margherita de Michiel, pp. 176, 17 euro.Esiste una linea che separa il corpo dall’anima? Seguendo i suoi personaggi nei momenti cruciali delle loro vite, Ludmila Ulitskaya compone un libro emozionante e poetico che indaga i confini del corpo e dell’anima, il nuovo capitolo dell’opera luminosa della più grande scrittrice russa contemporanea.Ludmila Ulitskaya in questi racconti esplora i confini che avvicinano, o separano, le persone nella quotidianità delle nostre vite. L’unico sentimento che sembra in grado di cancellare le distanze tra gli uomini è l’amore: anche quando si manifesta nelle forme più varie – attrazione fisica, amore materno, adorazione, fedeltà – la sua forza può salvare i protagonisti e cambiare le loro vite con l’imprevedibilità di un incontro inatteso.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il soliloquio di un’anima in pena

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 febbraio 2020

Sono tre i temi proposti nel mio soliloquio con l’immaginario figlio dei nuovi tempi. È anche un modo per riallacciarmi al futuro di Vulnus, un personaggio del XX secolo che gli eventi hanno trasportato nel XXX e gli hanno lasciato, quasi intatta, la memoria del suo passato nel futuro che vive. E” il mio trittico: la fede, i ricordi ed il corpo. La fede rappresenta il più grande, il più cristallino passato. Essa ci riallaccia all’origine prima e alla fine della nostra esistenza. I ricordi sono la fonte principale per tenerci legati agli eventi che ci hanno preceduto, lungo quel filo d’Arianna che ognuno di noi tiene, tra le mani, per non perdersi tra i tanti sentieri della vita. Il corpo è lì a testimoniarci il nostro essere e il divenire. Vi riponiamo attenzioni per farlo star bene. E’ anche il testimone del nostro progredire nella sofferenza, nella rinuncia, nel riscatto. Nasce un bambino dal dolore altrui. Muore l’uomo e procura altre sofferenze, penosi vuoti. In questo lasso, lungo o breve che sia, non parliamo altro che il linguaggio del futuro. Pensiamo alla sconfitta subita, con la dipartita dei nostri cari, e pensiamo ai nipoti in un futuro che già non ci appartiene. E’ questa la nostra storia. Non è necessariamente raccontata per interposta persona, ma vissuta. E’ percorsa non dal romanziere o dal novellista, non è presentabile in una commedia o in una farsa, ma si nutre, quotidianamente, di quel futuro che le appartiene e che vede sempre più diretto verso confini nuovi, vicende appassionate e a volte incomprensibili, perché umane e non divine. La certezza non riguarda il nostro passato e meno che mai il presente. E’ nel futuro. Così è la vita. Così è il nostro destino che si rinnova, di volta in volta. Siamo coloro che, impastati di creta, ritornano polvere tra la polvere. Siamo poi sospinti, dai venti siderali, a vagare nell’infinito. Vi è anche chi ritrova il suo composto primigenio e si riproduce. Immaginiamo per un momento l’attimo che precede la nostra morte. Se essa è improvvisa, ci sfugge persino la fase preagonica, prima di ritrovarci in una dimensione diversa, d’esplorare altre terre e di fare altre conoscenze. Resta, a questo punto, la Fede. Sta a noi capire se è una strada o un vicolo, se ci porterà da qualche parte o se è un nulla.
E noi, che siamo proiettati nel futuro, non possiamo fare altro che rivolgerci al nostro passato, andare a indagare lungo i suoi tratti impervi, per capire se riusciamo a cogliere qualche segnale rivelatore. A volte mi chiedo: perché la fede ha avuto tanto successo nell’essere umano di tutti i tempi? La sua verità, a mio avviso, è molto semplice. Ci ha insegnato, o meglio ci ha ricordato, i valori di sempre che hanno la loro impor-: il saper guardare al nostro simile con amore. A respingere l’odio e il rancore che nutriamo.
La fede può essersi personificata in tante Chiese, in numerosi rituali, ma il suo fondo non ha distinzioni d’alcun tipo. Proprio per questo motivo è necessario uscire dai ristretti confini imposti dalle ritualità e dalle regole di un vivere da cristiani o da ebrei, da musulmani o da induisti o da buddisti per ritrovarci uniti nel messaggio comune, nel Padre di tutti. Il giorno in cui il cristiano, che sente il bisogno di andare a pregare in un luogo Sacro, si reca alla vicina sinagoga o tempio indù o moschea e altrettanto fa chi appartiene a un’altra Chiesa ed entra nelle cattedrali del cattolicesimo e in quelle dei protestanti, noi ci sentiremo, con più forza e determinazione, figli del nostro futuro, figli di una fede che non ha bisogno d’aggettivi o d’altri significati. È senza dubbio un bel dire, ma non è facile ai teologi di tutti i tempi, che hanno impiegato il loro ingegno per distinguere la propria religiosità dalle altre e a conferirle un primato esclusivo, dover oggi ammettere che di là dell’appartenenza a una Chiesa esiste una fede che li unisce.
Tale ricerca all’unità dalle diverse forze che compongono l’universo, e lo presiedono, è ben rappresentata dagli esseri viventi. In essi vi è il fuoco della vita. È un qualcosa che ha dimensioni e spazi definiti, ma proviene da ambiti e spazi indefiniti. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Raccolta di poesie inedite: “L’Anima è un paese in guerra”

Posted by fidest press agency su sabato, 12 ottobre 2019

Roma venerdì 18 ottobre 2019 alle 21, presso la suggestiva Basilica di San Luigi Battista dei Fiorentini piazza dell’oro 4 sede del Battesimo di Gesù, capolavoro di Ercole Antonio Raggi,si porrà al centro della scena l’autore poeta Vincenzo Lisciani Petrini che presenterà la sua raccolta di poesie inedite “L’Anima è un paese in guerra”. Una raccolta che abbraccia un insieme di stili: il prosimetro che richiama i bollettini di Radio Londra narranti le vicende di guerra e la elegia forma poetica più amata dall’autore scelta per dare eco ai volti dell’anima: i sentimenti.Le poesie si rivolgono idealmente ai nati “degli anni ‘80”, una generazione che fa i conti, come una middle generation, con le glorie di un passato ormai lontano, un presente in declino ed un futuro fatto di incertezze, paure, povertà interiori e di risorse, e desiderio di fuga. Il vero territorio di guerra però non è tanto il mondo esterno scenografia di un altro deserto più profondo, quello interiore: l’anima, le sue domande, la sua ricerca, il suo smarrimento e la luce.Non poteva che essere un percorso travagliato quello della raccolta di Vincenzo Lisciani Petrini. Non mancano, infatti, forti battute d’arresto. L’opera era pronta per il lancio già nel 2013 dopo tre anni di duro lavoro, ma a causa della morte dell’editore decade l’intero progetto.Lo sguardo di Vincenzo si posa sui suoi versi, come quello di chi guarda le rovine della sua casa, della sua città bombardata dalla vita. Egli lascia cadere la polvere sui suoi scritti e cerca allora rifugio e consolazione in un’altra forma d’arte: la prosa. Ma la voce della sua lirica non smette di cantare e di richiamarlo al suo primo amore. Così Vincenzo Lisciani Petrini oggi trova il coraggio di riprendere in mano le sue poesie e di raccontare il suo vissuto. Ad accompagnarlo nel debutto l’attore Simone Bobbini che leggerà alcune poesie tratte dalla raccolta, accompagnato da Joshua De Loa, noto musicista e organizzatore di eventi dell’undergound romano.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fratelli d’anima: David Diop

Posted by fidest press agency su sabato, 13 aprile 2019

Sul fronte occidentale, nelle trincee francesi, tra i soldati bianchi coi loro vistosi calzoni rossi spiccano i fucilieri senegalesi, «i cioccolatini dell’Africa nera», come li chiama il capitano Armand. Prima di ogni assalto, il capitano non manca di ricordare loro che sono l’orgoglio della Francia, «i piú coraggiosi dei coraggiosi», un autentico incubo per i nemici che hanno paura dei «negri selvaggi, dei cannibali, degli zulú». I senegalesi ridono contenti. Poi, mettendosi in faccia gli occhi da matto, sbucano fuori dalla trincea con il fucile nella mano sinistra e il machete nella destra.
Alfa Ndiaye e Mademba Diop sono amici, fratelli d’anima cresciuti insieme in Africa, lontano dai freddi accampamenti del fronte. Quando in trincea risuona il colpo di fischietto del capitano, escono anche loro dal buco urlando come selvaggi indemoniati per non apparire meno coraggiosi degli altri.
Un giorno, però, Mademba Diop viene ferito mortalmente e, con le budella all’aria, chiede per tre volte ad Alfa di dargli il colpo di grazia. Per tre volte Alfa si rifiuta e, dopo una lunga e atroce agonia, Mademba muore.La morte dell’amico consegna Alfa all’impensabile, a tutto ciò che gli antenati e il mondo di ieri avrebbero proibito e che invece la grande carneficina della guerra moderna concede.
A ogni fischio di chiamata del capitano Armand, Alfa si precipita fuori dalla trincea e corre verso i «nemici dagli occhi azzurri», uccidendo senza pietà e tagliando alle sue vittime una mano come trofeo di guerra. Una, due, tre, quattro… otto mani. Come un demone, uno stregone, un divoratore di anime, che soltanto una voce del mondo di ieri potrebbe salvare…Romanzo che è valso al suo autore il prestigioso premio Goncourt des Lycéens e l’entusiastico e unanime apprezzamento della critica, Fratelli d’anima mostra come nel naufragio totale della civiltà rappresentato dalla Grande Guerra non soltanto l’Europa, ma anche una parte non trascurabile dell’Africa perse la sua anima e la millenaria tradizione che la custodiva.
David Diop è nato a Parigi ed è cresciuto in Senegal. Attualmente vive nel Sud-Ovest della Francia dove insegna letteratura francese presso l’Università di Pau. Fratelli d’anima è il suo secondo romanzo. Pagine: 128 Tradotto da: Giovanni Bogliolo Prezzo: €16,00 Neri Pozza editore.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Festina Lotus SA annuncia l’acquisizione degli assets e dei diritti del Gruppo Anima AB

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 marzo 2019

Madrid Festina Lotus SA annuncia di aver acquisito gli asset e le proprietà intellettuali della società in bancarotta Anima AB, tra i quali il brand di orologi ibridi Kronaby. Anima AB, con sede a Malmö, in Svezia, progetta, sviluppa, produce e distribuisce il brand di smartwatch ibridi Kronaby. Le principali funzioni e attività di Anima/Kronaby saranno integrate in Festina Group. L’attività di “Ricerca e Sviluppo” incentrata su Applicazioni, Cloud e Analytics rimarrà a Malmö. L’acquisizione è stata effettuata dallo studio legale di Trägårdh a Malmö, in Svezia.
Kronaby fa parte di Anima, una società specializzata nella progettazione di prodotti intelligenti e connessi. Gli orologi Kronaby uniscono all’amore per gli orologi classici la tecnologia, determinante per rimanere in contatto con tutto ciò che ci circonda. La linea Kronaby si distingue per autentici e bellissimi orologi realizzati con materiali e componenti destinati a resistere nel tempo. Grazie alla tecnologia Bluetooth questi orologi sono in grado di collegarsi allo smartphone e permettere all’utente di interagire con il telefono tramite un’applicazione intuitiva.
Fondata negli anni ’80, Festina Group è una delle aziende leader a livello mondiale nel settore dell’orologeria. La sua sede principale si trova a Madrid, con un centro logistico internazionale con sede a Barcellona. L’azienda produce e commercializza cinque diversi brand di orologi (Festina, Lotus, Candino, Jaguar e Calypso) e due brand di gioielli (Lotus Style e Lotus Silver).www.festinagroup.com/it/

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

David Diop: Fratelli d’anima

Posted by fidest press agency su giovedì, 14 marzo 2019

Prima guerra mondiale. Una mattina, al fischio del capitano Armand, Mademba Diop e Alfa Ndiaye, due amici cresciuti in Senegal lontano dai freddi accampamenti del fronte francese, si gettano senza remore nel campo di battaglia contro i soldati nemici. Quando Mademba viene ferito a morte, Alfa, nonostante le suppliche dell’amico, non sopporta il pensiero di finirlo. Porre fine alla vita di colui che è quasi un fratello, un fratello d’anima, è per lui un gesto impensabile, per quanto misericordioso; un gesto inumano. Quando, infine, Mademba muore tra atroci sofferenze, Alfa viene travolto dal dolore e cede alla follia.
Da quel momento, a ogni fischio di chiamata del capitano Armand, Alfa si precipita fuori dalla trincea e corre verso i «nemici dagli occhi azzurri», uccidendo senza pietà e, servendosi di un affilato macete, tagliando alle sue vittime una mano come trofeo di guerra. Una, due, tre, quattro… otto mani. Alfa Ndiaye, ormai ingovernabile, comincia a spaventare i suoi compagni d’arme, che iniziano a vedere in lui un demone, uno stregone, un divoratore di anime…
Sollevato infine dall’incarico e rimosso dall’inferno dei combattimenti, lontano dal suo villaggio nativo e circondato da una lingua che non comprende, Alfa cura le ferite dell’anima raccontando la sua storia e quella di molti altri soldati africani durante la Prima guerra mondiale e riesce a salvarsi grazie al potere della letteratura.
Con un linguaggio magnetico che ricorda Ahmadou Kourouma, Fratelli d’anima fornisce una visione sottile e potente del tumulto della guerra ed esplora il lato oscuro degli uomini e le profondità della follia.
David Diop è Nato a Parigi ed è cresciuto in Senegal. Attualmente vive nel Sud-Ovest della Francia dove insegna letteratura francese presso l’Università di Pau. Fratelli d’anima è il suo secondo romanzo.Traduzione di Giovanni BoglioloEuro 16,50 192 pagine. Neri Pozza Editore.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

XVII edizione del Premio Anima

Posted by fidest press agency su domenica, 28 ottobre 2018

Roma Lunedì 29 ottobre 2018 – ore 18 Terrazza Caffarelli in Campidoglio si terrà la XVII edizione del Premio Anima, organizzato da Anima per il sociale nei valori d’impresa, la non profit promossa da Unindustria.Il Premio è ideato per sensibilizzare imprese e opinione pubblica alla crescita di una coscienza etica, dando voce, attraverso l’arte e la cultura, ai valori della responsabilità e della sostenibilità.Filo conduttore dell’edizione 2018 è il comune impegno contro l’indifferenza nei confronti di importanti problematiche sociali, quali fenomeni di emarginazione, degrado e illegalità.Sette le categorie premiate: Cinema, Fotografia, Giornalismo, Letteratura, Musica, Teatro e Premio Speciale 2018.La giuria del Premio Anima che assegnerà i riconoscimenti è presieduta da Luigi Abete e composta da: Giovanni Anversa, Luca Bergamo, Maite Carpio Bulgari, Antonio Calabrò, Innocenzo Cipolletta, Paolo Conti, Alberto Contri, Domenico De Masi, Anselma Dell’Olio, Laura Delli Colli, Carlo Fuortes, Giampaolo Letta, Annamaria Malato, Pepi Marchetti Franchi, Michele Mirabella, Mirella Serri, Claudia Terracina, Marina Valensise, Giovanni Valentini, Nicola Zingaretti.
Le candidature per ciascuna categoria premiata sono state scelte da un Comitato Tecnico composto da: Sabrina Florio, Angelo Bucarelli, Antonio Calbi, Ilaria Catastini, Isabella Ferretti, Maria Teresa Rosito. Presenterà la serata la giornalista Myrta Merlino.
La cerimonia si aprirà con un momento musicale, un brano cantato da Canio Loguercio, che ha rivisitato il brano storico di Libero Bovio «Lacreme napulitane» sul tema dell’emigrazione, con il coinvolgimento di alcuni migranti della Società cooperativa Casba di Napoli, che si occupa di integrazione e inclusione sociale.Alla cerimonia di premiazione parteciperanno: il Vice Sindaco e Assessore alla Crescita culturale di Roma Capitale Luca Bergamo, il Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, il Presidente del Premio Anima Luigi Abete, il Presidente di Unindustria Filippo Tortoriello, il Vice Presidente di Confindustria per il Lavoro e Relazioni Industriali Maurizio Stirpe, la Presidente di Anima e Vice Presidente di Unindustria con delega all’Etica e Legalità Sabrina Florio. Tra gli altri, interverranno Silvia De Dominicis, Amministratore Delegato Johnson & Johnson Medical e Pierluigi Stefanini, Presidente Gruppo Unipol. Ai vincitori verrà consegnata un’opera ideata e donata da SLAMP, azienda associata ad Anima.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I segni di ZakSlice nell’anima della Val d’Orcia

Posted by fidest press agency su martedì, 8 maggio 2018

Pienza, nel suggestivo chiostro di San Francesco dal 26 maggio al 26 agosto la mostra delle originalissime opere del fotografo Andrea Lensini e del pittore Daniele Zacchini. “I segni di ZakSlice nell’anima della Val d’Orcia”: è dedicata a uno dei paesaggi più belli del mondo, patrimonio dell’UNESCO, l’esposizione che propone le singolari visioni fatte di pittura e fotografia, frutto del nuovissimo progetto firmato da Andrea Lensini e Daniele Zacchini.
Il lavoro di ZakSlice parte proprio da questo universo visivo: Andrea e Daniele –entrambi senesi- si sono confrontati con un paesaggio a loro molto caro ma al contempo conosciutissimo e celebrato da artisti di ogni tempo, cercando di raccontarlo in modo nuovo, sorprendente, diverso. A partire dalla tecnica usata per realizzare le opere, ovvero lo slice un complesso procedimento di lavorazione che unisce materia ed emozione.Si parte da uno scatto fotografico che viene stampato su una superficie sempre diversa, dall’affresco, al legno, dal ferro all’acciaio fino a materiali di riuso. Quindi l’immagine viene interpretata pittoricamente con l’uso di colore acrilico e spatola con l’obbiettivo di esaltare le linne essenziali che la caratterizzano.Nulla è lasciato al caso: la ricerca di ZakSlice parte dagli studi di Fibonacci in modo particolare quelli dedicati alla sezione aurea, anima e regola dell’universo, gioco della matematica a cui si ispirano la natura, gli esseri viventi, le galassie, e da cui Daniele e Andrea traggono il senso estetico del loro “fare arte”.A Pienza saranno 23 le opere in mostra, di vario formato e capaci di restituire emozioni differenti.“I segni di ZakSlice nell’anima della Val d’Orcia” è organizzata da ZakSlice in collaborazione con la Terrazza del Chiostro e resterà aperta fino al 26 agosto.L’ingresso è libero. Orario: tutti i giorni, dalle ore 10 alle ore 22.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Anima” il romanzo di Alessia Arati

Posted by fidest press agency su martedì, 13 giugno 2017

DSC_0011DSC_0016Lo scenario era senza dubbio tra i migliori per presentare il libro “Anima” di Alessia Arati. Parte da via Margutta, quella che è la strada dell’arte per eccellenza per approdare al “Concept Art shop” dove la creatività, il buongusto e la raffinatezza sono di casa. Contornata, per l’occasione, da amici, conoscenti, estimatori e colleghi Alessia si affida alla sapiente voce di Marco Di Stefano per leggere alcune pagine del suo scritto. Il racconto, così inframmezzato, tra il lavoro in ospedale, le chiacchierate introspettive con le amiche al telefono, in un bistrot, in una gita in campagna, coglie i momenti più fragili ed emotivi per tuffarsi in una storia d’amore giunta folgorante e inaspettata. La sua bellezza, la sua sensibilità, il suo essere donna e fremente amante esplodono e la realizzano. E’ lieve e vibrante il tocco dell’amante e lei di ritorno dà libero sfogo alla sua sensualità, alle emozioni che provocano questi ripetuti contatti, questi brividi di piacere, questa improvvisa gioia di vivere, d’essere amata e d’amare. E’ inevitabile, a questo punto, per chi segue questa storia, questi passaggi al tempo stesso delicati e forti, perché sono lievi nel tocco e forti nelle sensazioni che prova nel suo intimo, guardare l’autrice giovane, bella, dallo sguardo dolce e chiedersi se non si tratti della stessa persona e che in un momento di felicità senza ombre abbia DSC_0017voluto trasporre questo suo forte desiderio d’amare e d’essere amata nel personaggio da lei creato, idealizzandolo. Credo che in ogni donna l’idea d’imbattersi con il suo principe azzurro è forte e fa parte dei suoi sogni più intimi e riposti e la compensano talvolta dalla crudezza della vita, dalle sue asperità, dalle sue delusioni. Forse è proprio questa la chiave di lettura che ha consentito ad Alessia di creare Arya e tramite lei tessere un romanzo d’amore che è “l’anima” della sua vita, della sua gioia di ritrovarsi in un mondo non più fatto di chiaroscuri, ma luminoso e senza ombre.
Un libro e la sua autrice che si trovano a loro agio per restituire al corpo e all’anima il loro ruolo di sempre nella storia dell’umanità costruita con il pennello dell’artista che prende i colori dalla tavolozza per fissarli sulla tela e se il tratto è quello dell’amore l’opera diventerà per l’autore il compiuto più perfetto e appagante nello spirito e nel corpo. (Riccardo Alfonso) (servizio fotografico Ana Maria Russo)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un grande happening per presentare, “Anima”, l’esordio letterario dell’attrice e fotomodella Alessia Arati

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 giugno 2017

alessiaRoma 9 giugno alle ore 19.00 presso la galleria d’arte “Area Contesa” di via Margutta 90 la narrazione di questo romanzo, che descrive le vicissitudini di un gruppo di amiche dispiegate tra il lavoro, le esperienze di vita e relazionali pregresse e le nuove in corso, rappresentanti il vero fulcro del libro, è affidata alle letture dell’attore Marco Di Stefano. L’autrice, Alessia Arati, ha uno stile diretto e moderno, veloce nei tempi di ricezione e ironico a tratti, mantenendo una densità di concetto mentre descrive, con dovizia di particolari, la protagonista femminile, Arya, un’infermiera dalla mente tumultuosa e romantica che svolge con dedizione il suo ruolo di sostegno e cura dei pazienti, e quello maschile, definito empaticamente Anima, un pittore, conosciuto in una galleria che diviene un luogo focale, un uomo intuitivo e affascinante, riverso in se stesso ma fluido e ben amalgamato nel suo concedersi anche se a piccole dosi. Un connubio che non può non esplodere. Anima e Arya, protagonisti assoluti, vivranno una storia che alterna una passione erotica e un incastro spirituale reale. Personaggi moderni ed estremamente umani, cedevoli di errori e capaci di riprese, forti delle loro fragilità. La fragilità diviene forza qualora fa perno su se stessa per elevarsi a potenza. Durante la serata la scrittrice, che ha perseguito studi in materie umanistiche e letterarie, presenterà anche il booktrailer del libro, girato dal regista Tony Paganelli, le cui riprese sono state effettuate tra Lazio ed Abruzzo. (Federica Rinaudo) (foto: alessia)

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’anima oltre il tempo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 18 novembre 2015

sgarbiMilano domenica 22 novembre, alle ore 17.00, presso la storica “Milano Art Gallery” in via Alessi 11 la pittrice Grazia Gottarelli, sarà protagonista di un’interessante mostra pittorica personale dal titolo “L’anima oltre il tempo” che verrà inaugurata in data, con la presenza del noto critico VITTORIO SGARBI. Organizzatore dell’evento, è il manager della cultura SALVO NUGNES. L’esposizione resterà in loco fino al 13 dicembre 2015 ed è visitabile con ingresso libero.Requisito indispensabile per la piena comprensione delle creazioni della Gottarelli, è la conoscenza del mito e della sua valenza contenutistica sottesa. La sua pittura delinea l’immaginazione tipica, degli artisti legati alla radice del simbolismo. Il mito per lei, svela e rivela l’indicibile e l’inesprimibile, oltrepassando e superando le differenze sociali, culturali, intellettuali e formando un messaggio di portata e di spessore universale. Per la Gottarelli, l’arte ha e conserva fondamenta nella storia e nella mitologia. La produzione si propone come manifestazione di una pittura piena di significati allegorici e metaforici e da una profonda vena allusiva e simbolista. Le opere si pongono come traccia tangibile, che testimonia e si rende portavoce dell’adesione e dell’appartenenza a una civiltà secolare, che è e rimane sempre presente, anche quando viene posta all’ombra della modernità. (foto sgarbi)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Anima sgr sigla un accordo per la vendita dell’attività di Fund accounting

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 maggio 2012

Anima Sgr, società italiana indipendente leader del risparmio gestito, cede l’attività di fund accounting a BNP Paribas Securities Services, società controllata dal Gruppo BNP Paribas, leader globale nei servizi di custodia, regolamento titoli e servizi specializzati per le società di gestione del risparmio.L’acquisizione consolida la preminente posizione sul mercato italiano di BNP Paribas Securities Services e valorizza e consolida la relazione con ANIMA.Commentando l’acquisizione, Alessandro Gioffreda, Direttore Generale di BNP Paribas Securities Services in Italia ha detto: “Questa ulteriore acquisizione rafforza i servizi di BNP Paribas Securities Services sul mercato italiano, aumentando il numero di fondi cui prestiamo il servizio di fund Accounting in Italia e consolidando la nostra leadership in un mercato molto strategico. L’acquisizione conferma il nostro impegno ad ampliare la nostra presenza in Europa.
Marco Carreri, direttore generale di ANIMA SGR ha detto: “Questa transazione permetterà ad ANIMA SGR di focalizzarsi sulle proprie attività strategiche, in particolar modo di sviluppare relazioni durature con i propri distributori, ad oggi più di 150, e fornire ad un milione di famiglie italiane ottime soluzioni d’investimento”.
Nell’operazione, ANIMA SGR è stata assistita dallo Studio Legale Chiomenti in qualità di consulente legale mentre BNP Paribas Securities Services è stata assistita dallo Studio Pirola Pennuto Zei & Associati e LSC Legal Services & Consulting come consulenti legali. (Federica Scalvini)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dio non è un assicuratore

Posted by fidest press agency su sabato, 19 novembre 2011

Dio non è un assicuratore: ossia Dio ama il rischio e ci invita al rischio; non ne ha paura e ci invita a non averne. Così il fratello del celebre psicanalista Jacques Lacan incrocia i percorsi dell’anima personale e della sua relazione con Dio. Un libro che porta con sé una testimonianza profonda e un pensiero anticonformista di grande modernità.di Marc-François Lacan Edizioni San Paolo Pagine 174 € 14,00

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Qui è selvaggio”

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 marzo 2011

Martedì 29 marzo esce in tutti i migliori negozi di dischi e sarà disponibile sui principali portali internet music store, “QUI È SELVAGGIO”(Latlantide) il terzo album di Primo & Squarta dei Cor Veleno: quindici nuove canzoni, sempre velenose, attuali e realistiche. Il rap di questo nuovo disco  è quello basico, fatto di musica che picchia, che avvolge e coinvolge nel giro di una strofa e di un ritornello. Un album più consapevole che parla all’anima e che ha l’unica pretesa di essere assimilato con più attenzione. Il nuovo lavoro è anticipato dallo street single “Cantano Tutti”,  brano che vuole interpretare e sottolineare “lo stato sociale delle cose per come si vedono, dalle luci dei Talent Show, al buio di Stefano Cucchi”. Il videoclip di “Cantano Tutti” è disponibile su Youtube, cliccando sul link: http://www.youtube.com/watch?v=HrR2xXfGIrw “Qui è selvaggio”, supportato e marchiato Cor Veleno, vede la produzione esecutiva di Latlantide e la distribuzione nei negozi (Edel), così come anche in tutti i portali digitali. Vede la partecipazione di alcuni amici di Primo & Squarta che hanno collaborato ai pezzi per vari motivi di affinità naturale, da Mc’s storici dell’hip hop italiano come Masito (Colle der Fomento), Tormento, Grandi Numeri (Cor Veleno), la freschezza di Ghemon. Ill Grosso(Bling Beatz), e una delle nuove leve più promettenti del rap di adesso: Canesecco, proveniente dalla crew romana Xtreme Team. L’apertura del disco è affidata A Dj Myke dei Men in Skratch. (primo, cover)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I segni dell’anima di Emanuela Troiani

Posted by fidest press agency su sabato, 19 febbraio 2011

Roma 1 marzo 2011 Martedì 14.00 – 24.00 Da Mercoledì a domenica 18.00 – 24.00) Caffè Letterario Viale Ostiense 95    L’Associazione Culturale Arteoltre, in collaborazione con il Caffè Letterario,presenta la mostra “I segni dell’anima”, dedicata alle opere dell’artista romana Emanuela Troiani. A cura di Alessandra Fina e Claudia Pettinari, l’esposizione mira ad evidenziare il percorso pittorico che l’artista ha compiuto tra il 2010 e il 2011.Diplomata all’Accademia di Belle Arti di Roma  e dotata di un virtuoso talento espressivo , Emanuela dipinge ad olio. Emanuela Troiani ha colto che l’esperienza di ogni essere umano è arte e che tra gioia e  dolore, speranza e rassegnazione, angoscia e serenità, l’uomo è capace di trovare la propria dimensione.Dipingere direttamente su tela, senza fare il bozzetto preparatorio, significa per l’artista rompere le distanze tra la propria anima e ciò che viene rappresentato; il gesto pittorico diventa espressione e estensione dei propri sentimenti arricchito di significato dalle sfumature di caldi tratti cromatici Le opere della mostra “I Segni dell’Anima” danno voce all’espressione artistica dei personaggi dipinti e delle figure ritratte da Emanuela Troiani, avvolte nell’intimità della vita quotidiana. L’inaugurazione, prevista per le ore 17.00, sarà accompagnata da un aperitivo d’autore a cura del Caffè Letterario Roma. (Elena Madera in sintesi) http://www.caffeletterarioroma.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Anima – conversazioni irreali”

Posted by fidest press agency su giovedì, 25 novembre 2010

Firenze 26 novembre ore 15 Palazzo Vecchio Sala delle miniature Bruno Renzi  presenta  “Anima – conversazioni irreali” il Prof. Bruno Renzi (psichiatra, psicoterapeuta, convegni e presentazioni in ambito nazionale ed estero) presenterà il suo libro “Anima – Conversazioni Irreali” per la prima volta a Firenze dopo vari incontri a Milano ed altre città in Italia. La conferenza stampa si terrà con introduzione di Eugenio Giani e sarà aperta a giornalisti e pubblico.  Dopo la discussione di Bruno Renzi sarà possibile intervenire con domande e curiosità. L’ingresso è libero.
Il giorno seguente, sabato 27 novembre dalle ore 9 alle 13, presso i locali della Capponcina a Settignano, Bruno Renzi terrà il seminario esperenziale “Esperienze di rilassamento”, educazione all’abbattimento delle tensioni interiori. Solo su prenotazione. Al seminario sarà presente anche Massimo Orlando, uno degli organizzatori di questo evento. Oltre a Massimo Orlando (famoso ex calciatore, opinionista tv nazionali e gestore della Capponcina) fanno parte dell’organizzazione dell’evento anche i giornalisti Camilla Mencarelli (direttrice di Health Magazine e presentatrice programmi tv), Alessio De Bernardi (ufficio stampa del Prof. Bruno Renzi e di diversi esponenti della cultura) e l’esperta Alessandra Capelli (fondatrice del Circolo Culturale Imajon, coaching in pratiche meditative, personal training).
Sabato 27 novembre: ore 9 – Settignano (FI) – LA CAPPONCINA – seminario Esperienze di rilassamento a cura di Bruno Renzi – con Massimo Orlando – solo su prenotazione.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premio Anima a Roma

Posted by fidest press agency su venerdì, 24 settembre 2010

Roma 27 settembre alle ore 18.00, presso la Terrazza Caffarelli in Campidoglio, si terrà la IX edizione del Premio Anima, organizzato da Anima per il sociale nei valori d’impresa, Associazione non profit promossa dall’Unione degli Industriali e delle imprese di Roma. Il Premio è ideato per valorizzare il contributo apportato da personalità del mondo dell’arte e della cultura alla crescita di una coscienza dell’etica e sensibilizzare imprese e opinione pubblica sui temi legati alla responsabilità sociale e alla sostenibilità. Tutela dei diritti, integrazione e multiculturalità. Nell’anno europeo della lotta alla povertà e all’esclusione sociale, saranno questi i temi che guideranno l’edizione 2010 del Premio Anima.  Cinque i premiati e due le menzioni speciali per le categorie: Cinema, Giornalismo, Letteratura, Musica e Teatro. La giuria, presieduta da Luigi Abete, premierà artisti e intellettuali che attraverso le loro opere promuovono un’attenzione alle tematiche sociali, nel corso di una cerimonia organizzata sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica e con il patrocinio dal Comune di Roma, Unione degli Industriali e delle imprese di Roma e Rai Segretariato Sociale. La cerimonia di premiazione ospiterà uno spazio dedicato a “1billionhungry”, la campagna mondiale di sensibilizzazione contro la fame lanciata dalla FAO, nell’ambito del quale sarà possibile firmare la petizione sostenendo la campagna. Presenterà la serata la giornalista Myrta Merlino con il contributo musicale della cantante Nicky Nicolai, voce del Premio.  Hanno ricevuto il riconoscimento nelle precedenti edizioni artisti quali Gianni Morandi, Mimmo Calopresti, Gianni Amelio, Fabio Concato, Antonio Albanese, Silvio Soldini, Kim Rossi Stuart, Paola Cortellesi, Ron.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Una grande manutenzione dell’anima

Posted by fidest press agency su domenica, 5 settembre 2010

Tra un morto ammazzato e un carcere costretto a vivere del suo, ecco che un paio di detenuti hanno pensato bene di levare le tende, darsela a gambe. Un’evasione da non poter essere neppure raccontata, perché privata in partenza di ogni letteratura, di qualsivoglia vanteria criminale. Se ne sono andati dentro un vero e proprio tradimento culturale, volgendo le spalle a quel patto di lealtà, stipulato innanzitutto con se stessi, con le Istituzioni, con la gente all’intorno, ristretta e  libera. Lo hanno fatto non da un istituto additato a fortino della disumanità, no, hanno scardinato la propria dignità  da un luogo fortemente deputato a svolgere il ruolo di recupero del condannato, la propria utilità  sociale sul versante della giusta pena da scontare e della conseguente riparazione da mettere in pratica. Tanti anni fa anch’io ho usufruito di questa opportunità, dentro un progetto di destrutturazione e ricostruzione interiore, ho avuto la possibilità di ritornare a essere una persona migliore. Conosco bene la metodologia del lavoro esterno in e fuori dal carcere, e come rientrando nei requisiti previsti, sia possibile (per pochi), accedere all’istituto dell’ art. 21, come questa eventuale concessione implichi il mettere in gioco la propria autorevolezza e il proprio prestigio per la Direzione del carcere.
Il detenuto ammesso al lavoro esterno è una persona che gode di fiducia, capace di affidabilità,  protagonista di un percorso di risalita esistenziale, di un cambiamento di mentalità. Avrei potuto anch’io alzare i tacchi, “evadere”, ma quando non si ha più residenzialità con il proprio passato criminale, con la pericolosità sociale, il cammino in atto non è più strettamente legato al solo contenimento, alla sola incapacitazione, bensì è sinonimo di collaborazione lavorativa e di risvolti umani condivisi.  Potevo incamminarmi verso l’uscita, verso la rete metallica, verso una libertà miserabile, ma non mi è mai sfiorata l’idea di ritornare a una vita sottobanco, per anni ho usufruito del lavoro interno-esterno alla prigione, soprattutto di una piccola ma grande manutenzione dell’anima, e ogni giorno che scorre via, comprendo il valore delle responsabilità acquisite che fanno la distanza da “quelli dalla faccia voltata indietro”. (Vincenzo Andraous)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Segni. Sintesi di un’anima

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 giugno 2010

Spoleto (Pg) dal 19 giugno al 4 luglio 2010 (Ingresso libero Orario di visita: martedì-sabato h.17-20) Inaugurazione Sabato 19 giugno ore 19 Palazzo Leti Sansi Via Arco di Druso 37, Festival Internazionale dei Due Mondi Mostra Collettiva d’Arte Contemporanea Curatrice: Sabrina Falzone. Per il Festival dei Due Mondi, il più prestigioso evento internazionale di arte e cultura, il critico e storico dell’arte Sabrina Falzone presenterà “Segni. Sintesi di un’anima”, un monumentale progetto espositivo fondato sulla valorizzazione dell’arte contemporanea a trecentosessanta gradi, che vedrà la realizzazione nell’elegante cornice del Palazzo Leti Sansi di Spoleto, sito in prossimità di Piazza del Mercato, sede di importanti eventi culturali.  Nella terza sala si potranno ammirare gli impeccabili disegni di Sara Dorigo, abile ritrattista della provincia di Belluno, e gli straordinari dipinti sulla poetica del nudo di Valerio Tizzi, sospesi in un’atmosfera di sensuali equilibri e armoniosi contrasti cromatici. Nel languore della luce affiorano i sensibili paesaggi eseguiti da Nicla Rossini, eclettica pittrice e poetessa che, mediante un particolare impiego cromatico, riesce a trasmettere il senso di solitudine universale, sottolineando il motivo dell’incomunicabilità. Sulle medesime tonalità, sia pure in chiave mnemonica, appare l’opera di Regina Di Attanasio che si concentra su delicatissimi trapassi ritmici. Ma il ritmo del segno è rielaborato magistralmente nell’arte di Barbara Romano, ispiratasi alle bellezze del paesaggio toscano. La sensibilità verso la natura si rende manifesta nella pittura di Susanna Anna Redaelli, che indaga nuove eloquenze monocrome dalle calde e piacevoli sfumature. Con il solo uso delle dita Rosa Proface dipinge tele di encomiabile visione estetica, mostrando tutto il proprio amore per la natura. Dal suo canto Maurizio Falcocchio espone la tela simbolica dal titolo “L’equilibrio sopra la follia”, affrontando un tema oltremodo caro agli artisti. Il simbolismo, di cui è intessuta buona parte della ricerca artistica odierna, si ritrova con grande efficacia rappresentativa nella “Ninfa” di Enrico Delfini e prosegue con accenti quasi drammatici nella pittura digitale dell’autrice siciliana Rita Puliafito dedicata all’infanzia perduta.
In occasione del Festival di Spoleto, a Palazzo Leti Sansi sarà presente anche la nota pittrice milanese Marta Boccone, che è stata recensita nel 2009 da Sabrina Falzone in occasione della personale presso la Galleria Il Borgo e nel 2010 dall’illustre critico Paolo Levi nel catalogo edito da Mondadori “La materia è il colore”. Secondo la Falzone la poetica del caos materico in Marta Boccone è recuperata mediante l’apologia del colore, dissipato in deflagrazioni sensoriali senza tempo.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

«L’anima buona del sezuan»

Posted by fidest press agency su martedì, 25 maggio 2010

Roma, dal 26 al 30 maggio 2010 Teatro Sala Uno in piazza di Porta San Giovanni, 10, dietro la Scala Santa. Prova generale aperta al pubblico il 25 maggio ore 21, spettacoli dal 26 al 29 maggio ore 21, domenica 30 maggio, ore 18. Ingresso gratuito, gradita prenotazione. Un pezzo di Luciana Lusso Roveto e Paolo Proietti liberamente tratto da Bertold Brecht. Alla ricerca di un’ “anima buona”, tre déi scendono sulla terra, precisamente nella capitale della provincia cinese del Sezuan. Dopo un lungo pellegrinare riescono finalmente a trovarne una, si tratta della prostituta Shen Te, unica ad offrir loro ospitalità durante la notte. Il compenso per la generosa donna è di mille dollari d’argento, che Shen Te investe in una tabaccheria. Ma l’elargizione è accompagnata dal comandamento di continuare a praticare la bontà. Fatale errore, che solo gli déi, non costretti a maneggiare denaro come gli uomini, possono commettere. La malaugurata Shen Te, infatti, si ritrova da subito circondata da uno sciame di parassiti e postulanti che attentano alle sue fortune. Tra questi, un giovane aviatore disoccupato, Sun, interessato oltre che a lei anche al suo gruzzolo, che la mette anche incinta. Quando si tratta di preparare il posto a un figlio che deve nascere, però, occorre essere spietati e così Shen Te, che non sa esserlo, chiama il suo lontano e abile cugino, Shui Ta, a prendere in mano le redini dell’amministrazione al suo posto. Shui Ta, in realtà, non è altro che Shen Te travestita. L’epigolo dimostrerà come, nonostante tutto, sia possibile essere buoni in un mondo cattivo.
Superdiverso è una cooperativa sociale integrata composta da attori e danzatori abili e diversamente abili, già al loro nono spettacolo, diretta fin dal suo inizio da Luciana Lusso Roveto e Paolo Proietti. Lo spettacolo è stata realizzato grazie alla collaborazione della DMA Teatrodanza, riconosciuta nel 2009 ‘Centro di Formazione e Promozione Teatrale’ dal Mibac e con il fondamentale contributo del Comune di Roma, Assessorato alle Politiche Sociali e Promozione della Salute, Dipartimento promozione dei Servizi Sociali e della Salute, U.O. Disabilità e Disagio Mentale. E con il patrocinio del XX Municipio. Il Progetto Superdiverso è nato nel 2001 come laboratorio di teatrodanza finanziato dal Dipartimento V all’handicap del Comune di Roma, finalizzato alla formazione e all’avviamento professionale nel campo dello spettacolo dei diversamente abili. (tempesta, sdvash)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »