Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Posts Tagged ‘antisindacale’

Condotta Antisindacale: il giudice condanna Pam Panorama

Posted by fidest press agency su lunedì, 1 aprile 2019

Nel mese di ottobre 2018 due RSA della Filcams CGIL Roma Lazio, affiggevano presso la bacheca sindacale del punto vendita PAM Panorama di Roma Bufalotta un volantino, che aveva il compito di evidenziare come le buone pratiche teorizzate dall’azienda in un percorso formativo non venissero di fatto rispettate nella realtà del punto vendita, producendo solo effetti negativi sull’organizzazione del lavoro.
Pam Panorama con un atto immotivato e strumentale operato al solo fine di limitare il diritto di critica e le libertà sindacali, sospese dal servizio i due Rappresentanti Sindacali e avviò una contestazione disciplinare e relativa sanzione di 10 giorni di sospensione.La Filcams CGIL Roma Lazio ritenendo tale atto gravissimo e lesivo delle libertà sindacali, impugnò la contestazione e portò davanti al giudice la Società Pam Panorama ai sensi dell’art. 28 dello Statuto dei Lavoratori per condotta antisindacale tenuta dalla società. Giorni fa il giudice ha accolto il ricorso del sindacato condannando la società e ha riconosciuto come antisindacale il comportamento tenuto da Pam Panorama, di conseguenza ha dichiarato nulle le sanzioni disciplinari.Maurizio Alberighi
(funzionario Filcams CGIL Roma Lazio, Dipartimento Commercio) dichiara: “Esprimiamo estrema soddisfazione per il risultato conseguito. Un risultato importante, che vede il sindacato in prima linea nel riaffermare con forza le libertà di espressione e di diritto di critica delle Rappresentanze Sindacali nei luoghi di lavoro, arginando sul nascere e in modo netto, fenomeni di repressione sempre più praticati dai datori di lavoro.”

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sindaco di Bologna condannato per trattamento antisindacale

Posted by fidest press agency su sabato, 24 marzo 2012

Virginio Merola, Mayor of Bologna, Italy Itali...

Virginio Merola, Mayor of Bologna, Italy Italiano: Virginio Merola, Sindaco di Bolonga (Photo credit: Wikipedia)

Il Tribunale del Lavoro ha condannato il Sindaco di Bologna Virginio Merola per condotta antisindacale, su ricorso presentato dall’Unione Sindacale di Base. I fatti risalgono al 29 settembre del 2011, quando il Comune di Bologna, nella persona del Sindaco Merola, con una semplice lettera disdettò unilateralmente il protocollo di relazioni sindacali territoriali che la USB, allora RdB, aveva stipulato con il Sindaco Sergio Cofferati nel luglio 2006, dopo un lungo ciclo di lotte. Con quel protocollo il Comune di Bologna riconosceva la USB “quale interlocutore, con ruolo propositivo, nei processi di formazione delle scelte strategiche, di revisione degli assetti macro organizzativi, di tutela della valorizzazione del lavoro, e più in generale, di miglioramento della qualità dei servizi”. Nonostante le innumerevoli richieste di incontro, le richieste di spiegazioni, il pronunciamento di diversi consiglieri comunali in sede di Commissione Consigliare, il Sindaco Merola non ha accettato nessuna richiesta evitando il confronto con USB, proseguendo invece nelle relazioni sindacali e nella contrattazione di bilancio, che è il perno del protocollo disdettato, con le sole CGIL CISL e UIL.
A distanza di sei mesi dalla disdetta, il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bologna, Dott. Carlo Sorgi, ha dichiarato “ la illegittimità della condotta del Comune di Bologna ai sensi dell’Art. 28 L. 300/70 consistita nella disdetta unilaterale in data 29/9/2011 del protocollo 13/7/2006 concluso con il sindacato ricorrente disponendo che venga ripristinata da parte del Comune la vigenza di detto protocollo.” Una sentenza di rilevantissima importanza politica, oltre che giuridica, in quanto condanna di fatto l’arbitrarietà del comportamento del Comune di Bologna che “rende più semplice la gestione dei nuovi rapporti, elidendo un interlocutore dissenziente, ma elimina quel valore dialettico che è considerato di speciale rilevanza ed imprescindibile nel nostro ordinamento, con la previsione di cui al primo comma dell’Art. 39 della Costituzione e con i principi informatori dell’intera Legge n. 300/70” (Statuto dei Lavoratori). Che ciò venga affermato in un momento in cui nel nostro Paese le relazioni sindacali vengono pesantemente messe in discussione da soggetti privati e pubblici, ha una importanza eccezionale.
USB auspica che il Sindaco Merola tenga conto di questo contesto, si faccia carico della necessità di non intaccare ulteriormente un sistema di relazioni sindacali che deve garantire la pluralità e la partecipazione alle scelte di carattere sociale, e di conseguenza assolva alla pronuncia del Giudice senza proporre ulteriori inutili ricorsi.

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fiat: attività antisindacale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 17 novembre 2010

La Corte di appello di Torino ha dato ragione a  SdL intercategoriale, ora Unione Sindacale di Base Lavoro Privato, condannando il comportamento antisindacale di FIAT, in quanto a Mirafiori si rifiutava di effettuare il pagamento mensile delle quote sindacali in favore di SdL/USB tramite cessione di credito da parte dei propri iscritti. Ancora una volta la FIAT ha tentato di discriminare il sindacato di base, colpendolo con una sorta di  “embargo” economico che ne ostacolasse la rappresentatività in fabbrica. Ma il Lingotto ha fatto male i suoi conti: nonostante il boicottaggio i lavoratori sono rimasti iscritti a SdL/USB. USB esprime la sua soddisfazione per la sentenza e ringrazia in modo particolare le lavoratrici e i lavoratori di Mirafiori, i quali hanno fattivamente contribuito a mantenere in vita un’organizzazione sindacale che ha dimostrato di svolgere il suo ruolo di vera controparte e non ha mai accettato ricatti e contratti a perdere.

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Condannato ministero per condotta antisindacale

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 agosto 2010

Il Tribunale del Lavoro di Roma ha condannato il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, oggi  presieduto dal Ministro Altero Matteoli, per condotta antisindacale nei confronti della RdB Pubblico Impiego per violazione dei diritti di informativa. I fatti risalgono ai primi mesi del  2010, quando il  Ministero ha iniziato ad esternalizzare  servizi di archivio, protocollo ed informatici in una nuova Direzione Generale, ignorando del tutto le richieste di informazione da parte di RdB, sia sulle  ragioni di attribuzione dei relativi appalti, sia  sul preventivo confronto in merito all’organizzazione del lavoro. Un metodo – secondo RdB Pubblico Impiego – molto pericoloso, perché finisce per comprimere i diritti di tutti i lavoratori,  spesso aggrava pesantemente i costi e rischia di favorire illeciti. Infatti, quando si lascia un servizio pubblico in stato di disorganizzazione, è facile poi invocare la criticità funzionale e la carenza di personale, cedendo il servizio ad appalti che spesso si traducono in mera fornitura di manodopera. Non informare le organizzazioni sindacali in merito a questioni sulle quali debbono svolgere la loro funzione di controllo, come riguardo ad importanti processi di esternalizzazione, costituisce una mancanza di trasparenza che finisce col favorire lo smantellamento della P.A.. Se poi ciò avviene  in un Ministero in cui la magistratura sta indagando su presunti episodi di corruzione, la cosa assume particolare rilievo. Inoltre, esautorare le rappresentanze dei lavoratori dalla loro funzione è proprio la direzione intrapresa dal decreto Brunetta 150/09 che, fra l’altro, limita la partecipazione sindacale alla contrattazione in merito all’organizzazione del lavoro. Un processo in atto in tutto il mondo del lavoro, come testimonia la vicenda Fiat, nella quale la perdita dei diritti sindacali e di contrattazione fanno da contraltare alla minaccia di licenziamenti e di chiusure di impianti. Per la RdB-USB  il confronto trasparente e le corrette relazioni sindacali devono invece tornare al primo posto, a vantaggio dei lavoratori e dei cittadini tutti. La condanna del comportamento illecito dell’Amministrazione del Ministero Infrastrutture e Trasporti, così come gli obblighi  che  ne deriveranno, rappresentano oggi un primo importante passo.

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »