Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Posts Tagged ‘antichi’

Nuovo anno e riti antichi

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 gennaio 2018

2018 new year multilingual text word cloud greeting card in the shape of a white christmas ball on black backgroundSi fa un gran parlare in questi giorni del futuro prossimo che ci attente con l’anno nuovo e le previsioni non sono sempre ottimistiche, anzi propendono per il peggio. Pensiamo, innanzitutto, ai nostri problemi personali a partire dal reddito che disponiamo, dalle minacce che incombono sui nostri risparmi alle imposizioni fiscali di varia natura che palesi e occulte dobbiamo far fronte, e ancora alla salute che talvolta traballa e all’assistenza universale che ci sta abbandonando in favore di quella privata i cui costi spesso sono proibitivi. Pensiamo alla casa e alle spese condominiali tra ordinarie e straordinarie e non certo ultimo il problema davvero molto serio del lavoro che non si trova, in specie per i giovani, e delle retribuzioni e pensioni che calano.
I politici non so se per pietà o cinismo cercano di blandirci con i soliti discorsetti di fine anno e che per altro trovano un uditorio sempre meno aduso ad ascoltarli consapevole che non sono le promesse che devono fare ma un qualcosa di concreto. Sono quei “riti antichi” che non riusciamo a toglierci di dosso a retaggio di una mentalità ipocrita che i nostri padri non sono riusciti a cancellare e che continua con imperterrita cadenza di anno in anno, di generazione in generazione.
Se poi apriamo la nostra porta di casa alle vicende del mondo dalle più vicine, geograficamente parlando, alle più lontane il quadro s’insieme ci appare dei più desolanti: corruzione, criminalità, terrorismo, truffe di ogni genere, disservizi e una situazione politica generale dove il profitto prevale sul rispetto della persona umana e dove la legge dell’avere domina quella dell’essere. Alla fine di ogni anno per quanto vanno male le cose pensiamo di aver toccato il fondo ed invece non riusciamo ancora a vederlo. Ma ciò che più urta la nostra sensibilità è il cattivo uso delle parole come per dire ad esempio “buona riforma” mentre si sa che è cattiva e così per estensione lo facciamo per far digerire all’opinione pubblica il malaffare e il disagio sociale. Vogliono farci ingurgitare aria e illusioni per allontanare i nostri pensieri dalla dura realtà. Ma nonostante queste fosche visioni noi non siamo del tutto votati al pessimismo. Vi è in ciascuno di noi una speranza, per quanto flebile, che ci consente d’intravedere una luce che riesce a filtrare attraverso una densa coltre di nubi nere e minacciose. Sarà quando avremo raggiunta la consapevolezza, e l’evoluzione tecnologica ci aiuterà in questo, che è tempo d’imprimere una svolta radicale al nostro modo di gestire la nostra vita e al nostro interagire con la natura che ci circonda e che in un certo senso ci compenetra. (dal Centro studi sociali della Fidest)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Antichi Cammini nell’Italia del Sud

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 ottobre 2017

villa-celimontana(1)Roma Lunedì 30 ottobre 2017, ore 11:30 Società Geografica Italiana, Palazzetto Mattei in Villa Celimontana Via della Navicella 12, Valorizzare e promuovere gli itinerari culturali del Sud Italia, attraverso la riscoperta del viaggio “slow”, inteso quale potente antidoto al cospetto dell’incontrollabile frenesia dei ritmi quotidiani ma, soprattutto, quale intenso percorso interiore finalizzato a riflettere su sé stessi e sul proprio vissuto. Si snoda attraverso tali tematiche la trama di “Road to Myself”, il nuovo documentario del regista Alessandro Piva che sarà proiettato, in anteprima assoluta, lunedì 30 ottobre alle ore 11:30 a Roma presso Villa Celimontana, sede della Società Geografica Italiana, nell’ambito della presentazione della seconda edizione della manifestazione “All Routes Lead to Rome”. Il prodotto cinematografico è stato realizzato nell’ambito delle azioni comuni previste dal progetto “South Cultural Routes” che coinvolge le Regioni Basilicata, Calabria, Campania, Molise e Puglia, con quest’ultima nel ruolo di capofila, e che è cofinanziato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Gli obiettivi della destagionalizzazione dei flussi turistici nei territori coinvolti e della diversificazione dell’offerta sono perseguiti attraverso la proposta di itinerari meno conosciuti e tesi alla valorizzazione integrata e sostenibile del patrimonio culturale, paesaggistico ed ambientale. Piva, regista cinematografico vincitore di numerosi premi come il David di Donatello e il Ciak d’Oro (2000) con il film cult “LaCapaGira”, nonché apprezzato documentarista (il suo “Pasta nera” ha vinto un premio al festival di Venezia), guida gli spettatori tra inediti sentieri, scorci, incontri ed esperienze con sguardo profondo e leggero, riuscendo a fare emozionare e riflettere. Il film è stato prodotto dalle due società pugliesi che si sono aggiudicate la gara pubblica, la Seminal Film e Studio9/Italia. Alla cerimonia di presentazione del documentario plurilingue, che sarà diffuso sui principali canali di promozione turistica internazionale, interverranno il regista Alessandro Piva, l’attore protagonista Riccardo Giagni (compositore e intellettuale di origini lucane, una delle voci di “Radio3 Suite”), l’assessore al Turismo della Regione Puglia, Loredana Capone, (in qualità di capofila del progetto) insieme ai rappresentanti istituzionali del MiBACT e delle altre Regioni coinvolte (Basilicata, Calabria, Campania, Molise).

Posted in Roma/about Rome, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Antichi mestieri: Lo scalpellino quasi scomparso che sopravvive nel Salento

Posted by fidest press agency su martedì, 2 agosto 2016

scalpellinoSono rimasti in pochi in tutt’Italia coloro che con pazienza e grandissima abilità, conseguenza sovente di un'”arte” tramandata di padre in figlio, modellano la pietra per farne oggetti, spesso di grande bellezza estetica e che vediamo nelle nostre case: gli scalpellini, maestri di un’arte che sta scomparendo, ma che vive ancora per quel legame insopprimibile ed ancestrale con la pietra e per la loro capacità di ricavarne, – col sudore della fronte, frutto di intensissime ore di colpi ripetuti e precisi e della propria ispirazione – un innumerevole quantità di forme che siano quelle di un bene di uso comune come un posacenere o un elemento decorativo per l’edilizia. Nel Salento, terra dove ancora si estrae pietra, quest’arte sopravvive forse perchè è lo stesso elemento base che lo consente. Di origine calcarea e tufacea, la pietra leccese, è nota per la sua nota duttilità, ma anche fragilità se non si è tanto abili da scalfirla con la maestria ed esperienza che solo la tradizione tramandata di generazione in generazione e poi trasmessa anche in alcune scuole del luogo può consentire di non danneggiarla irrimediabilmente perdendo il lavoro di ore per non dire di giorni.Ed allora, questi abilissimi artigiani sono stati troppo spesso sottovalutati e relegati a ruolo di comprimari degli scultori in senso stretto, ma il loro mestiere, messo a dura prova dal progressivo abbandono dei lavori artigianali per la loro scarsa remuneratività, ma anche dal progresso tecnologico e dalle macchine come i potentissimi e rapidissimi torni che avrebbero dovuto sostituirli, riesce a sopravvivere perchè nessuna apparecchiatura artificiale può sostituire il prezioso ed irripetibile tocco umano che porta ad un pezzo unico, come uniche sono la miriade di opere d’arte che ornano la città di Lecce e gli altri centri del Salento, dal più grande al più piccolo, dove è possibile toccare con mano e realizzare un’esperienza visiva unica grazie al lavoro di centinaia di mani, molto spesso anonime, che con lo scalpello hanno lasciato scritto per sempre nella pietra il segno indelebile di quella che è ritenuta una vera e propria arte con la creazione di uno stile altrettanto unico quale il Barocco leccese.Non vi è dubbio, quindi, per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, associazione che da sempre si è impegnata anche nella tutela degli artigiani e degli artisti, che sia necessaria da parte delle istituzioni una maggiore attenzione verso quest’arte attraverso iniziative sia di sostegno economico – finanziario verso i giovani talenti che si approcciano, ma anche favorendo la promozione di periodiche mostre ed esposizioni per tutti coloro che intendano esporre le proprie opere.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra internazionale Libri antichi e di pregio a Milano

Posted by fidest press agency su sabato, 5 marzo 2016

mostra libri antichiMilano 11-13 marzo. ALAI Associazione Librai Antiquari d’Italia presenta la quarta edizione della Mostra Internazionale Libri Antichi e di Pregio a Milano Milano dall’11 al 13 marzo 2016, nella suggestiva cornice del Salone dei Tessuti, sede prestigiosa e strategica posta a soli 500 metri dalla Stazione Centrale del capoluogo lombardo in via Sam Gregorio 29 si svolgerà la grande mostra-mercato, che si riconferma il più importante evento del mercato librario d’antiquariato in Italia, dopo il grande successo di pubblico delle precedenti edizioni, con la conferma del patrocinio di Comune di Milano, Città Metropolitana di Milano, Regione Lombardia, Camera di Commercio di Milano, il sostegno di Assicurazioni Generali e il supporto di AbeBooks. Oltre 30 prestigiose librerie antiquarie italiane e internazionali presenteranno al pubblico alcuni tra i loro volumi più preziosi: libri miniati, incunaboli, documenti rari ed edizioni di pregio contemporanee per il piacere di collezionisti, esperti bibliofili e di tutti gli appassionati della carta stampata. Un vero e proprio patrimonio, ampio e articolato, che delinea la storia dell’umanità, fatta di cultura e bellezza. Qui gli editori espositori.
La Mostra Internazionale Libri Antichi e di Pregio a Milano anche presenta un ricco programma di incontri: sabato 12 marzo alle ore 10.30 Stefano Zuffi parlerà di Geografia reale e mondi fantastici: libri e sogni all’epoca di Bosch; alle 11.30 Stefano Salis coordinerà l’incontro Un genio dell’illustrazione italiana: Antonio Rubino con lo studioso dell’illustrazione Santo Alligo e l’editore Fabio Vittucci; alle 12.30 sarà presentato anche il libro di Giancarlo Petrella dal titolo À la chasse au bonheur. I libri ritrovati di Renzo Bonfiglioli e altri episodi di storia del collezionismo italiano del Novecento (Olschki, 2016); alle ore 15.30 Marco Carminati illustrerà Le peripezie dei codici di Leonardo Da Vinci; alle 17.30 sarà la volta di Marcello Jori con Gli Albi dell’Avventura pubblicati da Skira, mentre alle 18.30 si terrà l’incontro Il Beckett per bibliofili ritrovato con Stefano Salis e Francesco Michielin, artista, bibliofilo e curatore del libro edito da Scheiwiller. Domenica 13 marzo alle ore 10.30 si terrà la presentazione del secondo numero della Rivista di cultura del libro, pubblicazione ricca di contributi di livello accademico e bibliografico con cui l’Associazione Librai Antiquari d’Italia porta avanti l’obiettivo di dare voce al prezioso patrimonio di esperienze e informazioni che librai e collezionisti raccolgono sul libro e la sua storia; l’incontro sarà coordinato da Pier Luigi Vercesi con il Presidente dell’ALAI Marco Cicolini, il direttore della rivista Giovanni Biancardi e il condirettore di Charta Mauro Chiabrando. Alle ore 11.30 Stefano Salis modererà la presentazione del libro e della suite Nove Tagliacarte (Henry Beyle Edizioni) con il designer Alessandro Mendini, l’editore Vincenzo Campo e il bibliofilo Pier Luigi Vercesi; alle ore 16 sarà la volta di Arte e astrologia. Lo zodiaco intellettuale con Stefano Zuffi e la storica dell’arte Alessandra Novellone.
Venerdì 11 marzo – dalle ore 17.30 alle 20.30 Sabato 12 marzo – dalle ore 10.30 alle 19.30 Domenica 13 marzo – dalle ore 10.30 alle 17.30 Biglietto di ingresso € 10.00 valido per tutta la durata della mostra.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La vita degli antichi in miniatura

Posted by fidest press agency su domenica, 26 giugno 2011

Chianciano Terme Una mostra straordinaria per raccontare e comprendere la vita in antiche civiltà. Urne che riproducono in scala ridotta delle dimore o modelli per la progettazione architettonica di edifici pubblici e provati delle maggiori popolazioni dell’antichità: ad esse è dedicata la mostra “Le case delle anime” – promossa da Museo delle Culture della Città di Lugano, Museo Civico Archeologico delle Acque di Chianciano Terme e Fondazione Musei Senesi, grazie al sostegno della Fondazione Monte dei Paschi di Siena e alla preziosa collaborazione di Vernice Progetti Culturali srlu – che apre al pubblico oggi presso il Museo Civico Archeologico di Chianciano fino al 16 ottobre. La mostra ne espone alcuni straordinari esemplari provenienti dai maggiori musei archeologici italiani e svizzeri.
“Le case delle anime” è l’evento inaugurale dell’ ArcheoFest, il primo festival nazionale dedicato all’archeologia che avrà come tema l’acqua nel suo stretto rapporto con il paesaggio, l’abitare, il viaggio, il benessere e il sacro. Fino ad ottobre, infatti, un ricco calendario di eventi coinvolgerà tutta la Val di Chiana con mostre temporanee, convegni, conferenze, seminari, rappresentazioni teatrali, musicali e cinematografiche legate a temi dell’antichità, ricostruzioni e rievocazioni reali e virtuali, scavi e scavi simulati, spazi dedicati alla tecnologia applicata all’archeologia, laboratori educativi per adulti e ragazzi sull’arte e sulla vita quotidiana nell’antichità, eventi legati alla storia del cibo e del vino, ma anche alla storia della bellezza e della salute, editoria, promozione del volontariato archeologico. Realizzata da Fondazione Monte dei Paschi di Siena e Vernice Progetti Culturali, l’ArcheoFest è stata coordinata dalla Fondazione Musei Senesi in collaborazione con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, l’Università degli Studi di Siena, Regione Toscana, Provincia di Siena e Comune di Chianciano Terme e la partecipazione dei Comuni di Cetona, Chiusi, Montepulciano, Sarteano, Trequanda, dell’Unione dei Comuni della Val di Chiana Senese, della Camera di Commercio di Siena e l’Associazione dei Musei Archeologici Toscani.
“Le case delle anime” resterà aperta presso il Museo Civico Archeologico delle Acque di Chianciano Terme dal prossimo 25 giugno e fino al 16 ottobre con i seguenti orari: tutti i giorni tranne il lunedì dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle ore 16.00 alle19.00. Info: 0578 30471. E-mail: museoetrusco@libero.it. L’ingresso alla mostra è compreso nel biglietto del Museo. (8,10,19 jpg, mostra)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Torna “Antichi Mestieri”

Posted by fidest press agency su lunedì, 6 dicembre 2010

Torino 8 dicembre nell’area Portici di Piazza Statuto si svolge la seconda edizione della manifestazione “Antichi Mestieri”, promossa dall’Associazione Portici di Piazza Statuto in collaborazione con la Pro Loco Torino e l’Albo dei Gruppi Storici della Provincia di Torino e il patrocinio della Provincia di Torino e della Circoscrizione I Centro Crocetta dal Comune di Torino.
Nell’area Portici di Piazza Statuto, lato Via Garibaldi, dalle ore 15 in poi, saranno presenti Antichi Mestieri e attività artigianali del territorio torinese, presenti nelle diverse epoche che hanno fatto la storia di Torino, Città capitale prima sabauda e poi dell’Italia unita. Alcune di queste attività sono ancora presenti sul territorio del Quartiere Centro e rappresentano spesso vere e proprie eccellenze nel loro campo, come la sartoria teatrale e di abiti da cerimonia, la cappelleria, la costruzione di strumenti a percussione, la antica arte della pasticceria e della liquoreria, l’ebanisteria. Ma saranno presenti anche mestieri che fanno parte del passato industrioso e glorioso della antica capitale dei Taurini, poi Augusta Taurinorum, poi capitale dei Savoia, e infine Capitale del Regno d’Italia: ci saranno, per esempio,  il Mestiere delle armi, il Miniaturista, lo Scrivano, l’antica fabbricazione degli Organini e della Musica meccanica e della Musica su cartone traforato, la costruzione artigianale di velocipedi, ma ci saranno anche gli Zoccolai i Lavandai e i Maniscalchi con l’antica Scuola di Mascalcia, indispensabile in un tempo nel quale i trasporti erano tutti a cavallo. Ci saranno poi i Giochi Storici che occupavano gran parte del tempo libero dei bamb ini e non solo. Tra gli altri, saranno presenti i Gruppi Storici Allodieri di Cuorgnè, Marchesi Paleologi di Chivasso, Armis et Leo di Torino, Conti Orsini di Rivalta, Gli Zoccolai di Piobesi, I Lavandai di Bertolla, Velocipedi e Musica del 1800. Nell’ambito della manifestazione, da segnalare una preziosa esposizione animata di antichi Mestieri del Presepe tradizionale e minipresepi artigianali di tutto il mondo. A far da colonna sonora, la Musica di un rarissimo Organino del 1861 ma anche Bande Musicali e Gruppi Folkloristici anch’essi testimoni di un’antica cultura e tradizione del territorio. (Carla Pallavicino)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Antichi sapori

Posted by fidest press agency su sabato, 30 ottobre 2010

Bellosguardo (Sa) 30 ottobre, alle 18.00, convegno sul tema “Enogastronomia come identità territoriale”, che vedrà la partecipazione di diverse istituzioni, dalla Provincia, al Parco del Cilento e Vallo di Diano, da Slow Food all’Università.  Ci saranno il Sindaco di Bellosguardo, Geppino Parente, l’Assessore provinciale all’agricoltura di Salerno, Mario Miano, il Presidente del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, Amilcare Troiano, e ancora Giancarlo Capacchione, di Slow Food Cilento,  la giornalista enogastronomica Antonella Petitti direttore di Rosmarino News, il nutrizionista Antonio Vacca, e, dall’Università di Salerno, il professor Salvatore Farace.  Dopo il convegno tutti si ritroveranno in piazza per la degustazione dei vini locali in abbinamento ai piatti tipici tra cui giochetti con funghi porcini; scazzatielli con ricotta salata; bucatini ammullicati; coniglio mbuttunato; cicci maritati; capra cotta; zuppa di fagioli, oltre alla rinomata sfogliatella di Bellosguardo. Gli stand saranno aperti alle 20.30. Si potrà anche fare una passeggiata nel bel centro storico di questo paese degli Alburni, e soffermarsi sugli stand espositivi di prodotti tipici locali. La serata si concluderà con uno spettacolo musicale.  Per domenica l’appuntamento è alle 19.30.
“La manifestazione ha diverse finalità promozionali, economiche e culturali – informano dal Comune di Bellosguardo – in particolare quella di sollecitare negli operatori economici e imprenditoriali della filiera vitivinicola, olivicola e dell’enogastronomia in generale, una nuova cultura di aggregazione e dello stare insieme”. “Lo scopo – dicono – è quello di costruire un nuovo modo di cooperare nel territorio in cui amministrazioni locali pubbliche, produttori agricoli, operatori turistici ed economici, unitamente alle associazioni, lavorino insieme per costruire e realizzare un nuovo sistema produttivo locale, che fa della capacità dell’accogliere una leva competitiva dell’area nel suo complesso”. Occorre, per gli amministratori di Bellosguardo, costruire un nuovo sistema dell’accoglienza e dell’ospitalità rurale della Valle del Fasanella, Valle del Calore e degli Alburni, centrato sulla costituzione di un itinerario del gusto razionalizzato e coordinato, nel quale tutte le attuali manifestazioni di valorizzazione delle produzioni tipiche locali stanno insieme.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caravaggio? L’enigma dei due San Francesco

Posted by fidest press agency su sabato, 26 giugno 2010

Lecce Inaugurazione venerdì  2 luglio 2010 ore 19.30 (3 luglio – 5 settembre 2010) Complesso Museale San Francesco della Scarpa Piazzetta Carducci Mostra: “Caravaggio? L’enigma dei due S. Francesco” In mostra un’opera doppia, ovvero due tavole assolutamente identiche ad un primo sguardo che però celano un mistero, un enigma che finora gli esperti non sono riusciti a risolvere.
Restaurati qualche anno fa, i due dipinti sono al centro di una controversia fra autorevoli studiosi che sostengono, con motivazioni scientifiche parimenti fondate, tesi diverse sull’autenticità dell’uno o dell’altro. Dove sta allora il vero? E soprattutto: e’ possibile arrivare ad accertare senza dubbio alcuno l’autenticità di dipinti così antichi, spesso sottoposti più volte a restauri e a lavori che ne hanno alterato la forma originale? Cosa rende così difficile il cammino per raggiungere il verdetto definitivo? Qual è l’attendibilità degli strumenti a disposizione della scienza per l’attribuzione dell’autenticità di un’opera pittorica? Possono le nuove tecnologie dare un contributo dirimente?  Nel contesto della mostra, nello spazio dell’ex altare della Chiesa, sarà allestito un laboratorio di restauro aperto al pubblico, dove restauratori del Museo provinciale “Sigismondo Castromediano” di Lecce, diretto da Antonio Cassiano, restaureranno “a vista” opere di scuola caravaggesca salentina, rispondendo ai quesiti dei visitatori. Sarà anche proiettato lo sceneggiato sulla vita di Caravaggio realizzato dalla RAI e interpretato da Alessio Boni. L’evento espositivo rappresenta un’occasione importante per incrementare il turismo culturale, un incentivo a visitare un territorio carico di fascino e un’opportunità per far conoscere al pubblico nazionale ed internazionale, le bellezze architettoniche e paesaggistiche e le ricche tradizioni culturali del Salento.
La mostra è stata realizzata da Sogecom, in collaborazione con la Provincia di Lecce – Assessorato alla Cultura; con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e con l’essenziale contributo del Ministero dell’Interno – Direzione Centrale Fondo Edifici di Culto, che ha prestato i dipinti. Si avvale  del contributo di: Camera di Commercio di Lecce, British American Tobacco Italia S.p.A., Poste Italiane, Telecom Italia S.p.A., Fondazione Caripuglia,

Regione Puglia e Alpak srl.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Le stelle degli antichi naviganti

Posted by fidest press agency su sabato, 20 febbraio 2010

Roma 20 febbraio 2010 dalle 10,30 Piazza Giovanni Agnelli, 1  Museo della Civiltà Romana e Planetario Museo della Civiltà Romana e al Planetario di Roma”  si svolgerà una giornata di approfondimento su uno degli argomenti cruciali dell’esposizione: la navigazione, le rotte marine e l’estrema competenza degli antichi Romani nel settore.   L’appuntamento, organizzato dall’Associazione Piazza Duomo e promosso dall’Assessorato alle Politiche Culturali e alla Comunicazione – Sovrintendenza ai Beni Culturali del Comune di Roma, ha lo scopo di illustrare al pubblico la cultura scientifica, la tecnologia e le basi teoriche in possesso nell’antica Roma, in particolare nel campo della matematica, dell’astronomia e della geografia e suggerirà come i Romani conoscessero la scienza nautica e avessero perfino navi adatte ad attraversare l’oceano Atlantico. Dalle 10,45 sarà possibile partecipare alla visita guidata alla mostra con la curatrice Rita Correnti e con Giuseppina Pisani Sartorio (ingresso a pagamento). La giornata proseguirà alle ore 12,00 al Planetario (ingresso gratuito fino a esaurimento posti) per la presentazione del libro di Elio Cadelo “Quando i Romani andavano in America”, editore Palombi. Saranno ospiti Luigi Fozzati, Sovrintendente ai Beni Archeologici del Friuli Venezia Giulia e Claudio Mocchegiani Carpano, Docente di Archeologia Subacquea all’Università di Napoli, che insieme all’autore Elio Cadelo, inviato speciale del GR RAI per la Scienza e l’Ambiente, racconteranno le conoscenze marinare degli antichi Romani, le testimonianze ereditate e la scienza della navigazione dell’epoca. L’appuntamento è preceduto da un preludio celeste sotto la cupola dedicato alle stelle degli antichi naviganti, prodotto dallo staff del Planetario e Museo Astronomico.  Una giornata pensata per divertirsi e scoprire aspetti trascurati e misteriosi del sapere tecnico dell’antica Roma.(i romani)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »