Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘antinfluenzali’

I vaccini antinfluenzali indisponibili nel Lazio

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 novembre 2020

“Ennesimo bluff di Zingaretti, dietro gli annunci il nulla e poi lo scaricabarile delle responsabilità, come con il caso mascherine, con l’amministrazione di sinistra del Lazio che accusa con un atto tardivo l’azienda produttrice di non aver rispettato i tempi di consegna. Intanto migliaia di anziani e persone particolarmente vulnerabili sono lasciate esposte al rischio di contrarre il virus influenzale, così come il personale sanitario già fortemente colpito dal Covid19. Sconcerta il muro di silenzio opposto alle tre interrogazioni già presentate (29 settembre, 20 ottobre, 20 novembre) per chiedere ragione di questo ritardo. Presidente ed Assessore alla Sanità riferiscano in Consiglio Regionale su quali provvedimenti intendono prendere, per arrivare alla completamento della fornitura da parte della ditta aggiudicatrice della gara e per mettere in condizione i medici di base di poter somministrare il vaccino antinfluenzale alle persone anziane richiedenti. Resta comunque il fatto che la Regione Lazio, nonostante alcuni mesi a disposizione, ha fallito l’obiettivo principale, cioè assicurare che il vaccino sia somministrato al maggior numero possibile di persone, tra quelle più a rischio, prima che l’influenza inizi a propagarsi, per non aggravare ulteriormente questa fase di forte pressione sugli ospedali.>> Così in comunicato Fabrizio Ghera, capogruppo di Fdi alla Regione Lazio. (n.r. E’ semplicemente una vergogna. Le proteste hanno da giorni intasato i nostri telefoni.)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La mancanza dei vaccini antinfluenzali in farmacia deve essere risolta al più presto

Posted by fidest press agency su lunedì, 26 ottobre 2020

“La situazione è diventata drammatica e rivolgo un appello al Presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, a tutti Presidenti e agli Assessori alla sanità perché non si attenda oltre a fornire alle farmacie i vaccini antinfluenzali destinati alla popolazione attiva, almeno nelle quantità previste nell’intesa approvata lo scorso 14 settembre” dice il presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Andrea Mandelli, riferendosi alla decisione della Conferenza Stato-Regioni di destinare al canale farmacia almeno l’1,5% dei vaccini acquistati dalle amministrazioni, pari a circa 250.000 dosi. “Una quantità pari a un quarto di quella che ogni anno passa attraverso le farmacie e che abbiamo da subito dichiarato assolutamente insufficiente, soprattutto in previsione dell’aumento delle richieste dovuto alla giusta campagna di sensibilizzazione condotta dalla comunità scientifica” prosegue Andrea Mandelli. “Oggi i farmacisti di comunità sono assediati dalle richieste dei cittadini che, seguendo le indicazioni di infettivologi, virologi ed epidemiologi, chiedono di potersi immunizzare anche se non rientrano nelle categorie a rischio: alcuni colleghi hanno già raccolto migliaia di prenotazioni e la pressione non farà che aumentare. Con la lodevole eccezione di alcune Regioni che hanno deciso di ampliare questa quota e di provvedere alla distribuzione, nella quasi totalità dei casi dobbiamo rispondere alle persone che vaccini non ne abbiamo e non sappiamo se e quando saranno disponibili. Credo sia nell’interesse di tutti non assistere a una replica del “caso mascherine” e i tempi per evitarlo sono strettissimi, perché l’epidemia influenzale è purtroppo alle porte”. (n.r. Un’esigenza che la Fidest aveva già rappresentato motivandola. Il lassismo in questo caso da parte degli organi preposti è davvero inqualificabile. Vedasi: https://fidest.wordpress.com/2020/10/22/vaccino-antinfluenzale-lettera-aperta-fidest-alla-regione-lazio/)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le farmacie non devono essere private dei vaccini antinfluenzali

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 settembre 2020

“Abbiamo il forte timore che sulla disponibilità nel territorio dei vaccini contro l’influenza stagionale, quelli normalmente acquistati da chi non appartiene alle categorie a rischio (stimati in circa 1 milione di dosi), possa crearsi una “tempesta perfetta” simile a quella generatasi per la questione delle mascherine” dice il presidente della FOFI Andrea Mandelli. “Da una parte abbiamo assistito alle dichiarazioni unanimi di tutta la comunità scientifica sulla necessità di estendere la copertura antinfluenzale non soltanto a tutta la popolazione a rischio, ma anche alle persone che non rientrano in questi gruppi; dall’altra le aziende produttrici denunciano la difficoltà di garantire una produzione di vaccini tale da soddisfare anche la richiesta privata. Come nel caso delle mascherine si rischia di suscitare una domanda della collettività – del tutto giustificata –alla quale si può rispondere solo parzialmente” prosegue Mandelli. “La penalizzazione della distribuzione dei vaccini sul territorio, nelle farmacie, sarebbe gravissima perché renderebbe impossibile intercettare la parte di popolazione che non rientra nelle categoria a rischio, non può rivolgersi alle strutture del SSN e provvede di norma privatamente anche in anticipo rispetto alla partenza della campagna” prosegue Mandelli. “Mi sembra indispensabile” conclude il presidente della FOFI “ che su questo aspetto si avvii immediatamente un tavolo di lavoro con tutte le parti interessate: Ministero della Salute, industria, professionisti della salute, rappresentanti dei cittadini”.Ufficio Stampa FOFI

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vaccini antinfluenzali nelle farmacie, positivo incontro al Ministero

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 settembre 2020

Il ministero della Salute ha raccolto le osservazioni e i dati a supporto della esigenza di rendere disponibili nelle farmacie i vaccini antinfluenzali in vista della prossima campagna vaccinale, presentati al Tavolo chiesto d’urgenza dalle rappresentanze di categoria, impegnandosi a trovare in tempi brevi una soluzione che verrà condivisa con le Organizzazioni di farmacisti in un incontro che si terrà la prossima settimana. Lo riporta una comunicazione congiunta diffusa da Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani, Federfarma e Assofarm che hanno incontrato i rappresentanti del Ministero della Salute per discutere delle possibili criticità della prossima campagna vaccinale contro l’influenza.Nei giorni scorsi, le tre sigle hanno chiesto urgentemente questo incontro a fronte “dell’impossibilità, comunicata dalle aziende produttrici, di rifornire di vaccini le farmacie attraverso le quali viene dispensato annualmente circa un milione di dosi”, dovuta all’importante aumento delle richieste da parte delle Regioni, anche a seguito dell’ampliamento delle categorie a rischio (in particolare l’abbassamento dell’età da 65 a 60 anni). Fofi, Federfarma e Assofarm hanno rappresentato al Ministero la “pericolosità di una situazione che, lasciando sprovvisto dei vaccini il canale delle farmacie, renderebbe oltremodo difficile il ricorso alla vaccinazione da parte delle persone che non rientrano nelle categorie a rischio e a coloro che intendono anticipare l’immunizzazionerispetto all’inizio della campagna, nonché l’acquisto dei vaccini stessi da parte delle aziende che offrono questa prestazione ai propri collaboratori. Resterebbe così esclusa una parte della popolazione che, trattandosi di persone in piena attività lavorativa, spesso a contatto con il pubblico, è strategico vaccinare anche ai fini della limitazione della circolazione del virus”.È stato, infine, richiamato “l’ulteriore impulso alla copertura vaccinale che un intervento attivo del Farmacista favorirebbe, ponendo l’Italia in linea con quanto avviene nella maggior parte dei principali paesi europei”. I rappresentanti del Ministero, scrivono le sigle, hanno “preso atto di queste osservazioni e dei dati presentati a supporto della necessità di impedire che le farmacie restino sguarnite, impegnandosi a trovare in tempi brevi, una soluzione che verrà condivisa con le Organizzazioni di farmacisti in un incontro che si terrà la prossima settimana”. Fofi, Federfarma e Assofarm ringraziano il Ministro della Salute, Roberto Speranza, per l’attenzione rivolta al tema ed esprimono l’auspicio che si giunga a una rapida soluzione di questa criticità a vantaggio, innanzitutto, della tutela della salute dei cittadini.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Commenti disabilitati su Vaccini antinfluenzali nelle farmacie, positivo incontro al Ministero

Vaccinazioni antinfluenzali ai bambini

Posted by fidest press agency su venerdì, 17 giugno 2011

3D model of an influenza virus.

Image via Wikipedia

Nuovi dati dimostrano che i bambini piccoli necessitano di livelli di anticorpi pialti rispetto agli adulti per poter assicurare una protezione contro le infezioni influenzali. La controversia di lunga data sull’utilizzo dei vaccini antinfluenzali nei bambini potrebbe giungere ad una conclusione. Due questioni sono state discusse tra pediatri e all’interno delle agenzie di regolamentazione di tutto il mondo: i bambini piccoli dovrebbero essere vaccinati contro l’influenza? Come si può valutare l’efficacia di un nuovo vaccino contro l’influenza (un vaccino deve essere formulato ogni anno) con indicazione nei bambini piccoli?
Il, Dr. Steven Black, professore di pediatria del Cincinnati Children’s Hospital in Ohio U.S., ha presentato un analisi dei risultati di uno studio clinico sui nuovi vaccini antinfluenzali pubblicato lo scorso anno, che ha portato le prove decisive per rispondere a queste domande. Lo studio, di cui il Dr. Black ha parlato alla 29? Meeting Annuale della Società Europea di Pediatria Malattie Infettive (ESPID), in The Hauge, ha dimostrato:
• La misura standard di protezione della vaccinazione antinfluenzale non può essere applicabile per i bambini
• Vi è la necessità di raccomandazioni per l’influenza pediatrica basate sui correlati di protezione adeguati
Due ragioni rendono l’influenza pediatrica una delle principali preoccupazioni. In primo luogo, l’influenza ha un alto tasso di morbidità nei bambini piccoli. Mentre l’onere dell’influenza pediatrica attualmente in fase di valutazione in Europa, i primi risultati del progetto di analisi dimostrano chedurante la stagione influenzale, tra lo 0,4 e il 18% di bambini piccoli, consulta il medico per influenza/malattia, la maggior parte dei quali sono proprio casi di influenza. In secondo luogo, i bambini sono identificati come un importante serbatoio dal cui il virus può diffondere alla popolazione generale e,soprattutto, per il numero uno di alto – rischio-gruppo, gli anziani.
I dati presentati dal Dr. Black hanno dimostrato che i bambini tra i 6 mesi e i 6 anni hanno bisogno di un titolo di anticorpo quasi tre volte superiore (1:110) per beneficiare della stessa protezione degli adulti. La maggiore efficacia dei vaccini adiuvati associata a più alti livelli di anticorpi da loro indotti,” ha spiegato il Dott. Black. Lo studio ha mostrato che ilvaccino non adiuvato ha indotto livelli di anticorpi maggiori di 1:40 nel 65,2% dei bambini vaccinati e aveva una efficacia clinica del 45%, mentre con un vaccino adiuvato le cifre sono state, rispettivamente, il 98,7% e 89%.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »