Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Posts Tagged ‘anticrisi’

Bcc: misure anticrisi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 25 aprile 2012

BCC Carugate, Banca di Credito Cooperativo di Milano e Brianza, è una delle 330 BCC che hanno aderito all’intesa “Nuove misure per il credito alle PMI”, siglata da ABI, Associazioni imprenditoriali, Ministero dello Sviluppo Economico e Ministero dell’Economia e delle Finanze, e che prevede operazioni di sospensione e allungamento dei finanziamenti concessi alle imprese. Dalla prima adesione al 20 aprile 2012, BCC Carugate ha approvato 77 domande di sospensione complessive, per un importo totale di “rate” sospese pari a 4,7 milioni di euro. BCC Carugate – Banca di Credito Cooperativo di Milano e Brianza attiva dal 1953 con 27 filiali in 90 comuni nelle province lombarde di Milano, Monza e Brianza, Lodi, Como e Lecco – ha rinnovato la propria adesione all’Avviso Comune per la sospensione dei debiti delle PMI per l’anno 2012, firmato lo scorso 28 febbraio da ABI e Associazioni di rappresentanza delle imprese e siglato anche dal Ministro dello sviluppo economico, delle infrastrutture e dei trasporti Corrado Passera, e dal Vice Ministro dell’economia e delle finanze Vittorio Grilli. Gli obiettivi dell’intesa – denominata “Nuove misure per il credito alle PMI” – sono analoghi a quelli dei precedenti accordi del 2009 e del 2011 e mirano ad assicurare la disponibilità di adeguate risorse finanziarie alle imprese che pur registrando tensioni sul fronte della liquidità presentano comunque prospettive economiche positive, creando le condizioni per il superamento delle attuali situazioni di criticità. Le misure finanziarie adottate a favore delle imprese includono operazioni di sospensione dei finanziamenti, operazioni di allungamento dei finanziamenti e operazioni per promuovere la ripresa e lo sviluppo delle attività.
BCC Carugate è una delle 330 BCC che hanno fin qui aderito all’iniziativa, alle quali si aggiungono i tre enti centrali del Credito Cooperativo: Iccrea Banca Impresa – ex Agrileasing, Cassa Centrale Banca e Banca Sviluppo.
Nel periodo ottobre 2009 – ottobre 2011, il Credito Cooperativo nel suo complesso ha accolto circa 16.400 domande (il 78,9% di quelle analizzate) per un debito residuo di circa 4,2 miliardi (78% circa dell’importo relativo alle domande analizzate). Dalla prima adesione al 20 aprile 2012, BCC Carugate ha approvato 77 domande di sospensione complessive, per un importo totale di “rate” sospese pari a 4.759.327 euro, che corrisponde a un dato medio di 61.800 euro per cliente. Le imprese clienti che volessero presentare una domanda di sospensione o di allungamento di finanziamenti possono farlo fin da subito presso tutte le filiali di BCC Carugate.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crotone: sportello anticrisi

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 ottobre 2010

Nell’ambito della riorganizzazione di Confartigianato Crotone e per dare il giusto supporto a tutte le aziende associate, Salvatore Lucà con la collaborazione di Nuccio Corigliano e Nicodemo Carluccio, nell’ambito delle attività previste dal neonato “ sportello anticrisi”,  ha presentato ieri sera ai delegati provinciali due nuovi protocolli di intesa sottoscritti in questi ultimi giorni.  Il segretario di Confartigianato Imprese in apertura di seduta ha sottolineato anche il successo che sta già riscuotendo la convenzione stipulata e presentata nei giorni scorsi con Telecom Italia per l’attivazione della posta certificata dedicata alle imprese associate, ai pensionati Anap Confartigianato e a  tutti gli addetti che comunque intendono usufruire di questo servizio.
In questa attività  a trecentosessanta gradi, i Dirigenti  hanno presentato ai delegati le nuove   convenzioni sottoscritte in questi giorni con due aziende del comparto  sanitario, Centro Igea e Centro Tomasso entrambe di Crotone, per visite mediche specialistiche, esami sanitari e prestazioni  di laboratorio con condizioni particolarissime  per tutti gli associati  Confartigianato. Il segretario  ha ribadito che in questo particolare momento, con la sanità pubblica che stenta ad erogare servizi tempestivi con lunghe file  di attesa per visite e prestazioni varie, questi due accordi metteranno nelle condizioni i nostri soci di usufruire in tempi brevissimi e certi di prestazioni di qualità a prezzi contenutissimi, anzi alcune volte a condizioni  inferiori allo stesso  ticket  pagato nelle strutture pubbliche.
Per Salvatore Lucà: “L’esigenza di   servizi sanitari deve rappresentare  per i nostri imprenditori una attività di routine che non può significare un aumento ulteriore della già tanto vituperata burocrazia che in Italia per il mondo dell’impresa rappresenta già un costo rilevante di ca. 2,7 miliardi l’anno”. “Lavoreremo alla stipula di tantissime altre convenzioni ed accordi per dare ai nostri associati la possibilità di diminuire sensibilmente  costi e tempi  in modo ragionevole senza quei tanti paradossi di cui è intrisa la nostra vita quotidiana. Questi due accordi e gli altri che presenteremo nelle prossime settimane completranno esaustivamente tutte le richieste pervenuteci in questi mesi per  il “settore sanità”, ha concluso Salvatore Lucà, Confartigianato esaudirà a pieno tutte le esigenze e le problematiche che sono state evidenziate nell’indagine effettuata in questi mesi su circa duecento aziende contattate ed intervistate direttamente”. Nuccio Corigliano ha inoltre preannunciato che entro il corrente mese verrà ufficialmente presentato, in un’apposita conferenza stampa,  il nuovo sito di Confartigianato Crotone con alcune novità che sicuramente  aiuteranno seriamente e concretamente  le nostre aziende.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alemanno e la ricetta anticrisi

Posted by fidest press agency su giovedì, 24 giugno 2010

“Alemanno continua a sorprenderci ogni giorno di più con dichiarazioni innovative per rientrare del debito accumulato dal Comune, ma il suo piano altro non è che un semplice spostamento di aumenti da pagare per i cittadini romani da una voce all’altra per renderci meno amara la pillola. Come se non bastasse la politica di austerità messa in pratica dalla Regione, che ha già provveduto a tagliare posti letto negli ospedali, ora interviene in pompa magna anche il primo cittadino della Capitale con aumenti spropositati di Irpef e Ici, che arriverà a toccare il 10 per mille sulle case sfitte, non rendendosi conto che la stragrande maggioranza delle famiglie romane è costretta a vivere con una busta paga ai limiti della decenza”. Non usa mezzi termini Oscar Tortosa, vicesegretario per il Lazio dell’Italia dei Valori, per esprimere tutte le sue perplessità relative alle ultime dichiarazioni del sindaco capitolino, Gianni Alemanno, per sfuggire alla morsa della crisi, rilasciate ieri all’Auditorium al cospetto del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta.“Evidentemente al sindaco non è bastato aumentare la retta degli asili nido e delle mense scolastiche, ora vuole colpire anche ciò che abbiamo di più caro, la nostra casa – tuona l’esponente del partito guidato da Antonio Di Pietro – Perché invece di inventare nuove tasse non si propone una ferrea e decisa caccia agli evasori fiscali di questa città? Perché non mandiamo i dipendenti comunali casa per casa a scovare questi truffatori? Facciamo le dovute verifiche su chi specula alle spalle dei cittadini, anziché continuare a creare commissioni su commissioni, altrimenti continuando di questo passo Alemanno arriverà a tassare anche l’ombra dei balconi. Concludo – aggiunge Tortosa – facendo notare al sindaco che oramai il malumore collettivo è palpabile, la gente è esasperata e pronta a scendere in piazza, perché non possiamo più assistere inermi a questo scempio”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Allarme Confindustria Belluno

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2009

“L’allarme lanciato dalla Confindustria bellunese va recepito, fermo rimanendo il fatto che non si può invocare l’allentamento dei controlli fiscali, ma agire nel senso di una lotta all’evasione partendo dai grandi fatturati per reperire risorse da destinare ai poveri e a tutto quel variegato mondo di ditte individuali che costituiscono l’ossatura del nostro sistema produttivo”. Così Antonella Silipigni, responsabile per le Attiità Produttive e l’Industria dell’Italia dei Diritti, ha commentato la richiesta inoltrata dall’associazione industriali di Belluno all’Agenzia delle Entrate di non far partire le ispezioni preiste per l’anno 2009. La campagna è ritenuta un colpo basso perché annullerebbe il decreto anticrisi del 2008 che concedeva alle aziende in difficoltà di pagare in ritardo con una sanzione del 3% anziché del 30%. ” L’esecutivo, che in queste ore naviga a vista per le sue beghe interne- ha poi aggiunto l’esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro – dovrebbe preoccuparsi di elaborare una seria politica economica per fronteggiare l’attuale congiuntura sfavorevole. Sembra che invece siano i problemi giudiziari del premier ad avere la precedenza su tutto il resto”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuove regole anticrisi

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2009

Inizia a Ginevra la Settima ministeriale dell’Organizzazione mondiale del commercio.  Arci, l’organizzazione equosolidale Fair e Legambiente lanciano, in quest’occasione,  un appello in cui  chiedono di “dare un taglio” alle liberalizzazioni, ma anche alle emissioni climalteranti, visto che a ridosso dei negoziati della Wto si aprirà a Copenhagen l’altra grande partita sul futuro del pianeta legata ai cambiamenti climatici.  Questo è un vertice diverso dai precedenti, perché arriva in piena crisi economica, finanziaria, sociale ed ambientale. Eppure, mentre nelle riunioni di G8 e G20 i leaders globali fanno a gara per mettere faccia e firme sotto proposte di ri-regolazione di borse e mercati finanziari, ai negoziati Wto non si presentano. Affidano alle discrete mani dei loro ministri al commercio, nella defilata cornice di Ginevra, la missione  di chiudere un nuovo pacchetto di liberalizzazioni che, lungi dal ristabilire un riequilibrio Nord-Sud, come denunciano anche i leaders dei Paesi in via di sviluppo, rischia di rafforzare il predominio di pochi interessi forti, a Nord come a Sud, a spese dei diritti di tutti gli altri.  L’ultima crisi economico finanziaria ha dimostrato l’insostenibilità di un sistema dove la finanza ed i capitali si sganciano dall’economia reale, dove persino il cibo diventa oggetto di speculazione finanziaria condannando alla fame oltre un miliardo di persone.  Secondo le tre organizzazioni per questi motivi è arrivato il momento di “dare un taglio” alle vecchie e fallimentari politiche a Ginevra come a Copenhagen, ed è questo il messaggio che ribadiranno fino alla chiusura della Ministeriale con un’azione di mail bombing sui negoziatori italiani attivabile dal sito http://www.faircoop.net/faircoop

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Dl anticrsi

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 luglio 2009

Un ordine del giorno presentato dalla delegazione radicale alla Camera dei Deputati a prima firma Elisabetta Zamparutti, è stato accolto come raccomandazione nel corso dell’esame del dl-anticrisi. Si impegna il Governo a valutare l’opportunità di misure “per rendere operative le tesi sulla rottamazione edilizia … nell’ambito delle politiche relativeall’edilizia a partire dal piano sulle misure per il rilancio dell’economia attraverso la ripresa delle attività imprenditoriali edili.” Elisabetta Zamparutti ha dichiarato “Quanto fatto finora dal Governo in materia di edilizia sociale e non, è assolutamente inadeguato rispetto allo stato in cui versa il nostro patrimonio immobiliare che necessita di una vera e propria rottamazione a partire dagli edifici post bellici, privi di qualità e non antisimici. Da tempo cerchiamo un’interlocuzione con la maggioranza su questo tema che dovrebbe costituire la “grande opera” del nostro Paese che ne trarrebbe giovamento in termini di sicurezza, risparmio energetico e creazione di posti di lavoro. Se il Governo non si limitasse ad accogliere come raccomandazione le nostre proposte ma, in primis Berlusconi, volesse avviare un dialogo sulle testi dell’Architetto Aldo Loris Rossi siamo certi che sapremmo dare un importante contributo”

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Interventi anticrisi

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 giugno 2009

La Federazione delle Banche di Credito Cooperativo del Friuli Venezia Giulia, Confartigianato, Cna, Confidimprese Fvg, Confidi Gorizia e Confidi Artigiani di Trieste hanno sottoscritto a Udine un protocollo d’intesa finalizzato all’attivazione di un piano d’intervento anticrisi a sostegno dell’imprenditoria artigiana regionale. L’accordo, è stato sottoscritto dal presidente della Federazione delle Bcc, Giuseppe Graffi Brunoro e dai presidenti di Cna, Massimo Szalay; Confidimprese Fvg, Daniele Nonino; Confidi Gorizia, Pietro Marangon; Confidi Artigiani Trieste, Dario Bruni e dal vicepresidente di Confartigianato regionale, Silvano Pascolo. Il protocollo si prefigge l’obiettivo di operare in stretta sinergia e complementarietà con le misure già approvate dal Consiglio Regionale.Tra le misure concrete dell’intesa:  la definizione di accordi a livello locale volti a introdurre elementi temporanei di flessibilità nella gestione dei rimborsi rateali del crediti in bonis, anche tramite la sospensione parziale o totale della rata di rimborso per un periodo dai 12 (per i finanziamenti fino a 5 anni) ai 18 mesi (per i finanziamenti oltre i 5 anni). Una boccata d’ossigeno che permette alle imprese regionali di differire il pagamento fino a 250 milioni di euro; a tanto ammonta l’insieme delle quote capitali delle rate in scadenza nel 2009.  Inoltre, le esigenze di liquidità delle imprese vengono sostenute con un finanziamento straordinario che fa riferimento a importi massimi di 400mila euro, per la durata di 12 mesi. È prevista altresì la concessione di finanziamenti volti al consolidamento da breve a medio termine nei casi di debiti versi i fornitori e di passività bancarie a breve termine con un importo finanziabile fino a 250mila euro; un’ulteriore misura mira a favorire la realizzazione di investimenti aziendali in beni materiali e immateriali, anche mediante il riscatto di beni detenuti in leasing. L’importo massimo finanziabile arriva a 1 milione di euro. A ciò si aggiungono i finanziamenti per favorire la capitalizzazione o la ricapitalizzazione delle imprese attraverso lo strumento del “Prestito Partecipativo”; in tale ipotesi la Bcc anticipa all’impresa l’importo deliberato quale aumento di capitale sociale o in conto futuro aumento di capitale sociale, con un importo finanziabile massimo di 500mila euro, per 12 mesi. Contestualmente, le 16 Banche del Credito Cooperativo e le Associazioni Artigiane si impegnano a promuovere forme e modalità di assistenza e consulenza finanziaria congiunta Bcc – Associazioni Artigiane – Confidi, finalizzate all’ottimizzazione del profilo finanziario delle imprese studiando, inoltre, possibili forme congiunte di gestione delle crisi aziendali.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mutui prima casa, una circolare per chiarire i dubbi

Posted by fidest press agency su martedì, 19 Mag 2009

Con una nuova circolare, il ministero dell’Economia e delle finanze ha ribadito che non c’è bisogno di fare alcuna domanda per accedere ai benefici sui mutui a tasso variabile varati dal decreto anticrisi. Per scontare le rate, le banche devono utilizzare gli elenchi comunicati dall’Agenzia delle Entrate. A tale proposito è stato emanato il 5 marzo scorso uno specifico provvedimento. Coloro che non sono inclusi o che intendano chiedere l’agevolazione per un immobile diverso da quello incluso nell’elenco possono ricorrere all’autocertificazione. La norma anticrisi sui mutui a tasso variabile prevede che le rate da corrispondere nel 2009 siano calcolate con riferimento al maggiore tra un tasso di interesse pari al 4%, senza spread, spese varie o altro tipo di maggiorazione e il tasso contrattuale alla data di sottoscrizione del contratto e, comunque, per un ammontare non superiore a quanto previsto dalle condizioni contrattuali in essere. La differenza tra gli importi a carico del mutuatario e le rate da corrispondere, in base al contratto di mutuo sottoscritto, è a carico dello Stato. Il contributo dello Stato a favore dei mutuatari per la riduzione dell’importo delle rate a tasso non fisso nel corso del 2009 viene corrisposto dalle banche mutuanti, senza alcun costo per il cliente, alla data di scadenza di ciascuna rata. Le rate interessate sono tutte quelle da corrispondere nel corso del 2009. La disposizione interessa i mutui erogati prima del 31 ottobre 2008 per l’acquisto, la costruzione e la ristrutturazione dell’abitazione principale, ad eccezione di quelle di categoria A1, A8 e A9. Il provvedimento si applica anche ai mutui che sono stati oggetto di rinegoziazione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »