Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 302

Posts Tagged ‘antighiaccio’

Trattamento antighiaccio autovie venete

Posted by fidest press agency su sabato, 9 gennaio 2010

Mille e 400 ore di lavoro, mille 028 metri cubi di cloruro di sodio e 211 metri cubi di cloruro di calcio. Sono i dati relativi ai trattamenti antighiaccio effettuati da Autovie Venete dal 18 dicembre al 6 gennaio, per garantire le migliori condizioni di percorribilità della rete autostradale. Trattamenti che continueranno anche nei prossimi giorni, durante i quali, secondo il meteo regionale, sono previste nuove precipitazioni.  Negli interventi effettuati fino ad ora sono stati utilizzati 13 mezzi spargisale e 13 autobotti per la distribuzione dei cloruri sul manto stradale, ai quali si sono affiancate 62 lame sgombraneve in occasione delle precipitazioni nevose di sabato 19 e domenica 20 dicembre. Per ogni turno di lavoro, sono state impiegate dalle 13 alle 24 persone, indispensabili per scortare i mezzi al lavoro, per la segnalazione agli utenti e per assicurare l’operatività del servizio. Tutti gli interventi vengono effettuati dai Servizi manutenzione e viabilità della Concessionaria, in collaborazione con gli operatori del Centro radio informativo di Autovie, attraverso il monitoraggio costante dei dati inviati dagli strumenti di rilevamento metereologici e termici presenti su tutta la rete, in particolare nei punti di maggior criticità (manufatti e rampe d’accesso). “Questi strumenti – spiega il presidente di Autovie Venete Giorgio Santuz – ci consentono di programmare gli interventi e di prevenire, per quanto possibile, la creazione eventuali situazioni di criticità”. “Tecnologie d’avanguardia, esperienza decennale e professionalità elevata – chiosa Santuz –  sono gli elementi che consentono alla società di gestire al meglio la rete autostradale”. Le colonnine meteo, particolarmente sofisticate, sono posizionate a Mestre, sul Ponte sul Piave tra Roncade e San Donà, fra San Stino e Portogruaro, all’altezza del Ponte sul Tagliamento fra Portogruaro e Latisana, sul Ponte sull’Isonzo fra Redipuglia e Villesse, a Lisert (Ts), a Sistiana (Ts), a Udine, a Villotta (Pn), e in corrispondenza del Ponte sul Livenza. Fra le tante rilevazioni, sono in grado di registrare la consistenza della nebbia con “visibilimetri” da 0 a 500 metri; la temperatura dell’ aria e  del suolo, il punto di congelamento, il punto di rugiada, (il vento (direzione e velocità) e la formazione di ghiaccio. I dati rilevati consentono di individuare tempestivamente le eventuali situazioni di crisi e di mettere quindi in atto, in presenza di formazioni ghiacciate o precipitazioni nevose, gli interventi più adatti a rendere sicura la viabilità.  Oltre ai trattamenti di prevenzione, che continueranno fino a quando le previsioni meteo indicheranno richio ghiaccio, lunedì 11 gennaio riprenderanno anche i lavori di manutenzioneSulla A4 Venezia Trieste tra la barriera di Trieste Lisert e Redipuglia, in direzione Venezia, verranno effettuati lavori di sbancamento per migliorare la sicurezza realizzando un muro di contenimento, lavori che comporteranno la chiusura della corsia d’emergenza e di marcia.  Lungo la A57 tangenziale di Mestre, per l’installazione delle barriere di sicurezza e delle barriere fonoassorbenti in comune di Marcon, tra il bivio con la A4 e Quarto d’Altino, in entrambe le direzioni, saranno chiuse le corsie di marcia ed emergenza. Sempre lunedì 11 gennaio sulla A23 Palmanova Tarvisio, in direzione Tarvisio, verra chiusa la corsia d’emergenza e momentaneamente la corsia di marcia per i lavori di preparazione all’installazione dei pannelli a messaggio variabile.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

4 incidenti fra Portogruaro e San Stino di Livenza

Posted by fidest press agency su sabato, 19 dicembre 2009

E’ stato riaperto alle 13 e 30 il tratto  Portogruaro – San Stino di Livenza  della A4 (in direzione Venezia)  chiuso a causa di una serie di incidenti (il primo alle 8,30 del mattino), avvenuti a pochi chilometri di distanza l’uno dall’altro. Quindici, complessivamente, i veicoli coinvolti di cui 6 mezzi pesanti e 3 i feriti di cui uno piuttosto seriamente. Per liberare i veicoli imbottigliati, i mezzi di soccorso sono stati fatti entrare –  sotto lo stretto controllo della Polstrada – contromano, utilizzando il casello a valle del luogo dove era accaduto il sinistro (casello di San Stino). Dopo aver prestato soccorso alle persone ferite, si è provveduto allo spostamento dei mezzi incidentati, operazione resa più complicata dalle condizioni atmosferiche avverse, visto che imperversava una bufera di neve, e successivamente il traffico è stato fatto uscire a Portogruaro e proseguire in direzione dell’A28. Da lì il flusso è stato diretto verso Conegliano (A27) e poi immesso sul Passante. Un anello sperimentato più volte durante precedenti situazioni di criticità e che si è rivelato molto funzionale. Completamente liberalizzato il pedaggio in uscita. Regolare il traffico nella corsia di marcia in direzione Trieste. Prima della riapertura, per garantire la sicurezza della circolazione, tutto il tratto autostradale interessato dagli incidenti (circa 2 chilometri) è stato sottoposto a una serie di trattamenti di pulizia e antighiaccio. Nessuna particolare criticità sulla rete autostradale del Fvg, dove i mezzi spargisale e quelli dotati di lame per lo sgombero della neve hanno lavorato ininterrottamente. Oltre 4 mila le tonnellate di sale utilizzate nell’arco delle 24 ore. Un ulteriore trattamento è previsto per la serata di oggi.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La neve sulle autovie venete

Posted by fidest press agency su sabato, 19 dicembre 2009

Il meteo aveva indicato neve a partire dall’una di notte di sabato 20 dicembre e così è stato. Autovie era pronta con la task force di emergenza già dalle 22 di venerdì e non appena i primi fiocchi hanno cominciato a scendere, i mezzi sono partiti:  83 “lame” (camion attrezzati per ripulire il manto stradale dalla neve) 26 mezzi spargisale e tutti gli uomini fuori. Un autista e un “secondo” su ogni mezzo, 35 ausiliari alla viabilità e 15 tecnici specializzati nella manutenzione per tutta la notte hanno lavorato senza soluzione di continuità per mantenere percorribile l’autostrada.  Nei giorni precedenti, erano già stati effettuati due trattamenti antighiaccio, il primo con una soluzione di cloruro di sodio umidificato con percentuali di 20 grammi al metro quadro e di 30 grammi al metro quadro il secondo. In condizioni normali un trattamento del genere rimane efficace per una ventina di giorni, mentre in caso di pioggia, nebbia o neve deve venir ripetuto con frequenza. Al casello del Lisert (dove si sono formate code a tratti, soprattutto in un uscita per i flussi di persone che cominciano a rientrare nei loro Paesi per le festività natalizie) è stato liberalizzato il pedaggio, così come in altri caselli della rete quando si formavano code.  Il sistema d’emergenza prevede che ogni “lama” seguita dallo spargisale, copra un tratto autostradale definito e circolare che richiede circa 30 minuti di percorrenza. E’ ovvio che l’intensità delle precipitazioni nevose (oltretutto avvenuta a meno tre gradi e quindi con maggiore presa sull’asfalto) fa sì che il manto si riformi velocemente. Nonostante ciò, tutta la rete autostradale di Autovie Venete è sempre rimasta percorribile. Il punto più critico è stato il tratto fra Portogruaro e San Stino di Livenza, dove alle 8,30 del mattino si è verificato un incidente che ha resto necessario la chiusura dell’autostrada. Il traffico è stato fatto uscire a Portogruaro e proseguire in direzione dell’A28. Da lì il flusso è stato diretto verso Conegliano (A27) e poi immesso sul Passante. Un anello sperimentato più volte durante precedenti situazioni di criticità e che si è rivelato molto funzionale. Anche in questo caso il pedaggio è stato liberalizzato

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »