Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘annuncite’

Immigrazione: è ora di finirla con l’annuncite

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 luglio 2017

regione lombardiaMilano. “Chiediamo azioni concrete, il far west va avanti da troppo tempo. La Regione non ha competenze dirette sulla sicurezza ma Maroni abbia la decenza di finirla con le propaganda e l’annuncite e si confronti con la Prefettura e il Governo perché si occupino seriamente del problema.Noi abbiamo avanzato le nostre proposte dopo il blitz della polizia a maggio in Stazione Centrale chiedendo un presidio regolare delle forze dell’ordine nella zona e non soltanto blitz spettacolari una tantum. Ci sono diverse zone a Milano critiche per la sicurezza dei cittadini, ad esempio San Siro, Viale Padova, la stazione Centrale ed altre che rischiano da tempo di finire fuori controllo. E’ più che mai urgente sbloccare risorse per le forze dell’ordine per un maggiore controllo e contrasto alla criminalità comune, all’immigrazione clandestina ed al degrado.
Il tema è poi nazionale e abbiamo proposto che i nostri porti debbano essere chiusi alle imbarcazioni non in regola. Il Regolamento di Dublino deve essere rivisto subito. L’Europa deve attivarsi, a partire dagli Stati più vicini Francia, Germania e Spagna, e darci una mano. Non si può più aspettare. O abbiamo risposte immediate o l’Italia deve subito interrompere qualsiasi forma di contributo economico all’Unione Europea e annunciare il veto definitivo al Fiscal Compact. Non staremo a guardare”, così Andrea Fiasconaro, capogruppo del M5S Lombardia, sull’accoltellamento di un poliziotto in Stazione Centrale a Milano.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Confeuro: il governo è ammalato di annuncite

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 novembre 2016

confeuroLa patologia di questo governo, malato di “annuncite”, si sta acuendo sempre di più e, “casualmente”, si aggrava proprio nel corso della campagna referendaria. L’ultimo colpo in questo senso è stato dato con l’annuncio del premier Renzi di voler garantire “la decontribuzione totale per chi assume al Sud”. Evidentemente – continua Tiso – l’esecutivo non crede nell’intelligenza degli italiani e si è convinto che un governo non eletto possa ottenere la fiducia dei cittadini con la sola forza degli annunci. La verità però è ben diversa è verrà palesata il 4 Dicembre. A parlare chiaro per questo governo sono i fatti; nonché gli effetti deleteri del Jobs Act e di tutte quelle misure adottate per migliorare i conti delle banche e delle multinazionali a discapito della cittadinanza. Come Confeuro – conclude Tiso – siamo assolutamente certi che non basterà “l’annuncite” per salvare un esecutivo che fino ad ora è abilmente riuscito a sfuggire alle proprie responsabilità.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tasse: Renzi non è padre Pio

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2015

tasse“Il bonus degli 80 euro è all’origine del cambiamento del ciclo elettorale di Renzi, perché con gli 80 euro ha avuto una vittoria di Pirro, quella delle elezioni europee. Da allora in poi è cominciata la discesa, gli italiani si sono resi conto che era un imbroglio, perché venute meno tasse per 80 euro mensili, cioè il bonus dato, sono aumentate le tasse per tutti, ivi compresi quelli che avevano ricevuto gli 80 euro”. Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, parlando con i giornalisti in sala stampa a Montecitorio. “Il bilancio dello Stato è una cosa seria, governare con bassa crescita è certamente difficile, governare però con gli annunci, l’annuncite, i miracoli, è un po’ difficile. Ci riusciva forse Padre Pio ma Renzi non è ancora Padre Pio”, ha concluso Brunetta. “A legislazione vigente a Renzi mancano 80 miliardi di euro per coprire il buco da qui al 2018. Al Tesoro hanno le mani nei capelli perché non sanno come fare, tra clausole di salvaguardia, contratto del pubblico impiego, per cui c’è stata la sentenza della Corte costituzionale, ed altro”. Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, parlando con i giornalisti in sala stampa a Montecitorio. “Quindi, dati gli impegni di legge e dati gli impegni con l’Unione europea, Renzi deve ancora dirci come trova 80 miliardi di euro da qui alla fine della legislatura. Missione impossibile già oggi. Se poi a questi aggiungiamo altri 50 miliardi di euro che dovrebbero servire per compensare i tagli alla pressione fiscale che ha promesso dall’Expo a Milano, i miliardi sono 130”. “Sembra una presa in giro, ed è una presa in giro. Non preoccupatevi, tra un paio di giorni non se ne parlerà più e quando a settembre si ricomincerà con la legge di stabilità cominceranno i guai e le tristezze per gli italiani che vedranno, come da Def, le loro tasse aumentare. Addio sogni di gloria”, ha sottolineato Brunetta.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »